Come IGB ha raddoppiato il POTERE di signoraggio in una sola

«Sentirò piacere infinito se da chi pensasse diversamente, e meglio, sarò con Ragioni e con Onestà oppugnato» [Ferdinando Galliani, "della moneta" - 1750]
sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Come IGB ha raddoppiato il POTERE di signoraggio in una sola

Messaggioda sandropascucci » 11 nov 2013, 15:03

P

R

I

M

I

T

[>>]

Come IGB ha raddoppiato il POTERE di signoraggio in una sola notte
[11112013, di sandropascucci : signoraggio.com : PRIMIT.IT]

Se una persona versa €100 in una banca commerciale qualsiasi(1), quest’ultima può detenere, con una “riserva obbligatoria” del 2%, €2 in contanti, metterli in “riserva” presso la banca centrale e prestare i rimanenti €98. Questi €98 saranno spesi da chi ha chiesto il prestito (se li ha chiesti è per “impiegarli”, no?) e quindi finiranno, per mano di chi li riceve in pagamento di merci e/o servizi resi, in un’altra banca (ma anche la stessa(2)), che farà la stessa cosa, ovvero terrà il 2% e presterà il resto. Tutto ripetuto n-volte, fino all’ultimo euro prestabile/prestato.

Certo.. è un calcolo puramente accademico, sia perché i meccanismi di prestito sono anche altri [vedi BOX1: “Come funziona una banca commerciale”], sia perché le banche commerciali tengono sempre in cas[s]a un altro po’ di riserva, “riserva libera”, che le mette al riparo (statisticamente parlando) dal pericolo di “deflussi” improvvisi di contante, dati, ad esempio, da “prelievi” non preventivati, che le obbligherebbero a trovare, di corsa, un modo per riequilibrare i conti, ovvero a svendere succosi titoli/obbligazioni e/o a chiedere prestiti ad altre banche commerciali e/o a chiedere “rifinanziamenti” alla banca centrale (portando “garanzie”)(3), per compensare, dicevamo, lo “stato patrimoniale” e riportare il pareggio (vedi BOX1).

Ora diciamo solo che se ogni banca commerciale (ma anche la stessa) presta il 98% di ciò che le entra in deposito e crea, quindi, nuovi depositi intesi (stavolta) come DEBITI.. beh.. allora è facile calcolare che da €100 si possono creare €4.900.

DAL NULLA, praticamente. Non esiste in realtà questa “nuova moneta” e verrà distrutta non appena la persona che l’ha chiesta in prestito la restituirà, pagando le famose “rate”, che sono composte, infatti, da due parti : parte-capitale e parte-interesse. Alla banca andrà “commercialmente” il solo interesse, avendo distrutto “contabilmente”, in partita doppia, la parte-capitale. Chi ha chiesto il prestito ha sudato per entrambe le parti. Il gioco di parole non è casuale.

Ma tranquillo: il mondo è bello perché è tutto legale. E’ una merda? Non importa poiché è legale, come, del resto, era legale uccidere una donna che aveva disonorato il marito e come era legale tenere uno scuro di carnagione alla catena sotto ar sole a cojere cotone. La legalità, si sa, è figlia del Tempo che viviamo.

Stiamo parlando, ovviamente, di signoraggio. Agio del signore. Potere di colui che CREA moneta di farti saltare a comando. E quando ti darà facoltà di parola potrai solo chiedere: “Quanto in alto, oggi, padrone?”.

La banca centrale crea la c.d. “base monetaria”, ovvero moneta con carta e inchiostro, a 30 centesimi di euro al pezzo. Si chiama “moneta legale” e costituisce il “circolante”, se circola (sic!) e “riserva”, se tenuta in pancia (della BC). Tu probabilmente la conosci come BANCONOTA ma devi capire che è collegata alla banca commerciale tramite l’altro suo nome, ossia “riserva”, in base [anche] alla quale la banca commerciale crea “pseudo-moneta” (promessa di pagamento) attraverso i “depositi” di chi chiede i “prestiti”.

Se non avevi mai visto il legame tra il bancomat, l’assegno, il conto corrente, il mutuo, la cartamoneta, ecc.. beh.. ora sai che esiste e dobbiamo farcene una ragione. Dubita di chi sminuisce un aspetto rispetto ad un altro. E’ come sminuire l’olio del motore rispetto alla benzina o alle gomme. E’ stupido. E’ SOSPETTO.

Chi non crede a tutto questo è ignorante o stupido o banchiere. Dopo aver letto “La contro bufala del signoraggio(4), se ancora sostiene che ciò che è stato qui detto è falso: o è stupido o è banchiere. Ma tutto questo è stato già detto 1.000.000.000 di volte da 1.000.000 di persone ogni giorno negli ultimi 1.000 anni. Dov’è, quindi, la novità?! Che nessuno ti dice, neanche i cc.dd. “signoraggisti”(5), che la BCE ha cambiato questo piccolo insignificante parametro noto come "coefficiente di riserva frazionaria" e lo ha posto all' 1%.

Che vuol dire? MA ALLORA NON CONOSCI LA MATEMATICA(6), EH!!

--------------------------------------------------------------------
1. anche quella che stai pensato tu, Caro Lettore, che credi sia diversa dalle altre;
2. Jesús Huerta De Soto: viewtopic.php?f=32&t=1806&p=36500;
3. che può stampare banconote a go-gò, alla bisogna, e addebitarle/accreditarle (POV) sul conto della banca commerciale stessa, che è proprio la già nominata “riserva”. In soldoni la banca centrale mette letteralmente contanti, ovvero base monetaria, ovvero moneta legale, ovvero BANCONOTE, sul conto “riserve” che la banca commerciale ha sempre aperto presso l’istituto centrale. Per la differenza tra “moneta di banca centrale” e “banconota cartacea” vedi BOX “IL PRIMIT, IL BIT E LA BANCONOTA”: viewtopic.php?f=4&t=2168;
4. http://controbufaladelsignoraggio.primit.it;
5. i paladini denoandri che mischiano il signoraggio con le tette e i cazzi e i culi e gli ufo e le scie chimiche e kennedy e moro e forza nuova e gli asili nido agli italiani e i libri a pagamento e il fascismo e hitler e gli ebrei e marx e i comunisti (ah ah ah) e berlusconi e d’alema e grill0 (brr!) e travajjhio e il signor rossi e vafammok..
6. Se 100 al 2% danno 5.000 allora 100 all’1% danno 10.000, no?! Le banche commerciali possono CREARE il DOPPIO dei soldi che oggi creano [dal nulla], ovvero [leggi: a parità di condizioni] possono permettersi di avere presso la BC la META’ di quanto dovevano fino a ieri, per lo stesso castello di bugie che hanno in giro chiamato DEBITO. Tu non hai un mutuo? Pensavi che la banca si privasse VERAMENTE di moneta per darla a te? O che la togliesse a qualcun altro (correntista)? Dai!! SVEGLIA! O come si dice sul WEB: sveglia!!11!!11! Gombh8111!!111!!

[^]

F

O

R

U

M


link: IL PRIMIT, IL BIT E LA BANCONOTA: viewtopic.php?f=4&t=2168
coefficiente01.png
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
LeleVairo
Messaggi: 57
Iscritto il: 18 feb 2013, 15:18
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Villafranca Piemonte
azioni: Volantinaggio

Re: Come IGB ha raddoppiato il POTERE di signoraggio in una

Messaggioda LeleVairo » 28 nov 2013, 8:39

vorrei chiedere una cosa: la creazione avviene nel momento in cui la banca presta siccome lei, potendo mettere la cifra che presta sia all'attivo come prestito sia al passivo come deposito, può usufruire dell'attivo così come il cliente può usufruire del deposito? tutto ovviamente con moneta fiduciaria.
Emanuele Vairoletti

Avatar utente
LeleVairo
Messaggi: 57
Iscritto il: 18 feb 2013, 15:18
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Villafranca Piemonte
azioni: Volantinaggio

Re: Come IGB ha raddoppiato il POTERE di signoraggio in una

Messaggioda LeleVairo » 28 nov 2013, 8:47

p.s. preciso: moneta bancaria (che è cmq fiduciaria)
Emanuele Vairoletti

sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: Come IGB ha raddoppiato il POTERE di signoraggio in una

Messaggioda sandropascucci » 28 nov 2013, 9:51

LeleVairo ha scritto:vorrei chiedere una cosa: la creazione avviene nel momento in cui la banca presta siccome lei, potendo mettere la cifra che presta sia all'attivo come prestito sia al passivo come deposito, può usufruire dell'attivo così come il cliente può usufruire del deposito? tutto ovviamente con moneta fiduciaria.

sì, dopo controllo delle "garanzie".
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
LeleVairo
Messaggi: 57
Iscritto il: 18 feb 2013, 15:18
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Villafranca Piemonte
azioni: Volantinaggio

Re: Come IGB ha raddoppiato il POTERE di signoraggio in una

Messaggioda LeleVairo » 28 nov 2013, 11:03

Grazie.
Perciò è come se Giorgio prestasse la bicicletta a Simone, ma avendo il credito del prestito fatto a Simone, Giorgio può prestare la bici, o parte di essa, anche a Davide nel momento stesso in cui Simone scala il colle dell'Agnello.
In poche parole, Simone e Davide utilizzano una bici elettronica. La bici vera è nel garage di Giorgio presso il "Biciclettaio Centrale."
Nel momento in cui Simone o Davide prelevano la bici(se Giorgio glielo concede) intera, Giorgio è a rischio e se arriverà l'altro cliente anche l'altro cliente a prelevare, Giorgio dovrà rimediare o facendosi ridare la bici dai clienti, o facendosela prestare dal biciclettaio centrale o da un altro biciclettaio. E non è finita qui... difatti sia Simone che Davide dovranno pagare un interesse a Giorgio(tipo dagli delle ruote, dei manubri ecc.) che però non hanno avuto per una cosa che Giorgio non ha nemmeno, fisicamente, dato = che ha creato dal nulla.
Emanuele Vairoletti

Francesco Fata
Messaggi: 894
Iscritto il: 10 ago 2009, 16:35
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roseto degli Abruzzi
azioni: scrittura articoli, studio aspetti tecnico-filosofici, studio idee di riforma monetaria, quota associativa, volantinaggio mirato, interventi sul web
Località: Roseto degli Abruzzi

Re: Come IGB ha raddoppiato il POTERE di signoraggio in una

Messaggioda Francesco Fata » 29 nov 2013, 11:26

sandropascucci ha scritto:
LeleVairo ha scritto:vorrei chiedere una cosa: la creazione avviene nel momento in cui la banca presta siccome lei, potendo mettere la cifra che presta sia all'attivo come prestito sia al passivo come deposito, può usufruire dell'attivo così come il cliente può usufruire del deposito? tutto ovviamente con moneta fiduciaria.

sì, dopo controllo delle "garanzie".


Spero che avrai letto questo: viewtopic.php?f=6&t=150 perché è importante per capire (parti dal secondo post che è più aggiornato.

In soldoni: la banca non utilizza il credito verso il cliente per controbilanciare l'uscita per un prestito a qualcun'altro, bensì utilizza un "doppione" di questo credito che contabilizza nella voce "crediti verso Banca Centrale"; doppione che può creare e contabilizzare grazie alla garanzia che, una volta girata alla b.c., si trasforma in credito verso di essa e cioè "denaro digitale o bancario" .
Quindi tieni ben presente che, quando dici"...può usufruire dell'attivo...", l'attivo in oggetto è il "doppione"(chiamato "crediti verso b.c.) del credito "base" (chiamato "credito verso clienti) che ha creato i corrispondenti debiti base (chiamati debiti verso clienti) e debiti doppioni (chiamati in genere "titoli in circolazione" o altri nomi simili)
Voglio troppo bene al popolo per pensare di votare gente che vuole particolarmente bene a se stessa.
Francesco Fata

----Francesco Fata (ex aggiocampà) ----

sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: Come IGB ha raddoppiato il POTERE di signoraggio in una

Messaggioda sandropascucci » 29 nov 2013, 11:45

a parte che non diresti mai "qualcuno altro" .. per cui è strano quel qualcun'altro..

dicevo.. a parte ciò.. sto facendo una tabellina colorata che metterò qui a breve..
dagli un'occhiata appena puoi che ufficializziamo il tutto..
ps: dove è scritto il fatto che le garanzie sono doppie rispetto al prestato? link, jpg.. qualcosa..
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
LeleVairo
Messaggi: 57
Iscritto il: 18 feb 2013, 15:18
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Villafranca Piemonte
azioni: Volantinaggio

Re: Come IGB ha raddoppiato il POTERE di signoraggio in una

Messaggioda LeleVairo » 29 nov 2013, 12:26

"la banca non utilizza il credito verso il cliente per controbilanciare l'uscita per un prestito a qualcun'altro, bensì utilizza un "doppione" di questo credito che contabilizza nella voce "crediti verso Banca Centrale"; doppione che può creare e contabilizzare grazie alla garanzia che, una volta girata alla b.c., si trasforma in credito verso di essa e cioè "denaro digitale o bancario" ."

cioè: la banca girando la garanzia, che il cliente le ha portato, alla BC, si crea il credito per poter prestare ad un altro cliente?
Emanuele Vairoletti

Francesco Fata
Messaggi: 894
Iscritto il: 10 ago 2009, 16:35
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roseto degli Abruzzi
azioni: scrittura articoli, studio aspetti tecnico-filosofici, studio idee di riforma monetaria, quota associativa, volantinaggio mirato, interventi sul web
Località: Roseto degli Abruzzi

Re: Come IGB ha raddoppiato il POTERE di signoraggio in una

Messaggioda Francesco Fata » 29 nov 2013, 17:02

LeleVairo ha scritto:"la banca non utilizza il credito verso il cliente per controbilanciare l'uscita per un prestito a qualcun'altro, bensì utilizza un "doppione" di questo credito che contabilizza nella voce "crediti verso Banca Centrale"; doppione che può creare e contabilizzare grazie alla garanzia che, una volta girata alla b.c., si trasforma in credito verso di essa e cioè "denaro digitale o bancario" ."

cioè: la banca girando la garanzia, che il cliente le ha portato, alla BC, si crea il credito per poter prestare ad un altro cliente?


Proprio così.
Voglio troppo bene al popolo per pensare di votare gente che vuole particolarmente bene a se stessa.
Francesco Fata

----Francesco Fata (ex aggiocampà) ----

Francesco Fata
Messaggi: 894
Iscritto il: 10 ago 2009, 16:35
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roseto degli Abruzzi
azioni: scrittura articoli, studio aspetti tecnico-filosofici, studio idee di riforma monetaria, quota associativa, volantinaggio mirato, interventi sul web
Località: Roseto degli Abruzzi

Re: Come IGB ha raddoppiato il POTERE di signoraggio in una

Messaggioda Francesco Fata » 29 nov 2013, 17:05

sandropascucci ha scritto:a parte che non diresti mai "qualcuno altro" .. per cui è strano quel qualcun'altro..



Non avrei mai pensato di essere preso in castagna per questa cosa!
Non la digerisco proprio! Vedi in futuro di non scrivere cazzate ortografico/grammaticali....
Voglio troppo bene al popolo per pensare di votare gente che vuole particolarmente bene a se stessa.
Francesco Fata

----Francesco Fata (ex aggiocampà) ----

Francesco Fata
Messaggi: 894
Iscritto il: 10 ago 2009, 16:35
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roseto degli Abruzzi
azioni: scrittura articoli, studio aspetti tecnico-filosofici, studio idee di riforma monetaria, quota associativa, volantinaggio mirato, interventi sul web
Località: Roseto degli Abruzzi

Re: Come IGB ha raddoppiato il POTERE di signoraggio in una

Messaggioda Francesco Fata » 29 nov 2013, 17:47

sandropascucci ha scritto:...ps: dove è scritto il fatto che le garanzie sono doppie rispetto al prestato? link, jpg.. qualcosa..


dal link http://www.infoprestitisulweb.it/presti ... cario.html
"Il prestito ipotecario sulla casa può essere considerato molto simile al mutuo casa tradizionale costituendo il primo esempio di questa tipologia di finanziamento proprio per l'acquisto dell'immobile con sottoscrizione obbligatoria di un'ipoteca: l'Istituto bancario infatti concede l'erogazione del mutuo al soggetto beneficiario previa apposizione dell'ipoteca sull'immobile mutuato che solitamente è in percentuale doppia rispetto al valore della casa (ipoteca del 200% per esempio)."
Ma non mi soffermerei tanto sul valore doppio o meno (questo ragionamento per me è utile per far capire meglio). Diciamo che INDIPENDENTEMENTE dal valore dell'ipoteca o del pegno (che perlomeno sono uguali al valore prestito), la banca contabilizza nel conto "crediti verso clienti" l'impegno che hai assunto con la sottoscrizione del valore nominale del prestito, mentre sottoscrive nel conto "crediti verso b.c." il doppione del valore del prestito in quanto coperto da una garanzia accettata dalla b.c.
Per dirla ancora meglio, il conto "crediti verso b.c." si incrementa per effetto del versamento di denaro scritturale/digitale che la b.c. effettua verso la banca commerciale.
il fatto che chiedano il doppio ha anche un secondo motivo pratico che è quello di recuperare il più possibile dalla vendita dell'immobile in caso di mancato rimborso del prestito (fermo restando quello che ho scritto qui viewtopic.php?f=6&t=2105 in merito ai mancati rimborsi) in quanto è notorio che gli immobili normalmente si svalutano di più rispetto ad esempio all'oro/argento o gioielli, sui quali in qualche caso si potrebbe applicare un pegno su cui appoggiare un prestito.
Infatti, circa i prestiti su pegno (meno usati) se porti beni preziosi stimati in 100.000 €uro, il prestito arriva a essere anche di 80.000 €uro,(vedi link http://www.gruppocarige.it/grp/privati/ ... pegno.html ) ma anche in questo caso la banca contabilizzerà a crediti verso clienti il valore di 80.000 €uro del prestito oltre al credito verso b.c. per altri 80.000 €uro dell'accredito ricevuto dalla b.c. nel c/c di regolamento.
Voglio troppo bene al popolo per pensare di votare gente che vuole particolarmente bene a se stessa.
Francesco Fata

----Francesco Fata (ex aggiocampà) ----

sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: Come IGB ha raddoppiato il POTERE di signoraggio in una

Messaggioda sandropascucci » 29 nov 2013, 18:22

perfetto (si fa la sol per di re)
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA


Torna a “Sandro Pascucci”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono liberamente riproducibili purché sia citata e linkata la fonte (sono infatti rilasciati sotto una licenza Creative Commons BY-NC-SA 2.0) Il redattore non e' legalmente responsabile per i pensieri e le affermazioni espresse in questo blog dai visitatori. L'autore non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di errori in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su questo sito avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto. Questo sito non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 Comunque, Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. :: SE&O :: Salvo Errori et Omissioni "come scrivono le banche, in calce agli estratti conto, per evitare eventuali future azioni penali".