01. "..E-ABBIAMO-DIMOSTRATO-CHE..®"

http://controbufaladelsignoraggio.primit.it

• in soldoni: le vere bufale che girano in Rete riguardo alla «Bufala del signoraggio»©, ovvero come IGB disinforma tramite giornalisti, giornalai, blogghettini-ini-ini TUTTI insieme appassionatamente intenti al «..E ABBIAMO DIMOSTRATO CHE IL SIGNORAGGIO NON ESISTE/E' UNA BUFALA..»®
• della serie: ridere per restare sani. perché senza negazionisti del signoraggio.. ammettiamolo.. di che ca.zo ridevamo ora noandri?! :)
sandropascucci
Messaggi: 13190
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: 01. "..E-ABBIAMO-DIMOSTRATO-CHE..®"

Messaggioda sandropascucci » 19 feb 2015, 13:32

da: http://abceconomics.com/2015/01/18/euro ... omment-574

estratto:

> Step 1.1: la banca centrale crea moneta. Notare che il processo di creazione prevede l’iscrizione dell’importo sia in attivo sia in passivo. Quindi la moneta creata non è un asset di proprietà della BC ma corrisponde a una passività ed è solo nella sua temporanea disponibilità. Chi è allora il “proprietario”? Ovvero, chi è il creditore di questa passività della BC? La domanda ha diversi risvolti filosofici interessanti. Tecnicamente “nessuno”, cioè è un debito convenzionale. Io però preferisco dire che il creditore è la collettività. E lo giustifico col fatto che il valore della moneta è dato dalla disponibilità dei cittadini ad accettarla in cambio di beni e servizi.


B
K
P
>> Io però preferisco dire che il creditore è la collettività.

la collettività ('sta pòra disgraziata, a partire dal tipo che ha chiesto il prestito),non HA moneta (altrimenti non lo chiedeva 'sto prestito!). Dato che tale prestito deve essere restituito è chiaro che, filosofeggiando a zero, esso è a tutti gli effetti un DEBITO (della collettività e del cliente in particolare).

il banchiere centrale (che è anch'esso in qualche modo "collettività") dai conti della sua BC sottrarrà, ad esempio-ed-è-solo-un-esempio, le spese di gestione (stipendio in primis) e quindi ci sarà LUCRO da parte di questo figuro, così come la Banca A chiederà interessi al cliente, occultando poi, con la partita doppia, il capitale creato (dal nulla e, come giustamente avete detto, "temporaneo").

in soldoni: cio' che si crea dal nulla ha un valore nominale di natura DEBITO. certo, io-cliente posso usarlo, ma così come uso la catena che tu-padrone-cattivo mi hai legato alla vita e che, ammetto, mi tiene su i pantaloni. ma dire e magari vantarmi che la buffa cintura sia di mia proprietà solo perché un lucchetto me la tiene stretta addosso.. beh.. ce ne vuole!! tanto più che a sera quella catena la vuoi indietro (chiedendomi pure di pagarla!!).

ci sono molti altri errori nel testo e anche, purtroppo, usi impropri di termini e azioni, tipo che "il cliente crea un deposito" !! dai!!

complimenti per lo schema (graficamente parlando). lo copierò, spero non vi dispiaccia, e lo depurerò, didatticamente parlando :)

ps: quando un cliente chiede 100 a una banca commerciale (Banca A) è vero che questa si rivolge (se non trova altro) alla BC ma quest'ultima NON crea "100", altrimenti che ci sta a fare la c.d. riserva frazionaria (che in molti paesi neanche esiste, vedi Canada, Australia, UK ecc..)??

grazie per l'attenzione.

sandropascucci
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Francesco Fata
Messaggi: 896
Iscritto il: 10 ago 2009, 16:35
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roseto degli Abruzzi
azioni: scrittura articoli, studio aspetti tecnico-filosofici, studio idee di riforma monetaria, quota associativa, volantinaggio mirato, interventi sul web
Località: Roseto degli Abruzzi

Re: 01. "..E-ABBIAMO-DIMOSTRATO-CHE..®"

Messaggioda Francesco Fata » 20 feb 2015, 19:37

sandropascucci ha scritto:ps: quando un cliente chiede 100 a una banca commerciale (Banca A) è vero che questa si rivolge (se non trova altro) alla BC ma quest'ultima NON crea "100", altrimenti che ci sta a fare la c.d. riserva frazionaria (che in molti paesi neanche esiste, vedi Canada, Australia, UK ecc..)??

grazie per l'attenzione.

sandropascucci[/bkp]


Ammetto che ho letto tutto un po' "al volo", per cui ti chiedo anche "al volo" perchè gli hai scritto questo ps.
Cioè: perchè dici che (se la banca A non trova altro) la BC NON crea 100? Mi sembrava fosse chiaro che il "moltiplicatore dei depositi" vale nel caso che la banca A trovi "altro" cioè un deposito che le permette di "fotocopiare" e prestare senza ricorrere alla B.C.! Boh! forse mi sfugge qualcosa.
Voglio troppo bene al popolo per pensare di votare gente che vuole particolarmente bene a se stessa.
Francesco Fata

----Francesco Fata (ex aggiocampà) ----

sandropascucci
Messaggi: 13190
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: 01. "..E-ABBIAMO-DIMOSTRATO-CHE..®"

Messaggioda sandropascucci » 21 feb 2015, 9:51

ho cancellato il mio intervento (sto aggiornando il Forum). cmq diceva, +o- : "volevo dirgli dei 102 e cmq la banca centrale non creerebbe cmq neanche i 100 da "dare" poi al cliente, dato che alla banca A basta una garanzia da presentare in camera di compensazione (ho letto di una banca B ma rileggendo mi pare la usi solo ai fini del cambio (ipotetico) con lira che non ci interessa qui (il suo esempio è originato per spiegare questo cambio ma a me ha colpito il primo passaggio, già erroneo)"

in seno alla bc ci dovrà essere solo il minimo necessario, in riserve, per legge. la bcCOM A è autonoma nel creare il capitale da prestare.
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Francesco Fata
Messaggi: 896
Iscritto il: 10 ago 2009, 16:35
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roseto degli Abruzzi
azioni: scrittura articoli, studio aspetti tecnico-filosofici, studio idee di riforma monetaria, quota associativa, volantinaggio mirato, interventi sul web
Località: Roseto degli Abruzzi

Re: 01. "..E-ABBIAMO-DIMOSTRATO-CHE..®"

Messaggioda Francesco Fata » 21 feb 2015, 11:19

Il punto deve essere chiaro: la creazione di nuova moneta da parte della banca centrale sussiste solo nel momento in cui c'è uno scambio di partite contabili tra banca comm. e banca centrale. Cioè nel momento in cui la banca centrale scriverà un nuovo debito nei confronti della b.comm. come rifinanziamento (moneta scritturale) e contestualmente un nuovo credito nei confronti della stessa b.comm. per lo stesso importo. Nello stesso momento la b.comm. farà l'inverso nel suo bilancio (attivo per la moneta scritturale ricevuta e passivo per il debito emerso verso la b.cenrale). Non è che per il fatto che la banca comm. possiede la garanzia automaticamente essa è indipendente nella creazione di moneta. La garanzia non è di per sé moneta (scritturale o altro) ma "solo" un collaterale in appoggio alla creazione di nuova moneta. Ma il ruolo (in questo caso) della B.centrale è essenziale in quanto è solo tramite questo scambio di scritture contabili (ricordiamo che la moneta moderna è solo una scrittura contabile) che ci sarà creazione di nuova moneta. L'indipendenza progressiva delle banche commerciali nella creazione di nuova moneta si raggiungerà man mano che avverrà (come ho già spiegato un centinaio di volte) la fusione tra banche andando sempre più verso la banca unica.
Voglio troppo bene al popolo per pensare di votare gente che vuole particolarmente bene a se stessa.
Francesco Fata

----Francesco Fata (ex aggiocampà) ----

sandropascucci
Messaggi: 13190
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: 01. "..E-ABBIAMO-DIMOSTRATO-CHE..®"

Messaggioda sandropascucci » 21 feb 2015, 12:21

Se io-Banca-A ho il potere (e ho quel potere, si chiama signoraggio) di creare (dal nulla ovviamente) una scrittura contabile pari alla richiesta di un cliente, ossia quei 100 euro di mutuo, questi andranno iscritti in un nuovo deposito (ovvero "il prestito crea il deposito") e se, ancora, io-banca-A ho una garanzia valida (che copre quella cifra e ce l'ho quella garanzia, altrimenti non lo "erogo" il prestito) e so che in caso di bisogna tale garanzia mi vale come denaro in seno alla camera di compensazione.. se tutto questo allora posso, io-banca-A, creare i 100 e basta, subito, appena ho la richiesta del cliente-A.

Se la legge (NON in Canada, Australia, UK ecc) mi obbliga ad avere l' 1% immobilizzato in seno alla BC in un conto chiamato "RISERVA" allora io-banca-A o trovo euro UNO (in prestito) da qualche banca-collega (anche overnight) o lo chiedo alla BC (o a culo mi entra un cliente-depositante con in mano euro uno pronto a versare - e una volta versato da girare nel conto "riserve" presso la BC).

Quando il mio cliente-A effettuerà un pagamento (se ha chiesto soldi è per spenderli, magari verso un cliente-B) allora si verificherà o 1 o 2, ossia

1. il cliente B ha un c/c presso "io-banca-A" e quindi, senza coinvolgere la BC, sposto (io-banca-A) quel numerino "100" dal c/c del cliente-A al c/c del cliente-B (per la "riserva" in seno alla BC è trasparente 'sta cosa);

oppure

2. il cliente B ha un conto presso banca-B, allora quando il cliente B versa (nella sua banca-B) l'assegno avuto dal cliente A, io-banca-A mi ritrovo in debito con la banca-B (di 100).

Che succede in questo caso? Vedo, io-banca-A, se ho dei "crediti" verso banca-B (di affari precedenti) da bilanciare in camera di compensazione.

Li ho? Casualmente sono di 100 euro? Perfetto!! Si bilancia il tutto e finisce lì.

Li ho (i crediti) di, boh, 40 euro? Bene, devo alla banca B solo 60 euro e dato che i bilanciamenti avvengono con la matematica MA CHE I PAGAMENTI (settlement) DEVONO AVVENIRE in moneta di banca centrale (riserve) allora devo trovare questi 60 IN SOLDONI (immagino che nella realtà si prendano ad uso le garanzie e ci si tenga il credito, non lo so.. forse il contrario..).

Come fare? Semplice, dato che ho la GARANZIA da far valere presso la BC.

Ma questo è tutto teorico/accademico in quanto le compensazioni bastano quasi sempre, no?

Tornando all'esempio: appena un tizio chiede 100 alla sua banca commerciale (bCOM) la BC non crea (di specchio) 100 in "riserve" indebitando la bCOM.

Potrebbe farlo SOLO nel caso che, dopo aver ottenuto il mutuo di 100, il cliente-A si recasse presso un ATM e (vincendo l'impulso di lottare contro il signoraggio e quindi fare signoraCCio mostrando le mutande) prelevasse quei 100, in contanti.

Allora (didatticamente parlando) la bCOM farebbe partire una richiesta alla BC che le stamperebbe una banconota da 100 (intanto l'omino-cliente-A aspetta davanti al bancomat) e la invierebbe alla banca-A da inserire nel ATM (e l'omino finalmente se li mette in tasca).

Solo allora (con l'omino che ha in tasca cartamoneta da 100 euro e contemporaneamente un debito (con la bCOM) di 100 euro -> ecco, in particolare, la moneta-cartacea-debito che diciamo da sempre) la BC vanterebbe un CREDITO verso la bCOM di euro 100 (poiché cio' che si stampa viene "scalato" dalle RISERVE e se queste son a zero..).

La bCOM aveva un euro depositato sul suo conto RISERVA? allora deve trovarne altri 99. ma questo non è un problema perché puo' chiederli alla BC stessa (!) dato che ha ancora una GARANZIA da giocare (ma prima o poi dovrà trovare un modo per RIPAGARE la BC sul serio). ecco perché la "scrittura di moneta" (mutui) ha un legame con la "stampa di banconote". raro e inverosimile ma esiste.

ma dicevamo che è solo didattica, dato che il contante, ovviamente, non si puo' (quasi, oggi) piu' usare e quindi questi casi limite non imbarazzano piu' nessuno, tanto piu' che si va verso la banca unica come dice aggio, dove ogni cosa sarà solo spostamento di numeri da ccA a ccB e/o viceversa (poco importa).
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13190
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: 01. "..E-ABBIAMO-DIMOSTRATO-CHE..®"

Messaggioda sandropascucci » 23 feb 2015, 9:55

quello che vorrei dire è che le RISERVE servono PROPRIO (appositamente) per due soli scopi:

1. soddisfare la "Legge" laddove questa richieda una percentuale della (pseudo)moneta creata da una bCOM immobilizzata (l'1% in Europa, il 10% negli USA, 0% in Canada ad esempio)

e

2. SALDARE i conti tra bCOM.

se il caso del prelievo in contanti è raro è altrettanto raro il caso di un cliente A che ottiene un mutuo dalla sua banca A e fa un pagamento al cliente B di una banca B CHE NON HA (la banca B) UN "sospeso" (un pregresso qualsiasi o in dare o in avere non importa) con la banca A !!

solo in questo caso la BC dovrà "anticipare" tutti i 100 euro alla banca B e la banca A si troverebbe in debito con la BC (e userà la garanzia in camera di compensazione per ottenere quell'anticipo dalla BC stessa). ma questo vorrebbe dire che la banca B si ritroverebbe sulle sue riserve un valore di 100 e questo le permetterebbe di prestare, da subito (se trova n-clienti) 10.000 e questo mi pareva strano, all'inizio.

pero' non lo è in fondo. se il cliente A si fosse fatto dare 100 in contanti (contanti = banconote = valuta legale) non avrebbe forse fatto il pagamento al cliente B in (con tali) contanti forse? e la sua banca A non si sarebbe indebitata di 100 con la BC (unica al mondo a poter stampare contanti)? e questi non sarebbero finiti in seno al c/c del cliente B nella sua banca B? e da questa non sarebbero finiti in RISERVA nella BC? e la banca B non si troverebbe, di nuovo, con la possibilità (avendo 100 in contanti in riserva) a poter prestare (trovati n-clienti) 10.000??

certo che sì e quindi il cerchio si chiude.
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13190
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: 01. "..E-ABBIAMO-DIMOSTRATO-CHE..®"

Messaggioda sandropascucci » 23 feb 2015, 10:11

in soldoni: le banche commerciali creano moneta dal nulla appena aprono un nuovo deposito a nome di un cliente che ha chiesto un prestito.

questa moneta è una scrittura contabile commerciale E NON E' moneta legale (o moneta-di-banca-centrale).

è pseudomoneta.

POI e solo POI si preoccupano, in Europa e negli USA e altrove ma NON in tutto il mondo (vedi Canada, Australia ecc..) di avere quella percentuale minima (dall'1% al 10%) chiamata riserva obbligatoria (ah! ah! ah!) da inserire in seno a conti (elettronici) chiamati RISERVE presso la banca centrale.

su questi conti verranno effettuate "chiusure" (o pagamenti ultimi o settlement fate voi) bilanciando i crediti e debiti che ogni banca commerciale ha verso le altre (tutte in pratica). ciò che (matematicamente parlando) "avanza" tra questi bilanciamenti viene spostato dal conto della banca commerciale debitrice al conto della banca commerciale creditrice, operando sulle riserve stesse poiché è solo in moneta-di-banca-centrale (detta anche moneta ad alto potenziale) che queste "chiusure" possono avvenire E NON in moneta scritturale commerciale.

se manca qualcosa ANTICIPA, CREANDO DAL NULLA ANCHE LEI, la banca centrale, indebitando la banca che non aveva sufficiente riserva.

operando in agglomerati sempre più grandi le banche commerciali ricorrono sempre meno alla BC.
rimane che la BC è OBBLIGATA a soddisfare le richieste di prestiti E (and) di stampa di contanti delle banche commerciali (se queste hanno - e le hanno sempre - dovute garanzie).

qualcuno dirà: "no! .. le dovute riserve!"
è la stessa cosa dato che se non ho riserva posso chiedere anticipo alla BC tramite garanzie (del cliente!!)
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13190
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: 01. "..E-ABBIAMO-DIMOSTRATO-CHE..®"

Messaggioda sandropascucci » 23 feb 2015, 10:54

_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13190
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: 01. "..E-ABBIAMO-DIMOSTRATO-CHE..®"

Messaggioda sandropascucci » 23 feb 2015, 16:13

Interessantissimo e molto didattico il caso della banca D, per la quale NULLA si muove a livello di contanti/riserve.

Supponiamo che i valori delle tabelle siano in migliaia di euro e che queste indichino mutui per contravendita di immobili o altri beni.. ebbene la Banca D potrebbe aver avuto un cliente D1 che avrebbe firmato un assegno (per una automobile) al cliente A1 (per cui la banca A reclamerebbe il saldo di un debito di euro 10.000 alla banca D) e un cliente D2 che paga il cliente B per 30.000 (un box) e infine un cliente D3 che stacca un assegno (per un casa) al cliente C. Se consideriamo che tutti e tre i clienti (D1, D2 e D3) sono beneficiari di un prestito da banca D si può presumere che la banca D abbia delle riserve (pari all'1% del prestito/deposito) di euro 1.000 (moneta-di-banca-centrale), per cui sarebbe stato impossibile "saldare" le cifre in gioco.

Invece, con la compensazione, ecco che le è tutto.. "gratis", poiché altri clienti effettuavano contemporaneamente altre operazioni in suo "vantaggio" (nello specifico un cliente A e un cliente C, rispettivamente, €80.000 e € 20.000, effettuavano pagamenti a clienti Dx e cliente Dz).
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13190
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: 01. "..E-ABBIAMO-DIMOSTRATO-CHE..®"

Messaggioda sandropascucci » 5 mar 2015, 12:58

P

R

I

M

I

T

[>>]

CASO SONNO:

In balia di google sono capitato qui:
http://sfidaeuro.it/approfondimenti/

dove si legge:

> Lo stato patrimoniale di una banca può essere rappresentato nel seguente modo (semplificando):

Immagine

Le banche, come è noto, utilizzano i Depositi effettuati dai clienti per prestare denaro a chi lo richiede (i Prestiti). In questo loro agire, allocano in maniera efficiente il capitale sul mercato: raccolgono (pagando un interesse x) il capitale di coloro i quali non intendono investire tramite i depositi, e lo distribuiscono (facendosi pagare un interesse x più qualcosa) a coloro che invece di tali capitali necessitano per investire.


il dominio "sfidaeuro.it" è aperto da un tal "Tommaso Sonno":
http://whois.domaintools.com/sfidaeuro.it
[thumbnail]
sonno02.JPG
[/thumbnail]

giovane economista bocconiano:
http://didattica.unibocconi.it/docenti/ ... rif=162552
[thumbnail]
sonno03.JPG
[/thumbnail]

con un CV niente male (per IGB)
http://www.eypitaly.org/wordpress/wp-co ... CV_PEG.pdf
[thumbnail]
sonno01.JPG
[/thumbnail]

IN SOLDONI:

Questi giovani economisti sono il prodotto dei sistemi didattichi di IGB e propagano IL-SAPERE-ORTODOSSO©, ancora oggi, ancora ora, nel 2015. Ancora con la BUFALA della banca-per-bene che racc