La segreta privatizzazione della Moneta

..di supporto agli articoli o alle iniziative PRIMIT

ps: a noi piace "discutere" con persone reali, o quanto più reali possibili. Ecco spiegato perché devi essere iscritto-per..
Avatar utente
seventhwave
Messaggi: 44
Iscritto il: 25 giu 2011, 13:26
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Centro e Nord Italia
azioni: scrittura articoli, traduzioni, pagamento quota,manovalanza di piazza
Località: Genova
Contatta:

La segreta privatizzazione della Moneta

Messaggioda seventhwave » 17 nov 2011, 9:30

http://www.guardian.co.uk/commentisfree ... ed-stealth

lo ha scritto Ben Dyson, che è poi uno degli organizzatori di "Positive Money"

It's common knowledge that printing your own £10 notes at home is frowned upon by Her Majesty's police. Yet there's a small collection of companies that are authorised to create – and spend – more new money than the counterfeiters have ever been able to print. In industry jargon, these companies are called "monetary and financial institutions", but you probably know them by their street name: "banks".

The money that they create, effectively out of nothing, isn't the paper money that bears the logo of the government-owned Bank of England. It's the electronic money that flashes up on the screen when you check your balance at an ATM. Right now, this electronic money makes up over 97% of all the money in the economy. Only 3% of money is still in that old-fashioned form of real cash that can be touched.

Hard to believe, isn't it? Martin Wolf, one of the experts who sat on the independent commission on banking, put it bluntly, saying in the Financial Times that "the essence of the contemporary monetary system was the creation of money, out of nothing, by private banks' often foolish lending".

Here's how it works. When you ask the bank for the money to buy a one-bedroom box in London, the money that appears in your account isn't borrowed from some prudent grandmother's life savings. In fact, the bank simply types those numbers into your account, creating brand new money that you can now spend. As other banks do exactly the same, the amount of money in the economy grows and grows. Every new mortgage creates new money, which pushes up house prices just a little more and forces the next buyer to borrow even more from the banks. (A more detailed and fully-referenced explanation of this process is given in the book Where Does Money Come From? published by the New Economics Foundation.)

Through this process of creating money, banks have been able to inflate the money supply at a rate of 11.5% a year, pushing up the prices of houses and pricing out an entire generation.

Of course, the flipside to this creation of money is that with every new loan comes a new debt. This is the source of our mountain of personal debt – not money that had been prudently saved up by pensioners, but money that was created out of nothing by banks and lent to anyone and everyone. Eventually the debt burden becomes just too high, and we see the wave of defaults that triggered the start of the ongoing financial crisis.

But how did something as important as money become privatised? How did the power to create money fall into the hands of the same banks who caused the crisis, with such devastating consequences for millions of ordinary people?

Incredibly, the law that makes it illegal to print your own tenners at home has never been updated to apply to the electronic money that is now created by banks. As we began to use electronic money to make the vast majority of payments, cash became less important and the power to create money shifted to the banks that caused the crisis. Without anyone noticing, the power to create money was privatised by stealth.

So while criminal gangs manage to create about £2.5bn of fake cash each year, the banks collectively create more than £100bn a year without breaking a single law. Their reward for doing so is the interest that is currently being collected on nearly every pound in existence. The cost to the rest of us is a lifetime in debt.

This brings us to a very simple solution to the financial crisis. Many of the current protesters might be surprised to hear that the answer to our current crisis comes from a former Tory prime minister. Back in 1844, Sir Robert Peel realised that metal coins, which at that time were the only legal form of money, had been superseded by new paper notes issued by banks. These paper notes were lighter and more convenient, and therefore much more popular. Peel's 1844 Bank Charter Act took the power to create paper money away from the banks and placed it back under control of the Bank of England. We should now do exactly the same with the power to create electronic money. My own organisation, Positive Money, has even drafted the legislation that would be required to do this.

By reclaiming this power, we can ensure that new money is not used to blow up house price bubbles and fund risky speculation. Instead, newly created money can be put in at the roots of the economy, through ordinary consumers. It will then end up with shops, businesses and factories, who can use it to invest, grow and create jobs. Simply "getting banks lending again" won't help when the public are already saddled under a mountain of debt. What we need is more money, not more debt. This is impossible while all money is created by banks when people go into debt.

Of course, we need to shelter this power to create money from vote-seeking politicians. But the power to create money is far too dangerous to leave in the hands of the banks who caused the crisis. Taking this power away from them is our best hope of both ending the current crisis, and preventing the next one.
Ultima modifica di sandropascucci il 18 nov 2011, 13:37, modificato 2 volte in totale.
Motivazione: cambiato titolo
--------------#
Davide Gesino #
--------------#

There where the long street roars has been the stillness of the central sea

Huro Chan
Messaggi: 735
Iscritto il: 25 ago 2009, 20:59
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Berlino
azioni: Traduzioni in/da inglese, grafica, audio, video, contatti con altre "entità", pagamento quota, manovalanza di piazza, volantinaggio in proprio, organizzazione eventi/conferenze.
Località: Berlino + Bologna + Potenza
Contatta:

Re: Money has been privatized, articolo sul Guardian

Messaggioda Huro Chan » 17 nov 2011, 11:52

Da inserire nel materiale da tradurre.
Arturo Tobia - Berlino

'Il denaro è un'allucinazione collettiva.'
[F.Battiato]

‘Who controls energy controls whole continents, who controls food controls people, who controls money can control the entire world’. [H. Kissinger]

sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: Money has been privatized, articolo sul Guardian

Messaggioda sandropascucci » 17 nov 2011, 12:01

È risaputo che stamparsi in proprio banconote da 10 sterline fa aggrottare le sopracciglia alla polizia di Sua Maestà. Tuttavia ci è un piccolo grippo di aziende che sono autorizzate a creare - e spendere – più moneta nuova di quanto i falsari siano mai capaci di stampare.

Nel gergo industriale, queste aziende sono chiamate “istituzioni monetarie e finanziarie”, ma probabilmente le conoscerete dal loro nome comune: “banche”.

I soldi che generano, praticamente tirandoli fuori dal nulla [ex-nihilo – ndT], non sono la cartamoneta recante il timbro della Banca di Inghilterra, di proprietà dello Stato.

Quelli che appaiono sullo schermo di un ATM [Bancomat – ndT] quando controllate il vostro bilancio sono soldi elettronici.

Ora, questa moneta elettronica compone più del 97% di tutta la moneta nell'economia. Soltanto il 3% della moneta è ancora in quella forma antiquata di contanti reali che può essere toccata.

Duro da credere, vero?

Martin Wolf, uno degli esperti che fece parte della commissione indipendente sulle banche, lo sostiene senza mezzi termini, affermando al Financial Times che «l'essenza del sistema monetario attuale è stata la creazione di denaro, dal nulla, sovente tramite “infondati prestiti” di banche private».

Ecco come funziona. Quando chiedi alla banca per i soldi per comprare "one-bedroom box" (che cazz'è? un monolocale? una "cassapanca" ? un armadio? un baldacchino?) per la tua camera da letto a Londra, i soldi che compaiono nel tuo conto corrente non sono presi in prestito dai risparmi di una vita prudente di qualche nonna.

In effetti, la banca semplicemente digita questi numeri nel tuo conto, creando denaro nuovo di zecca che ora è possibile spendere.
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Huro Chan
Messaggi: 735
Iscritto il: 25 ago 2009, 20:59
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Berlino
azioni: Traduzioni in/da inglese, grafica, audio, video, contatti con altre "entità", pagamento quota, manovalanza di piazza, volantinaggio in proprio, organizzazione eventi/conferenze.
Località: Berlino + Bologna + Potenza
Contatta:

Re: Money has been privatized, articolo sul Guardian

Messaggioda Huro Chan » 17 nov 2011, 12:29

Ok grazie.
Arturo Tobia - Berlino

'Il denaro è un'allucinazione collettiva.'
[F.Battiato]

‘Who controls energy controls whole continents, who controls food controls people, who controls money can control the entire world’. [H. Kissinger]

sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: Money has been privatized, articolo sul Guardian

Messaggioda sandropascucci » 17 nov 2011, 12:37

il materiale da tradurre è in area riservata,
qui è accessibile a tutti..

si puo' intanto correggere quanto scritto?
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
seventhwave
Messaggi: 44
Iscritto il: 25 giu 2011, 13:26
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Centro e Nord Italia
azioni: scrittura articoli, traduzioni, pagamento quota,manovalanza di piazza
Località: Genova
Contatta:

Re: Money has been privatized, articolo sul Guardian

Messaggioda seventhwave » 17 nov 2011, 16:23

credo che per "one-bedroom box" intenda un cubicolo stile Pozzetto in "ragazzo di campagna"... cerco di tradurlo tutto integrandolo con quanto ha già tradotto Sandro.
--------------#
Davide Gesino #
--------------#

There where the long street roars has been the stillness of the central sea

Huro Chan
Messaggi: 735
Iscritto il: 25 ago 2009, 20:59
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Berlino
azioni: Traduzioni in/da inglese, grafica, audio, video, contatti con altre "entità", pagamento quota, manovalanza di piazza, volantinaggio in proprio, organizzazione eventi/conferenze.
Località: Berlino + Bologna + Potenza
Contatta:

Re: Money has been privatized, articolo sul Guardian

Messaggioda Huro Chan » 17 nov 2011, 17:38

Esatto, credo che sia giusto monolocale..la parola box serve e dare l'idea delle dimensioni intese da Davide, altrimenti avrebbe utilizzato la parola flat o apartment.
Arturo Tobia - Berlino

'Il denaro è un'allucinazione collettiva.'
[F.Battiato]

‘Who controls energy controls whole continents, who controls food controls people, who controls money can control the entire world’. [H. Kissinger]

sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: Money has been privatized, articolo sul Guardian

Messaggioda sandropascucci » 17 nov 2011, 19:15

ho capito.. è come quando alle Fiere dellE Verità diciamo*:

"..
se ad es. abbiamo bisogno di 100.000 euro per comprare un bugigattolo - perché oggi con 100k che ci compri, no?
.."


quindi one-bedroom box = bugigattolo



*da "la PNL & il consenso popolare" pag. 323, ed. Losgrombrino
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Huro Chan
Messaggi: 735
Iscritto il: 25 ago 2009, 20:59
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Berlino
azioni: Traduzioni in/da inglese, grafica, audio, video, contatti con altre "entità", pagamento quota, manovalanza di piazza, volantinaggio in proprio, organizzazione eventi/conferenze.
Località: Berlino + Bologna + Potenza
Contatta:

Re: Money has been privatized, articolo sul Guardian

Messaggioda Huro Chan » 17 nov 2011, 20:24

You got it, sir.
Arturo Tobia - Berlino

'Il denaro è un'allucinazione collettiva.'
[F.Battiato]

‘Who controls energy controls whole continents, who controls food controls people, who controls money can control the entire world’. [H. Kissinger]

Huro Chan
Messaggi: 735
Iscritto il: 25 ago 2009, 20:59
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Berlino
azioni: Traduzioni in/da inglese, grafica, audio, video, contatti con altre "entità", pagamento quota, manovalanza di piazza, volantinaggio in proprio, organizzazione eventi/conferenze.
Località: Berlino + Bologna + Potenza
Contatta:

Re: Money has been privatized, articolo sul Guardian

Messaggioda Huro Chan » 17 nov 2011, 20:53

sandropascucci ha scritto:il materiale da tradurre è in area riservata,
qui è accessibile a tutti..

si puo' intanto correggere quanto scritto?


Ecco (alla fine la traduzione era ottima, solo un paio di correzioni):



È risaputo che stamparsi in proprio banconote da 10 sterline fa aggrottare le sopracciglia alla polizia di Sua Maestà. Tuttavia c’è un piccolo gruppo di aziende che sono autorizzate a creare - e spendere – più moneta nuova di quanto i falsari siano mai capaci di stampare.
Nel gergo industriale, queste aziende sono chiamate “istituzioni monetarie e finanziarie”, ma probabilmente le conoscerete dal loro nome comune: “banche”.

I soldi che generano, praticamente tirandoli fuori dal nulla [ex-nihilo – ndT], non sono la cartamoneta recante il timbro della Banca di Inghilterra, di proprietà dello Stato.
Sono quelli elettronici che appaiono sullo schermo di un ATM [Bancomat – ndT] quando controllate il vostro bilancio. Al momento, questa moneta elettronica compone più del 97% di tutta la moneta nell'economia. Soltanto il 3% della moneta è ancora in quella forma antiquata di contanti reali che può essere toccata.

Duro da credere, vero? Martin Wolf, uno degli esperti che fece parte della commissione indipendente sulle banche, lo sostiene senza mezzi termini, affermando al Financial Times che «l'essenza del sistema monetario attuale è stata la creazione di denaro, dal nulla, sovente tramite “infondati prestiti” di banche private».

Ecco come funziona. Quando chiedi alla banca i soldi per comprare un minuscolo monolocale (bugigattolo - ndT), i soldi che compaiono nel tuo conto corrente non sono presi in prestito dai risparmi di una vita prudente di qualche nonna. In effetti, la banca semplicemente digita questi numeri nel tuo conto, creando denaro nuovo di zecca che ora è possibile spendere.
Arturo Tobia - Berlino

'Il denaro è un'allucinazione collettiva.'
[F.Battiato]

‘Who controls energy controls whole continents, who controls food controls people, who controls money can control the entire world’. [H. Kissinger]

sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: Money has been privatized, articolo sul Guardian

Messaggioda sandropascucci » 17 nov 2011, 20:56

manca il pezzo sotto..
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
seventhwave
Messaggi: 44
Iscritto il: 25 giu 2011, 13:26
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Centro e Nord Italia
azioni: scrittura articoli, traduzioni, pagamento quota,manovalanza di piazza
Località: Genova
Contatta:

Re: Money has been privatized, articolo sul Guardian

Messaggioda seventhwave » 17 nov 2011, 21:59

lo faccio io, ve lo mando tra poco!
--------------#
Davide Gesino #
--------------#

There where the long street roars has been the stillness of the central sea

Avatar utente
seventhwave
Messaggi: 44
Iscritto il: 25 giu 2011, 13:26
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Centro e Nord Italia
azioni: scrittura articoli, traduzioni, pagamento quota,manovalanza di piazza
Località: Genova
Contatta:

Re: Money has been privatized, articolo sul Guardian

Messaggioda seventhwave » 17 nov 2011, 22:48

Fatta!
Anche se non mi è chiara la frase "pushing up the prices of houses and pricing out an entire generation."


Poiché le altre banche fanno esattamente lo stesso, la quantità di moneta nell’economia cresce sempre di più. Ogni nuovo mutuo crea nuova moneta, che spinge in alto il presso delle case solo un poco in più e costringe il prossimo acquirente a prendere a prestito dalle banche una quantità di denaro persino maggiore (una spiegazione di questo processo più dettagliata e comprensiva di riferimenti è data nel libro “Where does money come from? pubblicata dalla New Economics Foundation).

Attraverso questo processo di creazione di moneta le banche sono state in grado di gonfiare la quantità di moneta a un tasso dell’11.5% annuo, spingendo i prezzi delle case in su, e la possibilità di pagare i prezzi oltre alla possibilità di un'intera generazione.
Naturalmente, il rovescio della medaglia di questa creazione di moneta è che ogni nuovo prestito è accompagnato da un nuovo debito.
Questa è l’origine della montagna di debiti che ciascuno ha, non denaro che è stato accantonato prudentemente da pensionati, ma denaro che è stato creato ex nihilo dalle banche e prestato a tutti e a nessuno.
Alla fine il peso del debito diventa semplicemente troppo alto, e ci troviamo davanti all’ondata di bancarotte che ha innescato l’inizio della crisi finanziaria in corso.

Ma come è stato possibile che qualcosa di importante come la moneta sia stata privatizzata? Come è stato possibile che il potere di creare moneta sia caduto nelle mani delle stesse banche che hanno causato la crisi, con conseguenze così devastanti per milioni di persone comuni?
Incredibilmente, la legge che rende illegale che ci si stampi per conto proprio i bigliettoni a casa non è stata mai aggiornata per essere applicata alla moneta elettronica che è ora creata dalle banche.
Non appena abbiamo cominciato a utilizzare moneta elettronica per effettuare la maggior parte dei pagamenti, il contante è diventato via via meno importante, e il potere di creare il denaro è stato spostato nelle mani delle banche che hanno causato la crisi. Senza che nessuno l’abbia notato, il potere di creare moneta è stato privatizzato con un’azione furtiva.

Così, mentre bande criminali riescono a creare circa 2.5 miliardi di contante falso ogni anno, le banche collettivamente ogni anno creano più di 100 miliardi di sterline senza infrangere neppure una legge. Il guadagno che esse traggono da questa operazione è l’interesse che attualmente raccolgono su quasi ogni sterlina in circolazione.
Il costo per noialtri è una vita di debito.

Questo ci porta a una soluzione molto semplice per la crisi finanziaria. Molti tra coloro i quali stanno adesso protestando potrebbero essere sorpresi sentendo che la risposta alla nostra attuale crisi viene da un ex primo ministro Conservatore. Nel 1844 Sir Robert Peel si accorse che le monete metalliche, che all’epoca erano l’unica forma legale di moneta, erano state scavalcate dalle nuove banconote di carta che venivano emesse dalle banche. Queste banconote di carta erano più leggere e pratiche, e perciò molto più popolari. Il Bank Charter Act di Peel del 1844 strappò il potere di creare denaro cartaceo alle banche e lo rimise sotto il controllo della Banca di Inghilterra. Noi dovremmo fare esattamente lo stesso con il potere di creare moneta elettronica. La mia organizzazione, Positive Money, ha persino redatto le procedure legislative che sarebbero necessare per farlo.
Reclamando questo potere, possiamo assicurare che la nuova moneta non sia usata per gonfiare le bolle immobiliari e per finanziare rischiose speculazioni. Invece, la nuova moneta creata può essere immessa nelle radici dell’economia, attraverso i comuni consumatori. Finirà quindi in negozi, attività e fabbriche che lo utilizzeranno per investire, crescere e creare occupazione. Semplicemente “continuare a fare sì che le banche continuino a a potere prestare moneta” non porterà beneficio, ora che la collettività è già sepolta da uan montagna di debiti. Ciò di cui abbiamo bisogno adesso è più moneta, non più debito. Questo è impossibile fintanto che tutta la moneta è creata dalle banche quando le persone si indebitano.
Naturalmente abbiamo bisogno di mettere il potere di creare moneta al riparo da politici-cacciatori-di-voti. Tuttavia il potere di creare moneta è troppo pericoloso perché venga lasciato nelle mani delle banche che hanno creato la crisi. Strappare loro questo potere è la nostra più grande speranza per porre fine alla crisi corrente e per prevenire la prossima.
--------------#
Davide Gesino #
--------------#

There where the long street roars has been the stillness of the central sea

sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

La segreta privatizzazione della Moneta

Messaggioda sandropascucci » 18 nov 2011, 10:22

:

:

[>]

 La segreta privatizzazione della Moneta 
[del primitTRAD, 18.11.2011: http://www.primit.ithttp://www.signoraggio.com]
rif: http://www.guardian.co.uk/commentisfree ... ed-stealth
v1.1


La moneta è stata privatizzata di nascosto.
La più grande privatizzazione nella Storia è passata innosservata. E' tempo di riprendersi dalle banche il potere di creare moneta.

Ben Dyson guardian.co.uk, Tuesday 15 November 2011 10.47 GMT

È risaputo che stamparsi in proprio banconote da 10 sterline fa aggrottare le sopracciglia alla polizia di Sua Maestà.

Tuttavia c’è un piccolo gruppo di aziende che sono autorizzate a creare - e spendere – più moneta nuova di quanto i falsari siano mai capaci di stampare.

Nel gergo del settore, queste aziende sono chiamate “istituzioni monetarie e finanziarie”, ma probabilmente le conoscerete dal loro nome comune: “banche”.

I soldi che generano, praticamente tirandoli fuori dal nulla [ex-nihilo – ndT], non sono la cartamoneta recante il timbro della Banca di Inghilterra, di proprietà dello Stato.

Quelli che appaiono sullo schermo di un ATM [Bancomat – ndT] quando controllate il vostro bilancio sono soldi elettronici.

Attualmente, questa moneta elettronica costituisce oltre il 97% di tutta la moneta nell'economia.

Soltanto il 3% della moneta è ancora in quella forma antiquata di contanti reali che può essere toccata.

Duro da credere, vero?

Martin Wolf, uno degli esperti che fece parte della commissione indipendente sulle banche, lo sostiene senza mezzi termini, affermando al Financial Times che «l'essenza del sistema monetario attuale è stata la creazione di denaro, dal nulla, sovente tramite scriteriati prestiti di banche private».

Ecco come funziona.

Quando chiedi soldi alla banca per comprare un bugigattolo a Londra, i soldi che compaiono nel tuo conto corrente non sono presi in prestito dai risparmi di una vita di qualche nonna prudente.

In effetti, la banca semplicemente digita questi numeri nel tuo conto, creando denaro nuovo di zecca che ora è possibile spendere.

Poiché le altre banche fanno esattamente lo stesso, la quantità di denaro nell'economia cresce sempre più.

Ogni nuovo mutuo crea nuova moneta, la quale spinge sensibilmente più verso l'alto i prezzi delle case e costringe il prossimo acquirente a prendere dalle banche un prestito maggiore.

(Una spiegazione di questo processo più dettagliata e completa di riferimenti viene data nel libro “Where does money from?” pubblicato dalla New Economics Foundation).

Attraverso questo processo di creazione di denaro, le banche sono state in grado di gonfiare l'offerta di moneta a un tasso del 11,5% annuo, spingendo verso l'alto i prezzi delle case e rendendole fuori dalla portata di un'intera generazione.

Naturalmente, il rovescio della medaglia di questa creazione di moneta è che ogni nuovo prestito comporta un nuovo debito.

Questa è l’origine della nostra montagna di debiti personali - non il denaro che era stato prudentemente risparmiato dai pensionati, ma il denaro che è stato creato dal nulla [ex—nihilo] dalle banche e prestato a destra e a manca.

Alla fine il peso del debito diventa troppo alto, e ci troviamo davanti all'ondata di bancarotte [defaults] che ha innescato l'inizio della crisi finanziaria in corso.

Ma come ha fatto qualcosa di così importante come la moneta ad essere privatizzata?

Come ha fatto il potere di creare denaro a cadere nelle mani delle stesse banche che hanno causato la crisi, con conseguenze così devastanti per milioni di persone comuni?

Incredibilmente, la legge che rende illegale stamparci in casa i nostri “deca” [tenners, pezzo da dieci sterline - ndT] non è mai stata aggiornata per essere applicata alla moneta elettronica che ora è creato dalle banche.

Appena abbiamo iniziato ad utilizzare la moneta elettronica per effettuare la maggior parte dei pagamenti, il contanti è diventato meno importante e il potere di creare denaro spostato alle banche che hanno causato la crisi.

Senza che nessuno lo notasse, il potere di creare denaro è stato segretamente privatizzato.

Così, mentre la criminalità organizzata riesce a creare circa 2,5 miliardi di sterline di denaro falso ogni anno, le banche collettivamente creano più di 100 miliardi di sterline l'anno senza violare una sola legge.

Il loro guadagno da questa operazione è l'interesse che è attualmente raccolgono su quasi ogni sterlina esistente.

Il costo per il resto di noi è una vita di debiti.

Questo ci porta ad una soluzione molto semplice per la crisi finanziaria. Molti degli attuali dimostranti potrebbe essere sorpresi di sentire che la risposta alla nostra crisi attuale viene da un ex primo ministro conservatore.

Già nel 1844, Sir Robert Peel si rese conto che le monete di metallo, che a quel tempo erano l'unica forma giuridica di denaro, era stata sostituita da nuove banconote emesse dalle banche.

Questa cartamoneta era più leggera e più conveniente, e quindi [divenne] molto più popolare.

Il “Bank Charter Act” di Peel nel 1844 tolse il potere di creare moneta cartacea dalle banche e lo ricollocò sotto il controllo della Banca d'Inghilterra.

Ora dovremmo fare esattamente lo stesso con il potere di creare moneta elettronica. La mia organizzazione, “Positive Money”[1] ha anche redatto la normativa che sarebbe necessaria per fare questo.

Riappropriandoci di questo potere, saremo in grado di garantire che il nuovo denaro non verrà usato per gonfiare bolle immobiliari e finanziare rischiose speculazioni.

Al contrario, il denaro di nuova creazione può essere collocato alle radici dell'economia, attraverso i normali consumatori. Finirà quindi in negozi, aziende e fabbriche, che potranno utilizzarlo per investire, crescere e creare posti di lavoro.

Permettere passivamente che "si prendano ancora prestiti dalle banche" non aiuterà la comunità essendo questa già sepolta sotto una montagna di debiti.

Abbiamo bisogno di più soldi, non di altro debito.

Questo è impossibile fino a che tutto il denaro viene creato dalle banche mentre le persone si indebitano.

Naturalmente, abbiamo bisogno di proteggere questo potere di creare moneta dai politici-cacciatori-di-voto.

Ma il potere di creare denaro è troppo pericoloso lasciare nelle mani delle banche che hanno causato la crisi.

Portargli via lontano questo potere è la nostra più grande possibilità sia per porre fine all'attuale crisi sia per prevenirne la prossima.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
[1] http://www.positivemoney.org.uk/

per errori, omissioni e migliorie: info@primit.it

[^]

:

:

 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
kasiacolagrossi
Messaggi: 2454
Iscritto il: 12 dic 2009, 14:28
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma e provincia
azioni: volantinaggio in proprio, grafica , costruzione e/o progettazione dei supporti, manovalanza di piazza,
Località: Castel Madama (RM)

Re: La segreta privatizzazione della Moneta

Messaggioda kasiacolagrossi » 24 nov 2011, 12:27

seventhwave ha scritto:http://www.guardian.co.uk/commentisfree/2011/nov/15/money-privatised-stealth

lo ha scritto Ben Dyson, che è poi uno degli organizzatori di "Positive Money"


una piccolissima precisione, Ben Dyson è il fondatore di "Positive Money"
katarzyna edyta colagrossi

sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: La segreta privatizzazione della Moneta

Messaggioda sandropascucci » 24 nov 2011, 13:01

ò-marò! lo avrai detto 10 volte in 10 post!
sì, ok, è il F O N D A T O R E.
sarà anche quello che si prende i pesci in faccia per quello che vuol fare..
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: La segreta privatizzazione della Moneta

Messaggioda sandropascucci » 24 nov 2011, 13:10

I went freelance a month later, and spent half my time earning money, and the other half researching the monetary system, developing proposals, based heavily on the work of James Robertson and Prof James Huber in Creating New Money (available as a free PDF). I also started to build a list of people who were interested in the issue, this site.

Creating New Money non è limpidissimo nelle conseguenze del cambiamento che propone..
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

mr.spyder
Messaggi: 2437
Iscritto il: 9 ago 2009, 10:14
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: palermo - messina
azioni: volantinaggio,donazioni,
organizzazione eventi,sbus,
idee,manovalanza,
condivisione beni e servizi
fra PRIMITivi o volenterosi
a consapevolizzarsi sullla
moneta debito
Località: palermo - messina

Re: La segreta privatizzazione della Moneta

Messaggioda mr.spyder » 14 dic 2011, 12:09

e così mettiamo un punto sul fatto che il "signoraggio" sia un argomento da "fascisti" e quindi la sinistra [qualsiasi cosa voglia dire OGGI] non lo tratta:
http://www.rinascita.eu/index.php?action=news&id=12015
>
>
La dittatura monetaria

di: Giuseppe Turrisi
I partiti servono a tenere inalterato lo stato di imbecillità della popolazione, così come la democrazia, questa democrazia, è la più grande garanzia dello strapotere dell’imperocrazia finanziaria e bancaria.
Le democrazie infatti non fanno paura al potere della finanza tanto è vero che dove c’è una democrazia, più o meno evoluta, loro operano con grande meraviglia e disinvoltura, dove hanno serie difficoltà proprio nelle (da loro indicate) dittature. Iraq; Iran, Siria, Venezuela e così via. Lì infatti ci sono dei “dittatori” che non accettano l’invasione del sistema debito (FMI, FED, BM, ecc). Il presidente del Burkina Faso, Sankara disse chiaramente cosa era il sistema debito, e per questo forse fu ucciso.
Infatti in Africa dove il dollaro è la moneta parallela che controlla tutte le ricchezze locali, c’è guerra, fame, disperazione e stragi. Dove c’era una moneta sovrana si stava bene (Libia). Ma in quel caso arrivano i caccia della Francia (con la loro liberté fraternité egalité: petrolié) giusto perche tutta l’Africa sia “liberata” e “uguale” nelle condizioni di debito “fraterno” verso l’imperocrazia finanziaria.
C’è chi decide per noi di governare il mondo a suo modo, non chiedendo certo consigli e pareri. E se vi vogliamo vivere dobbiamo pagare una tassa di esistenza.
Andiamo al sodo.
Il debito pari a circa trentamila euro a testa per gli italiani è un debito illegale, se un debito è illegale e qualcuno lo pretende con la forza (ma democraticamente) , si dovrebbe chiamare “estorsione”, quando qualcuno vuole sottrarre valore dalla tua vita e dal tuo lavoro con la forza si chiamo pizzo. Però il meccanismo psicologico della programmazione mentale ha fatto sì che si è cambiato il significato. Il “pizzo”, ad esempio, prevede una paura indotta dal prepotente. Ma oramai è “pizzo fiduciario” e si chiama “fiducia” nei mercati. L’Italia, come tutte le nazioni vittime dell’euro o si prostrano a cedere parte della ricchezza che generano oppure devono vendersi quello che hanno per pagare questo pizzo fiduciario. Cosa succede se non si paga la nuova Ici o le altre tasse? Ti pignorano tutto. Ci hanno tolto la dignità, ci hanno tolto il tempo, ci stanno togliendo anche la possibilità di vivere.
Il cittadino non può evolversi, perché la sua evoluzione è impedita dal fatto che sempre più tempo gli e sottratto per produrre denaro da versare a chi lo presta ed il tempo rimanente non deve servire ad evolvere il suo spirito e la sua cultura ma a divertirsi (a pagamento) nei centri commerciali comprando marchingegni e abbonamenti televisivi per mantenere il movimento consumo-produzione-consumo.
Chi scrive, nel 2007 elaborò un documento che si intitolava “Ipoteca sulla vita” e con il sottotitolo “Io sono la Tua Banca e non avrai altro debito all’infuori che con me”. Su una trentina di editori contattati, due risposero ed uno era disposto a pubblicarlo in forma di libro ma cambiando il titolo... Si trattava di un’analisi sociale e giuridica sullo stato della società. Nel mondo c’è chi produce, costruisce, c’è chi non fa niente e poi c’è chi vive sulle spalle degli altri per professione: i “parassiti”. Questi parassiti sono dei professionisti del “pizzo fiduciario” che avendo creato la degenerazione del sistema monetario (il denaro è un valore di scambio del lavoro, è di proprietà dell’uomo, ma, per essere divisibile e scambiabile, si deve trasferire su oggetto esterno all’uomo qual è la moneta) si sono indebitamente appropriati del comando e della proprietà di ogni forma di gestione monetaria. Chiunque gestisce l’emissione monetaria di fatto sottomette gli altri al sistema da lui creato.
Il popolo italiano viene ogni secondo depredato così di un suo proprio bene dai potentati finanziari. Con la complicità di vigliacchi di ogni colore politico tutti uniti e tutti proni (camerieri) all’unico padrone.
La misura è colma. Cosa altro dovrà succedere per ribellarsi?
C’è qualcuno che riesce a pensare oltre?
Basta con i soliti “No euro”, “no debito”, blog e conventicole varie: qui dobbiamo costituire un tribunale internazionale di popolo per giudicare questo vero crimine contro l’umanità.
Antonio Prezia, detto spyder... anche se non è importante chi sei,ma cosa vuoi fare per cambiare il mondo.

sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: La segreta privatizzazione della Moneta

Messaggioda sandropascucci » 14 dic 2011, 12:27

> Chi scrive, nel 2007 elaborò un documento che si intitolava “Ipoteca sulla vita” e con il sottotitolo “Io sono la Tua Banca e non avrai altro debito all’infuori che con me”.

e chi legge è quello che:
comanda.png
comanda.png (18.45 KiB) Visto 5389 volte
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
kasiacolagrossi
Messaggi: 2454
Iscritto il: 12 dic 2009, 14:28
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma e provincia
azioni: volantinaggio in proprio, grafica , costruzione e/o progettazione dei supporti, manovalanza di piazza,
Località: Castel Madama (RM)

Re: La segreta privatizzazione della Moneta

Messaggioda kasiacolagrossi » 29 dic 2011, 23:18

sempre dalla Rinascita

http://www.rinascita.eu/index.php?action=news&id=10001

peccato che per leggere tutto bisogna abbonarsi (o "provare" sito), però ci sono abbastanza informazioni per incentivare la ricerca...
katarzyna edyta colagrossi

mr.spyder
Messaggi: 2437
Iscritto il: 9 ago 2009, 10:14
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: palermo - messina
azioni: volantinaggio,donazioni,
organizzazione eventi,sbus,
idee,manovalanza,
condivisione beni e servizi
fra PRIMITivi o volenterosi
a consapevolizzarsi sullla
moneta debito
Località: palermo - messina

Re: La segreta privatizzazione della Moneta

Messaggioda mr.spyder » 30 dic 2011, 21:43

oppure usare google: (uno a caso: http://www.borsaforextradingfinanza.net ... 56678.html )
ovviamente ho scelto "borsaforextradingfinanza" per "coerenza"...
Antonio Prezia, detto spyder... anche se non è importante chi sei,ma cosa vuoi fare per cambiare il mondo.


Torna a “Tecnica - Discussioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono liberamente riproducibili purché sia citata e linkata la fonte (sono infatti rilasciati sotto una licenza Creative Commons BY-NC-SA 2.0) Il redattore non e' legalmente responsabile per i pensieri e le affermazioni espresse in questo blog dai visitatori. L'autore non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di errori in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su questo sito avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto. Questo sito non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 Comunque, Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. :: SE&O :: Salvo Errori et Omissioni "come scrivono le banche, in calce agli estratti conto, per evitare eventuali future azioni penali".