Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Tutto quello che hai da dire sul signoraggio..
ps: tu parleresti mai seriamente con un tizio che indossa un passamontagna? Ecco perché devi essere iscritto al Forum per.. (no piangina, tnks)
Avatar utente
ignazioguaglione

Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda ignazioguaglione » 17 mar 2010, 18:53

Ciao a tutti, ieri a scuola è venuta a supplire una professoressa di diritto ed economia, allora mi è venuto in mente di farle alcune domande e le ho domandato: "Professoressa lei non pensa che l'articolo 1 comma 2 della Costituzione Italiana non rappresenti del tutto la reale situazione attuale in Italia? Per "sovranità che appartiene al popolo" si intende anche sovranità monetaria, bhe..la sovranità monetaria oggi non è in mano dello Stato, il popolo non è sovrano..lei che ne pensa?". La professoressa mi guarda stupita e mi risponde: "Mha..guarda, la sovranità intesa nella Costituzione Italiana non comprende la sovranità monetaria quindi non capisco cio' che vuoi dire.."; allora le ho detto: "Ma secondo lei è giusto che enti privati stampino ed emettano moneta che poi affittano allo Stato al valore nominale e non al valore interinseco più tassi di interessi, generando debito pubblico?". La prof mi risponde dicendo: "Bè..le banche private non emettono moneta assolutamente e poi la Banca di Italia è pubblica; tu devi capire che non è per questo meccanismo che si genera debito pubblico, il debito è causato dalla cattiva gestione dei mercati, più uscite e poche entrate per intenderci."; allora le ho detto: "La correggo prof, Bankitalia è una Società Per Azioni..privata!, lei comunque si informi sul Signoraggio Bancario se non ne è a conoscenza, perchè sa..il 90% delle tasse che paghiamo servono allo stato per restituire le banconote alla banca privata". Lei poi mi ha ripetuto che il debito è causato dalla cattiva gestione dei mercati e non ha detto nulla in merito a quello che le ho detto sul fatto delle tasse. Cosa pensare di questa professoressa? :). Io un'idea ce l'avrei..ma..io mi sono chiesto..come puo' questa professoressa insegnare ai ragazzi? Mha..

sandropascucci
Messaggi: 13554
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda sandropascucci » 17 mar 2010, 19:28

speriamo sia una bella gnocca.
almeno.
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
Bankster87

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda Bankster87 » 17 mar 2010, 20:41

Di questa persona posso pensare o che è una furba che non vuole rispondere oppure è un ignorante funzionale.
Queste sono le 2 opzioni... :roll:

Avatar utente
francescalazzaro

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda francescalazzaro » 17 mar 2010, 23:11

Anch'io ho parlato con un paio di professori di diritto proponendo gli stessi quesiti, ovviamente per tutti [pure convinti] bankitalia era pubblica...uno addirittura credeva ancora alla favola dell'oro...[sè...il pentolone sotto l'arcobaleno...]
Secondo me è palese, che aldilà di docenti universitari pagati per sostenere il sistema... i professori delle scuole secondarie, sono accademici convinti...molto probabilmente non si aggiornano e restano incardinati alle conoscenze acquisite durante gli studi universitari, non discostandosi quindi dalla didattica dei testi scolastici, magari appartenenti ad una delle case editrici del gruppo Mondadori Education (solo una a caso)...quindi è improbabile, secondo me, che tutti siano sostenitori consapevoli del sistema...almeno inizialmente...
Infatti, molti di fronte alla realtà di banche private, assenza di oro... creazione di denaro dal nulla e cose del genere...si rifiutino di credere...addirittura negando anche a se stessi l'evidenza, semplicemente perchè si vedono improvvisamente crollare dalla base tutte le certezze sulle quali avevano impostato la propria vita...è difficile accettare di aver detto solo stronzate per molti anni di insegnamento...quindi è più comodo fare orecchie da mercante e continuare sulla propria strada, continuando a dire le stronzate di sempre...
A questo punto, secondo me, si potranno creare 2 tipi di persone:

1. coloro che, una volta capito che hanno parlato di aria fritta per anni...continueranno a farlo per comodità...diventando consapevolmente sostenitori di IGB®...
2. coloro che una volta capito l'errore di fondo...cambieranno l'approccio con la materia...contribuendo quindi a cercare di cambiare il mondo...;)
Io purtroppo per ora ho incontrato solo professori della prima tipologia...

Onestamente, per quanto mi riguarda, alla luce di tutto ciò...quasi quasi mi sono pentita di non aver intrapreso studi economici...almeno se avessi avuto l'opportunità di insegnare diritto ed economia...avrei contribuito a divulgare ulteriormente e in maniera più ampia e approfondita...la verità...

Avatar utente
Umiltao

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda Umiltao » 18 mar 2010, 6:54

ignazioguaglione ha scritto:Ciao a tutti, ieri a scuola è venuta a supplire una professoressa di diritto ed economia, allora mi è venuto in mente di farle alcune domande e le ho domandato: "Professoressa lei non pensa che l'articolo 1 comma 2 della Costituzione Italiana non rappresenti del tutto la reale situazione attuale in Italia? Per "sovranità che appartiene al popolo" si intende anche sovranità monetaria, bhe..la sovranità monetaria oggi non è in mano dello Stato, il popolo non è sovrano..lei che ne pensa?". La professoressa mi guarda stupita e mi risponde: "Mha..guarda, la sovranità intesa nella Costituzione Italiana non comprende la sovranità monetaria quindi non capisco cio' che vuoi dire..";
Sì, è esatto. L' Articolo 1 dice ANCHE che la sovranità popolare è limitata dalla Costituzione stessa, ovvero, se andiamo a spulciare per bene la Costituzione, all' Art. 117 è specificato che "La potestà legislativa è esercitata dallo Stato e dalle Regioni nel rispetto della Costituzione, nonché dei vincoli derivanti dall'ordinamento comunitario e dagli obblighi internazionali." Per la precisione la sovranità monetaria appartiene a enti extraterritoriali e sovrannazionali, in parte alla Bank for International Settlements e in parte alla Banca Centrale Europea nel nostro caso.
La BCE ottenne la sovranità monetaria sul territorio italiano all' atto della firma del Trattato di Maastricht il 7 febbraio 1992.
Prima della stipula di un trattato che sancisce esplicitamente lo stato giuridico della Banca Centrale come ente sovrano, la stessa Banca Centrale - Banca d' Italia - lo era de facto grazie alla legislazione ordinaria (non costituzionale) dello Stato.
La stessa Costituzione infatti dice agli Art. 42, 43, 47 e 117 che lo Stato ha potestà ESCLUSIVA nel legiferare in tema di moneta e credito: è così confermato che lo Stato stesso ha abdicato alla sovranità monetaria già con le sue stesse leggi ordinarie.
Tutto ciò è la dimostrazione di quanto ho già detto in altra sede: siamo in presenza di una sindrome di Stoccolma istituzionalizzata™ - institutionaliserad Stockholmssyndromet™ - in quanto lo Stato tramite i politici ha deciso per sè e per i cittadini norme totalmente AUTOLESIONISTICHE.

Quanto appena detto vale per SOLO l' emissione di base monetaria che NON sono solo le banconote in quanto i regolamenti tra Banche Comerciali e Centrali avvengono anche scritturalmente e per via telematica.
Ciò è riferito al contesto del solo Eurosistema per il quale non sono ammessi finanziamenti diretti agli Stati e alle Pubbliche Amministrazioni da parte della BCE o delle BCN partecipanti alla BCE stessa: per finanziamento diretto si intende o l' acquisto di titoli di debito pubblico (come quelli di Stato) in cambio di moneta in asta primaria, cioè all' atto dell' emissione del titolo stesso, oppure l' anticipo di moneta (in forma scritturale o cartacea) direttamente sul conto corrente del Ministero del Tesoro presso la Banca Centrale stessa.

Bisogna ricordare che quasi il 100% della sovranità monetaria de facto appartiene alle Banche Commerciali - sia private che statali o pubbliche - grazie al prestare senz' alcunchè togliere ai correntisti® (creazione di moneta scritturale) già garantito dalla sola legislazione ordinaria.
Questo enorme peso delle Commerciali è ancora più aggravato dal fatto che nell' Eurosistema SOLO le Banche Commerciali possono acquistare titoli di Stato in asta primaria indebitando direttamente lo Stato stesso, in quanto - come già detto in parte sopra e meglio in altra sede - le Banche Centrali possono operare SOLO sulle Commerciali prestando loro moneta attraverso i titoli di Stato in asta secondaria apposita sul mercato secondario dei titoli, sia per rifinanziarle sia per emettere il prestito di ultima istanza nel caso di eventuali salvataggi.

ignazioguaglione ha scritto:allora le ho detto: "Ma secondo lei è giusto che enti privati stampino ed emettano moneta che poi affittano allo Stato al valore nominale e non al valore interinseco più tassi di interessi, generando debito pubblico?"
Nell' Eurosistema, enti privati solo SOLO la Banca d' Italia e parzialmente le Banche Centrali di Belgio e Austria. Le altre Banche Centrali Nazionali che partecipano alla BCE sono statali.
Con la firma del Trattato di Maastricht le Banche Centrali non sono più corresponsabili dellla formazione dei debiti pubblici, ma li acquistano a posteriori dalle Banche Commerciali.
E' fuorviante dire che le banche "indebitano" perchè sono gli Stati che vanno attivamente a richiedere loro moneta in prestito, così come le aziende e i privati vanno dalla banca commerciale a chiedere un fido o un mutuo.

Il problema è che i politici hanno deciso sia cosa buona e giusta indebitarsi con dei falsari anzichè creare da sè moneta senza debito per scopi di interesse pubblico.

Il debito è generato dagli amministratori eletti dai cittadini, NON dalle banche. Queste ultime non fanno altro che esercitare il potere di emissione monetaria concesso loro dai politici in esclusiva.

ignazioguaglione ha scritto:. La prof mi risponde dicendo: "Bè..le banche private non emettono moneta assolutamente e poi la Banca di Italia è pubblica;
Come ripasso per noi, il tipo di proprietà dell' ente emittente è un falso problema.
La cosa grave in realtà è che la Banca Centrale è un ente indipendente da tutto e tutti.
Sull' emissione di moneta delle commerciali - sia private che statali o pubbliche - vale sempre il prestare senz' alcunchè togliere ai correntisti®.

Per approfondimenti sul falso problema del tipo di proprietà dell' ente emittente: http://www.primit.it/forum/phpBB3/viewtopic.php?f=9&t=521

ignazioguaglione ha scritto:tu devi capire che non è per questo meccanismo che si genera debito pubblico, il debito è causato dalla cattiva gestione dei mercati, più uscite e poche entrate per intenderci."; allora le ho detto: "La correggo prof, Bankitalia è una Società Per Azioni..privata!,
Quanto detto dalla professoressa è vero. Il punto è che la questione è mal posta da entrambe le parti.
Il "meccanismo" per cui si genera debito pubblico non è l' indebitamento ma è la causa dello stesso, ovvero la mancanza di sovranità monetaria.
Dire che la causa del debito con la banca è il debito con la banca stessa significa dire la stessa cosa e ciò non ha alcun senso.

Il fatto che lo Stato spenda più di quello che incassi creando un disavanzo (deficit) non c' entra alcunchè con la modalità con cui lo Stato stesso copre tale disavanzo, copertura che può essere effettuata sia con moneta-debito bancaria sia con moneta-proprietà statale.

La questione del debito pubblico causato dalle banche che creano moneta dal nulla è un grave equivoco creato ad arte da gente come Marco Della Luna per sdoganare i politici spendaccioni e corrotti: costoro infatti oltre alla TRAVE del continuare a far indebitare le Pubbliche Amministrazioni col Sistema Bancario (che nessuno mai ricorda) hanno anche la "pagliuzza" - quindi un' aggravante - dei clientelismi e degli enormi sprechi effettuati guarda caso sempre con costosissima e falsissima moneta-debito bancaria, quindi massacrando 2 volte i cittadini onesti.

Ribadisco che il debito pubblico e il signoraggio bancario sono semplici effetti della mancanza di sovranità monetaria, mancanza decisa per legge dagli stessi Stati tramite i politici.

Infatti, a conferma della mancanza di sovranità monetaria, ci può essere benissimo debito pubblico anche senza avere enti che creano dal nulla e prestano: chiunque può acquistare titoli del debito pubblico e certamente non richiede "Tremonti, stampami un po' di BOT che voglio speculare sullo Stato ORA!!!™", ma compra quello che il Ministero del Tesoro richiede in asta per finanziarsi.

Infine, come già ribadito ormai numerose volte, il tipo di proprietà dell' ente emittente è un falso problema.

ignazioguaglione ha scritto:lei comunque si informi sul Signoraggio Bancario se non ne è a conoscenza,
Secondo me non ha senso dire a un/a laureato/a in economia, magari pure saccente, "si informi", perchè pensa di averlo già fatto a sufficienza data la qualifica. Molto meglio sarebbe spiegare allo stesso/a la propria versione e/o dire che ci sono parecchie questioni tecniche alquanto controverse e contraddittorie all' interno della dottrina accademica, che arrivano a negare l' evidenza e il notorio.

ignazioguaglione ha scritto:perchè sa..il 90% delle tasse che paghiamo servono allo stato per restituire le banconote alla banca privata".
Falso. http://www.primit.it/forum/phpBB3/viewtopic.php?p=2471#p2471

Ma anche solo per logica, senza fare i conti effettivi... Se il 90% delle tasse va ai banchieri, allora chi ci paga la spesa pubblica?!?

ignazioguaglione ha scritto:Lei poi mi ha ripetuto che il debito è causato dalla cattiva gestione dei mercati e non ha detto nulla in merito a quello che le ho detto sul fatto delle tasse.
...che è falso.

ignazioguaglione ha scritto:Cosa pensare di questa professoressa? :). Io un'idea ce l'avrei..ma..io mi sono chiesto..come puo' questa professoressa insegnare ai ragazzi? Mha..
Domande ingenue.
Forse che è andata all' università dove i corsi e i libri sono tenuti e scritti dai servi di IGB©...?
Può insegnare perchè ha preso una laurea e perchè quello che dice è scritto su tutti i libri di economia ufficiali.
Se dici cose non ufficiali in certi Stati occidentali vai pure in galera.
E poi le tue domande dovrebbero essere rivolte a pressochè il 100% degli insegnanti di materie economiche che tali a questa sono.

Avatar utente
Alessandro Bono

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda Alessandro Bono » 18 mar 2010, 9:45

Importante: prima di affronatere un dibattito con un portavoce del sistema economico "ortodosso" bisogna studiare parecchio, altrimenti si rischia di dire inesattezze e di perdere di credibilità di fronte alle persone che non sapendone nulla tendoneranno ad ascolatare maggiormente chi ha i titoli.

Ignazio, sicuramente la discussione che hai avuto con la prof. è stata utile, se non altro per sentire cosa ti avrebbe risposto, ma qui parliamo di questioni che sono semplici da afferrare (bastano due video ed un volantino) ma che diventano parecchio più complesse mano a mano che vengono approfondite.

Se vuoi il mio consiglio lascia perdere i libri dei "signoraggisti" (vedi anche "Il Bestiario") ma limitati ad analizzare i dati. Non farti dire come funzionano le cose, toccalo con mano.

Avatar utente
Umiltao

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda Umiltao » 18 mar 2010, 13:18

Esatto. Iniziando a leggere i chilometrici e orrendi pdf di Bankitalia. :? :mrgreen:

Avatar utente
keynesiano2

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda keynesiano2 » 22 mar 2010, 22:46

Anche io nella mia carriera universitaria ho posto diverse domande ai prof. di economia sul Signoraggio. L'idea che mi sono fatto è essenzialmente che i prof universitari ignorano la reale situazione poichè sono legati alle nozioni apprese durante i loro studi. Io ne ho convinto almeno 3 sui 7 interpellati. Il consiglio che posso dare a tutti è quello di ragionare sui dati mettendo in evidenza le anomalie del sistema monetario (riserva obbligatoria, m3 inflazione, statuto banca d'italia), oggetto della mia tesi specialistica. Nei miei colloqui non ho mai pronunciato la parola signoraggio, erano sempre i prof a pronunciarla per primi poichè le argomentazioni e le anomalie enucleate portavano inevitabilmente a parlare di quello ed a non poter evadere l'argomento. I prof sono interessati a questi argomenti basta saperli porli in modo scientifico e non a chiacchiere politiche da bar. Createvi una scaletta tecnica con dati scientifici è semplicissimo alla fine i prof non potranno negare. :)

sandropascucci
Messaggi: 13554
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda sandropascucci » 23 mar 2010, 11:52

grazie keynesiano2.. ma intanto mi chiedo: dov'è keynesiano1? e com'è che sei viola? bello venire a prendere spunti aggratise, eh?

bah.
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
Umiltao

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda Umiltao » 23 mar 2010, 13:45

keynesiano2 ha scritto:I prof sono interessati a questi argomenti basta saperli porli in modo scientifico e non a chiacchiere politiche da bar.
= i professori universitari sono delle amebe copincolliste senza etica positiva e senza spina dorsale.

Se sai dire le cose con semplicità senza dire cazzate va bene anche il bar, come io da sempre faccio. E' lì che devo trovare la consapevolezza per liberarmicivitisi, non certo presso le cariatidi accademiche serve di IGB© e cazziacervelli.

keynesiano2 ha scritto:CreateVI una scaletta tecnica con dati scientifici è semplicissimo alla fine i prof non potranno negare. :)
= tu stai su Venere al caldo. Mi dici come fare per stare in Posizione C...? :)

E ribadisco che il prof sono IO-IO-IO©. Anche per un' Apocalisse Morbida 2 la Vendemmia.
I prof dell' accademia non mi servono, tolti quei 3-4 come Maurice Allais ma per avere dall' incravattato•inamidato•ingiacchettato•titolato♦borghese♠nobile♥di♣turno solo le conferme a miei ragionamenti già fatti e dimostrati prima autonomamente. Sono loro a seguire me.

Non per esserti antipatico, ma Maynard Keynes è roba da Bestiario™ viewtopic.php?f=43&t=637: non vi sta a far compagnia a Ron Paul quasi solo perchè è morto.

E comunque la "scaletta" già è stata fatta/impostata nei thread tecnici del forum pubblico.

Avatar utente
keynesiano2

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda keynesiano2 » 23 mar 2010, 14:48

Sandro adesso va di moda il viola. Non ti nascondo che i tuoi scritti oltre ad esser ben fatti sono stati molti utili in ambito accademico e non. Sei riuscito a farmi cambiare idea, io che ero un liberista sfegatato imbottito di nozioni di blanchard e company. A mia difesa però nelle università si insegna in modo univoco tesi neoclassiche a go-go, pochissimi riescono a svegliarsi dal matrix. Diciamo che io sono stato uno dei fortunati, ed ho reso partecipe di questo molti studenti universitari (che fatica). Ma la soddisfazione + grande è quella di convincere i prof universitari. Sono un pò restii ad accettare teorie che non siano quelle scritte nei testi economici di grido. Ma una volta messo nero su bianco grafici, cifre, report macroeconomici, non si scappa. In particolare mi colpì quello che mi disse un prof di fronte alle mie domande insistenti e precise cercò di evadere le mie domande, mandandomi anche a quel paese, ma alla fine crollò e disse: guarda che è sempre stato così, le masse è meglio che non le sappiano queste cose. Allora gli dissi perchè voi non le dite agli studenti universitari di economie queste cose non dico ai triennali ma almeno agli specialistici. Lui mi disse che non erano problemi loro, visto che questo problema può esser risolto solo dai politici, loro sono tecnici e i tecnici sicuramente dicono al politico che c'è questo problema ma i politici se ne fregano. Umiltao i prof. universaitari servono, non sono tutte mele marce.Però l'importante è convincere gli studenti universitari sono loro la futura classe dirigente. Ho capito che la scaletta è già pronta ma il mio è un ragionamento più ampio e più accomodante. Cmq se è già pronta perchè non andate nelle facoltà di economia a divulgare la verità. Nella mia università se ne parlato molto poichè ho messo la pulce nell'orecchio di molti studenti. Questo è successo prima della crisi, erano tempi in cui venivo visto quasi come un eretico dell'economia per ciò che dicevo. Adesso è tutto + semplice, la crisi ha messo in luce la verità. Basterebbe poco per convincere gli studenti di economia (specialistici e non triennali).

sandropascucci
Messaggi: 13554
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda sandropascucci » 23 mar 2010, 14:54

pensa che fessi quelli che si accodano a cortei di cui non scelgono manco lo colore..
resta comunque la domanda: com'è che non sei iscritto al PRIMIT?
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
Umiltao

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda Umiltao » 23 mar 2010, 14:56

A' New Maynard :mrgreen: , e chi ha parlato di buttare i professori universitari?

Semplicemente nel merito siamo noi a dover insegnar loro come stanno le cose.
E poi un professore che è supino al Sistema-IGB© in tutto lo chiami professore? Hai visto quanti di loro stanno ammanicati con IGB©...? Anzi, possiamo dire a buon diritto che IGB© sono praticamente loro perchè ne sono i sacerdoti.

Abbiamo presidi di facoltà nonchè consulenti di banca centrale che rispondono bambinescamente: "Bene o male il sistema funziona...!"... Ma~io~Senna~su~Lotus-Renault~1986~in~qualifica~senza~wastegate~boh?!?

Capisco che sto urlando viste le dimensioni ma non sto dicendo di non urlare urlando.
Ultima modifica di Umiltao il 23 mar 2010, 15:01, modificato 2 volte in totale.

Avatar utente
Karlrex

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda Karlrex » 23 mar 2010, 14:56

Keynesiano parli e ci dai consigli, ci indichi vie ma conosci poco o nulla del del Primit e tutte le azioni che proponiamo in ogni contesto.Allora tu che sei già inserito perchè non ti associ,ti assumi le tue responsabilità e organizzi tu qlcsosa nelle facoltà di economia?

Avatar utente
Alessandro Bono

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda Alessandro Bono » 23 mar 2010, 15:12

Ma in che università studi?

Quando ho provato a parlarne con i miei compagni di corso siamo quasi venuti alle mani. I professori poi non si sono mai degnati di rispondermi (e non sono l'unico ad essere stato snobbato dagli "accademici"). Non parliamo del fatto che è sempre stato un mio pallino fare una conferenza in un'università ma fino ad oggi è stato impossibile nonostante agganci/amici/promesse (chiedi anche a sergioloy).

Per i professori che sanno tacere è un'aggravente. Sai la verità ma per amore del tuo stipendiuccio non la dici (e già è un male) e preferisci raccontare le favolette ai tuoi studenti (ecco il danno) di modo che possano perpetrare il sistema costituito.

Il giorno che riuscirai ad organizzare una fiera in facoltà forse mi ricrederò.

sandropascucci
Messaggi: 13554
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda sandropascucci » 23 mar 2010, 15:31

w lino banfi!
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
Bankster87

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda Bankster87 » 23 mar 2010, 15:45

Confermo che i professori sanno.
Una volta ad un professore universitario ho chiesto se conosceva il problema del Signoraggio e cose ne pensavano lui e suoi colleghi; e mi ha risposto che è un problema che esiste, ma siccome c'è molta omertà e si cerca di salvaguardare la propria carriera, allora si cerca di non parlarne.

Inoltre, negli ultimi mesi, ho sentito delle forti critiche al sistema bancario e monetario da alcuni professori durante delle lezioni. Non si parla in modo esplicito di Signoraggio, però è un netto miglioramento... non si può negare.
Che sia la volta buona che qualche professore universitario si iscrive al PRIMIT?? :lol:

sandropascucci
Messaggi: 13554
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda sandropascucci » 23 mar 2010, 15:58

Bankster87 ha scritto:Che sia la volta buona che qualche professore universitario si iscrive al PRIMIT?? :lol:


xfarché? x prepararsi le risposte in base a cio che gli chiederemo?
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
sergioloy

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda sergioloy » 23 mar 2010, 16:17

keynesiano2 ha scritto:Diciamo che io sono stato uno dei fortunati, ed ho reso partecipe di questo molti studenti universitari (che fatica). Ma la soddisfazione + grande è quella di convincere i prof universitari.


in effetti proprio stamattina appena son uscito di casa mi son trovato un'orda di studenti universitari
vestiti da giocatori di rugby, veramente incazzati, che urlavano "il problema è il signoraggio".

ma questi professori di cui parli, questi studenti, 'ndo minchia sono?

Avatar utente
Christian Tambasco

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda Christian Tambasco » 23 mar 2010, 16:36

comunque i professori e un eventuale loro impiego non sono da sottovalutare, come abbiamo visto, anche ultimamente, phil non può sempre garantire la sua presenza e la faciolata è un elemento importante, troppo importante, ai fini della lotta e dei lottatori, non se ne può fare a meno, allora io dico, non tutti, ma almeno quei professori che hanno avuto esperienza culinaria non sono da escludere a prescindere...o no?! certo è che mettere in cucina chi mangia alla grande con l'attuale sistema è un po' pericoloso, ma si potrebbero utilizzare gli altri professoroni, quelli che manco na fettina in padella, all'assaggio onde evitare strane forme di intossicazione alimentare per i primitivi...bah mi porto i barattoli di trippa hai visto mai l'effetto ritardato


Ciao Christian

keynesiano2 ha scritto:...........
Umiltao i prof. universaitari servono,
...........


da quel dì che lo diciamo che servono...il sistema

Immagine
Clicca qui o sull'immagine per ingrandire


keynesiano2 ha scritto:..........
Però l'importante è convincere gli studenti universitari sono loro la futura classe dirigente.
..........


la futura che? diri che?

Ciao Christian
Ultima modifica di Christian Tambasco il 24 mar 2010, 14:48, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Bankster87

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda Bankster87 » 23 mar 2010, 16:51

sandropascucci ha scritto:
Bankster87 ha scritto:Che sia la volta buona che qualche professore universitario si iscrive al PRIMIT?? :lol:


xfarché? x prepararsi le risposte in base a cio che gli chiederemo?


Se un professorone viene trombato chiudendogli il corso di laurea da pro-IGB diventa Signoraggista. ;)
Ah dimenticavo... stanno tagliando i fondi universitari.
Adirittura il mio rettore ha spiegato che tra un paio di anni, in seguito a tagli del 12% dei fondi potrebbere non garantire a tutti la pagnotta da portare a casa. :lol:

sandropascucci
Messaggi: 13554
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda sandropascucci » 23 mar 2010, 16:53

ma noi non siamo signoraggisti, siamo PRIMITivi..
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
Christian Tambasco

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda Christian Tambasco » 23 mar 2010, 17:07

fintantoché la pagnotta era garantita per lui e quelli della sua specie tutto funzionava, era perfetto, le crisi cicliche perché il sistema si deve riequilibrare tutt'al più una spruzzatina di keynesismo et voilà, la merda cui viene ridotta la società viene chiamata diseconomia ed è così che ci teniamo un inquinamento, una deturpazione del paesaggio e altre merdate secolari, MA, MA apriamo un dibattito se la diseconomia deve costare all'imprenditore o meno?!...o altre PUTTANATE simili.

Ora al cameriere gli viene detto che quando MANGIA in cucina con gli altri non può prendere la carne destinata ai SIGNORI del mondo...azz il sistema è marcio, solo ora ce ne rendiamo conto, possiamo aiutarvi in questa battaglia, abbiamo i....grafici....I GRAFICI capisci

già, in fondo noi avevamo solo una realtà fatta di suicidi, schiavi, affamati, fallimenti, soprusi....

io dico.... STATE FORI DE CERVELLO o per dirla come un mio elegante amico di naja

"MA CHE VE SCUREGGIA ER CERVELLO(*)"

(*) in occasione di un'attivazione notturna, ovvero una sorta di addestramento che prevedeva il brusco risveglio e acchittati di tutto punto in dieci minuti in piena notte senza essere pre-avvertiti

Avatar utente
keynesiano2

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda keynesiano2 » 23 mar 2010, 21:57

Ormai è un pò di tempo che ho teminato gli studi. Non vi nascondo che sto riprovando ad entrare in univ come ricercatore proprio per affrontare questo tema, ma i fondi per i ricercatori sono pochissimi e si piange miseria. Il sistema si combatte dall'interno. Sarà dura. Se volete essere incisivi all'interno delle università dovete agire tramite le associazioni studentesche. Spiegategli i vostri punti di vista e avrete la possibilità di organizzare convegni. Tempo fa mi balenò l'idea di fare una fiera della verità in università, avevo le conoscenze e le amicizie per farlo ma alla fine sfumò tutto per i troppi impegni (5 esami + tesi in 6 mesi record) :( :( . Cmq ho affrontato parzialmente il tema del signoraggio nella tesi specialistica offrendo una mia visione di come risolvere la crisi economica tramite il signoraggio primario. Purtroppo non avendo un esame macroeconomico alla specialistica non ho potuto centrare in pieno l'argomento e mi sono arrampicato sugli specchi pur di parlarne in seduta di laurea. Ricordatevi che il 60% dei prof universitari sono ricercatori che prendono 1200 euro al mese, insegnano gratis, IGB non li prezzola tanto!!!! Contattateli. Trovate i macroeconomisti sono loro che si occupano di queste cose. Però dovete muovervi in modo scientifico altrimenti vi mandano affanculo. Tanto scientificamente si giunge alle stesse conclusioni vostre. Basta usare un pizzico di lungimiranza e convincerete chiunque, anche Giavazzi e Tabellini (secondo me Tabellini in fondo è uno dei nostri).

Avatar utente
Karlrex

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda Karlrex » 23 mar 2010, 22:02

Ancora una volta hai dribblato la risposta...

Avatar utente
Bankster87

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda Bankster87 » 23 mar 2010, 22:04

Meglio agire informando gli studenti, che perdere tempo a convincere dei professori universitari.
E anche se li convinci, cosa succede?? niente...

Avatar utente
keynesiano2

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda keynesiano2 » 23 mar 2010, 22:16

Beh convincere entrambi non ti costa nulla. Sono i prof che formano i ragazzi. Pensa un prof quante migliaia di menti studentesche forgia nella sua carriera. Per un giovane una parola di un prof universitario vale 1000 delle nostre. Con le associazioni studentesche puoi convincere gli studenti. In ogni caso discutendo e confrontandosi si rafforzano le proprie teorie. Uno dei motivi per cui mi sono mosso verso i prof universitari era proprio quello di capire se qualcuno era in grado di scalfire le nostre motivazioni. Ancora lo devo trovare :D :D

Avatar utente
Bankster87

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda Bankster87 » 23 mar 2010, 22:21

Io manco li sento i prof a lezione. :lol:
Su di me non farebbero nessun effetto!!! :D

Avatar utente
Alessandro Bono

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda Alessandro Bono » 23 mar 2010, 22:24

A Keynesià, meno male che sei arrivato tu a darci questi fantastici consigli. In due anni di PRIMIT e 5 di signoraggio.com non ci aveva pensato nessuno.

Quando verrai dicendo "Queste sono le date per la fiera nella mia ex facoltà di economia", solo allora potrai venirci a dire anche "Come mai non vi siete mossi prima?".

Tutto il resto è aria fritta.

Avatar utente
keynesiano2

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda keynesiano2 » 23 mar 2010, 22:40

Ma i miei sono consigli. La mia esperienza mi dice che questa può essere la strategia giusta in ambito accademico. Non ho recriminato sull'associazione per non essersi mossa prima in questo senso. Sono 4 anni che seguo il sito signoraggio.com ed a mio modesto parere c'è stata poca attenzione all'universo accademico. Abbiamo la necessità che anche gli economisti (quelli veri non igb) inizino a dibattere su questi temi. Ho fatto molte ricerche sui motori internazionali di paper ma sul signoraggio e riserva obbligatoria bancaria c'è incredibilmente lo zero assoluto.
Ultima modifica di keynesiano2 il 23 mar 2010, 22:53, modificato 1 volta in totale.


Avatar utente
keynesiano2

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda keynesiano2 » 23 mar 2010, 22:50

eh vabbuò se ti fa piacere buttiamola in caciara!

http://www.youtube.com/watch?v=_E0OXi2MEbc

Avatar utente
Alessandro Bono

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda Alessandro Bono » 23 mar 2010, 22:56

Se la tua strategia è quella giusta sarò felicissimo di seguirla, ma prima dimostrami che funziona. Fino ad oggi ho provato a metterla in pratica con risultati zero. E ti assicuro che abbiamo provato (e continueremo a farlo), non tanto per i professori quanto per gli studenti.

Avatar utente
Christian Tambasco

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda Christian Tambasco » 23 mar 2010, 23:03

la parola forgiare non mi piace né quando mi viene contro tantomeno quando si presume mi venga incontro, ma levarsi dalle palle no?! dico, a 1200 euro al mese ti si chiede di farti da parte non è male

dico la mia, chi vuole rendersi utile deve innanzitutto spogliarsi dei suoi titoli, deve partire da un esame di coscienza e questo vale per il prof come per chi fino all'altro ieri faceva buffi anche solo per le vacanze, ma il prof ha qualche responsabilità in più se permetti, qui i "non sapevo", "sta curva non l'avevo vista" non valgono anche fosse per soli 1200 euro ti sei reso complice e quando qualcuno dall'alto della sua ignoranza, ma anche dei suoi valori si fa carico di una battaglia come questa e tu prof, tu accademico, non esci allo scoperto, gli alibi svaniscono, si rivelano inconsistenti

ma anche questo è stato un bene alla fine perchè chi ha avuto il coraggio di dire basta lo ha fatto a prescindere da titoli perché chiunque può dire la sua qaundo si tratta della sua esistenza ed è per questo che sono fiero del fatto che alcuni PRIMITivi con la tua stessa laurea hanno deciso volutamente di omettere grafici e formule perché la verità è semplice da spiegare e da capire o almeno deve esserlo

tu vuoi che noi convinciamo i prof, per portarli dalla nostra perché la rivoluzione può avvenire solo dall'interno, così dicendo stai cercando di legittimare chi de facto si è de-legittimato da solo. I veri economisti, come li chiami tu, in quale buco si nascondono mentre noi mettiamo la faccia e la esponiamo alle pernacchie??? ahhh lo dicono a te che li hai messi davanti ad una funzione che gli chiarisce meglio le immagini del telegiornale.

Quindi se vuoi mettere la tua intelligenza ed esperienza al servizio della battaglia sociale che dici di condividere, bene e fallo da dove e come ritieni più opportuno, ma qui da noi si entra come persone. La rivoluzione culturale viene dall'esterno stavolta senza guide mi spiace, forse grillo può aiutarli noi no!

Avatar utente
keynesiano2

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda keynesiano2 » 23 mar 2010, 23:07

Per funzionare questa strategia ha bisogno degli insider. Non so al momento se e quanti primitivi siano iscritti all'università sono loro che devono sondare il terreno. Agli esterni viene data poca attenzione. Cmq prima di beccarmi un altro paio di fanculo volevo consigliare un'altra cosa. Non so se sia stato già fatto ma il volantinaggio nelle facoltà di economia è efficacissimo. Lo si potrebbe fare anche attraverso delle locandine. Tra i tanti lobotomizzati universitari qualcuno lo si sveglia sicuro.

Avatar utente
Christian Tambasco

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda Christian Tambasco » 23 mar 2010, 23:19

nessun fanculo si dice la nostra come tu la tua e se qualcosa ti ha offeso mi spiace, quanto ho detto era riferito a quanto hai detto non a te

per quanto concerne le facoltà come ti ha anticipato Alessandro al tempo e altri che frequentano al momento non si viene cagati né da dentro né da fuori

a roma in occasione di una 2 giorni alla città dell'altra economia si erano distribuiti più di 1000 volantini nella città universitaria sai quanti di qusti svegli si sono presentati...te lo lascio indovinare e stiamo parlando della città universitaria per eccellenza in quanto a numeri con facoltà che da sole all'anno contano decine di migliaia di iscritti

non è scortesia ma in questi 5 anni e + (perché il PRIMIT viene dopo tentativi di altri che lo hanno preceduto) è come te lo ha spiegato Alessandro se hai un metodo migliore applicalo e se vuoi chiamaci con qualcosa di concreto e questo non significa che noi non continueremo a tartassare la porta universitaria, ma la battaglia continua come sempre anche senza l'accademia che ad oggi ha dimostrato solo servilismo.

Ciao

Avatar utente
keynesiano2

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda keynesiano2 » 23 mar 2010, 23:21

Cristian il 90% dei prof non sono in malafede. Sono IGNORANTI. Nel senso che ignorano il problema. Ma non è colpa loro poichè i libri ripetono a mantra teorie del tutto sballate applicabili in contesti economici differenti con sovranità monetaria piena (mitici anni 60-70). Io li capisco poichè anche io avevo il cervello lobotomizzato da queste fottute teorie economiche imparate a mantra. Basta che la stampante passi di mano e tutte queste teorie sono carta straccia.

Avatar utente
keynesiano2

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda keynesiano2 » 23 mar 2010, 23:35

Christian 1000 volantini in una cittadina universitaria significa che in media solo il 50% è stato letto, di questo 50% solo il 20 % è giunto a studenti di economia, di questo 20% solo il 70% era potenzialmente interessato (> 2 anno). Totale circa 70 volantini potenzialmente a segno.
Ti dico come facevo io all'epoca in università: innanzitutto notavo il tipico studente un po + sveglio, lo fermavo e gli dicevo bla bla bla, avevo sempre i documenti ( grafici, dati ecc) per dimostrare tutto con me. Alla fine in media 8 su 10 si erano convinti e mi dicevano mi hai rovinato la vita, 1 su 10 mi seguiva e cominciava ad informarsi a fare domande scomode a spiegare il problema a parenti e amici.

Avatar utente
Alessandro Bono

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda Alessandro Bono » 23 mar 2010, 23:55

Keynesiano, spiegami una cosa, tu che non sei neanche iscritto ci vuoi insegnare a divulgare?

Almeno portassi qualche risultato...

Ma cosa ne sai di come i volantini sono stati distribuiti? Magari sono stati dati SOLO nella facoltà di economia. Magari chi si è accollato il volantinaggio si è anche fermato a parlare con ogni singolo studente. Magari...nel frattempo tu eri troppo impegnato a preparare gli esami per aiutare in qualche modo.


Se non hai nulla da mostrare fai una figura migliore restando in silenzio. Siamo stufi dei "secondo me dovresti...".

Fai e dimostra. Punto.

Avatar utente
Karlrex

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda Karlrex » 23 mar 2010, 23:58

da aria x aria

2 volte al giorno, quando entra e quando esce:lol:

Avatar utente
alec69

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda alec69 » 24 mar 2010, 0:24

Ho fatto vedere a mio padre, che ha 75 anni, diversi documentari sul signoraggio; e so che ne ha parlato e discusso parecchio con i suoi conoscenti, della sua età. Chissà quanto tempo ci metterà, la notizia, a diffondersi tra i pensionati.

Avatar utente
jena

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda jena » 24 mar 2010, 1:43

Ma tutta questa disponibilità tra gli accademici?!?

Io ho chiesto a dei professori di economia e i due che mi hanno risposto hanno più o meno gentilmente declinato l'invito a partecipare ad una conferenza sul signoraggio perché già impegnati. E non li avevo nemmeno informati sulle date!

Per quanto riguarda le associazione studentesche io ci sto provando, dimostrano interesse poi passati 5 minuti son di nuovo a discutere di quanto berlusconi sia cattivo.

..non so magari tu hai dei "grafici" particolarmente interessanti..

La domanda principale è: MA CHE UNIVERSITÀ HAI FATTO??????
Inoltre: dove sono sono tutti questi professori che hanno capito?
..che poi secondo me il professore di economia non è in buona fede: sa, tace e ne approfitta!

Avatar utente
Alessandro Bono

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda Alessandro Bono » 24 mar 2010, 9:21

alec69 ha scritto:Ho fatto vedere a mio padre, che ha 75 anni, diversi documentari sul signoraggio; e so che ne ha parlato e discusso parecchio con i suoi conoscenti, della sua età. Chissà quanto tempo ci metterà, la notizia, a diffondersi tra i pensionati.


Alec, questo è il tuo primo post. Se l'ho interpretato bene è assolutamente geniale.

sandropascucci
Messaggi: 13554
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda sandropascucci » 24 mar 2010, 10:00

> Ormai è un pò di tempo che ho teminato gli studi. Non vi nascondo che sto riprovando ad entrare in univ come ricercatore proprio per affrontare questo tema, ma i fondi per i ricercatori sono pochissimi e si piange miseria.

dicono che in banca pagano bene..

> Il sistema si combatte dall'interno.

echine n'andro che dopo 8 milioni di anni di esperimenti insider fallimentari ancora ce 'nsiste..

> Sarà dura. Se volete essere incisivi all'interno delle università dovete agire tramite le associazioni studentesche.

volete -> dovete -> fate -> dite così e non cosà.. e un bel BASTA© no? ennamo! nun tirà la corda..

> Spiegategli i vostri punti di vista e avrete la possibilità di organizzare convegni.

a' nostradamus..

> Tempo fa mi balenò l'idea di fare una fiera della verità in università, avevo le conoscenze e le amicizie per farlo ma alla fine sfumò tutto per i troppi impegni (5 esami + tesi in 6 mesi record) :( :( .

ancora DELLA, per dio? ANCORA CHE LA CHIAMANO FIERA DELLA VERITA' PER IL SANTISSIMO PATRONO DEI CIELI???
ma chi cazzo ve ce manna quà? che tariffa oraria applicate per ROMPERE I COGLIONI con queste squisitissime "piccole disattenzioni" ??

> Cmq ho affrontato parzialmente il tema del signoraggio nella tesi specialistica offrendo una mia visione di come risolvere la crisi economica tramite il signoraggio primario. Purtroppo non avendo un esame macroeconomico alla specialistica non ho potuto centrare in pieno l'argomento e mi sono arrampicato sugli specchi pur di parlarne in seduta di laurea.

bene, bravo.. e dove si puo' vedere tale lavoro?

> Ricordatevi che il 60% dei prof universitari sono ricercatori che prendono 1200 euro al mese, insegnano gratis, IGB non li prezzola tanto!!!!

io a 1200 euro ce metterei la firma pure per spalare merda alla gabbia degli elefanti..

> Contattateli.

ite! io ve lo impongo!

> Trovate i macroeconomisti sono loro che si occupano di queste cose.

li riconoscerete perché hanno una M grande sulla schiena. i microeconomisti son quelli invece che sotto la doccia si insaponano subito tra le cosce per nascondere il motivo del nomignolo..

> Però dovete muovervi in modo scientifico altrimenti vi mandano affanculo.

capito PRIMITivi? occorre un passo di 83cm, in armonia con la longitudite terrestre/32.000 x il numero di Keplero. mica puoi camminare come cazzo ti pare dentro un ateneo..

> Tanto scientificamente si giunge alle stesse conclusioni vostre. Basta usare un pizzico di lungimiranza e convincerete chiunque, anche Giavazzi e Tabellini (secondo me Tabellini in fondo è uno dei nostri).

com'è che mo' è "dei nostri" e non "dei vostri"?

- quà te se 'nculano, quò invece ce li inculamo.. ah no! quà te rompeno proprio.. questa invece ce la giochiamo e forse vinciamo noi.. beh no! qui hai fatto una cazzata.. son cazzi tuoi..
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13554
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda sandropascucci » 24 mar 2010, 10:11

keynesiano2 ha scritto:Christian 1000 volantini in una cittadina universitaria significa che in media solo il 50% è stato letto, di questo 50% solo il 20 % è giunto a studenti di economia, di questo 20% solo il 70% era potenzialmente interessato (> 2 anno). Totale circa 70 volantini potenzialmente a segno.
Ti dico come facevo io all'epoca in università: innanzitutto notavo il tipico studente un po + sveglio, lo fermavo e gli dicevo bla bla bla, avevo sempre i documenti ( grafici, dati ecc) per dimostrare tutto con me. Alla fine in media 8 su 10 si erano convinti e mi dicevano mi hai rovinato la vita, 1 su 10 mi seguiva e cominciava ad informarsi a fare domande scomode a spiegare il problema a parenti e amici.


ma così facendo solo il 5% del 1 su 10 da te fermato dimostrava di aver capito il 50% almeno (forse il 70%) di ciò che tu gli dicevi. il restante 20%, tolto un 3x1000 per le associazioni studentesche, non poteva sapere che lo 0,05%, anche senza TUS, e stiamo parlando di euro, perché col dollaro è tutto ribaltato (meno il 19% di IVA, deducibile del 27% lordo solo su base annua, però). quindi non rimane che 1/x dove x è il segno che lascio sul bagnasciuga der Circeo nei mesi di giugno, luglio e agosto. poi c'è da scontare il 10% se senza fattura.
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13554
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda sandropascucci » 24 mar 2010, 10:16

già mi vedo il prossimo iscritto alle pagine FB di mattia F e fotogian..

"salve, sono un ragazzo che viene dal forum dei signoraggisti alla pascucci. mi hanno insultato solo perché dicevo loro come fare e cosa dire e quando e, già che c'ero, anche a chi. il signoraggio come lo intendono loro è una bufala. se volete partecipo alla vostra pagina per smontare..blablapianginablabla"
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
enricogrosso
Messaggi: 1435
Iscritto il: 9 ago 2009, 8:38
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Abruzzo Marche Italy
azioni: manovalanza di piazza, volantinaggio in proprio, testimonianze videoriprese, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda enricogrosso » 24 mar 2010, 11:04

keynesiano2 ha scritto:Anche io nella mia carriera universitaria ho posto diverse domande ai prof. di economia sul Signoraggio. L'idea che mi sono fatto è essenzialmente che i prof universitari ignorano la reale situazione poichè sono legati alle nozioni apprese durante i loro studi. Io ne ho convinto almeno 3 sui 7 interpellati. Il consiglio che posso dare a tutti è quello di ragionare sui dati mettendo in evidenza le anomalie del sistema monetario (riserva obbligatoria, m3 inflazione, statuto banca d'italia), oggetto della mia tesi specialistica. Nei miei colloqui non ho mai pronunciato la parola signoraggio, erano sempre i prof a pronunciarla per primi poichè le argomentazioni e le anomalie enucleate portavano inevitabilmente a parlare di quello ed a non poter evadere l'argomento. I prof sono interessati a questi argomenti basta saperli porli in modo scientifico e non a chiacchiere politiche da bar. Createvi una scaletta tecnica con dati scientifici è semplicissimo alla fine i prof non potranno negare. :)


Carriera universitaria? Ebbene quale titolo hai acquisito, dove ti sei laureato, con quale relatore e quindi ti chiedo anche di presentami la tua tesi di laurea in modo che ne potremo discutere insieme. Con tutto il rispetto per l'idea che ti sei fatto tu sul fatto che i prof. universitari ignorano la reale situazione NON mi posso trovare d'accordo. Se sei riuscito a convincerne 3 su 7 di quelli che hai interpellato devi essere molto bravo e quindi devo farti i miei complimenti. I consigli che puoi dare (grazie comunque) li hanno già dati molti tuoi predecessori senza alcun riscontro e risultato pratico. La scaletta tecnica con dati scientifici, considerata l'esperienza che ci hai descritto, sicuramente tu l'hai già creata quindi perchè non la posti su questo forum così la possiamo discutere insieme.

P.S: di solito per essere più credibili è bene sempre presentarsi con nome e cognome (magari anche falsi se proprio uno ci tiene alla propria privacy)
“Il mondo non ricompensa onestà e indipendenza,bensì obbedienza e servilismo”
Enrico Grosso

Avatar utente
enricogrosso
Messaggi: 1435
Iscritto il: 9 ago 2009, 8:38
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Abruzzo Marche Italy
azioni: manovalanza di piazza, volantinaggio in proprio, testimonianze videoriprese, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda enricogrosso » 24 mar 2010, 11:06

alec69 ha scritto:Ho fatto vedere a mio padre, che ha 75 anni, diversi documentari sul signoraggio; e so che ne ha parlato e discusso parecchio con i suoi conoscenti, della sua età. Chissà quanto tempo ci metterà, la notizia, a diffondersi tra i pensionati.


Considerato lo spessore di questo primo post questo alec69 potrebbe essere keynesiano1 oppure keynesiano3... :lol:
“Il mondo non ricompensa onestà e indipendenza,bensì obbedienza e servilismo”
Enrico Grosso

Avatar utente
Alessandro Bono

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda Alessandro Bono » 24 mar 2010, 12:00

Enrico, è solo che non ne comprendi la sottile genialità.

Avatar utente
Umiltao

Re: Domande ad una professoressa di diritto ed economia.

Messaggioda Umiltao » 24 mar 2010, 13:46

keynesiano2 ha scritto:i libri ripetono a mantra teorie del tutto sballate applicabili in contesti economici differenti con sovranità monetaria piena (mitici anni 60-70)

Ma per favore! Basta puttanate™...!!! :evil: :evil: :evil:

Per fortuna che stai facendo il dottorato (in marcosabismo storico).

:cry: :cry: :cry:


Torna a “Libero scambio di opinioni sul SIGNORAGGIO”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono liberamente riproducibili purché sia citata e linkata la fonte (sono infatti rilasciati sotto una licenza Creative Commons BY-NC-SA 2.0) Il redattore non e' legalmente responsabile per i pensieri e le affermazioni espresse in questo blog dai visitatori. L'autore non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di errori in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su questo sito avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto. Questo sito non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 Comunque, Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. :: SE&O :: Salvo Errori et Omissioni "come scrivono le banche, in calce agli estratti conto, per evitare eventuali future azioni penali".