LA DITTATURA DEI BANCHIERI

Tutto quello che hai da dire sul signoraggio..
ps: tu parleresti mai seriamente con un tizio che indossa un passamontagna? Ecco perché devi essere iscritto al Forum per.. (no piangina, tnks)
sandropascucci
Messaggi: 12949
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

LA DITTATURA DEI BANCHIERI

Messaggioda sandropascucci » 27 nov 2010, 6:45

http://www.vocidallastrada.com/2009/11/ ... hieri.html

::
10 novembre 2009
LA DITTATURA DEI BANCHIERI
di Luis Alsò

“Il potere politico reale è esercitato a livello mondiale da un piccolo gruppo di individui senza scrupoli che si trovano negli USA, un paese governato da dirigenti di società segrete, che coincide con il fatto che sono i padroni delle sei banche principali. Questo piccolo gruppo dirigente costituisce il cervello che domina il mondo”
Luois De Brouwer, consulente dell’ ONU-UNESCO.

Nelle manifestazioni dello sciopero generale dello scorso 19 marzo in Francia, il manifesto principale recitava: “Il popolo prima dei banchieri”. Negli Stati Uniti, la furia popolare si è scatenata fino al punto di consigliare ai dirigenti bancari e dell’ AIG di non uscire per strada con nulla che possa identificarli. In Inghilterra si è anche scatenata la caccia al banchiere: Fred Goodwin, consigliere delegato della Royal Bank of Scotland, si trova in un domicilio sconosciuto, dopo essere stato minacciato. Il popolo, impoverito ed arrabbiato, comincia ad identificare il nemico.

I cittadini assistono stupefatti allo spettacolo di qualche governante che consuma fondi pubblici per salvare una banca che non risponde di fronte a loro, né di fronte a nessuno, sul destino del denaro che ricevono; dei governanti che sembrano impotenti o rassegnati di fronte a ciò. Il motivo di questa paralisi- sottomissione è perché, nella sua immensa maggioranza, sono messi lì da loro, che li coopta o finanzia le loro campagne elettorali (Sarkozy e Gordon Brown sono protetti dalla Banca Rostchild; e Obama è praticamente rapito da Wall Street); i pochi che restano sono strettamente “controllati”. Sono i governi, quindi, quelli che rispondono alle banche e non il contrario. D’altra parte, le banche centrali, teoricamente indipendenti, sono, in realtà, tentacoli del clan bancario per consolidare il loro potere mondiale, e non rispondono a nessuno né sono eletti democraticamente (l’analista messicano Alfredo Jalife Rhame si riferisce a loro come “la dittatura centralbancaria”)

Non esiste nelle costituzioni né nei programmi elettorali dei paesi con un’ economia di mercato nessuna legge o principio che dica che qualsiasi azienda privata può fallire con eccezione delle grandi banche, dato che- qualsiasi cosa abbiano fatto- “sono troppo importanti per farli cadere”. Una dichiarazione simile supporrebbe un’arbitrarietà ed una vulnerabilità delle regole di questa economia di mercato, salvo che si considerassero le banche riscattate come aziende semi-pubbliche, sotto controllo, quindi, dello Stato; ma nel neoliberismo la nazionalizzazione della banca è, per principio, esclusa. Ma lo slogan- non dichiarato- “prima la banca” è stato una regola d’oro dietro il comportamento di tutti i governi occidentali che saccheggiano senza pudore i fondi pubblici (non dovrebbero essere perseguiti per appropriazione indebita?) come se il salvataggio delle banche private costituisse una priorità sopra qualsiasi altro problema economico o sociale. Le reticenze per salvare la General Motors, azienda emblematica dell’ industria statunitense, contrastano con l’aiuto immediato e incondizionato ricevuto da Citibank, esempio perfetto di banster (banca gangster). Questo ingiusto salvataggio dei carnefici con denaro delle vittime, lasciando queste nel più completo abbandono, non ha precedenti nella storia delle moderne democrazie e svela che i governi neoliberali sono semplici strumenti di una, fino ad ora, camuffata, dittatura dei Banchieri (con maiuscola per riferirci alla grande banca, dato che la piccola viene assorbita da questa).

Il credito bancario accessibile è fondamentale per il funzionamento dell’economia produttiva capitalista. Il suo taglio brusco e prolungato- e l’inoperatività dei governi- sta lasciando migliaia piccole e medie aziende fallite e milioni di lavoratori disoccupati. Quando, dopo un lungo riscatto- la Banca d’ Inghilterra prevede una decade di risacca bancaria- il flusso tornerà, saranno spariti molti di quelli che ne avevano bisogno ed i danni economici e sociali saranno sostanziali e irreversibili. La recente riunione del G-20 che, presidiata da coloro che hanno creato la crisi (la volpe che protegge le galline!) si auto arroga la rappresentazione del pianeta, mantiene il principio “prima la banca” tra le altre misure per, previo trucco, rivitalizzare il sistema e impoverire ulteriormente il popolo. Come Lyndon Larouche dice, le ricette del G-20 “finiscono con il paziente”. Tutto questo giustifica il qualificato Juan Torres Lopez di “crimine contro l’umanità” applicato a questa politica.

Un po' di storia.

Il titolo di questo articolo corrisponde a dichiarazioni fatte più di un decennio fa. Però, nonostante il fallimento di Lehaman Brothers (piuttosto una strategica “demolizione controllata”) e l’assorbimento di Merrill Lynch, non ha perso nulla: il clan dei grandi banchieri continua ad essere, basicamente, lo stesso; e l' oscura setta Bildelberg guidata da loro, viene segnalata come “governo mondiale nell’ombra”. Recentemente Daniel Kaufman e Simon Johnson, ex economisti rispettivamente della Banca Mondiale e dell’ FMI, denunciavano un “colpo di Stato” della banca statunitense, che nell’ ultimo decennio ha corrotto i politici perché evitassero qualsiasi regolamentazione o controllo delle loro attività, favorendo l’apparizione di bolle speculative. Ma la storia di questo “golpe” viene da molto lontano.

Bisogna ritornare alla nascita della FED nel 1913, un'associazione di banche private che riesce ad avere il regime di importanti monopoli che erano prerogativa dello Stato. In precedenza, nel XIX secolo, la famiglia europea dei Rothschild era sbarcata negli USA per associarsi con John Rockefeller I e formare una potente lobby di grandi banchieri e industriali del paese. A inizio del XX secolo questo clan aveva installato lì diverse succursali di quello che chiamarono la Federal Reserve Banks (conosciuta come la FED), una associazione di banche private con una tale capacità di far pressione che in quell’anno ottenne l’autorizzazione del presidente Woodrow Wilson l’autorizzazione per emettere in esclusiva carta moneta con garanzia dello Stato e gestire ogni tipo d’interessi. Si dice che ogni presidente che ha cercato di cambiare questa insolita situazione è morto nell’intento. Quando, dopo la seconda guerra mondiale il dollaro sostituì l’oro diventando la moneta–standard, il potere economico- finanziario di questo gruppo di banchieri privati si espande a livello internazionale. Questo potere si moltiplica fino a diventare nella cima del potere capitalista mondiale quando, a partire dalla crisi degli anni '70, l’economia finanziaria si liberalizza (consenso di Washington) e il capitale finanziario passa a dominare tutta l’economia produttiva.

Come accennato in un altro lavoro, ogni potere economico finisce per convertirsi in un potere politico. In stretta alleanza con il potente complesso industriale-militare, la FED, in effetti, ha finito per controllare la politica interna ed estera della potenza più grande del mondo: gli Stati Uniti d’America. Già nel XIX secolo lo prediceva, con profetica lucidità, uno dei padri della patria nordamericana, Thomas Jefferson, quando, alla vista degli intrighi dei banchieri, avvisava: “Penso che le istituzioni bancarie siano più pericolose per le nostre libertà che interi eserciti pronti a combattere. Se il popolo americano permetterà un giorno che le banche private controllino la loro moneta, le banche e tutte le istituzioni che nasceranno intorno ad essi priveranno le persone di ogni possedimento, prima per mezzo dell’inflazione, seguita dalla recessione, fino al giorno in cui i loro figli si sveglieranno senza casa e senza un tetto sulla terra che i loro padri conquistarono”. Siamo in questa situazione: milioni di statunitensi dormono in tende o nelle macchine nelle lontananze dalle grandi città.

Per disarmare la dittatura

Come se si trattasse di un anti-Robin Hood, il G-20 cerca, con le sue ricette, di perpetuare la suzione criminale della ricchezza dal basso verso l'alto; cioè, rubare ai poveri per aiutare i ricchi. Questo finirà per portarci, come dicono alcuni analisti, ad una situazione neofeudale: tutti i diritti e tutto il potere economico concentrato in poche mani che sottomettono alla servitù all’immensa maggioranza della umanità. Credono di poter affogare la prevedibile ribellione con tecniche sofisticate di controllo sociale ed eliminando una buona parte di essa con un “caos controllato”. Di fronte a questi nuovi signori feudali- i quali, come quelli del Medio Evo, sono anche “signori della guerra”- portino a fine i loro criminosi propositi e consolidino la loro dittatura, dobbiamo far cadere i pilastri su cui il loro potere si basa.
Questi pilastri sono cinque: l'eradicazione delle banche pubbliche, la rete delle banche centrali pseudo-indipendenti, i paradisi fiscali, lo standard del dollaro e, in ultima istanza, il potere militare.

Cominciamo con quelli più problematici: i paradisi fiscali sono stati oggetto di una condanna formale durante l’ultimo summit del G-20, ma, nella pratica, continueranno a funzionare nei centri del potere finanziario, gli Stati Uniti ed l' Inghilterra. Ma, la coscienza del suo carattere criminale si estende nel mondo e, se persistiamo nella sua denuncia, sarà sempre più difficile continuare ad operare con essi. Per quanto riguarda il dollaro, attraversa anche una profonda crisi (la Cina allarmata ha chiesto di sostituirlo con “diritti speciali di prelevamento”, dell’ FMI al G-20) e, alla lunga, il suo ruolo è insostenibile per la mancanza di copertura e la proliferazione delle monete regionali o altri mezzi di scambio. Alcuni analisti - come il citato Jalife Rhame - pensano che la banca “anglosassone–israeliana” scatenerebbe una terza guerra mondiale se vedesse l’egemonia del dollaro direttamente minacciata. Tuttavia, questo era inevitabile, con la disumana mentalità di questi banchieri-guerrieri. Come dice Danielle Bleitrach, commentando un lavoro di Remy Herrera sul giornale Afrique-Asie “le dimensioni economiche e militari della crisi sono strettamente legate: la guerra aggrava gli squilibri dell’economia statunitense che l'alta finanza cerca di compensare attraverso il saccheggio e la guerra perpetua..”

Più fattibile, in modo immediato, sarebbe un’offensiva contro gli altri due pilastri, a partire con la rivendicazione di una banca pubblica senza scopo di lucro e democraticamente controllata. Come dicevamo inizialmente, la consapevolezza della responsabilità della banca privata rispetto alla grave crisi che attraversiamo si estende in tutti i paesi occidentali. L’indignazione non è circoscritta solo alle classi popolari ma anche ai piccoli e medi imprenditori, vittime dirette del taglio del credito. Anche se, prevedibilmente, i governanti presenteranno una tenace resistenza, non potrebbero mantenerla per molto tempo, dato che, man mano che aumenta la penuria, la pressione sociale li sopraffarebbe: si tratta semplicemente di esigere che il denaro delle nostre tasse venga in nostro aiuto e non in quello delle odiate banche. Si tratta, come dice Micheal Husson, di rivendicare il credito come un servizio pubblico. Il raggiungimento di questo obiettivo- per il quale bisognerebbe organizzare e mettere in azione tutte le forme di mobilitazione cittadina- sarebbe un siluro alla linea di galleggiamento della dittatura dei Banchieri. Faciliterebbe, inoltre, l’offensiva contro le banche centrali “indipendenti”, con le quali una banca nazionalizzata diventerebbe incompatibile; e, più tardi, contro i paradisi fiscali e le spese militari. Nell' UE questa mobilizzazione dovrebbe farsi su due fronti, quello nazionale e quello europeo; per tentare un coordinamento dopo con gli USA, dove l’indignazione cittadina è maggiore.

Recentemente l’ex congressista ed ex candidato presidenziale Ron Paul, uno dei pochi politici statunitensi che si è pronunciato per la chiusura della FED, affermando che è un' organizzazione segreta istituzionale: “Ci avviciniamo non ad un fascismo hitleriano, ma ad un altro di apparenza molto più soft, che si manifesta con la perdita graduale delle libertà civili, dove le corporazioni dirigono il tutto….ed il governo è nello stesso letto con il grande denaro”. Ha mancato di sottolineare una somiglianza con l'hitleriano: una fiducia cieca nella sua tenebrosa “agenda occulta”, questo neo-fascismo sogna anche con un impero che dura da mille anni. Ma come quello- e come tutti gli imperi- ci porterà, se non lo disarmiamo, ad uno scenario di barbarie e di distruzione.

Fonte: http://www.rebelion.org/noticia.php?id= ... banqueros-

Traduzione perVoci Dalla Strada di VANESA
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
curmino

Re: LA DITTATURA DEI BANCHIERI

Messaggioda curmino » 8 feb 2011, 23:22

Molto interessante a questo proposito, in quanto a Bildeberg e Commissione Trilaterale, é un documentario che si chiama Endgame, nel quale vengono ripresi alcuni personaggi chiave presiedere a questi incontri che sono di una riservatezza inconcepibile.

http://www.youtube.com/watch?v=G7J5AqdoCY0

Questo é il link del primo pezzo di 14 sottotitolato in italiano. La versione originale si può vedere integralmente:

http://www.youtube.com/watch?v=x-CrNlilZho


Del documentario trovo interessanti le riprese a distanza del congresso e le testimonianze del giornalista che vi ha partecipato in incognito.

Avatar utente
kasiacolagrossi
Messaggi: 2454
Iscritto il: 12 dic 2009, 14:28
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma e provincia
azioni: volantinaggio in proprio, grafica , costruzione e/o progettazione dei supporti, manovalanza di piazza,
Località: Castel Madama (RM)

Re: LA DITTATURA DEI BANCHIERI

Messaggioda kasiacolagrossi » 18 lug 2011, 2:01

sandropascucci ha scritto:
::
Recentemente l’ex congressista ed ex candidato presidenziale Ron Paul


a volte tornano... http://www.youtube.com/watch?v=-raar7Jy ... re=related
katarzyna edyta colagrossi

Avatar utente
melynu
Messaggi: 45
Iscritto il: 14 set 2010, 14:31
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: nozone
azioni: pagamento quota,volantinaggio,interventi sul web,discussioni in loco a tema.

Re: LA DITTATURA DEI BANCHIERI

Messaggioda melynu » 18 lug 2011, 16:41

kasiacolagrossi ha scritto:
sandropascucci ha scritto:
::
Recentemente l’ex congressista ed ex candidato presidenziale Ron Paul


a volte tornano... http://www.youtube.com/watch?v=-raar7Jy ... re=related

in stati uniti almeno c'e'un politico che dice qualcosa a riguardo (truffa delle banche),in italia non c'e'un coglione che si alza la mattina e punta il dito contro questi usurai.pochi giorni fa ad'esempio ,quando draghi ha detto che la manovra del governo non era abbastanza e che ci sarebbero voluti altri tagli,un politico serio si sarebbe alzato in piedi e gli avrebbe risposto:
perche'non ti tagli i coglioni e te li mangi.
invece tutti zitti .....e perche'?
perche'sono scelti e messi apposta per tenere il silenzio sul sistema.i soldi per pagare sicuramente non mancano al IGB.
mario melinu

Avatar utente
robertinox
Messaggi: 9
Iscritto il: 20 apr 2012, 14:25
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: signoraggio
azioni: interventi sul WEB,costruzione "cose", scrittura articoli

Re: LA DITTATURA DEI BANCHIERI

Messaggioda robertinox » 17 mag 2012, 15:23

ha scritto:http://www.vocidallastrada.com/2009/11/la-dittatura-dei-banchieri.html

::
10 novembre 2009
LA DITTATURA DEI BANCHIERI
di Luis Alsò
......... Alcuni analisti - come il citato Jalife Rhame - pensano che la banca “anglosassone–israeliana” scatenerebbe una terza guerra mondiale se vedesse l’egemonia del dollaro direttamente minacciata. Tuttavia, questo era inevitabile, con la disumana mentalità di questi banchieri-guerrieri. Come dice Danielle Bleitrach, commentando un lavoro di Remy Herrera sul giornale Afrique-Asie “le dimensioni economiche e militari della crisi sono strettamente legate: la guerra aggrava gli squilibri dell’economia statunitense che l'alta finanza cerca di compensare attraverso il saccheggio e la guerra perpetua..”

Fonte: http://www.rebelion.org/noticia.php?id= ... banqueros-

Traduzione perVoci Dalla Strada di VANESA


...ritengo personalmente il dollaro una moneta debito creata dalla stessa razza di ladrimerdeparassiti che creano l'euro. Sono monete che appartengono sempre a loro, e che controllano loro. Se vogliono sostenere una valuta lo fanno e basta.

Riporto quanto disse James Turk, analista e fondatore di Gold Money:

«Le Banche Centrali sono intervenute a sostenere il dollaro, e ne posso dare la prova. Quando le Banche Centrali intervengono sui mercati valutari, comprano dollari con le loro valute; poi usano i dollari per comprare titoli di debito di Stato USA, per lucrare un interesse. Questi titoli di debito acquisiti dalle Banche Centrali sono conservati in custodia presso la Federal Reserve, e questa ne riporta l’ammontare ogni settimana. Ebbene: al 16 luglio 2008, la Federal Reserve riportava di detenere 2.349 miliardi di dollari (2,35 trilioni) in Buoni del Tesoro custoditi per conto di stranieri. Tre settimane dopo, i titoli in custodia erano più di 2,4 trilioni. Il che, in un anno, fa una crescita del 38,4%. Dunque le Banche Centrali accumulano dollari ad un ritmo mai visto, ingiustificato rispetto al deficit commerciale americano. La conclusione logica è che stanno sostenendo il dollaro, per impedirgli di precipitare. Provocando un rialzo, non troppo difficile da ottenere visto l’effetto-leva usato dei fondi hedge».

sandropascucci
Messaggi: 12949
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: LA DITTATURA DEI BANCHIERI

Messaggioda sandropascucci » 26 giu 2012, 13:57

>
>
"Moneta salva con gli Stati Uniti d'Europa E la Germania va solo ringraziata"

Roma, 26 giugno 2012 - È CONVINTO che l’euro resisterà almeno nei prossimi 6 mesi, «semmai bisognerebbe domandarsi quanto costerà il salvataggio»; ritiene però che le decisioni che saranno prese nelle prossime due settimane siano «fondamentali» per evitare un «armageddon economico»; infine vede come unica ricetta finale la nascita degli Stati Uniti d’Europa, «una grande unione monetaria e fiscale». Loris Centola, economista di Ubs, dove è co-head del CIO Wealth Management Research, uno dei team di ricerca mondiali della banca svizzera, fa il punto sulla crisi che morde l’Eurozona.
Insomma, la moneta unica non salterà.

«Le nostre indicazioni sono a favore dell’euro. La Spagna che pensa a salvare le banche, Italia e Francia che spingono sulla crescita, la Germania che vuole più austerità. Si sta cercando di sopravvivere, di posticipare i problemi, di evitare un armageddon preparando ‘un’Arca di Noè’. Nel breve periodo molto dipenderà da quanto sarà deciso nei prossimi giorni, dalla rinegoziazione degli aiuti alla Grecia al vertice europeo, mentre nel lungo bisognerà arrivare agli Stati Uniti d’Europa».

Pensiamo negativo: l’euro salta. Scenario?

«Il crac della moneta unica sarebbe un evento senza precedenti. Diverso il discorso se a uscire fosse solo Atene: in Grecia ci sarebbe una fuga di capitali, una chiusura di conti correnti, una svalutazione di circa il 50% della dracma, banche che fallirebbero per mancanza di liquidità, azzeramento dei crediti e a cascata fallimenti di aziende e boom della disoccupazione».

Con conseguenze per tutti.

«Sì, violente, anche per i tedeschi. L’export europeo soffrirebbe, con perdita di domanda dall’estero, i tassi d’interesse salirebbero...».

E se crollasse ovunque?

«Effetti più distruttivi, ma quantificare costi e ricadute sociali non è facile: non ci sono precedenti».

Qualche ipotesi?

«Intanto, ci sarebbe una disgregazione di parte dei crediti e dei debiti in euro. Il sistema ‘Target2’ regolamenta le transazioni con la moneta unica, esportazioni e importazioni coinvolgendo la Banca centrale europea, le Banche centrali e commerciali degli Stati. La Germania ha crediti, come Olanda, Lussemburgo, Finlandia e c’è chi ha debiti: Italia, Spagna, Grecia. Se salta l’euro molti crediti non saranno ripagati con ripercussioni sulle banche e fallimenti».

Uno tsunami. Ma è tutta colpa della rigidità della Germania se l’Europa è nel tunnel?

«No, va ringraziata per quello che fa, basti pensare all’impegno nei fondi salva stati. Vero, dall’unione ha avuto vantaggi: se fosse rimasto il marco non avrebbe quote vicine al 50% di export in Europa...».

Salvare l’euro costa pure ai tedeschi, ma meno di quanto sborserebbero se ci fosse una disintegrazione dell’Ue.

«Stampare moneta, salvare le banche e così via ha un prezzo per tutti, ma per quanto si potrà continuare? Più si va avanti e più il costo aumenta. Serve una soluzione definitiva».

Gli Stati Uniti d’Europa?

«E’ indispensabile un’unica politica fiscale. In Eurolandia ci sono 17 Paesi ognuno con un conto economico. Ma c’è una sola Banca centrale che decide un tasso di interesse per tutti. Spesso è una media tra le varie esigenze che non soddisfa nessuno...».

E quindi?

«Ci vuole anche un governo centrale dove far confluire tutte le tasse dei Paesi e ridistribuire le risorse a seconda dei bisogni. A quel punto ci sarebbero gli eurobond e tutti sarebbero responsabili del debito».

Però qualcuno avrebbe più di quanto versa e qualcuno meno...

«Ma non succede già nelle singole nazioni? In Germania ci sono aree più ricche di altre, così in Italia e in Spagna. Ci identificheremmo come Europa. Lingua e costumi possono essere un problema, ma ce ne sono altri».

Quali?

«Il tempo. Per costruire l’unione bisognerebbe lavorare a lungo, cambiare leggi, intervenire sulle Costituzioni, non è semplice. Però è l’unica soluzione. Il messaggio che deve passare e arrivare ai nostri politici è uno: il tempo sta scadendo, bisogna prendere, finalmente, delle decisioni».

di Matteo Naccari





«La decisione che si sta paventando rispetto al futuro della moneta Euro da parte dei governanti europei (camerieri dei banchieri) è un po’ come la decisione che un paranoico egocentrico tirchiaccio adotta rispetto all’acquisto di un’arma da fuoco.

Non avendo le palle di ammettere di aver acquistato una cosa pericolosa ed essendo troppo tirchio per abbandonarla giustificherà il suo uso portandosela alla tempia e aprendo il fuoco. Il problema? La tempia è il popolo.» [sandropascucci, 2012]

Questo stanno facendo i governati europei (camerieri dei banchieri) rispetto all’Euro. Invece di ammettere che è stata una cazzata riunire popoli così divisi sotto una stessa moneta e puntando su questa come unico perno di aggregazione cosa fanno? Propongono un GOVERNO CENTRALE EUROPEO, UNA POLIZIA CENTRALE EUROPEA, UNA TASSAZIONE CENTRALE EUROPEA, UN CONTROLLO CENTRALE EUROPEO, ecc..

Come dire: ho una moneta. Che faccio? La butto o mi compro un portamonete e poi un paio di pantaloni dove mettere il portamonete e una sponda del letto dove poggiare i pantaloni e un comodino dove mettere il portamonete e una automobile dove poggiare le chiappe che sono nei pantaloni e che contengono il portamonete che contiene la moneta ecc..? e il box per mettere la macchina? E il portachiavi per le chiavi del box? E alla Fiera dell’Est, per due soldi..
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

ivanopino
Messaggi: 1412
Iscritto il: 10 ago 2009, 13:53
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Sicilia
azioni: contatti con altre "entità" (enti pubblici, associazioni, ecc.), ricerca sedi fisiche, allestimento di mostre, volantinaggio, oratore FdV, documentazione burocratica
Località: RG Sicilia

Re: LA DITTATURA DEI BANCHIERI

Messaggioda ivanopino » 29 gen 2013, 20:40

Ivano Pino


Torna a “Libero scambio di opinioni sul SIGNORAGGIO”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono liberamente riproducibili purché sia citata e linkata la fonte (sono infatti rilasciati sotto una licenza Creative Commons BY-NC-SA 2.0) Il redattore non e' legalmente responsabile per i pensieri e le affermazioni espresse in questo blog dai visitatori. L'autore non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di errori in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su questo sito avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto. Questo sito non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 Comunque, Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. :: SE&O :: Salvo Errori et Omissioni "come scrivono le banche, in calce agli estratti conto, per evitare eventuali future azioni penali".