dubbi sul signoraggio

Tutto quello che hai da dire sul signoraggio..
ps: tu parleresti mai seriamente con un tizio che indossa un passamontagna? Ecco perché devi essere iscritto al Forum per.. (no piangina, tnks)
Avatar utente
Umiltao

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda Umiltao » 4 nov 2010, 13:29

sandropascucci ha scritto: :D

uhuuuuuuuuuuuuuu :twisted:
ti controlliamo la mente :evil:
uhuuuuuuuuuuuuuu :ugeek:
guardaci.. guardaci.. :shock:
aò! eh guardace!! :P
uhuuuuuuuuuuuuuu :twisted:

E' per caso una tecnica spam-spetsnaz®...??? :D :D :D

mr.spyder
Messaggi: 2442
Iscritto il: 9 ago 2009, 10:14
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: palermo - messina
azioni: volantinaggio,donazioni,
organizzazione eventi,sbus,
idee,manovalanza,
condivisione beni e servizi
fra PRIMITivi o volenterosi
a consapevolizzarsi sullla
moneta debito
Località: palermo - messina

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda mr.spyder » 5 nov 2010, 14:02

Marco Lerda ha scritto:
Per il discorso delle banche commerciali ho spiegato come funziona per quanto ne so io,
...omissis....
Il mio atteggiamento è quello di chi sa un po'di cose



LA SOLUZIONE E' TUTTA QUI!

il 99,99% della popolazione italiana SA che la banca d'Italia è dello stato italiano!

E QUESTO E' SBAGLIATO!!

quindi ....semplicemente...TU SBAGLI©!!

a risentirci quando avrai finito di STUDIARE il forum...

...per altro non dovremo neanche risentirci,visto che (poi) non DOVRESTI più avere dubbi sul signoraggio!parafrasando il titolo del thread
Antonio Prezia, detto spyder... anche se non è importante chi sei,ma cosa vuoi fare per cambiare il mondo.

Avatar utente
Marco Lerda

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda Marco Lerda » 5 nov 2010, 15:36

mr.spyder ha scritto:
Marco Lerda ha scritto:
Per il discorso delle banche commerciali ho spiegato come funziona per quanto ne so io,
...omissis....
Il mio atteggiamento è quello di chi sa un po'di cose



LA SOLUZIONE E' TUTTA QUI!

il 99,99% della popolazione italiana SA che la banca d'Italia è dello stato italiano!

E QUESTO E' SBAGLIATO!!

quindi ....semplicemente...TU SBAGLI©!!

a risentirci quando avrai finito di STUDIARE il forum...

...per altro non dovremo neanche risentirci,visto che (poi) non DOVRESTI più avere dubbi sul signoraggio!parafrasando il titolo del thread


Siccome (a quanto ne so) la maggior parte degli utili di banca italia vanno allo stato,
se parliamo di guadagno sul signoraggio dobbiamo dire che va allo stato.
Che poi la partecipazione azionaria sia delle banche privata perde significato.

Avatar utente
sergioloy

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda sergioloy » 5 nov 2010, 16:02

il signoraggio che va allo stato sono gli interessi (e neanche tutti dato che una parte piccola, ma comunque presente, rimane a bankitalia). il capitale vien bruciato probabilmente, ma ciò che conta è il debito che lo stato contrae. nessuno di noi dice che il capitale viene intascato. ma non è restituito allo stato in quanto non contabilizzato. e questo è limpido anche da bilancio, sarebbe un controsenso. ma a noi frega relativamente il cazzo di questo, ti si sta dicendo che il grosso della questione è sulle banche commerciali.

questo documento potrà essere utile:

viewtopic.php?f=9&t=150&p=22151#p22151

Avatar utente
Alessandro Bono

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda Alessandro Bono » 5 nov 2010, 16:27

Il gioco dell'indebitamento "interessi free" (poiché restituiti) serve solo a far sì che dei soggetti non politici (banchieri centrali) facciano politica tramite la moneta.

L'assetto proprietario perde di significato non per la storia degli interessi, ma perché anche dove è pubblico al 100% a prendere le decisioni di politica monetaria sono sempre persone non elette e che quindi non rappresentano nessuno se non loro stesse e l'ambiente bancario di cui fanno parte.

Senza considerare che qua si continuano ad usare parole a sproposito: sulla moneta cartacea non c'è guadagno per lo Stato, al limite pareggio.

E conta eccome se parliamo di banche commerciali o imprese proprio perché i soldi che le banche commerciali pagano di interessi gli vengono dati dallo Stato stesso quando riscatta i bot.

Poi, se uno non vuole capire non capisce.

Avatar utente
Marco Lerda

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda Marco Lerda » 5 nov 2010, 17:36

sergioloy ha scritto:il signoraggio che va allo stato sono gli interessi (e neanche tutti dato che una parte piccola, ma comunque presente, rimane a bankitalia). il capitale vien bruciato probabilmente, ma ciò che conta è il debito che lo stato contrae. nessuno di noi dice che il capitale viene intascato. ma non è restituito allo stato in quanto non contabilizzato. e questo è limpido anche da bilancio, sarebbe un controsenso. ma a noi frega relativamente il cazzo di questo, ti si sta dicendo che il grosso della questione è sulle banche commerciali.

questo documento potrà essere utile:

viewtopic.php?f=9&t=150&p=22151#p22151


Ci mancherebbe che lo stato esigesse anche il capitale indietro.
Quindi il signoraggio primario è archiviato perchè non vi interessa più.
Per il secondario quindi bache commerciali ho postato sopra un esempio che secondo me è molto chiaro. Dove sbaglio?

Avatar utente
Marco Lerda

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda Marco Lerda » 5 nov 2010, 17:43

Alessandro Bono ha scritto:Il gioco dell'indebitamento "interessi free" (poiché restituiti) serve solo a far sì che dei soggetti non politici (banchieri centrali) facciano politica tramite la moneta.
L'assetto proprietario perde di significato non per la storia degli interessi, ma perché anche dove è pubblico al 100% a prendere le decisioni di politica monetaria sono sempre persone non elette e che quindi non rappresentano nessuno se non loro stesse e l'ambiente bancario di cui fanno parte.

Se vogliamo perlare di potere di chi fa politica monetaria ne possiamo parlare ma adesso sono concentrato a capire se c'è e dov'è la truffa.
Alessandro Bono ha scritto:
Senza considerare che qua si continuano ad usare parole a sproposito: sulla moneta cartacea non c'è guadagno per lo Stato, al limite pareggio.

Semplificando. Se chiedo 100€ in prestito alla mia banca e lei non li ha e quindi li fa creare alla banca centrale. Su qui 100€ lo stato guadagna circa il tasso di sconto
Alessandro Bono ha scritto:
E conta eccome se parliamo di banche commerciali o imprese proprio perché i soldi che le banche commerciali pagano di interessi gli vengono dati dallo Stato stesso quando riscatta i bot.

Poi, se uno non vuole capire non capisce.


Quest'ultima frase non l'ho capita

Avatar utente
domenico.damico

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda domenico.damico » 5 nov 2010, 18:18

Ora vediamo se rispondi tu ad una domanda, Marco:

se tu fossi il presidente (pure dittatore và, così devi decidere da solo...semplifichiamo) di un nuovo Stato che deve cominciare OGGI la propria vita economico-politico-sociale.
Hai un territorio devastato, distrutto, da ricostruire.
Hai scuole da costruire, strade da progettare e mettere in opera, reti ferroviare da mettere a terra, reti elettriche, dighe da innalzare etc.

Hai tante professionalità a disposizione: muratori, operai, ingegneri, architetti, fisici, scienziati, insegnanti, che si vogliono adoperare per cominciare a fare le cose.

Il territorio, pur devastato, è ricco di risorse naturali, diciamo quelle che ti servono.

Non hai moneta però. E non sai che fare.

Stranamente in strada, proprio sotto il tuo appartemento con poltrone in pelle umana-ecologica, c'è in attesa da qualche giorno in un camper di extra lusso (mica quello del Primit...) un manipolo di banchieri che ti offrono i loro servigi: moneta-debito a volontà per i tuoi enormi investimenti iniziali, al misero tasso del 3%.

Nella tua stanza presidenziale invece c'è un bambino, sveglio, intelligente e innocente che ti suggerisce una cosa apparentemente spiazzante:

" Ma se stampassimo la moneta per conto nostro? "

Tu cosa faresti?

Aspettiamo una tua risposta articolata e LOGICA.

Avatar utente
Umiltao

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda Umiltao » 6 nov 2010, 13:27

Marco Lerda ha scritto:Ci mancherebbe che lo stato esigesse [dalla Banca Centrale] anche il capitale indietro.
E perché mai non potrebbe? Che succede sennò? Per caso Draghi manda la Finanza da Tremonti?
Sai che ridere se in Germania Weber la mandasse da Schäuble, visto che la Bundesbank è pure di proprietà dello Stato?

Marco Lerda ha scritto:Quindi il signoraggio primario è archiviato perchè non vi interessa più.
Sei matto? Ci interessa ancora. A quanto lo vendi?

Marco Lerda ha scritto:Per il secondario quindi bache commerciali ho postato sopra un esempio che secondo me è molto chiaro. Dove sbaglio?
Sbagli©.
Non ti rispondo perché hai già ricevuto informazioni e consigli su cosa fare a bennate.

Marco Lerda ha scritto:Se vogliamo perlare di potere di chi fa politica monetaria ne possiamo parlare ma adesso sono concentrato a capire se c'è e dov'è la truffa.
Traduzione: per fare un po' di salotto lo possiamo fare, ma per ora non disturbatemi che devo continuare a trolleggiare sul forum, invece di iniziare a studiarmi il materiale a disposizione sul forum stesso e prima di sindacare a destra e a manca senza cognizione di causa alcuna.

Marco Lerda ha scritto:Quest'ultima frase non l'ho capita
Meglio.




Replica prima a Domenico al precedente post, se replicar vuoi.

mr.spyder
Messaggi: 2442
Iscritto il: 9 ago 2009, 10:14
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: palermo - messina
azioni: volantinaggio,donazioni,
organizzazione eventi,sbus,
idee,manovalanza,
condivisione beni e servizi
fra PRIMITivi o volenterosi
a consapevolizzarsi sullla
moneta debito
Località: palermo - messina

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda mr.spyder » 6 nov 2010, 14:20

la vogliamo smettere di replicare,e diamo il tempo a marco di STUDIARE sul forum così da evitare di perdere altro tempo tutti o no???

....

....ci "vediamo" fra 6 mesi!....o mai più!
Antonio Prezia, detto spyder... anche se non è importante chi sei,ma cosa vuoi fare per cambiare il mondo.

Avatar utente
Umiltao

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda Umiltao » 6 nov 2010, 15:04

:lol: :lol: :lol:

Ma io sto giocherellando, anche se m a t e m a t i c a m e n t e !
E lui non è certo obbligato a continuare a scrivere le sue IGB©-minchiate qui, solo per il fatto che gli replichiamo.

Avatar utente
sandropascucci
Messaggi: 13568
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda sandropascucci » 8 nov 2010, 10:06

Marco Lerda ha scritto:Quindi il signoraggio primario è archiviato perchè non vi interessa più.


tic..tac..tic..tac..
hai rotto i coglioni a DECIDERE per TUTTI gli ALTRI.

occhio..
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
Marco Lerda

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda Marco Lerda » 8 nov 2010, 10:23

domenico.damico ha scritto:Ora vediamo se rispondi tu ad una domanda, Marco:

se tu fossi il presidente (pure dittatore và, così devi decidere da solo...semplifichiamo) di un nuovo Stato che deve cominciare OGGI la propria vita economico-politico-sociale.
Hai un territorio devastato, distrutto, da ricostruire.
Hai scuole da costruire, strade da progettare e mettere in opera, reti ferroviare da mettere a terra, reti elettriche, dighe da innalzare etc.

Hai tante professionalità a disposizione: muratori, operai, ingegneri, architetti, fisici, scienziati, insegnanti, che si vogliono adoperare per cominciare a fare le cose.

Il territorio, pur devastato, è ricco di risorse naturali, diciamo quelle che ti servono.

Non hai moneta però. E non sai che fare.

Stranamente in strada, proprio sotto il tuo appartemento con poltrone in pelle umana-ecologica, c'è in attesa da qualche giorno in un camper di extra lusso (mica quello del Primit...) un manipolo di banchieri che ti offrono i loro servigi: moneta-debito a volontà per i tuoi enormi investimenti iniziali, al misero tasso del 3%.

Nella tua stanza presidenziale invece c'è un bambino, sveglio, intelligente e innocente che ti suggerisce una cosa apparentemente spiazzante:

" Ma se stampassimo la moneta per conto nostro? "

Tu cosa faresti?

Aspettiamo una tua risposta articolata e LOGICA.



Supponendo che il manipolo di banchieri crei moneta debito proprio come succede oggi nella realtà, non avrei alcun problema a chiederla a loro siccome gli interessi che pagherò mi ritornerenno quasi totalmente dalla tassazione del reddito da signoraggio di tali banchieri.
Se vogliamo guardare la cosa ad un livello un po'più astratto:
1) se emetto titoli di stato e li do alla BC in cambio di moneta sono indebitato con la BC e la BC è indebitata (anche se inesigibile) con i cittadini che detengono moneta, quindi sono indebitato indirettamente con i cittadini
2) se emetto titoli di stato e i cittadini li usano come moneta sono indebitato con i cittadini
3) se batto moneta sono indebitato (anche se inesigibile) con i cittadini

Qualunque soluzione quindi prevede un indebitamento dello stato. E secondo me è giusto perchè se lo stato spende di più di ciò che incassa si indebita. Saranno le tasse future a pagare il debito.
Il cittadino ottiene subito i servizi, ma prima o poi li deve pagare (con le tasse).
Qualcuno del resto li deve pagare questi servizi. Stampando denaro non si crea ricchezza.

Avatar utente
sandropascucci
Messaggi: 13568
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda sandropascucci » 8 nov 2010, 10:30

> Supponendo che il manipolo di banchieri crei moneta debito proprio come succede oggi nella realtà, non avrei alcun problema a chiederla a loro siccome gli interessi che pagherò mi ritornerenno quasi totalmente dalla tassazione del reddito da signoraggio di tali banchieri.

dai su.. nun c'arriva..

> Se vogliamo guardare la cosa ad un livello un po'più astratto:
1) se emetto titoli di stato e li do alla BC in cambio di moneta sono indebitato con la BC e la BC è indebitata (anche se inesigibile) con i cittadini che detengono moneta, quindi sono indebitato indirettamente con i cittadini


Assurdo dire che il nostro paese può emettere $30,000,000 in titoli ma non $30,000,000 in moneta. Entrambe sono promesse di pagamento; ma una promessa ingrassa l'usuraio, l'altra invece aiuta la collettività
[Thomas Edison - New York Times, 1921]

ma io boh.. d.c.
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
domenico.damico

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda domenico.damico » 8 nov 2010, 12:58

La mia richiesta era di una risposta ARTICOLATA E LOGICA.

Direi che non ci siamo proprio.

Avatar utente
sandropascucci
Messaggi: 13568
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda sandropascucci » 8 nov 2010, 13:07

ma la sua è m a t e m a t i c a m e n t e
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
Umiltao

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda Umiltao » 8 nov 2010, 13:54

Massì, è il solito blocco mentale per cui non si concepisce la possibilità di avere qualcosa gratuitamente.
E' "solo" un problema di sodomizzazione sessuale sudditanza psicologica.
E' come per quelli alla fotogian, solo che in casi come questi diventa una psicosi e una ragione di vita, a differenza del resto del popolino.
Un "colto" e laureato mi disse tempo fa alzando la voce seccatissimo: "Un prestito creato dal nulla non è una truffa perché sta sempre all' interno di un quadro giuridico".
Come dire: "Dio non esiste, ma c' è un altro Dio che lo giustifica".
Si deve sempre giustificare una riserva con un' altra riserva e così via all' infinito.
Alla fine è solo perché manca il coraggio di capire che chi crea il valore è la persona umana e basta.

Comunque, se può essere d' aiuto a Marco (mie note in blu):

Marco Lerda ha scritto:Supponendo che il manipolo di banchieri crei moneta debito dal nulla proprio come succede oggi nella realtà dal nulla, non avrei alcun problema a chiederla a loro tipografi siccome gli interessi che pagherò mi ritornerenno quasi totalmente dalla tassazione del reddito da signoraggio [falsissimo! Studia le discussioni sul forum, per "dio"!!!™] di tali banchieri tipografi.
Se vogliamo guardare la cosa ad un livello un po'più astratto:
1) se emetto titoli di stato e li do alla BC tipografa in cambio di moneta sono indebitato dal nulla con la BC tipografa e la BC tipografa è indebitata (anche se inesigibile e quindi essa non pagherà mai, è un ladro per legge) con i cittadini che detengono moneta [falso, vedi forum], quindi sono indebitato indirettamente con i cittadini [falso, vedi forum]
2) se emetto titoli di stato e i cittadini li usano come moneta sono indebitato con i cittadini [falso, ma non capisci che hai la parola «debito» inculcata nel cervello?!?]
3) se batto moneta sono indebitato (anche se inesigibile e idem come per la BC, vedi sopra) con i cittadini [Falso. Sono i cittadini a stamparsi da sè la moneta tramite il loro rappresentante, il fantasma giuridico «Stato». Spero non sia una perla ai porci anche questa]

Qualunque soluzione quindi prevede un indebitamento dello stato [perché non sai immaginarti altro: sei mentalmente POVERO.]. E secondo me è giusto perchè se lo stato spende di più di ciò che incassa si indebita con una tipografia. Saranno le tasse future a pagare il debito con la tipografia.
Il cittadino ottiene subito i servizi, ma prima o poi li deve pagare (con le tasse) alla tipografia.
Qualcuno del resto li deve pagare questi servizi, ma non a una tipografia, però.
Stampando denaro non si crea ricchezza. Complimenti per aver appena detto l' opposto di quanto affermi prima, poiché in virtù di questo non ha senso essere indebitati con una tipografia.
Comunque è falso ugualmente: il valore alla moneta stampata da una tipografia viene dato dall' accettazione-convenzione collettiva, non dal fatto che sono stati prodotti beni e servizi da qualche parte, quindi si crea ricchezza già senza beni e servizi ed è proprio ciò che fa da sempre il Sistema Bancario Tipografo illecitamente grazie alla proverbiale stupidità/ignoranza della massa. Questa ricchezza monetaria, duplicato in valore dei beni e dei servizi misurabili SUL MERCATO con la moneta stessa, deve rimanere di proprietà e di utilizzo esclusivo della collettività che ne ha creto il valore. E con la moneta si misura la ricchezza prodotta grazie alla stessa misurazione monetaria: infatti se non avevi moneta non potevi produrre alcunché di beni e servizi a livello di comunità, proprio perché sarebbero stati beni e servizi non scambiabili via semplice baratto.
La moneta smette di essere ricchezza dal momento in cui non viene più accettata, come qualsiasi altro bene o servizio.

mr.spyder
Messaggi: 2442
Iscritto il: 9 ago 2009, 10:14
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: palermo - messina
azioni: volantinaggio,donazioni,
organizzazione eventi,sbus,
idee,manovalanza,
condivisione beni e servizi
fra PRIMITivi o volenterosi
a consapevolizzarsi sullla
moneta debito
Località: palermo - messina

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda mr.spyder » 8 nov 2010, 14:26

ok Marco,
dopo questo ultimo post di Vito, o lo capisci (è spiegato come ad un bambino),o sei un TROLL/FAKE,...o sei intrinsecamente troppo schiavo da non riuscire a vedere le catene che ti legano....
...come,come??....credevi fossero utili braccialetti anti smarrimento??....
Antonio Prezia, detto spyder... anche se non è importante chi sei,ma cosa vuoi fare per cambiare il mondo.

Avatar utente
Marco Lerda

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda Marco Lerda » 8 nov 2010, 19:21

Umiltao ha scritto:Massì, è il solito blocco mentale per cui non si concepisce la possibilità di avere qualcosa gratuitamente.

La gratuità è una questione di punto di vista. Se qualcosa è gratuito per te significa che qualcuno lo sta pagando per te. Non esiste la gratuità di per se stessa.

Umiltao ha scritto:Il cittadino ottiene subito i servizi, ma prima o poi li deve pagare (con le tasse) alla tipografia.
Qualcuno del resto li deve pagare questi servizi, ma non a una tipografia, però.

Le tasse vanno allo stato e non alla BC. Quindi lo stato si indebita per dare più servizi di quelli che può permettersi. Poi salda i suoi debiti con tasse future.
Se stampasse denaro darebbe dei servizi senza pagarli. Com'è possibile? Semplice aumenterebbe l'inflazione e i cittadini pagherebbero la tassa virtuale derivata dal fatto che la moneta che ha dato loro lo stato perderebbe valore.
Quindi qualcuno paga sempre.
Umiltao ha scritto:La moneta smette di essere ricchezza dal momento in cui non viene più accettata, come qualsiasi altro bene o servizio

La moneta non è mai ricchezza perchè se così fosse basterebbe stamparne di più per essere più ricchi.

Luca Mencaroni
Messaggi: 804
Iscritto il: 1 giu 2010, 3:21
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Perugia e dintorni
azioni: manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, su carta stampata, azioni folkloristiche, documentazione burocratica, contatti con altri "entità" (associazioni, enti, strutture..)
Località: Perugia

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda Luca Mencaroni » 8 nov 2010, 21:08

Marco Lerda ha scritto:La gratuità è una questione di punto di vista. Se qualcosa è gratuito per te significa che qualcuno lo sta pagando per te. Non esiste la gratuità di per se stessa.

Non sempre, soprattutto in questo caso.
Se noi ci mettiamo d'accordo gratuitamente che un pezzo di carta valga 500€, chi è che deve pagare per questa convenzione?
Luca Mencaroni - Perugia

Avatar utente
Umiltao

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda Umiltao » 8 nov 2010, 21:21

Marco Lerda ha scritto:
Umiltao ha scritto:Massì, è il solito blocco mentale per cui non si concepisce la possibilità di avere qualcosa gratuitamente.

La gratuità è una questione di punto di vista. Se qualcosa è gratuito per te significa che qualcuno lo sta pagando per te. Non esiste la gratuità di per se stessa.

Chi lo sta pagando? Ripeto, ti dimostri POVERO, ARIDO. Ti manca la fantasia, oltre che essere a-scientifico. Si vede che queste tue parole sono forzate.
Se io Stato mi creo moneta e pago beni e servizi a chi lavora per me ottengo una gratuità del servizio pubblico, perché questo pagamento è fatto senza togliere moneta preventivamente ad alcuno, un po' come quando il Sistema Bancario presta.

Avrebbe forse senso che la Terra si indebiti con Vulcan, ma non che uno Stato si indebiti con se stesso o con un tipografo per legge, come accade tutt' ora.

Sbarakkitalia stessa dichiara che il battere moneta è una funzione sovrana, cioè matematicamente S T A T A L E. E pure con un Draghi Cattivone™ Mangia Bambini Poco Liberali e Liberisti ORA!™ al timone di comando.

Hai un pessimo rapporto psicologico con lo Stato, oltre che con la logica.

Infatti quello che hai scritto è puro copia-incolla da altri siti gestiti da dei pazzi, i quali negano evidenze che nemmeno i banchieri osano negare, quali la creazione dal nulla di moneta e la possibilità che uno Stato si crei la sua moneta.

Le puttanate che scrivi sono inculcate apposta dall' Accademia Universitaria per far adorare l' unico sistema monetario che va comodo al Sistema Bancario. Cioè al Padrone.

Ogni livello "[in]culturale" ha il suo specifico panem et circenses. DA SEMPRE. SVEGLIATI.

C' è chi ha il calcio e chi le puttanate accademiche.


Marco Lerda ha scritto:
Umiltao ha scritto:Il cittadino ottiene subito i servizi, ma prima o poi li deve pagare (con le tasse) alla tipografia.
Qualcuno del resto li deve pagare questi servizi, ma non a una tipografia, però.

Le tasse vanno allo stato e non alla BC. Quindi lo stato si indebita per dare più servizi di quelli che può permettersi. Poi salda i suoi debiti con tasse future.
Se stampasse denaro darebbe dei servizi senza pagarli. Com'è possibile? Semplice aumenterebbe l'inflazione e i cittadini pagherebbero la tassa virtuale derivata dal fatto che la moneta che ha dato loro lo stato perderebbe valore.
Quindi qualcuno paga sempre.

Dato che tutta™ la massa monetaria nel tuo esempio proviene dalla Banca Centrale (o dal Sistema Bancario in generale) indebitandosi con essa dal nulla, ogni servizio ANTICIPATO COI PAGAMENTI dalla Banca Centrale dovrà essere rifuso alla stessa [cfr. sconto fatture privatistico]. Quindi la tassazione non è altro che un modo per restituire la moneta alla Banca Centrale, non ha importanza se in maniera dilazionata e al contempo pagando la spesa pubblica in parte.
Se stampasse denaro da sè, lo Stato pagherebbe DIRETTAMENTE i servizi pubblici facendoli così BANALMENTE diventare gratuiti e senza dar da mangiare ai ladroni della Banca Centrale, dato che nel tuo esempio sono dei puri tipografi privati.

Ma perché io Stato devo auto-indebitarmi con un mio fantasma giuridico tipografico o indebitarmi con un fantasma giuridico tipografico privato solo per avere dei pezzi di carta?

"Dire che uno stato non può perseguire i suoi scopi per mancanza di denaro è come dire che un ingegnere non può costruire strade per mancanza di chilometri..."
[Ezra Pound]


L' inflazione non è data dalla massa monetaria in aumento, ma dall' aumento dei costi.

La Banca Centrale prestando e caricando pure di interessi non fa altro che aumentare i costi e pure dal nulla (la stupidità e l' autolesionismo al quadrato), sia del settore pubblico che del settore privato.

Ergo è proprio la tua bellissima Banca Centrale a creare inflazione per definizione.

Inoltre c' è il fatto incredibile che la Banca Centrale previene l' ipotetica perdita di potere d' acquisto SUL MERCATO dei cittadini - dovuta all' aumento della massa monetaria e conseguente ipotetico aumento della domanda di beni e servizi - togliendo in anticipo la massa monetaria stessa, cioè impedendo di spendere, proprio per il fatto che tocca restituire la moneta alla Banca Centrale e in più con gli interessi.
E questa restituzione è reale e certa, non ipotetica. Come qualsiasi debito ESIGIBILE.

Si chiama «inflazione preventiva©».

"L' attuale Sistema Bancario è un baluardo contro l' inflazione: ti deruba prima col debito per evitare che tu vada dopo al bar da sprovveduto a farti impoverire con l' aumento dei prezzi."
[Vito Zuccato, 2009]

"Dire che il passaggio del potere di emettere moneta dall'attuale Banca Centrale (privata) allo Stato (pubblico) genera inflazione è come dire che fabbricare automobili con motore elettrico, invece che a benzina, genera traffico."
[Sandro Pascucci, 2005]

"La Banca d’ Italia dice che deve combattere l’ inflazione. Che vuol dire combattere l’ inflazione? Rendere la moneta più rara. E’ come dire che il ladro rende al derubato, come corrispettivo del furto, il servizio di fare più rara la moneta nelle sue tasche. Perché fare più rara la moneta è la conseguenza di ogni prelievo, anche di quello che fa il ladro."
[Giacinto Auriti]

Non conta alcunchè il fatto che la Banca Centrale restituisca gli interessi allo Stato poichè lo Stato gli ha già pagati prima, facendo così aumentare comunque i costi via tasse aumentate per pagarli. E' come il ciclo dell' IVA.
Saldo zero non fa rima con costo zero. E' a costo zero solo quello che non viene pagato, come nel caso di un regalo o di un' emissione statale di moneta dal nulla usata per retribuire una prestazione di servizio pubblico. Eccetto che per gli economisti da strapazzo.

Il saldo zero tra Banca Centrale e Stato nel caso italiano reale è pura fantasia, comunque. Ti ho dato il link, ma tu continui a dire le tue stupidaggini da copia-incolla acritico.

Inoltre sono affari del privato e del mercato se i prezzi aumentano perché il primo ha la smania di spendere.

In regime di libero mercato (capitalismo) è impossibile combattere l' inflazione (che poi occorre precisare di che tipo, ce ne sono di diversi tipi descrivibili), dato che il sistema capitalistico è autoinflattivo: i salari impattano direttamente sulla formazione dei prezzi essendo dei costi puri, quindi è un cane che si mangia la coda.

Inoltre per avere inflazione zero occorre il Comintern e l' abolizione dei fantasmi giuridici privati: facoltà di decidere a tavolino sia i prezzi che i salari e conseguente abolizione di ogni tipo di mercato.

Infine, nota di colore, proprio questo personaggio, diplomato in ragioneria e laureato in economia [il top dei top per essere pro-IGB©]:
Umiltao ha scritto:Un "colto" e laureato mi disse tempo fa alzando la voce seccatissimo: "Un prestito creato dal nulla non è una truffa perché sta sempre all' interno di un quadro giuridico".
mi disse quando saltò fuori la solita storia dell' inflazione:
"NO NO NO NO!!!™ Che cazzo dici!!!™ Stai zitto e muto!!!™ IO© sono PRO INFLAZIONE!!!!!!® Sono tutte baldraccate quelle che l' inflazione fa male. Magari ci fosse! Se inflazioni dai la possibilità di spendere alla gente, sennò crepa. E' peggio la deflazione di Trichet e di certa economia accademica!!!!Ⓚ
L' unica cosa è che sono stronzate da complottista quelle sul signoraggio. Non esiste. E' tutto all' interno di un quadro giuridico. Nessuna truffa. E' tutto ok. La partita doppia, le compensazioni, gli accantonamenti, le riserve, ecc. ecc. ecc.. Ma sull' inflazione la BCE e l' Accademia sbagliano di grosso."


Marco Lerda ha scritto:Quindi lo stato si indebita per dare più servizi di quelli che può permettersi

Verbo «permettersi» per lo Stato, addirittura?!? :lol: :lol: :lol:

Sì, io Stato MI PERMETTO QUELLO CHE VOGLIO. Che fastidio, eh?!?


Marco Lerda ha scritto:
Umiltao ha scritto:La moneta smette di essere ricchezza dal momento in cui non viene più accettata, come qualsiasi altro bene o servizio

La moneta non è mai ricchezza perchè se così fosse basterebbe stamparne di più per essere più ricchi.

Non hai capito nulla. Non ho detto che creare moneta fa diventare più ricchi ma che il valore monetario è condizione necessaria e sufficiente per poter 1. produrre qualcosa e 2. comprare qualcosa.
Ergo: occorre per definizione la ricchezza monetaria duplicato della ricchezza in beni e servizi.

Senza valore monetario non fai nulla. Tranne che dondolarti sulle liane con gli avvocati.



Ora puoi studiare un po' di più e/o continuare con la solita messa.

Non serve che ripeti di continuo cose dette e stradette da anni nei forum. Sii originale negli interventi.

Avatar utente
domenico.damico

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda domenico.damico » 9 nov 2010, 14:48

Nota a margine:

pensare come fa Lerda è tipico di chi pensa nel mondo a 2 dimensioni creato da IGB.
(Bada bene: non creato con il complotto pluto giudaico massonico caro ai fascisti o ai complottisti del cazzo, ma creato dai mezzi tecnico-giuridico-economici di cui il sistema bancario si è appropriato imponendo la sua moneta debito, facendo pressioni lobbistiche a tutti i livelli possibili.
Nessuna lobby al mondo è riuscita a diventare ISTITUZIONE come è riuscita a fare quella dei banchieri: il motivo è che la creazione di moneta è POTERE di per sè, e si autoalimenta.)

Esiste un mondo a tre dimensioni, dove non solo è possibile invertire il senso di marcia dettato dal IGB-software, ma è possibile poi spaziare in diagonale, in alto e in basso.
Questo mondo è quello della moneta di proprietà che non genera debito ed è libera da interessi.
Chi non riesce nemmeno ad immaginarlo e cita le regole del mondo a due dimensioni, non ha nessuna possibilità di capire.

Puoi frustare un aereo quanto vuoi, pensando che sia un cavallo, ma non capirai mai come funziona. (domenico d'amico 2010)

Nel mondo a due dimensioni di IGB non può esistere la terza dimensione, non si può concepire, vedere, e nemmeno immaginare.

Lo sforzo di fantasia, di creatività, di ricerca sceintifica e logica deve adoperarsi nell'immaginare ciò che ci viene tolto in potenza, non solo in atto.

Ciò che è non è solo ciò che vediamo, ma anche ciò che potrebbe essere se...

Per questo Auriti parla del 200% di furto:
non solo viene caricato un costo alla comunità pari al valore della moneta che la comunità si è autocreata, ma non viene permesso lo sviluppo naturale, logico, creativo che quel valore avrebbe (in potenza) se fosse all'origine di proprietà della comunità stessa.
A questo inoltre, vengono caricati gli interessi (che comunque sono tanta roba, perchè sono soldi che non ci sono ancora, che devono essere ancora creati e che costringono il sistema-comunità a viaggiare ad un certo ritmo e in una certa direzione).

Avatar utente
Umiltao

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda Umiltao » 9 nov 2010, 20:45

Più che una nota a margine mi pare una nota in mezzo ben centrata :) .


Ma anche (m' era davvero sfuggita questa battutona):
Marco Lerda ha scritto:
Umiltao ha scritto:La moneta smette di essere ricchezza dal momento in cui non viene più accettata, come qualsiasi altro bene o servizio

La moneta non è mai ricchezza perchè se così fosse basterebbe stamparne di più per essere più ricchi.

Eccezionale!!!™ E' proprio quello che fa da sempre il Sistema Bancario: arricchirsi sempre più stampandone sempre di più.

Semplicemente. Alla faccia tua.

:lol: :lol: :lol:


Oppure, dato che in base ai tuoi discorsi la moneta risulta «il nulla», come già rimarcò Auriti negli sragionamenti di Massimo Fini, dobbiamo aspettare ancora per molto lo scagionamento di tutti gli individui condannati per furto di denaro...?

Avatar utente
Umiltao

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda Umiltao » 9 nov 2010, 22:22

Marco Lerda ha scritto:Se si realizzasse il reddito di cittadinanza tutti gli individui avrebbero un credito verso la collettività e potrebbero comprare beni e servizi senza esserseli guadagnati e questo non può che essere un costo della collettività.

Sarebbe pari e patta per tutti, BANALMENTE in virtù del fatto che tale reddito è uguale per tutti e dato a tutti, sia che sia cioccolata sia che sia merda.

M a t e m a t i c a m e n t e.

In ogni caso col reddito di cittadinanza il non lavorare di qualcuno non rappresenta un costo per altri, perché questi stessi altri ottengono [che sfiga] un ricavo monetario da vendita di beni o servizi, cioè un' entrata vera e propria.

Stronzo il barista a volere proprio soldi in cambio del suo caffè.

I banchieri nella realtà d' oggi (consolidata dopo secoli) invece si auto-creano potere d' acquisto grazie al loro esclusivo e illimitato* reddito di cittadinanza bancaria, che risulta al contrario e proprio quello solo un costo per la collettività. Un costo creato dal nulla.


Anche qui, come per tutto il resto, vale la legge che chi si auto-infogna in un mondo a 2 dimensioni non potrà mai capire che il mondo reale ne può avere ben 3. E perché no anche 4, 5, 6 e così via.





* "...liquidità in quantità illimitata©..." [Jean-Claude Trichet, 2010]

Avatar utente
Marco Lerda

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda Marco Lerda » 10 nov 2010, 21:59

Luca Mencaroni ha scritto:
Marco Lerda ha scritto:La gratuità è una questione di punto di vista. Se qualcosa è gratuito per te significa che qualcuno lo sta pagando per te. Non esiste la gratuità di per se stessa.

Non sempre, soprattutto in questo caso.
Se noi ci mettiamo d'accordo gratuitamente che un pezzo di carta valga 500€, chi è che deve pagare per questa convenzione?

Qui si parlava del fatto che lo stato stampi moneta e lo usi per pagare i servizi. Così facendo la moneta si svaluterebbe e il cittadino pagherebbe la tassa da inflazione. Se un operario lavora a fare una strada qualcuno lo deve pagare, pensare di non doverlo pagare è pura illusione.

Avatar utente
Umiltao

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda Umiltao » 10 nov 2010, 22:11

Luca non ha detto che non bisogna usare quella moneta per pagare qualcuno.
Lui parla solo del punto zero: la creazione della moneta.

Ancora con questa cazzo di inflazione...?

Marco Lerda ha scritto:Se un operario lavora a fare una strada qualcuno lo deve pagare, pensare di non doverlo pagare è pura illusione.
Pura illusione? Pura verità, casomai. Far lavorare la gente senza pagarla è ordinaria amministrazione, oggi.
Si fa a gara pur di non pagare. E questo grazie a IGB©, che viene pure a dirci contrito che bisogna stare attenti alla recessione...

Mi si sta bucando lo stomaco.





Senti, Marco, ti do un consiglio accorato e gratuito come la moneta dei tuoi bravi, belli e buoni banchieri tipografi privati: lascia perdere. ;)

Ci evitiamo tutti ulcere e ricambi di fegato. Fidati. :)

A te questo sistema di merda va già bene, quindi non capisco cosa stai ancora qui a leggere e a scrivere... tutte queste seghe mentali ti fanno solo male alla salute. Perché non vai a farti una passeggiata all' aperto...?

bah..©
Ultima modifica di Umiltao il 10 nov 2010, 22:35, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Marco Lerda

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda Marco Lerda » 10 nov 2010, 22:35

Umiltao ha scritto:Chi lo sta pagando? Ripeto, ti dimostri POVERO, ARIDO. Ti manca la fantasia, oltre che essere a-scientifico. Si vede che queste tue parole sono forzate.
Se io Stato mi creo moneta e pago beni e servizi a chi lavora per me ottengo una gratuità del servizio pubblico, perché questo pagamento è fatto senza togliere moneta preventivamente ad alcuno, un po' come quando il Sistema Bancario presta.

Gli stati che lo hanno fatto, e non per ultima l'Italia hanno generato inflazione, tassando quindi indirettamente i detentori di moneta. Vedi che alla fine qualcuno paga, e se non c'è un nome è cognome significa che paga la collettività

Umiltao ha scritto:Dato che tutta™ la massa monetaria nel tuo esempio proviene dalla Banca Centrale (o dal Sistema Bancario in generale) indebitandosi con essa dal nulla, ogni servizio ANTICIPATO COI PAGAMENTI dalla Banca Centrale dovrà essere rifuso alla stessa [cfr. sconto fatture privatistico]. Quindi la tassazione non è altro che un modo per restituire la moneta alla Banca Centrale, non ha importanza se in maniera dilazionata e al contempo pagando la spesa pubblica in parte.
Se stampasse denaro da sè, lo Stato pagherebbe DIRETTAMENTE i servizi pubblici facendoli così BANALMENTE diventare gratuiti e senza dar da mangiare ai ladroni della Banca Centrale, dato che nel tuo esempio sono dei puri tipografi privati.

La tassazione da i soldi allo stato. Poi lo stato con quelli pagherà i suoi debiti o i servizi da dare al cittadino. Perchè non volete considerare lo stato come una personalità giuridica che ha entrate e uscite e deve cercare di avere prime maggiori delle seconde.
Umiltao ha scritto:Ma perché io Stato devo auto-indebitarmi con un mio fantasma giuridico tipografico o indebitarmi con un fantasma giuridico tipografico privato solo per avere dei pezzi di carta?

Perchè quella carta ha un valore mentre quella stampata dallo stato per pagare servizi diventerebbe ben presto carta straccia. Pensa al volume di denaro che si genererebbe se ogni anno venisse emessa moneta pari alla spesa pubblica.

Umiltao ha scritto:"Dire che uno stato non può perseguire i suoi scopi per mancanza di denaro è come dire che un ingegnere non può costruire strade per mancanza di chilometri..."
[Ezra Pound]

Se se ne valutano le conseguenze equivale a dire: tanto paga il cittadino, posso fare anche il ponte sullo stretto di Messina.

Umiltao ha scritto:L' inflazione non è data dalla massa monetaria in aumento, ma dall' aumento dei costi.

Questo lo dici tu. serve una dimostrazione.


Umiltao ha scritto:"Dire che il passaggio del potere di emettere moneta dall'attuale Banca Centrale (privata) allo Stato (pubblico) genera inflazione è come dire che fabbricare automobili con motore elettrico, invece che a benzina, genera traffico."
[Sandro Pascucci, 2005]

Che senso ha questa frase? Se li genera la BC sotto forma di debito vanno restituiti, se li genera lo stato usandoli per pagare servizi e non pretendendone la restituzione genera inflazione. Sono due modalità molto differenti.

Umiltao ha scritto:Non conta alcunchè il fatto che la Banca Centrale restituisca gli interessi allo Stato poichè lo Stato gli ha già pagati prima, facendo così aumentare comunque i costi via tasse aumentate per pagarli. E' come il ciclo dell' IVA.
Saldo zero non fa rima con costo zero. E' a costo zero solo quello che non viene pagato, come nel caso di un regalo o di un' emissione statale di moneta dal nulla usata per retribuire una prestazione di servizio pubblico. Eccetto che per gli economisti da strapazzo.

Per me saldo zero invece equivale a costo zero per il prestito. Ovvio che il capitale va restituito. Non restituirlo equivarrebbe a stampare denaro per comprare servizi che ha enormi complicazioni come spiegato sopra.

Umiltao ha scritto:Inoltre per avere inflazione zero occorre il Comintern e l' abolizione dei fantasmi giuridici privati: facoltà di decidere a tavolino sia i prezzi che i salari e conseguente abolizione di ogni tipo di mercato.

Non capisco se sei daccordo con questa modalità di annullamento dell'infla
zione. A me pare una fesseria.

Umiltao ha scritto:
Marco Lerda ha scritto:Quindi lo stato si indebita per dare più servizi di quelli che può permettersi

Verbo «permettersi» per lo Stato, addirittura?!? :lol: :lol: :lol:
Sì, io Stato MI PERMETTO QUELLO CHE VOGLIO. Che fastidio, eh?!?

Da fastidio perchè gli sbagli di uno stato ricadono sui suoi cittadini

Umiltao ha scritto:Non serve che ripeti di continuo cose dette e stradette da anni nei forum. Sii originale negli interventi.

Se una cosa è vera si può anche continuare a ripeterla.

Avatar utente
sergioloy

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda sergioloy » 10 nov 2010, 22:47


Perchè quella carta ha un valore mentre quella stampata dallo stato per pagare servizi diventerebbe ben presto carta straccia. Pensa al volume di denaro che si genererebbe se ogni anno venisse emessa moneta pari alla spesa pubblica.


e perché ha valore?

Avatar utente
Umiltao

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda Umiltao » 10 nov 2010, 22:52

Ok, Marco. Ci teniamo i banchieri privati tipografi, va meglio così...?

Fammi sapere se va bene. Conto su un sì.

Ma la dimostrazione, matematicamente, la devi dare tu. Io proprio non sono capace. :mrgreen:

Ma la domanda è: perché IN REALTA' vieni su questo forum? Hai paura per caso dell' operato del Primit, che possa causare impoverimento della collettività via inflazione...?

Avatar utente
Umiltao

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda Umiltao » 10 nov 2010, 22:57

Comunque, per la cronaca, la frase di Sandro sull' inflazione non riesce davvero a capirla nessuno.

Non capisco però perché Marco non ha replicato alla mia e a quella di Auriti... perché a Sandro sì e a me no?!? :evil:

sergioloy ha scritto:
Perchè quella carta ha un valore mentre quella stampata dallo stato per pagare servizi diventerebbe ben presto carta straccia. Pensa al volume di denaro che si genererebbe se ogni anno venisse emessa moneta pari alla spesa pubblica.


e perché ha valore?
Perché serve per motivi igienici, forse... o no? Valore indotto a go-go© anche lì...

Avatar utente
Marco Lerda

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda Marco Lerda » 10 nov 2010, 23:05

sergioloy ha scritto:
Perchè quella carta ha un valore mentre quella stampata dallo stato per pagare servizi diventerebbe ben presto carta straccia. Pensa al volume di denaro che si genererebbe se ogni anno venisse emessa moneta pari alla spesa pubblica.


e perché ha valore?

Perchè dietro ha oro, titoli di debito, ipoteche ecc...

Avatar utente
Marco Lerda

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda Marco Lerda » 10 nov 2010, 23:09

Umiltao ha scritto:Ok, Marco. Ci teniamo i banchieri privati tipografi, va meglio così...?

Fammi sapere se va bene. Conto su un sì.

Ma la dimostrazione, matematicamente, la devi dare tu. Io proprio non sono capace. :mrgreen:

Ma la domanda è: perché IN REALTA' vieni su questo forum? Hai paura per caso dell' operato del Primit, che possa causare impoverimento della collettività via inflazione...?


Siccome non ho dati, e anche tu non me li hai forniti, che si stanno arricchendo smisuratamente alle nostre spalle ovviamente mi va bene così.
Non trovo da nessuna parte dimostrazioni di questo quindi perchè dovrei crederci? Vengo su questo forum per capire se avete ragione. Ad oggi non posso dire di aver trovato elementi che vi danno ragione.

Avatar utente
Umiltao

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda Umiltao » 10 nov 2010, 23:19

Più del forum non ti possiamo dare. Mi dispiace davvero di averti deluso. Ma che credevi di trovarci? Dio per caso?
Vai a chiedere lumi e dimostrazioni matematiche da un' altra parte. Che so, al MIT di Boston per esempio.

Salutami i banchieri privati e studia il signORA!!!™ggio. Io chiudo qui. Ciao ciao! 8-)

Avatar utente
sergioloy

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda sergioloy » 10 nov 2010, 23:36

Marco Lerda ha scritto:
sergioloy ha scritto:
Perchè quella carta ha un valore mentre quella stampata dallo stato per pagare servizi diventerebbe ben presto carta straccia. Pensa al volume di denaro che si genererebbe se ogni anno venisse emessa moneta pari alla spesa pubblica.


e perché ha valore?

Perchè dietro ha oro, titoli di debito, ipoteche ecc...


e perché hanno valore quelle cose?

Avatar utente
Marco Lerda

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda Marco Lerda » 11 nov 2010, 0:01

Umiltao ha scritto:Più del forum non ti possiamo dare. Mi dispiace davvero di averti deluso. Ma che credevi di trovarci? Dio per caso?
Vai a chiedere lumi e dimostrazioni matematiche da un' altra parte. Che so, al MIT di Boston per esempio.

Salutami i banchieri privati e studia il signORA!!!™ggio. Io chiudo qui. Ciao ciao! 8-)


Bah! Se non dimostrate ciò che dite che valore hanno le vostre tesi? Nullo.

Avatar utente
Marco Lerda

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda Marco Lerda » 11 nov 2010, 0:04

sergioloy ha scritto:
Marco Lerda ha scritto:
sergioloy ha scritto:
Perchè quella carta ha un valore mentre quella stampata dallo stato per pagare servizi diventerebbe ben presto carta straccia. Pensa al volume di denaro che si genererebbe se ogni anno venisse emessa moneta pari alla spesa pubblica.


e perché ha valore?

Perchè dietro ha oro, titoli di debito, ipoteche ecc...


e perché hanno valore quelle cose?

Perchè sono esigibili:
1) i titoli di stato sono pagati dallo stato (Argentina a parte ma infatti se ciò che sta dietro la moneta crolla, crolla anche la moneta)
2) l'oro ha un valore sul mercato che non è mai crollato
3) gli immobili dietro ad un'ipoteca hanno indubbiamente valore

Avatar utente
Umiltao

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda Umiltao » 11 nov 2010, 0:12

[Riapro la porta momentaneamente, ma matematicamente]

Vabè, dai, non si poteva neanche aprire un forum di cazzate?

Ma non si capisce perché un simpaticone come te debba venire a rovinare un forum di cazzate dicendo da solo che è un forum di cazzate.

Ora ti togli dalle palle...?!? Lasciaci cazzeggiare in pace!!!™

Avatar utente
Marco Lerda

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda Marco Lerda » 11 nov 2010, 0:18

Umiltao ha scritto:[Riapro la porta momentaneamente, ma matematicamente]

Vabè, dai, non si poteva neanche aprire un forum di cazzate?

Ma non si capisce perché un simpaticone come te debba venire a rovinare un forum di cazzate dicendo da solo che è un forum di cazzate.

Ora ti togli dalle palle...?!? Lasciaci cazzeggiare in pace!!!™

Classico modo di rispondere di non ha argomenti

Avatar utente
Umiltao

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda Umiltao » 11 nov 2010, 0:25

Sì, lo so.

Infatti te l' ho già detto io prima che più del forum non posso/possiamo darti e di andare dal MIT a trovare la verità.

Dato che il forum è un forum di cazzate perché già io te l' ho detto, non occorre che ripeti.

Ora ce la fai a capire almeno questo?

Ti levi dalle palle, per cortesia (e due)...?



Tutto quanto appena detto è opinione mia e/o desiderio solo mio, eh (potrei anche cambiare idea)... anche se esplicitata/o in maniera matematica, perciò non farti condizionare dalle mie parole, anche perché avrai ben capito [ :?: ] che non sono padrone del forum.
Quindi scorrazza pure a destra e a manca a postare matematicamente i tuoi dubbi sul signoraggio.

Avatar utente
sandropascucci
Messaggi: 13568
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda sandropascucci » 11 nov 2010, 10:29

> Se un operario lavora a fare una strada qualcuno lo deve pagare, pensare di non doverlo pagare è pura illusione.

"Dire che uno stato non può perseguire i suoi scopi per mancanza di denaro è come dire che un ingegnere non può costruire strade per mancanza di chilometri" [Ezra Pound]

se ho 100 in tasca e devo sborsare 100 per pagare una strada nuova rimango con le tasche vuote e una strada che non potrò percorrere.

"In un mercato ci sono 3 pere. In circolazione ci sono 3 euro. Si possono vendere le 3 pere a € 1 ciascuna[1]. Se nello stesso mercato porto ulteriori 3 pere (per un totale di 6) e in circolazione rimangono € 3, le situazioni che si verranno a creare possono essere due: (1) vendere le 6 pere a 50 centesimi cad. oppure (2) venderne 3 al vecchio prezzo e vedere le altre 3 pere ammuffire, invendute. In pratica occorre introdurre, nella circolazione monetaria [se si vogliono mantenere stabili i prezzi], una quantità di moneta necessaria all'acquisto dei beni presenti nel mercato. quantità di moneta emessa = beni reali presenti"
da: http://www.signoraggio.com/signoraggio_ ... quila.html

è inutile.. M A T E M A T I C A M E N T E I N U T I L E
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
sandropascucci
Messaggi: 13568
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda sandropascucci » 11 nov 2010, 10:48

Umiltao ha scritto:Mi si sta bucando lo stomaco. Senti, Marco, ti do un consiglio accorato e gratuito come la moneta dei tuoi bravi, belli e buoni banchieri tipografi privati: lascia perdere. ;)
Ci evitiamo tutti ulcere e ricambi di fegato. Fidati. :)
A te questo sistema di merda va già bene, quindi non capisco cosa stai ancora qui a leggere e a scrivere... tutte queste seghe mentali ti fanno solo male alla salute. Perché non vai a farti una passeggiata all' aperto...?
bah..©


quoto vito. NOI siamo tutti APPASSIONATI e ci SBATTIAMO come BESTIE per DIMOSTRARE il VERDE SMERALDO a un CIECO. è la nostra CONDANNA. i più orgogliosi non vogliono ammetterlo ma queste persone DANNO FASTIDIO. non perché hanno ragione, non perché non si hanno le possibilità o le capacità per dimostrare che hanno torto ma perché NON SONO PERSONE RAGIONEVOLI. sono degli STUPIDI, o, più tecnicamente, degli IDIOTI.

niente piangina, prego, su "ecco, ora partono le offese!!", prima studiate il significato di IDIOTA (magari vito puo' elencare i 23 post dove lo spiega).

non c'è SOLUZIONE. è come nel periodo della schiavitù: c'erano persone con 18 lauree, padri di famiglia, mariti devoti, patrioti indefessi, intelligentissimi uomini capaci di affrontare ogni situazione.. ebbene TUTTI loro (quasi tutti) non avevano un battito di ciglia a dire che UN NEGRO ERA INFERIORE A UN BIANCO ED ERA GIUSTO COMPRARLO AL MERCATO PER FARGLI RACCOGLIERE COTONE SOTTO AL SOLE.

ricordiamo gli AUTOBUS con la parte destinata alle persone di origine africana (e non) negli STATI UNITI D'AMERICA del 1960.

aò! 1960, non 1690!!

a me personalmente dà fastidio leggere marco lerda per i motivi suddetti ed è una mia debolezza rispondere, poiché trovo le sue argomentazioni IDIOTE [vedi sopra] e sono COSTRETTO a farlo [a rispondere] perché sono un utopista.

io non so se questo marco lerda trova soddisfazione nel farci incazzare ma
(1) non nascondo di certo che è irritante, e non lo nascondo pur sapendo che trovare un "qualcosa" [anche l'essere irritanti] in "qualcuno" è cmq un RICONOSCIMENTO di ESISTENZA e di IMPATTO nella PROPRIA vita, e io lo so bene cosa vuol dire NON VOLER RICONOSCERE L'IMPORTANZA di uno sconosciuto, perché vivo continuamente a contatto (telematico) con quelle merducole che non hanno le palle di dire che GLI HO DEVASTATO LA VITA (vedi, in questi giorni - quindi solo per esempio - il caso di hires&company, ossia persone che SENZA DI ME NON ESISTEREBBERO - sul web) e
(2) oltre l'irritazione non si va, ossia NON MI STA DANDO ALTRO. e questo è PENOSO.

forse la mia rabbia (parola grossa, sto facendo un po' di teatro) è dovuta al fatto che NON VOLEVO PROVARE PENA PER QUALCUNO, poiché nessuno DOVREBBE farci pena, in quanto dovremmo essere tutti sullo stesso livello e quindi UGUALI. e tra UGUALI non ha senso la "pena".

questo dice che lo Stato è cattivo, e le banche no. ok.

è la sua posizione, che ci resti. io mi eserciterò a ignorarlo, dopo averlo letto e continuando a leggerlo. se questo lo fa bagnare o ridere o piangere o lo lascia indifferente è un suo problema mentale.

il signoraggio è il male del mondo. se per te il male sono i pavesini fatti con l'uovo in polvere o berlusconi che fa bunga bunga.. bè.. anche tu hai diritto di esistere. ma non tirarmi più per la giacchetta.

x marco: la tua posizione è chiara. grazie.
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
sandropascucci
Messaggi: 13568
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda sandropascucci » 11 nov 2010, 10:49

Marco Lerda ha scritto:
sergioloy ha scritto:
Perchè quella carta ha un valore mentre quella stampata dallo stato per pagare servizi diventerebbe ben presto carta straccia. Pensa al volume di denaro che si genererebbe se ogni anno venisse emessa moneta pari alla spesa pubblica.


e perché ha valore?

Perchè dietro ha oro, titoli di debito, ipoteche ecc...


oro.. dai..
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
Alessandro Bono

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda Alessandro Bono » 11 nov 2010, 10:53

Alessandro Bono ha scritto:E' proprio qui che raggiungo il mio limite ed alzo mani. Marco, io ti mostro che l'orco mangia un bambino e tu cerchi di spiegarmi che dal punto di vista nutrizionale si tratta di un pasto equilibrato.


Ok, i banchieri decidono la politica monetaria, indirizzano l'industria, tramite i prestiti possono stabilire secondo loro discrezione quanta moneta circola e chi la detiene al momento della sua emissione.

Questo è provato, accettato e desiderato dalla maggior parte delle persone, anche da te Marco. Sei libero di pensarla come ti pare. Come io sono libero di pensare di te cose che nel PRIMIT 2.0 è meglio non scrivere.

Quando mi rendo conto che sto spiegando a qualcuno che la libertà è meglio della schiavitù realizzo che potrei impiegare meglio il tempo osservando le macchie di umidità sul soffitto.

Nel forum hai quasi esclusivamente flammato in questo thread rispondendo ai post di utenti (tiratina d'orecchie) che hanno tardato a comprendere l'inutilità della discussione.

Finiscila qui, ok? Se la cosa ti rassicura pensa che siamo un gruppo di spostati/settari/fanatici/stupidi/ignoranti/ecc.

Non ho intenzione di continuare a leggere ciò che scrivi (per la maggior parte cazzate di chi non si è degnato neanche di approfondire le versione ufficiale fornita dallo stesso sistema bancario) sul forum dell'associazione di cui sono presidente. Se non smetti tu ti banno io, così potrai continuare a leggere, se vorrai farlo, ma almeno non saremo costretti a sentire le tue considerazioni a riguardo.

Avatar utente
sandropascucci
Messaggi: 13568
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda sandropascucci » 11 nov 2010, 11:05

> Gli stati che lo hanno fatto, e non per ultima l'Italia hanno generato inflazione, tassando quindi indirettamente i detentori di moneta. Vedi che alla fine qualcuno paga, e se non c'è un nome è cognome significa che paga la collettività

FALSO. storicamente FALSO.

> La tassazione da i soldi allo stato. Poi lo stato con quelli pagherà i suoi debiti o i servizi da dare al cittadino. Perchè non volete considerare lo stato come una personalità giuridica che ha entrate e uscite e deve cercare di avere prime maggiori delle seconde.

come ORA© e DA SEMPRE ha. le ENTRATE dello Stato sono SEMPRE MAGGIORI delle USCITE.

si chiama AVANZO PRIMARIO. ma tu non vuoi studiare.

La Repubblica Italiana HA SEMPRE AVUTO UN AVANZO PRIMARIO. neanche berlusconi è riuscito a mangiarselo (forse un trimestre lo scorso anno, ora controllo). tu non vuoi VEDERE la REALTA'.


>> Ma perché io Stato devo auto-indebitarmi con un mio fantasma giuridico tipografico o indebitarmi con un fantasma giuridico tipografico privato solo per avere dei pezzi di carta?
> Perchè quella carta ha un valore mentre quella stampata dallo stato per pagare servizi diventerebbe ben presto carta straccia. Pensa al volume di denaro che si genererebbe se ogni anno venisse emessa moneta pari alla spesa pubblica.

!! I N U T I L E !!

Codice: Seleziona tutto

Assurdo dire che il nostro paese può emettere $30,000,000 in titoli ma non $30,000,000 in moneta. Entrambe sono promesse di pagamento; ma una promessa ingrassa l'usuraio, l'altra invece aiuta la collettività [Thomas Edison - New York Times, 1921]


!! I N U T I L E !!

> Se se ne valutano le conseguenze equivale a dire: tanto paga il cittadino, posso fare anche il ponte sullo stretto di Messina.

qualunquismo allo stato brado!! se fare o non fare il ponte non dipende dalla presenza o assenza di soldi ma dalla presenza o assenza di VOLONTA' POPOLARE DI FARE IL PONTE.

non serve? non si fa. punto
serve? si fa. non ci sono i soldi per farlo? si creano.
!! I N U T I L E !!

> Questo lo dici tu. serve una dimostrazione.

e quest'altro lo dici tu. serve una TUA dimostrazione.
:| :| :|

> Che senso ha questa frase? Se li genera la BC sotto forma di debito vanno restituiti, se li genera lo stato usandoli per pagare servizi e non pretendendone la restituzione genera inflazione. Sono due modalità molto differenti.

ma tu hai letto da qualche parte che noi appoggiamo la stampa a go-gò??
!! I N U T I L E !!

> Per me saldo zero invece equivale a costo zero per il prestito. Ovvio che il capitale va restituito. Non restituirlo equivarrebbe a stampare denaro per comprare servizi che ha enormi complicazioni come spiegato sopra.

quindi il falsario che stampa 100 e te li presta al 3% e poi li distrugge conservandosi il 3% per te è un uomo onesto?


> Da fastidio perchè gli sbagli di uno stato ricadono sui suoi cittadini

lo Stato E' (sono) i "suoi" cittadini.

> Se una cosa è vera si può anche continuare a ripeterla.

ed ecco perché ancora ti rispondiamo.
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
sandropascucci
Messaggi: 13568
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda sandropascucci » 11 nov 2010, 11:14

Marco Lerda ha scritto:La moneta non è mai ricchezza perchè se così fosse basterebbe stamparne di più per essere più ricchi.


vuoi forse dirci che se "la moneta non è ricchezza" [parole tue] MA "la moneta è debito" [parole tue].. forse converrebbe NON stamparla??

ma senza moneta non ci sarebbero scambi..

mhmm.. come uscirne??

ci vorrebbe una moneta-credito.. toh: http://www.signoraggio.com/signoraggio_ ... raghi.html
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
sandropascucci
Messaggi: 13568
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda sandropascucci » 11 nov 2010, 11:15

ok, ho finito.
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
domenico.damico

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda domenico.damico » 11 nov 2010, 13:10

Marco Lerda ha scritto:
sergioloy ha scritto:
Perchè quella carta ha un valore mentre quella stampata dallo stato per pagare servizi diventerebbe ben presto carta straccia. Pensa al volume di denaro che si genererebbe se ogni anno venisse emessa moneta pari alla spesa pubblica.


e perché ha valore?

Perchè dietro ha oro, titoli di debito, ipoteche ecc...


io invece pensavo ci fossero dei valori dietro...

http://www.youtube.com/watch?v=4DvvaFmLfD8


certo che contro l'ottusità c'è proprio poco da fare...quanno uno è de coccio, de coccio rimane

Avatar utente
LorenzoLenzi

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda LorenzoLenzi » 11 nov 2010, 15:33

…è dura mandare giù che siamo tutti UGUALI, per questo alcuni non comprenderanno mai il SIGNORAGGIO…[lorenzolenzi2010]

Avatar utente
sergioloy

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda sergioloy » 11 nov 2010, 18:16

Marco Lerda ha scritto:
sergioloy ha scritto:
Perchè quella carta ha un valore mentre quella stampata dallo stato per pagare servizi diventerebbe ben presto carta straccia. Pensa al volume di denaro che si genererebbe se ogni anno venisse emessa moneta pari alla spesa pubblica.


e perché ha valore?

Perchè dietro ha oro, titoli di debito, ipoteche ecc...


tocca un po' a me.

ok, perché quelle cose hanno valore?

rispondimi così:

1) oro perché...
2) titoli di debito perché...
3) ipoteche perché...

Avatar utente
Alessandro Bono

Re: dubbi sul signoraggio

Messaggioda Alessandro Bono » 11 nov 2010, 23:11

Stefano, molla che è meglio.


Torna a “Libero scambio di opinioni sul SIGNORAGGIO”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti

Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono liberamente riproducibili purché sia citata e linkata la fonte (sono infatti rilasciati sotto una licenza Creative Commons BY-NC-SA 2.0) Il redattore non e' legalmente responsabile per i pensieri e le affermazioni espresse in questo blog dai visitatori. L'autore non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di errori in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su questo sito avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto. Questo sito non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 Comunque, Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. :: SE&O :: Salvo Errori et Omissioni "come scrivono le banche, in calce agli estratti conto, per evitare eventuali future azioni penali".