COVID19 - Quando il mondo medico pensa alla difesa

COLPO DI STATO IN ITALIA: GOVERNISSIMO DI INCAPACI ESCLUDE IL PARLAMENTO DEMOCRATICO AUTOCONFERENDOSI PIENI POTERI PER LA COSIDETTA EMERGENZA COVID-19 FINO AL 2021* http://covid.primit.it
*[vedremo solo a fine luglio se, e quanto, l'intervento del presidente Mattarella (del 21mag2020) risulterà essere stato veramente bloccante o un edulcorato rimando]
sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

COVID19 - Quando il mondo medico pensa alla difesa

Messaggioda sandropascucci » 26 mag 2020, 13:09

...

COVID19 - Il mondo medico pensa alla difesa: covid.primit.it
estratto [..
È un dato di fatto, dopo un apprezzamento iniziale, corale e insindacabile e la lode dei cittadini per gli operatori sanitari, sono seguiti numerosi episodi di azioni intraprese contro di loro sulla questione della loro responsabilità legale. Ciò ha spinto le società scientifiche mediche e i sindacati a prendere una posizione difensiva e a chiedere a gran voce il sistema sanitario nel suo insieme per salvaguardare i suoi interessi. Hanno chiesto azioni politiche mirate per emanare regole chiare e non solo sull'attuazione di misure di "quarantena" [4]. Ma la natura eccezionale della presente emergenza non può nascondere il fatto che i singoli operatori sanitari sono responsabili del proprio comportamento sul lavoro, rendendo difficile costruire una "barriera" normativa nazionale (criminale e civile) per proteggerli .
..]
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

COVID-19: l'obiettivo sbagliato per i reclami di responsabilità sanitaria

Messaggioda sandropascucci » 26 mag 2020, 13:13

> da: https://www.sciencedirect.com/science/a ... 320300523#!

COVID-19: l'obiettivo sbagliato per i reclami di responsabilità sanitaria

Medicina legale
Disponibile online il 16 maggio 2020 , 101718
In stampa, giornale pre-provaCosa sono gli articoli di prova preliminare del giornale?


COVID-19: l'obiettivo sbagliato per i reclami di responsabilità sanitaria
I collegamenti dell'autore aprono il pannello di sovrapposizione
Saverio G. Parisi, Guido Viel, Rossana Cecchi, Massimo Montisci
https://doi.org/10.1016/j.legalmed.2020.101718

Astratto
Purtroppo, dopo un primo momento di apprezzamento e apprezzamento da parte dei cittadini per il personale sanitario affetto da pandemia di COVID 19, sono seguiti numerosi episodi di azioni intraprese nei loro confronti sulla questione della loro responsabilità legale. Impellente è avviare un'argomentazione su questo problema che mira a stabilire una condotta condivisa nel trattare con loro. Gli autori propongono una base di discussione su cui iniziare un dibattito costruttivo.

parole
pandemia emergenza COVID-19 responsabilità professionale personale sanitario

Purtroppo, nella complessa cornice dell'attuale pandemia di coronavirus, sta emergendo una successione incoercibile di eventi, che ruota attorno alla questione della responsabilità professionale del personale sanitario, con le peculiarità tipiche delle situazioni di emergenza [1] .

È un dato di fatto, dopo un apprezzamento iniziale, corale e insindacabile e la lode dei cittadini per gli operatori sanitari [2] , sono seguiti numerosi episodi di azioni intraprese contro di loro sulla questione della loro responsabilità legale [3] . Ciò ha spinto le società scientifiche mediche e i sindacati a prendere una posizione difensiva e a chiedere a gran voce il sistema sanitario nel suo insieme per salvaguardare i suoi interessi. Hanno chiesto azioni politiche mirate per emanare regole chiare e non solo sull'attuazione di misure di "quarantena" [4]. Ma la natura eccezionale della presente emergenza non può nascondere il fatto che i singoli operatori sanitari sono responsabili del proprio comportamento sul lavoro, rendendo difficile costruire una "barriera" normativa nazionale (criminale e civile) per proteggerli [1] .

Lo scenario che si è avverato può essere innegabilmente definito in termini assicurativi come "catastrofico" e, come tale, richiede misure organizzative (presso tutte le strutture sanitarie) per identificare adeguati standard di assistenza, competenze, conformità con le regole di pianificazione dei turni, tracciamento di comunicazioni e attività e il rinvio delle disposizioni sui servizi NON Covid-19, sulla base di una corretta definizione dei livelli minimi garantiti di assistenza ai pazienti.

Molte parti interessate (cioè alcuni politici, economisti, cittadini, ecc.) Non sembrano aver compreso appieno cosa significhi una crisi pandemica globale e quali sforzi vengano fatti per contenere questa nuova situazione di emergenza. Ciò è in parte dovuto alla scarsità o all'assenza di basi scientifiche autorevoli e condivise (cioè linee guida), anche a livello internazionale, per affrontare la malattia causata dal virus Covid-19, che è ancora poco conosciuto [5] .

Presto sarà possibile prevedere che questa situazione genererà un marcato aumento dei crediti assicurativi che le varie organizzazioni sanitarie e compagnie assicurative faranno fatica a far fronte. Le richieste di risarcimento finanziario includeranno non solo le malattie causate da Covid-19, ma anche altre condizioni di salute, con importanti ripercussioni dell'emergenza Covid-19 sulla gestione di tutti gli altri pazienti e anche sulla disponibilità di dispositivi di protezione individuale (DPI) , che hanno reso necessaria una rapida fornitura a numerose richieste urgenti.

L'attuale situazione "catastrofica" impone innegabilmente la necessità di assumere rischi irriducibili che non possono essere valutati dall'ente "tecnico" locale delegato a fungere da hub centralizzato. Altrimenti, per portare avanti la valutazione tecnica, che di solito è una delle parti fondamentali del processo penale e civile, non sarebbe solo complicato organizzare e inevitabilmente autoreferenziale per l'unico decisore, ma sarebbe anche inaccettabile per motivi culturali e legali. In effetti, non ci sarebbe alcuna possibilità di un esame incrociato e mancherebbe il legittimo ruolo del giudice / tribunale nell'arrivare a una sintesi autonoma.

L'opzione più realistica potrebbe essere quella di istituire un fondo ad hoc per tutte le richieste di risarcimento per danni finanziari legati all'emergenza coronavirus, in grado di assegnare pagamenti forfettari per richieste ritenute degne di risarcimento e quindi contenere il numero di azioni legali. In tali casi, si consiglia di fare appello per la mediazione. I mediatori formati potrebbero essere più efficaci nel trovare un accordo tra le parti. Un'altra soluzione praticabile potrebbe essere quella di sottolineare per legge che la pandemia è caratterizzata da difficoltà tecnico-scientifiche e / o novità in quanto si tratta di un'emergenza - una condizione che rende quasi sempre difficile persino eseguire i compiti più semplici. In questi casi, analogamente alle catastrofi di massa, una volta che l'emergenza è scaduta, la responsabilità può essere riconosciuta solo per coloro che hanno chiaramente permesso che si verificasse un evento evitabile., come taluni personaggi politici, ad esempio.

I principali problemi in questo contesto sposteranno inevitabilmente gradualmente il focus delle valutazioni di responsabilità dalla condotta del medico al trattamento dei vari livelli di gestione (principalmente tecnici e organizzativi), che devono suggerire i parametri di rischio appropriati ai decisori politici.

Forse, il mondo della politica ha perso la capacità di scegliere gli esperti giusti in base ai loro meriti, quelli in grado di guidare al meglio le strategie del governo [6] . Il vero problema è accertare la responsabilità dei top manager dell'amministrazione sanitaria, quelli incaricati di gestire le emergenze della salute pubblica, sebbene con margini di autonomia poco chiari. La mancanza o l'adozione tardiva di direttive chiare e convincenti applicabili ovunque non esonera inoltre tutte le istituzioni di livello intermedio dal loro obbligo di intraprendere azioni indipendenti, se necessario, dettate dal buon senso e / o da esperti affidabili [7] .

Diversi paesi hanno un quadro di supporto tecnico specifico (STSF) per i decisori politici e amministrativi a livello locale, che, ad esempio, fornisce consulenza alle strutture sanitarie e agli ospedali in materia di malattie infettive. Sfruttare l'emergenza come scusa per non aver attivato e consultato l'STSF, sia urgentemente che secondo i protocolli stabiliti, e anche dopo che il suo coinvolgimento era stato specificamente richiesto da altre parti, ha certamente tutte le caratteristiche di un'omissione colpevole e, quindi , di una responsabilità. Allo stesso modo, il disprezzo per le raccomandazioni dal basso verso l'alto fatte dagli esperti dell'STSF, ha reso necessario affrontare i problemi che i loro suggerimenti avrebbero consentito di gestire diversamente.

Questi sembrano essere i temi che più probabilmente saranno al centro della discussione in futuro.

Di seguito sono riportati alcuni esempi di aree di gestione delle attività cliniche e di cura suscettibili alle raccomandazioni e al coordinamento di un STSF.

Dentro gli ospedali:
1) l'apertura di spazi pazienti SARS-CoV-2 dedicati al di fuori dei dipartimenti di malattie infettive, con i relativi problemi di: a) adeguatezza strutturale (chi li ha valutati e in base a quale competenza?); b) l'uso di personale medico e paramedico dedicato (intere squadre stabilite ex-novo ; chi era responsabile della propagazione dell'infezione al personale e ai pazienti?); c) la distribuzione di personale esperto in materia di malattie infettive che potrebbe fungere da tutor per altri gruppi di lavoro;

2) responsabilità per l'esposizione al rischio di infezione, con la necessità di un monitoraggio costante dei tassi di rilevazione di nuovi casi positivi, esposizione in ospedale per pazienti precedentemente risultati negativi per Covid-19, identificazione tempestiva dei cluster, gestione dei test del personale positivo per il virus e i loro contatti e le corrispondenti misure di quarantena, che spesso assumono un significato diverso se applicate alla popolazione generale o al personale sanitario pubblico;

3) flussi di lavoro di test di follow-up per il personale in tutte le aree in base al rischio di trasmissione all'interno dei team e verso i pazienti;

4) responsabilità per la gestione dei test (tempo di risposta per ottenere risultati, acquisizione dei materiali, definizione delle priorità per diverse richieste, casi sospetti, test su pazienti, personale e altre persone potenzialmente esposte) e richiesta di altri servizi diagnostici (che è responsabile e di chi è la responsabilità?).


Ospedali esterni:
1) strutture di assistenza a lungo termine: in un contesto in cui le competenze specialistiche non sono diffuse, il ruolo degli organismi responsabili del controllo della diffusione delle infezioni, con l'aiuto di persone specializzate, diventa essenziale nella diffusione di adeguate misure di organizzazione e controllo. In questo contesto, qualsiasi responsabilità per ritardi e omissioni non può certamente essere attribuita ai gestori di queste strutture territoriali. Le responsabilità devono pertanto essere attribuite agli organismi di sanità pubblica competenti e alle autorità di controllo dal momento in cui vengono informate;

2) medici di medicina generale: la formazione specifica e il supporto per la gestione e il controllo della loro esposizione professionale dovrebbero essere attentamente coordinati a livello di alta direzione e tradotti in azioni tempestive.


Tutti questi problemi richiederanno una risposta “economicamente sostenibile”, che influenzerà allo stesso modo il budget delle organizzazioni sanitarie e delle compagnie assicurative.

Al momento in cui scrivo, la situazione potrebbe non essere ancora del tutto chiara. Ci vorrà del tempo per trovare soluzioni a tutti i problemi a lungo termine. Sarà essenziale trovare il giusto equilibrio tra i diritti delle persone danneggiate e la corretta salvaguardia degli operatori sanitari in un quadro che tenga conto delle responsabilità dell'intero sistema sanitario. Questo sistema dovrebbe essere sottoposto a un processo di audit necessario e non autoreferenziale.

Tutti gli autori hanno fornito feedback critici, contribuito alla stesura della lettera e approvato la versione finale.

Non dichiariamo interessi in conflitto.

Riferimenti
[1] S. Hoffman
Responsabilità dei soccorritori: responsabilità e immunità nelle emergenze di salute pubblica
Georgetown Law J. , 96 ( 2008 ) , pp. 1916 - 1969
Google Scholar
[2] D.M. Hartley, E.N. Perencevich
Interventi di sanità pubblica per COVID-19: evidenze e implicazioni emergenti per una crisi della salute pubblica in evoluzione
JAMA. (2020 Apr 10), 10.1001/jama.2020.5910
Google Scholar
[3] IG Cohen , AM Crespo , DB White
Potenziale responsabilità legale per il ritiro o la sospensione di ventilatori durante COVID-19: valutazione dei rischi e individuazione delle riforme necessarie
JAMA. (2020 Apr 1), 10.1001/jama.2020.5442
Google Scholar
[4] WE Parmet , MS Sinha
Covid-19 - La legge e i limiti della quarantena
N. Engl. J. Med., 382 (15) (2020 Apr 9), Article e28
CrossRefGoogle Scholar
[5] F. Lamontagne , DC Angus
Verso linee guida universali per la cura dei pazienti con COVID-19
JAMA. ( 2020 mar 26 ) , 10.1001 / jama.2020.5110
Google Scholar
[6] M. Anderson, M. Mckee, E. Mossialos
Covid-19 espone debolezze nella risposta europea alle epidemie
BMJ. , 18 ( 368 ) ( 2020 marzo ) , articolo m1075 , 10.1136 / bmj.m1075
CrossRefGoogle Scholar
[7] La lancetta
COVID-19: troppo poco, troppo tardi?
Lancetta. , 395 ( 10226 ) ( 2020 mar 7 ) , pag. 755 , 10.1016 / S0140-6736 (20) 30522-5
Google Scholar
Visualizza abstract
© 2020 Elsevier BV Tutti i diritti riservati.


Guido Viel, tra gli autori, è stato nominato nel 2015 dal dottor Klaus Püschel, l'unico che ha denunciato la truffa delle autopsie:
viewtopic.php?f=86&t=2338#p44930
Qui la nomina del sott. Guido Viel.
2020covid-viel-commissione01.JPG

https://www.unipd.it/sites/unipd.it/fil ... %20164.pdf
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Coronavirus “Bisogna arrestare tutti” La furia del medico di base Video choc

Messaggioda sandropascucci » 26 mag 2020, 13:37

Coronavirus “Bisogna arrestare tutti” La furia del medico di base Video choc

Codice: Seleziona tutto

https://www.youtube.com/watch?v=t1u6uKsygyI

_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Coronavirus, Sileri: "Basta terrore, non ci sarà seconda ondata violenta"

Messaggioda sandropascucci » 1 lug 2020, 15:59

> Coronavirus, Sileri: "Basta terrore, non ci sarà seconda ondata violenta"

“Si parla di una nuova violenta ondata del virus a settembre-ottobre, ma io non credo che così sarà: se diamo un messaggio di paura non ripartiremo, dobbiamo ripartire consapevoli che il virus c’è e bisogna conviverci. Se continuiamo a creare terrore, l’Italia non riparte”. Lo ha detto il viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri, intervenendo alla presentazione dell’iniziativa di screening in piazza Cavour organizzata dall’Ordine degli avvocati di Roma, con test sierologici gratuiti per tutti gli iscritti.
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: COVID19 - Quando il mondo medico pensa alla difesa

Messaggioda sandropascucci » 15 lug 2020, 9:18

"Dato su mortalità era falsato: tanti asintomatici anche tra anziani e cardiopatici" ► Dott Di Perri
> https://www.youtube.com/watch?v=8ktv7JYAsRg



*>>COVID19 - Quando il mondo medico pensa alla difesa (pararsi il kul)* _colpodistato.primit.it_ *VIDEO-TRADOTTO:* 1. non si ammala quasi nessuno; 2. dei malati quasi nessuno muore; 3. il vaccino dura pochi mesi quindi..; 4. ..quindi il vaccino non serve a una beneamata ma ormai lo abbiamo raccontato come salva-umanità e dobbiamo somministrarlo; 5. facciamo vaccinare anche gli alberi, poi dio provvede, certamente è un affare miliardario (al giorno)
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Studio Istat-Iss: 'Covid-19 causa diretta di morte per l'89% di positivi'

Messaggioda sandropascucci » 17 lug 2020, 9:40

> Studio Istat-Iss: 'Covid-19 causa diretta di morte per l'89% di positivi'
Indagine effettuata su 4.942 schede. L'11% dei decessi causati da altre malattie

Redazione ANSA ROMA 16 luglio 202015:21

Il Covid-19 è causa diretta di morte nell'89% dei decessi di persone positive al test SarsCov2, mentre per il restante 11% il decesso è dovuto a malattie cardiovascolari (4,6%), tumori (2,4%), malattie del sistema respiratorio (1%), diabete (0,6%), demenze e malattie dell'apparato digerente (0,6% e 0,5%). Il dato emerge dal Rapporto 'Impatto dell'epidemia Covid-19 sulla mortalità' di Istat e Iss in base alle informazioni riportate dai medici in 4.942 schede di morte di soggetti positivi al SarsCov2.

L'analisi è stata condotta su 4.942 schede di morte di soggetti diagnosticati con test positivi al SarsCov2. Si tratta del 15,6% del totale dei decessi notificati al Sistema di Sorveglianza Integrata Iss fino al 25 maggio. Nelle schede di morte sono certificate, oltre al Covid-19, quelle condizioni e malattie che hanno avuto un ruolo nel determinare il decesso. La quota di deceduti in cui Covid è la causa direttamente responsabile della morte varia in base all'età, raggiungendo il valore massimo del 92% nella classe 60-69 anni e il minimo (82%) nelle persone di età inferiore ai 50 anni. Associate a Covid, le concause più frequenti che contribuiscono al decesso sono le cardiopatie ipertensive (18% dei decessi), il diabete mellito (16%), le cardiopatie ischemiche (13%), i tumori (12%). Con frequenze inferiori al 10% vi sono le malattie croniche delle basse vie respiratorie, le malattie cerebrovascolari, le demenze o la malattia di Alzheimer e l'obesità. Le complicanze di Covid che portano al decesso sono principalmente la polmonite (79% dei casi) e l'insufficienza respiratoria (55%). Altre complicanze meno frequenti sono lo shock (6%), la sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS) ed edema polmonare (6%), le complicanze cardiache (3%), la sepsi e le infezioni non specificate (3%).

Covid-19 è una malattia che "può rivelarsi fatale anche in assenza di concause". Lo sottolineano Istat e Iss nel Rapporto sull'impatto dell'epidemia sulla mortalità. "Non ci sono concause di morte preesistenti nel 28,2% dei decessi analizzati, percentuale simile nei due sessi e nelle diverse classi di età", rilevano. Solo nelle età 0-49 anni la percentuale di decessi senza concause è più bassa, pari al 18%. Il 71,8% dei decessi di positivi ha invece almeno una concausa: il 31,3% ne ha una, il 26,8% due, il 13,7% tre o più concause.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Associate a Covid, le concause più frequenti che contribuiscono al decesso sono le cardiopatie ipertensive (18% dei decessi), il diabete mellito (16%), le cardiopatie ischemiche (13%), i tumori (12%).

*>>COVID19 - Secondo l'ISTAT e l'ISS un povero vecchietto di 90 anni con ipertensione e/o tumore poteva campare benissimo SENZA COVID. Ecco i risultati ufficiali dei due enti:* _"Associate a Covid, le *concause* più frequenti che contribuiscono al decesso sono le cardiopatie ipertensive (18% dei decessi), il diabete mellito (16%), le cardiopatie ischemiche (13%), i tumori (12%)"._ *QUINDI QUESTE GRAVISSIME MALATTIE SONO DERUBRICATE A _CONCAUSE_ MENTRE IL COVID UFFICIALMENTE DIVENTA _CAUSA DIRETTA DI MORTE_ SECONDO l'Istituto Superiore di Sanità e l'ISTAT.* - da: *>>COVID19 - Quando il mondo medico pensa alla difesa (pararsi il kul)* _colpodistato.primit.it_
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA


Torna a “COVID19 - ALIAS COLPODISTATO.PRIMIT.IT”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono liberamente riproducibili purché sia citata e linkata la fonte (sono infatti rilasciati sotto una licenza Creative Commons BY-NC-SA 2.0) Il redattore non e' legalmente responsabile per i pensieri e le affermazioni espresse in questo blog dai visitatori. L'autore non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di errori in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su questo sito avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto. Questo sito non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 Comunque, Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. :: SE&O :: Salvo Errori et Omissioni "come scrivono le banche, in calce agli estratti conto, per evitare eventuali future azioni penali".