COVID19 - Quando c'è da preoccuparsi per il mondo che prospettano, l'orrore che ci aspetta #covid-horror-fest.primit.it

COLPO DI STATO IN ITALIA: GOVERNISSIMO DI INCAPACI ESCLUDE IL PARLAMENTO DEMOCRATICO AUTOCONFERENDOSI PIENI POTERI PER LA COSIDETTA EMERGENZA COVID-19 FINO AL 2021* http://covid.primit.it
*[vedremo solo a fine luglio se, e quanto, l'intervento del presidente Mattarella (del 21mag2020) risulterà essere stato veramente bloccante o un edulcorato rimando]
sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

COVID19 - Quando c'è da preoccuparsi per il mondo che prospettano, l'orrore che ci aspetta #covid-horror-fest.primit.it

Messaggioda sandropascucci » 9 mag 2020, 22:39

...
COVID19 - Quando c'è da preoccuparsi per il mondo che prospettano, l'orrore che ci aspetta _covid-horror-fest.primit.it_

L'ORRORE CHE CI ASPETTA: E DOVREMMO FIDARCI DI QUESTI PERACOTTARI??
Coronavirus, l'Ats di Milano invia per sbaglio messaggi sui cellulari: "Lei è entrato in contatto con un positivo"
L'invio lunedì sera, non si sa a quante persone, invitandole a restare isolate in casa
http://colpodistato.primit.it
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

A Varese il braccialetto elettronico per i bimbi dell’asilo: “Vibra se non rispettano le distanze”

Messaggioda sandropascucci » 9 mag 2020, 22:47

>

Codice: Seleziona tutto

da: https://www.ilprimatonazionale.it/cronaca/varese-braccialetto-elettronico-bimbi-asilo-vibra-155537/


A Varese il braccialetto elettronico per i bimbi dell’asilo: “Vibra se non rispettano le distanze”
Di Cristina Gauri -6 Maggio 20206205

Varese, 6 mag – Un braccialetto per «aiutare» i bambini dai 4 ai 6 anni a rispettare il distanziamento sociale durante le prossime fasi dell’epidemia. Verrà adottato in una scuola dell’infanzia paritaria di Castellanza (Varese), dove direttore e insegnanti si dicono «pronti a ripartire con tutte le cautele», e in virtù di questo si sono dotati di duecento dispositivi «smart» – si dice così, no? – per alunni e personale. Bambini dell’asilo, in una delicata fase dell’apprendimento, costretti a giocare senza contatto fisico con un allarme che vibra, suona o lampeggia se qualcuno si avvicina troppo: chissà se intendeva proprio questo il consigliere del ministro della salute Walter Ricciardi quando parlava di «cambiamento culturale» per convivere con il coronavirus.

Benvenuti nella pedagogia 2.0, insomma: i braccialetti verranno messi ai polsi dei piccini prima di entrare all’istituto, come degli orologi. Ma al posto di segnare le ore, segnaleranno l’invasione di campo nel sacro spazio di un metro che dovrebbe scongiurare il pericolo di contagio. Gli aggeggi, quindi, vibreranno e si illumineranno se si supera il limite consentito di vicinanza fisica. Come far sì che i bambini non si trasformino in tanti piccoli cani di Pavlov? Non un’ombra di dubbio traspare dalle parole della direzione dell’istituto. «L’iniziativa sarà sviluppata e spiegata come se fosse un gioco, evitando qualsiasi rischio di ansie per le misure anti-contagio, attraverso le nostre psicologhe e le pedagogiste – sottolinea Fabio Morandi, presidente della scuola ‘Eugenio Cantoni’ di Castellanza – e lo scopo per i bimbi sarà appunto quello di non far illuminare i propri braccialetti».

Il sistema si serve dell’immancabile app che permette di monitorare i contatti tra i bambini all’interno dell’istituto scolastico, e verrà consultata per risalire ai vettori di trasmissione in caso di contagio: «I bracciali, che potrebbero essere utilizzati anche per i campo scuola estivi, saranno indossati da tutti i lavoratori all’interno della scuola, che conta 150 alunni e meno di una cinquantina di dipendenti – prosegue Morandi – alle famiglie toccherà pagare solo un sovrapprezzo di qualche decina di euro sulla quota mensile. Abbiamo deciso che devolveremo questo contributo ad associazioni di volontariato. Insomma, noi siamo pronti a partire e ad attivare tutti i protocolli sanitari necessari». Qualche decina di euro, che cosa volete che sia in questo momento.

La stessa iniziativa, fa sapere Ansa, potrebbe essere replicata in altre scuole della Penisola; addirittura in Francia l’asilo nido aziendale di un grosso marchio automobilistico ne ha già ordinati altre centinaia: “Abbiamo ricevuto ordini da una catena di alberghi a Brescia, alcuni stabilimenti balneari e grosse aziende sanitarie – spiega Antonello Barracane, titolare dell’impresa barese che produce i braccialetti – E pensare che l’idea era nata solo un anno fa come sistema di telemetria di gruppo in acqua, in pratica per i distanziamenti durante gli allenamenti in piscina. Ora, viste le esigenze, abbiamo riconvertito il prodotto in funzione anti-Covid».

Cristina Gauri
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

VERONICA COLAIANNI: Braccialetti elettronici all'asilo di Varese e psicologia dell'apprendimento

Messaggioda sandropascucci » 9 mag 2020, 22:47

VERONICA COLAIANNI: Braccialetti elettronici all'asilo di Varese e psicologia dell'apprendimento



Codice: Seleziona tutto

da: https://www.youtube.com/watch?v=XI02XH7sPww
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

UN CANE ROBOT CONTROLLA LA DISTANZA SOCIALE: A QUANDO LA FUCILAZIONE IN LOCO?

Messaggioda sandropascucci » 9 mag 2020, 22:50

Meet the robot dog promoting safe distancing in Singapore's parks



Codice: Seleziona tutto

da: https://www.youtube.com/watch?v=2DJmIjKtVkA


A quando un cannoncino sparatutto montato sul dorso?



P

R

I

M

I

T

[>>]

9 MAGGIO 2020
Singapore, ecco il robot "distanziatore": gira nei parchi per impedire gli assembramenti
da: https://video.repubblica.it/dossier/cor ... P6-S1.6-T1

https://video.repubblica.it/dossier/cor ... P6-S1.6-T1

I giornalisti di Repubblica.it NON GRIDANO al fuoco. Ricordiamolo.

[^]

F

O

R

U

M

_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

CI TROVIAMO IN UNA SOCIETÀ PIANIFICATA DOVE NULLA È PERMESSO SE NON ESPLICITAMENTE PREVISTO

Messaggioda sandropascucci » 10 mag 2020, 18:41

>

Codice: Seleziona tutto

da: https://www.nicolaporro.it/le-seconde-case-e-la-prova-inversa


CI TROVIAMO IN UNA SOCIETÀ PIANIFICATA DOVE NULLA È PERMESSO SE NON ESPLICITAMENTE PREVISTO
Le seconde case e la prova inversa
di Nicola Porro

La questione delle seconde case e del divieto di utilizzarle racconta meglio di tanti altri esempi una pericolosa deriva di questo governo. Vediamola. Il primo decreto del presidente del Consiglio vietava esplicitamente il loro utilizzo. Si potrebbe questionare sul fatto che si trattava di una eccessiva limitazione della proprietà privata, per la quale, peraltro, si pagano imposte patrimoniali, come ad esempio l’Imu. Ma il punto non è questo. È il secondo Dpcm che ci fa riflettere. In esso non è esplicitamente fatto divieto di utilizzo delle seconde case. Rispetto al primo, dunque, non c’è una previsione esplicita: è un’interpretazione successiva che hanno dato i tecnici di Palazzo Chigi.

La sostanza non cambia, sia prima sia dopo il 4 maggio non si può disporre liberamente del proprio quartierino al mare o in montagna. E veniamo dunque al principio che ci interessa. In una società libera è tutto permesso a meno che non sia esplicitamente vietato. In una società pianificata, e verrebbe da dire sovietica, nulla è permesso se non esplicitamente previsto. Ci troviamo in questa seconda situazione. La legge non prevede esplicitamente il pur odioso divieto di andare nelle seconde case, ma non prevedendolo esplicitamente, ciò non è concesso. Vi rendete conto che si tratta di un germe pericolosissimo. Le nostre libertà, compresa quella di detenere e utilizzare un immobile, non sono comprimibili a piacimento, ma soprattutto non sono per definizione limitate se non esplicitamente concesse.

La parola chiave è proprio questa: concessione. Il presidente del Consiglio, e con lui piccoli sceriffi locali che sono in ascesa, pensano di concedere ai cittadini ciò che è già loro. Il sindaco di Roma Raggi è riuscita a dire nei giorni scorsi che dobbiamo “meritarci” la frequentazione dei parchi pubblici. Insomma, ci troviamo nella drammatica condizione che non sappiamo bene come muoverci, è il caso di dirlo: e ci atteniamo non al principio liberale per cui possiamo andare ovunque non sia esplicitamente vietato, ma ci siamo ridotti a temere di fare ciò che non sia esplicitamente concesso. Roba da Mosca degli anni ’60. La giustificazione di tutto ciò nasce dall’emergenza sanitaria. È chiaro. Ma abbiamo l’impressione che ci sia qualcuno che sta prendendoci gusto.

D’altronde la costruzione o il mantenimento di uno stato di emergenza è la chiave per chiudere una società. Un esempio che anticipa il Coronavirus è quello dell’evasione fiscale. Invece di ridurre le imposte si preferisce il lockdown tributario. E cioè è tutto vietato ciò che non è permesso, e in quel campo si assiste all’aberrazione dell’inversione dell’onere della prova. Un’altra violazione palese delle nostre libertà: sono i contribuenti a dovere dimostrare la loro innocenza e non gli inquirenti a provare la loro colpevolezza.

Ormai ci siamo abituati, ma si tratta di un mostro. Quando der Kommissar Arcuri stabilisce il prezzo delle mascherine per legge, oltre a fare una sciocchezza dal punto di vista degli approvvigionamenti, apre una strada pericolosissima.

Nella prossima emergenza economica perché non stabilire tetti ai beni di prima necessità? Perché non individuare un prezzo politico per alcuni servizi indispensabili? Insomma, la strada per la schiavitù è servita.
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

COVID, Parola d'ordine: DEVI SOFFRIRE

Messaggioda sandropascucci » 10 mag 2020, 18:54

::
COVID, Parola d'ordine: DEVI SOFFRIRE

articolo 1di3

Egregio Legislatore,
cari connazionali,

non è possibile rispettare quel che ci dite di rispettare. Con tutta la buona volontà: non è più possibile.
Non (mi) è possibile abbandonare una casa completamente all’usura e al suo destino. Non è possibile abbandonare una casa che è costata sudore e sangue. E, perché no, soldi. Non potete chiedere, nemmeno in virtù dell’emergenza presente, di abbandonare una casa solo perché GIURIDICAMENTE ordinata “seconda”, non potete chiedere di abbandonare una casa solo perché FUORI REGIONE, non avete il diritto di impedire la manutenzione per la sicurezza e il mantenimento di un mio bene (ma come me migliaia di altri proprietari).
Non avete i diritti (costituzionali o meno, qualcuno competente e non più vile un giorno deciderà su questo) di mandare in malore una risorsa familiare, dove si coltiva un orto per l’autoconsumo di frutta e verdura, dove risiedono ricordi di quattro generazioni, dove la presenza di una (ma anche più) persone, non hanno NULLA A CHE FARE con la sicurezza epidemiologica di una Nazione (la ANCHE mia Nazione).
Quello che fate, quello che dite che noandri dobbiamo o possiamo fare, ha un limite, prendetene serenamente atto.
Un limite dettato dalla logica, dalla realtà dei fatti, da una libertà e intelligenza (leggasi SENSO CIVICO se non ISTINTO DI SOPRAVVIVENZA) che non necessita di continui e restrittivi decreti legge. Siamo grandi, sapete? Siamo adulti.

So bene qual sia il Vostro pensiero: economico, amministrativo. Per questo avete cercato di fermare un contagio MONDIALE con norme riferite a entità “virtuali” come lo sono i CONFINI AMMINISTRATIVI.
In primis zone rosse nei singoli Comuni, poi province e infine Regioni (passando per intere Nazioni), come se il VIRUS conoscesse lo schema politico dei nostri miseri confini mentali, piuttosto che valutare abitudini, viaggi, alimentazione, stress, inquinamento (anche e soprattutto elettromagnetico), disorganizzazione sanitaria (conseguente delle magnaccerie politiche), in cui il solo banchiere siede felice a raccogliere.. in pratica TUTTO.

Se le Leggi hanno un FINE, uno scopo, un obbiettivo e se queste da VOI emanate e calate a forza di minacce di multe e galera mirano al “contenimento della diffusione del COVID-19”.. beh allora state sbagliando clamorosamente con talune decisioni, come quella oggetto della presente.
Io ho il diritto di recarmi in CASA MIA, quale che sia il suo casellario descrittivo di fronte alla Legge (“principale”, “a disposizione”, “seconda”, “per vacanze”, “domicilio”, “dimora”, “residenza”..).
Che sia luogo di villeggiature siete VOI e SOLO VOI a dirlo. Per me è un luogo di VITA, di RISPETTO, di SOPRAVVIVENZA alla società che VOI state distruggendo. E questo annientamento è cosa di PRIMA del coronavirus, diciamolo.
Ora ci trattate da untori della peste, però i nostri soldi di IMUICITARESTASIECC.. li prendete eccome, in onore del latino “pecunia non olet” (li sòrdi non puzzano).

Lasciate liberi i cittadini di decidere le proprie azioni dettando, nelle Vostre Leggi, GLI SCOPI ma non i METODI. Non siete in grado, non sapete capire o prevedere o far fronte alla realtà di vita di 60 milioni di italiani. Non riuscite perché molti di Voi neanche hanno mai lavorato e non calati nella VERA realtà lavorativa italiana.
So bene che state salvaguardando le Regioni da un sovraccarico (teorico) di ammalati e bisognosi di terapie intensive (che temete non disponibili, dato lo stato in cui avete ridotto la sanità) e per questo TEMETE che il popolo capisca (finalmente!) che lo vero problema del coronavirus non è che TI METTE A LETTO ma che QUEL LETTO NON C’E’!! E questo porterebbe vera ribellione tra il popolino, quello stesso popolo che ora, invece, è narcotizzato e impaurito da un becero terrorismo mediatico con tanto di conteggio FALLACE dei morti (alla fine i morti CON coronavirus saranno NUMERICAMENTE superiori ai CONTAGIATI).
Aprite i confini delle Regioni, ora.

Di Legge ne basterà UNA: “cittadino, fai come vuoi, ma non favorire il contagio”. Punto. “Favorire il contagio” sarà compito del comitato “scientifico” definirlo, come azioni umane.
Assembramento è favorire il contagio? Sì.
Andare da soli in auto: no.
Toccare le cose senza guanti: sì.
E così via. Ossia con un elenco di azioni che siano pericolose. E non occorre specificare se sia pericoloso toccare le mele e/o le pere. TOCCARE. Punto. Toccare anche i cugini? O i fratelli? O l’amante? TOCCARE. PUNTO.

La spesa che oggi facciamo a Milano è la stessa spesa che un domani faremmo a Palermo, usando le stesse precauzioni (guanti, mascherine, distanziamento ecc..). Molto probabilmente nello stesso supermercato (come marchio). Non faremo orge nella casa di montagna e perdonateci se saremo forse più sereni, non dico felici, no.
Attraversare un confine INVISIBILE (tant’è che a noi umani occorre mettere un cartello sulla strada per sapere che non siamo in toscana ma già nel Lazio): non è pericoloso, non di per sé.
Certamente è pericoloso, sì, per VOI, perché (esempio) 100 milanesi che si trovassero ad ammalarsi nella seconda casa di Napoli farebbe scoprire che la Regione Campania non ha LETTI (risorse) DISPONIBILI!

Nessuno vuole correre il rischio di palesarsi inadeguato ad affrontare NUOVO IMBARAZZO. Meglio lasciare smaltire le cose così come ora, soprattutto perché nessuno si pone domande giuste. Non avete paura di NUOVI CONTAGI ma che a NUOVI CONTAGI si sviluppino NUOVE DOMANDE.
Da quel che vedo attraverso quella finestra, viziata, che è la TV o il computer, gli unici a girare fuori regola siete VOI, con i Vostri assemblamenti, ingiustificabili fosse pure per “festeggiare” un ponte disgraziato rinato a simbolo di questo e quello che a Voi pare più importante del mio importante, con mascherine assenti e incontrollati pernottamenti.
Un esempio: solo chi non ha mai lavorato in vita sua può pensare che si possa andare per manutenzione in un porto e tornare la sera stessa, aumentando il rischio di incidenti per stress e stanchezza. Ma dalla Vostra avete la sicumera del Re che conosce la bontà delle briciole rilasciate ar popolino..

Un Re nudo, ormai. E non è un bel vedere.

Ora attendiamo la stracciatura di vesti e il rimando al “ringrazia che hai casa” e/o “ringrazia che hai lavoro” e al sempreverde “c’è gente che è morta”. Sì, è vero: è morta. Ma perché NON SONO STATI CURATI, nel “migliore” dei casi o “CURATI MALAMENTE” negli altri casi, vuoi per mancanza di letti al momento opportuno, vuoi per ERRATE SCELTE MEDICHE riguardo medicinali e procedure non adatte. Intubiamo gente che NON va intubata, teniamo gente in casa ma consigliamo aria aperta e sole per aumentare gli anticorpi e le difese immunitarie in genere.
Ma soprattutto: e allora? Chi ha casa deve tacere perché ha casa? E chi ha lavoro deve tacere perché c’è chi l’ha perso? E chi ha un morto in famiglia? Può parlare su tutti o deve star zitto se quel morto è un vecchio padre di 95 anni con tre patologie pregresse quando incontra chi ha un lutto per la perdita di un figlio? E chi ha perso il lavoro e un figlio? Il suo diritto a parlare è maggiore o minore di chi ha perso casa ma mantiene il lavoro pur col papà in coma? Ma che facciamo la gara alle disgrazie (per altro quasi tutte EVITABILI)?
LA LEGGE E’ UGUALE PER TUTTI, non ammette discriminazioni, quindi ciò che regola la Liguria deve regolare anche la Puglia e ciò che vale per me deve valere per un qualsiasi politico. Quindi o a casa tutti o nessuno. Per Legge. E ciascuno affronterà le conseguenze di tale livella. Io a casa e Bersani a stringere mani a gogo’? Io a casa e Conte nella folla presente sotto il ponte di Genova?

Per finire: il lavoro.

Discriminare la sicurezza personale e collettiva di fronte a un virus terribile in base alla DESTINAZIONE della persona è CRIMINALE. Se vai a lavorare puoi assumere il rischio di MORIRE ma se vai a tagliare l’erba per evitare il rischio di incendio (pensate a località fuori mano, al centro della Sardegna o della Sicilia), no? E questo perché sul terreno sperduto che possiedi (col sangue di inizio articolo) hai una MALEDETTA seconda casa e/o è FUORI REGIONE?
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [DOSSIER COVID19] Coronavirus

Messaggioda sandropascucci » 11 mag 2020, 8:45




Codice: Seleziona tutto

da: https://www.youtube.com/watch?v=jDgPnUrQ8Hc&feature=em-uploademail



::
Sandro Pascucci
Hanno impedito, fin dall'inizio, di raggiungere l'orto individuale. Se fuori Regione di residenza tale impedimento è attivo ancora oggi 11.05.2020. Quello che vogliono è la TOTALE DIPENDENZA della cittadinanza verso gruppi internazionali del settore agroalimentare. Il Sistema ODIA colui che mostra attitudini di AUTONOMIA ALIMENTARE. Lo odia e lo combatte in ogni modo..
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Coronavirus, scende il sipario sul Transatlantico: "Serve più spazio per i parlamentari"

Messaggioda sandropascucci » 11 mag 2020, 17:37

>

Codice: Seleziona tutto

da: https://www.repubblica.it/politica/2020/05/11/news/coronavirus_scende_il_sipar


Coronavirus, scende il sipario sul Transatlantico: "Serve più spazio per i parlamentari"

Nello storico salone liberty i lavori per allestire 120 postazioni per i deputati. La prima chiusura nella storia repubblicana
di CARMELO LOPAPA

ROMA - Arrivederci Transatlantico. A chissà quando. E' come se salpasse e andasse via un pezzo di democrazia e informazione parlamentare. Aveva resistito al lockdown più stretto, ma il prolungamento delle misure di sicurezza adesso mette in quarantena uno dei luoghi simbolo della Camera dei deputati: è il grande salone liberty di Montecitorio, il "salotto" progettato dall'architetto palermitano Ernesto Basile, regno di incontri, di bisbigli e capannelli tra politici e giornalisti. Di fatto, non sarà più accessibile ai cronisti della stampa parlamentare accreditata, con tutto quel che ne consegue anche in termini di "contatti" e di trasparenza dell'attività politica. Non era mai accaduto dalla Costituente del 1946. Sarà l'ennesimo primato dell'era coronavirus.

prosegue su: repubblica.it



::
Meno di un minuto fa
Sandro Pascucci
Il tuo commento è in attesa di essere approvato
Due soluzioni ALTERNATIVE:
1. far saltar, su tre politici, almeno due, via a casa, CAUSA COVID19 hai perso il posto. il famoso 3x2.
2. ombrelloni con divisori in plexiglass nella piazza antistante, per una politica TRASPARENTE.

risolto.

che poi.. 'sti giornalisti.. meno ce ne sono e meglio è.. tanto, diciamolo.. tutta 'sta libera informazione non era--
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

TURISMO MEDIOEVALE.

Messaggioda sandropascucci » 12 mag 2020, 8:19

TURISMO MEDIOEVALE.
(11052020)

Cosa faranno tutti quei sindaci che han trattato i possessori di seconde case come untori quando, a seguito delle MANCATE ENTRATE, vedranno i loro BELLISSIMI paesini vuoti e impoveriti? la solita piangina italica, suppongo..
Non ci voleva molto a capire che non si portava virus ma MONETA in quei posti, ora senza vita o comunque MENOMATI ECONOMICAMENTE.
Davvero pensate che questo TURISMO MEDIOEVALE funzionerà? I siciliani terranno su i conti per la Sicilia, i friulani per il FVG? Sarà un grossissimo BOTTO ECONOMICO e i sindaci, con i presidenti di Regione ne sono RESPONSABILI.
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

LA TREMENDA PROPOSTA DEI BRACCIALETTI ELETTRONICI IN SPIAGGIA: UN PERICOLOSO PASSO CONTRO LA LIBERTÀ

Messaggioda sandropascucci » 12 mag 2020, 16:10

da: https://www.youtube.com/watch?v=ybQWH5unkDw



LA TREMENDA PROPOSTA DEI BRACCIALETTI ELETTRONICI IN SPIAGGIA: UN PERICOLOSO PASSO CONTRO LA LIBERTÀ

Non mi stancherò di ribadirlo: il c#oronavirus oltre ad essere un virus è anche un metodo di Governo, utilizzato dalla classe dominante per organizzare verticisticamente il rapporto di forza.

In sostanza dopo una “belle époque” di capitalismo post 1989 sotto il segno della fine capitalistica della storia tratteggiata da Fukuyama, cominciavano a insorgere forme di contestazione, quelle che Giulietto chiesa definisca “i guaiti dei popoli sofferenti”.
Questi non erano ancora organizzati nella forma in sé e per sé della lotta di classe, ma nondimeno cominciavano a manifestare un generale stato di insofferenza verso la simmetria della globalizzazione capitalistica.

Il coronavirus sta rappresentando un’occasione d’oro per le classi dominanti per ristrutturare il rapporto di forza.
Il distanziamento sociale rappresenta sotto questo riguardo il principio cardinale della nuova forma della società, o se preferite della riplasmazione della società ai tempi del Covid.

Questo principio permette una vera e propria secessione delle élite neopatrizie del globalismo da una parte, e dall’altra, ancora una volta a subire silenziosamente, le plebi “glebalizzate“.
Esse grazie al principio del distanziamento sociale vengono private perfino della loro vita pubblica e quindi della possibile creazione di aggregazioni negli odiati e demonizzati luoghi “di assembramento”.

In tal modo ciascuno è rinchiuso in casa senza occasioni di incontro o eventuali sedimentazioni di esperienze di opposizione rispetto all’ordine esistente. Per di più vede l’altro sempre come possibile nemico: homo homini virus, come abbiamo detto in altre occasioni. L’asintomatico diventa la figura chiave, quella in virtù della quale ciascuno è allo stesso tempo un potenziale contagiato e contagiatore.

Sotto questo riguardo non stupisce la proposta (una delle tante) che arriva in questi giorni dalla Regione #Liguria: un #braccialetto sulle spiagge per evitare l’avvicinamento tra le persone e mantenere il sacro principio del distanziamento sociale.
Addirittura il Presidente Giovanni #Toti ha spiegato che potrebbe essere un divertente gioco questo braccialetto elettronico, non si capisce su che basi in verità.

Quel che è certo è che andiamo sempre più palesemente verso una società di rigido #controllo, una società che in nome del distanziamento sociale impone una ridefinizione dei rapporti e una riorganizzazione della società basata sulla neutralizzazione della sfera pubblica e quindi sull’annullamento di quel contatto sociale che è alla base di ogni possibile protesta.
L’individuo, rinchiuso in casa non potrà mai dar luogo a una contestazione dell’ordine esistente: questo è il punto saliente per comprendere molto di ciò che sta accadendo.

#RadioAttività, lampi del pensiero quotidiano – Con Diego #Fusaro
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Il Virus dell'umiliazione.

Messaggioda sandropascucci » 12 mag 2020, 16:20

P

R

I

M

I

T

[>>]

Il Virus dell'umiliazione.
(di sandropascucci, 12052020, primit.it, signoraggio.com)

Vogliono UMILIARCI.
Per andare in spiaggia dovrai UMILIARTI,
stare ai loro GIOCHINI,
alle loro CATENE elettroniche,
alla MONOMANETTA BLUETOOTH.
Per andare nella tua casa,
solo perché oltre quella barriera invisibile, amministrativa, politica chiamata REGIONE,
dovrai DARE IL SANGUE, prima, per avere un CERTIFICATO.
Questo prima.
INIETTARTI qualcosa (chissà cosa), nelle vene poi.
Per un vaccino, l'ennesimo.
Altra merma nelle vene, come non bastasse quello che respiriamo, che SUBIAMO nell'etere, dall'etere.
Dovrai avere un libretto, un certificato di NON MOSTRO, di NON UNTORE.
Vogliono umiliarci, vogliono che ci scappi il morto. Di nuovo.
Ma esiste, ancora, grazziaddio, il principio di autodifesa.
Che prevede QUALSIASI cosa per tutelare la propria persona.

[^]

F

O

R

U

M



virusdellaumiliazione.PNG
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

La tirano alle lunghe con un unico scopo, una unica SPERANZA (loro): che ci siano ritorni massivi di contagi

Messaggioda sandropascucci » 12 mag 2020, 18:03

La tirano alle lunghe con un unico scopo, una unica SPERANZA (loro): che ci siano ritorni massivi di contagi nei prossimi giorni.. che equivarrebbe ad avere POTERE SUPREMO PER SEMPRE.
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Divieto di annegare

Messaggioda sandropascucci » 14 mag 2020, 7:54

POLITICA
13/05/2020 13:19 CEST

Divieto di annegare
Niente respirazione bocca a bocca, i bagnini potranno solo guardare il petto dell'affogante. Nei protocolli sulla balneazione l'assurdo di una società in cui morire sta bene, a patto che non sia per Covid
By Pietro Salvatori

È fatto divieto di annegare. Gli italiani che si apprestano ad andare in spiaggia con mascherina e guanti saranno i nuovi eroi italiani. Dovranno sfidare la rifrazione del plexiglass di sicurezza, che abbasserà della metà il rischio di coronavirus e alzerà del doppio quello di prendersi un coccolone. Potranno fare il bagno solo se nuoteranno, e nel farlo non potranno annegare. Il documento tecnico di balneazione sfornato dall’Inail prevede infatti che per salvare vite i bagnini non potranno salvare vite.

La dittatura della precauzione, come da formidabile sintesi di David Carretta, impone infatti ai baywatcher nostrani di non avvicinarsi troppo al malcapitato moribondo per non rischiare di ammalarsi o di ammalare. L’orwelliana disposizione raccomanda “di valutare il respiro soltanto guardando il torace della vittima alla ricerca dell’attività respiratoria normale, ma senza avvicinare il proprio volto a quello della vittima”. Senza considerare il duro colpo all’immaginario costruito a partire da Baywatch fino ad arrivare a Stranger Things di uomini e donne belli in modo assurdo che mettono a servizio la propria competenza per un atto che racchiude universi di malizia, una pletora di professionisti del soccorso demitizzati e costretti a inforcare gli occhiali per decidere se il su&giù del petto risponda a non si sa quali canoni di accettabilità, i più realistici dipendenti degli impianti di balneazione avranno un baluardo a difesa del contagio.

Guai a chi si avvicinerà a soccorrere il moribondo, pena l’arrivo di un drone poliziottesco e una diretta tv che inchioderà l’untore - vai poi a capire chi sia dei due, se l’affogante o il soccorritore - alle proprie responsabilità e a una multa salatissima. Divieto di annegare, dunque, l’assurdo di una società in cui morire sta iniziando a diventare accettabile, a patto che non sia per Covid. Ma anche moriste, non c’è nulla da temere. Il protocollo segue le raccomandazioni dell’Italian Resuscitation Council. Al massimo ci si rivede dopo tre giorni, stessa spiaggia, stesso mare.

da: https://www.huffingtonpost.it/entry/div ... 98733b3cb8
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Luca Mencaroni
Messaggi: 801
Iscritto il: 1 giu 2010, 3:21
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Perugia e dintorni
azioni: manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, su carta stampata, azioni folkloristiche, documentazione burocratica, contatti con altri "entità" (associazioni, enti, strutture..)
Località: Perugia

:: COnsapeVole19

Messaggioda Luca Mencaroni » 14 mag 2020, 16:07

::
COnsapeVole19

Da troppi anni ormai accade di trovarci sempre un passo indietro rispetto a quello che poi, inevitabilmente, finisce per stravolgere le nostre certezze e condotte di vita.
Un popolo ignorante è più facile da ingannare, diceva Ernesto, e pare che ai nostri governanti questo piaccia.
Noi sicuramente ci mettiamo del nostro: vuoi per nostra poca volontà, per le innumerevoli comodità e distrazioni che ci accompagnano nel nostro lento cammino (verso il basso).

-Ma cosa poteva forse evitare, o perlomeno alleviare, lo shock subito in questi giorni?
Il sapere [come comportarsi] d’anticipo.
-Ma era possibile?
Io credo di sì.

Andiamo per ordine:
nel portale del Ministero della Salute c’è un’apposita sezione riservata al virus influenzale
http://www.salute.gov.it/portale/influe ... menu=vuoto
dove si parla di prevenzione e controllo.
Nello specifico c’è anche l’accordo Stato-Regioni del 1 AGOSTO 2019 su ”Prevenzione e controllo dell'influenza: raccomandazioni per la stagione 2019-2020” in cui vengono elencate 5 azioni da rispettare.
http://www.trovanorme.salute.gov.it/nor ... serie=null

prev.png

Basta leggerle per capire che sono niente di meno che le raccomandazioni, diventate poi obblighi dato il degenerare della situazione, che da metà Marzo 2020 in poi la tv e tutti i mass media stanno martellando giorno e notte.
E’ vero che abbiamo a che fare, a quanto dicono gli esperti, con un virus nuovo e posso capire quindi l’incertezza su metodi di cura e trattamento dei pazienti, ma la condotta che noi-popolino stiamo solo ora mettendo in atto rispecchia queste 5 regolette.

Ora io non pretendo che il fruttivendolo o la sarta debbano per forza stare aggiornati costantemente sugli avvertimenti nei siti di ministeri e medicina, ma visto che stiamo parlando di pubblicazioni fatte ad Agosto 2019, e considerato che sapevamo dell’epidemia in Cina dai primi giorni di Gennaio 2020, mi sarei aspettato, soprattutto da chi queste pubblicazioni le ha scritte, un comportamento DIVERSO, visto il ruolo e la responsabilità che hanno.
Credo che qualsiasi persona dotata di un minimo di buon senso e responsabilità del ruolo, se si fosse trovata nei loro panni e avesse avuto veramente a cuore la salute delle persone, avrebbe cercato fin da subito [ricordiamo: 9 Gennaio 2020 identificazione nuovo coronavirus] di mettere a conoscenza degli Italiani, attraverso i mass media, almeno quelle 5 regolette, che se attuate da subito potevano probabilmente risparmiare molti contagi.

Noi invece fino a metà Marzo continuavamo ancora ad ammassarci e a sputazzarci l’un con l’altro nei supermercati, poste, bar, ecc..

Gli addetti ai lavori le regole le sapevano già da prima [vedi pubblicazione 1 Agosto 2019], il popolino solo ora inizia a digerirle.
Perché hanno aspettato che degenerasse la situazione, tra paura e incertezza, per iniziare ad educare le persone a comportarsi in un certo modo? (“educare” poi?! Tra panico e limitazioni insensate?! Bah..)

Il bello è che se ci avessero avvertiti prima, a quest’ora non stavamo protestando per le restrizioni messe in atto.
Se tu dicevi, a inizio anno, “guarda che se non fai rispettare ai tuoi clienti ste regole di igiene e distanziamento, è probabile che in futuro dovremo prendere decisioni più drastiche” a fine Marzo chi si sarebbe lamentato col governo?!..

Come facciamo a fidarci ORA di tali persone e ritenere giuste le loro imposizioni, se queste hanno cercato di chiudere la stalla solo quando i buoi erano già scappati?
Ultima modifica di Luca Mencaroni il 14 mag 2020, 21:51, modificato 1 volta in totale.
Luca Mencaroni - Perugia

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Milano, il bluff dell’ospedale in Fiera: 25 milioni e mai più di 13 ricoveri

Messaggioda sandropascucci » 15 mag 2020, 9:22

Milano, il bluff dell’ospedale in Fiera: 25 milioni e mai più di 13 ricoveri
14 MAGGIO 2020
Realizzato in venti giorni, ora ha tre pazienti. L’imbarazzo dei politici per un’opera fatta con le donazioni
DI ALESSANDRA CORICA

Milano - Al momento, hanno 8.333 metri quadrati a testa. Perché lì, in quell’ospedale “modello Wuhan” da 25 mila metri quadrati, che secondo gli annunci avrebbe dovuto ospitare 500 pazienti — poi ridotti a 208 — per ora sono ricoverati solo tre persone. Eccolo, l’ospedale della Fiera a Milano, il fiore all’occhiello della lotta al Sars-Cov-2 per il governatore lombardo Attilio Fontana e il suo assessore al Welfare Giulio Gallera.

da: https://rep.repubblica.it/pwa/generale/ ... 11-S3.4-T1
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

MANIFESTAZIONE A ROMA! OGGI 16 MAGGIO! VIDEO DI UN PARTECIPANTE! [CORONAVIRUS]

Messaggioda sandropascucci » 16 mag 2020, 18:42

MANIFESTAZIONE A ROMA! OGGI 16 MAGGIO! VIDEO DI UN PARTECIPANTE! [CORONAVIRUS]

Codice: Seleziona tutto

https://www.youtube.com/watch?v=bo7VdfMEujc



Altra angolazione
https://www.facebook.com/40232342038786 ... _tn__=kC-R
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Lo squadrismo delle mascherine e i soprusi di uno Stato tirannico: la vergogna della Regione Campania e del suo presiden

Messaggioda sandropascucci » 17 mag 2020, 18:33

> Lo squadrismo delle mascherine e i soprusi di uno Stato tirannico: la vergogna della Regione Campania e del suo presidente Vincenzo De Luca
16 Maggio 2020 12:28 | Peppe Caridi

Pensavamo di aver toccato il fondo quando abbiamo assistito attoniti alle tristissime scene dei runner inseguiti dai droni sulle spiagge deserte, o quelle imbarazzanti immagini degli elicotteri che atterravano sulla battigia per allontanare un cittadino che stava prendendo il sole in solitaria: nei due mesi di lockdown gli italiani sono stati privati di ogni libertà personale in spregio alla Costituzione e anche al buon senso, che avrebbe consigliato di agire soltanto per evitare il contagio anzichè imporre un coprifuoco degno della peggior dittatura. Ne abbiamo viste di tutti i colori con la complicità della parte più fragile della popolazione, condizionata dal martellamento mediatico e ridotta in condizioni di psicofobia, al punto da degenerare in aggressioni a mamme che portavano sul Lungomare il figlio autistico o a pestaggi al vicino di casa che usciva per sgranchirsi le gambe intorno all’isolato.

Tutto questo è successo nel silenzio più assoluto di un popolo lobotomizzato dallo Stato, mentre tutti gli altri Paesi occidentali hanno affrontato la pandemia con regole molto più soft e dalla Germania agli USA la popolazione è scesa in piazza per protestare contro le (poche) libertà negate. Lì dove non hanno mai proibito di uscire di casa per una passeggiata o una corsetta.

La speranza di tutti i cittadini dotati di un minimo di intelletto, quelli cioè che hanno sopportato tutto questo a malincuore perchè considerano la libertà il pilastro fondante della nostra società, era che con la “Fase 2” quest’incubo potesse finire. E invece il fondo lo stiamo toccando in questi giorni con lo squadrismo delle mascherine, che in Campania sta provocando gravissimi episodi di intolleranza e violenza contro chi esce di casa senza quest’accessorio scientificamente controverso e dalla dubbia utilità.

E’ inutile sottolineare che questi soprusi degni di uno Stato tirannico si stanno verificando senza scandali di massa, senza Sardine, girotondi e mobilitazioni anti fasciste, perchè la Regione Campania è governata dallo sceriffo Vincenzo De Luca. Un uomo di Stato, Presidente della Regione, esponente di spicco del Partito Democratico che negli ultimi 9 anni è stato ininterrottamente al Governo al netto di una breve parentesi tra 2018 e 2019, che nelle scorse settimane ha parlato con disinvoltura dell’utilizzo del lanciafiamme contro la popolazione senza suscitare alcuna indignazione. E adesso sembra averci preso gusto: ha imposto l’obbligo delle mascherine nella sua Regione anche all’aperto con pesanti sanzioni per chi ne è sprovvisto. “Chi non indossa la mascherina è una bestia“, ha detto nei giorni scorsi. E ieri ha aggiunto: “Noi dobbiamo combattere gli imbecilli doppi. L’imbecille normale non porta la mascherina e poi c’è l’imbecille doppio, quello che la porta appesa al collo ed è imbecille due volte“.

Quello che è successo sul Lungomare di Salerno pochi giorni fa (qui i video) è la conferma che De Luca non scherzava. Ma come si può imporre l’utilizzo delle mascherine a tutti i cittadini se le mascherine sono introvabili e c’è tanta gente che non ha il denaro neanche per comprarsi un pezzo di pane? Come può un governatore di una Regione come la Campania, dove vivono 6 milioni di persone e c’è il più alto tasso di disagio sociale, povertà ed emarginazione, continuare a strumentalizzare la paura della gente per mera speculazione politica, anzichè sostenere il rilancio dell’economia nell’interesse dei suoi concittadini?

La “Fase 2” è stata la fine della pacchia per molti amministratori pubblici che avevano utilizzato l’emergenza per farsi belli agli occhi dei propri cittadini più ingenui: con il pugno duro in diretta facebook, hanno fatto gli sceriffi del “non uscire di casa” per raccogliere i consensi di qualche allocco, ma adesso che l’emergenza è finita si sono dati tutti una calmata. Rimane soltanto De Luca a “giocare” al dittatore della mascherina sulla pelle della gente. Ma questo squadrismo non è più accettabile: perchè la popolazione ha sopportato due mesi di soprusi e vessazioni soltanto per l’ombra dell’emergenza sanitaria. Che in Campania, come in tutto il Sud, in realtà non c’è mai stata. Adesso, però, che l’emergenza è finita, non ci sono più scuse o alibi tali da giustificare questi abusi.

mascherina coronavirusLa mascherina non deve e non può essere obbligatoria. Anche perchè all’aperto non è necessaria, come tutti i medici, gli esperti, gli scienziati e persino il capo della Protezione Civile Nazionale ribadiscono da settimane e mesi in ogni giornale e trasmissione televisiva. Anzi, può rivelarsi controproducente, soprattutto quando fa caldo. E’ uno strumento utile a proteggersi soltanto se si è esposti a un potenziale rischio di contagio, quindi nei luoghi chiusi e affollati. All’aria aperta e con i +30°C di questi giorni, persino le goccioline (droplet) che emettiamo quando parliamo, evaporano immediatamente. E’ sufficiente rispettare le distanze (ovviamente con gli sconosciuti, perchè qualsiasi convivente dello stesso nucleo familiare ovviamente può stare appiccicato anche all’aperto!) e lavarsi le mani. Con buon senso. Con serenità.

Perchè il Governo, anzichè annullare l’ordinanza della Regione Calabria che già da un mese aveva azzerato i casi e si era permessa di consentire l’apertura dei locali con i tavolini all’aperto, non si impegna per ripristinare le basilari libertà civili in Campania dove la dittatura di De Luca ha imposto lo squadrismo delle mascherine?

Cosa sarebbe accaduto se al posto di De Luca ci fosse stato un governatore di un qualunque partito dell’opposizione di Centro/Destra ad adottare questi stessi comportamenti, a mandare la Polizia a mettere le mani addosso a una signora perchè non aveva la mascherina sul Lungomare, a parlare di “lanciafiamme sulla popolazione“, di “bestie” e di “imbecilli“? Dai grandi editorialisti della stampa nazionale alle più moraliste trasmissioni TV, ci sarebbe stato un unanime coro d’indignazione a cui ci saremmo ovviamente tutti accodati con convinzione. Perchè, quindi, a De Luca è tutto consentito? Persino i comportamenti più beceri, palesemente illegali di fronte alla Costituzione?

Intanto il Governo ha deciso che dal 3 Giugno l’Italia riapre le frontiere con gli altri Paesi europei senza obbligo di quarantena per chi arriva. E allora ci chiediamo se ci stiano prendendo in giro. O se stiano ancora una volta sbagliando tutto per manifesta incapacità. Nei Paesi che hanno affrontato meglio la pandemia, quelli che dovremmo prendere come modello anzichè ribadire con presunzione che il modello è l’Italia facendo morire dalle risate il mondo intero, già da tempo hanno riaperto tutto internamente (altro che tavolini! Si va a scuola e negli stadi, nei cinema e in piscina!) ma sono molto ferrei con qualsiasi arrivo dall’estero. Controlli rigidissimi, 8 ore di attesa in Aeroporto, quarantena obbligatoria per tutti.

L’Italia, invece, continua a maltrattare la propria gente con il coprifuoco del lockdown e lo squadrismo delle mascherine, ma sembra fare di tutto per consentire alla pandemia di continuare a dilagare. Come già accaduto all’inizio: non dimentichiamoci che la gente è stata costretta a tutti questi sacrifici solo ed esclusivamente per gli enormi sbagli del Governo che ha sottovalutato l’emergenza, ritardato le chiusure dei focolai al Nord e consentito al virus di spostarsi in tutto il Paese. Adesso l’errore si ripete. “Liberi tutti” dall’estero senza quarantena, ma se esci di casa senza mascherina ti portiamo in Questura. E’ lo squadrismo del premier Conte, del suo Governo e del Presidente campano De Luca, che se ne assumono ogni responsabilità di fronte agli italiani.
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Luca Mencaroni
Messaggi: 801
Iscritto il: 1 giu 2010, 3:21
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Perugia e dintorni
azioni: manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, su carta stampata, azioni folkloristiche, documentazione burocratica, contatti con altri "entità" (associazioni, enti, strutture..)
Località: Perugia

Re: [DOSSIER COVID19] Coronavirus

Messaggioda Luca Mencaroni » 18 mag 2020, 1:30

Anche quando finirà la paura del virus, chi ci manovra non dovrà temere una rappresaglia di popolo.
Con l'intensificarsi dei rapporti umani, capiterà di confrontarci con qualcuno che sta peggio di noi.
Ciò sarà uno dei nostri più grandi deterrenti.
Luca Mencaroni - Perugia

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Abuso di potere!! ( vergognoso)

Messaggioda sandropascucci » 18 mag 2020, 12:46

Abuso di potere!! ( vergognoso)

Codice: Seleziona tutto

https://www.youtube.com/watch?v=grNjNztWVo8

_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Coronavirus, le imprenditrici lombarde: “Il peggio deve ancora arrivare”

Messaggioda sandropascucci » 18 mag 2020, 15:23

Coronavirus, le imprenditrici lombarde: “Il peggio deve ancora arrivare”

Codice: Seleziona tutto

https://www.youtube.com/watch?v=SSUVMZFjtLI


_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

"L'ospedale in Fiera non è servito a ricoverare centinaia di persone", ma è costato 21 milioni di euro

Messaggioda sandropascucci » 19 mag 2020, 10:45

Codice: Seleziona tutto

da: http://www.milanotoday.it/attualita/coronavirus/ospedale-fiera-costo-inutile.html


> "L'ospedale in Fiera non è servito a ricoverare centinaia di persone", ma è costato 21 milioni di euro

"L'ospedale in Fiera non è servito a ricoverare centinaia di persone", ma è costato 21 milioni
Editoriale - Da "stiamo facendo la storia" a "non è servito": la vita (fallimentare) dell'ospedale in Fiera

Carmine Ranieri Guarino 15 aprile 2020 09:15


Trentuno marzo 2020, primo pomeriggio. Al tavolo allestito per l'occasione sono seduti il presidente di regione Lombardia, Attilio Fontana, il presidente della Fondazione Fiera, Enrico Pazzali, il direttore generale del Policlinico di Milano, Pino Belleri e Gerardo Del Borgo, presidente corpo italiano di soccorso dell’Ordine di Malta. Di fronte a loro, accomodati in prima fila, ci sono il vicepresidente del Pirellone, Fabrizio Sala, gli assessori al Welfare, Giulio Gallera, e al lavoro, Melania Rizzoli. L'unico assente del "dream team" è Guido Bertolaso, che in quei giorni è in ospedale.

Le parole che riecheggiano dai microfoni raccontano di un miracolo, di un'impresa resa possibile dalla mitica operosità lombarda. "Stiamo facendo la storia", dice il governatore. "È il più grande reparto di terapia intensiva d'Italia", gli fa eco Belleri, che avrà la struttura in gestione. È "un risultato inimmaginabile con uno sforzo enorme, siamo fieri", ribadisce. E ancora, Pazzali a MilanoToday: "La struttura è pensata per accogliere tecnologicamente fino a un massimo di 208 pazienti". Quindi, Bertolaso, con un messaggio: "Sono fiero di essere italiano". I toni sono entusiastici, celebrano un capolavoro messo a punto in "tempi record", sottolineano più e più volte dal Pirellone.

"L'ospedale in Fiera non è servito"
Quattordici aprile 2020, tardo pomeriggio. Al tavolino utilizzato per il consueto punto stampa c'è l'assessore Gallera: "L'ospedale fortunatamente non è servito - dice - a ricoverare centinaia e centinaia di persone in terapia intensiva. E di questo - sottolinea - stiamo contenti perché vuol dire che oggi c'è un bisogno sanitario inferiore". L'ospedale in questione è lo stesso: quello allestito in fretta e in furia in Fiera a Milano, quello per cui era stato chiamato Guido Bertolaso a curare i lavori, quello del miracolo come argine per l'emergenza Coronavirus. Quello che il 31 marzo serviva a "fare la storia" e che 14 giorni dopo "fortunatamente non è servito".

21 milioni per 10 pazienti
Già, "non è servito". Perché da quel 31 marzo di posti letto in Fiera ne sono stati allestiti 53 - il primo progetto prometteva 400 posti - e ne sono stati occupati soltanto dieci, tutti con pazienti arrivati da altri presidi. "Servirà per le seconde ondate", si sono affrettati a spiegare un po' tutti gli attori coinvolti nel "miracolo lombardo", ma al momento per ogni persona ospedalizzata sono stati spesi 2 milioni, 115mila e 300 euro. Il progetto dell'ospedale in Fiera - stando ai dati più volte rivendicati nei giorni passati dal Pirellone - è costato 21 milioni e 153mila euro, tutti raccolti dal 29 marzo attraverso 1.560 donatori. Erano i giorni in cui in Lombardia andava in scena una vera e propria gara di solidarietà, stupenda, con donazioni che raggiungevano anche le cifre mostruose di 10 milioni di euro ad assegno, come quelli staccati da Giuseppe Caprotti o Silvio Berlusconi, che il denaro lo aveva destinato espressamente all'ospedale in Fiera. Ed erano anche i giorni in cui a Piacenza e Crema si lavorava agli ospedali di campo o a Bergamo si creava da zero un ospedale con l'aiuto di Alpini e ultras nerazzurri: tutte strutture operative anche senza l'inaugurazione formale con tanto di "gita turistica" per i media.

Un'impostazione sbagliata?
Ma quei soldi donati sono andati a finire proprio lì. Pur considerando l'emergenza - che per definizione rende difficili le scelte da prendere nell'immediato -, possibile che il Pirellone non sapesse che i tempi per completare l'ospedale sarebbero stati così lunghi? Possibile che dalla giunta non immaginassero che a lavori finiti, davvero, quegli spazi sarebbero rimasti vuoti? Forse quei soldi potevano essere usati diversamente. Forse, più che fare la corsa ai posti letto, in regione - come hanno mostrato i casi del Veneto e dell'Emilia Romagna - sarebbe stata più utile una corsa all'assistenza a casa. Probabilmente sarebbe stato più utile - come poi è stato fatto, ma solo in parte - creare squadre di medici, oggi si chiamano Usca, in grado di intervenire immediatamente ai primi sintomi, magari a domicilio dal paziente, eseguire il tampone ed evitare che quello stesso paziente in ospedale ci finisca, ma con un quadro clinico preoccupante. Prevenire per non curare, insomma. Curare prima per ridurre l'impatto sugli ospedali, in sostanza. Forse sarebbe stato necessario fare i tamponi ai medici o a pazienti e personale delle Rsa, dove si sta consumando una strage senza precedenti. Sarebbe stato più sensato investire sulle strutture per la quarantena dei pazienti positivi ma non gravi per evitare i focolai domestici, come continuano a chiedere i medici che la battaglia la stanno combattendo in prima linea. Perché se dopo giorni e giorni di lockdown i contagi non calano - o calano solo quando cala il numero di tamponi effettuati - un problema deve esserci.

Perché, pensato così, l'ospedale in Fiera "non può funzionare"
Che il "miracolo Fiera" era tutto tranne che un miracolo lo aveva lasciato intendere benissimo il 6 aprile scorso Giuseppe Bruschi: non un giornalista, un economista o un avversario di partito, ma un dottore che da quasi venti anni è dirigente medico di primo livello nel reparto di Cardiochirurgia dell'ospedale Niguarda. "Che dispiacere. Sono medico, sono lombardo, oggi però con l’inaugurazione dello pseudo 'ospedale' in fiera mi sento triste", si era sfogato in un lungo post su Facebook il giorno in cui in Fiera era entrato il primo paziente. "Una terapia intensiva non può vivere separata da tutto il resto dell’ospedale. Una terapia intensiva funziona solo se integrata con tutte le altre strutture complesse che costituiscono la fitta ragnatela di un Ospedale perché i pazienti ricoverati in terapia intensiva necessitano della continua valutazione integrata di diverse figure professionali, non solo degli infermieri e dei rianimatori ma degli infettivologi, dei neurologici dei cardiologi, dei nefrologi e perfino dei chirurghi - aveva scritto -. Quindi per vivere una terapia intensiva ha bisogno di persone, di professionisti integrati nella loro attività quotidiana mutli-disciplinare"."L’idea quindi di creare dei posti letti slegati da questa realtà - senza entrare nel merito di quanti 600 – 500 – 400 – 250 – 100 – 12 - mi sembra assurda. Sarebbe stato più logico spendere le energie e le donazioni raccolte per ristrutturare o riportare in vita alcuni dei tanti padiglioni abbandonati degli ospedali lombardi. Si sarebbe investito nel sistema in essere e quanto creato sarebbe rimasto in dotazione alla Sanità Lombarda, potendo poi essere utilizzato ancora come terapia intensiva oppure riutilizzabile con altre finalità ma sempre all’interno di un ospedale funzionante", aveva chiarito. "La Lombardia non aveva certo bisogno di dimostrarsi superiore alla Cina costruendo un 'ospedale' in fiera. Vastava vedere quanto fatto da tutti i dipendenti degli ospedali lombardi che in questi 40 giorni hanno creato oltre 600 posti di rianimazione dal nulla, con il loro costante lavoro e sostanzialmente iso-risorse", aveva concluso il medico.

La "storia" che per ora "non è servita"
Dall'inaugurazione dell'ospedale in Fiera a martedì di giorni ne sono passati invece 14, eppure sembra un'era storica. Gli oltre 200 posti letto non si vedono, i pazienti latitano - per fortuna -, i 21 milioni sono stati usati e mancano anche medici e infermieri per mandare avanti la struttura. "Stiamo facendo la storia", aveva detto il governatore Fontana. "Fortunatamente non è servito", ha detto due settimane dopo il "suo" assessore Gallera.
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Zaia al silicone

Messaggioda sandropascucci » 19 mag 2020, 15:28

> Zaia: "Troppi video di 'movida', pronti a richiudere"
"Ci sono arrivate, ma credo a tutti, decine di foto e video dei centri delle nostre città' con movida a cielo aperto. Non ho nulla contro la festa, ma divieto di assembramenti e l'uso della mascherina sono la conditio sine qua non, i salva vita per la tutela dei cittadini". Lo ha detto il governatore Luca Zaia, commentando i primi assembranti con spritz registrati ieri sera. "In 10 giorni - ha aggiunto - io li vedo i contagi: se aumentano richiuderemo bar, ristoranti, le spiagge, e torneremo a chiuderci in casa col silicone".
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

ALESSANDRO MELUZZI e DIEGO FUSARO: Dittatura sanitaria? Un nuovo metodo di governo

Messaggioda sandropascucci » 21 mag 2020, 8:49

ALESSANDRO MELUZZI e DIEGO FUSARO: Dittatura sanitaria? Un nuovo metodo di governo

Codice: Seleziona tutto

https://www.youtube.com/watch?v=hFE4xhaZIC4




>

Codice: Seleziona tutto

https://www.repubblica.it/salute/2020/04/09/news/bill_gates_finanzia_il_vaccino_anti_coronavirus_ino-4800_test_su_40_volontari-253536770/

Bill Gates finanzia il vaccino anti coronavirus Ino-4800: test su 40 volontari
La Food and Drug Administration ha dato il via libera alla sperimentazione
09 aprile 2020

Il vaccino contro il coronavirus in corso di sviluppo da parte dell'azienda biotech americana Inovio è entrato nella sua fase di sperimentazione sull'uomo, grazie al via libera della Food and Drug Administration (Fda).

Si tratta di uno dei progetti sostenuti dal fondatore di Microsoft Bill Gates e da sua moglie Melinda attraverso la fondazione che porta il loro nome. La Fda ha infatti dato il via libera ieri alla sperimentazione su un primo set di 40 volontari del vaccino Ino-4800.

Come funzionerà il 'vaccino di Bill Gates'
Per lo studio del farmaco, la compagnia sta iscrivendo 40 partecipanti adulti sani a Filadelfia presso la facoltà di medicina dell'Università della Pennsylvania e a Kansas City, Missouri, presso il Center for Pharmaceutical Research. I test inizieranno lunedì prossimo.

Ogni volontario riceverà due dosi di vaccino a distanza di quattro settimane. Inovio prevede una rapida iscrizione allo studio e risultati sulla sicurezza entro la fine dell'estate. Se questi risultati sono positivi, l'azienda inizierà rapidamente un altro studio incentrato sulla valutazione dell'efficacia del vaccino contro il virus. Inovio ha dichiarato che ora sta aumentando le sue capacità di produzione e punta a rendere disponibili 1 milione di dosi entro la fine del 2020. Queste dosi potrebbero essere utilizzate in ulteriori studi clinici o in caso di emergenza, se necessario.


>

Codice: Seleziona tutto

https://www.repubblica.it/salute/medicina-e-ricerca/2020/04/02/news/coronavirus_il_vaccino_e_un_cerotto-252966328/

Coronavirus, il vaccino è un cerotto

Il gruppo dell'Università di Pittsburgh è lo stesso che ha messo a punto il vaccino per la Sars. Tra loro, l'italiano Andrea Gambotto, che abbiamo intervistato. "Sui topi funziona, la Fda ci autorizzi a passare all'uomo". In 5 mesi si potrebbe cominciare la produzione
di GIULIANO ALUFFI

02 aprile 2020
Una piccola puntura - anzi, 400 micropunture erogate da sottilissimi aghetti disposti su un cerotto largo 1,5 centimetri - sul braccio o sulla spalla, e l'immunità al virus SARS-CoV-2 può svilupparsi entro due settimane, per raggiungere entro altre 3-4 settimane un livello di anticorpi sufficiente a contrastare in modo decisivo il virus. È questo il vaccino sperimentale - "PittCoVacc", il primo descritto in uno studio peer-reviewed - sviluppato da ricercatori della School of Medicine dell'Università di Pittsburgh, centro di eccellenza nella lotta alle malattie emergenti. I ricercatori - tra cui l'italiano Andrea Gambotto e Louis Falo di UPMC (University of Pittsburgh Medical Center) - sono gli stessi che nel 2003 hanno realizzato il primo vaccino in assoluto contro un coronavirus emergente (in quel caso si trattava della SARS, e quel vaccino non fece in tempo ad essere sperimentato sull'uomo perché la SARS si eclissò da sola) e hanno poi studiato nel 2014 un vaccino per un altro coronavirus, la MERS.
La stessa proteina chiave per Sars e per l'attuale Coronavirus
"Con la SARS già nel 2003 avevamo identificato la proteina chiave che dobbiamo usare come target anche per il nuovo SARS-Cov-2: la proteina "spike", ovvero quella che forma le punte (in realtà più simili a minuscoli ombrelli) di cui è composta la corona del virione e che serve al virus per entrare nelle cellule legandosi ai loro recettori. La proteina "spike" è una specie di chiave che il virus usa per entrare nelle cellule: se blocchi quella chiave, puoi fermare il virus", spiega Gambotto a Repubblica. "Il successivo lavoro sulla MERS ci ha permesso poi di trovare la via più efficace per somministrare il vaccino, ovvero i microaghi". I 400 microaghi sono lunghi 0,5 millimetri e larghi 0,1 millimetri, sono fatti di carbossimetilcellulosa (polimero derivato dalla cellulosa) e quando entrano nella pelle si sciolgono liberando la proteina "spike". "A questo punto il sistema immunitario si rende conto che è un corpo estraneo al nostro organismo e inizia a produrre gli anticorpi contro di essa - spiega Gambotto - quando poi la persona vaccinata viene infettata dal virus, gli anticorpi ingloberanno rapidamente le particelle del virus e bloccheranno l'infezione".

La pelle prima barriera
La scelta di questo sistema di somministrazione ha a che fare con il fatto che la pelle è la prima barriera del nostro corpo contro virus e batteri. "È come la muraglia di un castello, e proprio per questo è ben presidiata dal sistema immunitario: la pelle è uno dei posti migliori per generare una risposta immunitaria rilevante, superiore a quella che si ha iniettando nel muscolo - sottolinea Gambotto - un altro vantaggio è che se si inietta un vaccino nel muscolo, questo si diluisce in tutto il corpo, quindi per generare una risposta forte serve una maggiore quantità di vaccino. Invece l'iniezione attraverso la pelle tramite microaghi è localizzata: c'è una concentrazione del vaccino molto più elevata, tutte le cellule immunitarie vanno ad attaccare l'invasore e basta una quantità minore di vaccino per dare l'immunità".

Minore quantità di vaccino
La minore quantità di vaccino - ne serve tra 1/5 e 1/10 di quello che servirebbe con una classica iniezione con siringa - richiesta è un vantaggio soprattutto quando bisogna produrre quantità enormi di vaccino per rispondere all'emergenza di una pandemia. E il particolare sistema di iniezione tramite i microaghi è un altro punto di forza del vaccino studiato a Pittsburgh: "I microaghi proteggono la proteina spike, liberando i medici dalla necessità di conservare il vaccino attraverso la catena del freddo - sottolinea Gambotto - questo significa che il vaccino è più facilmente trasportabile anche nelle zone più povere del pianeta". I risultati sperimentali sui topi sono promettenti: un test dopo due settimane dall'iniezione del vaccino mostra che i topi hanno già sviluppato anticorpi specifici contro il Sars-Cov-2. "Gli anticorpi maturano progressivamente, diventano più potenti e selettivi contro il virus, e dopo 5-6 settimane dalla prima iniezione se ne sviluppa una quantità sufficiente ad arrestare la malattia - spiega Gambotto - naturalmente dovremo condurre la sperimentazione clinica per assicurarci che quanto abbiamo visto nei topi possa replicarsi anche nell'uomo: entro 1-2 mesi - a seconda della celerità della FDA americana nell'autorizzarci - dovremmo essere in grado di far partire la sperimentazione clinica, che - magari limitata agli studi di fase 1, vista l'emergenza mondiale della pandemia - potrebbe concludersi entro altri 2-3 mesi. La sperimentazione clinica ci aiuterà a calibrare la dose giusta di vaccino che può essere efficace con l'uomo. Se questa fase si concluderà con successo, il vaccino potrebbe essere pronto per la produzione industriale entro 5 mesi da ora".
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Diego Fusaro - "Rischio calcolato", lockdown assicurato? Presto si tornerà alla "fase1"? (21.5.2020)

Messaggioda sandropascucci » 21 mag 2020, 8:55

Codice: Seleziona tutto

https://www.youtube.com/watch?v=EGSOChOzFog


Diego Fusaro - "Rischio calcolato", lockdown assicurato? Presto si tornerà alla "fase1"? (21.5.2020)



Sandro Pascucci
Qualcuno ha mai visto CONTE o altro politico con i guanti? O non giocherellare con la mascherina, a mani nude? A.A.A. CERCASI FOTO DI CONTE CON I GUANTI.
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: TURISMO MEDIOEVALE.

Messaggioda sandropascucci » 21 mag 2020, 10:21

sandropascucci ha scritto:
TURISMO MEDIOEVALE.
(11052020)

Cosa faranno tutti quei sindaci che han trattato i possessori di seconde case come untori quando, a seguito delle MANCATE ENTRATE, vedranno i loro BELLISSIMI paesini vuoti e impoveriti? la solita piangina italica, suppongo..
Non ci voleva molto a capire che non si portava virus ma MONETA in quei posti, ora senza vita o comunque MENOMATI ECONOMICAMENTE.
Davvero pensate che questo TURISMO MEDIOEVALE funzionerà? I siciliani terranno su i conti per la Sicilia, i friulani per il FVG? Sarà un grossissimo BOTTO ECONOMICO e i sindaci, con i presidenti di Regione ne sono RESPONSABILI.


CVD


> L'Umbria come la Lombardia su Covid, la Tesei: "Umbri, scriviamo ovunque che non è vero. Ripristiniamo la verità"

L'Umbria come la Lombardia sul Covid, la Tesei: "Umbri, scriviamo ovunque che non è vero. Ripristinare la verità"
La dura analisi della Governatrice dopo i dati della task-force nazionale diretta dal Ministro della Sanità. "Ci dobbiamo battere affinché l’immagine dell’Umbria sia tutelata e venga comunicata la situazione reale"



Potrebbe interessarti: http://www.perugiatoday.it/politica/umb ... umbri.html
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Ospedale in Fiera, Bertolaso esautorato dall’operazione sfida Fontana: ‘Pubblichi tutti i rendiconti’

Messaggioda sandropascucci » 21 mag 2020, 10:45

>

Codice: Seleziona tutto

da: https://it.businessinsider.com/ospedale-in-fiera-bertolaso-esautorato-dalloperazione-sfida-fontana-pubblichi-tutti-i-rendiconti-diffida-a-chiudere-la-struttura/


Ospedale in Fiera, Bertolaso esautorato dall’operazione sfida Fontana: ‘Pubblichi tutti i rendiconti’
Andrea Sparaciari


“Oggi, dopo l’uscita del vostro articolo, mi ha chiamato Guido Bertolaso per ringraziarmi di aver sollevato il “caso Ospedale in Fiera”. Mi ha inoltre autorizzato a diffondere pubblicamente la notizia che il dottor Bertolaso ha “diffidato Regione Lombardia e Fondazione Milano, dal chiudere la struttura””. A parlare è un esterrefatto avvocato Giuseppe La Scala, il donatore che mercoledì a Business Insider Italia aveva annunciato alcuni accessi agli atti per capire che fine avessero fatto i soldi donati dai milanesi per quella struttura costata oltre 21 milioni, che ha curato solo una ventina di pazienti e che adesso sarebbe prossima alla chiusura.

Più che comprensibile quindi il suo smarrimento, soprattutto quando Bertolaso lo ha “autorizzato a diffondere la notizia ai giornalisti, perché lui non è presente sui social”, aggiunge La Scala: “Mi ha anche detto che quell’ospedale non è ciò ce lui aveva concepito e che, a causa della sua malattia (Bertolaso era stato ricoverato perché colpito dal Covid, ndr), sarebbe stato di fatto esautorato dall’operazione”. Da quanto riferito da La Scala, quindi, quel fronte granitico che aveva portato avanti l’operazione Ospedale Covid in Fiera, tanto granitico oggi non è più.

Raggiunto da Business Insider Italia nelle Marche, dove è alle prese col cantiere ancora aperto dell’ospedale gemello della Fiera, Bertolaso ha rifiutato ogni intervista, ma ha dichiarato via Sms: “Grazie ma sono molto occupato con l’astronave nelle Marche pronta e con tutti i medici e gli infermieri che si stanno organizzando per aprire la struttura nei prossimi giorni (…) giusto per sua informazione ho “sollecitato” la Regione (Lombardia, ndr) a dare notizie chiare sul futuro del Covid Hospital e ovviamente richiesto alla Fiera di pubblicare tutti i rendiconti dei soldi donati, così come ho già fatto qui nelle Marche. Entro una settimana spero di vedere il tutto confermato grazie e buon lavoro gb”.

Nella ricostruzione di Bertolaso, quindi, non una diffida, ma una “sollecitazione”. Di sicuro una presa di posizione nei confronti di Regione Lombardia e di Attilio Fontana. Giovedì 21 Bertolaso sarà ospite della trasmissione “Agorà” e forse chiarirà meglio la questione. Anche Fontana ha detto la sua, senza però chiarire che destino avrà la struttura: “L’ospedale della Fiera ha già una sua definizione e destinazione, prevista dal programma che è stato mandato dal governo. Il quale – ha aggiunto – ci ha detto che non possiamo ridurre il numero di letti in terapia intensiva. Dato che oggi come oggi molti erano letti ricavati in sale operatorie o con altre destinazioni, e che quindi dovranno essere smantellati, è fuor di dubbio che avremo bisogno di far diventare questo ospedale in Fiera, ma anche l’ospedale a Bergamo e il nuovo che verrà realizzato a Brescia, nuovi ospedali covid con letti di rianimazione che siano pronti per ogni emergenza”.

Intanto, dopo la pubblicazione dell’articolo di Business Insider Italia, è stato convocato un Consiglio di amministrazione straordinario di Fondazione Milano, originariamente previsto per luglio. Nelle intenzioni dei consiglieri in quota Comune di Milano, sarà l’occasione per chiedere la massima trasparenza e per richiedere una data certa per avere la tanto attesa rendicontazione delle spese. Un primo esito probabile è che quel cda anticipato delibererà l’allargamento del numero dei membri del Comitato dei Garanti del Fondo, che era stato creato da Fondazione Fiera presso Fondazione Milano e sul quale sono confluite le donazioni dei milanesi. Una decisione attesa, visto che allo stato attuale, gli unici autorizzati a controllare le spese effettuate da Fondazione Fiera e Fondazione Milano sono Fondazione Fiera e Fondazione Milano. Con un enorme conflitto di interesse.
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

SPIANATA EPOCALE A ZAIA E CRISANTI

Messaggioda sandropascucci » 26 mag 2020, 14:12

SPIANATA EPOCALE A ZAIA E CRISANTI

Codice: Seleziona tutto

https://www.youtube.com/watch?v=hUIi7S2jem8

_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

E DOVREMMO FIDARCI DI QUESTI PERACOTTARI??

Messaggioda sandropascucci » 28 mag 2020, 10:28

E DOVREMMO FIDARCI DI QUESTI PERACOTTARI??

2020covid-lombardia-peracottari001.png


>

Codice: Seleziona tutto

https://milano.repubblica.it/cronaca/2020/05/27/news/coronavirus_milano_ats_messaggio-257789070/


Coronavirus, l'Ats di Milano invia per sbaglio messaggi sui cellulari: "Lei è entrato in contatto con un positivo"

L'invio lunedì sera, non si sa a quante persone, invitandole a restare isolate in casa: sul sito dell'Ats le scuse

27 maggio 2020

Un messaggio arrivato a non si sa quante persone a Milano da parte dell'Ats, l'azienda sanitaria, direttamente sul cellulare. Che deve aver spaventato non poco chi l'ha ricevuto, visto che comunicava un rischio di contagio da coronavirus.

"Per un errore informatico, alcuni assistiti hanno ricevuto nella serata di lunedì 25/05 un sms che riportava il testo seguente: "ATS Milano. Gentile Sig/Sig.ra lei risulta contatto di caso di coronavirus. Le raccomandiamo di rimanere isolato al suo domicilio, limitare il contatto con i conviventi e misurare la febbre ogni giorno. Se è un operatore sanitario si attenga alle indicazioni della sua Azienda". Agli interessati è stato inviato un ulteriore SMS di rettifica nella giornata di martedì 26/05. "Per eventuali informazioni è possibile contattare il numero di telefono 02/85781. Ci scusiamo per il disagio".

Il messaggio è in grande evidenza sull'homepage dell'Ats (che dipende dalla Regione).
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Coronavirus in Regno Unito, parte il sistema di test e tracciamento: 20 mila "segugi" sul campo

Messaggioda sandropascucci » 28 mag 2020, 17:08

da: https://www.repubblica.it/esteri/2020/0 ... P2-S1.8-T1

> Coronavirus in Regno Unito, parte il sistema di test e tracciamento: 20 mila "segugi" sul campo
(reuters)
Il governo di Boris Johnson si prepara alla Fase 2. Da oggi ogni cittadino britannico o residente in Gran Bretagna potrà ricevere una telefonata dalle autorità per imporgli l'auto-isolamento con una durata massima di 14 giorni

dal nostro corrispondente ANTONELLO GUERRERA
28 maggio 2020

LONDRA - "Test, trace" e 20mila "segugi". Stamattina in Inghilterra e Scozia non si parla d'altro perché è da qualche ora è attivo il nuovo sistema di test e tracciamento contro il coronavirus, parte della Fase 2 nella lotta alla pandemia.

Come funziona
Premessa: si tratta di un sistema ancora da affinare, ma il governo britannico di Boris Johnson lo ha lanciato in fretta, prima che venisse completato del tutto, sia per le pressioni dopo le sue promesse pubbliche sia perché il 1° giugno Oltremanica parte ufficialmente la Fase 2. È il giorno in cui verranno riaperti i negozi all'aperto e i saloni dei rivenditori di auto, mentre per tutti gli altri esercizi commerciali se ne riparlerà il 15 giugno, sempre con le misure di distanziamento sociale e altre comuni accortezze sanitarie. Ancora nulla per pub, ristoranti e parrucchieri, anche se per le birrerie si pensa a un'esenzione nelle prossime settimane, sempre rispettando le regole di sicurezza.

Detto ciò, da oggi ogni cittadino britannico o residente in Regno Unito potrà ricevere una telefonata dalle autorità per imporgli l'auto-isolamento con una durata massima di 14 giorni. Ciò avviene se un'altra persona manifesta sintomi da Covid-19 e lo segnala alla sanità britannica. Questa, qualora la positività del soggetto venisse confermata, attiva immediatamente uno dei "20mila segugi", il/la quale interroga il possibile malato di coronavirus su tutti i "contatti diretti" che ha avuto di recente. Nello specifico, da due giorni prima e sette giorni dopo la manifestazione dei primi sintomi. Alle persone venute "a contatto" verrà dunque imposta una quarantena di due settimane, anche se non hanno sintomi e anche se si è già contratto e superato il coronavirus ("l'immunità non è affidabile", sostiene il governo). Se invece i cittadini indicati dalle segnalazioni hanno già sintomi da Covid-19, anche il resto delle persone che condividono con loro l'abitazione devono mettersi in auto-isolamento per i 14 giorni successivi.

I dubbi
Per "contatto diretto" si intende esser venuto a contatto con una persona, al di fuori del nucleo familiare, a una distanza inferiore di due metri e per almeno 15 minuti. Ma come potrà essere imposta una cosa del genere? Il premier Johnson e il ministro della Salute Hancock hanno apertamente detto di affidarsi al buon "senso civico" dei britannici. Il che di norma è in gran parte indiscutibile in Regno Unito. Ma come si comporteranno adesso i cittadini dopo lo scandalo di Dominic Cummings, il "rasputin" di Boris, che lo ha difeso strenuamente nelle ultime ore nonostante avesse infranto le regole del "lockdown"? Il rischio di comportamenti "anarchici" è sempre più diffuso.

Johnson e Hancock sinora hanno solo accennato a possibili sanzioni amministrative per coloro che non rispetteranno la quarantena imposta dall'alto, ma a oggi si tratta di una extrema ratio. Inoltre, si teme che, anche per questioni di privacy, i cittadini infetti possano per esempio non dire la verità su alcune persone che hanno davvero incontrato. Oppure segnalare - anonimamente - qualche conoscente non troppo simpatico per fargli imporre un isolamento di 14 giorni. Insomma, tutto o quasi si baserà sull'etica dei britannici.

La questione app
Molte di queste incertezze si potrebbero risolvere con l'utilizzo della app di tracciamento NHSx sperimentata da diverse settimane all'Isola di Wight, ma purtroppo la app non è ancora pronta per fare il grande salto su tutto il territorio nazionale, a causa di alcuni malfunzionamenti e incompatibilità con vari dispositivi o cellulari. "Sarà pronta la prossima settimana", ha assicurato il ministro Hancock, immaginando dunque un suo utilizzo, anche questo su base volontaria, già per lunedì prossimo, per il progetto completo "test, track and trace". La app NHSx sfrutta il sistema bluetooth dei cellulari e segnala automaticamente tutti coloro che sono venuti a contatto di qualcuno potenzialmente infetto (segnalazione spontanea dell'utente, in attesa del test) nel raggio di due metri.

La quarantena per i viaggiatori
La misura arriva dopo l'annuncio della quarantena obbligatoria per tutti coloro - anche cittadini britannici - che dall'8 giugno in poi (ri)entreranno sul suolo britannico, anche se non hanno sintomi. Un provvedimento che verrà rivisto ogni tre settimane e che ha scatenato molte polemiche perché dai suoi critici considerato inutile a picco passato e molto poco tempestivo. Ieri quaranta deputati conservatori si sono scagliati contro Johnson contro la quarantena di viaggio.
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

FOTO DI FAMIGLIA POSTCOVID: BAMBINO CON MASCHERINA E CANE ROBOT A MONITORARE

Messaggioda sandropascucci » 4 giu 2020, 20:24

FOTO DI FAMIGLIA POSTCOVID: BAMBINO CON MASCHERINA E CANE ROBOT A MONITORARE

2020 covid cani robot.png
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

ECCO COME ROVINERANNO I NOSTRI FIGLI : *"VIETATO CANTARE"* https://www.youtube.com/watch?v=F25il-NPj4E

Messaggioda sandropascucci » 5 giu 2020, 21:23

*> COVID19 - Quando c'è da preoccuparsi per il mondo che prospettano, l'orrore che ci aspetta* _covid-horror-fest.primit.it_
--------------------------------------------------
ECCO COME ROVINERANNO I NOSTRI FIGLI : *"VIETATO CANTARE"*

Codice: Seleziona tutto

https://www.youtube.com/watch?v=F25il-NPj4E


_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Luca Mencaroni
Messaggi: 801
Iscritto il: 1 giu 2010, 3:21
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Perugia e dintorni
azioni: manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, su carta stampata, azioni folkloristiche, documentazione burocratica, contatti con altri "entità" (associazioni, enti, strutture..)
Località: Perugia

Re: COVID19 - Quando c'è da preoccuparsi per il mondo che prospettano, l'orrore che ci aspetta

Messaggioda Luca Mencaroni » 6 giu 2020, 7:18

"ah scemi!" :lol: :lol:
Luca Mencaroni - Perugia

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: COVID19 - Quando c'è da preoccuparsi per il mondo che prospettano, l'orrore che ci aspetta

Messaggioda sandropascucci » 6 giu 2020, 16:03

Luca Mencaroni ha scritto:"ah scemi!" :lol: :lol:

vox populi
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Focolaio a Mondragone: tensione e proteste, volano sedie dai balconi. Lamorgese manda l'esercito

Messaggioda sandropascucci » 25 giu 2020, 17:50

Focolaio a Mondragone: tensione e proteste, volano sedie dai balconi. Lamorgese manda l'esercito
2020 covid esercito.PNG
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

OMS: COVID come la SPAGNOLA, vaccino al 100% della popolazione

Messaggioda sandropascucci » 26 giu 2020, 14:59

> Coronavirus, Oms: "Come la Spagnola, giù in estate e poi ripresa feroce a settembre e ottobre"Coronavirus, Oms: "Come la Spagnola, giù in estate e poi ripresa feroce a settembre e ottobre"

Ranieri Guerra, direttore aggiunto dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), risponde alla lettera di esperti che hanno parlato di "emergenza finita". "Quell'influenza fece 50 milioni di morti durante la seconda ondata"

26 giugno 2020
ROMA - L'epidemia Covid in molti paesi non arretra, anzi cresce. In altri cala ma c'è poco da stare tranquilli. I possibili scenari del futuro prossimo sono chiari a buona parte degli esperti. E per questo si possono affrontare meglio. Questa pandemia - ammonisce Ranieri Guerra, direttore aggiunto dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), durante Agorà, su Rai 3 - "si sta comportando come avevamo ipotizzato" e "il paragone è con Spagnola che si comportò esattamente come il Covid: andò giù in estate e riprese ferocemente a settembre e ottobre, facendo 50 milioni di morti durante la seconda ondata". E questa è la risposta alla lettera di esperti che hanno parlato di "emergenza finita".

"Andamento dell'epidemia previsto e prevedibile"
"Sparendo il virus dalla clinica - ha detto - sembra tutto sia finito, ma non è così". Rispetto alla nuova categoria dei 'debolmente positivi', ha precisato Guerra, "non entro nelle classificazioni e definizioni artificiose che colleghi insigni di varie discipline possono fare. Guardo i fatti e i fatti dicono che il genoma del virus è ancora lo stesso e i fatti dicono che l'andamento di una epidemia come questa è ampiamente previsto e prevedibile. C'è una discesa che coincide con l'estate". "E' vero - ha concluso Guerra - che le terapie intensive si sono svuotate, ma si sono svuotate come previsto che accadesse e non vogliamo si riempiano di nuovo in autunno. Tutte le precauzioni che stiamo prendendo hanno l'obiettivo di circoscrivere la circolazione del virus quando questa riprenderà".

"Il sistema tiene"
"Non c'è preoccupazione perché è tutto ampiamente atteso. Entrambi i focolai sono stati identificati immediatamente e circoscritti, quindi il sistema messo in atto tiene. E' inevitabile ci siano focolai in giro per l'Italia e per l'Europa", continua Guerra, che promuove anche le misure prese per i trasporti. "Mi è capitato di prendere dei treni e mi sembra che la distribuzione di posti a sedere a scacchiera stia funzionando bene dal punto di vista del distanziamento". Le regole di distanziamento servono perché "nei due giorni precedenti all'insorgenza dei sintomi, si è contagiosi", ha precisato. Quanto agli asintomatici veri e propri, "hanno sintomi talmente blandi che non contribuiscono in modo significativa alla trasmissione del virus, perché la carica virale è collegata, anche se in modo non lineare, alla gravità dei sintomi". Rispetto ai messaggi a volte divergenti arrivati in queste settimane proprio su questi temi, commenta: "il tentativo di colleghi che sanno di scienza è comunicare quello che conoscono, ma a volte lo facciamo male".

"Pronti a vaccinare il 100% della popolazione"
"L'Italia è pronta per vaccinare il 100% della popolazione contro l'influenza, secondo le indicazioni fornite dal ministero della Salute", ha detto ancora Guerra illustrando una delle armi che potrà contribuire ad affrontare meglio una possibile seconda ondata di Covid-19 in autunno. Da questo punto di vista, ha precisato "i vaccini ci sono e vengono resi disponibili ogni settembre, in base alla valutazione prospettica dei ceppi virali circolanti".
fonte: https://www.repubblica.it/cronaca/2020/ ... P2-S1.8-T1
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Il pediatra: "Per i bambini mascherina dai tre anni. Possono essere contagiosi come gli adulti"

Messaggioda sandropascucci » 9 lug 2020, 16:44

> Il pediatra: "Per i bambini mascherina dai tre anni. Possono essere contagiosi come gli adulti"

135308677-d55ed798-aa50-4dbc-9c44-c67ed2c32dbc.jpg


Alberto Villani, presidente della Società Italiana di Pediatria: "Le scuole saranno sicure se saranno rispettate le regole. Ai più piccoli va spiegato bene, e loro non avranno difficoltà ad adeguarsi. Non possiamo però far finta di accorgerci oggi che mancano spazi e insegnanti"

di ELENA DUSI
09 luglio 2020

“I bambini possono essere contagiosi come gli adulti” Con il coronavirus, non fanno sconti. “Hanno sintomi più lievi, ma nella trasmissione giocano un ruolo attivo, come avviene per tutte le infezioni respiratorie”. Alberto Villani, pediatra del Bambino Gesù di Roma e presidente della Società italiana di pediatria, ribadisce l’importanza della mascherina anche fra i più piccoli. E si accalora di fronte all’ipocrisia di chi solo ora nota quanto sia difficile far rispettare le norme di igiene e di buon senso a scuola. “Due terzi delle aule risalgono all’epoca sabauda, la legge ammette un rapporto fra alunni e docenti di 1 a 27. Ogni studente ha 1,2 metri quadrati a disposizione. Serviva il coronavirus per accorgersi che queste condizioni non sono salutari?”.

Non si era detto che i bambini non fossero contagiosi?
“Lo suggerivano i dati della Cina. Ma lì, quando è emersa l’epidemia, le scuole erano chiuse per le feste del capodanno. Ora abbiamo osservato le esperienze di altri paesi, dal Brasile agli Stati Uniti, e abbiamo capito che nel trasmettere il virus i bambini si comportano come gli altri. Un conto è la gravità dei sintomi, e loro si ammalano effettivamente in modo più lieve. Altro conto è la capacità di diffondere il virus. In questo l’età non fa differenza. Nei circa 5mila bambini infettati in Italia, l’80% è stato contagiato in famiglia. Non ci stupisce, visto che sono rimasti quasi sempre chiusi in casa. I decessi sono stati quattro nel nostro paese. Tutti avevano già altre malattie”.

Era stato detto che essendo asintomatici, i bambini fossero anche trasmettitori più deboli.
“Non è una regola aurea e non abbiamo dati certi. Ci possono essere bambini più o meno contagiosi. Ma non escluso che anche fra loro ci sia chi ha una carica virale alta e possa diventare un superdiffusore”.

Fuori casa dovrebbero indossare tutti la mascherina?
“Come Società italiana di pediatria la raccomandiamo dai tre anni. Se a scuola sono distanti, seduti al loro banco e tranquilli, possono toglierla. Ma durante la ricreazione o il gioco insieme è buona norma indossarla”.

Come fare a convincerli?
“I bambini imitano gli altri. Se gli adulti la indossano, non avranno problemi. E’ importante che le regole date siano chiare e univoche. Al bambino va comunicato con semplicità: se non riesci a rispettare la distanza, metti la mascherina. Io lo dico sempre quando li visito e raramente ho problemi. Anzi, spesso i più piccoli rispondono meglio degli adulti. Le campagne per la raccolta differenziata hanno funzionato meglio nelle scuole. Sono stati poi i ragazzi a insegnare le buone norme ai genitori”.

Come Società avete sentito il bisogno di ribaltare una serie di false notizie sulle mascherine.
“Ed è stato umiliante. Non è vero che l’anidride carbonica si accumula nella mascherina, né che norme igieniche rigorose evitano anche molti raffreddori e quindi indeboliscono il sistema immunitario. Sinceramente, siamo anche un po’ stanchi di smentire notizie senza fondamento. La realtà è che c’è un nuovo virus fra noi e dobbiamo cambiare le nostre abitudini. Non possiamo abbracciarci e dobbiamo restare distanti. La regola vale per tutti, a ogni età. Più la rispettiamo, meno ci ammaliamo”.

Per indossare le mascherine servono alcune cautele. Come evitare per esempio che i bambini le tocchino in continuazione?
“Le mascherine dovrebbero coprire per bene naso e bocca e non andrebbero mai toccate con le mani. Lo sappiamo. Ma l’ottimo è nemico del buono. Meglio che i bambini le tolgano e le rimettano, se proprio non ce la fanno, piuttosto che lasciarli completamente senza. Se non sono dispositivi medici, ma foulard o mascherine di comunità, va bene lo stesso. Rappresentano comunque una protezione”.

Il ritorno a scuola sarà sicuro secondo lei?
“Sarà tanto più sicuro quanto più saremo rigorosi con le regole. In tanti avevano sollevato l’allarme per gli esami in presenza. Ebbene, quell’esperienza è andata benissimo. Rispettando le misure di sicurezza non ci sono state ripercussioni”.

Si è ipotizzato che il coronavirus si trasmetta per via aerea. Oltre alla distanza fra i banchi e la mascherina, bisognerebbe fare lezione con le finestre aperte?
“Basta aprire le finestre per 5-7 minuti all’inizio e alla fine di ogni lezione. Ma questa è una norma igienica valida sempre, non solo con il coronavirus. Anche d’inverno, con i termosifoni accesi, cambiare l’aria non rappresenta un problema. Se il freddo facesse male, gli scandinavi sarebbero sempre a letto e chi abita all’equatore non conoscerebbe malattie”.

Gli altri paesi con le scuole aperte ci insegnano qualcosa?
“Che le misure rigorose prese in Italia sono state importanti. La Germania ha dovuto richiudere le scuole. In Svezia, paese che ha adottato poche restrizioni, l’epidemia ha causato molti danni, per non parlare delle catastrofi in corso negli Stati Uniti e in Brasile. Il nostro paese si è comportato bene nonostante il sistema sanitario martoriato, grazie anche al gran numero di persone che si è rimboccato le maniche in mezzo alla tempesta. Fra questi ci sono di sicuro gli insegnanti”.

Però per le scuole restano difficoltà oggettive. Non ci sono spazi né insegnanti per tutti.
“Trovo ipocrita che ce ne accorgiamo oggi. Lo sappiamo da sempre e non abbiamo mai fatto nulla. Durante questa pandemia ci siamo posti il problema dei bambini solo quando i genitori dovevano tornare a lavorare. Speriamo almeno che il coronavirus ci offra finalmente l’opportunità di risolvere i problemi strutturali della scuola. Le nuove generazioni sono un capitale umano fondamentale che trascuriamo da decenni. La scuola per loro deve essere un luogo sicuro e di arricchimento non solo perché c’è il rischio di contagio. Che ogni alunno in Italia abbia solo 1,2 metri quadri di spazio a testa è grave sempre, non solo oggi con la pandemia”.
da: https://www.repubblica.it/cronaca/2020/ ... P8-S2.8-T1
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

#nominimask NO ALLA MASCHERINA SUI BAMBINI

Messaggioda sandropascucci » 10 lug 2020, 15:36

*>> COVID19 - Quando c'è da preoccuparsi per il mondo che prospettano, l'orrore che ci aspetta _covid-horror-fest.primit.it_

#nominimask NO ALLA MASCHERINA SUI BAMBINI

La mascherina ai bambini è un atto di manipolazione sociale. Si annichilisce lo spirito naturale del bambino, ingabbiandolo in atteggiamenti di sottomissione e instaurazione di obbedienza robotica. Il gioco di gruppo è una naturale spinta per i bambini, invece ora saranno indottrinati e bloccati nei banchi, con una museruola che, tra le altre cose, non ha neppure una funzione medica.


Codice: Seleziona tutto

https://www.youtube.com/watch?v=ARWBnj8w2GQ


_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

La strategia dell’Europa: “Ora vaccini di massa. Mai più nuovi lockdown”

Messaggioda sandropascucci » 14 lug 2020, 8:44

> La strategia dell’Europa: “Ora vaccini di massa. Mai più nuovi lockdown”
13 LUGLIO 2020

Bruxelles chiede ai governi un'azione condivisa per fronteggiare la seconda ondata. L'obiettivo è scongiurare blocchi generalizzati che metterebbero in ginocchio gli Stati
DAL NOSTRO CORRISPONDENTE ALBERTO D'ARGENIO

Bruxelles È una corsa contro il tempo, l'Europa si prepara a scongiurare una eventuale seconda ondata pandemica in autunno con un piano per evitare "nell'interesse generale" un nuovo lockdown totale come quello che ha bloccato il continente da marzo a giugno. Per farlo, domani la Commissione europea chiederà ai governi di "sfruttare il tempo a disposizione" per approntare misure specifiche per contenere il virus con tanto di scadenze delle azio...
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Militari del 32° reggimento di Fossano sulle spiagge di Ventimiglia a vigilare anche contro gli assembramenti dei bagnan

Messaggioda sandropascucci » 26 lug 2020, 19:38

> Militari del 32° reggimento di Fossano sulle spiagge di Ventimiglia a vigilare anche contro gli assembramenti dei bagnanti

I militari controllano la spiaggia di Ventimiglia (Foto Manrico Gatti)
PUBBLICATO IL
26 Luglio 2020

In divisa mimetica, scarponi e mascherina di pattuglia sulle spiagge di Ventimiglia. Sono i militari del 32° reggimento genio guastatori della Brigata Taurinense di stanza a Fossano. Il reparto da tempo è impegnato a Ventimiglia nel controllo dei posti di frontiera con la Francia a Ponte San Ludovico e a Ponte San Luigi. D’estate i militari hanno anche il compito di presidiare le spiagge e i posti più affollati dell’estremo Ponente ligure. Con l’emergenza coronavirus invitano anche i bagnanti a rispettare le distanze di sicurezza previste dai protocolli anti-Covid.


militari in spiaggia.jpg
militari in spiaggia2.jpg
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Mascherina distanziatrice

Messaggioda sandropascucci » 31 lug 2020, 17:28

>
newmask2020.JPG



https://video.repubblica.it/embed/tecno ... 895/365448


31 luglio 2020

Ecco le mascherine Hi-Tech: così misurano febbre e distanziamento
Nasce la mascherina tecnologica in grado di lanciare un alert in caso di mancato distanziamento, misurare la temperatura corporea e gli agenti inquinanti contenuti nell'aria. La "Smart YouSafe Mask" è frutto di una collaborazione tra l'azienda AccYouRate Group e Croce Rossa Italiana, che lavorano fianco a fianco per lo sviluppo e la realizzazione di tecnologie indossabili di protezione alla salute. "La Smart YouSafe Mask è in grado di trasmettere i dati registrati a una centralina e quindi si dimostra particolarmente utile nei luoghi affollati, nelle fabbriche, nei cantieri, negli uffici dove può essere utile avere un distanziometro nei luoghi comuni", hanno spiegato gli sviluppatori della nuova tecnologia. A settembre 2019 è anche partita la sperimentazione delle magliette capaci di misurare i battiti cardiaci agli operatori della Croce Rossa e di comunicarli in tempo reale alla centrale operativa.

Video di Cristina Pantaleoni
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Udine, rivolta dei migranti. Il responsabile della Protezione Civile: "Servono squadroni della morte e forni crematori"

Messaggioda sandropascucci » 4 ago 2020, 16:40

> Udine, rivolta dei migranti. Il responsabile della Protezione Civile: "Servono squadroni della morte e forni crematori"
La soluzione Giuliano Felluga per sedare la protesta degli immigrati in quarantena scoppiata ieri all'interno dell'ex caserma Cavarzerani. Il sindaco di Grado: "Parole inaccetabili, lo sospendo da coordinatore della squadra comunale"

di PAOLO BERIZZI
04 agosto 2020

UDINE - "Non preoccupatevi, stiamo organizzando gli squadroni della morte e nel giro di due giorni riportiamo la normalità... Quattro taniche di benzina e si accende il forno crematorio, così non rompono più". È la "soluzione" promessa dal responsabile della Protezione civile di Grado, Giuliano Felluga (un dipendente comunale), per sedare la rivolta scoppiata ieri all'interno dell'ex caserma Cavarzerani di Udine, dove 400 migranti hanno innescato disordini - grida, pietre contro la polizia, roghi - per protestare contro la quarantena imposta dal sindaco di Udine, Pietro Fontanini (Lega Nord).

Su Fb, in risposta a due utenti e sotto al post di Ilaria Cecot, ex assessore provinciale, Felluga si lascia andare a frasi deliranti parlando appunto di "squadroni della morte". Ringhia il coordinatore della Protezione civile: "A Grado ci sono persone che metterebbero la firma per avere la roba da mangiare che loro (i migranti, ndr) buttano via. E noi sappiamo solo assistere gli stranieri e i nostri non li aiutiamo".


L'utente Maria Maddalena Marchesan chiede spiegazioni su quel "squadroni della morte". E Felluga spiega: "Quattro taniche di benzina e si accende il forno crematorio così non rompono più".

Felluga lavora part time in una casa di riposo come manutentore e nell'altra parte della giornata nella Protezione Civile.

Parole "gravissime, inaccettabili e vergognose", tuona Ilaria Cecot. Condanna anche da parte della Cgil regionale, che chiede alle autorità e al sindaco di Grado di condannare le frasi di Felluga e di prendere provvedimenti, trattandosi per di più di un dipendente comunale. E scende il campo anche il sindaco di Grado Dario Raugna: "Non posso che prendere le distanze dalle dichiarazioni di Giuliano Felluga che sono di un tenore inaccettabile e che gettano discredito sulla città e sulla Protezione Civile.
Provvederò immediatamente a sospendere Felluga dall'incarico di coordinatore della squadra comunale di protezione civile".

Udine, rivolta dei migranti. Il responsabile della Protezione Civile: "Servono squadroni della morte e forni crematori"
Condividi
Udine, rivolta dei migranti. Il responsabile della Protezione Civile: "Servono squadroni della morte e forni crematori"
Condividi

La situazione dell'ex caserma Cavarzerani di Udine è incandescente (letteralmente) e la tensione è cresciuta nelle ultime 48 ore. A innescare le violente proteste degli oltre 400 migranti ospitati nella struttura è stato il prolungamento della quarantena decisa dal sindaco. Un provvedimento reso necessario dopo che nella caserma - che potrebbe accogliere al massimo 300 persone - sono stati sistemati (in una roulotte, per evitare il contagio) tre persone positive al Covid 19. Ciò ha reso necessario sottoporre tutti gli altri ospiti a 15 giorni di lockdown. Sarebbe scaduto oggi. Ma il primocittadino lo ha prorogato fino al 16 agosto. Da qui, la rivolta dei migranti, la maggior parte dei quali richiedenti asilo.


Sul caso divampano le polemiche con la Lega Nord - che governa il Fvg - in prima linea. Dalla paura di nuovi focolai di coronavirus e dalla propaganda anti immigrati alla promessa di "squadroni della morte" il passo è stato breve.

da: https://www.repubblica.it/cronaca/2020/ ... P5-S3.4-T1
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Vietato guardarsi in faccia sui mezzi pubblici: arriva il distanziamento verticale

Messaggioda sandropascucci » 10 ago 2020, 19:34

> Vietato guardarsi in faccia sui mezzi pubblici: arriva il distanziamento verticale
La norma dell'azienda di trasporti di Torino: rivolgere sempre lo sguardo verso i finestrini
HuffPost
Vietato guardarsi in faccia sui mezzi pubblici: arriva il distanziamento

Caduto il distanziamento orizzontale, ossia l’obbligo di mantenere la distanza di un metro dagli altri passeggeri, arriva il distanziamento verticale. E’ sfuggita ai più nel profluvio di norme e notizie sui comportamenti da tenere per evitare il contagio da Covid-19, ma da luglio a Torino è vietato guardarsi in faccia sui mezzi pubblici. La misura appunto ricade in quello che è definito “distanziamento verticale”.

“Particolare attenzione è posta al ‘distanziamento verticale’ per cui occorre evitare di trovarsi faccia a faccia con gli altri passeggeri”. “La maniera migliore per osservare questa modalità di prevenzione è rivolgere sempre lo sguardo verso i finestrini dei mezzi”, spiega l’azienda locale GTT. Inoltre resta obbligatorio l’uso della mascherina.


Codice: Seleziona tutto

https://www.youtube.com/watch?v=LBjv3LjWXCc



2020 covid singapore ascensore 22032020.jpg
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

DIMENTICARE MAI: Matteo Renzi pro vaccinazione di massa

Messaggioda sandropascucci » 11 ago 2020, 15:22

DIMENTICARE MAI: Matteo Renzi pro vaccinazione di massa
2020 covid dimenticaremai.png
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Burioni : i figli maligni amplificotori biologici

Messaggioda sandropascucci » 1 set 2020, 13:21

> RobertoBurioni
·
31 mar 2019
I figli sono gioie, felicità etc. ma anche maligni amplificatori biologici che si infettano con virus per loro quasi innocui, li replicano potenziandoli logaritmicamente e infine li trasmettono con atroci conseguenze per l’organismo di un adulto.

da: https://mobile.twitter.com/robertoburio ... 4680002560


burionifiglimaligni.JPG
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

COVID = Colpo di Stato. Presto olio di ricino per tutti

Messaggioda sandropascucci » 2 set 2020, 13:32

COVID = Colpo di Stato. Presto olio di ricino per tutti

https://youtu.be/Ev48ZAO0dWc

_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: COVID19 - Quando c'è da preoccuparsi per il mondo che prospettano, l'orrore che ci aspetta #covid-horror-fest.primit

Messaggioda sandropascucci » 27 set 2020, 18:13

_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

QUANDO C'ERA LUI LE MASCHERINE ARRIVAVANO IN ORARIO

Messaggioda sandropascucci » 8 ott 2020, 9:59

*****QUANDO C'ERA LUI LE MASCHERINE ARRIVAVANO IN ORARIO*****

Codice: Seleziona tutto

https://youtu.be/2zbVGorXmTQ

_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Per non dimenticare mai chi ha collaborato con chi

Messaggioda sandropascucci » 15 ott 2020, 0:47

*****Per non dimenticare mai chi ha collaborato con chi*****

Codice: Seleziona tutto

https://youtu.be/CHlUjkNmKSY

_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Mascherina indossata per troppo tempo, studente si sente male

Messaggioda sandropascucci » 17 ott 2020, 11:02

> Mascherina indossata per troppo tempo, studente si sente male

Mascherina indossata per troppo tempo, studente si sente male
Il caso in una scuola di Montebelluna. Il ragazzino è stato soccorso sulle scale da due compagni rimproverati da vicepreside e bidelli per il mancato distanziamento

Redazione
16 ottobre 2020 09:49

Studenti con la mascherina (Foto d'archivio)
Difficoltà respiratorie, senso di svenimento e mancamento imminente: sono i sintomi che un giovane studente, iscritto in una scuola di Montebelluna, ha avuto giovedì mattina, 15 ottobre, suscitando non poca preoccupazione tra compagni e insegnanti.

Come riportato da "La Tribuna di Treviso", in un primo momento il personale della scuola aveva pensato che lo studente si fosse sentito male per aver contratto il virus. La realtà era però ben diversa. Tutto ha avuto inizio quando il giovane, che aveva tenuto sempre la mascherina dal suo arrivo in classe, ha chiesto all'insegnante di poter uscire perché non si sentiva bene. Pallido in volto e con il respiro affannato, gli è stato subito permesso di uscire ed è stato invitato a togliersi la mascherina per poter respirare meglio. Il ragazzino però non ha voluto, rischiando così di svenire sulle scale. Per sua fortuna due compagni l'avevano seguito e sono riusciti a sorreggerlo in tempo prima che cadesse a terra privo di sensi. La vicepreside dell'istituto e alcuni bidelli hanno assistito alla scena e, pensando che lo studente avesse contratto il virus, lo hanno subito chiuso nello stanzino dedicato alle emergenze Covid, in isolamento dagli altri ambienti della scuola. Immediata la chiamata ai genitori. Solo qualche minuto dopo, quando il ragazzino si è ripreso, è stato accertato che il malore era dovuto al fatto di aver indossato per troppo tempo la mascherina. Nessun ringraziamento, invece, ai due compagni che hanno salvato dalla caduta lo studente: i due sono stati sgridati dalla vicepreside per non aver rispettato il distanziamento sociale dal momento che il ragazzino poteva essere positivo al virus, contagiandoli. Un rimprovero che ha suscitato molte polemiche tra i genitori dell'istituto di Montebelluna.



Potrebbe interessarti: https://www.trevisotoday.it/attualita/s ... -2020.html
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13466
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

NAPOLETANI IMPAZZITI

Messaggioda sandropascucci » 20 ott 2020, 15:01

photo5798433788265607943.jpg
photo5798433788265607944.jpg
photo5798433788265607944.jpg (16.09 KiB) Visto 68 volte
photo5798433788265607953.jpg
photo5798433788265607953.jpg (21.51 KiB) Visto 68 volte
[attach
carri a napoli.JPG
ment=1]photo5798433788265607954.jpg[/attachment]
Allegati
photo5798433788265607954.jpg
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA


Torna a “COVID19 - ALIAS COLPODISTATO.PRIMIT.IT”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono liberamente riproducibili purché sia citata e linkata la fonte (sono infatti rilasciati sotto una licenza Creative Commons BY-NC-SA 2.0) Il redattore non e' legalmente responsabile per i pensieri e le affermazioni espresse in questo blog dai visitatori. L'autore non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di errori in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su questo sito avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto. Questo sito non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 Comunque, Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. :: SE&O :: Salvo Errori et Omissioni "come scrivono le banche, in calce agli estratti conto, per evitare eventuali future azioni penali".