PIL, PIF, PIQ,...

..ovvero le puttanate ufficiali propagandate dal Sistema Mediatico di IGB
Avatar utente
Christian Tambasco

PIL, PIF, PIQ,...

Messaggioda Christian Tambasco » 20 mag 2010, 15:44

i solit esperti dopo il PIL sfornano il PIQ basato sulla qualità...di vita? certo che no, almeno per noi del popolino, si basa sulla competitività, hai capito che novità...a voi la lettura:

fonte repubblica Pil addio, nasce il Piq

::
Pil addio, nasce il Piq
La ricchezza è di qualità
La fondazione Symbola lancerà un metodo che fotografa lo stato di salute reale dell'economia. Basti pensare che oggi un sisma è considerato un "fatto positivo", perché porta la ricostruzione
di ANTONIO CIANCIULLO
19 maggio 2010

UN Paese diviso in due. Con un motore economico antiquato e in affanno, che perde colpi ma muove ancora la maggior parte del fatturato. E un nuovo volano di sviluppo soft, che cresce lentamente ma con continuità. E' la fotografia dell'Italia vista dal Piq, il Prodotto interno di qualità. Questa Italia vale il 46,3 per cento della nostra economia: 430,5 miliardi di euro nel 2009.

Una stima da prendere con cautela perché non è semplice stabilire che cosa sia la "qualità". Si sa che ha a che fare con il benessere, con la felicità, con l'equilibrio dei bilanci e con la stabilità degli ecosistemi. Ma alla fin dei conti resta un concetto sfuggente, "dinamico e continuamente aggiornato", osserva il rapporto sul Piq che sceglie di non cimentarsi nella scivolosa definizione di "felicità" e di concentrarsi invece sulla misurazione della qualità in funzione della competitività del sistema. Il rapporto analizza 27 settori dell'economia pesando il contributo in termini di capitale umano, conoscenza, sviluppo del prodotto o del servizio, costruzione di reti nazionali e internazionali.

Nasce così una nuova "bilancia" che può dare un contributo importante nel mettere a fuoco la direzione di marcia dell'economia. Specie in tempi di crisi.

Il Pil (Prodotto interno lordo) fu l'unità di misura utilizzata per uscire dalla Grande Depressione del '29, in un periodo in cui la produzione di acciaio veniva considerata un indicatore universale di buona salute economica. Ma il Pil è un misuratore cieco: mette all'attivo anche i soldi spesi per riparare le catastrofi derivanti dal malgoverno del territorio e se un terremoto distrugge una città risulta un arricchimento collettivo. Perciò in tanti - a cominciare dal "Rapporto sulla performance economica e il progresso sociale" curato da Stiglitz, Sen e Fitoussi su incarico del presidente francese Sarkozy - cercano un'alternativa.

La Fondazione Symbola, con l'aiuto di un team formato da Luigi Campiglio, pro rettore dell'Università Cattolica di Milano, da oltre 150 esperti di settore e da rappresentanti di Confindustria, Coldiretti, Cna, Confartigianato, Confcommercio, ha dato un contributo organizzando il rapporto sul Piq come un "cantiere aperto" per mettere a punto uno strumento capace di misurare non solo i flussi, le quantità, ma anche lo stato di salute reale dell'economia.

L'obiettivo, precisa nell'introduzione Ferruccio Dardanello, presidente di Unioncamere, è "distillare" dal Pil la sua essenza, cogliendo la nota corale della qualità: "La qualità costituisce un indubbio elemento di forza delle produzioni italiane. Questa difficile fase che stiamo vivendo sta tuttavia dimostrando che la qualità, da sola, probabilmente non basta più alle nostre imprese per farsi largo nel nuovo scenario del commercio internazionale. I nostri campioni dell'industria manifatturiera hanno capito che l'offerta dal profilo qualitativamente elevato resta competitiva solo se frutto anche di una più ampia capacità innovativa e, soprattutto, di una maggiore efficienza produttiva non solo interna ma soprattutto di "sistema" o di filiera". L'Italia delle eccellenze insomma deve saper far squadra per imporre i valori dell'efficienza, dell'innovazione, del rispetto del territorio e della coesione sociale senza i quali la crescita si blocca.
Le grandi questioni ambientali - aggiunge Campiglio - hanno messo in evidenza la questione dei "beni comuni", i commons, - oggi divenuti di importanza ineludibile per le ripercussione sul clima, sull'equilibrio fra domanda e offerta agricola e sulla sicurezza alimentare: "Pensiamo al crescente problema delle proprietà abbandonate nelle campagne e sui monti italiani: la questione centrale è come riuscire a fare in modo che i "beni comuni" diventino un "bene comune" anziché un "male mondiale"".

Per Ermete Realacci, presidente di Symbola, il Piq fornisce l'occasione per rileggere quello che per anni le statistiche non hanno saputo cogliere: la trasformazione di una parte del nostro sistema produttivo nel segno della qualità, un processo che in alcuni comparti ha permesso di aumentare i fatturati diminuendo la quantità di merce. Ad esempio si è dimezzato il numero di scarpe esportate, ma il fatturato complessivo del settore è aumentato. Si produce il 40 per cento in meno di vino rispetto alla metà degli anni Ottanta, ma il valore dell'export è quadruplicato. "E' un'Italia", conclude Realacci, "che ha un grande bisogno di essere messa in rete e di riconoscersi in un progetto comune, quello della qualità. Con il Piq offriamo uno strumento per ribaltare la prospettiva della crisi: giocare non più in difesa, ma con l'obiettivo di migliorare la qualità della vita e la competitività del Paese".

Avatar utente
lillifata
Messaggi: 623
Iscritto il: 21 ago 2009, 9:09
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Sicilia
azioni: manovalanza di piazza, volantinaggio in proprio, costruzione cose.
Località: Caltagirone CT

Re: PIL, PIF, PIQ,...

Messaggioda lillifata » 21 mag 2010, 19:59

Ma perchè non anche il PIP...Prodotto Interno di Pippe
o il PIC ...Prodotto Interno di Cazzate...
liliana sgarlata

Avatar utente
Christian Tambasco

Re: PIL, PIF, PIQ,...

Messaggioda Christian Tambasco » 22 mag 2010, 7:49

eheheheh secondo me l'Italia a PIP e PIC non avrebbe rivali :lol:

Avatar utente
Christian Tambasco

Re: PIL, PIF, PIQ,...

Messaggioda Christian Tambasco » 28 dic 2010, 9:06

fonte: repubblica Istat, ecco il paniere del benessere

::
Istat, ecco il paniere del benessere
ci saranno sicurezza e ambiente
Nuova formula che si affianchi al Pil per misurare lo sviluppo del Paese. Consultazione aperta alle parti sociali, esperti e cittadini su come costruire il nuovo sistema
di LUCIO CILLIS

ROMA - Il mondo degli economisti, la Statistica, da alcuni anni sono alla ricerca di una nuova formula che vada ad affiancarsi alla misura dello sviluppo economico affidata al Pil. La caccia agli indicatori che possano fotografare il grado di crescita o arretramento a livello sociale di una nazione, è finita: entro il 2011, infatti, l'Istat misurerà il benessere del Paese, mettendo a confronto degli indicatori che saranno individuati da un tavolo istituito al Cnel.

Il contenitore che produrrà un nuovo dato comparabile con altri Stati, darà la precedenza alla misura del benessere economico delle persone, invece che concentrarsi soltanto sulla "produzione" e quindi sul Pil. In linea di massima lo stato di salute di un Paese sarà il risultato dello stato psicofisico delle persone che vi risiedono, del loro grado di istruzione e della conoscenza, del mondo del lavoro, del benessere, dell'ambiente, dei rapporti interpersonali e della partecipazione alla vita della società. Accanto a questi indicatori saranno inserite altre valutazioni, come il senso di insicurezza dei cittadini, l'equità, la sostenibilità, intesa non solo come fenomeno ambientale, ma estendendo lo sguardo a elementi di tipo economico e sociale.

Lo sviluppo di questa alternativa al calcolo del Prodotto interno lordo passa per una prima fase della durata di sei mesi durante la quale si procederà allo svolgimento di una consultazione pubblica online aperta agli esperti, alla società civile ed ai singoli cittadini per raccogliere i loro contributi sull'importanza delle dimensioni del benessere maggiormente rilevanti per la società italiana. Nella seconda fase del progetto l'Istat proporrà ad un "Gruppo di indirizzo" i possibili indicatori da adottare per misurare i diversi aspetti del benessere equo e sostenibile. Il passaggio finale è previsto per il giugno del 2012 con l'uscita del Rapporto Cnel-Istat sulla misura del progresso della società italiana. Questa iniziativa inserisce l'Italia accanto a Francia, Germania, Regno Unito, Stati Uniti, Australia, Irlanda, Messico, Svizzera, Olanda, Paesi che hanno deciso di misurare il benessere della società attraverso un insieme selezionato di indicatori di qualità.

(28 dicembre 2010)

mr.spyder
Messaggi: 2440
Iscritto il: 9 ago 2009, 10:14
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: palermo - messina
azioni: volantinaggio,donazioni,
organizzazione eventi,sbus,
idee,manovalanza,
condivisione beni e servizi
fra PRIMITivi o volenterosi
a consapevolizzarsi sullla
moneta debito
Località: palermo - messina

Re: PIL, PIF, PIQ,...

Messaggioda mr.spyder » 31 gen 2011, 12:24

Antonio Prezia, detto spyder... anche se non è importante chi sei,ma cosa vuoi fare per cambiare il mondo.

Avatar utente
LorenzoLenzi

Re: PIL, PIF, PIQ,...

Messaggioda LorenzoLenzi » 2 feb 2011, 10:34

Vito metti nel Bestiario quest' ...


Torna a “Era scritto sul giornale”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

cron
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono liberamente riproducibili purché sia citata e linkata la fonte (sono infatti rilasciati sotto una licenza Creative Commons BY-NC-SA 2.0) Il redattore non e' legalmente responsabile per i pensieri e le affermazioni espresse in questo blog dai visitatori. L'autore non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di errori in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su questo sito avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto. Questo sito non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 Comunque, Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. :: SE&O :: Salvo Errori et Omissioni "come scrivono le banche, in calce agli estratti conto, per evitare eventuali future azioni penali".