export banca...una banca che banca non è

..ovvero le puttanate ufficiali propagandate dal Sistema Mediatico di IGB
Avatar utente
Christian Tambasco

export banca...una banca che banca non è

Messaggioda Christian Tambasco » 4 feb 2010, 16:00

fonte: sole24ore Tremonti firma il decreto: al via la nuova Export banca

::
Tremonti firma il decreto: al via la nuova Export banca
di Isabella Bufacchi
4 febbraio 2010

L'export banca, quell'innovativo "sistema integrato" che mette assieme la potenza di fuoco della Cassa depositi e prestiti in qualità di finanziatore tramite il risparmio postale e della Sace in veste di garante, è pronta a partire. Avrà la doppia finalità di sostenere l'internazionalizzazione delle imprese italiane, migliorando le condizioni del credito all'esportazione e calmierando i tassi, senza però disintermediare il sistema bancario. Il ministro dell'Economia Giulio Tremonti ha firmato nei giorni scorsi il decreto ministeriale che in tre articoli autorizza e disciplina il funzionamento di questo inedito tandem Sace-Cdp: una novità per l'Italia ma non per Francia e Germania.

Il provvedimento, dopo la registrazione della Corte dei Conti e la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, spianerà la strada per la stipula di una convenzione tra i principali attori e le banche, forse tramite Associazione bancaria italiana. Non è esclusa la creazione di un plafond ad hoc: questo strumento ha un enorme potenziale, stimato dagli addetti ai lavori attorno ai 10 miliardi di euro.
Il sistema della export banca (banca di nome ma non di fatto) si articola in tre diverse modalità di finanziamento per l'esportazione, tutte con un unico comune denominatore: il credito così concesso, garantito dalla Sace senza eccezioni, viene erogato «a condizioni di mercato», e cioè a tassi vantaggiosi, sì, ma non al punto da sconfinare nel campo minato dell'aiuto di stato. Questa formula è in vigore da anni in Francia e Germania.

Il meccanismo principale, disciplinato dal decreto all'articolo n. 1 stabilisce che la Cdp – attingendo al risparmio postale – può fornire la provvista alle banche (sotto e sopra la soglia dei 25 milioni) per il credito all'esportazione e l'internazionalizzazione delle imprese: purché l'operazione sia assicurata o garantita dalla Sace. La copertura del colosso dell'export credit, stando a fonti bene informate, dovrebbe risultare alla fine al 100 per cento. L'articolo n. 2 del decreto fissa un paletto fondamentale, al fine di calmierare il tasso d'interesse del credito all'esportazione: nel contratto tra Cdp e banca andrà indicato il livello massimo del margine (incluse le commissioni) che la banca intende sommare al costo di raccolta per definire le condizioni finali per il cliente. In sostanza, il meccanismo dell'export banca blinda il vantaggio finanziario dell'intera operazione, che deve riversarsi sul cliente finale ovvero sull'esportatore. Il margine in questione, che corrisponde allo spread applicato dalla banca in funzione principalmente al rischio di credito (la capacità del debitore di rimborsare il debito), dovrebbe essere relativamente basso in quanto la garanzia della Sace corrisponde al rischio-stato: ma è oggetto di trattativa, per tener conto degli oneri bancari su piazze estere.

Le banche hanno la facoltà di utilizzare questo canale, accettando l'intero pacchetto: la provvista è a buon mercato, perché proviene dal risparmio postale raccolto dalla Cdp con l'emissione dei buoni e libretti postali, ma al tempo stesso il margine sul rischio di credito è molto contenuto. Nel caso in cui, su singole richieste di export credit, le banche dovessero rinunciare all'export banca, l'articolo n. 3 del decreto prevede una terza via, «sempre a condizioni di mercato»: la Cdp può effettuare le operazioni di finanziamento «in via diretta» se assicurate o garantite da Sace, oppure indirettamente «tramite Sace», cioè erogando il finanziamento alla Sace che poi a sua volta lo trasferisce all'impresa. Questa terza soluzione, che scatta solo se «non compatibile con l'intervento del sistema bancario» e «per settori di interesse strategico» è riservata alle operazioni di taglio medio-grande, comunque superiori ai 25 milioni di euro. La via diretta sarà la meno battuta, assicurano fonti bene informate.

L'export banca, quell'innovativo "sistema integrato" che mette assieme la potenza di fuoco della Cassa depositi e prestiti in qualità di finanziatore tramite il risparmio postale e della Sace in veste di garante, è pronta a partire. Avrà la doppia finalità di sostenere l'internazionalizzazione delle imprese italiane, migliorando le condizioni del credito all'esportazione e calmierando i tassi, senza però disintermediare il sistema bancario.
.......................
questo strumento ha un enorme potenziale, stimato dagli addetti ai lavori attorno ai 10 miliardi di euro.
......................
Le banche hanno la facoltà di utilizzare questo canale, accettando l'intero pacchetto: la provvista è a buon mercato, perché proviene dal risparmio postale raccolto dalla Cdp con l'emissione dei buoni e libretti postali, ma al tempo stesso il margine sul rischio di credito è molto contenuto. Nel caso in cui, su singole richieste di export credit, le banche dovessero rinunciare all'export banca, l'articolo n. 3 del decreto prevede una terza via, «sempre a condizioni di mercato»: la Cdp può effettuare le operazioni di finanziamento «in via diretta» se assicurate o garantite da Sace, oppure indirettamente «tramite Sace», cioè erogando il finanziamento alla Sace che poi a sua volta lo trasferisce all'impresa.


non è una banca, è un modo per finanziare le imprese che operano in campo internazionale, o meglio far finanziare dalle banche con la copertura di poste e stato o ho capito male qualcosa???

la SACE S.p.A. è una società che assicura il commercio e che nell'articolo 5 del suo statuto prevede:

1. Gli impegni assunti nello svolgimento della sola attività assicurativa, riassicurativa,
coassicurativa e di garanzia dei rischi definiti non di mercato dalla disciplina dell’Unione Europea,
come definiti nel precedente articolo 4, commi 1, 2, 3, 4 e 6, beneficiano della garanzia dello Stato
in base alla normativa vigente.


quindi un impiccio tra la Cassa depositi e prestiti che sulla base dei depositi e libretti postali convince le banche a fare prestiti agevolati garantiti dalla SACE garantita dallo Stato, il rischio è di quest'ultimo e il guadagno è per le banche che in realtà potrebbero trovare operazioni troppo grosse e lunghe e in quel caso sarebbe previsto il finanziamento diretto della Cassa Depositi e Prestiti con garanzia SACE.


Ciao Christian

modifica consistente in: inserimento articolo integrale
Ultima modifica di Christian Tambasco il 13 lug 2010, 14:52, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
ValerioVezzaro

Re: export banca...una banca che banca non è

Messaggioda ValerioVezzaro » 4 feb 2010, 23:24

correggetemi se sbaglio.. in parole povere le banche sarebbero coperte dallo stato tramite la SACE nel caso in cui le aziende non fossero in grado di pagare i debiti con esse (le banche) ?

Avatar utente
domenico.damico

Re: export banca...una banca che banca non è

Messaggioda domenico.damico » 5 feb 2010, 0:08

l'ipotesi che una banca rinunci a questa opportunità mi sembra ridicola...gli offrono in uso la vigna dei cojoni...

Avatar utente
Christian Tambasco

Re: export banca...una banca che banca non è

Messaggioda Christian Tambasco » 5 feb 2010, 10:00

domenico.damico ha scritto:l'ipotesi che una banca rinunci a questa opportunità mi sembra ridicola...gli offrono in uso la vigna dei cojoni...

infatti la terza via[1], come viene indicata dall'articolo, è vista come la più improbabile, letteralmente "la meno battuta"

Ciao Christian


[1] ovvero il prestito diretto senza passare per le banche ordinarie

Avatar utente
ValerioVezzaro

Re: export banca...una banca che banca non è

Messaggioda ValerioVezzaro » 5 feb 2010, 10:10

rischio zero per le banche quindi


Torna a “Era scritto sul giornale”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 11 ospiti

cron
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono liberamente riproducibili purché sia citata e linkata la fonte (sono infatti rilasciati sotto una licenza Creative Commons BY-NC-SA 2.0) Il redattore non e' legalmente responsabile per i pensieri e le affermazioni espresse in questo blog dai visitatori. L'autore non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di errori in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su questo sito avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto. Questo sito non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 Comunque, Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. :: SE&O :: Salvo Errori et Omissioni "come scrivono le banche, in calce agli estratti conto, per evitare eventuali future azioni penali".