povero Auriti..

..ovvero le puttanate ufficiali propagandate dal Sistema Mediatico di IGB
sandropascucci
Messaggi: 13393
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

povero Auriti..

Messaggioda sandropascucci » 15 nov 2011, 13:34

Articolo
2011-03-16
ARTIGIANATO: MONETA CONIATA A CORFINIUM IN DONO A NAPOLITANO
CASTIGLIONE:SIMBOLO D'ABRUZZO IN APPUNTAMENTI ISTITUZIONALI (REGFLASH) Pescara, 16 mar. Una moneta d'argento che riproduce quella coniata a Corfinium, prima capitale della Lega Italica, intorno al 91 avanti Cristo. Realizzata dall'Ente Mostra Artigianato di Guardiagrele (Ch) in occasione del 150esimo anniversario dell'Unita d'Italia, è stata presentata questa mattina in conferenza stampa, presso della sede di Pescara della Regione, in viale Bovio, dal vice presidente della Giunta e assessore alle Attività produttive, Alfredo Castiglione. La moneta-replica, principale simbolo dell'alleanza tra le popolazioni italiche, ha un valore particolare per l'Abruzzo dal momento che Corfinium, nei pressi di Sulmona, ventuno secoli fa ha sostanzialmente rappresentato la prima capitale d'Italia. "Come Assessorato abbiamo subito appoggiato l'iniziativa dell'Ente Fiera di Guardiagrele - ha precisato Castiglione - e d'ora in poi questa moneta accompagnerà la nostra regione negli appuntamenti istituzionali più importanti. Ad esempio, domani Gianni Chiodi la donerà al Presidente della Repubblica, Napolitano, e al Presidente del Consiglio dei ministri, Berlusconi, quando sarà ricevuto insieme a tutti gli altri presidenti di regione". Realizzata dai maestri d'arte orafa Eugenio di Rienzo di Scanno e Italo Lupo di Pescara, raffigura da un lato un volto femminile come personificazione dell'Italia, nome inciso esplicitamente, e dall'altro una immagine del giuramento tra i guerrieri italici con le spade protese nell'imminenza del sacrificio animale di un porcellino, come da cerimoniale dell'epoca. La sua storia prende forma nell'inverno dell'anno 90 avanti Cristo quando un gruppo di popolazioni dell'attuale Italia centro-meridionale, che comprendeva Marsi, Peligni, Vestini, Marrucini, Piceni, Frentani, Irpini, Lucani e Sanniti, finì con il diventare un vero e proprio stato antagonista a quello romano. Questo perché, nonostante l'alleanza di vecchia data con i romani stessi, la lunga militanza nell'esercito e la lealtà dimostrata, questi popoli non riuscivano a conquistare la cittadinanza romana a pieno titolo. Così crearono la Confederazione Italica, stabilirono la loro capitale a Corfinio e organizzarono una resistenza armata per rivendicare il loro diritto alla cittadinanza. "Nonostante la successiva sconfitta militare - ha spiegato ancora l'assessore Castiglione - l'obiettivo fu raggiunto ugualmente perché i romani compresero le ragioni di questi popoli e ne riconobbero i diritti civili. Perciò si può ben dire che in Abruzzo nacquero il nome, il concetto e l'idea dell'Italia, cosa che ovviamente ci rende orgogliosi". All'incontro con i giornalisti erano presenti anche il sindaco di Corfinio, Massimo Colangelo, il presidente dell'Ente Mostra Artigianato Artistico di Guardiagrele, Gianfranco Marsibilio, e la professoressa Elsa Flacco che ha curato l'introduzione storica. (REGFLASH) US/11/03/16
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Torna a “Era scritto sul giornale”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti

cron
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono liberamente riproducibili purché sia citata e linkata la fonte (sono infatti rilasciati sotto una licenza Creative Commons BY-NC-SA 2.0) Il redattore non e' legalmente responsabile per i pensieri e le affermazioni espresse in questo blog dai visitatori. L'autore non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di errori in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su questo sito avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto. Questo sito non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 Comunque, Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. :: SE&O :: Salvo Errori et Omissioni "come scrivono le banche, in calce agli estratti conto, per evitare eventuali future azioni penali".