banche e cinema: perché non mi sorprende?

..ovvero le puttanate ufficiali propagandate dal Sistema Mediatico di IGB
sandropascucci
Messaggi: 13393
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

banche e cinema: perché non mi sorprende?

Messaggioda sandropascucci » 7 set 2011, 15:55

il cinema è la fabbrica dei sogni.

e del depistaggio. film, americanate, complottismo a go-ò, disinformazione..
ma anche, perché no, qualche chicca pericolosa, che potrebbe far pensare..
insomma.. il Sistema con una fava prende due piccioni: bloccare temi pericolosi
e potenziare la spazzatura. come? entrando nella regia del mondo cinematografico: i soldi.

!
Banche e cinema 2011
07/09/2011 - 11:31

La dimensione industriale del settore cinematografico italiano è di oltre 5.500 imprese e 5 miliardi di euro circadi fatturato complessivo annuo. Il cinema sarà uno dei business principali delle economie sviluppate nei prossimi anni.

La dimensione industriale del settore cinematografico italiano è di oltre 5.500 imprese e 5 miliardi di euro circa di fatturato complessivo annuo. Il cinema sarà uno dei business principali delle economie sviluppate nei prossimi anni e uno strumento di successo per l'internazionalizzazione del sistema paese. L'economia deve, quindi, saper dialogare con questo settore ed è per questa ragione che il rapporto tra banche e industria cinematografica è divenuto negli ultimi anni sempre più importante e cruciale ai fini della realizzazione di importanti produzioni. Le recenti modifiche legislative, che hanno reso operativo nel 2010 il "Tax Credit", rendono sicuramente più interessante per banche e imprese l'investimento in produzioni cinematografiche.

L'ABI, in collaborazione con Anica e Biennale di Venezia, cogliendo questi segnali, ha deciso di creare il nuovo evento Banche e Cinema 2011, utile per approfondire e valorizzare le opportunità di business che provengono dalla settima arte e migliorare la conoscenza della normativa e dei meccanismi a essa relativi. Questa iniziativa è il primo passo di un appuntamento annuale tra banche e cinema, utile ad avviare un'interazione positiva tra il settore bancario e una delle "industrie simbolo" del paese.

L'evento si terrà a Venezia Lido presso l'Hotel Excelsior, Sala degli Stucchi il prossimo9 settembre 2011.

Per iscriversi all'evento è possibile consultare la pagina dedicata all'evento Banche e Cinema 2011 sul sito ABIEventi.
da: http://www.fainotizia.it/2011/09/07/ban ... inema-2011
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 13393
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: banche e cinema: perché non mi sorprende?

Messaggioda sandropascucci » 7 set 2011, 16:00

ABIEventi si puo' dire..
io una volta ho detto ABbIetti e mi hanno denunciato..
La vecchia commedia (di Sandro Pascucci - http://www.signoraggio.com) -> http://www.signoraggio.com/signoraggio_ ... onota.html
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA


Torna a “Era scritto sul giornale”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

cron
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono liberamente riproducibili purché sia citata e linkata la fonte (sono infatti rilasciati sotto una licenza Creative Commons BY-NC-SA 2.0) Il redattore non e' legalmente responsabile per i pensieri e le affermazioni espresse in questo blog dai visitatori. L'autore non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di errori in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su questo sito avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto. Questo sito non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 Comunque, Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. :: SE&O :: Salvo Errori et Omissioni "come scrivono le banche, in calce agli estratti conto, per evitare eventuali future azioni penali".