Parmalat: assolte le banche.

..ovvero le puttanate ufficiali propagandate dal Sistema Mediatico di IGB
Avatar utente
marcomulas

Parmalat: assolte le banche.

Messaggioda marcomulas » 18 apr 2011, 14:56

!
Processo Parmalat, assolte le banche.
Cade l'accusa di aggiotaggio. Prosciolti anche i manager

MILANO - Banche straniere e manager assolti al processo Parmalat. I giudici della seconda sezionale penale del Tribunale di Milano, chiamati a decidere sulle accuse di aggiotaggio nel crac della società di Tanzi, hanno così dato ragione alla difesa, avallando la tesi dell'estraneità degli istituti di credito nelle operazioni di finanza «creativa» che hanno contribuito a creare il buco nelle casse della multinazionale del latte.

LE ACCUSE - La procura, al termine della requisitoria il 17 gennaio scorso, aveva chiesto la condanna degli istituti di credito a una sanzione di 900.000 euro ciascuno e la confisca dei profitti ritenuti illeciti: in particolare, 14 milioni di euro a Deutsche Bank, 70 milioni di euro a Citigroup, 30 milioni e 705.000 euro a Bank of America e 5,9 milioni di euro a Morgan Stanley . I legali delle banche, nel corso delle arringhe, hanno definito le accuse infondate, proclamando la correttezza dell'operato degli istituti, chiamati a rispondere del reato di aggiotaggio per la responsabilità amministrativa nei confronti delle condotte illecite dei propri funzionari per effetto della legge 231.

ASSOLTI ANCHE I MANAGER - Il tribunale ha poi assolto per non aver commesso il fatto o perchè il fatto non sussiste i dirigenti dei quattro istituti: Paolo Botta (Citibank), Giaime Cardi (Credit Suisse), Marco Pracca e Tommaso Zibordi (Deutsche Bank) e Paolo Basso e Carlo Pagliani (Morgan Stanley). Per le persone fisiche la pubblica accusa aveva chiesto condanne che andavano da 1 anno a 1 anno e 4 mesi, tranne che per Cardi per la quale era stato chiesto il non doversi procedere per prescrizione

«NON E' SUCCESSO NIENTE» - Dopo la lettura della sentenza che ha mandato assolti le banche e i loro manager imputati a Milano per il crack Parmalat, prima in aula si è sentito un brusio poi è scoppiata la gioia dei legali. Due addirittura, fuori dall'aula, gremita di persone, si sono abbracciati dicendo «Non è successo niente»

LA SODDISFAZIONE DELLE BANCHE - «Per noi è una vittoria, è stato fatto uno sforzo incredibile ma il nostro cliente era totalmente innocente» ha affermato il legale di Deutsche Bank aggiungendo che questi «sono processi che all'inizio hanno avuto una violentissima reazione pubblica, gli imputati hanno rischiato di perdere la carriera ma il periodo lunghissimo ha avuto una visione più razionale». Citi ha parlato di Tribunale «forte e indipendente» ricordando di aver «sempre sostenuto di esser stati defraudati» e tuttavia di aver offerto risarcimenti ai risparmiatori «per ragioni morali». Per Bank of America «ancora una volta è stato confermato che nessuno dei dipendenti della banca fosse a conoscenza della frode di Parmalat e che la stessa è stata perpetrata solo da alcuni suoi esponenti con l'assistenza di alcuni revisori contabili»

Avatar utente
Lerda Michele
Messaggi: 483
Iscritto il: 28 nov 2009, 11:51
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Cuneo-Torino
azioni: scrittura articoli, manovalanza in piazza, volantinaggio in proprio, contatti con altre "entità", organizzazione eventi.
Località: Busca (Cuneo)

Re: Parmalat: assolte le banche.

Messaggioda Lerda Michele » 18 apr 2011, 18:40

Eh te pareva, nulla di nuovo sul fronte Occidentale...
La vita è qui e ora il resto non conta!!!


Torna a “Era scritto sul giornale”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono liberamente riproducibili purché sia citata e linkata la fonte (sono infatti rilasciati sotto una licenza Creative Commons BY-NC-SA 2.0) Il redattore non e' legalmente responsabile per i pensieri e le affermazioni espresse in questo blog dai visitatori. L'autore non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di errori in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su questo sito avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto. Questo sito non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 Comunque, Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. :: SE&O :: Salvo Errori et Omissioni "come scrivono le banche, in calce agli estratti conto, per evitare eventuali future azioni penali".