SOROS, I LOVE YOU!

..ovvero le puttanate ufficiali propagandate dal Sistema Mediatico di IGB
sandropascucci
Messaggi: 12968
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

SOROS, I LOVE YOU!

Messaggioda sandropascucci » 9 set 2010, 11:57

::
September 8, 2010
George Soros's Gift, and Challenge, to Human Rights Watch

Dear Human Rights Supporter,

George Soros, philanthropist and financier, has announced an incredible grant to Human Rights Watch. He will make a gift of $10 million a year for the next ten years, for a total of $100 million. His challenge to Human Rights Watch: each year of the grant we're expected to raise another $10 million in new donations.

We express our deepest gratitude for this amazingly generous gift and for what it says—that our defense of human rights leads to important progress.

We will use George Soros's investment to strengthen our research in places where our presence is too thin and to deploy our information with emerging powers around the world, enlisting their influence in protecting human rights. This remarkable gift also sends a message to philanthropists around the world—that the human rights cause is worthy of their investment.

This is a momentous time for Human Rights Watch. You can help us by sharing our good news. We also encourage you to sign up for our Impact newsletter today, so you can see more of the many changes that we are already making. Together, we can make human rights a global priority.

Sincerely,
Kenneth Roth


http://www.hrw.org/en/news/2010/09/07/global-challenge

«Dire FILANTROPO a George Soros è come dire DIETISTA a beppE grill0» [sandropascucci, 2010]
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Francesco Fata
Messaggi: 896
Iscritto il: 10 ago 2009, 16:35
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roseto degli Abruzzi
azioni: scrittura articoli, studio aspetti tecnico-filosofici, studio idee di riforma monetaria, quota associativa, volantinaggio mirato, interventi sul web
Località: Roseto degli Abruzzi

Re: SOROS, I LOVE YOU!

Messaggioda Francesco Fata » 9 set 2010, 14:07

sandropascucci ha scritto:
::
Sincerely,
Kenneth Roth




Roth.... brrrr
siamo sicuri che il cognome è giusto? Non è che manca qualcosa!
Voglio troppo bene al popolo per pensare di votare gente che vuole particolarmente bene a se stessa.
Francesco Fata

----Francesco Fata (ex aggiocampà) ----

Avatar utente
domenico.damico

Re: SOROS, I LOVE YOU!

Messaggioda domenico.damico » 9 set 2010, 14:23

C'era quest'articolo in giro qualche tempo fa...

http://www.corriere.it/economia/10_agos ... aabe.shtml

!
IL FILANTROPISMO NEGLI STATI UNITI
I miliardari americani contagiati
dalla febbre della beneficenza

I Paperoni rispondono all'appello di Gates e Buffett: «Destinare a fini sociali il 50% delle nostre ricchezze»

NEW YORK - «Miliardari di tutto il mondo unitevi. Per il bene di chi ha meno di voi». Non sarebbe male come slogan per la grande associazione di Paperoni che sta vedendo la luce negli Stati Uniti. Niente paura, non si tratta di una Spectre del dollaro pronta a far arrivare i propri tentacoli nei recessi più nascosti e misteriosi del Globo, a caccia di profitti e affari. Tutt'altro. Il fine è quanto mai nobile: filantropia, beneficenza. Rispondendo infatti all'appello - battezzato «The Giving Pledge» - lanciato sei settimane fa dai due uomini più ricchi d'America, l'investitore per antonomasia Warren Buffett, decano della Berkshire Hathaway, e Bill Gates, fondatore di Microsoft, già quaranta miliardari di quelli che riempiono le classifiche di Fortune e Forbes, le bibbie del denaro, hanno aderito all'invito di destinare a scopi sociali almeno la metà del patrimonio. Sì, proprio la metà. Un'infinità di soldi: 600 miliardi secondo le stime. Una cosa tipo: fai il bene al prossimo tuo. Riempi di opportunità lo stanco e depresso suolo americano, sfiancato dalla crisi finanziaria, spaventato dalla concorrenza cinese, deluso dall'indecisione degli europei e avvilito dalle guerre all'Internazionale del terrorismo.
I PRIMI NOMI - Tra i primi a rispondere (e chi altri?) il miliardario-politico per eccellenza, il sindaco di New York Michael Bloomberg, e il fondatore della Cnn Ted Turner. Poi, per robusta tradizione filantropica familiare, i banchieri David Rockefeller e Donald Perelman. Per dovere di fratellanza, nel primo lotto c'è anche Paul Allen, cofondatore di Microsoft proprio con Gates, ma anche il vecchio rivale di Mr Microsoft, Larry Ellison, patron di Oracle e ora affermato armatore di scafi da Coppa America, per non dire di George Lucas, il produttore di tante pellicole da urlo, a cominciare dalla saga di Star Wars. Tra gli altri membri del club caritatevole ci sono anche Pierre Omidyar, il 43enne fondatore di Ebay, il fondatore di Citigroup Sandy Weill e sua moglie Joan, i due proprietari di hedge fund Julian Robertson e Jim Simons, e il mago del private equity David Rubenstein.
FEBBRE FILANTROPICA - Altro che febbre dell'oro. Quella che sembra essere scoppiata negli Stati Uniti - tra coloro che di oro, finora, si sono riempiti le tasche - è dunque la febbre della beneficenza. E c'è da giurare che questi quaranta miliardari che hanno già aderito alla chiamata filantropica, presto saranno molti di più. Anche perché la formula dell'appello suono un po' come «dividi il tuo patrimonio, prima o poi». Insomma, c'è tempo per riflettere e per spiegare agli eredi le ragioni di un taglio così robusto. Ma l'esempio dei primi due «firmatari» della petizione non ammette troppe esitazioni: La Fondazione Bill Gates & Melinda ha già donato decine di miliardi, mentre il grande vecchio della Finanza, Buffett, 79 anni, ha promesso di voler impiegare non il 50% ma addirittura il 99% delle sue ricchezze in opere filantropiche. Quanti soldi sono? Il patrimonio del «Saggio di Omaha» è stimato in 47 miliardi di dollari. Fate voi il conto al centesimo. Insomma, se non ci riesce l'Antitrust o la Patrimoniale, a suddividere i grandi patrimoni, meglio affidarsi direttamente alla (ritrovata) generosità degli Uncle Scrooge d'America.

Avatar utente
Christian Tambasco

Re: SOROS, I LOVE YOU!

Messaggioda Christian Tambasco » 7 ott 2010, 15:23

fonte: sole24ore Rettitudine prematura

::
Rettitudine prematura
di George Soros
05 ottobre 2010

NEW YORK – L’insistenza dell’amministrazione Obama sulla rettitudine fiscale è dettata non da necessità finanziarie, bensì da considerazioni politiche. Gli Stati Uniti non sono uno di quei paesi d’Europa maggiormente indebitati, che devono pagare cospicui premi a fronte dei prestiti contratti dalla Germania. I tassi di interesse sui titoli di Stato Usa sono scesi fino quasi a raggiungere livelli record, il che significa che i mercati finanziari prevedono una deflazione, e non un’inflazione.

Ciononostante, Obama è sotto pressione politica. L’elettorato americano è profondamente preoccupato del debito pubblico accumulato, e l’opposizione repubblica è stata abile nel far ricadere le colpe del crollo del 2008 – nonché la successiva recessione e l’alta disoccupazione – sull’inettitudine del governo, oltre a sostenere che il pacchetto di stimolo sia stato largamente inutile.

C’è un elemento di verità in questo, ma è univoco. Il crollo del 2008 è stato essenzialmente un fallimento dei mercati, per il quale i regolatori Usa (e altri) dovrebbero essere biasimati per non essere riusciti a tenere sotto controllo la situazione. Ma, senza un salvataggio, il sistema finanziario sarebbe rimasto paralizzato, e avrebbe reso la successive recessione decisamente più profonda e prolungata. Vero è che il pacchetto di stimolo Usa è stato ampiamente inutile, ma ciò è accaduto perché la maggior parte di questi incentivi è servita a sostenere i consumi piuttosto che a correggere gli squilibri di base.

Ciò che l’amministrazione Obama ha sbagliato è stato il come ha deciso di salvare il sistema bancario: ha aiutato le banche a trovare la propria via d’uscita dal baratro acquistando alcuni dei loro peggiori asset e fornendo loro denaro a basso interesse. Anche questa scelta, fu guidata da considerazioni politiche: sarebbe stato più efficace iniettare nuovi titoli azionari nelle banche, ma Obama temeva le accuse di nazionalizzazione e socialismo.

Quella decisione si è ritorta contro, con serie ripercussioni politiche. I cittadini, che affrontavano un’impennata dei costi delle carte di credito dall’8% a quasi il 30%, vedevano le banche guadagnare eccezionali profitti e pagare grandi bonus. Il movimento dei Tea Party ha sfruttato tale risentimento, e oggi Obama è sulla difensiva. I repubblicani si battono contro qualsiasi altro tipo di stimolo, e ora l’amministrazione deve appoggiare, suo malgrado, la rettitudine fiscale, pur riconoscendo quanto sia prematura una riduzione del deficit.

Credo ci siano forti argomentazioni a favore di un ulteriore stimolo. Ad onor del vero, i consumi non potranno essere sostenuti all’infinito accumulando debito nazionale; lo squilibrio tra consumi e investimenti necessita di misure correttive. Ma tagliare le spese del governo in un momento di disoccupazione su vasta scala sarebbe come ignorare quanto ci ha insegnato la storia.

La soluzione ovvia è quella di fare una distinzione tra investimenti e consumi correnti, e incrementare i primi a favore di una riduzione dei secondi. Ma sembra una posizione insostenibile dal punto di vista politico. La maggior parte degli americani è convinta che il governo sia incapace di gestire in modo efficace gli investimenti volti a migliorare il capitale fisico e umano del paese.

E di nuovo, questa convinzione non è ingiustificata: un quarto di secolo trascorso a etichettare il governo come inadeguato ha prodotto un governo inadeguato. Ma la tesi secondo cui le spese di stimolo sarebbero del tutto inutili è evidentemente falsa: il New Deal ha dato vita alla Tennessee Valley Authority, al Triborough Bridge a New York e a numerose altre autorità pubbliche tuttora in attività.

Inoltre, la semplice verità è che il settore privato non sta dispiegando le risorse a disposizione. Obama si è mostrato davvero ben disposto nei confronti delle aziende, e le società si stanno rivelando molto proficue. Queste, però, invece di investire, accumulano liquidità. Forse una vittoria repubblicana potrebbe incoraggiare la loro fiducia, ma nel frattempo investimenti e occupazione richiedono uno stimolo fiscale (è più probabile che, invece, lo stimolo monetario incoraggi le società a divorarsi l’un l’altra invece che ad assumere lavoratori).

Stabilire a che punto il debito pubblico sia eccessivo non è semplice, perché la sopportazione del debito pubblico dipende fortemente dalle percezioni prevalenti. Il premio al rischio collegato al tasso di interesse è la variabile critica: una volta che inizia a crescere, il tasso esistente di finanziamento in disavanzo diventa insostenibile. Ma il punto di non ritorno è indefinito.

Consideriamo il Giappone, con un indice debito/Pil quasi vicino al 200% – uno dei più alti al mondo. Eppure i bond decennali rendono poco più dell’1%. Il Giappone vantava un tempo un elevato tasso di risparmio, ma attualmente questo valore è quasi pari a quello degli Stati Uniti, a fronte di un invecchiamento e di una riduzione della popolazione. La grande differenza – il surplus commerciale del Giappone rispetto al deficit degli Usa – non è rilevante fino a quando la politica monetaria cinese continuerà ad obbligare il paese ad accumulare asset in dollari in una forma o in un’altra.

La vera ragione dei bassi tassi di interesse del Giappone sta nel fatto che il settore privato del paese è poco orientato agli investimenti all’estero e preferisce i titoli di Stato decennali all’1% ai contanti allo 0%. A fronte del calo dei prezzi e dell’invecchiamento della popolazione, i giapponesi considerano interessanti i rendimenti reali. Fino a quando le banche americane potranno contrarre prestiti a un tasso quasi pari a zero e acquistare titoli di Stato senza dover impegnare il proprio capitale, e il dollaro non si apprezzerà nei confronti del renminbi, i tassi di interesse sui bond decennali Usa potrebbero dirigersi in questa stessa direzione.

Questo non significa che gli Usa dovrebbero mantenere un tasso di sconto vicino allo zero e accumulare debito pubblico all’infinito. Una volta che l’economia inizierà a riprendersi, i tassi di interesse saliranno – forse all’improvviso, se il debito accumulato sarà troppo profondo. Ma, se da un lato questo frenerebbe la ripresa, dall’altro una politica prematura di tagli fiscali potrebbe accelerare tale processo.

La giusta politica è quella volta a ridurre quanto prima gli squilibri e a minimizzare al contempo il peso del debito. Tale strategia può essere perseguita in diversi modi, ma l’obiettivo fissato dall’amministrazione Obama – dimezzare il deficit di bilancio entro 2013 mentre l’economia funziona ben al di sotto delle proprie capacità – non rientra tra questi. Investire in infrastrutture e istruzione ha più senso. E anche manovrare un moderato tasso di inflazione deprezzando il dollaro nei confronti del renminbi.

Ciò che ostacola questa agenda non è l’economia, bensì le errate idee di deficit di bilancio, che vengono sfruttate a scopi politici e ideologici.

George Soros è presidente di Soros Fund Management.


Torna a “Era scritto sul giornale”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono liberamente riproducibili purché sia citata e linkata la fonte (sono infatti rilasciati sotto una licenza Creative Commons BY-NC-SA 2.0) Il redattore non e' legalmente responsabile per i pensieri e le affermazioni espresse in questo blog dai visitatori. L'autore non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di errori in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su questo sito avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto. Questo sito non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 Comunque, Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. :: SE&O :: Salvo Errori et Omissioni "come scrivono le banche, in calce agli estratti conto, per evitare eventuali future azioni penali".