La disinformazione è il mio mestiere

..ovvero le puttanate ufficiali propagandate dal Sistema Mediatico di IGB

Avatar utente
La_volpe_nera82

Re: La disinformazione è il mio mestiere

Messaggioda La_volpe_nera82 » 27 set 2009, 16:25

Eh si, di Joshua Keatinge e James Downie si sono proprio impegnati.. e ci si sono messi pure in 2 per copiare tesi alternative (riassunte in modo molto sbrigativo) e copiaincollare le verità trite e ritrite dei media.. in pratica potevano scrivere semplicemente che le tesi alternative non sono valide solo perchè i "dati ufficiali" dicono il contrario.. avrebbero fatto + bella figura secondo me.

Avatar utente
enricogrosso
Messaggi: 1435
Iscritto il: 9 ago 2009, 8:38
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Abruzzo Marche Italy
azioni: manovalanza di piazza, volantinaggio in proprio, testimonianze videoriprese, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)

Re: La disinformazione è il mio mestiere

Messaggioda enricogrosso » 12 nov 2009, 17:24

Massa, 07/08/2009 (informazione.it - comunicati stampa) Attesa presentazione ed incontro con l'autore del libro Prevedibile e Inevitabile. La crisi dell'Interventismo. Le cause del Disastro e i Possibili Rimedi, eccezionale caso editoriale del 2008, oltre 1000 copie in meno di un mese richieste on line. Un libro unico nell’ambito economico – finanziario, assolutamente fuori dal coro nel panorama (mal)comunicativo attuale, nel quale (panorama), è doveroso ammettere, la potente crisi economica che tocca e toccherà tutti gli italiani, viene malcelata, occultata o solo raccontata in parte, per non spaventare o sconvolgere, per non mettere in discussione le responsabilità degli intoccabili.

A cura di un giovane economista massese, Francesco Carbone, da molti anni all’estero (tra Londra, Dublino, Montecarlo, Madrid), come broker e consulente finanziario, frutto di sette anni di analisi e di studi economici, Prevedibile ed inevitabile colpisce per la schiettezza e la previdente (in senso etimologico) lucidità. Nessuna analisi ovvia e soluzione scontata. Un'analisi piuttosto che fa scandalo, scomoda da accettare, ma terribilmente reale.

Quanto accaduto nell’ottobre 2008 era stato annunciato da molto tempo sul laboratorio di economia e mercati, curato dall’economista Carbone al sito internet www.usemlab.com e dalla sua Associazione USEMLAB, nata proprio nel 2007 “per stimolare e promuovere il dibattito economico, con particolare riguardo alla difesa del patrimonio e ad una moneta sana”.

Il vero perché della crisi finanziaria ed economica potrebbe essere un altro ottimo sottotitolo del libro, acquistabile on line al sito dell’Associazione e presentato dal suo autore mercoledì 19 agosto, all'interno degli incontri letterari della Piazzetta Ronchi di Marina di Massa, alle ore 21.30.

I migliori articoli del dibattito economico sviluppatosi sul portale dell’Associazione sono in questo volume raccolti e commentati. Chiunque, anche il non specialista, avrà modo di ripercorrere con calma le tappe di questa ultima evoluzione economica sfociata nel crash di borsa dell’ ottobre 2008 e nella crisi finanziaria attuale (ancora lungi dal trovare il suo apice), che nel loro insieme hanno portato quasi ogni italiano a temere per la sicurezza dei propri soldi in banca.

Gli articoli sono legati da un filo conduttore che accompagna il lettore in un percorso illuminante, che tenta di fornire anche semplici ma solide basi di economia per poter svelare molte trappole concettuali, come l'inversione della causa con l'effetto, sulle quali i media continuamente cadono, ingenerando confusione nel lettore comune e non solo.

Un’analisi fondata sulla solida teoria economica, quella della Scuola Austriaca di Economia, e in particolare degli economisti Mises e di Rothbard, purtroppo ancora largamente sconosciuti in Italia e sottaciuti, non senza ragioni, anche dai professori di economia delle università italiane.

Punti chiave dell’analisi sono il fallimento della scienza economica tradizionale e la scorretta impostazione e gestione del sistema monetario.

 Sulla base di una lunga esperienza di lavoro sui mercati finanziari il testo cerca di anche di dare dei suggerimenti su come ripararsi dalla più grande confisca di valore e ricchezza che inevitabilmente si abbatterà sui risparmi e sul lavoro degli italiani e che porterà in futuro a un ulteriore abbassamento dello standard di vita, ben maggiore e più rapido di quello accaduto dalla nascita dell'euro.


 Un utile ed importante contributo alla letteratura economica, autoprodotto dall’Associazione Usemlab, che potrebbe stimolare e aprire nuovi dibattiti e nuove strade in mezzo a un approccio quasi monotematico.

Per informazioni: info ask@usemlab.com - www.usemlab.com
“Il mondo non ricompensa onestà e indipendenza,bensì obbedienza e servilismo”
Enrico Grosso

Avatar utente
enricogrosso
Messaggi: 1435
Iscritto il: 9 ago 2009, 8:38
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Abruzzo Marche Italy
azioni: manovalanza di piazza, volantinaggio in proprio, testimonianze videoriprese, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)

Re: La disinformazione è il mio mestiere

Messaggioda enricogrosso » 12 nov 2009, 17:39

http://maxneri.wordpress.com/2008/09/23 ... nanziaria/

Immagine

Fonte : i fogli di ENCLAVE (Bimestrale di informazione libertaria - Leonardo Facco Editore)


Con questa conclusione l'intervistato merita di essere inserito direttamente tra gli schiavi di IGB.
Inoltre degna di nota, a mio avviso, la risposta alla domanda "Dove sta il problema allora?" :
"Il problema della questione monetaria sta nel fatto che la moneta è stata sottratta al libero mercato, è stata sottratta agli individui per essere messa in mano ad un gestore monopolista. CHE ESSO SIA STATALE, PARASTATALE O PRIVATO POCO IMPORTA AI FINI PRATICI. ...." :lol:
“Il mondo non ricompensa onestà e indipendenza,bensì obbedienza e servilismo”
Enrico Grosso

sandropascucci
Messaggi: 12979
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: La disinformazione è il mio mestiere

Messaggioda sandropascucci » 12 nov 2009, 17:47

flacco lo conosciamo tutti, spero.
cerco di mettere online un po' di cose per i nuovi.
è amico di nereo villa, che è tutto dire.
anche questo "autore": è un broker.. che altro aggiungere?
_____________________________________________
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
dmonax

Re: La disinformazione è il mio mestiere

Messaggioda dmonax » 13 nov 2009, 0:33

Qui c'è la versione completa:
http://www.usemlab.com/index.php?option ... &Itemid=51


"In altre parole il problema del signoraggio, così come esaminato dai cosiddetti signoraggisti, è un falso problema che niente ha a che fare con la vera questione monetaria, radice dei problemi economici di questi ultimi anni e soprattutto dell'ultimo. "

Poco dopo:

"I signoraggisti hanno sì ragione su una cosa: trattasi della più colossale truffa a danno del popolo. Peccato che non riescano a capirne bene i motivi, i meccanismi, e le cause economiche."

Ma non ha intitolato 'sto scritto "il falso problema del signoraggio"? Evviva la coerenza!


Torna a “Era scritto sul giornale”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 22 ospiti

cron
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono liberamente riproducibili purché sia citata e linkata la fonte (sono infatti rilasciati sotto una licenza Creative Commons BY-NC-SA 2.0) Il redattore non e' legalmente responsabile per i pensieri e le affermazioni espresse in questo blog dai visitatori. L'autore non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di errori in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su questo sito avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto. Questo sito non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 Comunque, Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. :: SE&O :: Salvo Errori et Omissioni "come scrivono le banche, in calce agli estratti conto, per evitare eventuali future azioni penali".