08. Le frottole sulla Riserva Frazionaria..

http://controbufaladelsignoraggio.primit.it

• in soldoni: le vere bufale che girano in Rete riguardo alla «Bufala del signoraggio»©, ovvero come IGB disinforma tramite giornalisti, giornalai, blogghettini-ini-ini TUTTI insieme appassionatamente intenti al «..E ABBIAMO DIMOSTRATO CHE IL SIGNORAGGIO NON ESISTE/E' UNA BUFALA..»®
• della serie: ridere per restare sani. perché senza negazionisti del signoraggio.. ammettiamolo.. di che ca.zo ridevamo ora noandri?! :)
sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

08. Le frottole sulla Riserva Frazionaria..

Messaggioda sandropascucci » 14 ott 2013, 10:27

8. LE FROTTOLE SULLA RISERVA FRAZIONARIA..
http://goo.gl/8Cqruv

L’errore della moltiplicazione degli impieghi

P

R

I

M

I

T

[>>]

Non so perché mi sono messo a fare 'sta cosa qua.. forse per noia o forse per amore [cit.] ..o forse per un senso di giustizia o forse semplice e personale disgusto verso gli imbecilli.. ma l'ho fatto, ormai, quindi leggiamolo:

Le frottole sul signoraggio?

Ora vi diciamo le cazzate che dicono quelli che dicono che diciamo cazzate.

[18.01.2012, scritto per il PRIMIT.IT da sandropascucci - signoraggio.com]

C'è in Rete una GUERRA tra i signoraggisti e i negazionisti. Spesso i signoraggisti sono degli imbecilli ai quali piace collegare il signoraggio con gli UFO ecc.. e i negazionisti approfittano di tutto questo per screditarli. A me questo sta bene. Se c'è un intervento che non farò mai è quello di separare due idioti che si ammazzano di botte. Perché impedire a me stesso di godere di un lavoro svolto da altri, per di più gratuitamente?

Però capita che anche uno stronzo possa dire che il mare è bello, come lo dico io, e se c'è un'altro [lo scrivo così perché almeno quelli di Facebook capiscono - di solito scrivo un altro ma ho recentemente saputo di gente che nel leggere ha fatto un movimento brusco in avanti con la testa, disabituata a tale corretta scrittura, e ci sono stati dei ricoveri ospedalieri non belli, quindi..] dicevo: se c'è un altro [ueuuuuuuuuuu-ueuuuuuuu] che dice che il mare è una merda mi tocca difendere lo stronzo di prima, perché a me il mare piace e non sono sereno quando vedo insultare tale bellezza della natura. Ma il fatto che ad entrambi piaccia il mare non vuol dire che staremo sotto le lenzuola tenendoci le mani intrecciate.

Questa è la pagina slogan dei negazionisti:

lefrottolesullariservafrazionaria.JPG


[continua su: http://www.signoraggio.com/signoraggio_ ... lcubo.html]

[^]

F

O

R

U

M

 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: 08. Le frottole sulla Riserva Frazionaria..

Messaggioda sandropascucci » 11 nov 2013, 15:29

• Come IGB ha raddoppiato il POTERE di signoraggio in una sola notte: viewtopic.php?p=42197#p42197
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: 08. Le frottole sulla Riserva Frazionaria..

Messaggioda sandropascucci » 22 nov 2013, 21:20

Tres mitos comunes sobre los bancos
Alejandro Nadal

Existen tres fábulas sobre los bancos y su papel en la economía. La gran mayoría de la gente (y de los economistas) abraza con fervor estos tres mitos que están íntimamente relacionados. El análisis de la economía política del capitalismo exige disipar esta mitología.

El primer mito dice que los bancos son unos simples intermediarios entre los ahorradores y los agentes que necesitan recursos adicionales, ya sean inversionistas o consumidores. Según esta idea los bancos reciben en depósito los fondos de los ahorradores para proceder a prestarlos. A los ahorradores les pagan una tasa de interés inferior a la que cobran a los prestatarios y la diferencia constituye la ganancia de los bancos.

Suena lógico pero es falso. La realidad es que los bancos son algo más que simples intermediarios. Entre las actividades de la banca se encuentra la creación monetaria. Para realizar un préstamo los bancos no necesitan que los recursos que van a ser objeto del crédito hayan sido ahorrados con anterioridad.

Normalmente, cuando un banco otorga un préstamo simple y sencillamente abre una cuenta a nombre del prestatario y le adjudica un saldo positivo (por el monto del crédito). En el mismo acto le otorga al receptor del crédito instrumentos de pago, dinero bancario, una chequera o una tarjeta de crédito. Si el prestatario requiere dinero en efectivo (billetes emitidos por el banco central), el banco prestamista lo consigue de sus arcas o lo adquiere del banco central.

El banco prestamista no acude a verificar si le quedan recursos de los agentes ahorradores para otorgar un préstamo. No tiene que hacerlo porque el crédito no depende de esos depósitos. Es cierto que hay gente que deposita sus ahorros en bancos privados, pero la captación bancaria no es lo que permite a los bancos realizar préstamos. Para intervenir como prestatario, el banco no tiene más que evaluar el proyecto en el contexto del horizonte económico. Al otorgar el crédito se abre un depósito en el banco: los préstamos crean los depósitos y no al revés, como dice este mito.

El segundo mito está ligado a la idea de que los bancos guardan en reserva parte de los depósitos de los ahorradores para enfrentar una eventual demanda de los depositantes que deseen recuperar sus ahorros. Esta es una variante del mito anterior y está ligada a lo que se ha denominado ‘banca de reserva fraccionaria’ y que se supone funciona como sigue. Si en un banco se depositan cien pesos y dicho banco guarda el 10 por ciento en reserva, puede prestar los otros noventa, que son depositados nuevamente en el mismo o en otro banco. Sobre ese depósito se deben guardar 10 por ciento de reservas, pudiendo volver a prestar 81 pesos y así sucesivamente. Al final de la serie, suponiendo reservas de 10 por ciento, los primeros cien pesos se habrán convertido en mil pesos por el efecto del multiplicador bancario (equivalente al recíproco del coeficiente de reservas que guardan los bancos).

Parece que aquí también se crea dinero de la nada, pero no es así. Hay un depósito anterior a cada préstamo y las reservas imponen un límite a los fondos prestados. Parece lógico, pero el sistema bancario no funciona de este modo: en 2007, antes de la crisis financiera, las reservas de los bancos en Estados Unidos ascendían a 20 mil millones de dólares (mmdd), lo que tendría que haberse acompañado de una oferta monetaria de 200 mmdd si el multiplicador existiera y no de los varios billones (castellanos) que existían en circulación. El multiplicador simplemente no existe como lo demuestran varios trabajos auspiciados por el FMI.

Queda el tercer mito: las reservas. Se piensa que con las reservas el banco central controla la expansión del crédito (y la oferta monetaria), además de establecer un requisito prudencial para eliminar el riesgo de ‘corridas’ contra los bancos. Pero hace mucho que los bancos centrales dejaron de imponer niveles realmente significativos de reservas obligatorias. En muchos países los requerimientos de reservas son cero, y eso incluye Inglaterra, Canadá y México.

Esto es quizás el reconocimiento de que en un sistema de creación monetaria endógena el banco central no tiene control sobre la oferta monetaria. Por eso la política del banco central, obsesionada por el control de la inflación, está centrada en el control de la tasa de interés a través de sus operaciones de descuento.

Si un banco necesita reservas al final del día, las puede obtener en el mercado interbancario de corto plazo o directamente del banco central. No es la base monetaria (el dinero de alto poder emitido por el banco central) lo que se necesita para arrancar todo el proceso. La causalidad es la inversa: los créditos bancarios generan la cantidad de dinero de alto poder. Y la razón es que si el banco central no tiene la exclusividad sobre la creación monetaria, no le queda más remedio que proporcionar las reservas que requiere el sistema. El banco central está al servicio de los bancos privados y del capital financiero.


>
>
DI ALEJANDRO NADAL
Sin permiso

Esistono tre favole sulle banche e il loro ruolo nell'economia. La grande maggioranza delle persone (e degli economisti) abbraccia con fervore questi tre miti che sono intimamente connessi. L'analisi dell'economia politica capitalistica esige di sfatare questa mitologia.

Il primo mito dice che le banche sono alcuni semplici intermediari tra i risparmiatori e gli operatori economici che hanno bisogno di risorse addizionali, siano essi investitori o consumatori. Secondo questa idea le banche ricevono in deposito i fondi dei risparmiatori per poi prestarli. Ai risparmiatori viene pagato un tasso di interesse inferiore a quello richiesto ai mutuatari e la differenza costituisce il guadagno delle banche.

Sembra logico ma è falso. La realtà è che le banche sono qualcosa più che semplici intermediari. Tra le attività della banca si trova la creazione monetaria. Per concedere un prestito le banche non hanno bisogno che le risorse che sono oggetto del credito siano state risparmiate in precedenza.

Normalmente, quando una banca concede un prestito, essa semplicemente apre un conto a nome del mutuatario e gli assegna un credito (per l'importo dello stesso). Nello stesso tempo concede al detentore del credito strumenti di pagamento, moneta bancaria, un libretto di assegni o una carta di credito. Se il mutuatario richiede denaro in contanti, banconote emesse dalla banca centrale, la banca creditrice lo preleva delle sue riserve o l'acquisisce dalla banca centrale.

La banca creditrice non si preoccupa di verificare se ha risorse sufficienti provenienti dai risparmiatori per concedere un prestito. Non deve farlo perché il credito non dipende da quei depositi. È vero che c'è gente che deposita i suoi risparmi in banche private, ma non sono i depositi quelli che consentono alle banche di concedere i prestiti. Per operare come creditore, la banca non deve che valutare il progetto nel contesto dell'orizzonte economico. Concedendo il credito la banca apre un deposito: i prestiti creano i depositi e non il contrario, come sostenuto dal mito.

Il secondo mito è legato all'idea che le banche conservino una parte dei depositi dei risparmiatori per affrontare un'eventuale necessità degli stessi di ritirare i loro risparmi. Questa è una variante del mito precedente ed è legata a quello che si è denominato “fondo di riserva frazionaria” e che si suppone funzioni come segue. Se in una banca si depositano cento pesos e questa banca pone il 10% in riserva, può prestare gli altri novanta, che sono depositati nuovamente nella stessa banca o in un'altra. Anche su quel deposito mantenendo come riserva il 10%, si possono prestare 81 pesos e così via. Alla fine della serie, supponendo riserve del 10%, i primi cento pesos si saranno trasformati in mille pesos in conseguenza del moltiplicatore bancario (equivalente al reciproco del coefficiente delle riserve detenute dalle banche).

Anche qui sembra che si crei denaro dal nulla, ma non è così. C'è un deposito precedente ad ogni prestito e le riserve impongono un limite ai fondi prestati. Sembra logico, però il sistema bancario non funziona in questo modo: nel 2007, prima della crisi finanziaria, le riserve delle banche negli Stati Uniti ammontavano a 20 miliardi di dollari, ai quali sarebbe dovuta corrispondere un'offerta monetaria di 200 miliardi di dollari se fosse esistito il moltiplicatore e non di alcune migliaia di miliardi che esistevano in circolazione. Semplicemente il moltiplicatore non esiste, come dimostrano i vari lavori commissionati dal FMI (Fondo Monetario Internazionale n.d.t.).

Rimane il terzo mito: le riserve. Si pensa che con le riserve la banca centrale controlli l'espansione del credito (e l'offerta monetaria), oltre a stabilire un requisito prudenziale per eliminare il rischio di ‘fughe’ dalle banche.
È da molto tempo che le banche centrali hanno smesso di imporre livelli realmente significativi di riserve obbligatorie. In molti paesi le ingiunzioni di riserve sono zero, e questo include paesi come Inghilterra, Canada e Messico. Questo forse è il segno che in un sistema di creazione monetaria endogena la banca centrale non ha il controllo dell'offerta monetaria. Conseguentemente la politica della banca centrale, ossessionata dal controllo dell'inflazione, è focalizzata al controllo del tasso di interesse attraverso le operazioni di sconto.

Se alla fine del giorno una banca ha bisogno di riserve, può ottenerle sul mercato interbancario di breve termine o direttamente dalla banca centrale. Non è la base monetaria (la moneta legale emessa dalla banca centrale) quella necessaria per dare inizio a tutto il processo. La causalità è inversa: i crediti bancari generano la base monetaria. E la ragione è che se la banca centrale non ha l'esclusiva della creazione monetaria, non le rimane altro rimedio che adattare le riserve a ciò che richiede il sistema. La banca centrale è al servizio delle banche private e del capitale finanziario.

Alejandro Nadal è membro del Consiglio Editoriale di SinPermiso
Fonte: www.sinpermiso.info
Link: http://www.sinpermiso.info/textos/index.php?id=5586
13.01.2013

Traduzione per www.Comedonchisciotte.org a cura di FABIO BARRACO
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: 08. Le frottole sulla Riserva Frazionaria..

Messaggioda sandropascucci » 27 nov 2013, 10:32

P

R

I

M

I

T

[>>]

Crisi globale: dove sono finiti i soldi?
di Alejandro Nadal
viewtopic.php?p=42266#p42266

[^]

F

O

R

U

M

 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: 08. Le frottole sulla Riserva Frazionaria..

Messaggioda sandropascucci » 27 nov 2013, 10:36

P

R

I

M

I

T

[>>]

Per concludere e chiudere il discorso sia sulla riserva frazionaria sia sui negazionisti che da 10 anni inseguono come cagnacci affamati per denigrare, depotenziare, demotivare e, ripeto, NEGARE le storture del Sistema IGB:

1. la TEORIA ACCADEMICA della riserva frazionaria tecnicamente "funziona" come indicato nei libri e come riportato in questo Forum;
2. i PRIMITivi (ma anche altri studiosi) hanno sempre combattuto questo meccanismo perché iniquo, malsano, truffaldino, antiuomo, antidemocratico, fascista;
3. i negazionisti hanno alterato e manipolato tali dati per piegarli ai loro egomaniaci scopi di visibilità, depistaggio, servilismo, sarcasocosaltrolimuove!!11!!©;
4. LE BANCHE COMMERCIALI IGNORANO BELLAMENTE LA RISERVA FRAZIONARIA COSI' COME E' INSEGNATA A SCUOLA e la "aggirano" in altro modo! (vedi altri doc sul Forum);
5. il PRIMIT ovviamente combatterà ancor più questo "nuovo" dato di fatto, che è addirittura PEGGIORATIVO rispetto alla già truffaldina R.F. così come la vendono sui libri accademici;
6. ovviamente i negazionisti vivono fuori dal mondo e ignoreranno tutto questo sviluppo, passato e futuro!! :D

[^]

F

O

R

U

M

 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: 08. Le frottole sulla Riserva Frazionaria..

Messaggioda sandropascucci » 20 feb 2015, 13:04

Grasse Risate!! 500 euro al pezzo!! new febbraio 2015: http://www.signoraggio.com/signoraggio_ ... lcubo.html
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: 08. Le frottole sulla Riserva Frazionaria..

Messaggioda sandropascucci » 21 gen 2018, 20:23

Accade ancora oggi, 20 gennaio 2018..

da: https://www.investireoggi.it/economia/r ... ne-giusta/

>
>
InvestireoggiEconomia
Referendum Svizzera su sovranità monetaria, ecco perché è la risposta sbagliata a una preoccupazione giusta

Referendum Svizzera su sovranità monetaria, ecco perché è la risposta sbagliata a una preoccupazione giusta

Un referendum in Svizzera a marzo chiede di assegnare alla banca centrale il monopolio di emissione della moneta. Se passasse, sarebbe una rivoluzione con effetti dirompenti, ma sembra la risposta sbagliata a una legittima preoccupazione.
di Giuseppe Timpone, pubblicato il 20 Gennaio 2018 alle ore 07:17

Un referendum in Svizzera a marzo chiede di assegnare alla banca centrale il monopolio di emissione della moneta. Se passasse, sarebbe una rivoluzione con effetti dirompenti, ma sembra la risposta sbagliata a una legittima preoccupazione.

Si chiama “Vollgeld-Initiative” ed è la proposta di legge, che il Movimento Svizzero per la Moneta Sovrana sottoporrà a marzo agli elettori elvetici per modificare la Costituzione e vietare alle banche private di emettere moneta, riassegnando il monopolio dell’emissione alla sola Schweizerische National-Bank (SNB), la banca centrale svizzera. Vediamo di preciso di cosa si tratta. L’iter è iniziato nel 2015 con la raccolta di 110.000 firme per la presentazione della proposta di referendum. L’idea alla sua base è che le banche private creino moneta-credito dal nulla e che ciò finisca per alimentare un circuito di debiti, a tutto discapito dell’economia reale. Secondo il movimento, questa situazione in Svizzera sarebbe incostituzionale, visto che la Carta fondamentale assegnerebbe dal 1891 il monopolio dell’emissione monetaria alla sola SNB. Le cose sono andate diversamente, specie con lo sviluppo dell’economia moderna e della tecnologia. (Leggi anche: Referendum oro Svizzera, come la banca centrale manterrà le mani libere)

Di cosa parliamo? Le banche private non hanno né in Svizzera, né altrove, un vero potere di emissione di moneta, ma semmai è vero che nei fatti regolino la quantità di moneta in circolazione sulla base dei prestiti effettuati. Come? Immaginiamo di avere 100 euro e di portarli in banca. Il nostro deposito genererà un debito per la banca di 100 euro, sul quale dovrà corrisponderci gli interessi. Affinché l’operazione abbia un senso economico per essa, presterà questo nostro denaro a un cliente, sia esso impresa o individuo, chiaramente facendosi corrispondere interessi più alti di quelli che offrirà a noi. Ma non tutto, perché una minima parte dovrà trattenerlo in filiale per le necessità quotidiane (un cliente che si presenta a riscuotere il suo deposito, etc.). Supponiamo che ne presti 80 e che questo denaro venga utilizzato dal debitore per effettuare un pagamento verso un soggetto terzo, il quale porterà gli 80 euro in banca per depositarli. A questo punto, la banca avrà a disposizione altri 80 euro e ne presterà sempre l’80% a un altro debitore, ovvero 64. Questi 64 euro saranno utilizzati dal nuovo debitore per pagare beni e servizi a un altro soggetto, che a sua volta riporterà in banca i 64 euro per depositarli. E così via.

L’esempio, volutamente estremizzato, ci aiuta a capire un dato: la banca ha prestato con solo 100 euro in cassa (quelli che le avevamo portato come deposito) ben 100 + 80 + 64 + … n euro. In sostanza, da un deposito si è creata una montagna di ulteriore moneta “dal nulla”, grazie all’utilizzo della cosiddetta riserva frazionaria (qui, ipotizzata al 20%). O meglio, quel nulla di cui parla anche il movimento svizzero non sarebbero altro che i prestiti bancari. I sostenitori della “moneta piena” ritengono, quindi, che la banca non dovrebbe prestare più denaro di quanto fisicamente ne abbia al suo passivo (depositi). Solo così le verrebbe impedito di “creare” moneta e di innescare un circuito debitorio. In altre parole, la moneta odierna sarebbe l’interfaccia di debiti e per spezzare questo incantesimo, dovremmo riaffidare il monopolio dell’emissione alle banche centrali.

Preoccupazione legittima, risposta sbagliata
Il governatore della SNB, Thomas Jordan, qualche giorno fa ha invitato gli elettori a votare contro l’iniziativa, sostenendo che avrebbe effetti dirompenti sull’economia svizzera e che metterebbe in fuga i capitali, accentrando nelle mani dello stato il potere sulla gestione della moneta, che a quel punto sarebbe soggetta alla pura discrezionalità politica. In effetti, se alle banche fosse impedito di prestare denaro oltre quello fisico detenuto, il monte-prestiti crollerebbe. I sostenitori dell’iniziativa replicherebbero che ci penserebbe la banca centrale ad emettere moneta, ma attraverso quali canali? E con quali effetti?

Il referendum svizzero segnala la preoccupazione crescente tra ampi strati dell’economia sulla cattiva gestione della moneta, specie in un’era, in cui sembra che essa possa essere creata in quantità infinita, ma finendo col provocare sconquassi. Preoccupazioni più che legittime, tanto che da decenni fanno parte del pensiero economico “ufficiale”. L’economista monetarista Milton Friedman, ad esempio, vedendo nell’eccesso di moneta in circolazione la fonte dell’inflazione, propose di impedire alla banca centrale di emetterne a piacimento e di legarne la quantità al pil. Alla base della sua teoria vi è la considerazione che la moneta non sarebbe altro che l’interfaccia della produzione di beni e servizi, il mezzo in cui concretamente questi possono essere scambiati. Pertanto, è con la produzione che deve esservi il massimo legame possibile, imponendo alle banche centrali politiche di “commitment”, ovvero legando loro le mani. Lo stesso Friedman aveva capito come la tecnologia abbia reso più facile “stampare” moneta. In effetti, oggi il 90-95% della nuova moneta generata dalle banche è semplicemente elettronica o “scritturale”. (Leggi anche: Banche centrali destabilizzeranno l’economia mondiale)

Serve porre un freno alle banche centrali

Nell’Eurozona, oggi la riserva frazionaria è del 2%, per cui le banche possono prestare fino al 98% del denaro dei clienti-risparmiatori. Ai tempi della lira, la Banca d’Italia aveva coefficienti di riserva obbligatoria ben più elevati, anche 7-8 volte più alti. Eppure, gli anni dell’esplosione del debito pubblico (è debito anch’esso) furono proprio quelli in cui vi era la lira, incentivato dalla monetizzazione delle emissioni da parte della Banca d’Italia, che finì per provocare anche un’inflazione insostenibile negli anni Ottanta e che portò, anzitutto, alla legge Andreatta del 1981, chiamata anche sul divorzio tra Bankitalia e Tesoro.

L’iniziativa della “moneta piena” sembra la risposta sbagliata a una preoccupazione giusta. All’eccesso di moneta in circolazione, che provoca aumenti costanti dei prezzi e spesso eccedenti i tassi di crescita dei redditi, si può e si deve porre un freno. Gli strumenti, tuttavia, non sarebbero quelli di vietare alle banche di fare il loro mestiere, ma consisterebbero nel fornire loro i corretti input. Quali? I tassi verosimilmente dovrebbe essere più alti e non tenuti appositamente bassi dalle banche centrali per stimolare l’economia e finendo così per generare inflazione. L’aumento del coefficiente di riserva frazionaria, invece, si rivelerebbe inefficiente, perché metterebbe banche efficienti e banche inefficienti sullo stesso piano, ponendo un tetto ai prestiti uguale per tutte. Sono i tassi che regolano nell’economia reale il rapporto tra consumi e risparmio. E sono i bassi tassi a spingere famiglie e imprese a indebitarsi a livelli insostenibili, sacrificando i consumi futuri in favore di quelli attuali e generando crisi più in là. Non serve accentrare l’emissione della moneta, ma bisognerebbe legare le mani degli stra-potenti governatori centrali. (Leggi anche: Perché le banche centrali non vogliono tagliare i tassi e gli stimoli)

giuseppe.timpone@investireoggi.it.


B
K
P
da: Sandro Pascucci Oggi alle 20:22
A giuseppe.timpone@investireoggi.it.

Corpo del messaggio

Guarda che la riserva frazionaria non funziona come dici in questo tuo articolo:

Il referendum in Svizzera sulla sovranità monetaria rischia di travolgere le banche
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA


Torna a “LA CONTRO BUFALA DEL SIGNORAGGIO”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 1 ospite

cron
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono liberamente riproducibili purché sia citata e linkata la fonte (sono infatti rilasciati sotto una licenza Creative Commons BY-NC-SA 2.0) Il redattore non e' legalmente responsabile per i pensieri e le affermazioni espresse in questo blog dai visitatori. L'autore non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di errori in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su questo sito avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto. Questo sito non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 Comunque, Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. :: SE&O :: Salvo Errori et Omissioni "come scrivono le banche, in calce agli estratti conto, per evitare eventuali future azioni penali".