LA STRADA SEGNATA... da IGB - Le "innovazioni" normative

..di supporto agli articoli o alle iniziative PRIMIT

ps: a noi piace "discutere" con persone reali, o quanto più reali possibili. Ecco spiegato perché devi essere iscritto-per..
Avatar utente
domenico.damico

LA STRADA SEGNATA... da IGB - Le "innovazioni" normative

Messaggioda domenico.damico » 29 giu 2011, 19:41

1800 - Uk e Italia
Sterlina Inglese o Lira Italiana


Il banchiere ha bisogno di spiegare che quella banconota rappresenta una promessa di pagamento: egli promette di pagare l’equivalente in moneta aurea e/o argentea.
Copre surrettiziamente quindi l’artificio contabile della moltiplicazione delle promesse rispetto a ciò che ha in cassa. Siamo nell’800 e le banche centrali lottano per affermare il loro potere e i loro artifici contabili a livello istituzionale. Gli Stati e i rispettivi Governi concedono sempre più spazio al sistema bancario, accettando prestiti di guerra in cambio di facoltà concesse alle nascenti banche centrali in termini di legalizzazione del corso forzoso della banconota bancaria.

1900 - Usa
Dollaro americano
.

La lotta lunga più di un secolo per affermare una banca centrale negli Stati Uniti termina a dicembre 1913 quando il Banchiere riesce a far approvare dal Politico, senza dirlo al Popolo, la riforma che dà vita al Federal Reserve System. La Banca Centrale si fa Istituzione senza chiamarsi Banca ed impone la propria banconota come valuta legale a tutti gli effetti, citando sulla banconota il Federal Reserve Act del 1913 e dando solo vagamente ad intendere che esiste una riserva federale di qualche genere e mantenendo la ipotetica promessa di pagamento.
Con la caduta del Gold Standard degli anni '30, scomparirà magicamente anche quella promessa.

2000 - Europa
Euro


Sulla banconota non compare alcuna scritta, se non il nome della BCE, il valore legale della banconota stessa ed una firma, quella del Presidente della BCE. Non c’è più necessità di precisare l’ovvio: la BCE è l’organo sovrano per eccellenza; essa impone il valore monetario, senza necessità alcuna di dichiarare questo imperio con scritte sulle banconote. E’ accettato per consuetudine consolidata a livello psicologico, oltre che per legge, un valore intrinseco pari a quanto dichiarato ed è accettato implicitamente che il proprietario all’atto dell’emissione di quella banconota è colui che dichiara apertamente di esserlo: la BCE, depositaria del copyright di tutto ciò che riguarda la moneta e la sua circolazione. Il Popolo cede, attraverso il Politico e attraverso dei referendum diretti, “consapevolmente” al Banchiere la DELEGA SENZA TERMINE E SENZA LIMITI su ogni questione legata alla moneta e alla politica monetaria.

E via via così, verso la strada segnata dal banchiere.

Continua...

Avatar utente
domenico.damico

Re: LA STRADA SEGNATA... da IGB - Le "innovazioni" normative

Messaggioda domenico.damico » 29 giu 2011, 19:41

A pagina 88 della pubblicazione ufficiale della Banca d'Italia per la mostra sulla moneta del 150° dell'unità d'Italia, è scritto nero su bianco come sin dall'inizio, cioè dalle guerre d'indipendenza, il futuro Stato Italiano (prima piemontese-sabaudo) abbia concesso alla Banca Nazionale la facoltà di emettere banconote a corso forzoso (legale) in cambio di un prestito di guerra.
E' successo sempre, in tutt'e tre le guerre di indipendenza. (stesso schema di banca d'inghilterra-sovrano del 1694).

Ecco la pagina.
Segnalo inoltre il sito web della mostra, che riporta tutto il contenuto della mostra ----------> http://www.bancaditalia.it/servizi_pubb ... ta/esplora
Il catalogo che ho acquistato invece è questo ------------> http://www.bancaditalia.it/servizi_pubb ... a/catalogo
Allegati
Guerre d'indipendenza e corso forzoso.jpg

Avatar utente
domenico.damico

Re: LA STRADA SEGNATA... da IGB - Le "innovazioni" normative

Messaggioda domenico.damico » 29 giu 2011, 19:41

Riservato


Torna a “Tecnica - Discussioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono liberamente riproducibili purché sia citata e linkata la fonte (sono infatti rilasciati sotto una licenza Creative Commons BY-NC-SA 2.0) Il redattore non e' legalmente responsabile per i pensieri e le affermazioni espresse in questo blog dai visitatori. L'autore non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di errori in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su questo sito avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto. Questo sito non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 Comunque, Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. :: SE&O :: Salvo Errori et Omissioni "come scrivono le banche, in calce agli estratti conto, per evitare eventuali future azioni penali".