TEORIA DEL CIRCUITO MONETARIO

..di supporto agli articoli o alle iniziative PRIMIT

ps: a noi piace "discutere" con persone reali, o quanto più reali possibili. Ecco spiegato perché devi essere iscritto-per..
Avatar utente
domenico.damico

TEORIA DEL CIRCUITO MONETARIO

Messaggioda domenico.damico » 4 ago 2010, 14:16

Apro questo 3d apposito per cercare di capire se questa teoria, elaborata in Italia da Augusto Graziani, possa essere in qualche modo utile ai nostri sviluppi teorici.

Premesso che il prof. Graziani è un economista della Sapienza di Roma, che è nel cda di almeno una banca, che alcuni suoi scritti sono stati pubblicati (finanziati) anche da fondazioni bancarie, il suo percorso teorico può essere di qualche interesse.

Ho ordinato un suo libro, appunto TEORIA DEL CIRCUITO MONETARIO.

Su google libri si possono leggere una decina di pagine di questo libro.
http://books.google.it/books?id=v7DGCsm ... e&q&f=true

Nella prefazione, leggibile su google libri, Graziani riassume in alcuni punti gli asssunti del filone teorico da lui alimentato:

1) La moneta ha natura creditizia ed è costituita essenzialmente da credito bancario

2) La moneta bancaria viene creata nel momento in cui un soggetto utilizza il credito concessogli da un banca per effettuare un pagamento e viene distrutta nel momento in cui il credito viene rimborsato

3) Un'analisi teorica completa deve spiegare l'intero percorso della moneta, dal momento in cui il credito viene concesso, lungo tutti i suoi successivi passi della sua circolazione nel mercato, fino al ritorno al primo prenditore, con conseguente rimborso del prestito.La moneta nasce dalla banca, si estingue tornando alla banca: il suo percorso può essere denominato circuito.

4) Poiché la moneta viene creata e introdotta nel mercato attraverso contrattazione fra banche e imprese, la quantità di moneta esistente possiede la natura di grandezza strettamente endogena (e cioè determinata da meccanismi di mercato)

5) La collettività è suddivisa in due gruppi distinti, di cui il primo, quello degli imprenditori, ha accesso al credito e gode quindi di una capacità di acquisto svincolata così dal reddito come dalla ricchezza posseduta, mentre il secondo, quello dei lavoratori consumatori, è ammesso a spendere soltanto il reddito già guadagnato.

6) Poiché il credito non viene concesso a tutti i soggetti in pari misura, il sistema dei prezzi riflette il modo in cui la capacità di acquisto è stata distribuita nella collettività.

Avatar utente
Alessandro Bono

Re: TEORIA DEL CIRCUITO MONETARIO

Messaggioda Alessandro Bono » 4 ago 2010, 14:19

Sta a vedere che si tratta dell'ospite che girolonza nell'area privata...

sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: TEORIA DEL CIRCUITO MONETARIO

Messaggioda sandropascucci » 4 ago 2010, 14:23

> 2) La moneta bancaria viene creata nel momento in cui un soggetto utilizza il credito concessogli da un banca per effettuare un pagamento..

che fico! manco nel momento che viene aperto il conto/fido/prestito ma nel momento TEMPORALMENTE ESTREMO dell'utilizzo!

>5) La collettività è suddivisa in due gruppi distinti, di cui il primo, quello degli imprenditori, ha accesso al credito e gode quindi di una capacità di acquisto svincolata così dal reddito come dalla ricchezza posseduta, mentre il secondo, quello dei lavoratori consumatori, è ammesso a spendere soltanto il reddito già guadagnato.

..e già creato, voleva/doveva dire!!! su un'isola l'imprenditore chiede il denaro al banchiere e con [parte di] quel denaro paga l'operaio. che poi, SOLO POI, puo' spendere.

> 6) Poiché il credito non viene concesso a tutti i soggetti in pari misura, il sistema dei prezzi riflette il modo in cui la capacità di acquisto è stata distribuita nella collettività.

appunto.
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA


Torna a “Tecnica - Discussioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono liberamente riproducibili purché sia citata e linkata la fonte (sono infatti rilasciati sotto una licenza Creative Commons BY-NC-SA 2.0) Il redattore non e' legalmente responsabile per i pensieri e le affermazioni espresse in questo blog dai visitatori. L'autore non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di errori in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su questo sito avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto. Questo sito non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 Comunque, Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. :: SE&O :: Salvo Errori et Omissioni "come scrivono le banche, in calce agli estratti conto, per evitare eventuali future azioni penali".