[11] Pagamento alle banche di commissione in percentuale..

proposta per una soluzione al problema di avere tutta la vita IGB sul groppone..
sandropascucci
Messaggi: 12931
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

[11] Pagamento alle banche di commissione in percentuale..

Messaggioda sandropascucci » 8 mar 2012, 10:12

11. Pagamento alle banche di commissione in percentuale agli utili per il servizio di consulenza al correntista su investimenti presso l’industria/imprenditoria;
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Francesco Fata
Messaggi: 894
Iscritto il: 10 ago 2009, 16:35
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roseto degli Abruzzi
azioni: scrittura articoli, studio aspetti tecnico-filosofici, studio idee di riforma monetaria, quota associativa, volantinaggio mirato, interventi sul web
Località: Roseto degli Abruzzi

Re: [11] Pagamento alle banche di commissione in percentuale

Messaggioda Francesco Fata » 16 mar 2012, 10:52

D'accordo, di pari passo con quanto detto nel 3d n. 3 le banche (se private)dovrebbero fare servizi soprattutto per conto dello stato. Magari un servizio come questo (essendo fatto nell'interesse del cliente investitore) potrebbe essere pagato dall'investitore stesso e diventare guadagno della banca che opererebbe in nome e per conto proprio.
Voglio troppo bene al popolo per pensare di votare gente che vuole particolarmente bene a se stessa.
Francesco Fata

----Francesco Fata (ex aggiocampà) ----

Avatar utente
Debora Peraldo
Messaggi: 36
Iscritto il: 14 mar 2012, 18:41
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: vercelli
azioni: volantinaggio interventi su internet

Re: [11] Pagamento alle banche di commissione in percentuale

Messaggioda Debora Peraldo » 1 apr 2012, 18:23

Banche private??? secondo me non dovrebbero esistere! Solo lo Stato può gestire il flusso della moneta attraverso le banche commerciali STATALI che distribuite su tutto il territorio
nazionale garantiscono i prestiti e gestiscono i depositi...
_Consulenza al correntista per investimenti presso industria/imprenditoria: io credo che non siano le banche a dover istruire i correntisti per creare investimenti ma al contrario che siano gli imprenditori stessi a dover essere ISTRUITI dallo Stato in modo da ottimizzare la qualità e la quantità dei beni/servizi ...cioè non bisogna indicare ai risparmiatori dove investire i loro risparmi per avere un utile, ma investire nella ricerca ed istruzione e ottimizzazione di ogni attività imprenditoriale...in poche parole girare la frittata prima il bene reale poi la moneta!

sandropascucci
Messaggi: 12931
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [11] Pagamento alle banche di commissione in percentuale

Messaggioda sandropascucci » 1 apr 2012, 18:58

uno Stato invasivo e che ficca il naso in ogni pertugio non è che piace a tutti..
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
enricogrosso
Messaggi: 1435
Iscritto il: 9 ago 2009, 8:38
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Abruzzo Marche Italy
azioni: manovalanza di piazza, volantinaggio in proprio, testimonianze videoriprese, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)

Re: [11] Pagamento alle banche di commissione in percentuale

Messaggioda enricogrosso » 19 mag 2012, 15:59

Debora Peraldo ha scritto:Banche private??? secondo me non dovrebbero esistere! Solo lo Stato può gestire il flusso della moneta attraverso le banche commerciali STATALI che distribuite su tutto il territorio
nazionale garantiscono i prestiti e gestiscono i depositi...
_Consulenza al correntista per investimenti presso industria/imprenditoria: io credo che non siano le banche a dover istruire i correntisti per creare investimenti ma al contrario che siano gli imprenditori stessi a dover essere ISTRUITI dallo Stato in modo da ottimizzare la qualità e la quantità dei beni/servizi ...cioè non bisogna indicare ai risparmiatori dove investire i loro risparmi per avere un utile, ma investire nella ricerca ed istruzione e ottimizzazione di ogni attività imprenditoriale...in poche parole girare la frittata prima il bene reale poi la moneta!


Intendi lo Stato Europa ?
“Il mondo non ricompensa onestà e indipendenza,bensì obbedienza e servilismo”
Enrico Grosso

Avatar utente
Debora Peraldo
Messaggi: 36
Iscritto il: 14 mar 2012, 18:41
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: vercelli
azioni: volantinaggio interventi su internet

Re: [11] Pagamento alle banche di commissione in percentuale

Messaggioda Debora Peraldo » 20 mag 2012, 21:27

Ciao Enrico, quando ho scritto il post intendevo Stato=Italia....non riesco ad immaginarmi una Europa unita che funzioni! magari funzionerebbe ma cambiando le regole di base cioè moneta comune ma anche debito comune! sicuramente però ai crucchi non andrebbe bene..

Avatar utente
enricogrosso
Messaggi: 1435
Iscritto il: 9 ago 2009, 8:38
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Abruzzo Marche Italy
azioni: manovalanza di piazza, volantinaggio in proprio, testimonianze videoriprese, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)

Re: [11] Pagamento alle banche di commissione in percentuale

Messaggioda enricogrosso » 23 mag 2012, 6:51

L'Europa è un nuovo Stato che incorpora la penisola Italia. Non ha più senso, secondo me, ragionare in termini di Italia. Il Trattato di Lisbona è stato ratificato dall'Italia. A breve ci sarà l'Eurogendorf...ecc. ecc.
“Il mondo non ricompensa onestà e indipendenza,bensì obbedienza e servilismo”
Enrico Grosso

Avatar utente
Ospite

Re: [11] Pagamento alle banche di commissione in percentuale

Messaggioda Ospite » 30 mag 2012, 13:01

Per Enrico Grosso...
Dettagli....il concetto che vorrei far capire è questo: il denaro che il correntista detiene sul suo c/c è una riserva per le sue esigenze/emergenze, ma non deve essere
intesa come una risorsa per un investimento che crei dell' altro denaro, perchè il denaro è NULLA...quindi perchè il correntista dovrebbe averne di più senza muovere un dito?
vuol dire che c'è qualcun altro che lavora per lui. I risparmi del correntista fanno ridere, ma questo è il gioco dei grandi RICCONI...

sandropascucci
Messaggi: 12931
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [11] Pagamento alle banche di commissione in percentuale

Messaggioda sandropascucci » 30 mag 2012, 17:55

l'ospite qui sopra è Debora, che ha problemi tecnici di login e quindi non compare col suo nome.
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
Debora Peraldo
Messaggi: 36
Iscritto il: 14 mar 2012, 18:41
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: vercelli
azioni: volantinaggio interventi su internet

Re: [11] Pagamento alle banche di commissione in percentuale

Messaggioda Debora Peraldo » 31 mag 2012, 11:18

Prova

Avatar utente
kasiacolagrossi
Messaggi: 2454
Iscritto il: 12 dic 2009, 14:28
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma e provincia
azioni: volantinaggio in proprio, grafica , costruzione e/o progettazione dei supporti, manovalanza di piazza,
Località: Castel Madama (RM)

Re: [11] Pagamento alle banche di commissione in percentuale

Messaggioda kasiacolagrossi » 31 mag 2012, 22:51

proprio qui?
katarzyna edyta colagrossi

Francesco Fata
Messaggi: 894
Iscritto il: 10 ago 2009, 16:35
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roseto degli Abruzzi
azioni: scrittura articoli, studio aspetti tecnico-filosofici, studio idee di riforma monetaria, quota associativa, volantinaggio mirato, interventi sul web
Località: Roseto degli Abruzzi

Re: [11] Pagamento alle banche di commissione in percentuale

Messaggioda Francesco Fata » 1 giu 2012, 9:55

Ospite ha scritto:...il concetto che vorrei far capire è questo: il denaro che il correntista detiene sul suo c/c è una riserva per le sue esigenze/emergenze, ma non deve essere
intesa come una risorsa per un investimento che crei dell' altro denaro, perchè il denaro è NULLA...quindi perchè il correntista dovrebbe averne di più senza muovere un dito?
vuol dire che c'è qualcun altro che lavora per lui. .....

Un risparmiatore oltre ad avere denaro sul suo c/c per le sue esigenze future, dovrebbe essere libero di investirlo conferendolo nel capitale di un'azienda. Questo non vuol dire:
1) che il denaro investito crei dell'altro denaro. Infatti solo il sistema bancario è in grado di creare denaro, non certo un altro tipo di attività commerciale. Quello che tu definisci "creare denaro" è solo uno spostamento di denaro da un soggetto ad un altro ma, a livello globale, non c'è creazione di altro denaro.
2) che il correntista che investe il suo denaro in un'azienda senza lavorarci è vero che non muove un dito a livello lavorativo, ma questo non vuol dire che quel capitale investito non debba essere remunerato, chiaramente non con un "interesse" bensì con un "utile d'impresa" (se ci sarà). Questo perchè egli accetta il "rischio di impresa" nell'apportare i suoi risparmi oltre al fatto che l'azienda non avrebbe potuto lavorare senza quei soldi nel caso in cui l'azienda per vari motivi strategici non avesse voluto chiedere un prestito statale (senza interessi) che comunque deve essere restituito almeno per la quota capitale.
Voglio troppo bene al popolo per pensare di votare gente che vuole particolarmente bene a se stessa.
Francesco Fata

----Francesco Fata (ex aggiocampà) ----

sandropascucci
Messaggi: 12931
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [11] Pagamento alle banche di commissione in percentuale

Messaggioda sandropascucci » 1 giu 2012, 10:42

quoto 1 e 2, e come dice quel grande:
«Prestare denaro per una impresa è lecito come prestare zucchero per fare una torta: non sai/sapresti cucinarla, non sai/sapresti cuocerla: non hai che zucchero. Ma almeno partecipi: se viene male hai perso lo zucchero, se viene bene godi, nella fetta che ti spetta, di un piacere superiore al solo [tuo] zucchero» [sandropascucci, 2012]
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
Debora Peraldo
Messaggi: 36
Iscritto il: 14 mar 2012, 18:41
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: vercelli
azioni: volantinaggio interventi su internet

Re: [11] Pagamento alle banche di commissione in percentuale

Messaggioda Debora Peraldo » 10 giu 2012, 11:15

2) Il " reddito da impresa " ha lo stesso meccanismo deleterio degli interessi perchè provoca anemia monetaria, infatti se noi usiamo sempre i medesimi soldi in circolazione
per avviare una attività, ne deriverà più prodotti e più occupazione MA sempre il solito denaro in giro....
Storiella di esempio:
Nel paese di Bianzè ci sono 100'000 euro in circolazione, 120 abitanti di cui 20 disoccupati e nullatenenti, mentre i restanti 100 occupati e con un c/c di euro 1000 cad..
I 100 bianzinesi decidono di investire 500 euro a testa (tot 50.000) aprendo un'impresa e assumendo i 20 disoccupati...l'impresa parte, si avvia bene e produce...
un annetto dopo avremo i soliti 100'000 euro che girano, i 20 disoccupati che avranno il loro c/c con x euro, e i 100 correntisti che hanno dato 500 e ne vogliono 600 indietro!
quindi si ha una rarefazione di moneta...
1) Volevo dire che il correntista riceve ulteriore denaro, lo so che non "si crea" denaro, la prox volta farò più attenzione nel scegliere un verbo più appropriato! per esempio che gli procuri...

sandropascucci
Messaggi: 12931
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [11] Pagamento alle banche di commissione in percentuale

Messaggioda sandropascucci » 10 giu 2012, 21:57

gli esempi sono sempre arbitrari e con cifre fantasiose. a volte basta aggiungere "+1" per far tornare tutto. a volte "-1".

"non si fanno le analisi economiche sui tovaglioni della pizzeria, specie dopo la terza birra" [sandropascucci, 2012]

o ci atteniamo ai concetti o alle cifre reali o almeno empiriche.
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Francesco Fata
Messaggi: 894
Iscritto il: 10 ago 2009, 16:35
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roseto degli Abruzzi
azioni: scrittura articoli, studio aspetti tecnico-filosofici, studio idee di riforma monetaria, quota associativa, volantinaggio mirato, interventi sul web
Località: Roseto degli Abruzzi

Re: [11] Pagamento alle banche di commissione in percentuale

Messaggioda Francesco Fata » 12 giu 2012, 18:31

Debora Peraldo ha scritto:2) Il " reddito da impresa " ha lo stesso meccanismo deleterio degli interessi perchè provoca anemia monetaria, infatti se noi usiamo sempre i medesimi soldi in circolazione
per avviare una attività, ne deriverà più prodotti e più occupazione MA sempre il solito denaro in giro....
Storiella di esempio:
Nel paese di Bianzè ci sono 100'000 euro in circolazione, 120 abitanti di cui 20 disoccupati e nullatenenti, mentre i restanti 100 occupati e con un c/c di euro 1000 cad..
I 100 bianzinesi decidono di investire 500 euro a testa (tot 50.000) aprendo un'impresa e assumendo i 20 disoccupati...l'impresa parte, si avvia bene e produce...
un annetto dopo avremo i soliti 100'000 euro che girano, i 20 disoccupati che avranno il loro c/c con x euro, e i 100 correntisti che hanno dato 500 e ne vogliono 600 indietro!
quindi si ha una rarefazione di moneta...

Debora, la differenza tra l'interesse è l'utile di impresa (a livello concettuale) è immensa:
L'interesse provoca schiavitù (più che anemia monetaria in quanto sarebbe la mancata reimmissione in circolo tramite spesa o la reimmissione tramite prestiti che provoca anemia monetaria) in quanto chi investe a "interesse" (anche in presenza di sovrantià monetaria) per legge ha diritto ad avere indietro il guadagno (quindi per legge diventi schiavo del tuo creditore) mentre l'utile d'impresa lo avrai indietro solo se l'azienda sarà riuscita a incamerarli quei soldi altrimenti non avrai diritto per legge a quel guadagno e ci dovrai rinunciare. Pertanto il tuo "debitore" non potrà diventare tuo schiavo.
Voglio troppo bene al popolo per pensare di votare gente che vuole particolarmente bene a se stessa.
Francesco Fata

----Francesco Fata (ex aggiocampà) ----

Avatar utente
Debora Peraldo
Messaggi: 36
Iscritto il: 14 mar 2012, 18:41
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: vercelli
azioni: volantinaggio interventi su internet

Re: [11] Pagamento alle banche di commissione in percentuale

Messaggioda Debora Peraldo » 18 giu 2012, 9:05

Sandro opinabili sono i gusti o i punti di vista di qualcuno, la matematica non è un'opinione!..un -1 dal c/c determina un +1
al di fuori del c/c.....Uso la storia del fumetto dell'isola dei naufraghi, cioè linguaggio primitivo, per spiegarmi, se riesco, stavolta..
Quando i 5 naufraghi sono arrivati sull'isola non avevano denaro, ma l'isola era piena di risorse ed i naufraghi erano volenterosi
e spinti all'azione dalle proprie esigenze di sopravvivenza.....Quindi abbiamo le risorse dell'isola + le risorse umane+l'esigenza...Il denaro
che il banchiere consegna a loro, i 200 euro a testa, acquisiscono valore indotto dalle risorse REALI, cioè dalla professionalità di ogni individuo,
dalla loro manodopera, dai mezzi a disposizione sull'isola ...Se i 5 superstiti fossero naufragati su un'isola deserta ma senza risorse,
nè acqua, nè niente ma con le tasche piene di soldi, sarebbero morti tutti nel giro di breve tempo, quindi è facile dedurre che il denaro ha senso
SOLO se vi sono delle risorse, dunque PRIMA le RISORSE e POI----> il DENARO (creato proporzionalmente ai beni reali, es di Auriti
1 penna 1lira, 2 penne 2 lire ecc) Bisognerebbe creare un sistema per valutare quanta moneta serva in circolo in base alle risorse,
e poi dividerla per il numero di abitanti,(REDDITO DA CITTADINANZA)...
Questa è solo un' idea per emettere moneta nella giusta proporzione! sarà poi ogni commerciante, artigiano, professionista
a dare un prezzo ai suoi prodotti,che varranno di più per via del loro lavoro, ma devono lavorare però! più si lavora e più la moneta
gira e più si APPREZZA! Domanda:< è più ricco uno che con 10 euro compra 10 uova oppure uno che con 10 euro compra 5 uova?> La moneta
si apprezza per una questione matematica molto semplice, ovvero : aumentano i prodotti ma essendo la moneta in circolo
sempre la stessa,ne consegue MAGGIORE POTERE D'ACQUISTO! (es della dinamo di Auriti...si nota che mi piace Auriti? un pochino!).
Francesco tu prendi le mie parole sempre troppo alla lettera e ci sono alcune ambiguità di termini...Il reddito da impresa, nel mio
vocabolario è il guadagno che l'imprenditore e i suoi collaboratori ottengono usando le loro capacità mentali, manuali, fisiche
e NB il loro TEMPO! mettono in gioco la propria faccia, logorano i propri fisici e impiegano il loro tempo prezioso....NON dovrebbero rischiare i
loro risparmi, perchè per ogni risorsa esistente, lo Stato, dovrebbe EMETTERE MONETA (reddito da cittadinanza) per agevolare il commercio,
così come ha fatto bankenstein sull'isola, anche se il banchiere lo voleva indietro e con gli interessi, lo Stato (o Europa o quello che sarà)
dovrebbe donarlo una prima volta...
L'esempio dell'isola deserta è calzante perchè non vi è il diritto di proprietà sulle risorse, come invece lo abbiamo noi, quindi i naufraghi
se ne impossessano e si dividono i compiti e i mezzi in base alle loro professionalità...
Il reddito da impresa che intendi tu Francesco (RIF) è un modo per accalappiarti qualche soldo rischiando nell'impresa un po' dei tuoi risparmi
(denaro che ha acquisito valore indotto dal tuo lavoro e che potresti spendere, ma niente di più)** ma senza metterci un dito, un'idea e neanche un
minuto della tua vita....ti ricorda qualcuno?
Dopo questa premessa, FORSE, se Dio esiste e per me Dio è la legge morale che abbiamo dentro di noi,non le religioni, riuscirete a capire che sia
l'interesse che il (RIF) sono due meccanismi deleteri......
L'INTERESSE per i motivi che conosciamo già tutti cioè rende schiavi, il RIF idem!
Il (RIF) perchè crea SPROPORZIONE tra risorsa e moneta,( e peggio ancora INDEBITA), cioè porta a limitare l'utilizzo delle risorse REALI alla scarsità di moneta in cicolazione,
perchè vengono utilizzati sempre gli stessi soldi per attivare nuove imprese, e chi le apre è costretto a indebitarsi con qualcuno, non vengono avviate con il reddito da cittadinanza!
e visto che sono le risorse reali che danno il valore alla carta, NON VICEVERSA, perchè NON emettere " ulteriore "carta se vi sono "ulteriori" risorse??? Se fossero
approdati sull'isola altri 3 naufraghi, si sarebbero dovuti creare altri 600 euro, 200 a testa, oppure secondo te sarebbe stato giusto che i primi 5 gli avessero prestato
qualche soldo in cambio di un RIF? Come vedi sia gli interessi che il RIF sono IM-MO-RA-LI!!! e io nella posizione in cui mi trovo, quale
fondatrice del SILM°°, non posso accettarlo! ( se poi proprio non resistete all'immoralità, ci sono altre vie che non nuociono nè a voi nè al prossimo!)
Il vecchio ROTHSCHILD aveva capito come impostare l'economia mondiale in modo da provocare sempre
PARSIMONIA monetaria e rendere il popolo ETERNO schiavo del debito...(vedi il mondo oggi, uomini, cioè risorse, disoccupati
non per mancanza di volontà o di cose che si potrebbero fare, ma per mancanza di moneta) ...
Con l'operazione di LTRO di Draghi è vero che è stato creato 1 trilione di euro, ma questi soldi sono nelle mani dei banchieri non è
reddito da cittadinanza che servirebbe a far ripartire l'economia...Il reddito da cittadinanza non deve essere inteso come una pensione
mensile ( come dice il Debunker antisignoraggio, quello che si mette il colapasta in testa) ma viene dato solo una prima volta come
INPUT, poi visto che i soldi finiscono e le esigenze rimangono, i cittadini saranno obbligati ad attivarsi per sopravvivere...

Se non lo avete capito adesso GAME OVER!

**Ok paragonato a IGB che stampa a sbafo, tu sei un santo perchè i soldi almeno li hai guadagnati lavorando, ma non basta!
°° SILM: Sindacato Individuale della Legge Morale

PS: Sandro la battuta abbastanza sagace, quella dove mi dai indirettamente dell'ubriacona, ci può anche stare ma solo se sei
disposto anche tu ad accettarle da me! Per questa volta mi faccio una risata e faccio finta di niente, qui è casa tua e per me il
rispetto viene prima di tutto....decidi tu, se vuoi fare delle spiritosaggini falle pure ma non fare poi "piangina" se io le farò più belle
delle tue!!!

sandropascucci
Messaggi: 12931
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [11] Pagamento alle banche di commissione in percentuale

Messaggioda sandropascucci » 18 giu 2012, 21:19

Debora Peraldo ha scritto:PS: Sandro la battuta abbastanza sagace, quella dove mi dai indirettamente dell'ubriacona, ci può anche stare ma solo se sei
disposto anche tu ad accettarle da me! Per questa volta mi faccio una risata e faccio finta di niente, qui è casa tua e per me il
rispetto viene prima di tutto....decidi tu, se vuoi fare delle spiritosaggini falle pure ma non fare poi "piangina" se io le farò più belle
delle tue!!!


domani ti sistemo una risposta. così che non si dica che reagisco di istinto.
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12931
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [11] Pagamento alle banche di commissione in percentuale

Messaggioda sandropascucci » 19 giu 2012, 18:52

M'ero preparato tutto un discorso.. ma meglio a braccio, come sempre.

In soldoni:

Debora.. non è aria. Lascia perdere. Attieniti allo Statuto e alle regole del Forum, come tutti. Detto questo:

La battuta (credo tu ti riferisca alla pizzeria, tovagliolo e birra) era generica, rivolta a tutti e proveniente/scaturita/dedicata a denunciare le situazioni più tipiche, quelle, ovvero, dove si PONTIFICA o si SPARLA A SPROPOSITO su BASI ERRATE, senza la dovuta analisi, ovvero in modo “da pizzeria e birra” (e dopo la 3za siamo più propensi a dire cazzate e ancor più crederci nel giusto).

Quando vorrò darti della ubriacona ti darò dell’ubriacona. E farò il tuo nome e posterò le foto delle bottiglie vuote. Questo perché mi piace dare credibilità alle mie denunce. Non mi serve usare l’INDIRETTO e non sono così stupido dall’ingiuriare una persona (o ‘diffamarla’, quando la Legge avrà deciso il ruolo di Internet rispetto la “presenza” di chi riceve il dolo). Mi piace provare ciò che dico.

Hai letto che ti do dell'ubriacona? Problemi tuoi.

1. Se hai la coda de paja bruciala o, al più, accorciatela;
2. Se senti di poterlo fare o conosci qualcuno che pensi sia in grado: picchiami per l’onta subita;
3. Se ti senti offesa a livello legale: denunciami (c’è il reato d’ingiuria e quello di diffamazione, puoi scegliere);
4. Se pensi di saper fare delle battute migliori o più sagaci e (and) pensi sia tuo diritto farle: falle
5. Se pensi che io abbia abusato di una posizione di supremazia e di una sorta di “abuso di ufficio”: proponi la mia espulsione.

Fai ciò che vuoi ma non SFIDARMI o REDARGURIMI.

Tu andresti mai a bastonare un nido di vespe? Ecco. Regolati.

Se pensi che qui sia casa mia: non hai capito un cazzo del PRIMIT.

Ma tu non sei forse socia regolarmente iscritta e pure pagante?
Come fai a credere che il PRIMIT (questo è il Forum del PRIMIT, non dimentichiamolo) sia “casa mia”?

Per la piangina: ma ti sei letta? dai..
Se vuoi fare un’azione.. beh.. fai l’azione, non dire che stai o farai un giorno una azione.

Ma tu hai idea di quante persone abbiano giocato con pascucci credendo di giocare “alla lotta” che i figli fanno con il papà sul letto la domenica mattina ben sapendo che non li picchierà mai sul serio, mentre loro mettono tutta la loro piccola forza nel dare la cuscinata?

Ecco: non farlo. Per me non c’è distinzione (non c’è più da anni) tra un socio PRIMIT e un banchiere, quando il socio PRIMIT mi abbaia contro (o peggio mi liscia) senza affondare veramente e instaura un clima di “sfida” o “minaccia” o di “piangina” o di "avvertimento".

Il numero delle mie ore di volo è troppo elevato per discutere con l’omino del parcheggio che mi fa un cazziatone perché ho messo mezza ruota sulla striscia bianca del “suo” parcheggio. E poi risulta che manco ero io alla guida.

Come vedi non c’è il tuo nome ma c’è il chiaro riferimento a delle regole: AGISCI, non parlare a vuoto.
Poi ci presenteremo tutti alla cassa e ognuno pagherà il suo.

Resta comunque sempre valido il vecchio:

"Studia il signoraggio, ignora Pascucci" [sandro pascucci, 2005]

rinvigorito da un più recente:

«Studia, diffondi e non rompere i coglioni! Ma se proprio non vuoi studiare.. almeno non rompere i coglioni!» [sandro pascucci, 2007]

E ancora:
«Meglio avere un brutto carattere che avere torto» [sandropascucci, 2011]
«Essere stronzo non vuol dire essere in torto» [sandropascucci, 2011]
«L'intelligente sa cosa va fatto. Il giusto la fa» [sandropascucci, 2011]

Per chiudere: fai ciò che puoi con ciò che hai e non versare sugli altri rodimenti personali.

Se facessi così io.. dovrei girare con una tanica di benzina.

Lascia perdere. Attieniti al thread.

Mi dispiace che ti sei sentita chiamata in ballo ma non sono problemi miei.
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
enricogrosso
Messaggi: 1435
Iscritto il: 9 ago 2009, 8:38
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Abruzzo Marche Italy
azioni: manovalanza di piazza, volantinaggio in proprio, testimonianze videoriprese, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)

Re: [11] Pagamento alle banche di commissione in percentuale

Messaggioda enricogrosso » 20 giu 2012, 11:08

Ospite ha scritto:Per Enrico Grosso...
Dettagli....il concetto che vorrei far capire è questo: il denaro che il correntista detiene sul suo c/c è una riserva per le sue esigenze/emergenze, ma non deve essere
intesa come una risorsa per un investimento che crei dell' altro denaro, perchè il denaro è NULLA...quindi perchè il correntista dovrebbe averne di più senza muovere un dito?
vuol dire che c'è qualcun altro che lavora per lui. I risparmi del correntista fanno ridere, ma questo è il gioco dei grandi RICCONI...


Ciò che per alcuni è dettaglio per altri è di vitale importanza ma andremo fuori tema (Trattato di Lisbona, Eurogendorf ecc.) quindi mi fermo qui.
Non si può dire che il denaro è NULLA in quanto c'è il corso forzoso che ti obbliga ad utilizzarlo...unica alternativa sarebbe il baratto ma sappiamo tutti le ragioni per cui non è attuabile su scala nazionale e/o internazionale.
Se il denaro fosse NULLA non comprendo il motivo per cui la gente dedica la vita ad accumularlo e/o a spenderlo...
Il thread dice "pagamento alle banche di commissione in percentuale..." quindi il concetto che volevi far capire mi sembra chiaro ma non capisco perchè qui.
“Il mondo non ricompensa onestà e indipendenza,bensì obbedienza e servilismo”
Enrico Grosso

Avatar utente
Debora Peraldo
Messaggi: 36
Iscritto il: 14 mar 2012, 18:41
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: vercelli
azioni: volantinaggio interventi su internet

Re: [11] Pagamento alle banche di commissione in percentuale

Messaggioda Debora Peraldo » 20 giu 2012, 14:30

X Sandro
Che tristezza!!!!! siamo al punto di partenza, io ti indico la luna e tu mi guardi il dito! nessuna sfida personale con te...
X Enrico
Non ho detto che il denaro è nulla e se il mio concetto ti fosse chiaro, come affermi, il "pagamento alle banche di commissione in percentuale....." non lo proporresti
neanche...
La chiudo qui, come promesso perchè non voglio risultare OT, insistente e più rompi......i di quanto già mi sia dimostrata!

sandropascucci
Messaggi: 12931
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [11] Pagamento alle banche di commissione in percentuale

Messaggioda sandropascucci » 20 giu 2012, 14:35

ti guardo il dito perché non c'era la Luna nel momento che hai alzato il dito. quindi mi chiedevo "ma questa che sta puntando?". chiudo anche io.
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA


Torna a “:: LA SOLUZIONE ::”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono liberamente riproducibili purché sia citata e linkata la fonte (sono infatti rilasciati sotto una licenza Creative Commons BY-NC-SA 2.0) Il redattore non e' legalmente responsabile per i pensieri e le affermazioni espresse in questo blog dai visitatori. L'autore non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di errori in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su questo sito avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto. Questo sito non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 Comunque, Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. :: SE&O :: Salvo Errori et Omissioni "come scrivono le banche, in calce agli estratti conto, per evitare eventuali future azioni penali".