DEBITO PUBBLICO...PER CAPIRLO...SEMPLICEMENTE

articoli, tesi..
Francesco Fata
Messaggi: 894
Iscritto il: 10 ago 2009, 16:35
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roseto degli Abruzzi
azioni: scrittura articoli, studio aspetti tecnico-filosofici, studio idee di riforma monetaria, quota associativa, volantinaggio mirato, interventi sul web
Località: Roseto degli Abruzzi

DEBITO PUBBLICO...PER CAPIRLO...SEMPLICEMENTE

Messaggioda Francesco Fata » 18 ago 2011, 17:45

DEBITO PUBBLICO…PER CAPIRLO…SEMPLICEMENTE!
Per i profani (e non) della materia.

di Francesco Fata - Primit - http://www.primit.it
-----------
Quanti di voi sanno cos’è il debito pubblico! Ancor di più, quanti sanno perché si forma, chi è il vero creditore e soprattutto se è possibile ridurlo sensibilmente o addirittura azzerarlo.
Essendo un argomento tecnico spesso incomprensibile ai più, spesso anche spiegato in modo troppo tecnico, tanto da far desistere anche il più volenteroso ma inesperto lettore della materia, cercherò in queste righe di parlarvene nel modo più semplice possibile, informandovi di questioni che probabilmente non conoscete e mettendovi a conoscenza di connessioni concettuali che purtroppo troppo pochi (addetti ai lavori e non) sono abituati a fare.

Queste righe quindi, non avranno lo scopo di soddisfare i palati fini di tronfi economisti autoreferenziali né tantomeno quelli di giornalisti economici, impegnati come sono, a dire tutto e niente nella stessa frase. Non è, quindi questo, un documento tecnico né un articolo giornalistico. Queste righe vogliono avere la velleità di “far capire”…semplicemente…con concetti semplici e parole semplici.

Partiamo quindi dalla definizione (una delle tante) di Debito Pubblico: esso è il debito che lo Stato contrae con banche, istituzioni finanziarie e privati cittadini e imprese per avere il denaro necessario per pagare le proprie spese, quando le entrate derivanti dalle tasse sono insufficienti. In questa frase c’è tutto quello che c’è da sapere per rendersi conto che un’eventuale riduzione del debito pubblico non è altro che un trucco, un gioco delle tre carte, che apparentemente mostrerebbe una situazione della collettività migliore, ma che in realtà, migliore non è.
Per capire questo ragionamento occorre avere bene a mente alcuni concetti di base sul sistema monetario attuale:
Punto 1): Tutta la moneta esistente oggi in circolazione esiste solo perché qualcuno (Stato o privati) in qualche momento nel passato più o meno recente, ha contratto un debito con il sistema bancario. Sistema bancario che non possiede i soldi che presta, ma che li crea dal nulla (senza, cioè, beni propri a copertura o a garanzia di questa emissione).
MONETA = DEBITO. Se non c’è DEBITO non c’è MONETA. Questo è un fatto, inconfutabile. Come è inconfutabile il fatto che non sia lo Stato a stampare moneta ma il sistema bancario ormai “inconfutabilmente” privato.
Punto 2): I debiti che la collettività contrae per avere denaro si dividono in DEBITO PUBBLICO E DEBITO PRIVATO. Il primo, è stato appena detto, è quello fatto dallo Stato quando abbisogna di denaro mentre il secondo è quello fatto dai privati cittadini quando ottengono un mutuo, un fido o quant’altro nell’ambito delle loro attività familiari o imprenditoriali.

Ora, assodati questi due concetti, a qualcuno potrebbe cominciare a risultare evidente, a parità di produzione totale di beni e servizi, un terzo concetto :

Punto 3): “MENO ESISTE DEBITO PUBBLICO, PIU’ ESISTE DEBITO PRIVATO”
Perché? Perché la questione “debito pubblico-debito privato” è come il gioco delle tre carte: se l’asso non sta a destra deve stare per forza a sinistra o al centro proprio perché (tornando al punto uno) per ogni cosa che noi produciamo e quindi scambiamo (il famoso P.i.l.), ci sarà bisogno di denaro e questo denaro, per esistere in circolazione, è stato (o sarà) creato (stampato) dal sistema bancario solo dopo che qualcuno (Stato o privati) ha (o avrà) contratto un debito nei confronti di una banca.

Vediamo ora cosa succede se dovessimo dar retta a chi dice che occorre pagare regolarmente le tasse per evitare che lo Stato faccia Debito Pubblico.
Poniamo per assurdo che lo Stato debba pagare spese per 1.000 €uro e non voglia contrarre alcun debito pubblico. L’unico modo per poterle pagare sarebbe quello di incassare 1.000 € di tasse derivanti dalla produzione dei privati cittadini.
Ma per esserci una produzione da tassare, occorre che ci siano scambi commerciali dei beni e servizi prodotti dai privati cittadini, scambi che potrebbero esistere solo se esiste il denaro necessario a pagare quei beni e servizi.
Affinché esista questo denaro (tenete sempre a mente il punto 1) qualora lo Stato non avesse contratto alcun debito con le banche, gli unici a permetterne la creazione sarebbero i privati cittadini facendo debiti con le banche.

E’ evidente, conosciuto e capito tale concetto, che in un sistema a “moneta-debito” come è quello attuale, una collettività che produce e ha bisogno di creare moneta per potersi scambiare ciò che ha prodotto, dovrà fare per forza un debito con le banche per ogni Euro di cui avrà bisogno ed è sostanzialmente irrilevante se questo debito lo dovesse fare lo Stato (debito pubblico) o un privato cittadino (debito privato).
La differenza sarebbe solo formale e il danno più evidente nel caso del debito pubblico in quanto un suo ammontare abnorme causerebbe il fallimento di un intero Stato mentre con un basso debito pubblico che si tradurrebbe in un alto debito privato sarebbero molti privati cittadini che “privatamente”, “silenziosamente” entrerebbero in forte difficoltà finanziaria fino a fallire.

In questi ultimi anni e soprattutto nell’ultimo periodo costellato di fallimenti e difficoltà finanziarie statali, ministri, giornalisti, economisti non fanno altro che martellarci tramite mass-media, sulla necessità che i cittadini paghino le tasse, premendo il tasto talvolta sul fattore “onestà” di tale operazione, talvolta sul fattore “parassitismo” di chi invece non assolve a tale dovere, sottolineando sempre che “le tasse si devono pagare affinché si possano avere i servizi pubblici”, affermazione questa, solo parzialmente vera in quanto, semplicemente osservando attentamente un qualunque rendiconto generale dello stato di un qualunque anno, ci si accorge che le tasse che esso incassa dall’intera collettività durante l’anno, non andranno soltanto a pagare beni e servizi pubblici, ma in buona parte anche a pagare debito pubblico fatto anche diversi anni prima.

Sul fronte formale, l’amministrazione fiscale, si adopera sempre più per diventare il “nodo scorsoio” al collo del popolo, imponendo sempre nuove imposte e affinando sempre di più le tecniche di incasso riducendone sensibilmente i tempi.

Nessuno però che prenda in considerazione il punto 3) che evidenzia quindi il fatto che tutto ciò che ci fanno credere sulle tasse e il debito pubblico sia falso:
Pagando le tasse riducendo quindi il debito pubblico non si risolverebbe il problema di una collettività in quanto aumenterebbe sensibilmente il debito privato dei singoli cittadini
Le tasse pagate ogni anno dai cittadini andranno solo in parte a pagare le spese annuali dello Stato. Una grossa fetta invece, serviranno per pagare debiti precedentemente contratti.

A questo punto bisogna stabilire quale sarebbe la soluzione migliore per risolvere definitivamente la questione del debito pubblico. Gli economisti si precipiterebbero tutti a supporre tre canoniche possibilità:
1)Il “default” che in italiano non sarebbe altro che “fallimento” dello Stato, tramite una dichiarazione ufficiale che esso non è più in grado di pagare parte del debito cercando quindi di accordarsi con i creditori per il pagamento di quanto possibile (hair-cut o “taglio di capelli” come viene definito in gergo tecnico) con tutte le conseguenze derivanti da tale situazione.
2)L‘inflazione che non è altro che una perdita di valore della moneta e pertanto anche del valore dei titoli (Bot, Cct, Btp) che compongono il debito pubblico, in modo tale che il debito stesso con lo scorrere del tempo perda anch’esso di valore
3)La “gestione del debito” che consiste nel rinnovare nei limiti del possibile il debito stesso cercando quantomeno di non incrementarlo e di emetterlo a condizioni meno svantaggiose possibili e cercando di mantenere la fiducia dei mercati nei propri titoli di Stato.

Anche qui nessuno che paventi la possibilità, magari dopo aver dichiarato il default (magari totale), di non emettere più titoli di debito in cambio di denaro stampato dal nulla, ma di riappropriarsi di quella che dovrebbe essere la quarta sovranità appartenente al popolo, quella monetaria, che darebbe finalmente al popolo (Stato) la possibilità di stamparsi la propria moneta necessaria alla spesa pubblica che intende fare.
Tutti a dire che stamparsi la propria moneta di Stato ogni volta che occorre fare una spesa pubblica vorrebbe dire uscire dal sistema monetario così com’è concepito oggi, uscire da Maastricht, rivedere parametri finora scontati, in una parola destabilizzare il Paese. Eppure se fossimo al punto 1) il default, saremmo già un Paese destabilizzato e in balìa dei mercati, delle banche centrali e delle società di rating.
Tutti a dire che stamparsi la propria moneta di Stato per ogni spesa pubblica da fare vorrebbe dire creare INFLAZIONE per la troppa moneta esistente in circolazione (cosa assolutamente falsa). Il punto 2) (l’inflazione) viene visto dagli economisti come uno spauracchio in caso di creazione di moneta sovrana da parte dello Stato mentre viene visto come una possibilità di gestione dei momenti di difficoltà in caso di sistema monetario basato sul debito.
Proprio un bel modo di vedere le cose da parte degli economisti: due pesi e due misure, come sempre.
Per non parlare del POLITICO, come sempre realmente o fintamente incapace di decisioni “semplicemente logiche” come quella della sovranità monetaria statale. Ma…il BANCHIERE? Ah! Lui...”semplicemente” ride, come sempre.
Ultima modifica di Francesco Fata il 9 ago 2012, 19:11, modificato 2 volte in totale.
Voglio troppo bene al popolo per pensare di votare gente che vuole particolarmente bene a se stessa.
Francesco Fata

----Francesco Fata (ex aggiocampà) ----

sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: DEBITO PUBBLICO...PER CAPIRLO...SEMPLICEMENTE

Messaggioda sandropascucci » 19 ago 2011, 9:23

quindi è vero che:

:

:

Problema
Tutti i politici eletti alla guida della Nazione hanno sempre indebitato lo Stato chiedendo denaro in prestito ad una ristretta cerchia di banchieri privati;
Questi banchieri internazionali creano il denaro dal nulla e senza nessuna contropartita, semplicemente stampandolo;
Gran parte delle tasse versate dal cittadino servono a pagare gli interessi su quel debito inestinguibile, eterno, costituito da carta straccia.
da: http://www.signoraggio.com/index_ilproblema.html

:

:

 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
Bellerofonte
Messaggi: 6
Iscritto il: 14 set 2011, 14:55
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Mantova
azioni: Cristiano Azzoni - interventi sul WEB - pagamento quota
Località: Mantova

Re: DEBITO PUBBLICO...PER CAPIRLO...SEMPLICEMENTE

Messaggioda Bellerofonte » 14 set 2011, 16:19

Ricordate gli anni del governo Craxi? Anni in cui l'Italia ha avuto un boom economico mai visto prima? e nemmeno poi? Allora c'era l'inflazione galoppante ed i tassi di interesse altissimi, eppure...

E come mai la Cina vorrebbe comprasi il nostro debito? ;-)

Avatar utente
Sandro Franchini
Messaggi: 15
Iscritto il: 21 ott 2011, 17:51
condivido lo Statuto e il Manifesto: no
zona operativa:: NOZONE
azioni: NOACTION

Re: DEBITO PUBBLICO...PER CAPIRLO...SEMPLICEMENTE

Messaggioda Sandro Franchini » 8 gen 2012, 17:57

Segnalo questo link dove si evince come, almeno fino al 2009, tenendo conto anche del debito privato, l'Italia sia ampiamente dentro la media europea
http://www.sbilanciamoci.info/Archivio/conti-pubblici/Se-il-debito-privato-entra-nei-parametri-europei-2881

Francesco Fata
Messaggi: 894
Iscritto il: 10 ago 2009, 16:35
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roseto degli Abruzzi
azioni: scrittura articoli, studio aspetti tecnico-filosofici, studio idee di riforma monetaria, quota associativa, volantinaggio mirato, interventi sul web
Località: Roseto degli Abruzzi

Re: DEBITO PUBBLICO...PER CAPIRLO...SEMPLICEMENTE

Messaggioda Francesco Fata » 2 ott 2012, 10:29

http://www.libreidee.org/2011/11/debito ... -germania/

Ecco un altro articolo che avvalora quello che dico nell'articolo sull'effetto "bilancia" tra debito pubblico e debito privato: più è alto il primo, più può essere basso il secondo e viceversa.
Voglio troppo bene al popolo per pensare di votare gente che vuole particolarmente bene a se stessa.
Francesco Fata

----Francesco Fata (ex aggiocampà) ----

Avatar utente
kasiacolagrossi
Messaggi: 2454
Iscritto il: 12 dic 2009, 14:28
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma e provincia
azioni: volantinaggio in proprio, grafica , costruzione e/o progettazione dei supporti, manovalanza di piazza,
Località: Castel Madama (RM)

Re: DEBITO PUBBLICO...PER CAPIRLO...SEMPLICEMENTE

Messaggioda kasiacolagrossi » 5 ott 2012, 0:58

"può" è un mare di possibilità. perciò c'è o non c'è il collegamento nesso trai due debiti, logicamente il discorso regge ma nella pratica non è così ma può essere così? o non ho capito il significato di quel "può" ?

"powinność jest względna"
katarzyna edyta colagrossi

Francesco Fata
Messaggi: 894
Iscritto il: 10 ago 2009, 16:35
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roseto degli Abruzzi
azioni: scrittura articoli, studio aspetti tecnico-filosofici, studio idee di riforma monetaria, quota associativa, volantinaggio mirato, interventi sul web
Località: Roseto degli Abruzzi

Re: DEBITO PUBBLICO...PER CAPIRLO...SEMPLICEMENTE

Messaggioda Francesco Fata » 1 nov 2012, 10:46

Scusa Kasia, non mi ero accorto di questa tua domanda:

Se il debito pubblico è molto alto, vuol dire che è lo Stato che si indebita per far girare l'economia (deficit spending) e quindi è meno probabile che i privati si indebitino per cercare di far girare l'economia anche se sicuramente lo farebbero in una certa misura proprio perchè se lo stato spende a deficit dando posti di lavoro, si presume che quegli occupati in più, spendono il loro reddito per acquisti di beni e servizi, quindi i privati imprenditori si riorganizzerebbero per ampliare e creare aziende e ulteriori posti di lavoro per soddisfare la maggior domanda di beni e servizi. Per fare questo si indebiterebbero a loro volta con le banche. Quello che ti dico è una specie di teoria del "circuito degli investimenti" ipotizzata da Kahn 80 anni fa.
Io dico che se lo stato non spende più a debito succede che:
1) lo faranno solo i privati (sempre che le banche lo permettano)
2) se le banche non lo permettono si ferma l'economia

Ora sta accadendo il punto 2) perchè l'interesse più alto del sistema bancario internazionale è quello di mettere in ginocchio alcune economie di alcuni paesi, anche a discapito di maggiori guadagni che le banche avrebbero con l'indebitamento privato.

Spero di essere stato chiaro.
Voglio troppo bene al popolo per pensare di votare gente che vuole particolarmente bene a se stessa.
Francesco Fata

----Francesco Fata (ex aggiocampà) ----

ivanopino
Messaggi: 1415
Iscritto il: 10 ago 2009, 13:53
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Sicilia
azioni: contatti con altre "entità" (enti pubblici, associazioni, ecc.), ricerca sedi fisiche, allestimento di mostre, volantinaggio, oratore FdV, documentazione burocratica
Località: RG Sicilia

Re: DEBITO PUBBLICO...PER CAPIRLO...SEMPLICEMENTE

Messaggioda ivanopino » 14 nov 2012, 18:24

per me chiarissimo, grazie.
Ivano Pino


Torna a “Tecnica - Documenti”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono liberamente riproducibili purché sia citata e linkata la fonte (sono infatti rilasciati sotto una licenza Creative Commons BY-NC-SA 2.0) Il redattore non e' legalmente responsabile per i pensieri e le affermazioni espresse in questo blog dai visitatori. L'autore non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di errori in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su questo sito avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto. Questo sito non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 Comunque, Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. :: SE&O :: Salvo Errori et Omissioni "come scrivono le banche, in calce agli estratti conto, per evitare eventuali future azioni penali".