LA RISERVA FRAZIONARIA, Raccolta e prestiti di una banca

articoli, tesi..
sandropascucci
Messaggi: 12949
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: LA RISERVA FRAZIONARIA, Raccolta e prestiti di una banca

Messaggioda sandropascucci » 10 gen 2012, 12:19

Codice: Seleziona tutto

Presentazione                                                       V                                           
                               1.                                                                               
                       ENTRO QUALI LIMITI                                                                       
             LA SINGOLA BANCA POSSA "CREARE" CREDITO                                                           
 1.   Premessa                                                      1                                           
 2.   Le singole banche, a differenza degli intermediari                                                       
      finanziari non bancari, possono "creare" credito              2                                           
 3.   La capacita' di "creare" credito varia da banca a banca       7                                           
 4.   La "creazione" di credito da parte delle singole banche                                                   
      condiziona l'efficacia della politica monetaria               9                                           
 5.   Osservazioni finali                                          11                                           
                               2.                                                                               
                      ASPETTI DELLA GENESI                                                                     
                       DEI SISTEMI BANCARI                                                                     
 1.   Introduzione                                                 13                                           
 2.   Un tipico sistema monetario metallico nel Settecento; a)                                                 
      Le monete "grosse"                                           15                                           
 3.   (Segue) Un tipico sistema monetario metallico nel                                                         
      Settecento: b) Le monete "piccole"                           20                                           
 4.   La comparsa della carta-moneta: i "biglietti di credito                                                   
      verso le Regie Finanze"                                      28                                           
 5.   Banche e circolazione monetaria nel Settecento               33                                           
 6.   Come i pubblici poteri persero storicamente il potere di                                                 
      creazione monetaria                                          35                                           
 7.   La successiva comparsa sul mercato di eterogenei surrogati                                               
      monetari e l'affermarsi delle banche come organi                                                         
      specializzati nella creazione monetaria                      44                                           
 8.   Le banche private d'emissione a interesse statale            50                                           
 9.   Il processo di monetizzazione dell'economia: aspetti                                                     
      finanziari ed aspetti reali                                  53                                           
10.   Le banche di deposito e l'assunzione da parte delle                                                       
      medesime della facolta' di creazione monetaria               59                                           
11.   Sovrastruttura finanziaria e stabilita' monetaria            64                                           
                               3.                                                                               
                    IL "MERCATO DELLA MONETA"                                                                   
                    INQUADRAMENTO CONCETTUALE                                                                   
 1.   Premessa                                                     69                                           
 2.   Nozione di "mercato della moneta" e sue componenti                                                       
      fondamentali                                                 71                                           
 2.1  Offerta e domanda relative al "mercato della moneta"         71                                           
 2.2. Lo stock di moneta oggetto di negoziazione e le unita' di                                                 
      spesa "venditrici" ed "acquirenti"                           72                                           
 2.3. La composizione dello stock di moneta e la variazione                                                     
      quantitativa del medesimo nel corso del tempo                74                                           
 2.4. Nozione di "flottante monetario" e funzione di sostegno                                                   
      del medesimo svolta dagli intermediari finanziari            76                                           
 2.5. Nozione di "prezzo della moneta"                             79                                           
 3.   Il "prezzo della moneta" sul mercato dei beni e servizi                                                   
      reali                                                        80                                           
 4.   Il "prezzo della moneta" sul mercato del credito             82                                           
 4.1. I prestiti monetari come peculiari operazioni di riporto     82                                           
 4.2. Interesse e tasso d'interesse                                83                                           
 4.3. Gli intermediari creditizi e lo "sdoppiamento" del tasso                                                 
      d'interesse in tasso attivo e tasso passivo                  85                                           
 4.4. Il tasso d'interesse indicativo del "livello generale dei                                                 
      prezzi del mercato del credito"                              86                                           
 5.   Correlazione tra "prezzo della moneta" sul mercato del                                                   
      credito e "prezzo della moneta" sul mercato dei beni e                                                   
      servizi                                                      88                                           
 5.1. Termini del calcolo di convenienza formulato dalle unita'                                                 
      di spesa per l'intervento alternativo sul mercato dei beni                                               
      e servizi oppure sul mercato del credito                     88                                           
 5.2. "Paradosso di Gibson" e comparabilita' tra tasso                                                         
      d'interesse e livello generale dei prezzi (verso del potere                                               
      d'acquisto della moneta)                                     90                                           
 5.3. Il mercato del credito come "proiezione temporale" del                                                   
      mercato dei beni e servizi                                   94                                           
 6.   Correlazione tra tasso d'interesse e livello generale dei                                                 
      prezzi con riguardo all'attivita' degli intermediari                                                     
      creditizi                                                    94                                           
 6.1. Gli intermediari creditizi come unita' di spesa              95                                           
 6.2. Il conto economico di un generico intermediario creditizio   96                                           
 6.3. L'equilibrio economico di un intermediario creditizio come                                               
      coordinazione tra a) prezzi dei beni e servizi e b) tassi                                                 
      d'interesse                                                  98                                           
 6.4. Effetti dell'aumento del livello generale dei prezzi sui                                                 
      tassi attivi e tassi passivi e sul relativo divario         101                                           
 6.5. Possibilita' d'intendere la teoria quantitativa della                                                     
      moneta come teoria esplicativa della determinazione del                                                   
      tasso d'interesse                                           103                                           
 6.6. Tasso d'interesse degli intermediari creditizi e tasso                                                   
      "naturale" del Wicksell                                     110                                           
                               4.                                                                               
                        CREDITO A BREVE,                                                                       
                     A MEDIO E LUNGO TERMINE                                                                   
                  NEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO                                                                 
 1.   Premessa                                                    113                                           
 2.   Banche di credito ordinario ed Istituti speciali            114                                           
 3.   Immobilizzazioni e liquidita': banca commerciale classica,                                               
      banca mista e banca d'affari                                122                                           
 4.   La legge di riforma bancaria e la specializzazione                                                       
      istituzionale                                               128                                           
 5.   Il magistero della Banca d'Italia in materia di breve,                                                   
      medio e lungo termine                                       132                                           
 6.   Osservazioni conclusive                                     144                                           
                               5.                                                                               
                   LE CONDIZIONI DI EQUILIBRIO                                                                 
                     NELLE GESTIONI BANCARIE                                                                   
 1.   Premessa                                                    145                                           
 2.   Richiamo ai concetti di equilibrio patrimoniale, economico                                               
      e finanziario nella gestione della banca                    146                                           
 2.1. Equilibrio patrimoniale                                     146                                           
 2.2. Equilibrio economico                                        149                                           
 2.3. Equilibrio finanziario                                      150                                           
 3.   Divario minimo tra tassi attivi e passivi in ipotesi di                                                   
      pareggio tra costi e ricavi extra-creditizi                 158                                           
 4.   Divario minimo tra tassi attivi e passivi in ipotesi di                                                   
      squilibrio tra costi e ricavi extra-creditizi               161                                           
 5.   Verifica di fine esercizio delle condizioni di equilibrio                                                 
      gestionale                                                  162                                           
 5.1. Nessuna capitalizzazione di interessi                       164                                           
 5.2. Capitalizzazione dei soli interessi passivi                 165                                           
 5.3. Capitalizzazione sia degli interessi passivi sia di quelli                                               
      attivi                                                      168                                           
 5.4. Capitalizzazione dei soli interessi attivi                  171                                           
 6.   Riepilogo delle condizioni necessarie per l'equilibrio                                                   
      economico, finanziario e patrimoniale di una gestione                                                     
      bancaria semplificata                                       172                                           
 7.   Osservzioni sulla validita' dei risultati sin qui raggiunti                                               
      rispetto alle reali gestioni bancarie                       174                                           
 8.   Ulteriori verifiche e integrazioni dell'analisi svolta      186                                           
 9.   Riflessioni finali                                          190                                           
                               6.                                                                               
                  IL PRINCIPIO DI REDDITIVITA'                                                                 
                         NELLA SELEZIONE                                                                       
                     DELLE RICHIESTE A FIDO                                                                     
 1.   I criteri guida delle concessioni creditizie                197                                           
 2.   Il contrasto tra dottrina e pratica di banca                198                                           
 3.   L'occhio clinico dell'addetto ai fidi                       199                                           
 4.   Gli strumenti del mestiere                                  200                                           
 5.   Gli accertamenti preliminari                                202                                           
 6.   Le valutazioni prospettiche                                 206                                           
 7.   Le "garanzie collaterali"                                   209                                           
 8.   Nota conclusiva                                             210                                           
                               7.                                                                               
                        SULLA CONVENIENZA                                                                       
                    DEGLI AUMENTI DI CAPITALE                                                                   
                          NELLE BANCHE                                                                         
 1.   Premessa                                                    211                                           
 2.   Il metodo e lo strumento                                    212                                           
 3.   Il probnlema oggetto di studio                              214                                           
 4.   Struttura logica e variabili del modello gestionale         220                                           
 5.   Esemplificazioni simulative e rilevanza dei risultati       227                                           
 6.   Commiato                                                    239                                           
                               8.                                                                               
                       IL COSTO DEL DENARO                                                                     
                       ILLUSIONI E REALTA'                                                                     
 1.   La logica operativa dell'impresa bancaria                   241                                           
 2.   La dinamica dei flussi di fondi in una gestione bancaria    244                                           
 3.   Un modello simulativo di gestione                           246                                           
 4.   Come abbassare il costo del denaro?                         249                                           
 5.   Conclusione                                                 250                                           
                               9.                                                                               
                 RIFLESSI DEL DISAVANZO PUBBLICO                                                               
                     SULLE GESTIONI BANCARIE                                                                   
 1.   Premesse                                                    251                                           
 2.   Il credito alla produzione come funzione fondamentale                                                     
      dell'intermediazione bancaria                               253                                           
 3.   I titoli del debito pubblico come valori espressivi di                                                   
      credito alla produzione, oppure di credito "al vento"       254                                           
 4.   Adattamento delle gestioni bancarie alle necessita' di                                                   
      indebitamento del Tesoro                                    258                                           
 5.   Verso un nuovo modello di banca?                            261                                           
                               10.                                                                             
                LA RISERVA OBBLIGATORIA IN ITALIA                                                               
                 STRUMENTO DI POLITICA MONETARIA                                                               
                       CON VIZIO D'ORIGINE                                                                     
 1.   Premessa                                                    263                                           
 2.   Gestazione, nascita e primipassi della riserva obbligatoria 264                                           
 3.   Estensione, nel 1958, della riserva obbligatoria alle                                                     
      casse di risparmio                                          278                                           
 4.   Aggiustamenti apportati alla riserva obbligatoria delle                                                   
      banche nel 1962                                             280                                           
 5.   1975: nuova partenza per un traguardo comune a banche e                                                   
      casse di risparmio                                          284                                           
 6.   Conclusioni                                                 288                                           
                               11.                                                                             
                BANCHE E INNOVAZIONE FINANZIARIA                                                               
                   NEGLI STATI UNITI D'AMERICA                                                                 
 1.   Premessa                                                    291                                           
 2.   "La banca e' morta!"                                        293                                           
 3.   Le forze generatrici del cambiamento                        295                                           
 4.   L'innovazione delle innovazioni                             298                                           
                               12.                                                                             
                     LA DINAMICA GESTIONALE                                                                     
                  DELLA BANCA DI DEPOSITO VISTA                                                                 
                CON L'OTTICA DEI FLUSSI DI FONDI                                                               
 1.   Premessa                                                    303                                           
 2.   Fondamenti logici per la messa a punto, con il metodo dei                                                 
      flussi di fondi, di un nuovo modello di gestione della                                                   
      banca                                                       304                                           
 3.   Contributo del nuovo modello alla comprensione                                                           
      dell'autofinanziamento: come utile in formazione, non come                                               
      utile annuo                                                 308                                           
 4.   Concorso, oiltre che dell'autofinanziamento, anche dei                                                   
      costi a pagamento differito, alla produzione del reddito                                                 
      d'esercizio                                                 313                                           
 5.   Validita' del metodo dei flussi di fondi per rivedere e                                                   
      ampliare le conoscenze dell'economia azierndale             315                                           
                               13.                                                                             
                      PER UNA TEORIZZAZIONE                                                                     
                    QUANTITATIVA DELLA BANCA                                                                   
                      PROPOSTA DI EQUAZIONE                                                                     
                   DELL'EQUILIBRIO GESTIONALE                                                                   
 1.   Premessa                                                    317                                           
 2.   Lo stato attivo e passivo all'inizio dell'esercizio         318                                           
 3.   Lo stato attivo e passivo differenziale                     319                                           
 3.1. Variazione dei depositi,  DEP                               320                                           
 3.2. Variazione delle passivita' non onerose,  PNO               321                                           
 3.3. Variazione del capitale proprio netto,  CPN                 321                                           
 3.4. Variazione della cassa,  CSA                                322                                           
 3.5. Variazione della riserva obbligatoria,  ROB                 322                                           
 3.6. Variazione delle attivita' reali,  ARR                      323                                           
 3.7. Variazione del complessivo portafoglio investimenti,  PRS                                                 
      +  TIT                                                      324                                           
 4.   Il conto dei flussi di fondi                                324                                           
 5.   i flussi del conto economico                                326                                           
 5.1. Utile d'esercizio, UTL LRD e UTL NET                        326                                           
 5.2. Costi extra-creditizi, CST XCR                              327                                           
 5.3. Ricavi da servizi, RCV SRV                                  327                                           
 5.4. Interessi sui depositi, INT DEP                             328                                           
 5.5. Interessi sulla riserva obbligatoria, INT ROB               328                                           
 5.6. Interessi sul complessivo portafoglio investimenti,                                                       
      INT PRS + INT TIT                                           328                                           
 6.   Equazione generale dell'equilibrio gestionale               331                                           
 7.   Per una teorizzazione quantitativa della banca              335                                           
Autori citati                                                     337 
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12949
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: LA RISERVA FRAZIONARIA, Raccolta e prestiti di una banca

Messaggioda sandropascucci » 10 gen 2012, 13:12

traduckionen.jpg
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Francesco Fata
Messaggi: 894
Iscritto il: 10 ago 2009, 16:35
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roseto degli Abruzzi
azioni: scrittura articoli, studio aspetti tecnico-filosofici, studio idee di riforma monetaria, quota associativa, volantinaggio mirato, interventi sul web
Località: Roseto degli Abruzzi

Re: LA RISERVA FRAZIONARIA, Raccolta e prestiti di una banca

Messaggioda Francesco Fata » 10 gen 2012, 19:29

Cito (dalla paginetta del libro che ha postato Sandro):

"Perciò, supponendo che l'assegno spiccato su A sia pari a £. 1.000.000 e che quello spiccato su B sia pari a £. 3.000.000, la compensazione avverrà fino a £. 1.000.000, in modo che B dovrà pagare ad A il saldo residuo, di £. 2.000.000."

Bene. Ma il nostro amico ce lo dice nelle pagine successive come B paga questo stramaledettissimo saldo oppure dobbiamo comprare il "volume 2 - la vendetta" per sapere come va a finire?!

No, perchè magari non ce lo dice visto che....sai....:
cito:"....dato che molteplici sono le modalità tecniche con cui viene attuata la compensazione; prova ne è la sua complessa "architettura" "

Però dice anche: "Il meccanismo illustrato in termini generali richiede a bene vedere chiarimenti e precisazioni..."

Quindi, dai....secondo me ce lo dice....

Sandro...su...non farmi stare sulle spine....scannami...ehm scansionami le pagine dove lo dice!
Voglio troppo bene al popolo per pensare di votare gente che vuole particolarmente bene a se stessa.
Francesco Fata

----Francesco Fata (ex aggiocampà) ----

sandropascucci
Messaggi: 12949
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: LA RISERVA FRAZIONARIA, Raccolta e prestiti di una banca

Messaggioda sandropascucci » 10 gen 2012, 19:46

non ci sono :(
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
kasiacolagrossi
Messaggi: 2454
Iscritto il: 12 dic 2009, 14:28
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma e provincia
azioni: volantinaggio in proprio, grafica , costruzione e/o progettazione dei supporti, manovalanza di piazza,
Località: Castel Madama (RM)

Re: LA RISERVA FRAZIONARIA, Raccolta e prestiti di una banca

Messaggioda kasiacolagrossi » 10 gen 2012, 19:57

katarzyna edyta colagrossi

sandropascucci
Messaggi: 12949
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: LA RISERVA FRAZIONARIA, Raccolta e prestiti di una banca

Messaggioda sandropascucci » 12 gen 2012, 12:13

qui: viewtopic.php?p=36748#p36748 dicono, i seguaci di barnard, che la banca ci rimette se non paghi le rate, che la garanzia è solo come trappola per schiavizzarti.. che "non gliene frega un cazzo della casa".. bah.. se lo dice un seguace di barnard.. io ci credo.. sì sì..
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Francesco Fata
Messaggi: 894
Iscritto il: 10 ago 2009, 16:35
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roseto degli Abruzzi
azioni: scrittura articoli, studio aspetti tecnico-filosofici, studio idee di riforma monetaria, quota associativa, volantinaggio mirato, interventi sul web
Località: Roseto degli Abruzzi

Re: LA RISERVA FRAZIONARIA, Raccolta e prestiti di una banca

Messaggioda Francesco Fata » 31 gen 2013, 9:53

Questo qui ad esempio ...ci è arrivato...più o meno, anche se...quando si dice la sintesi (Zeman a questo gli fa una pippa!). Cmq, a parte qualche strafalcione, ha inquadrato (non so se da solo o grazie a tale economista Werner) il discorso garanzie:

In rosso le note mie

LA CREAZIONE DEL DENARO DA PARTE DELLE BANCHE COMMERCIALI (SIGNORAGGIO SECONDARIO) - di Federico Gatti

fonte: http://www.riscossacristiana.it/index.p ... Itemid=123

E’ oramai assodato, anche per i liberisti più accesi, il peso che il sistema bancario ha avuto e continua ad avere sulla più imponente crisi economica globale che il capitalismo abbia mai conosciuto.
Ma vediamo di fare un po’ di chiarezza per quanto riguarda la creazione del denaro da parte delle banche commerciali, il cosiddetto signoraggio secondario.
Modi di operare nella creazione del denaro da parte delle banche commerciali.

- Riserva obbligatoria
- Patrimonio di vigilanza
- Camera di compensazione
- Garanzie

RISERVA OBBLIGATORIA
La riserva obbligatoria ha come scopo ufficiale la regolazione della base monetaria presente nel sistema. Più la percentuale di riserva sarà bassa più base monetaria sarà in circolazione, al contrario invece più alta sarà la percentuale meno ampia sarà la base monetaria.
Secondo gli accordi di Basilea l’attuale percentuale è pari al 2%.
Questo in pratica significa che su 100 euro depositati, la banca dovrà tenere una riserva del 2%.
A livello accademico questo meccanismo viene spiegato nel seguente modo:

X deposita 100 presso la banca A.
La banca A mette in riserva nel conto che ha presso la Banca Centrale 2 euro (il 2%).
La banca A può adesso prestare 98 euro che a loro volta verranno depositati presso la banca B la quale, trattenendo 1,96 euro (il 2%) presterà 96,4 euro ecc ecc…

L’economista Richard Werner, (direttore dell’International Development e direttore fondatore del Centre for Banking, Finance and Sustainable Development all'Università di Southampton, ,membro dell' Executive Board e dell' Advisory Board della School of Management) non un complottista insomma, chiarisce meglio il reale funzionamento di questo meccanismo:
X deposita 100 euro presso la banca A.
La banca A mette in riserva i 100 euro che diventano così quel 2% sulla base della quale la banca può prestare 50 volte tanto.

PATRIMONIO DI VIGILANZA
Il patrimonio di vigilanza ha come scopo quello di garantire l’eventuale insolvibilità della parte debitoria.
Secondo gli accordi di Basilea, la percentuale del patrimonio di vigilanza è fissato, come media, all’8%. Questa percentuale può variare a seconda del rating del cliente.
In termini pratici, mantenendo il valore standard dell’8%, significa che a fronte di una richiesta di prestito di 100 euro, alla banca basta avere capitale per 8 euro.

CAMERA DI COMPENSAZIONE E GARANZIE
Nel momento in cui Tizio chiede un prestito di 100 euro alla sua banca A, quest’ultima non preleva (seee..."preleva" è 'na parola grossa!) la somma da altri depositi, semplicemente la crea dal nulla con un click di mouse. Iscrive 100 nel passivo (lialibity) e 100 nell’attivo (asset). A questo punto il prestito di 100 viene usato da Tizio per pagare Caio il quale a sua volta deposita i 100 presso la sua banca B. Abbiamo così una situazione per la quale la banca B è creditrice della banca A per quei 100. Si arriva in questo modo alla camera di compensazione presso la Banca Centrale.
Sarà proprio la Banca Centrale a fornire alla banca A il denaro di cui ha bisogno; e lo fa perché la banca A usa come garanzia l’ipoteca che Tizio ha dovuto fornire alla stessa banca per ricevere in cambio il prestito.
CONCLUSIONI
Semplificando, si può concludere che le banche creano denaro dal nulla in cambio di garanzie tangibili (es. ipoteca sulla casa) e di interessi.
Quando una banca eroga, per esempio, un mutuo trentennale non ha poi ovviamente alcun vantaggio nell’aspettare tutto quell’arco di tempo per ricevere indietro il denaro prestato (dal nulla, ricordiamocelo). Quindi, mentre voi poveri debitori pagate gli interessi, la banca vende il vostro mutuo ad una cosiddetta Società Veicolo la quale paga subito il mutuo e lo mette sul mercato come titolo commerciabile (cartolarizzazione). In questo modo la banca ha il duplice vantaggio di monetizzare immediatamente non correndo, di fatto, alcun rischio in caso di insolvenza del cliente, rischio che infatti è passato nelle mani degli investitori, privati o istituzionali, che hanno acquistato quei titoli che hanno come garanzia proprio il mutuo.
Un sistema che sembra ispirato direttamente da una diabolica astuzia.
Voglio troppo bene al popolo per pensare di votare gente che vuole particolarmente bene a se stessa.
Francesco Fata

----Francesco Fata (ex aggiocampà) ----

Francesco Fata
Messaggi: 894
Iscritto il: 10 ago 2009, 16:35
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roseto degli Abruzzi
azioni: scrittura articoli, studio aspetti tecnico-filosofici, studio idee di riforma monetaria, quota associativa, volantinaggio mirato, interventi sul web
Località: Roseto degli Abruzzi

Re: LA RISERVA FRAZIONARIA, Raccolta e prestiti di una banca

Messaggioda Francesco Fata » 11 feb 2014, 12:54

All'inizio di questo studio affermai quanto segue:

Francesco Fata ha scritto:Ma qual è ora l’agghiacciante novità di questa trattazione. Eccola: la singola banca presta indipendentemente da quanto contante raccoglie dalla clientela, crea denaro dal nulla semplicemente prestandolo e il coefficiente di riserva serve solo a trattenere da un deposito di contanti quella piccola quantità di denaro che dovrebbe servire a garantire una liquidità per eventuali rimborsi dei depositanti e nulla più, ma non ha alcuna attinenza con i prestiti che effettua. Voglio rimarcare bene questo fatto: la singola banca non funge da vero intermediario finanziario, mettendo in comunicazione chi ha il denaro e chi non ce l’ha, la singola banca non raccoglie denaro per poi prestarlo ma presta e basta, senza il bisogno di raccogliere alcunché.


Ora ho trovato, con un po' di ritardo (mea culpa e non so se qui abbiamo aperto quanche 3d in proposito), un documento del 2012 di 2 tizi del FMI che sposano molte tesi nostre e di altri sulla moneta sovrana. Avete capito bene: due del Fondo Monetario Internazionale!
http://www.imf.org/external/pubs/ft/wp/2012/wp12202.pdf

Ma a parte le eventuali riflessioni sul documento (che peraltro non ho ancora trovato tradotto), tra le altre cose dicono (secondo un articolo su forexinfo.it http://www.forexinfo.it/Fmi-cancellare-il-debito-Si-puo ):

!
“Il controllo della crescita del credito diventerà molto più semplice perché le banche non saranno più in grado, come lo sono oggi, di generare il proprio finanziamento, i propri depositi, un privilegio straordinario che non è goduto da nessun altro tipo di attività”, si legge nel documento dell’Fmi. “Piuttosto, le banche diventeranno quello che erroneamente si pensa che oggi già siano, puri intermediari che dipendono dall’ottenimento di finanziamenti esterni prima di poter essere in grado di dare in prestito”.


Vi giuro che io a 'sti due tizi non gli ho detto niente! Oh...poi....raga...se hanno fatto copia incolla dal forum del primit non lo so eh! :D
Voglio troppo bene al popolo per pensare di votare gente che vuole particolarmente bene a se stessa.
Francesco Fata

----Francesco Fata (ex aggiocampà) ----

Huro Chan
Messaggi: 735
Iscritto il: 25 ago 2009, 20:59
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Berlino
azioni: Traduzioni in/da inglese, grafica, audio, video, contatti con altre "entità", pagamento quota, manovalanza di piazza, volantinaggio in proprio, organizzazione eventi/conferenze.
Località: Berlino + Bologna + Potenza
Contatta:

Re: LA RISERVA FRAZIONARIA, Raccolta e prestiti di una banca

Messaggioda Huro Chan » 12 feb 2014, 0:02

Sicuro han copiaincollato! Il Chicago Plan..mi avevano consigliato la lettura il prof.Huber e quell'andro lí di Monetative quando andai a incontrarli (ma non ricordo se questa edizione "Revisited"). Tradurlo per intero, non ce la posso fare..peró se ci sono parti di rilievo fatemi sapere..
Arturo Tobia - Berlino

'Il denaro è un'allucinazione collettiva.'
[F.Battiato]

‘Who controls energy controls whole continents, who controls food controls people, who controls money can control the entire world’. [H. Kissinger]

Avatar utente
LeleVairo
Messaggi: 57
Iscritto il: 18 feb 2013, 15:18
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Villafranca Piemonte
azioni: Volantinaggio

Re: LA RISERVA FRAZIONARIA, Raccolta e prestiti di una banca

Messaggioda LeleVairo » 20 mar 2014, 17:01

ho letto tutti i commenti e ho la testa che esplode un poco..
facendo due casi(la banca riceve un deposito, la banca non riceve un deposito) e chiamando la moneta bancaria come "crediti"/"debiti":

caso1
la banca1 riceve un deposito di 100 euro,
al depositante permette di utilizzare crediti per 100
alla banca1 basta avere riserva, mettiamo, di 10% per far fronte a prelievi da parte del depositante
gli altri 90 euro può usarli come riserva per prestare crediti fino a 900-dietro garanzia
opzione1: dietro garanzie del cliente, presta crediti per 90
se questi 90 le tornano indietro è a posto: i crediti si bilanciano coi debiti.
se invece questi 90 finiscono presso la banca2, la banca1 si rifinanzia presso la BC ottenendo automaticamente i crediti relativi alle garanzie e dunque può bilanciare i debiti con la banca2, detto in altre parole copre i crediti che ha emesso con la garanzia che il cliente ci ha messo.

opzione2: dietro garanzie del cliente, presta crediti per 900.
sostanzialmente è uguale a sopra

caso2
la banca1 non riceve alcun deposito.
un cliente chiede un prestito di 100
la banca1, dietro garanzie, fornisce al cliente il credito pari a 100
per coprire tali 100 potrà usare la garanzia, perciò è come i casi precedenti:
se le tornano indietro i 100, è a posto
se arrivano in banca2, pareggerà i crediti relativi alle garanzie coi debiti sorti con la banca2.

ho detto delle cavolate?
Emanuele Vairoletti

Francesco Fata
Messaggi: 894
Iscritto il: 10 ago 2009, 16:35
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roseto degli Abruzzi
azioni: scrittura articoli, studio aspetti tecnico-filosofici, studio idee di riforma monetaria, quota associativa, volantinaggio mirato, interventi sul web
Località: Roseto degli Abruzzi

Re: LA RISERVA FRAZIONARIA, Raccolta e prestiti di una banca

Messaggioda Francesco Fata » 20 mar 2014, 18:19

LeleVairo ha scritto:
caso1
la banca1 riceve un deposito di 100 euro,
al depositante permette di utilizzare crediti per 100

Ok

LeleVairo ha scritto:alla banca1 basta avere riserva, mettiamo, di 10% per far fronte a prelievi da parte del depositante


No, la banca fa fronte anche a un prelievo di tutti e 100 gli euro.
Quando parliamo di deposito diciamo che possono essere sia contanti che assegni/bonifici. Quando parliamo di prelievo diciamo in generale sia di contante che di emissione assegni o bonifici.Se preleva dando un assegno a terzi non c'è problema, se preleva 100 di contante ma aveva versato un assegno e quindi la banca non li ha a disposizione, dovrà prenotarli e farseli arrivare dalla banca centrale. Al momento del primo deposito di 100 (ad es.in assegno) il saldo a credito verso la b.c.è di 100 ed è indicato nel conto chiamato "conto corrente di regolamento" (sostanzialmente è quello il conto corrente che conta e non deve mai essere alla fine di ogni giornata al di sotto dello zero) , quindi la banca può chiedere in contanti anche tutto l'importo del saldo (quindi 100). Ti dico di più (questa cosa non l''ho mai detta per non incasinare ancora di più i concetti): prima il saldo del conto di regolamento doveva essere alla fine di ogni giornata sempre superiore allo zero perchè dovevano esserci almeno riserve obbligatorie pari al 2% (oggi 1%). Adesso non è più così: il saldo giornaliero può anche essere pari a zero per 29 giorni al mese, l'importante è che al 30°giorno la banca si rimetta in media con un saldo attivo che la faccia stare all'1% (in media).

LeleVairo ha scritto:gli altri 90 euro può usarli come riserva per prestare crediti fino a 900-dietro garanzia


Scordati questa relazione automatica 1 a 10.
Se hai la garanzia puoi prestare qualsiasi cifra senza alcun bisogno di depositi, basta che ci sia la copertura della garanzia. Quindi il "90" non c'entra niente.
Se non hai la garanzia, puoi anche (rischiando) prestare 100 (creandoli elettronicamente), e come copertura usi il credito del conto di regolamento (ccdr) che ha il saldo di +100 dovuto al deposito. Ma la banca deve sperare che il depositante non prelevi il suo deposito perchè se così fosse a fine giornata si troverebbe scoperta sul ccdr e dovrebbe ricorrere a rifinanziarsi.
Come?
1) con depositi di altri che magari sono avvenuti durante la giornata
2) chiedendo prestiti temporanei (anche di un solo giorno) ad altre banche
3) dalla banca centrale usando eventuali garanzie di altri che aveva in portafoglio e non aveva ancora usato

L'opzione 3) succede normalmente perchè le banche anche se ti chiedono la garanzia non è detto che poi la usino per rifinanziarsi presso la b.c. in quanto se hanno depositi sufficienti per coprire i prestiti non ne hanno bisogno.

LeleVairo ha scritto:opzione1: dietro garanzie del cliente, presta crediti per 90


Come detto prima se hai le garanzie puoi prestare quello che ti pare.

LeleVairo ha scritto:se questi 90 le tornano indietro è a posto: i crediti si bilanciano coi debiti.


Allora: se hai un deposito di 100 e presti 100, anche se i 100 non tornano indietro i conti già pareggiano. Se tornano indietro è ancora meglio perchè vuol dire che sarai tranquillo anche se il depositante originario volesse prelevare i suoi 100. Ma dovrai sempre sperare che il nuovo depositante non voglia prelevare anch'egli i suoi 100 del nuovo deposito. E' la garanzia che rimette in pareggio definitivamente i conti e fa stare tranquilla la banca in caso di necessità.

LeleVairo ha scritto:se invece questi 90 finiscono presso la banca2, la banca1 si rifinanzia presso la BC ottenendo automaticamente i crediti relativi alle garanzie e dunque può bilanciare i debiti con la banca2, detto in altre parole copre i crediti che ha emesso con la garanzia che il cliente ci ha messo.


Come ho già detto, non è per questo che la banca si rifinanzia presso la b.c., ma ogni qualvolta il meccanismo depositi prelievi faccia andare in rosso il ccdr.

LeleVairo ha scritto:caso2
la banca1 non riceve alcun deposito.
un cliente chiede un prestito di 100
la banca1, dietro garanzie, fornisce al cliente il credito pari a 100
per coprire tali 100 potrà usare la garanzia, perciò è come i casi precedenti:

fin qui è ok.
ma poi:

LeleVairo ha scritto:se le tornano indietro i 100, è a posto
se arrivano in banca2, pareggerà i crediti relativi alle garanzie coi debiti sorti con la banca2.

Come sopra: con la garanzia la banca non ha bisogno che torni il prestito sotto forma di deposito. E' già a posto.
il credito sul ccdr si forma con la garanzia, il debito con il prestito, quindi il conto è a zero (e il ccdr potrà essere a zero per una vita in quanto non c'è obbligo di riserva obbligatoria visto che non si tratta di depositi)

Se hai ulteriori difficoltà dimmelo che provo a spiegartelo in altro modo.
Voglio troppo bene al popolo per pensare di votare gente che vuole particolarmente bene a se stessa.
Francesco Fata

----Francesco Fata (ex aggiocampà) ----

Avatar utente
LeleVairo
Messaggi: 57
Iscritto il: 18 feb 2013, 15:18
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Villafranca Piemonte
azioni: Volantinaggio

Re: LA RISERVA FRAZIONARIA, Raccolta e prestiti di una banca

Messaggioda LeleVairo » 21 mar 2014, 12:11

Dunque, quando riceve un deposito, contanti o no, alla banca sorge un credito nel suo conto corrente di regolamento presso la BC. In caso di prelievi “scritturali”, la banca attingerà da questo suo conto, nel caso di contanti rilascerà anche le relative banconote che ha lì o in BC. in questi casi è importante che abbia l’1% nel conto.
Prestando con la garanzia può erogare quanto e quando vuole poiché sarà la garanzia stessa che, passata alla BC, le conferirà automaticamente un credito che pareggerà/coprirà il prestito fatto, senza necessità alcuna di restare con percentuali varie.
Prestando senza invece, come "copertura" avrà il credito nel suo conto sorto con un precedente deposito e in caso di prelievi la banca sarà scoperta. In sostanza è questo che le causa problemi: prelievi che superano depositi facendola scendere a 0 nel conto, ma sono problemi risolvibili con rifinanziamenti o depositi nuovi.
Leggevo qui tra i commenti che per certi prestiti erogati senza garanzia, avrà un credito relativo alla possibilità, da parte del cliente, di rimborsare il prestito, perciò anche in questo caso non dovrà attingere da altro.
Emanuele Vairoletti

Francesco Fata
Messaggi: 894
Iscritto il: 10 ago 2009, 16:35
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roseto degli Abruzzi
azioni: scrittura articoli, studio aspetti tecnico-filosofici, studio idee di riforma monetaria, quota associativa, volantinaggio mirato, interventi sul web
Località: Roseto degli Abruzzi

Re: LA RISERVA FRAZIONARIA, Raccolta e prestiti di una banca

Messaggioda Francesco Fata » 21 mar 2014, 12:33

Perfetto. Direi che un 9+ te lo meriti. :D

circa questo:
LeleVairo ha scritto:Leggevo qui tra i commenti che per certi prestiti erogati senza garanzia, avrà un credito relativo alla possibilità, da parte del cliente, di rimborsare il prestito, perciò anche in questo caso non dovrà attingere da altro.


Sono i tipici "prestiti personali pagabili a rate" e garantiti ad es. da buste paga. Essendo prestiti con garanzia "ammissibile" dalla b.c., ciò dà diritto automaticamente al rifinanziamento.
Voglio troppo bene al popolo per pensare di votare gente che vuole particolarmente bene a se stessa.
Francesco Fata

----Francesco Fata (ex aggiocampà) ----


Torna a “Tecnica - Documenti”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono liberamente riproducibili purché sia citata e linkata la fonte (sono infatti rilasciati sotto una licenza Creative Commons BY-NC-SA 2.0) Il redattore non e' legalmente responsabile per i pensieri e le affermazioni espresse in questo blog dai visitatori. L'autore non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di errori in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su questo sito avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto. Questo sito non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 Comunque, Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. :: SE&O :: Salvo Errori et Omissioni "come scrivono le banche, in calce agli estratti conto, per evitare eventuali future azioni penali".