L' a-b-c del signoraggio

articoli, tesi..
Francesco Fata
Messaggi: 894
Iscritto il: 10 ago 2009, 16:35
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roseto degli Abruzzi
azioni: scrittura articoli, studio aspetti tecnico-filosofici, studio idee di riforma monetaria, quota associativa, volantinaggio mirato, interventi sul web
Località: Roseto degli Abruzzi

L' a-b-c del signoraggio

Messaggioda Francesco Fata » 16 nov 2010, 10:57

A USO E CONSUMO DEI NUOVI UTENTI
(ma volendo anche per qualche vecchio)

L' a b c della questione è piuttosto semplice:

La questione monetaria

Aspetto filosofico:

1) la moneta è uno strumento e non una ricchezza. E’ solo la rappresentazione cartacea (o elettronica) dei beni e servizi scambiati all’interno della collettività. Essa non essendo più legata all'oro di proprietà delle banche (ma prima del 71 era legata ad esso solo per meno del 5%) non può essere emessa dalle banche.

2) Essendo invece legata ai beni e servizi fatti ed eseguiti dalla collettività (beni e servizi pubblici/privati) essa deve necessariamente essere emessa dalla collettività

Aspetto politico/monetario/finanziario:

1) Essendo il sistema bancario un soggetto privato che può decidere autonomamente di immettere o meno moneta sul mercato, è indubbiamente sconveniente per la collettività, che uno o pochi soggetti decidano di provocare o meno anemia monetaria (e quindi crisi) concedendo o meno mutui e finanziamenti.

2) Concedendo, in vari modi, denaro a debito all'intera collettività e rivolendo indietro l'interesse (senza che esso sia stato emesso) è matematicamente impossibile rimborsare tutto il debito contratto.
Su questo punto ci sono in rete dei personaggi ignoranti che continuano a dire che il signoraggio (inteso come interesse) sull'emissione monetaria, rientri in circolo (e quindi alla collettività, rendendo possibile il pagamento dell'intero debito) in quanto il sistema bancario, facendo parte del circuito economico, dovrà per forza riutilizzare i propri utili derivanti dall'interesse di cui sopra.
Infatti, secondo loro (e secondo te), gli utili delle banche centrali tornano allo stato interamente, mentre gli utili delle banche commerciali saranno reimmessi per pagare i propri costi di gestione e l'avanzo sarà reinvestito in qualche modo nel circuito. Niente di più sbagliato:

a) L’utile della banca centrale italiana, ad esempio, NON E’ ASSOLUTAMENTE destinato interamente allo stato italiano, ma solo in parte. Su questa cosa non ci posso essere dubbi (vedasi gli articoli 39 e 40 dello statuto della banca d’italia).

b) La questione è che non esiste solo la banca d’italia ma ci sono soprattutto le banche commerciali. Esse avranno la facoltà di reimmettere la moneta rientrata (a titolo di interesse) come meglio credono, ma soprattutto, SE ….credono. Non per niente, la crisi degli ultimi due anni non è altro che una situazione di anemia monetaria dovuta al sistema bancario che dopo aver ritirato moneta tramite rimborso rate di finanziamenti, ha bloccato la quasi totalità dei nuovi mutui e una gran parte dei finanziamenti di altro genere.
Inoltre se la moneta venisse reimmessa per l’acquisto di beni e servizi, al limite il circuito si chiuderebbe, ma venendo reimmessa anche tramite nuovi prestiti è chiaro che ciò accrescerebbe lo squilibrio tra moneta circolante e debito da rimborsare.
Da qui si evince che l’interesse è il vero elemento squilibrante del sistema.

La questione dell’interesse

Con le cose che ho scritto sul forum sull’interesse, avrei potuto farci un trattato.
In breve…. un paio di cose: sia filosoficamente che economicamente è sbagliato, ingiusto e sconveniente il fatto di prestare una unità di qualcosa per poi pretenderne indietro un pezzo alla volta a titolo di interesse. Se presto un trattore si può pretendere una parte del raccolto a titolo di interesse ma di certo non il motore o le ruote, perché ciò farebbe perdere al trattore prestato la sua funzione. Così è per la moneta per la quale il concetto appena espresso si verifica tecnicamente nella realtà come spiegato al precedente punto 2).
Se ti presto un trattore e tu mi dai indietro il motore a titolo di interesse, tu sarai costretto a chiedermi di riprestarti il motore per continuare a lavorare e io (banchiere) avrò il potere di permetterti di continuare a lavorare o meno, se voglio. Questo è il potere che abbiamo dato ai banchieri privati. Se io (banchiere) decido (perché oggi sono buono) di riprestarti il motore, tu avrai ancora il tuo (suo) trattore ma dovrai restituire un trattore + un motore (che non hai).
Ti riporto un mio aforisma postato sul forum tempo fa:
Prestare denaro creato dal nulla, pretendendo periodicamente anche l'interesse e come prestare una sedia pretendendo periodicamente un piede della stessa. Cosa rimarrà alla fine? Il culo per terra!” [Francesco Fata 2010]

La questione dell’inflazione

Supponiamo che l’equazione di Fisher (secondo cui per avere stabilità dei prezzi occorre che la quantità di scambi sia uguale alla quantità di moneta circolante) sia giusta (come dire il contrario, almeno a livello teorico!). Peraltro è quella presa maggiormente a riferimento anche dagli accademici quando si parla di inflazione (almeno quelli un po’ più “assennati”). Ora, premesso che noi Primitivi non siamo mai stati minimamente favorevoli alla stampa a gò-gò della moneta, come potrebbe essere non rispettata l’equazione di fisher, se a fronte di un’emissione monetaria statale, lo stato realizza un’opera pubblica? Analizziamo la cosa:
Se lo stato fa costruire una scuola da 1.000.000 di €uro, stamperà il milione pagando le imprese che l’hanno costruita. Lo scambio di beni per un milione c’è stato (Pil) la moneta pari a un milione è stata creata. Dove sarebbe l’inflazione? I cialtroni che si trovano in rete dicono che si verificherebbe l’anno successivo quando la scuola non verrà più scambiata (quindi non farà aumentare il Pil) ma la moneta immessa l’anno prima (1.000.000) ancora è in circolazione. E’ chiaro che essi omettono di dire che le imprese che sono state pagata l’anno prima hanno pagato anch’esse i propri fornitori e i propri dipendenti, i quali successivamente avranno comprato e compreranno a loro volta altri beni e servizi che altri produttori avrebbero provveduto e provvederanno a produrre e a scambiare, facendo così incrementare quel Pil che andrà a pareggiare la quantità di moneta circolante. Ma se non dovesse accadere questo, a quel punto (e solo a quel punto) lo stato potrebbe provvedere a tassare la collettività quanto basta per riequilibrare l’equazione ritirando così moneta dal mercato.
Questa soluzione è attuabile più che altro per la difficile comprensione che l’inflazione (come dice Vito) è un falso problema. E’ ridicolo infatti tassare PREVENTIVAMENTE la collettività per almeno il 50% del proprio reddito per il timore della perdita di potere d’acquisto della moneta (inflazione). Perché? non è forse perdita di potere d’acquisto lavorare un anno, essere pagati per un anno di lavoro e restituire subito metà di quanto guadagnato? Siamo all’autolesionismo puro. L’inflazione è un metodo come un altro di riequilibrio della funzione monetaria, solo che secoli di accademia ci hanno insegnato il terrore per questo naturale processo.

La questione del reddito di cittadinanza

Erogare una quantità di moneta pro-capite, a prescindere dal lavoro di ognuno è una questione più volte oggetto di ironia e ilarità, se non addirittura di feroce contestazione. Questo in quanto questa modalità di immissione di liquidità nel mercato potrebbe sottintendere una stampa a gò-gò di moneta, deleteria per la famosa stabilità dei prezzi oltre a fatto che pochi vorrebbero lavorare se avessero un tot al mese gratuitamente . Noi Primitivi non siamo tutti concordi sull’applicazione di questo metodo. Peraltro è un argomento ancora da sviscerare per bene. Personalmente rispetto al passato ho cambiato idea sulla sua bontà. Ritengo che il lavoro debba essere anche se non soprattutto una funzione sociale. Quindi lo stato (in proprio o dando spazio a privati) dovrebbe garantire la piena occupazione (quando dico “piena” intendo “tutti tutti” …non il 99%) in cambio di denaro. Ma questa è una questione secondaria e non è inscindibile dalla sovranità monetaria statale.

Questo in breve.

Ora, tu (nuovo utente/incredulo/scettico) potrai contestare quanto appena letto solo da un punto di vista "politico" ma non certo da un punto di vista "tecnico/economico/monetario".
Potrai dire "no. La sovranità monetaria popolare non mi va bene perché poi, il politico potrà stamparsi i suoi bei 5 milioni di € a suo uso e consumo". A questo punto ti direi senza ombra di dubbio che un'argomentazione del genere è STUPIDA visto che con l'emissione monetaria statale il vero timoniere della società tornerebbe ad essere il popolo, anche se tramite il politico, ma ci sarebbe un unico responsabile visto che a quel punto egli (il politico) avrebbe tutti i mezzi necessari (la moneta in primis) per migliorare la società in tutti i suoi aspetti.
Se un politico (tramite la moneta, ora statale) porta la disoccupazione a zero, migliorando l'ambiente, la sanità, l'alimentazione, l'approvvigionamento di energia rinnovabile e tanto altro, a quel punto, se dovesse anche stamparsi i suoi 5 milioni di €....a me.....ch'amenefotte!
Voglio troppo bene al popolo per pensare di votare gente che vuole particolarmente bene a se stessa.
Francesco Fata

----Francesco Fata (ex aggiocampà) ----

sandropascucci
Messaggi: 12931
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: :: L' a-b-c del signoraggio ::

Messaggioda sandropascucci » 16 nov 2010, 11:12

x vito:

elenca qui i link che OGNI VOLTA dai in pasto ai "pigri".
dopo questa operazione non si darà più "spazio" alle piangine dei pigri/molestatori/fake.
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Francesco Fata
Messaggi: 894
Iscritto il: 10 ago 2009, 16:35
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roseto degli Abruzzi
azioni: scrittura articoli, studio aspetti tecnico-filosofici, studio idee di riforma monetaria, quota associativa, volantinaggio mirato, interventi sul web
Località: Roseto degli Abruzzi

Re: :: L' a-b-c del signoraggio ::

Messaggioda Francesco Fata » 16 nov 2010, 11:17

sandropascucci ha scritto:x vito:

elenca qui i link che OGNI VOLTA dai in pasto ai "pigri".
dopo questa operazione non si darà più "spazio" alle piangine dei pigri/molestatori/fake.


;)
Voglio troppo bene al popolo per pensare di votare gente che vuole particolarmente bene a se stessa.
Francesco Fata

----Francesco Fata (ex aggiocampà) ----

Avatar utente
Umiltao

Re: :: L' a-b-c del signoraggio ::

Messaggioda Umiltao » 17 nov 2010, 13:57

Lavori in corso. Rivolgersi alla titolare. Io do solo una mano. Comunque non penso occorra attendere ancora per molto. ;)

Non serve un mio ennesimo post di indirizzo sicuramente parziale. Direi di lasciare questo thread ormai avviato per la sua strada e di aprirne uno apposito sempre in sezione :: ABC INIZIA DA QUI :: che rimanga sempre per primo e composto da un unico post con indirizzamento alfabetico come da lavori in corso di cui sopra, dove nessuno possa fare eventuali post aggiuntivi oltre al webmaster e/o alla titolare del progetto (post aggiuntivi per eventuali comunicazioni).
Si tratterebbe infatti di un semplice ed efficiente sistema di indirizzamento che non deve essere rovinato in alcun modo da post di disturbo, nemmeno scritti da soci Primit.
Ultima modifica di Umiltao il 17 nov 2010, 14:04, modificato 1 volta in totale.

sandropascucci
Messaggi: 12931
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: :: L' a-b-c del signoraggio ::

Messaggioda sandropascucci » 17 nov 2010, 14:00

vabbè.. poteva venire un bel lavoro..
restiamo con 184 3d separati
184+1
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
Umiltao

Re: :: L' a-b-c del signoraggio ::

Messaggioda Umiltao » 17 nov 2010, 14:12

Ma se già c' è ed è completissimo e quasi pronto perché farne ancora?
Al limite si modifica un po' il titolo di questo thread, dato che il topic riguarda una guida logica per neofiti riguardo i vari concetti, non un elenco di discussioni raggruppate per argomenti in ordine alfabetico.

Là nel thread con l' elenco i pigri/molestatori/fake trovano gli argomenti, qui in questo thread invece possono trovare un riassunto o un punto di vista sugli argomenti stessi, da usare come base di partenza per altri ragionamenti.

Ricordando sempre che i pigri/molestatori/fake sono quello che sono e non occorre badarci più di tanto.
Queste guide servono in generale a tutti: neofiti, pigri, inutili fake©, troll, curiosoni, youtubianensi™, uomo della strada, supporter esterni, soci Primit, ecc.

Dopo questo thread e una volta creato l' altro con l' elenco alfabetico molto difficilmente risponderò a qualcuno dicendo "Va' lì, là, qui, qua...". Il dibattito deve svolgersi in ogni specifico thread su ogni merito e senza divagare. Non è pensabile che il forum venga usato come una chat in funzione di taxi gratuito perenne con sedili in pelle di rettiliano business class con massaggiatrici nude a scomparsa e plancia al coltan™ con pulsanti in avorio di elefante domestico plutoniano per ottenere la real-time-pap-pront©.
Il problema di fondo è che la tendenza dell' utente internettiano medio è sempre quella di impoverire le discussioni facendole decadere a inutili pettegolezzi tra comari tipo facebook et similia, col solo fine di evasione e sollazzo.
Il forum del Primit è antitetico a questo comune e deprimente modo di comportarsi. Deve essere paragonabile a una rivista specializzata. Chi non è capace di sostenere un appropriato livello di discussione o se ne vada subito o si becca il ban [da vecchie indiscrezioni ci sarebbe anche l' alternativa del ban-X© a disposizione, mi pare...].

Avatar utente
lillifata
Messaggi: 623
Iscritto il: 21 ago 2009, 9:09
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Sicilia
azioni: manovalanza di piazza, volantinaggio in proprio, costruzione cose.
Località: Caltagirone CT

Re: :: L' a-b-c del signoraggio ::

Messaggioda lillifata » 18 nov 2010, 6:56

Vabbè, quasi pronto non è...c'è ancora un mare di roba da inserire.
liliana sgarlata

sandropascucci
Messaggi: 12931
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

RE: L' a-b-c del signoraggio

Messaggioda sandropascucci » 18 nov 2010, 11:31

e anche questo thread è sputtanato.
bastava ELENCARE ciò che c'era da ELENCARE e che si elencherà senza dubbio al prossimo pigrofake..
non importa.. non tutti i progetti sono degni della vostra collaborazione, evidentemente.

torniamo alla situazione precedente..
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA


Torna a “Tecnica - Documenti”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono liberamente riproducibili purché sia citata e linkata la fonte (sono infatti rilasciati sotto una licenza Creative Commons BY-NC-SA 2.0) Il redattore non e' legalmente responsabile per i pensieri e le affermazioni espresse in questo blog dai visitatori. L'autore non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di errori in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su questo sito avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto. Questo sito non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 Comunque, Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. :: SE&O :: Salvo Errori et Omissioni "come scrivono le banche, in calce agli estratti conto, per evitare eventuali future azioni penali".