Case Ecologiche

tanto per..
sandropascucci
Messaggi: 12902
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Case Ecologiche

Messaggioda sandropascucci » 15 ott 2010, 10:02

 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
Christian Tambasco

Re: Case Ecologiche

Messaggioda Christian Tambasco » 15 ott 2010, 12:33

Case Ecologiche di Paglia (parte 1/3)

Case Ecologiche di Paglia (parte 2/3)

Case Ecologiche di Paglia (parte 3/3)

nel secondo video, parlando della bonifica di un asilo dall'amianto, i responsabili dicono una cosa molto importante, ovvero che le loro scelte circa il prendere una direzione bio o meno dipendevano dai costi...ho detto tutto

mr.spyder
Messaggi: 2428
Iscritto il: 9 ago 2009, 10:14
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: palermo - messina
azioni: volantinaggio,donazioni,
organizzazione eventi,sbus,
idee,manovalanza,
condivisione beni e servizi
fra PRIMITivi o volenterosi
a consapevolizzarsi sullla
moneta debito
Località: palermo - messina

Re: Case Ecologiche

Messaggioda mr.spyder » 15 ott 2010, 14:14

Antonio Prezia, detto spyder... anche se non è importante chi sei,ma cosa vuoi fare per cambiare il mondo.

mr.spyder
Messaggi: 2428
Iscritto il: 9 ago 2009, 10:14
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: palermo - messina
azioni: volantinaggio,donazioni,
organizzazione eventi,sbus,
idee,manovalanza,
condivisione beni e servizi
fra PRIMITivi o volenterosi
a consapevolizzarsi sullla
moneta debito
Località: palermo - messina

Re: Case Ecologiche

Messaggioda mr.spyder » 16 ott 2010, 11:15

Antonio Prezia, detto spyder... anche se non è importante chi sei,ma cosa vuoi fare per cambiare il mondo.

mr.spyder
Messaggi: 2428
Iscritto il: 9 ago 2009, 10:14
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: palermo - messina
azioni: volantinaggio,donazioni,
organizzazione eventi,sbus,
idee,manovalanza,
condivisione beni e servizi
fra PRIMITivi o volenterosi
a consapevolizzarsi sullla
moneta debito
Località: palermo - messina

Re: Case Ecologiche

Messaggioda mr.spyder » 16 ott 2010, 11:23

tralascio il fatto che è una multinazionale...
..ma l'idea mi piace molto,molto...

http://www.youtube.com/watch?v=68RJfGjH ... re=related

http://www.youtube.com/watch?v=BPZFXIBoqrg
Antonio Prezia, detto spyder... anche se non è importante chi sei,ma cosa vuoi fare per cambiare il mondo.

mr.spyder
Messaggi: 2428
Iscritto il: 9 ago 2009, 10:14
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: palermo - messina
azioni: volantinaggio,donazioni,
organizzazione eventi,sbus,
idee,manovalanza,
condivisione beni e servizi
fra PRIMITivi o volenterosi
a consapevolizzarsi sullla
moneta debito
Località: palermo - messina

Re: Case Ecologiche

Messaggioda mr.spyder » 16 ott 2010, 13:45

perché no??... :)

http://www.youtube.com/watch?v=Hl0PLWjk-DQ&feature=fvw

quando avremo portato a termine la causa...

...o un'alternativa valida durante la lotta...
Antonio Prezia, detto spyder... anche se non è importante chi sei,ma cosa vuoi fare per cambiare il mondo.

Avatar utente
francescalazzaro

Re: Case Ecologiche

Messaggioda francescalazzaro » 16 ott 2010, 18:55

Immagine solo...WOW!...Immagine

sandropascucci
Messaggi: 12902
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: Case Ecologiche

Messaggioda sandropascucci » 18 apr 2016, 9:00

IO VIVO IN UNA MONGOLFIERA! SI' MA SE STAI FERMO DUE NOTTI SULLO STESSO POSTO TE LA BUCO..

>
>
Casa-roulotte: sì all'ordinanza di demolizione se non si prova l'esigenza temporanea
TAR, Veneto-Venezia, sez. II, sentenza 21/01/2016

Di Giorgio Casiraghi Pubblicato il 15/04/2016
Tweet
DISCUTI
STAMPA
EMAIL
SALVA
La Sezione Seconda del T.A.R. per il Veneto, con la sentenza n. 57 depositata il 21/01/2016, conferma l’indirizzo giurisprudenziale secondo il quale qualunque tipo di manufatto, in mancanza del raggiungimento della prova atta a dimostrare che il loro utilizzo è solo temporaneo, deve essere dotato di titolo edilizio autorizzatorio, a prescindere dalle sue intrinseche caratteristiche e quindi, se non se ne rinviene la presenza, l’adozione dei provvedimenti repressivi da parte della P.A. competente è da considerarsi legittima.

Nella fattispecie decisa dal Tribunale veneto un soggetto proponeva ricorso avverso un’ordinanza mediante la quale erano state ingiunte la demolizione e la rimessione in pristino dei luoghi; il provvedimento era stato emesso da un comune a seguito di due sopralluoghi effettuati nel terreno di proprietà del privato stesso, al quale era stata rimproverata la presenza di quattro roulottes ed un autocarro, adibiti ad abitazione della propria famiglia ivi sistematasi, senza che sussistesse alcuna autorizzazione all’uopo rilasciata da parte della P.A..

Il privato aveva fatto presente che quei beni, tra l’altro dotati di impianti idraulici ed elettrici, rappresentassero le uniche possibilità alloggiative della famiglia, priva di alternative sul punto. L’ente locale, ritenuta la non condivisibilità di una simile giustificazione, emanava l’atto poi gravato sostenendo l’impossibilità di far rientrare quei mezzi nel novero delle opere precarie che, secondo l’art. 3, comma 1, lett. e.5 del D.P.R. 380/2001 (c.d. “Testo Unico dell’Edilizia”), consentono la loro posa senza autorizzazione; tale evenienza è infatti prevista solo qualora i beni siano “diretti a soddisfare esigenze meramente temporanee”, cosa evidentemente non accaduta in quel caso.

Per una migliore comprensione della fattispecie è opportuno riportare il dato normativo di riferimento ossia l’art. 3 del Testo Unico dell’Edilizia, rubricato “Definizione degli interventi edilizi”, il quale prescrive, per quanto di interesse ai fini dell’esame della sentenza in commento, che si intendono “interventi di nuova costruzione: … e.5) l’installazione di manufatti leggeri, anche prefabbricati, e di strutture di qualsiasi genere, quali roulottes, campers, case mobili, imbarcazioni, che siano utilizzati come abitazioni, ambienti di lavoro, oppure come depositi, magazzini e simili, ad eccezione di quelli che siano diretti a soddisfare esigenze meramente temporanee o siano ricompresi in strutture ricettive all’aperto per la sosta e il soggiorno dei turisti, previamente autorizzate sotto il profilo urbanistico, edilizio e, ove previsto, paesaggistico, in conformità alle normative regionali di settore”; trattasi di interventi che, come detto, devono essere effettuati solo in presenza di specifico titolo autorizzatorio.

Orbene, poiché l’eccezione alla regola è subordinata alla verifica della sussistenza dell’effettiva temporaneità di quelle necessità cui si sostiene siano preordinati i beni, il T.A.R. Veneto, appurata la non sussimibilità in tale categoria degli automezzi oggetto dell’ordinanza impugnata, ha respinto il ricorso, atteso l’incontestato (tanto più che sono stati gli stessi occupanti a dichiararne di averne fatta propria abitazione) utilizzo permanente dei medesimi.

In giurisprudenza, peraltro, si rinvengono numerosi precedenti giunti ad analoghe conclusioni, essendosi stratificato il principio secondo cui il requisito dirimente per appurare la precarietà o meno del manufatto non risiede nell’esame del bene in sé considerato bensì nel concreto uso che ne viene fatto, di talchè per evitare la necessità di dotarsi di un valido titolo edilizio non è sufficiente affermare né che il mezzo è ad esempio dotato di ruote, e quindi facilmente rimovibile, né tantomeno che l’impiego del bene sia solo astrattamente qualificabile come temporaneo: “La ‘precarietà’ dell’opera, che esonera dall'obbligo del possesso del permesso di costruire, ai sensi dell’art. 3, comma 1, lettera e.5, D.P.R. n. 380 del 2001, postula infatti un uso specifico e temporalmente delimitato del bene e non ammette che lo stesso possa essere finalizzato al soddisfacimento di esigenze (non eccezionali e contingenti, ma) permanenti nel tempo. Non possono, infatti, essere considerati manufatti destinati a soddisfare esigenze meramente temporanee quelli destinati a un'utilizzazione perdurante nel tempo, di talché l'alterazione del territorio non può essere considerata temporanea, precaria o irrilevante (in tal senso: Cons. Stato, VI, 3 giugno 2014, n. 2842)” (Cons. di Stato, Sez. VI, sent. n. 4116 del 04/09/2015); “la precarietà di un manufatto, la cui realizzazione non necessita di permesso di costruire, non dipende dai materiali utilizzati o dal suo sistema di ancoraggio al suolo, bensí dall'uso cui è destinato; pertanto, essa va esclusa quando trattasi di struttura destinata a dare un'utilità prolungata nel tempo (Cons. Stato, sez. V, 6 maggio 1991, n. 732) anche l'installazione di manufatti leggeri, quali prefabbricati, e di strutture di qualsiasi genere, quali roulottes, campers, cose mobili, imbarcazioni, che siano utilizzate come abitazioni, ambienti di lavoro, oppure come depositi, magazzini e simili e che non siano diretti a soddisfare esigenze meramente temporanee” (T.A.R. Napoli, Sez. IV, sent. n. 5236 del 09/11/2015); “Ciò che appare rilevante ai fini di ravvisare l’abuso edilizio … è l’accertamento della destinazione della struttura alla soddisfazione di esigenze di carattere durevole e prolungato, ex art. 3, comma 1, lett. e.5 d.P.R. n. 380/2001, che richiede il permesso di costruire solo per “l'installazione di manufatti leggeri, anche prefabbricati, e di strutture di qualsiasi genere, quali roulottes, campers, case mobili, imbarcazioni, che siano utilizzati come abitazioni, ambienti di lavoro, oppure come depositi, magazzini e simili, e che non siano diretti a soddisfare esigenze meramente temporanee”” (T.A.R. Brescia, Sez. I, sent. n. 1398 del 27/10/2015).

Con particolare riferimento alle roulottes, si veda quanto segue: “ciò che rileva ai fini della qualificazione della roulotte come costruzione è la destinazione impressale (cfr., fra le tante, Cons. St., sez. V, 27 aprile 2012 n. 2450): qualora come nel caso in esame – circostanza non affatto contestata dai ricorrenti con riguardo agli allacci abusivi alle utenze di luce, gas e acqua – funga da abitazione, occorre conseguire il permesso di costruire per essere installata e mantenuta nell’area di sedime” (T.A.R. Liguria, Sez. I, sent. n. 281 del 18/02/2014).

Conclusivamente si può affermare che, per poter sfuggire alla necessità che la loro erezione, posa o, come nella controversia decisa dalla sentenza oggetto del presente commento, parcheggio siano dotati di apposito titolo abilitativo, occorre che si vada ad appurare in concreto se le esigenze da soddisfare con quel manufatto siano effettivamente dotate del carattere della temporaneità; valutazione che è del tutto indipendente dall’analisi dei connotati materiali del bene in questione, ben potendosi verificare che mezzi agevolmente spostabili (come per l’appunto roulottes ed autocarri) siano, contrariamente alle apparenze, in realtà adoperati per la soddisfazione di bisogni non contingenti.
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA


Torna a “Eolo Eolico Vento Pale Energia Motori Terra”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono liberamente riproducibili purché sia citata e linkata la fonte (sono infatti rilasciati sotto una licenza Creative Commons BY-NC-SA 2.0) Il redattore non e' legalmente responsabile per i pensieri e le affermazioni espresse in questo blog dai visitatori. L'autore non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di errori in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su questo sito avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto. Questo sito non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 Comunque, Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. :: SE&O :: Salvo Errori et Omissioni "come scrivono le banche, in calce agli estratti conto, per evitare eventuali future azioni penali".