[DOSSIER n.09] Un'altra bocca da sfamare: la Banca del SUD

raccolta delle menzogne del SistemaIGB
sandropascucci
Messaggi: 12929
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

[DOSSIER n.09] Un'altra bocca da sfamare: la Banca del SUD

Messaggioda sandropascucci » 26 ott 2009, 15:06

Nasce la Banca del SUD o Banca del Mezzogiorno S.p.a.
VEDIAMO LA [ENNESIMA] PUTTANATA DEI SERVI DI IGB.

da: http://www.altalex.com/index.php?idu=42 ... dnot=47825
Istituita la Banca del Mezzogiorno
Disegno di legge approvato dal CdM il 15.10.2009

L'obiettivo principale è quello di "creare le condizioni finanziarie per uno sviluppo del credito nel Mezzogiorno, per un riequilibrio economico dell’intero territorio nazionale, per acquisire un rapporto più bilanciato fra impieghi e depositi nelle diverse aree del Paese, nonché per fare fronte ai problemi strutturali che tuttora incidono sul credito nel Mezzogiorno".


In particolare il provvedimento si basa su tre elementi ritenuti fondamentali:
• incrementare la capacità di offerta del sistema bancario e finanziario del Mezzogiorno;
• sostenere le iniziative imprenditoriali più meritevoli;
• canalizzare il risparmio verso iniziative economiche che creino occupazione nelle Regioni meridionali.

(Altalex, 20 ottobre 2009)


e già qui.. giù di risate..

andiamo sul tecnico:

Disegno di legge 15 ottobre 2009

Misure per il credito nel Mezzogiorno

Articolo 1
(Principi e finalità)

1. La presente legge ha l’obiettivo di contribuire al riequilibrio economico del territorio nazionale attraverso lo sviluppo del credito nel Mezzogiorno.
2. Gli strumenti e le istituzioni previste nella presente legge mirano:
a. ad aumentare la capacità di offerta del sistema bancario e finanziario del Mezzogiorno;
b. a sostenere le iniziative imprenditoriali maggiormente meritevoli di credito, incidendo sui costi di approvvigionamento delle risorse finanziarie necessarie agli investimenti;
c. a canalizzare il risparmio verso iniziative economiche che creano occupazione nel Mezzogiorno.
3. Nell’attuare la presente legge, lo Stato assume un ruolo di facilitatore di processi e dell’iniziativa privata. Le norme vengono attuate nel rispetto della vigente normativa nazionale e comunitaria e in particolare nell’ambito delle vigenti normative in materia di aiuti di Stato.
4. L’attuazione delle operazioni di cui all’art.2 e all’art. 4 della presente legge è subordinata ove necessario all’autorizzazione della Commissione Europea, con le procedure previste dall’articolo 88, paragrafo 3, del Trattato istituivo della Comunità Europea.

Articolo 2
(Banca del Mezzogiorno)

1. E’ istituito il Comitato promotore della "Banca del Mezzogiorno s.p.a." (di seguito Banca) di cui all’art. 6-ter del decreto legge 25 giugno 2008 n. 112 convertito in legge con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008 n. 133. Il Comitato è composto da un massimo quindici membri nominati dal Presidente del Consiglio dei Ministri su proposta del Ministro dell’economia e delle finanze, anche in rappresentanza delle categorie economiche e sociali, di cui almeno cinque espressione di soggetti bancari e finanziari con sede legale in una delle regioni del Mezzogiorno (Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sardegna e Sicilia) e uno di Poste Italiane s.p.a.. Il Comitato promotore è costituito senza oneri per la finanza pubblica.
2. E’ compito del Comitato promotore individuare e selezionare i soci fondatori, diversi dallo Stato, tra istituti di credito operanti nel Mezzogiorno, imprenditori o associazioni di imprenditori, società a partecipazione pubblica nonché tra altri soggetti che condividano le finalità della Banca così come definite al successivo comma 5. Il Comitato promotore, tra l’altro, definisce le regole di governo della Banca, gli apporti minimi di capitale necessari a soggetti diversi dallo Stato per partecipare in qualità di soci e le specifiche funzioni e attività in relazione a quanto definito dalla presente disposizione.
3. Per avviare l’iniziativa e favorire l’aggregazione di una maggioranza rappresentata da soggetti privati in accordo con la normativa in materia di aiuti di stato di cui all’articolo 1, quarto comma, considerata la fase di difficoltà del sistema creditizio nazionale e internazionale, lo Stato partecipa con un ammontare massimo pari a quello delle risorse iscritte in bilancio ai sensi dell’art. 6-ter del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, e mantenute nel conto residui del corrente esercizio finanziario.
4. La Banca agisce attraverso la rete di banche e delle istituzioni che aderiscono all’iniziativa con l’acquisto di azioni e può stipulare apposite convenzioni con Poste italiane s.p.a.. L’adesione implica, per le attività, i prodotti ed i servizi sviluppati o diffusi congiuntamente, l’affiancamento a quello proprio del marchio della Banca. L’adesione implica inoltre la preliminare definizione di modalità operative e di governo sinergiche, orientate a far identificare la Banca con la rete delle banche e istituzioni aderenti.
5. La Banca opera con la rete di cui al punto 4 per almeno cinque anni come istituzione finanziaria di secondo livello, sostenendo progetti di investimento nel Mezzogiorno e promuovendo in particolare il credito alle piccole e medie imprese anche con il supporto di intermediari finanziari con adeguato livello di patrimonializzazione. Il sostegno deve essere prioritariamente indirizzato a favorire la nascita di nuove imprese, l’imprenditorialità giovanile e femminile, l’aumento dimensionale e l’internazionalizzazione, al fine di creare maggiore occupazione. In particolare, come servizio reso alla rete delle banche e istituzioni aderenti, la Banca potrà:
i. favorire lo sviluppo di servizi e strumenti finanziari per il credito di medio-lungo termine nel Mezzogiorno, anche con l’emissione di obbligazioni e passività esplicitamente indirizzate a finanziare le piccole e medie imprese che investono nel Mezzogiorno; tali emissioni godono del regime di favore fiscale stabilito nel successivo articolo 4;
ii. emettere obbligazioni per finanziare specifici progetti infrastrutturali nel Mezzogiorno. L’emissione di tali obbligazioni nei primi due anni dalla prima emissione può essere assistita dalla garanzia dello Stato, che copre il capitale e gli interessi. Le obbligazioni sono emesse a condizioni di mercato con durata non inferiore a tre anni. Con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze vengono fissati criteri, modalità e condizioni economiche per la concessione della garanzia dello Stato nonché il volume complessivo di obbligazioni sui quali può essere prestata la garanzia. Il Ministero dell’economia e delle finanze effettua un monitoraggio semestrale al fine di verificare eventuali effetti di tali operazioni sui saldi di finanza pubblica e conseguentemente individuare idonei mezzi di copertura finanziaria. La garanzia dello Stato è inserita nell'elenco allegato allo stato di previsione del Ministero dell'economia e delle finanze ai sensi dell'articolo 13 della legge 5 agosto 1978, n. 468. Ai relativi eventuali oneri si provvede ai sensi dell'articolo 7, secondo comma, numero 2), della legge 5 agosto 1978, n. 468, con imputazione nell'ambito dell'unità previsionale di base 8.1.7 dello stato di previsione del Ministero dell'economia e delle finanze;
iii. acquisire dalle banche aderenti mutui a medio-lungo termine di piccole e medie imprese del Mezzogiorno con adeguato merito di credito per creare portafogli efficienti in termini di diversificazione e riduzione del rischio da cedere al mercato. Eventuali emissioni di titoli rappresentativi di tali portafogli possono essere assistiti dalla garanzia del Fondo di cui all’articolo 2, comma 100, lettera a), della legge 23 dicembre 1996, n. 662 a seguito di istruttoria sul sottostante da parte del Comitato di Gestione del Fondo stesso. Con decreto del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze sono stabiliti criteri e modalità per la concessione della garanzia, ivi incluso le condizioni economiche nonché l’ammontare massimo che può essere assistito dalla garanzia del Fondo citato.
iv. offrire consulenza e assistenza alle piccole e medie imprese per l’utilizzo degli strumenti di agevolazione messi a disposizione da amministrazioni pubbliche, istituzioni multilaterali e organismi sopranazionali;
v. stimolare e sostenere la nascita di nuove banche a vocazione territoriale nelle aree del Mezzogiorno.
6. Entro tre mesi dall’entrata in vigore della presente legge, il Comitato promotore presenta una relazione al Ministro dell’economia e delle finanze sullo stato di avanzamento del progetto. Con successivo decreto, il Ministro dell’economia e delle finanze può revocare il finanziamento come socio fondatore, se lo stato di avanzamento non è ritenuto soddisfacente. In ogni caso, le necessarie autorizzazioni di cui all’art. 14 del Testo Unico Bancario dovranno essere richieste entro 12 mesi dall’approvazione della presente legge.
7. Al termine della fase di avvio, e comunque decorsi cinque anni dall’inizio dell’operatività della Banca, l’intera partecipazione posseduta dallo Stato, salvo un’azione, è ridistribuita tra i soci fondatori privati. I soci fondatori prevedono nello Statuto le modalità per l’acquisizione delle azioni sottoscritte dallo Stato al momento della fondazione. Ogni altra partecipazione detenuta da un ente appartenente alla pubblica amministrazione di cui all’elenco ISTAT pubblicato ai sensi dell'art. 1, comma 5, della Legge 30 dicembre 2004, n. 311 deve prevedere un trattamento analogo alle azioni possedute dallo Stato. Resta fermo che la partecipazione pubblica non può in nessun caso ed in nessun momento rappresentare la maggioranza delle azioni sottoscritte.

Articolo 3
(Sviluppo del sistema del credito cooperativo)

1. Per favorire la crescita di una rete bancaria sul territorio e sostenere la crescita della Banca del Mezzogiorno s.p.a., nelle banche di credito cooperativo autorizzate all’attività bancaria successivamente alla data di entrata in vigore della presente legge è ammessa, per un periodo massimo di 5 anni dall’autorizzazione stessa, l’emissione di azioni di finanziamento di cui all’articolo 2526 del codice civile. Le azioni sono sottoscrivibili solo da parte di fondi mutualistici per la promozione e lo sviluppo della cooperazione di cui alla legge 31 gennaio 1992, n. 59 in deroga ai limiti di cui all’art. 34, commi 2 e 4 del decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385.
2. Se necessario, in base alla vigente normativa, con propri decreti il Ministro dell’economia e delle finanze può autorizzare enti e società partecipate a contribuire, in qualità di soci finanziatori, alla sottoscrizione del capitale di banche di credito cooperativo autorizzate all’attività bancaria successivamente alla data di entrata in vigore della presente legge e comunque non oltre i cinque anni.
3. L’ammontare del capitale complessivamente sottoscrivibile dai soci finanziatori di cui al comma 1 non può superare la misura di un terzo del capitale sociale esistente al momento dell’emissione delle azioni di finanziamento. Le azioni di finanziamento non possono essere cedute con effetto verso la banca, se la cessione non è autorizzata dal consiglio di amministrazione.
4. Ogni socio finanziatore ha un voto, qualunque sia il numero delle azioni di finanziamento possedute. La categoria dei soci finanziatori ha il diritto di designare un componente del consiglio di amministrazione ed un componente del collegio sindacale.
5. Le azioni di finanziamento devono essere rimborsate decorsi dieci anni dalla loro sottoscrizione. Le modalità di liquidazione delle partecipazioni così acquisite sono stabilite in un apposito piano predisposto dalla banca e sottoposto alla preventiva approvazione della Banca d’Italia.
6. Con decreto del Ministero dell’economia e delle finanze, sentita la Banca d’Italia, sono stabilite le disposizioni attuative del presente articolo.

Articolo 4
(Titoli di risparmio per l’economia meridionale)

1. Al fine di favorire la canalizzazione del risparmio verso iniziative economiche che creano occupazione nel Mezzogiorno si stabilisce quanto segue:
a. le disposizioni del decreto legislativo 1° aprile 1996, n. 239 si applicano a strumenti finanziari con scadenza non inferiore a diciotto mesi, sottoscritti da persone fisiche non esercenti attività di impresa ed emessi da banche per sostenere progetti di investimento di medio-lungo termine di piccole e medie imprese del Mezzogiorno. Sugli interessi di cui all’articolo 2 del decreto legislativo n. 239 del 1996 relativi ai suddetti titoli si applica una aliquota di favore nella misura del cinque per cento;
b. l’imposta di cui alla lettera a) del presente comma si applica sugli interessi relativi ad un ammontare di titoli non superiore a 100.000 euro per ciascun sottoscrittore e a condizione che il periodo di tempo intercorrente tra le operazioni di acquisto e di cessione dei titoli non sia inferiore a dodici mesi.
2. Con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze, sentite le competenti autorità di vigilanza, vengono stabilite le modalità attuative del presente articolo ivi inclusa le modalità di rendicontazione delle iniziative in tal modo finanziate, i limiti annuali di emissioni che possono beneficiare dell’imposta sostitutiva nella misura fissata nel comma 1 del presente articolo.
3. Con decreto del Ministero dell’economia e delle finanze, è concesso il beneficio fiscale previa verifica della conformità dello strumento con le finalità del presente articolo e del rispetto delle condizioni fissate nel decreto di cui al comma 2. Il beneficio fiscale si applica agli strumenti finanziari emessi successivamente alla adozione del decreto di cui al primo periodo.
4. Il monitoraggio sugli impieghi attivati dagli strumenti di cui al presente articolo è affidato per cinque anni alla Banca di cui all’art. 2 mediante apposita convenzione da stipularsi con le istituzioni finanziarie emittenti.

Articolo 5
(Destinazione dei fondi provenienti da raccolta effettuata da Poste Italiane s.p.a. per attività di bancoposta presso la clientela finale)

1. Al comma 1097 della legge n. 296/2006, dopo le parole "titoli governativi dell’area dell’euro" sono aggiunte le seguenti parole: "e per una quota pari a massimo il cinque per cento dei fondi in altri titoli se assistiti dalla garanzia dello Stato italiano".


vediamone un pezzo alla volta..
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12929
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [Dossier n.09] Un'altra bocca da sfamare: la Banca del SUD

Messaggioda sandropascucci » 26 ott 2009, 15:28

> Disegno di legge 15 ottobre 2009
Misure per il credito nel Mezzogiorno


riciccia l'assistenzialismo al Sud, già dimostratosi [l'assistenzialismo] una sonora FUFFA. tutti ricordano la "famosa" Cassa del Mezzogiorno, nata nel 50/51 e [graziaddio] morta nel '92 con risultati pari a ZERO, anzi: centinaia di migliaia di miliardi di lire [200-300MILAMILIARDI, mica cetriolini] persi nel NULLA (che poi il NULLA, lo sappiamo, sono le tasche delle BANCHE, dei POLITICI e della MAFIA - che cerca, poverina, di imparare dai primi due).

> Articolo 1
(Principi e finalità)


qui è dove di solito mettono le puttanate più grosse, le parole altisonanti, gli idealismi beceri e le incongruenze più divertenti..

> 1. La presente legge ha l’obiettivo di contribuire al riequilibrio economico del territorio nazionale attraverso lo sviluppo del credito nel Mezzogiorno.

UAGH! UAGH! UAGH!
già la parola "credito" fa ridere, dato che ciò che esce dalla una qualsiasi banca è DEBITO e non "credito"..
capovolgere i termini è in linea con il mondo attuale, che pare girare al contrario.

> 2. Gli strumenti e le istituzioni previste nella presente legge mirano:
a. ad aumentare la capacità di offerta del sistema bancario e finanziario del Mezzogiorno;


facciamo i seri: ma perché manca la presenza di Istituti di "credito" (credito? ah! ah! ah!) nel Sud?
l'attuale struttura bancaria era sprovvista forse di propri sportelli e personale e competenze e mezzi al Sud?
cos'era un PIANETA A PARTE irraggiungibile dai cargo portatori di credito (credito? ah! ah! ah!) del nord?
serve creare una struttura totalmente nuova (nuova? ah! ah! ah!) per far arrivare il "credito" (credito? ah! ah! ah!) alle persone e imprese del Sud?

> b. a sostenere le iniziative imprenditoriali maggiormente meritevoli di credito, incidendo sui costi di approvvigionamento delle risorse finanziarie necessarie agli investimenti;

BOOM! il NULLA scritto nero su bianco!
"approvigionamento" ?? ma non stai mica scavando una roccia su un pianeta senz'acqua..
si parla di bit su un computer. vuoi 100? scrivi in una casella "100". tutto qui.
non serve costruirci una capanna attorno al pozzo.. come non serve aprire una nuova banca per approvvigionarsi a delle "risorse finanziarie necessarie agli investimenti".
sei di Palermo e vuoi aprire una attività? vai in una agenzia [già esistente] e chiedi un fido.. al massimo telefoneranno a Milano.. manderanno un fax a Francoforte.. una mail a Losanna.. ci andiamo a costruire FISICAMENTE una BANCA di cemento armato piena di DIRIGENTI IPERPAGATI per "approvvigionarsi di.. di una serie BIT??

> c. a canalizzare il risparmio verso iniziative economiche che creano occupazione nel Mezzogiorno.

ok.. e chi te lo impediva ora? nessuno. però ora hai un migliaio di poltrone da distribuire a chi cazzo ti pare.. bene!

> 3. Nell’attuare la presente legge, lo Stato assume un ruolo di facilitatore di processi e dell’iniziativa privata. Le norme vengono attuate nel rispetto della vigente normativa nazionale e comunitaria e in particolare nell’ambito delle vigenti normative in materia di aiuti di Stato.

traduzione: lo Stato, in piena deficienza di sovranità monetaria, farà la parte del POLLO. infatti la "vigente normativa" (1) IMPEDISCE qualsiasi AIUTO statale e (2) rimette ogni POTERE ai servi di IGB, con sede Basilea.

> 4. L’attuazione delle operazioni di cui all’art.2 e all’art. 4 della presente legge è subordinata ove necessario all’autorizzazione della Commissione Europea, con le procedure previste dall’articolo 88, paragrafo 3, del Trattato istituivo della Comunità Europea.

aò! l'ho scritto prima.. senza manco leggerlo questo! CVD!

..continua..

Articolo 2
(Banca del Mezzogiorno)

1. E’ istituito il Comitato promotore della "Banca del Mezzogiorno s.p.a." (di seguito Banca) di cui all’art. 6-ter del decreto legge 25 giugno 2008 n. 112 convertito in legge con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008 n. 133. Il Comitato è composto da un massimo quindici membri nominati dal Presidente del Consiglio dei Ministri su proposta del Ministro dell’economia e delle finanze, anche in rappresentanza delle categorie economiche e sociali, di cui almeno cinque espressione di soggetti bancari e finanziari con sede legale in una delle regioni del Mezzogiorno (Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sardegna e Sicilia) e uno di Poste Italiane s.p.a.. Il Comitato promotore è costituito senza oneri per la finanza pubblica.
2. E’ compito del Comitato promotore individuare e selezionare i soci fondatori, diversi dallo Stato, tra istituti di credito operanti nel Mezzogiorno, imprenditori o associazioni di imprenditori, società a partecipazione pubblica nonché tra altri soggetti che condividano le finalità della Banca così come definite al successivo comma 5. Il Comitato promotore, tra l’altro, definisce le regole di governo della Banca, gli apporti minimi di capitale necessari a soggetti diversi dallo Stato per partecipare in qualità di soci e le specifiche funzioni e attività in relazione a quanto definito dalla presente disposizione.
3. Per avviare l’iniziativa e favorire l’aggregazione di una maggioranza rappresentata da soggetti privati in accordo con la normativa in materia di aiuti di stato di cui all’articolo 1, quarto comma, considerata la fase di difficoltà del sistema creditizio nazionale e internazionale, lo Stato partecipa con un ammontare massimo pari a quello delle risorse iscritte in bilancio ai sensi dell’art. 6-ter del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, e mantenute nel conto residui del corrente esercizio finanziario.
4. La Banca agisce attraverso la rete di banche e delle istituzioni che aderiscono all’iniziativa con l’acquisto di azioni e può stipulare apposite convenzioni con Poste italiane s.p.a.. L’adesione implica, per le attività, i prodotti ed i servizi sviluppati o diffusi congiuntamente, l’affiancamento a quello proprio del marchio della Banca. L’adesione implica inoltre la preliminare definizione di modalità operative e di governo sinergiche, orientate a far identificare la Banca con la rete delle banche e istituzioni aderenti.
5. La Banca opera con la rete di cui al punto 4 per almeno cinque anni come istituzione finanziaria di secondo livello, sostenendo progetti di investimento nel Mezzogiorno e promuovendo in particolare il credito alle piccole e medie imprese anche con il supporto di intermediari finanziari con adeguato livello di patrimonializzazione. Il sostegno deve essere prioritariamente indirizzato a favorire la nascita di nuove imprese, l’imprenditorialità giovanile e femminile, l’aumento dimensionale e l’internazionalizzazione, al fine di creare maggiore occupazione. In particolare, come servizio reso alla rete delle banche e istituzioni aderenti, la Banca potrà:
i. favorire lo sviluppo di servizi e strumenti finanziari per il credito di medio-lungo termine nel Mezzogiorno, anche con l’emissione di obbligazioni e passività esplicitamente indirizzate a finanziare le piccole e medie imprese che investono nel Mezzogiorno; tali emissioni godono del regime di favore fiscale stabilito nel successivo articolo 4;
ii. emettere obbligazioni per finanziare specifici progetti infrastrutturali nel Mezzogiorno. L’emissione di tali obbligazioni nei primi due anni dalla prima emissione può essere assistita dalla garanzia dello Stato, che copre il capitale e gli interessi. Le obbligazioni sono emesse a condizioni di mercato con durata non inferiore a tre anni. Con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze vengono fissati criteri, modalità e condizioni economiche per la concessione della garanzia dello Stato nonché il volume complessivo di obbligazioni sui quali può essere prestata la garanzia. Il Ministero dell’economia e delle finanze effettua un monitoraggio semestrale al fine di verificare eventuali effetti di tali operazioni sui saldi di finanza pubblica e conseguentemente individuare idonei mezzi di copertura finanziaria. La garanzia dello Stato è inserita nell'elenco allegato allo stato di previsione del Ministero dell'economia e delle finanze ai sensi dell'articolo 13 della legge 5 agosto 1978, n. 468. Ai relativi eventuali oneri si provvede ai sensi dell'articolo 7, secondo comma, numero 2), della legge 5 agosto 1978, n. 468, con imputazione nell'ambito dell'unità previsionale di base 8.1.7 dello stato di previsione del Ministero dell'economia e delle finanze;
iii. acquisire dalle banche aderenti mutui a medio-lungo termine di piccole e medie imprese del Mezzogiorno con adeguato merito di credito per creare portafogli efficienti in termini di diversificazione e riduzione del rischio da cedere al mercato. Eventuali emissioni di titoli rappresentativi di tali portafogli possono essere assistiti dalla garanzia del Fondo di cui all’articolo 2, comma 100, lettera a), della legge 23 dicembre 1996, n. 662 a seguito di istruttoria sul sottostante da parte del Comitato di Gestione del Fondo stesso. Con decreto del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze sono stabiliti criteri e modalità per la concessione della garanzia, ivi incluso le condizioni economiche nonché l’ammontare massimo che può essere assistito dalla garanzia del Fondo citato.
iv. offrire consulenza e assistenza alle piccole e medie imprese per l’utilizzo degli strumenti di agevolazione messi a disposizione da amministrazioni pubbliche, istituzioni multilaterali e organismi sopranazionali;
v. stimolare e sostenere la nascita di nuove banche a vocazione territoriale nelle aree del Mezzogiorno.
6. Entro tre mesi dall’entrata in vigore della presente legge, il Comitato promotore presenta una relazione al Ministro dell’economia e delle finanze sullo stato di avanzamento del progetto. Con successivo decreto, il Ministro dell’economia e delle finanze può revocare il finanziamento come socio fondatore, se lo stato di avanzamento non è ritenuto soddisfacente. In ogni caso, le necessarie autorizzazioni di cui all’art. 14 del Testo Unico Bancario dovranno essere richieste entro 12 mesi dall’approvazione della presente legge.
7. Al termine della fase di avvio, e comunque decorsi cinque anni dall’inizio dell’operatività della Banca, l’intera partecipazione posseduta dallo Stato, salvo un’azione, è ridistribuita tra i soci fondatori privati. I soci fondatori prevedono nello Statuto le modalità per l’acquisizione delle azioni sottoscritte dallo Stato al momento della fondazione. Ogni altra partecipazione detenuta da un ente appartenente alla pubblica amministrazione di cui all’elenco ISTAT pubblicato ai sensi dell'art. 1, comma 5, della Legge 30 dicembre 2004, n. 311 deve prevedere un trattamento analogo alle azioni possedute dallo Stato. Resta fermo che la partecipazione pubblica non può in nessun caso ed in nessun momento rappresentare la maggioranza delle azioni sottoscritte.

Articolo 3
(Sviluppo del sistema del credito cooperativo)

1. Per favorire la crescita di una rete bancaria sul territorio e sostenere la crescita della Banca del Mezzogiorno s.p.a., nelle banche di credito cooperativo autorizzate all’attività bancaria successivamente alla data di entrata in vigore della presente legge è ammessa, per un periodo massimo di 5 anni dall’autorizzazione stessa, l’emissione di azioni di finanziamento di cui all’articolo 2526 del codice civile. Le azioni sono sottoscrivibili solo da parte di fondi mutualistici per la promozione e lo sviluppo della cooperazione di cui alla legge 31 gennaio 1992, n. 59 in deroga ai limiti di cui all’art. 34, commi 2 e 4 del decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385.
2. Se necessario, in base alla vigente normativa, con propri decreti il Ministro dell’economia e delle finanze può autorizzare enti e società partecipate a contribuire, in qualità di soci finanziatori, alla sottoscrizione del capitale di banche di credito cooperativo autorizzate all’attività bancaria successivamente alla data di entrata in vigore della presente legge e comunque non oltre i cinque anni.
3. L’ammontare del capitale complessivamente sottoscrivibile dai soci finanziatori di cui al comma 1 non può superare la misura di un terzo del capitale sociale esistente al momento dell’emissione delle azioni di finanziamento. Le azioni di finanziamento non possono essere cedute con effetto verso la banca, se la cessione non è autorizzata dal consiglio di amministrazione.
4. Ogni socio finanziatore ha un voto, qualunque sia il numero delle azioni di finanziamento possedute. La categoria dei soci finanziatori ha il diritto di designare un componente del consiglio di amministrazione ed un componente del collegio sindacale.
5. Le azioni di finanziamento devono essere rimborsate decorsi dieci anni dalla loro sottoscrizione. Le modalità di liquidazione delle partecipazioni così acquisite sono stabilite in un apposito piano predisposto dalla banca e sottoposto alla preventiva approvazione della Banca d’Italia.
6. Con decreto del Ministero dell’economia e delle finanze, sentita la Banca d’Italia, sono stabilite le disposizioni attuative del presente articolo.

Articolo 4
(Titoli di risparmio per l’economia meridionale)

1. Al fine di favorire la canalizzazione del risparmio verso iniziative economiche che creano occupazione nel Mezzogiorno si stabilisce quanto segue:
a. le disposizioni del decreto legislativo 1° aprile 1996, n. 239 si applicano a strumenti finanziari con scadenza non inferiore a diciotto mesi, sottoscritti da persone fisiche non esercenti attività di impresa ed emessi da banche per sostenere progetti di investimento di medio-lungo termine di piccole e medie imprese del Mezzogiorno. Sugli interessi di cui all’articolo 2 del decreto legislativo n. 239 del 1996 relativi ai suddetti titoli si applica una aliquota di favore nella misura del cinque per cento;
b. l’imposta di cui alla lettera a) del presente comma si applica sugli interessi relativi ad un ammontare di titoli non superiore a 100.000 euro per ciascun sottoscrittore e a condizione che il periodo di tempo intercorrente tra le operazioni di acquisto e di cessione dei titoli non sia inferiore a dodici mesi.
2. Con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze, sentite le competenti autorità di vigilanza, vengono stabilite le modalità attuative del presente articolo ivi inclusa le modalità di rendicontazione delle iniziative in tal modo finanziate, i limiti annuali di emissioni che possono beneficiare dell’imposta sostitutiva nella misura fissata nel comma 1 del presente articolo.
3. Con decreto del Ministero dell’economia e delle finanze, è concesso il beneficio fiscale previa verifica della conformità dello strumento con le finalità del presente articolo e del rispetto delle condizioni fissate nel decreto di cui al comma 2. Il beneficio fiscale si applica agli strumenti finanziari emessi successivamente alla adozione del decreto di cui al primo periodo.
4. Il monitoraggio sugli impieghi attivati dagli strumenti di cui al presente articolo è affidato per cinque anni alla Banca di cui all’art. 2 mediante apposita convenzione da stipularsi con le istituzioni finanziarie emittenti.

Articolo 5
(Destinazione dei fondi provenienti da raccolta effettuata da Poste Italiane s.p.a. per attività di bancoposta presso la clientela finale)

1. Al comma 1097 della legge n. 296/2006, dopo le parole "titoli governativi dell’area dell’euro" sono aggiunte le seguenti parole: "e per una quota pari a massimo il cinque per cento dei fondi in altri titoli se assistiti dalla garanzia dello Stato italiano".
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
ciottabenni

Re: [Dossier n.09] Un'altra bocca da sfamare: la Banca del SUD

Messaggioda ciottabenni » 27 ott 2009, 1:53

beh Capitano,dando per assunto che si tratti di un ulteriore modo per canalizzare "risorse" a chi di dovere.
Però devo fare mea culpa, nel senso che commercialmente i miei concittadini hanno devastato la fiducia sia dell industria che del credebito.
Società fondate oggi che falliscono chirurgicamente tra un mese.
Se vuoi, se tenti, di aprire un attività qualsiasi in conto vendita oggi, non troverai nessun produttore disposto a darti un chiodo senza i soldi necessari, e questo perchè hanno visto sfumare nn saprei quantificare quanti, quindi preferisco convenzionare la produzione in tempo, dicevo che hanno visto sfumare almeno 50 anni di lavoro così senza capirne il modo.
Lo stesso vale per le banche. Escludendo per un attimo tutto quello che sappiamo, e pur vero che la mancanza di credito deriva essenzialmente dalla mancanza di fiducia, perchè se esistono persone oneste che nn riescono a pagare il mutuo e che di conseguenza perderanno nn solo soldi e immobile ma sopratutto perderanno il diritto di firma, perchè a mio avviso e l' aspetto più triste dell'insolvenza, esistono i cosidetti "TESTADILEGNO" che alle banche cosi come alle assicurazioni gli hanno rotto il culo.
Quindi se lo stato non potendo aiutare direttamente si pone da garante in questo senso ,e cioè in quello della fiducia, nn so esprimermi in senso negativo.Ma sono di parte e quindi ,ne converrai, poco attendibile.

sandropascucci
Messaggi: 12929
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [Dossier n.09] Un'altra bocca da sfamare: la Banca del SUD

Messaggioda sandropascucci » 27 ott 2009, 11:45

ma lo Stato non si farà garante.. nei commenti lo indicherò.. [dopo mi ci metto a finire il pezzo]
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
lillifata
Messaggi: 623
Iscritto il: 21 ago 2009, 9:09
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Sicilia
azioni: manovalanza di piazza, volantinaggio in proprio, costruzione cose.
Località: Caltagirone CT

Re: [Dossier n.09] Un'altra bocca da sfamare: la Banca del SUD

Messaggioda lillifata » 28 ott 2009, 7:59

ciottabenni ha scritto:Lo stesso vale per le banche. Escludendo per un attimo tutto quello che sappiamo,
....
e no!...includiamo, includiamo tutto quello che sappiamo...altrimenti il punto di partenza dell'analisi è falsato...scusa se mi permetto, ma siamo qui anche per rileggere tutto con gli occhi di chi sa. Non possiamo escludere quello che sappiamo, nemmeno per un attimo.
Quindi quello che dici ha un senso ...ma non alla luce di tutto quello che sappiamo.
Ed ancora: l'unico vero deficit di fiducia dovrebbero averlo le persone nei confronti delle banche, non il contrario...alla luce di quello che sappiamo, le banche non ci mettono niente, un pugno di menzogne e secoli di robe terrificanti...le persone ci mettono case, lavoro, tempo e vita.
Il ruolo dello Stato?..a quanto dicono: "Lo Stato, in questo progetto, assume il ruolo di facilitatore di processi e dell’iniziativa privata. Entra come socio promotore e la scommessa - come ha dichiarato il ministro Tremonti in conferenza stampa - è che la banca “vada avanti con le proprie gambe”....
che altro c'è da aggiungere?
liliana sgarlata

Avatar utente
ciottabenni

Re: [Dossier n.09] Un'altra bocca da sfamare: la Banca del SUD

Messaggioda ciottabenni » 30 ott 2009, 1:05

lillifata ha scritto:e no!...includiamo, includiamo tutto quello che sappiamo...altrimenti il punto di partenza dell'analisi è falsato...scusa se mi permetto, ma siamo qui anche per rileggere tutto con gli occhi di chi sa. Non possiamo escludere quello che sappiamo, nemmeno per un attimo.
Quindi quello che dici ha un senso ...ma non alla luce di tutto quello che sappiamo.

sono daccordo con quello che dici.Ma di fatti nn intendevo legittimare la banca del sud come istituto, ma volevo leggere l'operato del governo in seno a questa istituzione e ,purtroppo , allo stato attuale delle cose ,di cui noi abbiamo consapevolezza.
Ed ancora: l'unico vero deficit di fiducia dovrebbero averlo le persone nei confronti delle banche, non il contrario...alla luce di quello che sappiamo, le banche non ci mettono niente, un pugno di menzogne e secoli di robe terrificanti...le persone ci mettono case, lavoro, tempo e vita.

Esatto. ma il tuo dovrebbero e ciò di cui parlavo. Allo stato attuale ed in una situazione creditizia come quella attuale,il sud ,anche per colpe oggettive, e ancora più penalizzato.
Il ruolo dello Stato?..a quanto dicono: "Lo Stato, in questo progetto, assume il ruolo di facilitatore di processi e dell’iniziativa privata. Entra come socio promotore e la scommessa - come ha dichiarato il ministro Tremonti in conferenza stampa - è che la banca “vada avanti con le proprie gambe”....

Io voglio essere ottimista. Intanto perchè,se ho informazioni corrette, l'istituto dovrebbe avere la forma di credito cooperativo, poi lo scrissi tempo fa, mi voglio illudere che la lega cerchi di creare tensioni tra la sudditanza politica e la dittatura bancaria.
Perchè Tremonti ci ha fatto una figura di merda con i bond, e nn riesce a digerirlo, lo leggo dalle tensioni con il premier.
E se lo stato da disponibilità ad aperture di credito che ,ripeto, allo stato attuale sarebbe come una fontana nel deserto, nessuna banca può chiudere il rubinetto.
che altro c'è da aggiungere?

per esempio...che SCHIFO

Avatar utente
Karlrex

Re: [Dossier n.09] Un'altra bocca da sfamare: la Banca del SUD

Messaggioda Karlrex » 11 mar 2010, 12:53

ecco cosa sarà, non un carrozzone ma uno sfascia carrozze :mrgreen: :

!
11/3/2010 (10:26) - CRISI- LA RICETTA DELL'ESECUTIVO
Il governo: ecco la banca del Sud
"Dobbiamo cavalcare l'ottimismo"
Il ministro dell'Economia Giulio Tremonti
Berlusconi: «Non è un carrozzone»
Tremonti: «Una cosa straordinaria»
ROMA
Il governo ha presentato la banca del Sud. «Non sarà un carrozzone», ha detto Berlusconi, che ha spiegato il progetto insieme al suo principale fautore Tremonti. La Banca del Sud è «una cosa straordinariamente positiva», ha detto il ministro del Tesoro. «Non è stato facile - ha spiegato - è un cammino iniziato da lontano, ci sono state interruzioni, difficoltà, ultima quella del numero di persone che volevano partecipare. Le associazioni e i rappresentanti dell’economia e della società che hanno fatto richiesta di partecipare sono stati tantissimi e - ha concluso il ministro - questo è già un primo segnale».

«Appena c’è uno sportello con il logo della Banca del Mezzogiorno, vado e faccio un deposito» ha detto Tremonti. La Banca del Sud «non è un carrozzone, non sta in piedi con i soldi dei contribuenti», ha assicurato il presidente del Consiglio, che ha garantito «l’assoluto sostegno» del governo. «Il ruolo dello Stato - ha spiegato Berlusconi - è quello di promotore. La Banca è costituita da un nucleo di soci privati con una partecipazione dello Stato minoritaria e che sarà dismessa entro cinque anni». Il Governo, ha aggiunto il premier, «sarà vicino per quello che potrà fare» e in particolare «la sburocratizzazione delle amministrazioni locali con interventi normativi ma anche con la persuasione del presidente del Consiglio e dei ministri dell’Economia e dello Sviluppo». Proprio la sburocratizzazione, ha ricordato Berlusconi, «è uno degli impegni presi da tutti i candidati del centrodestra alle regionali», ad esempio per arrivare alla possibilità di «aprire una impresa in 24 ore senza le numerose autorizzazioni preventive».

Il premier ha approfittato dell’occasione anche per fare il punto sulla crisi. «Dopo una forte crisi, stiamo iniziando la risalita che non sarà veloce ma è sempre una risalita», ha detto. Il Cavaliere ha ribadito che l’Italia sta uscendo dalla recessione «meglio di altri», con «i conti pubblici sotto controllo» e ha dato atto al ministro Tremonti e ai suoi collaboratori di essere stati «protagonisti» del rigore e del controllo della spesa pubblica pur mantenendo la pace sociale anche grazie al ricorso agli ammortizzatori sociali.

fonte: http://www.lastampa.it/redazione/cmsSez ... girata.asp

Lorenzociarcia
Messaggi: 78
Iscritto il: 10 mag 2016, 17:53
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Sicilia
azioni: scrittura articoli manovalanza di piazza, pagamento quota volantinaggio in proprio oratore Fdev costruzione coe interventi su web documentazione burocratica, contatti con altre "entità" terrestri e non,...... tutto me stesso..

Re: [DOSSIER n.09] Un'altra bocca da sfamare: la Banca del SUD

Messaggioda Lorenzociarcia » 18 mag 2016, 0:14

mah, come se in Sicilia non avessimo mai avute banche, il banco di Palermo 700 milioni di lire in oro ed il banco di Napoli con altre 400 milioni di lire, che neanche l'Europa di oggi le può sognare,,
Cambierò il mondo, prima che il mondo cambi me..


Torna a “i DOSSIER”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono liberamente riproducibili purché sia citata e linkata la fonte (sono infatti rilasciati sotto una licenza Creative Commons BY-NC-SA 2.0) Il redattore non e' legalmente responsabile per i pensieri e le affermazioni espresse in questo blog dai visitatori. L'autore non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di errori in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su questo sito avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto. Questo sito non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 Comunque, Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. :: SE&O :: Salvo Errori et Omissioni "come scrivono le banche, in calce agli estratti conto, per evitare eventuali future azioni penali".