[DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

raccolta delle menzogne del SistemaIGB
sandropascucci
Messaggi: 12902
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda sandropascucci » 13 ott 2010, 11:51

aspettiamo il record di dicembre per aggiornare la nostra tabella..
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12902
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda sandropascucci » 15 nov 2010, 11:40

DEBITO PUBBLICO A € 1.844,8 MILIARDI
Bankitalia: Debito record a 1.844,8 miliardi. Frena anche la crescita del Pil
La Banca d’Italia nel supplemento di finanza pubblica al Bollettino statistico ha reso noto oggi il dato sul debito pubblico nel mese di settembre che è salito ancora a 1.844,8 miliardi di euro dai 1.842,9 miliardi di agosto. A settembre dello scorso anno era a 1.789,8 miliardi. Ma non è l’unica brutta notizia per le nostre finanze, perché Bankitalia ha pubblicato che nei primi nove mesi del 2010 le entrate tributarie sono state pari a 266,077 miliardi di euro, con un calo dell’1,8% rispetto allo stesso periodo del 2009.
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12902
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda sandropascucci » 15 nov 2010, 13:59

Codice: Seleziona tutto

Sei in: Repubblica / Economia / Deficit e debiti alle stelle in Europa …

EUROSTAT
Deficit e debiti alle stelle in Europa
Nel 2009 al 6,3% e 79,2% rispetto al Pil
Nuova revisione dell'ufficio statistico Ue. Sul deficit/Pil peggio di tutti Gracia (15,4%), Irlanda (14,4) e Regno Unito (11,4). Bene l'Italia con il 5,3, ma sul debito/Pil (116%) solo la Grecia fa peggio

BRUXELLES - Peggiora il quadro del debito nel complesso della zona euro, dove il rapporto deficit/Pil nel 2009 è schizzato al 6,3% dal 2% registrato nel 2008. Si tratta di una leggera revisione rispetto al 6,2% indicato in precedenza. Per l'intera Unione Europea (a 27 membri) il rapporto deficit/Pil è salito al 6,8% dal 2,3% dell'anno prima. Per quanto concerne il debito, l'Eurozona mostra un incremento al 79,2% dal 69,8% precedente e l'Europa allargata al 74% dal 61,8% precedente.

Fra i paesi che accusano il maggior rapporto deficit/Pil c'è ovviamente la Grecia con un 15,4%. Si tratta di una revisione al rialzo rispetto al 13,6% indicato in precedenza e deriva principalmente da una revisione dei conti pubblici ellenici e solo parzialmente dei dati relativi alla crescita.

L'Irlanda non è messa meglio con un rapporto deficit/Pil al 14,4%, seguita dal Regno Unito all'11,4%, dalla Spagna all'11,1% e dal Portogallo al 9,3%.

L'Italia non è fra i paesi con la situazione peggiore, con un rapporto deficit/Pil confermato al 5,3%, contro il 7,5% della Francia, ma il debito pubblico si conferma fra i più alti in Europa, al 116%, subito dietro la Grecia che vede lievitare il debito al 126,8%. La Francia ha un rapporto debito/Pil al 78,1% ed il Regno unito al 68,2%.

(15 novembre 2010)
© Riproduzione riservata
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
sergioloy

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda sergioloy » 14 dic 2010, 21:57

DEBITO PUBBLICO A € 1.867,398 MILIARDI
http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/economia/2010/12/14/visualizza_new.html_1669939816.html

di Francesco Carbone

ROMA - Ennesimo record per il debito pubblico italiano che viaggia ormai ben saldo oltre 1.800 miliardi di euro (esattamente 1.867,398 miliardi). Calano intanto le entrate tributarie che - secondo i calcoli di Bankitalia - nei primi 10 mesi dell'anno si sono contratte di 5,2 miliardi, ovvero l'1,8%. Questo anche se, secondo i calcoli del Dipartimento delle Finanze, il calo e' dello 0,3%. Ma si tratta di un dato al netto delle una-tantum. Inoltre la Banca d'Italia registra il gettito di cassa, mentre i dati del Ministero dell'Economia si riferiscono al gettito di competenza del periodo. Quindi - sempre secondo le Finanze - le entrate sono ''sostanzialmente allo stesso livello registrato nell'analogo periodo dell'anno precedente, con una flessione limitata''. Per quanto riguarda il debito dunque via Nazionale segnala ad ottobre un livello di 1.867,398 miliardi di euro, contro gli 1.844 miliardi del mese di settembre. Rispetto all'ottobre 2009 quando il debito delle amministrazioni pubbliche era a 1.804,5 miliardi, il debito e' aumentato di circa 63 miliardi. L'aumento e' ancora piu' alto se si calcola l'incremento dall'inizio dell'anno: rispetto ai 1.763,6 miliardi di fine dicembre la crescita' e' stata di 104 miliardi, con un incremento del 5,9%. Cala intanto il debito delle amministrazioni locali: a ottobre ha raggiunto 111,3 miliardi, in calo di 1,035 miliardi. Complessivamente comunque - segnalano Adusbef e Federconsumatori - si tratta di un debito di 31.123 euro per ognuno dei 60 milioni di abitanti, cioe' 88.923 euro a carico di ognuna delle 21 milioni di famiglie. Per il Codacons il dato dimostra il ''fallimento della politica economica del governo Berlusconi''. Tornando alle entrate tributarie le Finanze segnalano un calo dello 0,3% nei primi 10 mesi al netto delle una tantum. Un andamento che ''risulta allineato a quello registrato nel periodo gennaio-settembre, con un calo limitato ormai solo all'1,7%. Questa flessione e' esclusivamente dovuta al venire meno delle una tantum e/o imposte sostitutive dell'Ires, dell'Irap e delle addizionali, versate nel 2009 per il riallineamento di valori contabili derivanti dall'adozione degli Ias/Ifrs''. Inoltre ''continua l'andamento molto positivo degli incassi da ruoli relativi ad attivita' di accertamento e controllo che hanno raggiunto un importo pari a 4.118 milioni di euro, registrando un incremento del 13,6%''. Tra gli altri dati le Finanze segnalano anche la crescita del gettito Iva, con un incremento del 3,9%, (+3.268 milioni di euro) trainato dal gettito dell'imposta sulle importazioni (+30,1%). Per Bankitalia infine nei primi dieci mesi del 2010 le entrate tributarie del Bilancio dello Stato si sono attestate a 294,307 miliardi di euro, riducendosi dell'1,8% (-5,2 miliardi). Il confronto a distanza di un anno - si spiega - ''e' influenzato dal fatto che nel 2010 si e' notevolmente ridotto il gettito delle imposte sostitutive introdotte con il decreto anticrisi del novembre del 2008, che nel 2009 aveva in larga misura natura una tantum''.

Avatar utente
domenico.damico

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda domenico.damico » 15 dic 2010, 22:44

Che aspetteranno a venne er colosseo...boh...

Avatar utente
sergioloy

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda sergioloy » 13 gen 2011, 11:38

DEBITO PUBBLICO A € 1.869,924 MILIARDI
Bankitalia: a novembre debito record

(ANSA) - ROMA, 13 GEN - Nuovo record per il debito pubblico italiano giunto a novembre a quota 1.869,924 mld euro, in crescita rispetto a 1.867,384 mld di ottobre, mese in cui era stato registrato il precedente record in valore assoluto. Lo comunica la Banca d'Italia. Le entrate tributarie dei primi 11 mesi del 2010 sono state di 326,761 mld di euro, in calo dell'1,07% rispetto ai 330,315 mld del periodo gennaio-novembre del 2009. A novembre le entrate tributarie sono aumentate del 5,5% rispetto a novembre 2009.

mr.spyder
Messaggi: 2428
Iscritto il: 9 ago 2009, 10:14
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: palermo - messina
azioni: volantinaggio,donazioni,
organizzazione eventi,sbus,
idee,manovalanza,
condivisione beni e servizi
fra PRIMITivi o volenterosi
a consapevolizzarsi sullla
moneta debito
Località: palermo - messina

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda mr.spyder » 3 feb 2011, 14:55

questa pagina potrebbe essere utile nelle FDV:
http://www.ecb.int/stats/euro/circulati ... ex.en.html
(tabella 2)

il totale delle banconote euro in circolazione a fine 2010 è di 840 miliardi di euro

ergo (per i detrattori),anche ritirando tutte le banconote euro in circolazione NON SI RIUSCIREBBE A ESTINGUERE IL DEBITO PUBBLICO ITALIANO....la cosa dovrebbe far riflettere...

in questo link invece è evidenziata la produzione: http://www.ecb.int/stats/euro/productio ... ex.en.html
(da notare il picco nel 2009)

come si evince confrontando i due dati se le banconote non venissero "distrutte/ritirate" non si potrebbe arrivare agli 840 miliardi in circolazione...

a fronte del circolante LEGALE,quello che sarebbe interessante trovare è l'ammontare dei c/c (moneta fiduciaria/bancaria)
(per riflessioni leggere il contropaccotto* viewtopic.php?p=19175#p19175)

*se non sei registrato non puoi leggerlo....vedi tu cosa stai aspettando a svegliarti....

altro link per chi è più competente di me in materia:
http://sdw.ecb.europa.eu/browse.do?node=5274891
Antonio Prezia, detto spyder... anche se non è importante chi sei,ma cosa vuoi fare per cambiare il mondo.

Avatar utente
sergioloy

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda sergioloy » 3 feb 2011, 15:08

ergo (per i detrattori),anche ritirando tutte le banconote euro in circolazione NON SI RIUSCIREBBE A ESTINGUERE IL DEBITO PUBBLICO ITALIANO....la cosa dovrebbe far riflettere...


Il patrimonio delle Famiglie è di € 3.604.061.000.000 - in primo luogo investito, per € 1.572.697.000.000, in azioni e obbligazioni - ed è più basso rispetto al Debito Totale Italiano di ben 280,8 miliardi.

viewtopic.php?f=7&t=1022

questo calcolo di vito è ancora più utile per capire l'equazione moneta=debito.

mr.spyder
Messaggi: 2428
Iscritto il: 9 ago 2009, 10:14
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: palermo - messina
azioni: volantinaggio,donazioni,
organizzazione eventi,sbus,
idee,manovalanza,
condivisione beni e servizi
fra PRIMITivi o volenterosi
a consapevolizzarsi sullla
moneta debito
Località: palermo - messina

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda mr.spyder » 3 feb 2011, 15:15

ho trovato questo:
http://www.abi.it/manager?action=show_d ... ntId=10138

(è OT?...stiamo inzozzando il thread??)
Antonio Prezia, detto spyder... anche se non è importante chi sei,ma cosa vuoi fare per cambiare il mondo.

Avatar utente
Alessandro Bono

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda Alessandro Bono » 3 feb 2011, 15:44

Se lasciamo perdere i "soliti noti" (sì dai...quei quattro fessi, ognuno con il proprio sito, che si commentano tra di loro) ci si rende conto che il vero problema non è dimostrare che la moneta viene creata tramite il debito (lo dicono le fonti ufficiali anche senza dover scavare nei dati), ma demolire il muro innalzato da chi sostiene che va bene/è giusto così, si tratta de "il miglior modo per...", ecc. ecc.

sandropascucci
Messaggi: 12902
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda sandropascucci » 3 feb 2011, 19:29

Sì!©
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
sergioloy

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda sergioloy » 14 feb 2011, 14:33

::
ansa.it

Bankitalia: debito 2010 a 1.843 mld, cresce del 4,5%
Il debito risulta comunque in lieve flessione rispetto al record di 1.868,6 miliardi toccato lo scorso novembre

ROMA - Sale del 4,5% in un anno il debito pubblico italiano che a fine 2010 si attesta a quota 1.843,2 miliardi di euro, contro gli 1.763,9 dell'anno precedente. E' quanto emerge dal supplemento Finanza Pubblica al Bollettino Statistico della Banca d'Italia. Il debito risulta comunque in lieve flessione rispetto al record di 1.868,6 miliardi toccato lo scorso novembre.

Chiude con il segno meno l'anno 2010 sul fronte tributario. Il gettito tributario - secondo quanto calcolato dalla Banca d'Italia - ha segnato una contrazione dello 0,97%. E' quanto emerge dalle statistiche pubblicate dal supplemento Finanza Pubblica al bollettino dell'istituto di via Nazionale. Gli incassi, secondo i dati al netto dei fondi speciali della riscossione, sono calati di 3,9 miliardi attestandosi a 397,5 miliardi contro i 401,4 miliardi dell'anno precedente.

L'anno fiscale ha comunque contenuto le perdite di gettito rispetto all'andamento segnato nel corso dell'anno. A metà anno, infatti, il gettito tributario registrava gli effetti della crisi e mostrava una flessione del 3,18% e a luglio l'andamento cumulato aveva registrato una flessione del 3,4%. La contrazione si è poi ridotta nel corso degli ultimi semestri, passando al -2,6% degli ultimi 8 mesi e al -1,8% dei primi 11 mesi.

Avatar utente
sergioloy

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda sergioloy » 14 mar 2011, 14:53

DEBITO PUBBLICO A € 1.879,9 MILIARDI
dal Sole24ore

Debito pubblico record a gennaio: 1.879,9 miliardi

Debito pubblico record a gennaio. Secondo i dati di Bankitalia contenuti nel supplemento al Bollettino statistico sulla finanza pubblica, lo stock del debito ha raggiunto lo scorso gennaio i 1.879,9 miliardi a fronte dei 1.843,1 miliardi registrati il precedente mese di dicembre 2010. Nel gennaio 2010 il debito pubblico ammontava a 1.790,8 miliardi di euro. Il precedente record era stato registrato a novembre 2010 (1.868,6 miliardi).

Bankitalia sottolinea che a gennaio il debito delle amministrazioni pubbliche è aumentato di 36,7 miliardi rispetto al mese precedente, «in buona parte dovuto all`accumulo delle attività del Tesoro presso la Banca d`Italia».

sandropascucci
Messaggi: 12902
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda sandropascucci » 14 mar 2011, 15:43

CVD: aggiornato.
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
Valerio Raiola

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda Valerio Raiola » 19 apr 2011, 18:09

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche ... 71436.html

!
Tesoro: 8,5 mld di BoT semestrali
Vanno in scadenza titoli per 9 miliardi
(ANSA) - ROMA, 19 APR - BoT semestrali per 8,5 miliardi saranno messi all'asta dal Tesoro il prossimo 26 aprile. Lo comunica via XX Settembre, specificando che in quei giorni vengono a scadere titoli analoghi per 9 miliardi. Il regolamento e' fissato per il 29 aprile.

Avatar utente
domenico.damico

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda domenico.damico » 14 giu 2011, 13:46

DEBITO PUBBLICO A € 1.890,622 MILIARDI
Fonte: http://www.corriere.it/economia/11_giug ... 1445.shtml

Il gettito gennaio-aprile ha avuto un incremento del 5,97%
Bankitalia: nuovo record ad aprile del debito pubblico.
Bene le entrate fiscali.

E' salito a quota 1890,622 miliardi euro. L'aumento negli ultimi 12 mesi è pari al 4,14%


MILANO - Nuovo record del debito pubblico italiano ad aprile. L'ammontare, secondo il dato comunicato dalla Banca d'Italia, è di 1.890,622 miliardi di euro. Il precedente massimo era stato toccato a gennaio a quota 1.879,992 miliardi. A marzo il debito pubblico era risultato pari a 1.868,265 miliardi, mentre ad aprile dell'anno scorso si attestava a 1.815,385 miliardi. Il 2010 si era chiuso a 1.843,015 miliardi. Nel primo quadrimestre del 2011 si è dunque registrato un incremento del 2,58%, mentre l'aumento negli ultimi dodici mesi è pari al 4,14%.

DEBITO PUBBLICO - Sale ancora a quota 114 miliardi di euro anche il debito pubblico degli enti locali, che sfiora così il record assoluto di 114,040 miliardi toccato lo scorso maggio. È quanto emerge sempre dai dati sul debito pubblico degli enti locali riportato dal supplemento Finanza Pubblica al Bollettino Statistico di Banca d'Italia. Il debito «locale» ha segnato dall'inizio dell'anno una crescita di 3 miliardi, pari al 2,7%, mostrando un trend di crescita superiore al 2,5% segnato dal debito globale delle amministrazioni pubbliche.

ENTRATE FISCALE - Crescono nei primi quattro mesi dell'anno le entrate fiscali. Secondo sempre da quanto emerge dal supplemento al bollettino statistico di Bankitalia, il gettito gennaio-aprile si è attestato a 111,056 miliardi di euro, rispetto ai 104,794 miliardi dello spesso periodo del 2010, con un incremento del 5,97%. Ad aprile l'incasso è stato di 27,5 miliardi contro i 25,1 miliardi dello stesso mese del 2010.

sandropascucci
Messaggi: 12902
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda sandropascucci » 14 giu 2011, 14:21

ma il signoraggio non tornava allo Stato?
bella l'autonomia di Bankitalia, sì sì..
autonoma a distruggere lo Stato Italia..
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
MauroB
Messaggi: 432
Iscritto il: 12 feb 2011, 13:34
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Pistoia
azioni: volantinaggio in proprio
Località: pistoia

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda MauroB » 15 mar 2012, 11:18

DEBITO PUBBLICO A € 1.935,8 MILIARDI
A gennaio debito record 1.935,8 miliardi
In un mese sale di 37,9 miliardi di euro

15 marzo, 10:38
(ANSA) - ROMA, 15 MAR - Il debito pubblico italiano a gennaio ha toccato un nuovo record e si e' attestato a quota 1.935,829 miliardi di euro, rispetto ai 1.897,946 miliardi di euro di fine 2011. In un mese, dunque, il debito e' cresciuto di circa 37,9 miliardi di euro. E' quanto risulta dai dati diffusi oggi dalla Banca d'Italia. Le entrate tributarie del mese di gennaio sono invece state pari a 30,502 miliardi di euro, circa mezzo punto percentuale in meno rispetto a gennaio 2011

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche ... 81139.html

sandropascucci
Messaggi: 12902
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda sandropascucci » 19 set 2012, 12:28

Debito pubblico italiano_0.png
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Francesco Fata
Messaggi: 894
Iscritto il: 10 ago 2009, 16:35
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roseto degli Abruzzi
azioni: scrittura articoli, studio aspetti tecnico-filosofici, studio idee di riforma monetaria, quota associativa, volantinaggio mirato, interventi sul web
Località: Roseto degli Abruzzi

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda Francesco Fata » 19 set 2012, 17:52

Non ho capito che c'è scritto su quel furgone: 1577 mld di €uro che è? una barzelletta?
Voglio troppo bene al popolo per pensare di votare gente che vuole particolarmente bene a se stessa.
Francesco Fata

----Francesco Fata (ex aggiocampà) ----

sandropascucci
Messaggi: 12902
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda sandropascucci » 19 set 2012, 17:59

sì, è una vecchia jpg
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Francesco Fata
Messaggi: 894
Iscritto il: 10 ago 2009, 16:35
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roseto degli Abruzzi
azioni: scrittura articoli, studio aspetti tecnico-filosofici, studio idee di riforma monetaria, quota associativa, volantinaggio mirato, interventi sul web
Località: Roseto degli Abruzzi

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda Francesco Fata » 20 set 2012, 17:06

Cioè...praticamente anche allora....manco una cazzo di vecchina!?
Voglio troppo bene al popolo per pensare di votare gente che vuole particolarmente bene a se stessa.
Francesco Fata

----Francesco Fata (ex aggiocampà) ----

sandropascucci
Messaggi: 12902
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda sandropascucci » 20 set 2012, 21:54

forse è sotto il furgone, attaccata alla sonda lambda..
oppure è alla guida, sta a vedere!
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12902
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda sandropascucci » 17 nov 2012, 19:44

DEBITO PUBBLICO A € 1.995 MILIARDI
CVD: 1995 miliardi di euro
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12902
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda sandropascucci » 14 dic 2012, 12:40

che noia..

DEBITO PUBBLICO A € 2.000 MILIARDI
Debito a quota 2000 miliardi, la montagna accumulata in 150 anni
Reuters – 1 ora 11 minuti fa

di Stefano Bernabei e Luca Trogni
MILANO/ROMA (Reuters) - Il Gran Libro del debito pubblico del Regno d'Italia fu istituito il 10 luglio del 1861 per farvi confluire le passività degli Stati prima della formazione di una nazione unitaria, l'Italia, appunto.
Da quell'anno zero, con miliardi di debito accumulato, due guerre mondiali e governi di ogni colore, il 2012 verrà ricordato come l'anno in cui, in un giorno di ottobre, la montagna ha superato un'altezza di 2.000.000.000.000 (duemila miliardi) di euro.
In una ricostruzione della lunga serie storica dal 1861, fatta dalla Banca d'Italia in un lavoro di Maura Francese e Angelo Pace nel 2008, è ben rappresentata l'attuale drammaticità di quel numero a 12 zeri: il rapporto tra debito e Pil - oggi al 126,4% (stima per fine 2012) - è stato più elevato solo negli anni immediatamente successivi alla prima Guerra Mondiale, arrivando al 160%, ma né il secondo conflitto mondiale né la precedente crisi del '29 avevano generato uno squilibrio analogo a quello attuale.
Il debito in lire del 1861 ammontava a 3,131 miliardi e dopo tre anni era già triplicato. Nel 1905, dopo politiche di bilancio restrittive che ne contennero la crescita, una nuova fase di accumulo portò la montagnetta sopra i 13 miliardi di lire.
"La figura mostra che l'Italia è stata ed è un Paese con un debito pubblico elevato. Gli anni in cui il debito è stato superiore al prodotto non sono casi isolati. Su 147 osservazioni l'incidenza del debito delle Amministrazioni pubbliche sul Pil è stata superiore al 100% in 53 anni; ha superato il 60% in 108 casi. Il periodo successivo alla seconda guerra mondiale, caratterizzato dal miracolo economico e da un peso del debito in media ben al di sotto del 35%, appare infatti come un'eccezione", hanno scritto i due studiosi di Bankitalia nel 2008. E da allora il trend del debito è peggiorato ulteriormente.
Dai primi anni dell'Unità d'Italia fino agli anni '80 la crescita del debito poteva essere ascritta a determinanti reali, dalle campagne di guerra alle spese per le nazionalizzazioni, poi però ha iniziato a prevalere un utilizzo della spesa pubblica non più per investimenti ma per pagare alti tassi ai 'Bot people' e raccogliere consensi politici.
A partire dagli anni '70 - a causa degli elevati tassi d'interesse reali - la spesa pubblica cresce soprattutto per la necessità di mantenere sul mercato l'elevato ammontare di titoli pubblici.
TAGLIO STOCK SOLO DOPO GUERRE GRAZIE A CONDONI, INFLAZIONE
L'Italia vide cadere repentinamente il rapporto debito/Pil nel corso di questa lunga storia solo due volte, negli anni post bellici. Nel primo caso, negli anni Venti e primi anni Trenta "per il venir meno del debito estero prebellico, che fu in parte significativa condonato", con il debito verso il governo degli Stati Uniti ridotto di 4/5; nel secondo caso alla fine della seconda guerra mondiale, con un debito 'alla giapponese' quasi tutto interno, grazie "principalmente all'elevatissima inflazione".
Questo per dire che mai, nessuna politica a parte quella legata alla guerra, è riuscita ad abbassare in un colpo e visibilmente la montagna.
Ci sono invece state fasi di grande accumulo e periodi più brevi, fino ad oggi effimeri, di progressiva riduzione.
Alle quattro fasi di accumulo del debito nella storia d'Italia individuate nello studio Bankitalia del 2008 se ne potrebbe aggiungere oggi una quinta, quella della crisi iniziata nel 2008 e non ancora terminata.
La prima fase è nella seconda parte del diciannovesimo secolo, "con un massimo assoluto nella seconda metà degli anni novanta; la seconda e la terza (i cui massimi sono raggiunti nel 1920 e nel 1943) sono connesse con le due guerre mondiali. La quarta fase di forte accumulazione parte dopo il minimo registrato nel 1963-1964, quando l'incidenza del debito riprende a salire rapidamente".
Il punto di massimo, prima dei picchi recenti, "viene raggiunto nel 1994, quando l'incidenza del debito sul prodotto sale al 121,8 per cento". Poi l'Italia aderisce all'Unione monetaria europea, gli squilibri tendono a ridursi, il debito pubblico scende e alla fine del 2007 tocca il minimo di periodo al 103,1%.
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12902
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda sandropascucci » 15 mar 2013, 11:43

DEBITO PUBBLICO A € 2.022 MILIARDI
Nuovo record del debito pubblico:
a gennaio supera quota 2.022 miliardi

Dopo il calo di dicembre, Banca d'Italia certifica il nuovo massimo storico. Proprio ieri era arrivato l'allarme della Bce: "In alcuni Paesi livelli mai visti". Le entrate fiscali crescono a gennaio del 2,3%, a quota 27 miliardi, proseguendo il trend del 2012


TAG debito pubblico, fisco, entrate, Banca d'Italia, bce, mario draghi MILANO - Dopo la tregua di fine 2012, torna a crescere il debito pubblico, soprattutto sulla spinta delle esigenze dell'amministrazione centrale e anche - in parte - per la partecipazione dell'Italia ai programi di sostegno finanziario organizzati dall'Europa nei confronti dei Paesi in difficoltà. Secondo i dati diffusi dalla Banca d'Italia nel numero di marzo del supplemento al bollettino statistico di finanza pubblica, il debito delle amministrazioni pubbliche è aumentato di 34 miliardi a gennaio rispetto al mese precedente, raggiungendo un nuovo massimo storico pari a 2.022,7 miliardi. Alla fine del 2012 il debito era sceso sotto la soglia psicologica di 2mila miliardi, comunque in rialzo rispetto ai 1.906 miliardi circa di fine 2011. A ciò, spiega Bankitalia, ha contribuito il fabbisogno, pari a 0,9 miliardi; l'emissione di titoli sopra la pari e l'apprezzamento dell'euro nel complesso hanno operato in senso opposto per 0,5 miliardi. Nel mese di gennaio il sostegno dei Paesi dell'area dell'euro in difficoltà (si tratta della quota di competenza dell'italia dei prestiti erogati dall'Efsf, il fondo di stabilizzazione finanziaria europeo) è stato pari a 0,4 miliardi (complessivamente tale sostegno ha raggiunto i 43 miliardi).

Con riferimento alla ripartizione per sottosettori, il debito delle amministrazioni centrali è aumentato di 34,5 miliardi, quello delle amministrazioni locali è diminuito di 0,5 miliardi e quello degli enti di previdenza è rimasto sostanzialmente invariato. Proprio ieri era arrivato un chiaro monito da parte della Banca centrale europea, che nel consueto bollettino mensile aveva ricordato la persistente incertezza, anche legata al fatto che il debito pubblico in molte economie avanzate "ha raggiunto livelli raramente osservati in tempo di pace". Da Francoforte era arrivata una previsione: resterà elevato dopo la "impennata" dopo la crisi finanziaria. La Bce di Mario Draghi non aveva mancato infine di ricordare "gli effetti avversi che un elevato debito pubblico, specie se superati certi livelli in rapporto al Pil, potrebbe avere sulla crescita".

Sul fronte delle entrate, a gennaio quelle tributarie contabilizzate nel bilancio dello Stato sono state pari a 27 miliardi, in aumento del 2,3 per cento (0,6 miliardi) rispetto a quelle dello stesso mese del 2012. Il bollettino sulla finanza pubblica ricorda però che "come ogni anno, la significatività dei dati del mese di gennaio è limitata da disomogeneità nei tempi e nelle modalità di contabilizzazione di alcune entrate": di fatto, bisogna tenere in considerazione che alcune poste vengono registrate in anticipo oppure slittano tra i mesi di dicembre e gennaio. Il trend sembra comunque confermare l'andamento del 2012: è di pochi giorni fa la diffusione dei dati sulle entrate fiscali dello scorso anno. I dodici mesi "salati" a causa dell'Imu e di altri balzelli sono andati in cantiere con entrate per 424 miliardi, in crescita del 2,8% rispetto al 2011.
(15 marzo 2013)
da: http://www.repubblica.it/economia/2013/ ... ef=HRER1-1
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12902
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda sandropascucci » 14 mag 2013, 17:11

DEBITO PUBBLICO A € 2.034 MILIARDI
oggi (14maggio2013): 2.034 miliardi di euro
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12902
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda sandropascucci » 16 lug 2013, 10:58

DEBITO PUBBLICO A € 2.074 MILIARDI
L'aumento delle tasse non frena il debito
Bankitalia: nuovo record a 2.074 miliardi
Rispetto al mese precedente si registra un aumento di 33 miliardi. Alla crescita ha contribuito anche l'aiuto, per circa 7 miliardi nei primi cinque mesi del 2013, ai Paesi europei in difficoltà. In crescita, nei primi cinque mesi, le entrate tributarie
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

mr.spyder
Messaggi: 2428
Iscritto il: 9 ago 2009, 10:14
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: palermo - messina
azioni: volantinaggio,donazioni,
organizzazione eventi,sbus,
idee,manovalanza,
condivisione beni e servizi
fra PRIMITivi o volenterosi
a consapevolizzarsi sullla
moneta debito
Località: palermo - messina

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda mr.spyder » 17 lug 2013, 15:08

DEBITO PUBBLICO A € 2.074 MILIARDI
A maggio debito record, 2.074 miliardi
Nei primi 5 mesi entrate a 143,171 mld (+0,7%)
16 luglio, 11:17

A maggio debito record, 2.074 miliardi (ANSA) - ROMA, 16 LUG - Il debito pubblico a maggio 2013 è aumentato di 33,4 miliardi rispetto al mese precedente, raggiungendo ''un nuovo massimo storico'', a 2.074,7 miliardi.

Lo comunica la Banca d'Italia aggiungendo che nei primi cinque mesi del 2013 le entrate tributarie sono state pari a 143,171 miliardi di euro, lo 0,7% in più rispetto al periodo gennaio-maggio del 2012.
fonte:ansa
Antonio Prezia, detto spyder... anche se non è importante chi sei,ma cosa vuoi fare per cambiare il mondo.

sandropascucci
Messaggi: 12902
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda sandropascucci » 13 dic 2013, 13:28

DEBITO PUBBLICO A € 2.085 MILIARDI
Nuovo record per il debito pubblico.
A ottobre sale a 2.085 miliardi
Battuto il record del giugno scorso di 2.076 miliardi. Notizia importante per la fiducia verso l'Italia: risale la quota di debito in mano agli investitori esteri, passa al 39,4% del totale
Nuovo record per il debito pubblico.
A ottobre sale a 2.085 miliardi La sede di Bankitalia a Roma, in via Nazionale

TAG conti pubblici, debito pubblico, Banca d'Italia

MILANO - Il debito delle amministrazioni pubbliche ha toccato a ottobre un nuovo record a 2.085,321 miliardi di euro, salendo così rispetto ai 2.068 miliardi di settembre ed infrangendo la soglia toccata nel giugno scorso, quando l'indebitamento italiano era arrivato al massimo storico di 2.076 miliardi. I dati emergono dal supplemento al Bollettino statistico di finanza pubblica appena diffuso dalla Banca d'Italia.

L'alto indebitamento italiano, come recentemente ricostruito in un altro bollettino di via Nazionale, comporta per il Paese una grandissima spesa per interessi: guardando all'intero 2012 l'Italia ha registrato la più alta incidenza di questa voce di uscite (5,5% del Prodotto interno lordo) della zona della moneta unica, dove l'indicatore si ferma al 3,1% e scende addirittura al 2,6% se si considera la zona euro depurata del peso della stessa Italia.

In questo contesto, si può ritrovare un elemento importante che è la crescita del portafoglio dei titoli di Stato italiani in mano agli investitori non residenti, cioè quelli esteri: un segnale di rinnovata fiducia verso il Paese. Quella fetta di debito pubblico è salita a 683,954 miliardi di euro in settembre dai 672,965 miliardi di agosto, cioè una percentuale del 39,4% del totale dal 38,9% del mese precedente.

Guardando alle altre voci del Bollettino, il Fisco
ha incassato 1,442 miliardi in meno nei primi 10 mesi dell'anno rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Il gettito gennaio-ottobre 2013 si è infatti attestato a 307,8 miliardi contro i 309,3 miliardi dello stesso periodo del 2012 (-0,46%).
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12902
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda sandropascucci » 14 mar 2014, 14:09

DEBITO PUBBLICO A € 2.089 MILIARDI
Il debito pubblico sale a 2.089 miliardi.
20,5 miliardi in più solo a gennaio

Bankitalia: "La crescita si spiega con l'aumento delle disponibilità liquide del Tesoro". Entrate tributarie a 31 miliardi, stabili a gennaio rispetto all'anno scorso

MILANO - Cresce il debito pubblico italiano, portandosi alla fine di gennaio a quota 2.089,5 miliardi con un progresso di 20 miliardi e mezzo rispetto ai 2.068,9 di fine 2013. Il dato - comunicato da Bankitalia - viene spiegato "essenzialmente con l'aumento (20,3 miliardi) delle disponibilità liquide del Tesoro, pari a fine gennaio a 57,9 miliardi (68,1 a gennaio del 2013)". Sta di fatto che si capisce a pieno, leggendo questa dinamica, come gli inviti dell'Europa ad accelerare le misure per ridurre il debito siano giustificate da questi numeri.

Con riferimento alla ripartizione per sottosettori, il debito delle Amministrazioni centrali è aumentato di 18,9 miliardi, quello delle Amministrazioni locali è aumentato di 1,5 miliardi e quello degli Enti di previdenza è rimasto sostanzialmente invariato, aggiunge ancora Bankitalia.

Le entrate tributarie contabilizzate nel bilancio dello Stato sono state pari in gennaio a 31 miliardi, in linea col valore registrato nello stesso mese del 2013 (30,8 miliardi). "Va ricordato che la significatività dei dati del mese di gennaio è limitata da disomogeneità nei tempi e nelle modalità di contabilizzazione di alcune entrate (la difformità temporale riguarda prevalentemente anticipi/slittamenti fra i mesi di dicembre e di gennaio)", spiegano da via Nazionale.
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

mr.spyder
Messaggi: 2428
Iscritto il: 9 ago 2009, 10:14
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: palermo - messina
azioni: volantinaggio,donazioni,
organizzazione eventi,sbus,
idee,manovalanza,
condivisione beni e servizi
fra PRIMITivi o volenterosi
a consapevolizzarsi sullla
moneta debito
Località: palermo - messina

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda mr.spyder » 14 mar 2014, 22:12

allora è per quello!....stupidi noi a pensare che fosse per via degli interessi sul debito pubblico....
sarà,ma mi gioco pizza e birra che anche al prossimo giro aumenterà...qualcuno accetta ??(non nel senso di dargli un taglio a colpi d'accetta,mi raccomando!)
Antonio Prezia, detto spyder... anche se non è importante chi sei,ma cosa vuoi fare per cambiare il mondo.

sandropascucci
Messaggi: 12902
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda sandropascucci » 15 apr 2014, 12:40

DEBITO PUBBLICO A € 2.107 MILIARDI
Debito pubblico al nuovo massimo storico: 2.107 miliardi

Pesa l'aumento delle disponibilità liquide del Tesoro, ma sale anche il fabbisogno delle amministrazioni centrali. Intanto le entrate tributarie registrano un leggero aumento sul 2013: a febbraio arrivano a 27,3 miliardi

Debito pubblico al nuovo massimo storico: 2.107 miliardi Banca d'Italia, la facciata di Palazzo Koch

TAG debito pubblico, conti pubblici, entrate tributarie, Banca d'Italia
MILANO - Il debito delle Amministrazioni pubbliche è aumentato in febbraio di 17,5 miliardi, raggiungendo un nuovo massimo storico a 2.107,2 miliardi. Lo comunica Bankitalia, secondo la quale rispetto ai 2.089.7 miliardi di gennaio c'è stato un aumento di 17,5 miliardi di euro. In una nota l'istituto centrale spiega che l'incremento riflette per 10,7 miliardi il fabbisogno delle amministrazioni pubbliche e per 6,8 miliardi l'aumento delle disponibilità liquide del Tesoro (pari a fine febbraio a 64,8 miliardi, 49,6 a febbraio del 2013); l'emissione di titoli sopra la pari ha operato in senso opposto per 0,1 miliardi.

Con riferimento alla ripartizione per sottosettori - prosegue la nota - il debito delle amministrazioni centrali è aumentato di 19,0 miliardi, quello delle amministrazioni locali è diminuito di 1,5 miliardi e quello degli enti di previdenza è rimasto sostanzialmente invariato. Dopo l'aumento di gennaio, torna dunque a calare il debito degli enti locali: era ripartito nel primo mese del 2014 dopo 8 mesi consecutivi di calo, ma è di nuovo sceso a febbraio da 110,3 a 108,8 miliardi di euro. A fronte di un lieve incremento del debito dei Comuni dai 47 di gennaio a 47,1 miliardi, il debito delle Regioni è diminuito da 38,9 a 38,3 miliardi. Sostanzialmente stabile invece quello delle Province a 8,4 miliardi.

Dai dati di Palazzo Koch - contenuti nel supplemento al bollettino statistico "finanza pubblica, fabbisogno e debito" - emerge anche che le entrate tributarie contabilizzate
nel bilancio dello Stato sono state pari, a febbraio, a 27,3 miliardi, lievemente superiori al valore registrato nello stesso mese del 2013 (27 miliardi). Se si considera il combinato di gennaio e febbraio, le entrate si attestano a 58,216 miliardi di euro, in crescita dello 0,744% rispetto ai primi due mesi del 2013, quando erano ammontate a 57,786 miliardi.
(14 aprile 2014)
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12902
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda sandropascucci » 13 giu 2014, 22:24

>
>
Debito pubblico: nuovo record ad aprile, sale a 2.146,4 miliardi

L'indebitamento sale di 26,2 miliardi in un mese, a seguito del maggiore fabbisogno pubblico e delle disponibilità liquide del Tesoro. Pesano anche i versamenti ai fondi di salvataggio europei, mentre il buon momento dello spread giova per mezzo miliardo. Entrate a 28,6 miliardi


Debito pubblico: nuovo record ad aprile, sale a 2.146,4 miliardi Pier Carlo Padoan

TAG debito pubblico, Bankitalia, conti pubblici

MILANO - Non si arresta la corsa del debito delle Amministrazioni pubbliche, che ad aprile è aumentato di 26,2 miliardi, raggiungendo un nuovo massimo a 2.146,4 miliardi. L'incremento, spiega Bankitalia, riflette per 11,3 miliardi il fabbisogno delle Amministrazioni pubbliche e per 15,4 miliardi l'aumento delle disponibilità liquide del Tesoro (che hanno raggiunto alla fine di aprile 77,4 miliardi; 42,0 ad aprile 2013); l'emissione di titoli sopra la pari, l'apprezzamento dell'euro e gli effetti della rivalutazione dei Btp indicizzati all'inflazione (BTPi) hanno complessivamente contenuto l'incremento del debito per 0,5 miliardi.

Il fabbisogno del mese di aprile ha risentito del versamento del contributo italiano al capitale dell'European Stability Mechanism (2,9 miliardi) e della quota di competenza dell'Italia dei prestiti erogati dall'European Financial Stability Facility (1,5 miliardi). Con riferimento alla ripartizione per sottosettori, il debito delle Amministrazioni centrali è aumentato di 26,1 miliardi, quello delle Amministrazioni locali di 0,2 miliardi; il debito degli Enti di previdenza è diminuito di 0,1 miliardi.

Nel complesso dei primi 4 mesi dell'anno, il fabbisogno delle Amministrazioni pubbliche, al netto delle dismissioni, è stato pari a 41,1 miliardi, in riduzione rispetto al dato relativo allo stesso periodo del 2013 (48,4 miliardi).

Quanto alle entrate tributarie contabilizzate nel bilancio dello Stato, in aprile sono arrivate a 28,6 miliardi, in riduzione del 2 per cento
rispetto allo stesso mese del 2013. Nei primi quattro mesi dell'anno le entrate sono cresciute dell'1,2 per cento (1,4 miliardi); tenendo conto di una disomogeneità nella contabilizzazione di alcuni incassi, le entrate tributarie sarebbero rimaste sostanzialmente invariate rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

Sempre dal bollettino mensile di Bankitalia emerge che i titoli di Stato italiani detenuti da investitori non residenti sono saliti a 655,88 miliardi di euro contro i 652 di febbraio.

(13 giugno 2014)


ma come funziona? nonostante entrino 28,6 miliardi il debito pubblico cresce di di 26,2??
a casa mia vuol dire un +54,8 mld di FUMO
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

mr.spyder
Messaggi: 2428
Iscritto il: 9 ago 2009, 10:14
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: palermo - messina
azioni: volantinaggio,donazioni,
organizzazione eventi,sbus,
idee,manovalanza,
condivisione beni e servizi
fra PRIMITivi o volenterosi
a consapevolizzarsi sullla
moneta debito
Località: palermo - messina

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda mr.spyder » 14 giu 2014, 0:46

..."al netto delle dismissioni"!?
Antonio Prezia, detto spyder... anche se non è importante chi sei,ma cosa vuoi fare per cambiare il mondo.

sandropascucci
Messaggi: 12902
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda sandropascucci » 14 lug 2014, 15:55

ECONOMIA
14/07/2014
Il debito pubblico sale a maggio
e tocca il record a 2.166 miliardi
Il bollettino di Bankitalia: da inizio anno + 96 miliardi di rosso

da: http://www.lastampa.it/2014/07/14/econo ... agina.html
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12902
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda sandropascucci » 16 set 2014, 13:28

>
>
Italia verso la bancarotta: nuovo record del debito pubblico e produzione industriale giù

Pubblicato il 12 settembre 2014, ore 11:17. Ultimo aggiornamento 12 settembre 2014 , ore 11:18

A luglio cala la produzione industriale in Italia e sale il debito pubblico a un nuovo record. Di questo passo, la bancarotta del Bel Paese è solo una questione di tempo. La recessione morde forte e i conti pubblici sballano.

Debito pubblico: in 20 anni spesi 1.650 miliardi in interessi, 2,5 volte l'Europa

..
Stando al Supplemento statistico di Finanza pubblica del Bollettino mensile di Bankitalia, a luglio ha segnato un nuovo massimo storico, arrivando a 2.168,6 miliardi di euro, ossia è cresciuto di 0,2 miliardi sul mese di giugno.
..
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12902
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda sandropascucci » 14 ott 2014, 12:16

P

R

I

M

I

T

[>>]

Il debito pubblico è calato (ad agosto). SURPRISE!! Ma col trucco.
[14102014, di sandropascucci, signoraggio.COM per il PRIMIT.IT]

>
>
Il debito pubblico cala di 20 miliardi ad agosto
L'indebitamento migliora a 2.148 miliardi, ma solo per la diminuzione delle disponibilità liquide del Tesoro: il fabbisogno della Pa è stato comunque di 6,9 miliardi. Entrate tributarie in aumento dell1,3% sul 2013
14 ottobre 2014

Il debito pubblico cala di 20 miliardi ad agosto

MILANO - Migliora l'indebitamento pubblico italiano, secondo i dati comunicati da Bankitalia: in agosto è sceso di 20,5 miliardi, a quota 2.148,4 miliardi. "Il calo è stato determinato dalla riduzione di 27,3 miliardi delle disponibilità liquide del Tesoro (pari a fine agosto a 82,4 miliardi; 46,4 ad agosto 2013), che ha più che compensato il fabbisogno del mese (6,9 miliardi)". Piccolo aiuto anche dall'andamento dei mercati: "L'emissione di titoli sopra la pari, l'apprezzamento dell'euro e gli effetti della rivalutazione dei Btp indicizzati all'inflazione (BTPi) hanno contenuto l'incremento del debito per 0,1 miliardi". Secondo il Documento di economia e finanza, il rapporto tra debito pubblico e Pil è previsto al 131,6% per il 2014 e al 133,4% per il 2015.

Guardando alla ripartizione per sottosettori, spiega ancora Bankitalia, "il debito delle Amministrazioni centrali è diminuito di 19,8 miliardi, quello delle Amministrazioni locali di 0,7 miliardi; il debito degli Enti di previdenza è rimasto sostanzialmente invariato".

Il saldo da inizio anno resta comunque di netto peggioramento: "Nei primi otto mesi dell'anno il debito pubblico è aumentato di 78,6 miliardi, riflettendo il fabbisogno delle Amministrazioni pubbliche (39,4 miliardi) e l'aumento delle disponibilità liquide del Tesoro (44,8 miliardi). Nel complesso, l'emissione di titoli sopra la pari, l'apprezzamento dell'euro e gli effetti della rivalutazione dei Btpi hanno contenuto l'incremento del debito per 5,7 miliardi".

Sul fabbisogno dei primi otto mesi ha inciso per 4,7 miliardi il sostegno finanziario ai paesi dell'area dell'euro. Nel complesso, la quota di competenza italiana del sostegno finanziario ai paesi dell'area era pari alla fine dello scorso agosto a 60,3 miliardi.

Nella nota di Bankitalia si fa anche il punto sulle entrate tributarie, che sono state pari in agosto a 32,6 miliardi, in aumento dell'1,3 per cento (0,4 miliardi) rispetto allo stesso mese del 2013. Nei primi otto mesi dell'anno le entrate sono diminuite dello 0,2 per cento (0,6 miliardi); tenendo conto di una disomogeneità nella contabilizzazione di alcuni incassi, la riduzione delle entrate tributarie sarebbe stata più pronunciata.


Però è strano.. molto strano..

Scopriamo perché? Dunque:

1. lo Stato non stampa moneta
2. lo Stato stampa debito, chiamato Titolo di Stato
3. questo Titolo viene eblaeblaeblaebla DATO A IGB
4. lo Stato si ritrova con della "liquidità"
5. questa liquidità E' DEBITO (PUBBLICO, of course - decorsa!)

Quindi.. avere 100 euro in pancia vuol dire, per lo Stato, essere liquido di 100 euro ma essere IN DEBITO di quei 100 euro, ok?
Come si puo' ridurre il debito? Rinunciare a quei 100 euro, ad esempio.

Ed è quello che ha fato il (Ministero del) Tesoro ad agosto.

il Tesoro ha un conto, chiamato: CONTO DI DISPONIBILITA' DEL TESORO PER IL SERVIZIO DI TESORERIA

Codice: Seleziona tutto

Conto «Disponibilità del Tesoro per il servizio di tesoreria»

Conto istituito nel bilancio della Banca d’Italia ai sensi della L. 26.11.1993, n. 483, do-ve vengono registrate giornalmente, dal 1º gennaio 1994, le operazioni di introito e di pagamento connesse con l’espletamento del servizio di tesoreria. Il saldo iniziale su tale conto, pari a poco più di 30.000 miliardi, è stato finanziato dal Tesoro mediante un collocamento di titoli presso la Banca d’Italia a condizioni di mercato per il medesimo importo. Il conto non può presentare saldi a debito del Tesoro: l’ipotetica insufficienza di fondi verrebbe scritturata in un conto regolato al tasso ufficiale di sconto (ora tasso ufficiale di riferimento) e la Banca sospenderebbe automaticamente i pagamenti per conto del Tesoro fino all’ estinzione del debito. Per assicurare che il saldo attivo si man-tenga sempre su livelli di sicurezza, la legge ha previsto che nel caso in cui il saldo di fine mese si collochi al di sotto di 30.000 miliardi, il Tesoro è tenuto a ricostituire tale importo entro i tre mesi successivi. Se tale saldo risulta inferiore a 15.000 miliardi, il Tesoro, entro il giorno 5 del mese successivo, deve inviare al Parlamento una relazione sulle cause dell’insufficienza di fondi e sulle eventuali misure correttive. Infine, qualora il saldo di fine mese risulti per tre mesi consecutivi inferiore all’ importo di 30.000 miliardi, il Ministro del Tesoro, entro il mese successivo, deve esporre al Parlamento le cause dell’insufficienza, indicando gli eventuali provvedimenti correttivi. Sino al dicembre 1993, il Tesoro ha intrattenuto con la Banca d’Italia, per il servizio di tesoreria,un conto corrente. Il saldo di tale conto, costantemente a debito del Tesoro dal 1969, era regolato al tasso annuo dell’1 per cento e non poteva -- ai sensi dell’art. 2 del D.lgs.7.5.1948, n. 544, modificato dalla L. 13.12.1964, n. 1333 -- superare a fine mese il 14 per cento delle spese finali del bilancio dello Stato e dei successivi stati di variazione.Ai sensi della L. 26.11.1993, n. 483, le passività in essere sul conto corrente di tesoreria al 31 dicembre 1993 sono state trasferite su un conto transitorio presso la Banca d’Italia; in conversione del conto transitorio sono successivamente stati assegnati alla Banca d’Italia titoli a lungo termine per 76.206 miliardi remunerati all’1 per cento. Sulle giacenze del conto “disponibilità” la Banca corrisponde semestralmente un interesse pari a quello medio dei BOT emessi nel semestre. Inoltre, qualora tale tasso risulti inferiore a quello medio percepito sui titoli di Stato assegnati alla Banca all’ atto della costituzione del deposito, deve essere riconosciuto al Tesoro l’importo differenziale di interessi idoneo ad assicurare la compensazione dell’onere dipendente dallo scarto tra i suddetti tassi, fino al rimborso dei titoli di riferimento. Resta invece a carico della Banca l’eventuale onere derivante da uno scarto di interesse in favore del Tesoro

fonte: Bankitalia.it


o anche:

Codice: Seleziona tutto

FUNZIONI E OBIETTIVI

Il servizio di tesoreria per conto dello Stato è svolto dalla Banca d'Italia fin dal 1894. L'affidamento è stato prorogato da vari provvedimenti; l'ultimo, in ordine di tempo, è la legge 28 marzo 1991, n. 104 (cfr. link riportato in calce), che ha portato da dieci a venti anni la durata della convenzione e ha introdotto il principio del rinnovo automatico, salvo disdetta di una delle parti da comunicarsi entro cinque anni dalla scadenza.

La Banca, oltre ad eseguire le operazioni di incasso e pagamento, ne effettua la rendicontazione producendo, con cadenza periodica, flussi informativi e documentali destinati alle amministrazioni, necessari per l'elaborazione dei principali documenti contabili dello Stato. Il "conto giudiziale" della gestione è reso alla Corte dei conti.

Alle funzioni di "esecuzione del bilancio" e di rendicontazione si sono affiancati, a partire dal 1980, compiti connessi con la gestione e il monitoraggio dei rilevanti flussi finanziari che transitano attraverso la tesoreria.

La Banca detiene il "[color=#BF0000][u][i]Conto disponibilità del Tesoro per il servizio di tesoreria[/i][/u][/color]" sul quale sono regolate le operazioni svolte per conto dello Stato. Le disponibilità giacenti su tale conto sono remunerate a un tasso pari a quello medio dei BOT emessi nel semestre precedente. In linea con la normativa comunitaria, che vieta alle banche centrali degli Stati membri di concedere qualsiasi forma di finanziamento al Tesoro, il conto disponibilità non può presentare saldi a debito.

La condivisione, tra Banca d'Italia e Ministero dell'Economia, di informazioni previsionali sugli incassi e sui pagamenti di tesoreria e sulle operazioni finanziarie a valere sul conto è cruciale per migliorare la prevedibilità e ridurre la variabilità della base monetaria creata dal Tesoro. Tali obiettivi sono alla base della realizzazione di una procedura per la gestione attiva del conto del Tesoro, denominata OPTES (Operazioni per conto del Tesoro), volta a soddisfare due esigenze:

(i) una migliore prevedibilità del saldo giornaliero del conto, per finalità di politica monetaria;
(ii) consentire al Ministero dell'Economia di disporre di più ampi margini nella gestione della propria liquidità, ai fini di una gestione più efficiente del debito pubblico.
Le principali direttrici di sviluppo della Tesoreria statale sono rappresentate:
a) dalla razionalizzazione delle procedure di incasso e pagamento, con interventi volti ad un più intenso utilizzo delle reti telematiche e dall'integrazione della tesoreria nella Single Euro Payment Area (SEPA);
b) dalla valorizzazione del patrimonio di informazioni contenute nei flussi finanziari gestiti dalla Tesoreria, ai fini della previsione del fabbisogno del settore statale;
c) dalla gestione del Sistema Informativo delle Operazioni degli Enti Pubblici-Siope, volto a consentire al Ministero dell'Economia la puntuale verifica dell'andamento dei conti pubblici e alle altre amministrazioni pubbliche l'acquisizione di elementi informativi essenziali per orientare le proprie politiche di bilancio.

Nel percorso evolutivo della Tesoreria statale si inserisce anche la revisione del quadro normativo, concretizzatasi, nel 2007, nell'emanazione delle nuove Istruzioni sul Servizio di Tesoreria, che rappresentano un corpus organico e semplificato di norma a disposizione degli operatori, e nella stipula di numerosi protocolli d'intesa e accordi tecnici con il Ministero dell'Economia e con altre amministrazioni.
In un ambito strettamente connesso con il servizio di tesoreria per conto dello Stato, la Banca svolge i servizi di incasso e pagamento per le Agenzie fiscali (Entrate, Dogane, Territorio, Demanio) nate dalla riorganizzazione del Ministero dell'Economia (d.lgs. n. 300/1999), per la Scuola superiore dell'economia e delle finanze, nonché per l'INPS (relativamente al pagamento di prestazioni temporanee) e per l'INPDAP (pagamento di pensioni in ambito nazionale e UEM).
Tali attività si configurano come autonomi servizi di cassa che la Banca, ai sensi dell'articolo 35 dello Statuto, può svolgere per conto e a rischio di terzi, nel rispetto dei limiti derivanti dall'applicazione del capo IV dello Statuto del SEBC.
I principi di carattere generale che regolano tali attività sono i seguenti:
a) trasmissione dei flussi informativi e contabili per il tramite del sistema di reti SPC-RNI o di altre reti dedicate;
b) utilizzo dei bonifici per tutte le tipologie di pagamenti (anche in contanti);
c) contabilizzazione del saldo delle operazioni nello stesso giorno (in modo che la Banca non effettui anticipazioni né trattenga fondi);
d) tariffazione dei servizi basata sul recupero del costo pieno.
Per lo svolgimento del servizio di tesoreria statale, la Banca opera attraverso le Sezioni di tesoreria allocate presso le Filiali dell'Istituto.
Il Servizio Rapporti con il Tesoro svolge, tra l'altro, compiti di presidio per le procedure di tesoreria telematica. Nell'area romana il servizio è svolto dalla Succursale di Via dei Mille, presso la quale è insediata anche la Tesoreria Centrale.
Capo della tesoreria è il Direttore della Filiale al quale è riconducibile l'attività svolta dalla tesoreria nell'espletamento del servizio.
Ciascuna Tesoreria intrattiene rapporti con il pubblico secondo un orario di sportello così articolato: dalle ore 8.15 alle ore 13.30 di tutti di giorni feriali (escluso il sabato); nei giorni semifestivi (14 agosto, 24 e 31 dicembre) e in occasione delle festività patronali, gli sportelli sono aperti dalle ore 8.15 alle ore 11.15. Le Filiali di Roma rimangono chiuse nella ricorrenza del Santo Patrono (29 giugno). Gli orari di sportello vengono comunque resi noti con appositi avvisi esposti nei locali aperti al pubblico.

fonte: Bankitalia


Sono notizie che passano continuamente sui media:

>
>
Il debito pubblico schizza in alto
perchè lo Stato "fa provvista"
PER APPROFONDIRE debito pubblico , Tesoro , tassi , Banca dItalia
di Luca Cifoni
Aumenta la dimensione del testo Diminuisci la dimensione del testo
Oltre 33 miliardi di debito pubblico in più a maggio rispetto al mese precedente, per arrivare a un totale 2.074,7 miliardi che prima ancora di fare paura è difficile da concepire. Ma il dato diffuso dalla Banca d'Italia va letto in filigrana ed è meno brutto di quel che potrebbe apparire. Solo un terzo del maggior debito, 11,5 miliardi, dipende dal fabbisogno delle amministrazioni pubbliche, ossia dall'effettivo disavanzo dei conti dello Stato nel suo complesso. Il resto è dovuto in larga parte a 20,4 miliardi di incremento delle disponibilità liquide del Tesoro, arrivate a 62,4 miliardi contro i 42 di aprile e i 35,8 del maggio dello scorso anno.

Di cosa si tratta? Approssimativamente (anche se la gestione della liquidità è in realtà più complessa), lo Stato deposita dei soldi presso un conto corrente che si trova presso la Banca d'Italia, conto a cui poi si attinge nei momenti di necessità. Quindi a maggio il Tesoro si è indebitato in un certo senso più del necessario, per poi mettere i soldi su questo deposito; evidentemente si riteneva che le condizioni in termini di tassi di interesse e di umori dei mercati fossero particolarmente favorevoli e che quindi valesse la pena di "fare provvista".

Altri 2,9 miliardi di maggior debito dipendono dall'incremento dei prestiti fatti dal nostro Paese agli Stati europei in difficoltà, la Grecia ed altri (il totale è arrivato ormai vicino ai 50 miliardi). Sono debiti che non servono alle esigenze finanziarie del Paese ma ad assolvere impegni assunti in sede internazionale; i corrispondenti prestiti sono comunque remunerati.

A giugno ci si può attendere un calo del debito visto il positivo andamento dei conti pubblici in quel mese, grazie alle entrate fiscali, e considerata anche la possibilità di attingere proprio alle riserve accumulate.
16 Lug 2013 13:17 - Ultimo aggiornamento:
© RIPRODUZIONE RISERVATA

fonte: Il Messaggero



IN SOLDONI:

lo Stato Sovrano chiamato Italia (ma vale per tutti gli Stati del mondo) si riempie di DEBITO emettendo Titoli in cambio di "liquidità". tale "liquidità" E' debito, per cui, per lo Stato, la NOSTRA REPUBBLICA ITALIANA, vige, OGGI, la seguente regola:

O HAI IL DEBITO (pubblico) O NON HAI IL DENARO (per funzionare)

[^]

F

O

R

U

M

 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12902
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda sandropascucci » 12 feb 2015, 11:40

Perfettamente in linea (ma era ovvio!) con quanto saggiamente spiegato nel post precedente ecco che il debito pubblico RISALE.

da: repubblica.it
>
>
Bankitalia: debito pubblico sale a 2.160,1 miliardi
Previsto un sensibile calo a dicembre "per effetto dell'avanzo atteso nel saldo delle Amministrazioni pubbliche e per il calo delle disponibilità liquide del Tesoro"

14 gennaio 2015

Bankitalia: debito pubblico sale a 2.160,1 miliardi

MILANO - A novembre il debito delle Amministrazioni pubbliche è aumentato di 2,6 miliardi, a quota a 2.160,1 miliardi. Lo rende noto la Banca d'Italia sottolineando che l'incremento riflette il fabbisogno delle Amministrazioni pubbliche (5,4 miliardi), in parte compensato dalla diminuzione delle disponibilità liquide del Tesoro (3,2 miliardi). Nel complesso, l'emissione di titoli sotto la pari, il deprezzamento dell'euro e gli effetti della rivalutazione dei Btp indicizzati all'inflazione hanno aumentato il debito per 0,3 miliardi.

"Come negli anni passati", sottolinea comunque la Banca d'Italia, "in dicembre il debito dovrebbe essere fortemente diminuito per effetto dell'avanzo atteso nel saldo delle Amministrazioni pubbliche e per il calo delle disponibilità liquide del Tesoro".

Con riferimento alla ripartizione per sottosettori, il debito delle Amministrazioni centrali è aumentato di 2 miliardi, quello delle Amministrazioni locali è aumentato di 0,6 miliardi, mentre il debito degli Enti di previdenza è rimasto sostanzialmente invariato.

Nei primi undici mesi dello scorso anno il debito è cresciuto di 90,3 miliardi, riflettendo il fabbisogno delle Amministrazioni pubbliche (69,8 miliardi) e l'aumento delle disponibilità liquide del Tesoro (28,6 miliardi). Nel complesso, l'emissione di titoli sopra la pari, l'apprezzamento dell'euro e gli effetti della rivalutazione dei Btpi hanno contenuto l'incremento del debito per 8,1 miliardi. Sul fabbisogno dei primi undici mesi ha inciso per 4,7 miliardi (12,4 miliardi nel corrispondente periodo del 2013) il sostegno finanziario ai paesi dell'area dell'euro. Complessivamente, la quota di competenza italiana del sostegno finanziario ai paesi dell'area era pari alla fine dello scorso novembre a 60,3 miliardi.

debito pubblicoasta btpBtp Italiabotamministrazioni pubbliche
© Riproduzione riservata 14 gennaio 2015



BELLISSIMO IL GIOCO DELLE TRE DUE CARTE!!

Nel complesso, l'emissione di titoli sotto la pari, il deprezzamento dell'euro e gli effetti della rivalutazione dei Btp indicizzati all'inflazione hanno aumentato il debito per 0,3 miliardi.

Nel complesso, l'emissione di titoli sopra la pari, l'apprezzamento dell'euro e gli effetti della rivalutazione dei Btpi hanno contenuto l'incremento del debito per 8,1 miliardi.

che sia sotto o sopra, che ci sia apprezzamento o deprezzamento le cose NON CAMBIANO PER UN CAZZO!! apparentemente il panorama numerario. sempre aumenta!!

Ma la cosa più bella (per chi ha capito la differenza tra signoraccio e signoraggio) è questa:
cerca con google la stringa
"
https://www.google.it/search?q=Nel+comp ... o&start=20
"

e' tutto un copiancollallamazzancola!! tutti i giornali riportano a distanza di mesi e anni la stessa VELINA di IGB, con cifre cambiate alla cazzo con un modus operandi di cui ci sfugge l'algoritmo in nuce, forse in un'ottica di aggiornamento poi finito male per sviste e "quant'andro"!!

:D :D :D

grazie IGB che mi hai regalato, anche oggi, un sorriso!!
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

mr.spyder
Messaggi: 2428
Iscritto il: 9 ago 2009, 10:14
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: palermo - messina
azioni: volantinaggio,donazioni,
organizzazione eventi,sbus,
idee,manovalanza,
condivisione beni e servizi
fra PRIMITivi o volenterosi
a consapevolizzarsi sullla
moneta debito
Località: palermo - messina

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda mr.spyder » 14 mar 2015, 10:04

!
Bankitalia, debito pubblico vicino al record
Aumento di 31 miliardi a gennaio. E' a 2.165,9 miliardi, molto vicino al massimo storico di 2.167,7 miliardi registrato a luglio del 2014


Redazione ANSA ROMA
13 marzo 201523:41 News

Il debito pubblico a gennaio è aumentato di 31 miliardi, salendo a 2.165,9 miliardi, molto vicino al massimo storico di 2.167,7 miliardi registrato a luglio del 2014. Lo comunica Bankitalia nel Supplemento "Finanza pubblica, fabbisogno e debito". L'incremento è dovuto all'aumento di 36,3 miliardi delle disponibilità liquide del Tesoro, pari a fine gennaio a 82,6 miliardi (contro 46,3 a dicembre del 2014), solo in parte compensato dall'avanzo di cassa delle Amministrazioni pubbliche (4,6 miliardi) e dall'effetto complessivo dell'emissione di titoli sopra la pari, del deprezzamento dell'euro e degli effetti della rivalutazione dei titoli indicizzati all'inflazione (0,7 miliardi).

Nel mese di gennaio, le entrate tributarie contabilizzate nel bilancio dello Stato sono state pari a 31,3 miliardi, in lieve aumento rispetto allo stesso mese del 2014, quando erano ammontate a 31 miliardi. "La significatività dei dati del mese di gennaio - ricorda Bankitalia, ricordando - è limitata da disomogeneità nei tempi e nelle modalità di contabilizzazione di alcune entrate (la difformità temporale riguarda prevalentemente anticipi/slittamenti fra i mesi di dicembre e di gennaio)".
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


http://www.ansa.it/sito/notizie/economi ... 43ad8.html

dai commenti si evince che il popolino non ha (ancora) capito un cazzo...
Antonio Prezia, detto spyder... anche se non è importante chi sei,ma cosa vuoi fare per cambiare il mondo.

sandropascucci
Messaggi: 12902
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda sandropascucci » 15 giu 2015, 16:16

>
>
Debito pubblico, ad aprile nuovo record: a un passo da 2.200 miliardiDebito pubblico, ad aprile nuovo record: a un passo da 2.200 miliardi
Crescita di 10 miliardi ad aprile, a 2.194,5 miliardi, sopra il precedente record storico di 2.184 miliardi toccato a marzo. Pesa l'incremento delle disponibilità liquide del Tesoro. Nel primo quadrimestre dell'anno le entrate tributarie sono salite leggermente a 115,2 miliardi. Padoan: "Nella Stabilità avanti col taglio delle tasse"

15 giugno 2015

MILANO - Il debito delle amministrazioni pubbliche è aumentato in aprile di 10 miliardi, a 2.194,5 miliardi, superando il precedente record storico di 2.184 toccato a marzo. Un dato arrivato da Bankitalia poco prima che il ministro delle Finanze, Pier Carlo Padoan, a Napoli per un convegno ribadisse che l'obiettivo del governo per l'Italia è avere "un sistema di finanza pubblica più piccolo, più snello, più efficiente", per offrire i servizi pubblici essenziali "ma con costi più bassi". Sempre dalla Campania, parlando in un forum con il Mattino, ha aggiunto: "Questa del record del debito è una cosa veramente noiosa. Per definizione il debito aumenta, bisogna vedere se l'aumento è maggiore o minore del Pil nominale".

L'incremento dello stock del debito è stato superiore al fabbisogno del mese (6,4 miliardi), in ragione dell'aumento di 4,2 miliardi delle disponibilità liquide del Tesoro (a fine aprile pari a 83,1 miliardi; 77,4 ad aprile del 2014). Continuano invece a lavorare a favore del contenimento dell'indebitamento il buon momento dei titoli di Stato, nonostante l'incremento dei rendimenti dei titoli di Stato legato alla tensione per la Grecia e alla ripresa delle prospettive di inflazione: in ogni caso, l'emissione di titoli sopra la pari, l'apprezzamento dell'euro e gli effetti della rivalutazione dei titoli indicizzati all'inflazione (0,6 miliardi) sono elementi che comprimono in parte il debito.

Bankitalia precisa ancora che il debito delle Amministrazioni centrali è aumentato di 9,9 miliardi, quello delle Amministrazioni locali di 0,1 miliardi; il debito degli Enti di previdenza è rimasto sostanzialmente invariato.

La pubblicazione di via Nazionale su "Finanza pubblica, fabbisogno e debito" sottolinea anche che le entrate tributarie contabilizzate nel bilancio dello Stato sono state di 29,5 miliardi, sempre in aprile, in aumento del 2,9% (0,8 miliardi) rispetto allo stesso mese del 2014. Nel primo quadrimestre del 2015 le entrate tributarie sono state complessivamente pari a 115,2 miliardi, lievemente superiori rispetto a quelle relative allo stesso periodo dell'anno precedente (114,4 miliardi).

In una pubblicazione separata, del Mef, si spiega che le entrate tributarie e contributive del periodo gennaio-aprile sono aumentate dell'1,9% (+3.601 milioni di euro), rispetto all'analogo periodo dell'anno precedente. Il dato tiene conto della sostanziale stabilità (+38 milioni di euro) delle entrate tributarie e della crescita delle entrate contributive del 5,2% (+3.563 milioni di euro) dovuta agli incassi della prima rata dei premi Inail che nel 2014 era slittata dal mese di febbraio al mese di maggio.

Tornando alle parole di Padoan, il ministro ha spiegato che "l'impegno è di non cambiare rotta e di continuare con l'abbattimento delle tasse" iniziato con il bonus Irpef e con la scorsa legge di Stabilità. Per finanziare l'ultieriore lavoro sulla pressione fiscale sarà necessario ricorrere alla spending review.


fonte: http://www.repubblica.it/economia/2015/ ... ef=HREC1-2


più ci tassano più incassano e più il dbpub aumenta.. :D :D :D
che sia colpa del signoraggio non ci pensa nessuno??!1uno!!?
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12902
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda sandropascucci » 15 giu 2015, 16:21

dico a un amico:
- ma ti rendi conto che da quando seguo la storia del signoraggio il debito pubblico è aumentato di quasi 800 milioni di euro, passando da 1.400 miliardi a 2.200 miliardi??
e lui: vaffanculo pascucci! smetti di seguirla la storia del signoraggio, allora!!11!!
:o
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

mr.spyder
Messaggi: 2428
Iscritto il: 9 ago 2009, 10:14
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: palermo - messina
azioni: volantinaggio,donazioni,
organizzazione eventi,sbus,
idee,manovalanza,
condivisione beni e servizi
fra PRIMITivi o volenterosi
a consapevolizzarsi sullla
moneta debito
Località: palermo - messina

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda mr.spyder » 24 giu 2015, 12:50

"Questa del record del debito è una cosa veramente noiosa. Per definizione il debito aumenta, bisogna vedere se l'aumento è maggiore o minore del Pil nominale".


a parte la cazzata del PIL,...IL DEBITO AUMENTA PER DEFINIZIONE!!!????!!!

come a dire che lo sanno che è impagabile,quindi traduktionen:
se allontano la carota (che non mangerai mai) tu,(popolino ignorante inconsapevole) DEVI CORRERE PIU' VELOCE....CAZZO!!!
ps...guarda che 'sta carota me la maglio io ....(comunque)
Antonio Prezia, detto spyder... anche se non è importante chi sei,ma cosa vuoi fare per cambiare il mondo.

sandropascucci
Messaggi: 12902
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda sandropascucci » 23 mar 2016, 11:28

>
>
Debito pubblico maggio sale a 2.218,2 miliardi euro
martedì 14 luglio 2015 16:59

ROMA (Reuters) - Il debito delle Amministrazioni pubbliche è aumentato in maggio di 23,4 miliardi, a 2.218,2 miliardi.

Lo dice la Banca d'Italia nel Supplemento al Bollettino statistico 'Finanza pubblica, fabbisogno e debito'.

L'incremento del debito è stato superiore al fabbisogno del mese (4,3 miliardi) principalmente per l'aumento di 17,8 miliardi delle disponibilità liquide del Tesoro (a fine maggio pari a 100,9 miliardi; 92,3 a maggio del 2014); complessivamente la rivalutazione dei titoli indicizzati all'inflazione, il deprezzamento dell'euro e l'emissione di titoli sopra la pari hanno accresciuto il debito per 1,3 miliardi.

Le entrate tributarie sono state pari a maggio a 31,0 miliardi, stabili rispetto allo stesso mese del 2014. Nei primi cinque mesi del 2015 sono state complessivamente pari a 146,2 miliardi, in lieve aumento annuo (145,4 miliardi).

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12902
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda sandropascucci » 12 apr 2016, 17:08

Debito pubblico, il 39% è in mano a investitori stranieri. La quota delle famiglie italiane cala al 5,9%

A novembre 2015 la percentuale in portafoglio agli stranieri è salita di quattro punti rispetto al picco negativo toccato nella prima metà del 2012. Diminuisce invece l'interesse dei privati, che a fine 2014 ne avevano l'8,6%. Stabile la quota di banche, assicurazioni e altri investitori della Penisola, che detegono nel complesso il 44,2% dei Bot, Btp e Cct
di F. Q. | 15 gennaio 2016
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12902
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda sandropascucci » 13 apr 2016, 10:39

>
>
(Teleborsa) - Nell'immaginario di Padoan il debito pubblico italiano è un mostro da domare.

"L'Italia è un Paese che più di molti altri, se non tutti, nella zona euro e nell'Unione Europea ha fatto e continua a fare uno sforzo di finanza pubblica molto superiore agli altri proprio perché abbiamo questo mostro del debito che ora cominciamo a domare", ha dichiarato il ministro dell'Economia in un incontro organizzato dalla Regione Lazio.

Il debito "ha smesso di crescere e comincerà a scendere da quest'anno", ha aggiunto il titolare del dicastero di via XX settembre proprio nella settimana in cui è atteso il via libera del governo al Def (Documento di Economia e Finanza).

Secondo Pier Carlo Padoan la spesa pubblica è sotto controllo, mentre gli investimenti restano uno degli strumenti più importanti che il governo ha a disposizione per continuare a sostenere la crescita.


«Il debito [pubblico] ha smesso di crescere e comincerà a scendere da quest'anno»
[Pietro Carlo Padoan, Ministro dell'Economia e delle Finanze, 13 aprile 2016. NOTA: debito pubblico gennaio 2016 quota circa 2.195 miliardi di euro]
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12902
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda sandropascucci » 18 apr 2016, 9:01

>
>
Debito pubblico si gonfia ancora

15 aprile 2016, di Daniele Chicca

ROMA (WSI) – Il debito pubblico italiano non arresta la sua corsa a inizio 2016. Nel mese di febbraio ha sfiorato i 2.215 miliardi di euro. Nello specifico, il passivo delle amministrazioni pubbliche è cresciuto di altri 21,5 miliardi, posizionandosi a 2.214,9 miliardi.

È quanto emerge dal supplemento di finanza pubblica al bollettino della Banca d’Italia. È stato rivisto al rialzo di 1,8 miliardi, inoltre, il debito per l’anno 2015, quando il passivo statale si è attestato a quota 2.171 miliardi.

L’incremento riflette, oltre al fabbisogno del mese (10,773 miliardi), l’aumento delle disponibilità liquide del Tesoro (11,2 miliardi, a 74,7 miliardi). In senso opposto hanno operato, per complessivi 0,5 miliardi, l’emissione di titoli di Stato sopra la pari e la rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione.

Quanto alle voci in entrata, i ricavi da imposte tributarie contabilizzati nel bilancio statale sono stati pari a 27,5 miliardi sempre a febbraio, per un incremento del 3,4% (0,9 miliardi) rispetto allo stesso mese dell’anno precedente.

Nel primo bimestre dell’anno le entrate tributarie sono aumentate del 6,6% (3,8 miliardi), attestandosi a 61,8 miliardi. Una parte dell’aumento riflette disomogeneità contabili che riguardano gli incassi dell’IVA e le ritenute Irpef
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12902
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda sandropascucci » 18 apr 2016, 9:02

Più aumentano le ENTRATE più aumenta il DEBITO PUBBLICO! aò!
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12902
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda sandropascucci » 18 apr 2016, 9:06

13 APRILE 2016:

«Il debito [pubblico] ha smesso di crescere e comincerà a scendere da quest'anno»
[Pietro Carlo Padoan, Ministro dell'Economia e delle Finanze, 13 aprile 2016. NOTA: debito pubblico gennaio 2016 quota circa 2.195 miliardi di euro]

15 APRILE 2016:

«Debito Pubblico a 2.215 miliardi di euro»

2.2150 - 2.195 = 20 miliardi IN PIU'!
a' piercarlì!! statte zitto c'hè mejo!!

carlettodebito.jpg
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12902
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [DOSSIER n.03] Debito pubblico, è record storico..

Messaggioda sandropascucci » 15 giu 2016, 18:09

>
>
Bankitalia, nuovo record del debito pubblico ad aprile: 2.230 miliardi

Economia

Il dato aumenta di 2,1 miliardi rispetto a marzo. Pitruzzella (Antitrust): "Pone limiti significativi alla possibilità di condurre politiche di crescita basate sullo stimolo fiscale". Brunetta (Forza Italia): "Con il governo Renzi è incrementato di 123 miliardi. C'è poco da festeggiare al no-Imu day"
di F. Q. | 15 giugno 2016
COMMENTI (298)

Più informazioni su: Bankitalia, Debito
Il debito pubblico italiano fa registrare un nuovo record storico ad aprile, aumentando di 2,1 miliardi rispetto a marzo. Secondo le tabelle della Banca d’Italia, il debito delle Amministrazioni pubbliche è salito a 2.230,8 miliardi, contro i 2.228,7 miliardi del mese precedente. Si tratta del secondo massimo storico consecutivo, dopo quello già toccato a marzo. Il dato è stato pubblicato mentre il presidente dell’Antitrust, Giovanni Pitruzzella, presentava la sua relazione al Parlamento. “Il forte peso del debito pubblico – ha spiegato – pone limiti significativi alla possibilità di condurre politiche di crescita prevalentemente basate sullo stimolo fiscale. Questo limite sussiste indipendentemente dalle regole europee e dai loro margini di flessibilità”.

Ma l’aumento del debito ha prestato anche il fianco del governo agli attacchi dell’opposizione. “A febbraio 2014, quando ha cominciato a governare Renzi – fa notare Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera – il debito pubblico italiano ammontava a 2.107,6 miliardi di euro. Significa che con Renzi è aumentato di 123,20 miliardi in poco più di due anni. C’è poco da festeggiare con il No-Imu day domani. I numeri sbugiardano Renzi. E Padoan si deve dimettere”. Sulla stessa linea, il senatore forzista Andrea Mandelli, vice presidente della Commissione Bilancio di Palazzo Madama: “Con questi numeri, celebrare la riduzione della pressione fiscale è completamente fuori dalla realtà. Perché se non si mette mano ad una seria spending review, se non la si smette con le manovre in deficit e non si pensa ad una crescita strutturale, è inevitabile che le tasse aumentino”.

Pubblicità
Nel dettaglio, l’incremento del debito è stato inferiore al fabbisogno del mese (7,8 miliardi), grazie alla riduzione di 5,2 miliardi delle disponibilità liquide del Tesoro e all’effetto complessivo dell’emissione di titoli sopra la pari, della rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione e della variazione del cambio dell’euro (0,5 miliardi), spiega Bankitalia. Il debito delle amministrazioni centrali è aumentato di 1,7 miliardi, quello delle amministrazioni locali è aumentato di 0,4 miliardi; il debito degli Enti di previdenza è rimasto sostanzialmente invariato.

Sale, infine, la quota del debito pubblico italiano in mano agli stranieri a marzo, che ammonta a 776 miliardi di euro, di cui 730 miliardi in titoli di Stato sul totale di 2.228 miliardi del debito pubblico di marzo. In percentuale sul totale passa così dal 33,6 di febbraio al 34,8%. Le entrate tributarie contabilizzate nel bilancio dello Stato sono state pari ad aprile a 28,9 miliardi, in calo rispetto ai 29,5 miliardi dello stesso mese del 2015. Nel primo quadrimestre del 2016 le entrate tributarie sono state complessivamente pari a 118,5 miliardi, superiori di 3,3 miliardi (2,9%) rispetto a quelle relative allo stesso quadrimestre dell’anno precedente.

di F. Q. | 15 giugno 2016
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA


Torna a “i DOSSIER”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono liberamente riproducibili purché sia citata e linkata la fonte (sono infatti rilasciati sotto una licenza Creative Commons BY-NC-SA 2.0) Il redattore non e' legalmente responsabile per i pensieri e le affermazioni espresse in questo blog dai visitatori. L'autore non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di errori in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su questo sito avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto. Questo sito non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 Comunque, Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. :: SE&O :: Salvo Errori et Omissioni "come scrivono le banche, in calce agli estratti conto, per evitare eventuali future azioni penali".