[DOSSIER n.18] Gli eterni affari di IGB

raccolta delle menzogne del SistemaIGB
sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

[DOSSIER n.18] Gli eterni affari di IGB

Messaggioda sandropascucci » 4 apr 2012, 15:22

laguerre1.png
Allegati
laguerre2.png
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [DOSSIER n. 18] Gli eterni affari di IGB

Messaggioda sandropascucci » 4 apr 2012, 15:50

laguerre3.png
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [DOSSIER n. 18] Gli eterni affari di IGB

Messaggioda sandropascucci » 4 apr 2012, 16:08

>
>
HC Deb 20 October 1942 vol 383 cc1831-7
Exchange Equalisation Account
HC Deb 20 October 1942 vol 383 c18311831
47. Mr.-Craven-Ellis
asked the Chancellor of the Exchequer whether he is in a position to make a statement on the Equalisation Account?
The Chancellor of the Exchequer (Sir Kingsley Wood)
As I have previously stated, I cannot go beyond the existing arrangement by which the annual accounts of the Exchange Equalisation Account are submitted confidentially to the Public Accounts Committee.
Mr. Thorne
Is it on the right side?
Monetary and Currency Policy
48. Mr. Craven-Ellis
asked the Chancellor of the Exchequer whether he will assure the House that no amendment, alteration or addition will be made to the Ottawa Monetary Report of August, 1932, and the British Currency Declaration of July, 1933, without first receiving the approval of Parliament?
Sir K. Wood
No, Sir. The question whether there will at any time be any modifications of the monetary and currency policy of this country is hypothetical.
Mr. Craven-Ellis
May I ask that nothing be done in this connection without the approval of the House?
Sir K. Wood
The question is still hypothetical.
Bank Credit
49. Mr. Craven-Ellis
asked the Chancellor of the Exchequer whether he will take steps to place the issue of money in the form of bank credit in the same legal position as the issue of bank-notes was given by the Bank Charter Act of 1844 and the Currency and Bank Notes Act, 1928; that is to say, that the future increase of bank credit shall be subject to Treasury control, and that the profits accruing from such increase shall revert to His Majesty's Treasury?
Sir K. Wood
No, Sir. The comparison which my hon. Friend seeks to draw between the note issue and bank credit cannot be sustained.
Mr. Craven-Ellis
Is it not reasonable that bank credit should come into the same category as the issue of notes, and that any additional increase of bank credit should be controlled by the Treasury, so that the country would have the benefit of that issue?
Mr. Graham White
Is my right hon. Friend aware that the suggestion in the Question is that it is open to the banks to create credit without consultation with the Treasury, and will he dispel that erroneous suggestion?
Sir K. Wood
I think it is held only by my hon. Friend the Member for Southampton (Mr. Craven-Ellis).
Bank for International Settlements
50. Mr. Stokes
asked the Chancellor of the Exchequer the names and nationality of the present directors of the Bank for International Settlements?
Sir K. Wood
As the list is rather long, I will, with my hon. Friend's permission, circulate it in the OFFICIAL REPORT.
Mr. Stokes
Will the Chancellor give the House now some information as to the proportion of members of the Board who belong to the Axis Powers?
Sir K. Wood
I would prefer that hon. Members should see the information which I am circulating.
Mr. Stokes
Does the right hon. Gentleman himself know who they are?
Sir K. Wood
Yes, Sir.
Mr. Stokes
Then why not tell us?
Following is the List:
• Dott. V. Azzolini (Italian).
• Y. Breart de Boisanger (French).
• Baron Brincard (French).
• Walther Funk (German).
• Alexandre Galopin (Belgian).
• Prof. Francesco Giordani (Italian).
• Hisaakira Kano (Japanese).
• Sir Otto Niemeyer (British).
• Montagu Collet Norman (British).
• Ivar Rooth (Swedish).
• Dr. Hermann Schmitz (German).
• Kurt Freiherr von Schroder (German).
• Dr. L. J. A. Trip (Dutch).
• Marquis de Vogue (French).
• Ernst Weber (Swiss).
• Yoneji Yamamoto (Japanese).
55. Mr. Graham White
asked the Chancellor of the Exchequer whether he will cause the British directors of the Bank for International Settlements to submit a proposal through the American President of that bank for the liquidation of that bank?
Sir K. Wood
No, Sir.
War Damage Contributions
52. Mr. Cecil Wilson
asked the Chancellor of the Exchequer whether the concession intimated concerning the assessment of the war damage contribution on Income Tax assessments, which have been reduced subsequent to September, 1939, is intended to apply to owners of mortgaged property who have had similar reductions in their assessments, having in mind that the Income Tax payable by such mortgagors in 1939 was generally offset by the allowances granted against their building society interest payments?
Sir K. Wood
I am not clear as to the precise circumstances to which my hon. Friend's Question relates. If he will let me have particulars of any actual cases which he may have in mind, I will gladly look into them and will communicate with him as soon as possible.
Requisitioned Land (Current Payments).
53. Viscount Hinchingbrooke
asked the Chancellor of the Exchequer in what circumstances current payments can be made to the owner of land requisitioned by a Service Department in respect of minerals extracted for the use of the Department subsequent to a requisition; and if in no 1834circumstances whether he will amend the relevant Defence Regulations to enable current payments to be made?
Sir K. Wood
I would refer the Noble Lord to the answer given to him by my right hon. Friend the Secretary of State for Air on 8th October last. If he has any particular case in mind on which difficulty has arisen, perhaps he will let me have particulars.
54. Sir Joseph Lamb
asked the Chancellor of the Exchequer whether, with a view to increasing Excess Profits Tax receipts and decreasing the unnecessary use of labour and materials, he will consider the desirability of imposing a substantial restriction upon display advertisements, especially as many of the articles advertised are now unobtainable?
Sir K. Wood
The question of restriction of advertising is not a matter within my province. As regards the taxation aspect to which my hon. Friend refers, I can only refer him to the replies I gave on this question to my hon. Friend the Member for Newport (Sir R. Clarry) on 25th November, 1941 [OFFICIAL REPORT; cols. 605–6, Vol. 376], and to my hon. Friend the Member for Shipley (Mr. Creech Jones) on 16th December, 1941 [OFFICIAL REPORT; cols. 1828–9, Vol. 376].
Mr. John Dugdale
Within whose province does this come?
Sir K. Wood
I think it is the Ministry of Supply.
Copper Coinage
56. Mr. Driberg
asked the Chancellor of the Exchequer whether, in order to save copper and in view of the number of common objects whose price has increased from 1d. to 1½d., he will consider issuing a 1½d. coin?
Sir K. Wood
Suggestions for the issue of such a coin have been considered from time to time, but have had to be rejected. Apart from the objections to minting the very large numbers required to permit the free use of a new denomination, it would not appear generally conveneint to increase the present number of denominations of coin which have to be handled.
Mr. Driberg
Has the matter been considered recently, since the average price of a bus ticket went up to 1½d.?
Sir K. Wood
When the hon. Member put down his Question, I went into the matter again with my advisers.
Sir H. Williams
Does my right hon. Friend realise how easy it would be, if the suggestion were adopted, to increase the price of the "Daily Express"?
Wage-Earners (Income Tax)
57. Sir I. Albery
asked the Chancellor of the Exchequer whether he is aware that the directing of men to other employment in the national interest has resulted, in some cases, in lowering their earnings, which will result in hardship in the payment of Income Tax; and will he consider any suitable action in the next Budget?
Sir K. Wood
I would remind my hon. Friend that the scheme for deduction of Income Tax from wages contains provision for deferring deduction of part of the taxes payable where, for any week when earnings are relatively low, the full deduction would be unduly heavy. Under the regulations that have been made, the wage-earner is able to secure that the periodical deductions of taxes shall not be such as to reduce the wages paid for that week below certain limits which vary according to whether the taxpayer is married and the number of his children or dependants. These limits are set out in the "Deduction of Income Tax (Schedule E) (Amendment No. 3) Regulations, 1942" (S.R. & O.,1942, No. 1324).
Sir I. Albery
Is my right hon. Friend aware that in some cases wages have been reduced by as much as one-third—for instance, from £6 to £4—and that the mitigation to which he has referred will be no adequate compensation for reductions of that kind, when the men have to meet the tax on earnings of £6 out of a wage of £4?
Sir K. Wood
I think my hon. Friend is under a misapprehension in this matter. If he will give me particulars, I will examine them and send him a correction.
Mr. Stokes
Could not the Chancellor get out of the difficulty by adopting the admirable suggestion that Income Tax should be collected out of the pay in the actual week in which the wage is earned?
Bombed Houses (Income Tax)
58. Mr. Channon
asked the Chancellor of the Exchequer whether, in assessing1836Income Tax, he will, in his next Budget, consider making some allowance or rebate to those taxpayers whose houses have been demolished by enemy action and who are compelled to seek alternative accommodation elsewhere, while they are still obliged to keep up payments of instalments on their properties which have been destroyed?
Sir K. Wood
I am afraid I could not see my way to propose a special relief from taxation in the particular type of case to which my hon. Friend refers.
Mr. Channon
Will the right hon. Gentleman bear in mind the heavy drain on these people?
Sir K. Wood
I have other considerations to take into account.
Petrol (Taxation)
59. Mr. A. Edwards
asked the Chancellor of the Exchequer whether, as private motoring has now been practically abolished and running costs of all vehicles are now charged ultimately to the Government, he will consider removing the taxation of petrol in order to release staffs engaged on this work for productive work for the duration of the war?
Sir K. Wood
No, Sir. It is not the fact that the running costs of all vehicles are charged ultimately to the Government.
Mr. Edwards
Is the right hon. Gentleman aware that his Department specialises in imposing unnecessary work on various Departments?
Sir K. Wood
No, Sir.
Securities (Transfer Deeds)
61. Mr. Silkin
asked the Financial Secretary to the Treasury whether he is aware that transfer forms for stocks, although blank at the back, are now required to be accompanied by a separate form D which, until recently, was printed at the back of the transfer; that both forms are needed for the same transaction and are always kept together, and that the Stock Exchange do not regard two separate forms as necessary; and why the former practice has been changed involving a considerable waste of paper?
The Financial Secretary to the Treasury (Captain Crookshank)
I would refer the hon. Member to my right hon. Friend's 1837answer to the hon. Member for Colchester (Mr. Lewis) on 15th October and to the announcements in the Press on 16th October, that a new and simplified procedure in connection with transfers of securities is to be introduced as from 26th October. Under this; the use of a separate Form D will be abolished and the necessary declaration will ordinarily be printed on the back of the transfer deed. The hon. Member is, however, mistaken in stating that Form D was until recently printed on the back of transfer deeds. In fact it has been a separate document since its introduction in May, 1940.
RUDOLF HESS'S WIFE
64. Mr. Thorne
asked the Secretary of State for Foreign Affairs what reply is being made to the request of Frau Hess, the wife of Rudolf Hess, who is now somewhere in England, for permission to join her husband?
The Under-Secretary of State for Foreign Affairs (Mr. Richard Law)
I am not clear as to what my hon. Friend means by his Question. If the suggestion is that Frau Hess is in England, this is not so. In any case no such request has been received from her. As the Prime Minister stated in the House on 20th May, 1941, Hess is being treated as a prisoner of war and will receive appropriate treatment. Even if such a request had been made, there would be no question of granting such facilities, for which there is no provision in the Prisoners of War Convention.
Mr. Thorne
Is the hon. Gentleman aware that there is a good deal of interest taken in the matter? Has the hon. Gentleman seen a similar photo to that sent to me of Mrs. Hess?
TIN (INTERNATIONAL CONTROL)
65. Mr. Graham White
asked the Secretary of State for Foreign Affairs whether he is satisfied that the agreement for the International Control of Production and Export of Tin is within the letter and spirit of the Atlantic Charter?
Mr. Law
Yes, Sir.
Mr. White
What arrangements have been made for the protection of consumers?
1838
Mr. Law
The agreement should help consumers as much as it helps producers. It is calculated to smooth out violent oscillations in price, which are beneficial neither to producers nor to consumers.
Mr. White
Would it not be a good idea to give the representatives of the consumers the right to vote?
Mr. Stokes
Is not this another example of the intention of the Government to retain monopoly interests as long as they can?
Mr. Law
No, Sir.
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [DOSSIER n. 18] Gli eterni affari di IGB

Messaggioda sandropascucci » 6 giu 2012, 13:34

>
>
' GLI AFFARI COL NEMICO DELLE NOSTRE BANCHE'
23 ottobre 1996 — pagina 19 sezione: MONDO

LUGANO - Le ombre e i sospetti che stanno sempre più creando imbarazzo alla Svizzera per il ruolo ambiguo svolto durante la Seconda guerra mondiale, non risparmiano alcune delle organizzazioni internazionali che hanno sede sul territorio elvetico. Il Cicr, il Comitato internazionale della Croce Rossa, è accusato di aver ' coperto' un agente tedesco, la Bri (la Banca per i regolamenti internazionali di Basilea), di aver aiutato i nazisti a ' riciclare' oro e preziosi, razziati nei paesi occupati. A occuparsi del ruolo della Bri in epoca bellica ci ha pensato un giornalista di Zurigo, Gian Trepp, autore del libro Bankgesellschafte Mit Dem Feind, ovvero fare affari con il nemico. Il volume uscì nel ' 93, senza fare molto rumore. Oggi è diventato un documento importante. Non a caso la cosiddetta banca centrale delle banche centrali si è affrettata a promettere una "prossima apertura dei nostri archivi", poco dopo che, sul Financial Times, comparve un articolo dedicato al volume. Gian Trepp, un cinquantenne dall' aria sbarazzina, l' ufficio nel quartiere Cinque, la zona alternativa di Zurigo, ha passato al setaccio l' attività della Bri, tra il ' 39 e il ' 45, facendo delle scoperte interessanti. Signor Trepp, quale è il suo parere su quello che sta emergendo, oggi, sul ruolo della Svizzera e delle sue banche, durante il periodo bellico? "Io ritengo si debba distinguere. Non dimentichiamo che, allora, la Svizzera era circondata dai nazi-fascisti e che doveva pensare alla propria sopravvivenza. Alcuni uomini d' affari e banchieri lo sapevano perfettamente, e sapevano che con la Germania e con i nazisti bisognava venire a patti. Altri, invece, ne hanno indubbiamente solo approfittato". La Bri ha deciso di aprire gli archivi. Che cosa vi potremmo trovare? "Molte cose. Ad esempio che la Bri ha funzionato, durante la guerra, né più né meno come una banca svizzera. Comprava l' oro dalla Germania a un prezzo inferiore a quello di mercato, senza farsi troppe domande sulla provenienza, poi lo rivendeva in Svizzera, pagando i tedeschi in franchi. Per il Terzo Reich i franchi erano fondamentali in quanto servivano ad acquistare materie prime da alcuni paesi non belligeranti, quali ad esempio la Turchia. Evidentemente, per la piazza finanziaria elvetica, si è trattato di un affare e molti, banche e avvocati più di altri, ne hanno approfittato". Lei dice che la Bri funzionava come una banca svizzera. Resta il fatto che i suoi vertici erano internazionali, trattandosi della banca centrale delle banche centrali. Come avveniva la convivenza tra rappresentanti di paesi, tra loro in conflitto? "Innanzitutto si è deciso di sospendere le riunioni del consiglio di amministrazione, evitando così gli incontri tra i governatori delle banche centrali. A Basilea, tuttavia, la Bri continuava a funzionare, con un presidente americano, Thomas McKittrick, un direttore generale tedesco, Paul Hechler, membro influente del partito nazista, e un segretario generale italiano, Raffaele Pilotti". Ma se erano saltati gli incontri periodici dei governatori, e quindi mancava una guida politica concertata, che senso aveva tenere aperta la Bri? "Tutti avevano il loro interesse. Di quello dei tedeschi già ho detto. Per quanto riguarda gli alleati ne ricavavano informazioni fondamentali sulle attività della Reichbank, la banca centrale nazista". Lei sostiene che la Bri funzionava come una banca svizzera. Oggi l' attività delle banche elvetiche, durante la guerra, viene stigmatizzata da più parti. Oltre alla questione dei fondi delle vittime dell' Olocausto, c' è quella dell' oro nazista. "Ho scoperto una cosa interessante. Ho visto un documento che dimostra come la Bri abbia acquistato, dalla Raichbank, otto tonnellate di napoleoni d' oro, razziati dai nazisti nella Francia occupata. La Bri fece fondere le monete, ricavandone dei lingotti". - f z


da: repubblica.it
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [DOSSIER n. 18] Gli eterni affari di IGB

Messaggioda sandropascucci » 2 ago 2013, 10:39

>
>
L’oro dei nazisti venduto grazie alla Banca d’Inghilterra
Scritto da Davide Mazzocco | Yahoo! Finanza – mer 31 lug 2013 17:50 CEST

È questo il caso che vede protagonista la Bank of England che negli scorsi giorni ha reso pubblico un dossier di dieci pagine redatto nel 1950 in cui viene descritto minuziosamente l’aiuto fornito ai nazisti nella vendita dell’oro saccheggiato alla Cecoslovacchia, prima dello scoppio della Seconda Guerra Mondiale.

Ma procediamo con ordine. Nel 1938 i nazisti invasero la Cecoslovacchia. Nel marzo 1939, la Bank of International Settlements (Banca dei Regolamenti Internazionali) chiese alla Banca d’Inghilterra di far transitare un valore di 5,6 milioni di sterline in oro dalla Banca Nazionale Ceca alla Reichsbank tedesca. La maggior parte del “bottino” tedesco – circa 2000 lingotti d’oro – ha successivamente preso la strada di Belgio, Olanda e della capitale Londra. A rendere più facile questa “magia” dell’alta finanza d’antan fu il fatto che a presiedere la Bank of International Settlements vi era il direttore della Banca d’Inghilterra: il tedesco Otto Niemeyer.

L’episodio è parecchio controverso poiché, nel giugno 1939, la banca centrale britannica vendette l’oro dei nazisti senza attendere l’approvazione di Westmister. La Bank of England compì i propri crimini alle spalle della politica. Alla data 1° giugno 1939 furono registrate vendite di oro per 440 mila sterline e spedizioni di oro a New York per 420 mila sterline dal conto n° 19 della Bank of International Settlements. Il tutto senza attendere il responso dei magistrati della Corona. In quelle transazioni vennero movimentati solo una parte dei 5,6 milioni oggetto delle transazioni complessive che, rapportate all’economia odierna, corrisponderebbero a circa 736 milioni di pound.

Soltanto tre mesi dopo, il Governo britannico dichiarò guerra alla Germania, dopo l’invasione della Polonia.

Gli uomini di Threadneedle Street non aspettarono perché avrebbero avuto dal Governo di Sua Maestà risposta negativa visto che, secondo la Storia, la politica impose il congelamento dei beni cechi sul territorio britannico dopo l’invasione tedesca. Resta nebuloso il grado di conoscenza della situazione da parte del governo britannico, mentre le operazioni descritte nel dossier del 1950 sembrano svelare un patto di ferro fra Bank of England, Bank of International Settlements e Reichsbank.

Un legame che sembrerebbe essere confermato dal fatto che il governatore della BoE, Montagu Norman, fu fra i più accesi sostenitori della Germania fino alla guerra, tanto da prendere parte al battesimo del figlio di Hjalmar Schacht, presidente della Reichstag prima della guerra.

Un gioco perverso favorì l’ascesa di Adolf Hitler, per quasi sei anni il nemico numero uno della Gran Bretagna. Almeno fino all’inizio del conflitto, quando nelle stanze della Banca d’Inghilterra arrivò un ordine perentorio a non obbedire alla Banca dei Regolamenti Internazionali nel caso in cui gli ordini della medesima sembrassero “avvantaggiare il nemico”.

da: http://www.yahoo.it
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [DOSSIER n. 18] Gli eterni affari di IGB

Messaggioda sandropascucci » 15 gen 2014, 15:50

>
>
Bufera sulla Banca centrale svizzera:
ha investito in produttori di mine

L'istituto centrale elvetico ha investito 690 milioni di dollari in azioni di fabbriche di armamenti, dalla Locked Martin a Babook & Wilcox. Ma è la scelta della Textron, che produce bombe a grappolo e mine anti-uomo, a imbarazzare i banchieri centrali di Berna
di FRANCO ZANTONELLI

Bufera sulla Banca centrale svizzera: ha investito in produttori di mine

TAG Svizzera, Mine, Armi, banca centrale svizzera
LUGANO - Un portafoglio titoli quantomeno inopportuno sta imbarazzando la Banca Nazionale Svizzera. Stando a quanto ha reso noto il quotidiano Tages Anzeiger di Zurigo, dopo aver spulciato i dati della Sec statunitense, l'istituto elvetico di emissione ha investito 690 milioni di dollari in azioni di fabbriche di armamenti. Stiamo parlando di colossi come Locked Martin, Alliant Techsystems e Babook & Wilcox, specializzate nella costruzione di bombe atomiche ma anche, ed è qui che storcono il naso in molti, della Textron, che produce bombe a grappolo e mine anti-uomo.

Per intenderci le stesse che hanno devastato i corpi di milioni di bambini in Afghanistan, in Irak e nelle tante guerre africane. Se vogliamo, sugli oltre 80 miliardi di dollari di patrimonio azionario della Banca Nazionale Svizzera, quei 680 milioni sono poca cosa, anche se sufficienti per far inalberare quanti non accettano che un'istituzione di un Paese neutrale, qual'è la Svizzera, tragga profitto dalle devastazioni di una guerra.

"La Banca Nazionale - dice non a caso l'economista Florian Wettstein, dell'Università di San Gallo - ha bisogno di linee di condotta etica, per i propri investimenti. Il minimo - aggiunge - sarebbe di stabilire dei criteri di esclusione". Il che significa individuare quei settori dai quali non è eticamente accettabile trarre profitto. "Stiamo valutando la cosa e qualcosa faremo" ha, intanto, rassicurato Walter Meier, portavoce della Banca centrale svizzera.

Che è già
nell'occhio del ciclone per i suoi investimenti sull'oro, che le hanno fatto perdere, lo scorso anno, l'equivalente di 7,3 miliardi di franchi, precipitando in rosso i conti pubblici e costringendo diversi Cantoni a ritoccare le loro politiche sul welfare, per l'anno che è appena iniziato. Tornando a quegli odiosi dividendi, generati dalle mine anti-uomo, l'economista Peter Seele, dell'Università della Svizzera Italiana di Lugano, ritiene vi si possa rinunciare seguendo l'esempio delle casse pensioni norvegesi, olandesi e neozelandesi. "Semplicemente - spiega Seele - hanno introdotto dei criteri etici nei loro investimenti". Il che avviene già, peraltro, per gli oltre 150 miliardi di euro dei proventi petroliferi della Norvegia, che sono sì gestiti dalla banca centrale di Oslo, ma con decisioni filtrate da più livelli, compreso un comitato etico di esperti.
(15 gennaio 2014)
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [DOSSIER n.18] Gli eterni affari di IGB

Messaggioda sandropascucci » 28 gen 2015, 14:49

Mario Monti ?!?

monti-glick01.JPG
monti-glick02.JPG
monti-glick03.JPG


da: http://www.repubblica.it/economia/2015/ ... 105972559/
>
>
Un altro pezzo di Londra passa al Qatar: la City cambia padrone
Songbird, la società che detiene il 69% del quartiere di Canary Wharf, ha annunciato che l'offerta da 2,6 miliardi di sterline del fondo sovrano emiratino è destinata ad andare a buon fine, anche se il cda la considera troppo bassa

28 gennaio 2015

Un altro pezzo di Londra passa al Qatar: la City cambia padrone

MILANO - Songbird, la società che detiene il 69% del Canary Wharf, è pronta ad accettare l'offerta da 2,6 miliardi di sterline (4,1 miliardi di dollari) del Qia, il fondo sovrano del Qatar, per il quartiere che ospita gran parte delle strutture della City di Londra. Il board di Songbird ritiene che l'offerta da 350 pence ad azione avanzata dal Qia e dagli americani di Brookkield, sia troppo bassa ma ammette che i suoi principali azionisti sono disposti ad accettarla.

Dopo due no da parte di Songbird gli arabi hanno aggirato l'ostacolo rivolgendosi direttamente agli azionisti e sono riusciti a spuntarla. "Il board - ammette Songbird - ritiene l'offerta troppo bassa ma comprende che i suoi maggiori azionisti intendono accettarla". La scalata non è stata facile, a causa della complessa struttura che detiene la proprietà del Canary Wharf. Il Qia già detiene il 28,6% di Songbird, mentre Brookfield controlla il 22% di Canary Wharf Group, di cui China Investment Corporation ha oltre il 15%, un commerciante di diamanti, Simon Glick, il 26% e Morgan Stanley l'8,5%. Tra i grandi azionisti di Songbird ci sono anche Madison e Third Avenue Management.

Nel 1980 la zona dei vecchi Docks, i magazzini del porto di Londra dove è sorto il Canary Wharf, era un'area degradata e in abbandono. Nel giro di meno di 30 anni è diventata il cuore finanziario della City, ed è considerata una nuova Manhattan in piena espansione. Due sono i mega-progetti in cantiere: un grattacielo di 60 piani e un'area di 20 acri dove sorgeranno 3.100 nuove case e uffici. Il tutto dovrà sorgere in quella che è considerata una delle aree edificabili più care al mondo.
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: [DOSSIER n.18] Gli eterni affari di IGB

Messaggioda sandropascucci » 7 set 2016, 12:11

>
>
Or monétaire pris à Rome en 1943 (Italie c. France, Royaume-Uni de Grande-Bretagne et d'Irlande du Nord et Etats-Unis d'Amérique)

Requête
Procédures incidentes
Procédure écrite
Procédure orale
Ordonnances
Arrêts
Résumés des arrêts et des ordonnances
Communiqués de presse
Correspondance
Résumé dur�sum� de l'arr�t du 15 juin 1954

Affaire de l'Or mon�taire pris � Rome en 1943

Arr�t du 15 juin 1954

L'affaire de l'Or mon�taire a �t� introduite devant la Cour par une requ�te de la R�publique italienne contre la R�publique fran�aise, le Royaume-Uni de Grande-Bretagne et d'Irlande du Nord et les Etats-Unis d'Am�rique.
La Cour �tait invit�e � trancher des questions juridiques de la solution desquelles d�pendait la remise soit � l'Italie, soit au Royaume-Uni, d'une quantit� d'or mon�taire prise � Rome en 1943 par les Allemands, r�cup�r�e en Allemagne et reconnue appartenir � l'Albanie. Le Royaume-Uni faisait valoir que la Cour avait condamn� l'Albanie � le d�dommager pour les d�g�ts caus�s par les explosions survenues en 1946 dans le d�troit de Corfou et que l'indemnit� � elle due ne lui avait jamais �t� vers�e. De son c�t�, l'Italie pr�tendait en premier lieu qu'elle avait une cr�ance contre l'Albanie, � la suite de mesures de confiscation qu'aurait prises le Gouvernement de ce pays en 1945, et en second lieu que cette cr�ance devait avoir priorit� sur celle du Royaume-Uni.
Le Gouvernement italien, se pr�valant de la d�claration sign�e � Washington le 25 avril 1951 par les Gouvernements de la France, du Royaume-Uni et des Etats-Unis, a saisi la Cour de ces deux questions. Mais apr�s le d�p�t de sa requ�te, il a �prouv� des doutes sur la comp�tence de la Cour et il l'a pri�e de statuer au pr�alable � ce quiet.
C'est sur la question de sa comp�tence que la Cour s'est prononc�e. Elle a jug�, premi�rement, � l'unanimit�, que, sans le consentement de l'Albanie, elle n'�tait pas autoris�e � statuer sur la cr�ance que l'Italie aurait contre l'Albanie; et, deuxi�mement, par 13 voix contre une, que la question de la priorit� ne pourrait se poser que si la premi�re question avait �t� r�solue en faveur de l'Italie.
M. Levi Carneiro, juge, a joint � l'arr�t l'expos� de son opinion dissidente (sur la deuxi�me question); deux autres membres de la Cour (sir Arnold McNair, pr�sident, et M. Read, juge), tout en ayant vot� en faveur de la d�cision, ont joint � l'arr�t l'un une d�claration et l'autre une opinion individuelle.
L'arr�t rappelle d'abord les faits. L'affaire trouve son origine dans la partie III de l'accord concernant les r�parations � recevoir de l'Allemagne (Paris, 14 janvier 1946), o� il est dit que 1'or mon�taire r�cup�r� en Allemagne sera r�uni en une masse commune pour �tre r�parti aux ayants droit. La France, le Royaume-Uni et les Etats-Unis sont signataires de l'accord, ainsi que l'Albanie et d'autres Etats, l'Italie a adh�r� ult�rieurement � la partie III. L'ex�cution des dispositions de la partie III ayant �t� confi�e aux Gouvernements de la France, du Royaume-Uni et des Etats-Unis, ces trois gouvernements nomm�rent une commission tripartite pour les assister en la mati�re. En ce qui concerne une quantit� d'or enlev�e � Rome en 1943 et qui appartenait � la Banque nationale de l'Albanie, la commission tripartite, saisie de r�clamations contradictoires de l'Albanie et de l'Italie, ne put se prononcer. Les trois gouvernements convinrent alors de soumettre la question � un arbitre (accord de Washington du 25 avril 1951). En m�me temps, ils constat�rent (d�claration de Washington de la m�me date) que si l'arbitre se pronon�ait en faveur de l'Albanie ils se trouveraient devant un autre probl�me, l'or �tant r�clam� � la fois par l'Italie et par le Royaume-Uni pour des raisons non couvertes par la partie III de l'accord de Paris; et ils d�cid�rent que l'or serait remis au Royaume-Uni en satisfaction partielle de l'arr�t de la Cour du 15 d�cembre 1949 en l'affaire du d�troit de Corfou, � moins que, dans un certain d�lai apr�s le prononc� de l'avis arbitral, ou bien l'Albanie de son c�t� ait saisi la Cour pour l'inviter � statuer sur ses propres droits, ou bien l'Italie ait saisi la Cour en vue de d�cider premi�rement si, du fait de tous droits qu'elle pr�tend avoir par suite du d�cret albanais du 13 janvier 1946 ou des clauses du trait� de paix avec l'Italie, l'or doit lui �tre remis plut�t qu'� l'Albanie deuxi�mement, si, dans le cas o� la question se poserait, la pr�tention italienne doit ou non avoir priorit� sur la pr�tention du Royaume-Uni.
C'est ainsi que, dans le d�lai prescrit, l'Italie a saisi la Cour par une requ�te qui a fait l'objet des communications habituelles aux Etats admis � ester en justice devant la Cour, et qui a �galement �t� transmise au Gouvernement albanais.
Les d�lais pour le d�p�t des pi�ces de la proc�dure �crite furent alors fix�s par la Cour. Toutefois, au lieu de pr�senter son m�moire sur le fond, le Gouvernement italien a mis en doute la comp�tence de la Cour pour conna�tre de la premi�re question : celle du bien fond� de la pr�tention italienne contre l'Albanie. Les parties ayant �t� invit�es � exposer leurs vues sur le probl�me ainsi soulev�, le Gouvernement italien a fait valoir que la Cour n'avait pas titre suffisant � se prononcer puisqu'en r�alit� l'action vis�e par la d�claration de Washington se dirigeait contre l'Albanie et puisque ce pays n'�tait pas partie au proc�s. Quant au Royaume-Uni, il a vu dans la contestation de comp�tence de l'Italie un motif pour mettre en doute la valeur de la requ�te, qui devrait �tre consid�r�e comme non conforme � la d�claration de Washington, ou comme nulle et non avenue, ou comme retir�e. Les deux autres gouvernements d�fendeurs - France, Etats-Unis - n'ont pas d�pos� de conclusions formelles.
Apr�s avoir ainsi rappel� les faits, la Cour examine les th�ses en pr�sence, en commen�ant par les conclusions du Royaume-Uni qui viennent d'�tre r�sum�es. Certes, une contestation de comp�tence �manant du demandeur est insolite, mais il faut tenir compte des circonstances de l'esp�ce : c'est la d�claration de Washington, �manant des trois gouvernements, qui a formul� l'offre de juridiction accept�e par l'Italie et qui a d�termin� par avance l'objet de l'action; et c'est apr�s avoir fait la d�marche initiale que l'Italie a ressenti un doute et a pr�sent� une exception pr�liminaire en invoquant l'article 62 du R�glement de la Cour. Or, ce texte n'exclut pas que, dans de telles circonstances, le demandeur soul�ve une exception. De par cette exception, l'acceptation par l'Italie de la juridiction de la Cour n'est devenue ni moins compl�te ou ni moins positive que ne l'envisageait la d�claration de Washington. Demander � la Cour de r�gler le probl�me de sa comp�tence ne revient pas � lui demander de ne se prononcer en aucune circonstances sur les questions formul�es dans la requ�te. Celle-ci est r�elle; elle le reste, tant qu'elle n'est pas retir�e; or elle n'est pas retir�e. Enfin, la requ�te, qui n'�tait pas nulle lors de son d�p�t, ne l'est pas devenue par la pr�sentation de l'objection � la comp�tence.
Ayant ainsi conclu qu'elle avait �t� valablement saisie par la requ�te, et que celle-ci subsistait, la Cour passe � l'examen de l'objection italienne quant � sa comp�tence, en vue de d�cider si elle est ou non en mesure de statuer au fond sur les demandes �nonc�es dans la requ�te. Elle constate que, dans les rapports entre les trois Gouvernements et l'Italie, la requ�te est conforme � l'offre �nonc�e dans la d�claration de Washington, tant pour ce qui est de l'objet du diff�rend que pour ce qui est des parties en cause; elle est donc comp�tente pour traiter des questions qui sont pos�es dans la requ�te. Mais sa comp�tence est-elle de m�me �tendue que la mission qui lui est confi�e ?
A cet �gard, la Cour constate qu'elle n'est pas simplement appel�e � dire si l'or doit �tre remis � l'Italie ou au Royaume-Uni : elle est invit�e � trancher en premier lieu certaines questions juridiques desquelles d�pend la solution du probl�me. Or, la premi�re demande �nonc�e dans la requ�te gravite autour d'une d�claration de l'Italie contre l'Albanie, r�clamation d'indemnit� pour le dommage pr�tendu. L'Italie estime avoir contre l'Albanie droit � r�paration d'un d�lit international que selon l'Italie, l'Albanie aurait commis envers elle. En cons�quence, pour d�terminer si l'Italie a titre � recevoir l'or, il est n�cessaire de d�terminer si l'Albanie a commis un d�lit international contre l'Italie et si elle est tenue � r�paration envers elle; puis, dans ce cas, de d�terminer aussi le montant de l'indemnit�. Pour trancher ces questions, il est n�cessaire de d�terminer si la loi albanaise du 13 janvier 1945 �tait contraire au droit international. A la solution de ces questions, qui ont trait au caract�re licite ou illicite de certains actes de l'Albanie vis-�-vis de l'Italie, deux Etats seulement l'Italie et l'Albanie, sont directement int�ress�s.
Examiner au fond de telles questions serait trancher un diff�rend entre l'Italie et l'Albanie, ce que la Cour ne peut faire sans le consentement de cet Etat. Si elle le faisait, elle agirait � l'encontre d'un principe de droit international bien �tabli et incorpor� dans le Statut, � savoir qu'elle ne peut exercer sa juridiction � l'�gard d'un Etat si ce n'est avec le consentement de ce dernier.
On a soutenu que l'Albanie aurait pu intervenir, l'article 62 du Statut donnant ce droit � un Etat tiers qui estime que, dans un diff�rend, un int�r�t d'ordre juridique est pour lui en cause; que le Statut n'emp�che pas qu'une instance se poursuive, m�me quand l'Etat tiers qui aurait le droit d'intervenir s'en abstient; et que, par cons�quent, l'abstention de l'Albanie ne doit pas emp�cher la Cour de statuer. Mais en l'esp�ce, les int�r�ts juridiques de l'Albanie ne seraient pas seulement touch�s par une d�cision : ils en constitueraient l'objet m�me. Le Statut ne peut donc �tre consid�r� comme autorisant implicitement la continuation de la proc�dure en l'absence de l'Albanie.
La Cour en conclut que, bien que l'Italie et les trois Etats d�fendeurs lui aient conf�r� une comp�tence, elle ne peut exercer cette comp�tence en vue de statuer sur la premi�re demande qui lui a �t� soumise par l'Italie. Quant � la seconde demande - qui a trait � la priorit� entre les pr�tentions de l'Italie et du Royaume-Uni - elle ne se poserait que si, dans les rapports entre l'Italie et l'Albanie, il avait �t� d�cid� que l'Italie doit recevoir l'or. Elle est par cons�quent en relations de d�pendance avec la premi�re demande. La Cour doit donc conclure que, ne pouvant statuer sur cette premi�re demande, elle doit s'abstenir d'examiner la seconde.


>
>
La questione dell''oro albanese'

Roselli Alessandro

Rivista di storia economica, 2007, issue 2, pages 183-208

Abstract: L'articolo fa la storia della riserva aurea della Banca Nazionale d'Albania - creata dall'Italia nel 1925 - nel periodo post-bellico: probabilmente, la più lunga controversia diplomatica della Guerra Fredda, che coinvolse l'Italia, l'Albania e la Gran Bretagna. Fino alla sua asportazione da parte dei Nazisti nel 1943, l'oro era per lo più custodito a Roma. Fu trasportato in Germania e confuso con l'altro oro sottratto dai tedeschi nei paesi occupati. Dopo che gli Alleati trovarono l'oro, nascosto in una miniera di potassio, fu deciso di restituirlo, pro-quota, ai paesi suddetti. Fu istituita nel 1946, da Stati Uniti, Inghilterra e Francia, una Commissione Tripartita per portare avanti tale redistribuzione. L'oro albanese fu rivendicato dall'Italia, essendo la Banca, in sostanza, un'istituzione italiana; e dall'Albania di Hoxha, che aveva nazionalizzato la Banca e considerava il suo oro come la riserva nazionale. Gli inglesi sostennero dapprima la pretesa italiana (l'Albania era ormai considerata perduta per l'Occidente), ma poi cambiarono idea: dopo il danneggiamento di due loro navi da guerra, con molte vittime, nel canale di Corfù nel 1946 - per il quale fu incolpato Hoxha - essi dissero che l'oro apparteneva all'Albania, ma doveva essere assegnato alla Gran Bretagna come compenso per il grave danno subito. Per tale motivo, mentre la Commissione Tripartita aveva convalidato la pretesa albanese, l'oro non fu consegnato. Un arbitro nominato allo scopo non riuscì a risolvere il problema: nel 1954 assegnò l'oro all'Albania (indirettamente a beneficio degli inglesi), ma l'opposizione italiana riuscì a bloccare ogni passo. Nel lungo periodo della Guerra Fredda, la lotta per l'oro fu essenzialmente una disputa anglo-italiana (con Francia e Stati Uniti come co-protagonisti): politicamente, era fuori questione ogni restituzione all'Albania. Dopo la morte di Hoxha nel 1985, tuttavia, ripresero i negoziati con l'Albania. L'Italia avrebbe rinunciato al suo diritto se il Regno Unito avesse, nella sostanza, fatto altrettanto. Solo dopo la caduta del comunismo, nel 1996-97 l'oro fu infine consegnato all'Albania e, 55 anni dopo la sua asportazione da Roma, la questione venne definitivamente chiusa.

Date: 2007
References: Add references at CitEc
Citations Track citations by RSS feed

Downloads: (external link)
https://www.rivisteweb.it/download/arti ... 1410/25375 (application/pdf)
https://www.rivisteweb.it/doi/10.1410/25375 (text/html)
Access to full text is restricted to subscribers

Related works:
This item may be available elsewhere in EconPapers: Search for items with the same title.

Export reference: BibTeX RIS (EndNote, ProCite, RefMan) HTML/Text

Persistent link: http://EconPapers.repec.org/RePEc:mul:j ... :p:183-208

Access Statistics for this article

Rivista di storia economica is currently edited by P.L. Ciocca, G. Federico, G. Toniolo (resp.)

More articles in Rivista di storia economica from Società editrice il Mulino
Series data maintained by (rivisteweb@mulino.it).


>
>
Sei in: Archivio > la Repubblica.it > 1996 > 11 > 11 > CINQUE TONNELLATE D' ORO ...
CINQUE TONNELLATE D' ORO IN CERCA DI PADRONE
ROMA - Cinque tonnellate e mezzo d' oro mettono in imbarazzo i maggiori Paesi occidentali. Riposano nei forzieri della Banca d' Inghilterra e della Federal Reserve ed è ciò che resta delle razzie dei nazisti in mezza Europa. Per cinquant' anni erano stati quasi dimenticati, ma un evento di pochi giorni fa le ha improvvisamente rese utilizzabili ponendo un difficile problema politico-morale a molti governi, e quello italiano che non sa che pesci pigliare. Alla fine di ottobre, infatti, nel caveau della banca britannica una catasta d' oro ha cambiato proprietario, anzi è tornata al proprietario originale: l' Albania. Si è chiuso così uno degli ultimi capitoli della Seconda guerra mondiale, una storia di ruberie, provocazioni militari e ripicche diplomatiche cominciata a Roma mezzo secolo fa, che ha visto per alcuni anni anche l' Italia come protagonista. L' oro razziato di nazisti, parzialmente recuperato dopo la guerra, è stato restituito dagli alleati a chi era stato derubato. I lingotti albanesi sono l' ultima ' consegna' , ma resta ancora qualche tonnellata e il Congresso mondiale ebraico chiede che sia data alle famiglie di chi fu perseguitato, spogliato di tutto, ucciso, e ciò nonostante ignorato dagli alleati dopo il ' 45 che si occuparono solo del cosiddetto ' oro monetario' . LA PARTE italiana della storia comincia in una mattina del settembre 1943. Le SS del colonnello Kappler cercano di mettere le mani sulle riserve della Banca d' Italia. Nel caos della Roma post-armistizio potrebbe essere una passeggiata, ma così non è. Le 117 tonnellate d' oro della banca centrale partono, sì, ma per Milano e solo una settantina, nei mesi successivi, saranno effettivamente spedite in Germania. Non c' è nessun problema invece per le riserve della Banca nazionale d' Albania, due tonnellate e mezza che il direttore generale consegna senza fiatare ai tedeschi. Con l' 8 settembre l' Albania aveva a tutti gli effetti cessato di essere controllata dall' Italia ed era in mano al console tedesco a Tirana, Schliep. Ma naturalmente l' oro, caricato su aereo speciale, non finì in Albania, bensì nelle casse della Reichsbank a Berlino. Finita la guerra, gli alleati trovarono in una miniera abbandonata buona parte del ' tesoro' tedesco. Inglesi, americani e francesi crearono una ' Commissione tripartita per l' oro' incaricata di restituirlo ai Paesi depredati, ignorando le eventuali richieste dei singoli. Siccome non ce n' era abbastanza, si decise di distribuirlo proporzionalmente al danno ricevuto. Tra il ' 48 e il ' 58 nove Paesi ricevettero circa il 60 per cento di ciò che avevano perduto. Anche l' Italia, ex alleata della Germania, riebbe 44 tonnellate d' oro. Niente, invece, fu dato all' Albania. A Tirana si era infatti installato un regime comunista. Anzi, il regime ' iperstalinista' di Enver Hoxha. Nel 1946 due navi da guerra britanniche finirono in un campo minato albanese al largo di Corfù e 44 marinai morirono. Il governo inglese pretese delle riparazioni, Hoxha rifiutò e Londra confiscò l' oro che aveva in custodia. Ma non c' era solo la Gran Bretagna che avanzava pretese su quei lingotti. Anche l' Italia tentò, per una decina d' anni, di far riconoscere i suoi diritti. "La Banca nazionale d' Albania era stata fondata negli anni Venti con capitale italiano, si disse quindi che l' oro nel suo attivo apparteneva ai proprietari", spiega Alessandro Roselli che ai rapporti finanziari tra Italia e Albania nel ' ventennio' ha dedicato un libro. Prima la Commissione tripartita e poi un arbitrato stabilirono, invece, che l' oro era proprio albanese. L' Italia cercò ancora di bloccarlo arrivando fino alla Corte di giustizia dell' Aja. Ma il tribunale internazionale si dichiarò incompetente e dalla metà degli anni ' 50 l' oro albanese non fu più rivendicato. Nessuno ne parlò fino al 1992, quando - crollato il comunismo - il nuovo governo albanese accettò di pagare agli inglesi due milioni di dollari di danni per l' incidente del ' 46. Quell' assegno è stato finalmente staccato il 29 ottobre. Lo stesso giorno funzionari della banca centrale inglese e rappresentanti della Commissione tripartita hanno trasferito sul conto del governo albanese una tonnellata e mezza d' oro. E le cinque tonnellate e mezza ancora in possesso di quel fossile istituzionale che è la commissione? "Ora possiamo procedere con i preparativi per la distribuzione finale ai governi creditori", ha detto il segretario della Tripartita, Emrys Davies. Ma c' è chi la pensa diversamente. Il presidente del Congresso mondiale ebraico, Edgar Bronfman, ha scritto a settembre ai ministri degli Esteri di Usa, Francia e Gran Bretagna chiedendo che l' oro avanzato sia assegnato alle vittime dei nazisti. "Non è una questione di soldi - spiega - è una questione di giustizia". Washington e Londra sembrano favorevoli, Parigi non ha deciso ancora nulla. Non si capisce, invece, che cosa pensi l' Italia. O se pensi qualcosa. Inutilmente si cercherebbero lumi presso le istituzioni. Il ministero del Tesoro rimanda alla Banca d' Italia. La Banca d' Italia non intende pronunciarsi pubblicamente, anche perché la questione appare di valore eminentemente politico. Al ministero degli Esteri non risulta nulla. La presidenza del Consiglio tace. Chi può sapere se il governo italiano sarebbe disposto a rinunciare a qualche quintale d' oro in favore delle vittime dell' Olocausto?
di MARIO TEDESCHINI LALLI
11 novembre 1996 sez.
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

roberta
Messaggi: 203
Iscritto il: 8 mar 2010, 22:42
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: firenze e dintorni
azioni: manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, costruzione "cose", disegni,
Località: firenze

Re: [DOSSIER n.18] Gli eterni affari di IGB

Messaggioda roberta » 15 feb 2018, 9:39

benvenuti roberta, firenze


Torna a “i DOSSIER”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono liberamente riproducibili purché sia citata e linkata la fonte (sono infatti rilasciati sotto una licenza Creative Commons BY-NC-SA 2.0) Il redattore non e' legalmente responsabile per i pensieri e le affermazioni espresse in questo blog dai visitatori. L'autore non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di errori in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su questo sito avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto. Questo sito non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 Comunque, Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. :: SE&O :: Salvo Errori et Omissioni "come scrivono le banche, in calce agli estratti conto, per evitare eventuali future azioni penali".