Unicredit, 4 risate in scatole cinesi..

raccolta delle menzogne del SistemaIGB
sandropascucci
Messaggi: 12931
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Unicredit, 4 risate in scatole cinesi..

Messaggioda sandropascucci » 22 feb 2011, 20:16

::
Questa è l'UNICREDIT:
unicredit.png

risulta:

Codice: Seleziona tutto

3. Central Bank of Libya   961.421.874   4,988%
8. Libyan Investment Authority   500.000.000   2,594%


ma la Central Bank of Libya cosa dichiara?

Unicredit/ Central Bank of Libya: Totalmente autonomi da Lia

Roma, 22 set. (Apcom) – La Central Bank of Lybia è “totalmente autonoma” rispetto alla Lybian Investment Authority. E’ quanto ha sottolineato la stessa Banca centrale libica in una comunicazione alla Consob, riportata nella risposta del ministero ll’Economia all’interrogazione parlamentare del deputato Francesco Barbato (Idv), in commissione Finanze della Camera.La Central Bank of Lybia, si legge, è “un’istituzione indipendente regolata dalla legge bancaria libica e il cui Board of directors, formato in maggioranza da membri indipendenti e non provenienti dal settore pubblico, ha la competenza esclusiva in relazione alle scelte di natura finanziaria all’interno della generale attività svolta dalla stessa”. La Banca centrale libica ha precisato inoltre che “nessuna parte terza, né governativa o altro, può intervenire nel processo decisionale della Central Bank of Lybia”.
http://italnews.net/top-news/unicredit-central-bank-of-libya-totalmente-autonomi-da-lia.html



ma chi ci crede, dato che:

Central Bank of Libya
CBL
Libia


La Central Bank of Libya (CBL) è l'autorità monetaria della Libia. Gli obiettivi della banca centrale sono quelli di mantenere la stabilità monetaria nel pese e la promozione dello sviluppo economico in accordo con la politica economica del governo. La Banca Centrale della Libia è responsabile anche dell'emissione della valuta libica: il dinar.

L'operatività della Banca Centrale Libica è iniziata il 1 Aprile 1956, sostituendo il Comitato Valutario Libico. Nel 1972 venne fondata la Libyan Arab Foreign Bank, completamente controllata dalla banca centrale, a supporto delle attività all'estero e degli investimenti dei fondi della Libyan Investment Authority. La sede centrale della CBL è a Tripoli con filiali a Sebha, Bengasi e Sirte.

La struttura operativa della banca è basata su di un Governatore, un suo vice ed un consiglio di amministrazione. Gli affari generali sono gestiti dal Consiglio di Amministrazione composto dal Governatore come chairman, il vice e sei altri membri.

Le funzioni principali della Banca Centrale Libica sono relative all'emissione ed al controllo della valuta, alla gestione delle riserve d'oro e in valuta straniera, alla regolamentazione del credito in accordo con i principi di stabilità monetaria e crescita economica, alla gestione dei prestiti statali.
da: http://www.libyaninvestmentauthority.com/cbl.html



e che:

Libyan Investment Authority
LIA
Libia


La Libyan Investment Authority (LIA) è un'organizzazione governativa libica fondata il 28 Augusto 2006 dal General People's Committee of Libya (GPCO) per gestire i proventi del fatturato legato al petrolio della Libia e diversificare la dipendenza del reddito del paese. LIA è una holding che gestisce fondi d'investimento del governo che provengono dall'industria del petrolio e del gas in varie aree del mercato finanziario internazionale.

Nel 1972 venne fondata la Libyan Arab Foreign Bank a supporto degli investimenti all'estero in aggiunta alla Libyan Arab African Investment Company per gli investimenti nel continente africano.

LIA è responsabile dei beni della Libyan Arab Foreign Investment Company (LAFICO) e di Oilinvest. Altre attività della LIA sono relative all'Economic and Social Development Fund (ESDF), che gestisce proprietà in Libia a beneficio della popolazione libica. Tra i fondi sovrani, la Libyan Investment Authority si classifica meglio del SAFE cinese ed il GPIF, ma peggio del GIC di Singapore e dell'ADIA.

Dinaro libico

La valuta in circolazione in Libia è il dinar, che viene emesso dalla Central Bank of Libya. Questa valuta ha codice ISO 4217 LYD ed è suddiviso in 1000 dirham. Il dinar fu introdotto nel 1971 in sostituzione alla pari della sterlina libica.

Precedenti monete equivalenti al dirham ed espresse in milliemes circolarono fino al 1975.
da: http://www.libyaninvestmentauthority.com/lia.html



e ancora:
Libyan Arab Foreign Bank
LAFB
Libia


La Libyan Arab Foreign Bank (LAFB) è stata fondata nel 1972 a supporto degli investimenti internazionali della Libia, al fianco della Libyan Investment Authority come fondo sovrano.

La sede della Libyan Arab Foreign Bank è a Tripoli ed è la prima banca libica con licenza sui mercati esteri. La banca è completamente controllata dalla Central Bank of Libya. La banca detiene il 26% della British Arab Commercial Bank, che è anche un'affiliata dell'HSBC Group.

Per facilitare il commercio internazionale, la LAFB è responsabile del controllo dei flussi monetari e dei prestiti alle istituzioni pubbliche ed al settore privato.

Nel 2007 la rivista African Business ha inserito la LAFB al numero 10 della classifica delle prime 100 banche in Africa, al quarto posto in Nord Africa.
da: http://www.libyaninvestmentauthority.com/lafb.html
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
kasiacolagrossi
Messaggi: 2454
Iscritto il: 12 dic 2009, 14:28
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma e provincia
azioni: volantinaggio in proprio, grafica , costruzione e/o progettazione dei supporti, manovalanza di piazza,
Località: Castel Madama (RM)

Re: Unicredit, 4 risate in scatole cinesi..

Messaggioda kasiacolagrossi » 12 gen 2012, 17:11

!
Unicredit, cosa succede con i nostri risparmi?

Scritto da Fabrizio Arnhold | Yahoo! Finanza – 19 ore fa


UniCredit S.p.A.FTSE ITALIA BANKS

CONTENUTO CORRELATO
Articolo: Cosa succede ai soldi dei risparmiatori se la banca fallisce
mer 28 dic 2011 16:09 CET

QUOTAZIONI CORRELATE
Simbolo Prezzo Variazione
UCG.MI 2,82 +0,26

IT8300.MI 8.535,51 +591,35


Il titolo Unicredit è crollato di oltre il 60% circa dal 3 gennaio a oggi (guarda il grafico). “È chiaro che stiamo monitorando l'andamento del titolo che mostra una volatilità che non ci aspettavamo, ma i fondamentali della banca sono buoni e nei risparmiatori ci sono paure infondate”, ha dichiarato il direttore generale di Unicredit, Roberto Nicastro. I piccoli azionisti, però, possono rimanere danneggiati da un’operazione, quella dell’aumento del capitale, che di certo crea problemi soprattutto a loro. Tanto che l’Adusbef, Associazione difesa consumatori ed utenti bancari, tramite i propri legali ha fatto sapere che sta studiando le “modalità capestro” di aumento di capitale di Unicredit penalizzanti proprio per gli azionisti più piccoli. Una sorta di class action che vorrebbe accertare presunti abusi nel portare avanti l’operazione da parte dei vertici bancari.

I tanti risparmiatori e correntisti di Unicredit, in ogni caso, possono stare tranquilli. L’operazione che aumenta il capitale di 7,5 miliardi di euro della banca è certa, garantita da grandi nomi della finanza internazionale come Merrill Lynch, Mediobanca e la stessa Unicredit. Fino al 20 gennaio, data in cui si concluderà la possibilità di acquisto delle nuove azioni per chi è già azionista, il titolo, probabilmente, sarà sottoposto ancora a diverse oscillazioni, a detta degli analisti.

E qualche difficoltà, in questo delicato momento di transizione, la può incontrare anche chi ha bisogno di farsi fare un prestito. “Al momento, la nostra banca ha un eccesso di credito rispetto alla raccolta diretta. Lo squilibrio è notevole e ci impone sia di limitare l'espansione in modo selettivo, scegliendo le operazioni che ci interessano di più”. Questo quanto riportato in un documento distribuito nelle filiali di Unicredit, entrato in possesso dell’agenzia MF Dow-Jones (leggi la notizia). Un insieme di regole che gli impiegati bancari sono invitati a seguire prima di erogare credito ai clienti. “Proposte di incremento fido o di nuovo affidamento dovrebbero essere valutate solo per clienti con rating da 1 a 5 (il range va da 1, massima garanzia, a 9 e 5 è il livello limite, ndr). L'atteggiamento dovrebbe essere di mantenimento su clienti con rating 6. Le proposte con rating superiore dovranno essere opportunamente valutate”. Una propensione, appunto, legata alla scarsa liquidità di cui gode il gruppo in questi giorni: la ricapitalizzazione dovrà anche consentire in futuro proprio un maggior credito alle famiglie.

Bisogna stare tranquilli. Dopo l’allarme per il crollo, gli investitori hanno adesso diverse opzioni per gestire al meglio il momento di difficoltà economico. Poco meno di 10 giorni, questo è il tempo a diposizione per tutti coloro che hanno nel portafoglio titoli di Piazza Cordusio per decidere il dà farsi. Per prima cosa la scelta riguarda la possibilità di aderire o meno all’aumento di capitale, messo in cantiere dalla banca guidata da Federico Ghizzoni. I numeri dell’operazione si attestano sui 7,5 miliardi di euro, come già detto - la più grande che riguarda una banca italiana -, ed è iniziata il 9 gennaio per concludersi il 20. Si è resa necessaria non solo per rispondere alla richiesta avanzata dall’Eba (l’autorità della banche europee), ma soprattutto per mettersi a posto con le nuove normative di Basilea. In pochi giorni, il titolo ha perso quasi il 64% scendendo fino a 2,28 euro.

Ma niente paura, in questi casi sarebbe un errore troppo grande farsi prendere dal panico. Nei giorni scorsi Federico Ghizzoni, ad del gruppo ha detto che “non si aspettava un calo del titolo in Borsa di tale entità ma questo non tocca la bontà dell’operazione”. I dettagli dell’operazione prevedono l’emissione di 3,85 milioni di nuove azioni della banca al prezzo di 1,943 euro ciascuna con uno sconto che si attesta attorno al 43% rispetto al prezzo dei titoli dello scorso anno. In buona sostanza la possibilità offerta agli azionisti della banca è quella di aderire alla ricapitalizzazione acquistando due nuove azioni al prezzo di una vecchia: ossia 3,88 euro per ogni titolo precedentemente posseduto.

Ovviamente alle “opzioni” a disposizione degli azionisti è stato assegnato un valore: 1,359 euro e sono negoziate anche loro sul mercato come se si trattasse di azioni normali. Sottoposte alla fluttuazione del prezzo. In sintesi chi deteneva azioni Unicredit nel suo portafoglio agli inizi di gennaio, oggi con l’avvio dell’aumento di capitale, si trova una divisione in due parti: la prima investita in azioni e una parte in opzioni. La somma delle due parti, però, è molto più bassa rispetto al valore iniziale del capitale. Quindi adesso qual è la mossa giusta da fare da parte degli investitori?
Ci sono tre opzioni:
vendere tutto. Mettendo in conto, purtroppo, perdite consistenti;
aderire all’aumento di capitale, esercitando i diritti d’opzione. In questo caso, chi ha nel portafoglio 100 titoli vecchi ha ricevuto da Unicredit 200 diritti d’opzione, grazie al cambio di 2 a 1. Ma anche così, a conti fatti, il pacchetto finale vale meno della cifra versata per acquistarlo. Ovviamente lo scenario cambierebbe se Unicredit risalisse nei listini di Piazza Affari, superando nuovamente i 3,3 euro, come d’altro canto sostengono gli analisti di Banca Akros che addirittura consigliano di fare incetta di titoli.
liquidare del tutto o in parte le azioni Unicredit nel portafoglio e con i soldi ricavati comperare solamente i diritti di opzione. La terza ipotesi è quella con la componente di rischio più alta, ma seguita già da molti azionisti in queste ore perché la più conveniente. Per esempio, con la vendita di 100 titoli al prezzo di 2,5 euro, si possono acquistare almeno 400 diritti con le quotazioni di questi giorni che permetteranno di aggiudicarsi almeno altrettante azioni di nuova emissione per un costo di 777 euro (1.943 moltiplicato per 400). E’ chiaro, perciò che se le azioni dovessero tornare attorno ai 3 euro, il capitale varrebbe circa 400 euro in più. Un gioco molto rischioso perché potrebbe replicare quanto già visto per l’aumento di capitale chiuso qualche mese fa dalla Banca popolare di Milano, con diritti in impennata e il prezzo delle azioni di nuova emissione superiore al valore dei titoli esistenti: una situazione devastante per i piccoli azionisti.


http://it.finance.yahoo.com/notizie/uni ... i-.html?nc

secondo me questo si chiama: decidere
katarzyna edyta colagrossi


Torna a “i DOSSIER”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono liberamente riproducibili purché sia citata e linkata la fonte (sono infatti rilasciati sotto una licenza Creative Commons BY-NC-SA 2.0) Il redattore non e' legalmente responsabile per i pensieri e le affermazioni espresse in questo blog dai visitatori. L'autore non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di errori in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su questo sito avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto. Questo sito non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 Comunque, Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. :: SE&O :: Salvo Errori et Omissioni "come scrivono le banche, in calce agli estratti conto, per evitare eventuali future azioni penali".