Il pianto della cipolla.

«Sentirò piacere infinito se da chi pensasse diversamente, e meglio, sarò con Ragioni e con Onestà oppugnato» [Ferdinando Galliani, "della moneta" - 1750]
sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Il pianto della cipolla.

Messaggioda sandropascucci » 8 giu 2012, 20:38

P

R

I

M

I

T

[>>]

Il pianto della cipolla.
[08.06.2012, di sandropascucci, primit.it – signoraggio.com]

Il popolino si sta facendo togliere tutto. Un pezzo alla volta, uno strato alla volta.

Il popolino è una cipolla che si sta facendo sbucciare senza sosta. Beni materiali, diritti sociali, sovranità territoriale, monetaria, tutto.

Quasi senza batter ciglio, solo versando una lacrimuccia qua e una là. Quasi sempre per settori.

Piangono i tassisti, poi gli impiegati delle Poste, poi i precari della scuola, poi gli studenti, poi gli aviotrasportatori, poi i ferrotranvieri.. alla fine piangono pure le Forze dell’Ordine.
Si automanganelleranno ai loro cortei e contro cortei?

Il popolino è una cipolla che autopiange se stessa medesima in prima persona ricorsivamente a ciclica ininterrotta.

I diritti umani sono ridotti a un burro al sole. Ne rimarrà un grumo giallastro maleodorante che neppure il più fantasioso dei poeti saprà mai riconnettere a ciò che era e erano in origine, o che sarebbe potuto essere.

Svanisce la memoria di ciò che si era e si aveva. Sembra incredibile ma non c’è la minima azione dignitosa individuale o collettiva all’azione predatoria di politici, coorporation, big farm e banchieri.

Si resta ammutoliti e bloccati come gatti con gli occhi sbarrati sorpresi nel mezzo della via dai fari alogeni di una macchina.

Ogni giorno una legge nuova, ordinata da Il Grasso Banchiere a quel supermercato che è il Parlamento Italiano stringe un po’ di più il cappio, così che la faccia diventi un po’ più viola e il respiro più roco.

IGB ordina al cameriere politico e questi esegue. No, idiota, non sono fascista solo perché ho usato un termine preso da un poeta “fascista” (che poi fascista non era), come non sono comunista solo perché nomino il Capitale di Marx (che tu comunista vero NON hai mai letto). Per me la destra e la sinistra sono come la juventus e la roma (o l’inter e la sampdoria o qualsiasi altro sport distrai-popolino): delle puttanate che sono dei cerebrolesi possono trovare degne di spenderci più di un secondo ogni decennio.

E intanto che ti infervori IGB mette un altro pezzo di legno sotto il pentolone delle ranocchie che nuotano beote nell’acqua bollente.

E daje de cipolla, quando son cotte a puntino..

[^]

F

O

R

U

M

 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Torna a “Sandro Pascucci”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono liberamente riproducibili purché sia citata e linkata la fonte (sono infatti rilasciati sotto una licenza Creative Commons BY-NC-SA 2.0) Il redattore non e' legalmente responsabile per i pensieri e le affermazioni espresse in questo blog dai visitatori. L'autore non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di errori in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su questo sito avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto. Questo sito non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 Comunque, Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. :: SE&O :: Salvo Errori et Omissioni "come scrivono le banche, in calce agli estratti conto, per evitare eventuali future azioni penali".