Ma diciamolo.. - :: CApRIOLA III ::

..vediamo se interessa qualcuno..
sandropascucci
Messaggi: 12902
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Ma diciamolo.. - :: CApRIOLA III ::

Messaggioda sandropascucci » 23 ott 2009, 10:18

Massì.. diciamolo.. non frega un cazzo a nessuno di cambiare VERAMENTE le cose.

I singoli cittadini GIUSTAMENTE vogliono solo una casa al più presto e se è berlusconi a dargliela o IGB in persona se ne fottono.

Le associazioni DEL LUOGO sono troppo prese dal loro orticello EGO-istico e mal vedono interferenze di terze parti.

Neppure un terremoto e la soluzione su un piatto d'argento smuovono le persone. Soluzione DEFINITIVA, tra l'altro e strategicamente utile allo sdoganamento della Lotta, che la vuole attiva e concreta solo sulla Rete.

Con l'attivazione di associazioni pro-Abruzzo e un'azione collettiva di informazione sul territorio si sarebbe potuto FARE QUALCOSA DI RIVOLUZIONARIO.

Ma ciò a cui si punterà sarà la solita italica PIANGINA.

Ci sarà chi bacerà le mani a berlusconi per avergli dato casa e chi lo odierà per NON avergliela data.

MA DARSELA DA SOLI, NO, EH?!

Ma con chi cazzo vogliamo prendercela se noi in primis non muoviamo un cazzo di dito?

bah.
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12902
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: Ma diciamolo..

Messaggioda sandropascucci » 23 ott 2009, 10:41

come si fa per cambiare le cose?

non si fa.. restiamo sul divano.. fuori fa freddo.. è complicato.. IGB ci porterà una minestra calda e un po' di stracci per coprirci. sceglieremo i colori di quei stracci ma non la temperatura della minestra. ma non ci lamenteremo perché "non tutto si puo' volere dalla vita", no? figurati che a Roma, città nota nel mondo non credi? città importante, storica, non un nugolo di capanne nell'Africa nera con il dittatorello di turno, no? insomma a Roma i riscaldamenti si accenderanno quando un burocrate lo deciderà. ti pare normale? siamo pecore, schifose pecore senza palle. stare al caldo o al freddo lo decidono ALTRI. sei sotto una tenda e non dici un cazzo. fai parte di una associazione che dovrebbe tutelare chi è sotto la tenda e non dici un cazzo.. ma se chi sta fuori e chi sta dentro non dicono un cazzo (che poi, spesso, in teoria, son le stesse persone).. se loro non dicono un cazzo.. perché dovrei farlo io?

sei uno schiavo? crepa.
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
domenico.damico

Re: Ma diciamolo..

Messaggioda domenico.damico » 23 ott 2009, 11:19

Ed IGB le sa bene queste cose...

E' riuscito a capire così bene la psiche delle persone da ridurre tutti in schiavitù senza che quasi nessuno se ne accorga e additi LUI come il responsabile.
Anzi...la moltitudine pensa spesso, o si lascia convincere, che da LUI e dai suoi accoliti (vedi politici) possa venire la salvezza.

La tentazione di applaudire questo geniale e malefico capolavoro, questa scoperta della pietra filosofale (a cazzi suoi), è grande.
Perchè sembra che la moltitudine abbia in realtà ciò che si merita di avere.

sandropascucci
Messaggi: 12902
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: Ma diciamolo..

Messaggioda sandropascucci » 23 ott 2009, 20:57

da: http://www.facebook.com/event.php?eid=1 ... 296&ref=nf

L'Aquila EMERGENZA UMANITARIA
Organizzatore:: Smuoviamo la sordità istituzionale verso gli Aquilani !...

Tipo: Cause - Protesta
Rete: Globale
Data: sabato 24 ottobre 2009
Ora: 10.00 - 22.00
Luogo: PIAZZE D'ITALIA

Descrizione
Facciamo appello a tutti coloro che in Italia hanno dimostrato sensibilità verso noi e ci hanno restituito il sorriso con la loro solidarietà. All'Aquila fa freddo. Siamo nella fase più drammatica, la notte già si sfiorano i -5°C ed andiamo incontro all'inverno. Le soluzioni abitative, promesse per l'inizio dell'autunno, non ci sono. Circa 6000 persone sono ancora nelle tende. Meno di 2000 persone sono finora entrate negli alloggi del piano C.A.S.E o nei M.A.P. ( moduli abitativi provvisori tipo Onna) La maggior parte degli aquilani sono sfollati altrove in attesa da mesi di rientrare. Ora, con lo smantellamento delle tendopoli altre migliaia di
persone verranno allontanate dalla città e mandate spesso in posti lontani e difficilmente raggiungibili. la decisione di lasciare per così tanto tempo le persone nelle tendopoli è stata una scelta governativa con l'appoggio dell'amministrazione locale, che ha scientemente rifiutato l'uso di altri sistemi utilizzati per la gestione dell'emergenza dopo altri eventi sismici e che, fra l'altro, avrebbero ben risposto alle indicazioni delle integrazioni al Metodo Augustus, finalizzato ad evitare lo spostamento delle famiglie interessate da un evento calamitoso dai luoghi di abituale residenza. IL Governo ha fatto credere che tutti avrebbero avuto una sistemazione entro settembre. Quando questo si è rivelato impossibile (era il mese di luglio, ma lo si sapeva da tempo), il Presidente del Consiglio dichiarò che il termine ultimo per dare un tetto a tutti sarebbe stato novembre.

Bene, oggi si garantisce a tutti quelli che hanno una Casa E e F una sistemazione entro il 31 dicembre 2009 mentre gli alloggi in totale saranno 4570 e le case meno danneggiate non sono state riparate fino ad ora perchè mancava chiarezza nei numerosi decreti, pertanto saranno tantissimi ad essere senza casa.

PORTATE NELLE VOSTRE PIAZZE TENDE

per sostenerci contro l'assistenzialismo spinto e la presunzione di sapere cosa è meglio per tutti senza considerare la specificità del territorio e del suo tessuto sociale.


Sandro Pascucci ha scritto alle 20.56

cari abruzzesi, care associazioni pro-terremotati:
starete nelle tende fino alla venuta del nuovo millennio SE non tirerete fuori le palle e chiederete ciò che è VOSTRO di diritto: LA MONETA.

I soldi per far muovere muratori, gru e elettricisti e idraulici NON CI SONO.

Quando salteranno fuori, se salteranno fuori e chissà quando, saranno MONETA-DEBITO e CI troveremo DOPPIAMENTE indebitati col padrone-BANCHIERE.

Occorre CREARE MONETA per RICOSTRUIRE l'Abruzzo. punto.

per maggiori info: http://ricostruirelaquila.primit.it

sandro
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
domenico.damico

E adesso?

Messaggioda domenico.damico » 20 lug 2010, 10:18

!
Terremoto, gli hotel mandano via gli sfollati
«La Regione non paga, rischio il fallimento»

La denuncia di un albergatore di Alba Adriatica, sulla costa teramana: «Quando l'emergenza era gestita dalla Protezione civile abbiamo ricevuto i primi pagamenti. Ora che è tutto in mano alla Regione, non vediamo più un euro». Così l'operatore ha accumulato debiti per 50 mila euro e entro giovedì vuole che i terremotati liberino le stanze. E il suo caso non è l'unico

ALBA ADRIATICA. Gli ultimi ospiti provenienti dall'Aquilano dovranno riconsegnare le camere entro fine settimana. E' l'estrema conseguenza cui è giunto un albergatore di Alba Adriatica finito quasi sul lastrico a causa dei ritardi nel rimborso delle spese per l'accoglienza degli aquilani sfollati a causa del terremoto del 6 aprile 2009.

«Siamo allo stremo delle forze», si lamenta il titolare dell'hotel che parla a nome di tutti i suoi colleghi che dal 6 aprile del 2009 hanno messo a disposizione le loro strutture per le vittime del terremoto.

Sono 130 le strutture ricettive del Teramano coinvolte nell'emergenza e tutt'ora, secondo i dati aggiornati al 13 luglio sul sito internet del commissario per la ricostruzione, in provincia di Teramo sono ospitati 792 aquilani rimasti senza casa. Il contratto sottoscritto più di un anno fa dagli albergatori teramani prevede il rimborso di un primo acconto delle spese al momento della presentazione della fattura e il saldo entro i 60 giorni successivi.

«Ma questo non è mai avvenuto», sottolinea il titolare dell'hotel di Alba. «Fino a quando c'è stata la Protezione civile a gestire l'emergenza abbiamo ricevuto pagamenti posticipati, ma con regolarità».

Dal 1º gennaio la competenza dei rimborsi è passata alla Regione e i bonifici bancari inviati sono diventati rarissimi. «Ne abbiamo ricevuti un paio, mentre prima ne arrivava circa uno al mese», spiega ancora l'albergatore. «A queste condizioni non posso più ospitare nessuno. Rischio il fallimento».

L'ultimo bonifico l'albergatore albense l'ha ricevuto a metà giugno, ed era riferito al saldo delle spese di agosto 2009. Praticamente quasi un anno di attesa. «Nel momento di massima emergenza abbiamo ospitato più di cento aquilani, tenendo occupate tutte le camere disponibili», afferma il titolare dell'hotel. «Dalla Regione dobbiamo ancora ricevere 600mila euro solo per l'albergo».

Per far fronte alle spese correnti (stipendi, acqua, luce, gas, lavanderia, alimenti, pulizia, telefono) l'albergatore ha chiesto prestiti in banca, accumulando uno scoperto di mezzo milione di euro. Cifre da fallimento che però non smuovono la Regione. «Non c'è un referente con cui parlare e da cui avere risposte precise», fa notare il proprietario dell'hotel «l'unica cosa che mi hanno detto quando ho telefonato è che l'ente non ha soldi per i rimborsi e che facciamo bene a mandare via gli sfollati».

La protesta investe anche aspetti legati alla comunicazione dei risultati raggiunti nella gestione dell'emergenza. «Non mi va che la Regione si prenda meriti che non ha», insiste il titolare dell'hotel. «Siamo stati noi operatori turistici a farci carico dell'ospitalità fornita alle vittime del terremoto».

Quello dell'albergatore di Alba Adriatica non è un caso isolato. «Tutti i propietari di strutture ricettive della costa si trovano nelle nostre stesse condizioni», tiene a precisare «e non hanno altra scelta possibilità che cacciare gli aquilani per recuperare qualche soldo con i turisti».

Nell'hotel di Alba ne sono rimasti soltanto quattro o cinque, per lo più anziani. «Questa mattina gli abbiamo comunicato che entro giovedì prossimo devono liberare le camere», spiega l'albergore, «non abbiamo più risorse e a queste condizioni non possiamo più tenerli».

Gli sfollati dell'aquilano che dovranno lasciare l'albergo di Alba faranno fatica a trovare una sistemazione alternativa sulla costa. «Non credo che verranno ospitati in un altro hotel», conclude l'albergatore. «Ora l'obbligo di trovare una soluzione non è nostro ma dello Stato».


Gennaro Della Monica


Fonte: http://ilcentro.gelocal.it/laquila/cron ... ef=HRER1-1

Avatar utente
Trian 3
Messaggi: 92
Iscritto il: 21 set 2009, 20:32
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma e dintorni
azioni: Costruzione cose, pagamento quote, interventi sul web.
Località: Roma (Ostia)
Contatta:

Re: Ma diciamolo..

Messaggioda Trian 3 » 24 set 2010, 15:02

Il Simpatico Silvio ci tiene come dei bambini parla lui per tutti noi al Globo Terracqueo .

sandropascucci
Messaggi: 12902
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: Ma diciamolo..

Messaggioda sandropascucci » 24 ott 2010, 18:54

sandropascucci ha scritto:Massì.. diciamolo.. non frega un cazzo a nessuno di cambiare VERAMENTE le cose. I singoli cittadini GIUSTAMENTE vogliono solo una casa al più presto e se è berlusconi a dargliela o IGB in persona se ne fottono. Le associazioni DEL LUOGO sono troppo prese dal loro orticello EGO-istico e mal vedono interferenze di terze parti. Neppure un terremoto e la soluzione su un piatto d'argento smuovono le persone. Soluzione DEFINITIVA, tra l'altro e strategicamente utile allo sdoganamento della Lotta, che la vuole attiva e concreta solo sulla Rete. Con l'attivazione di associazioni pro-Abruzzo e un'azione collettiva di informazione sul territorio si sarebbe potuto FARE QUALCOSA DI RIVOLUZIONARIO. Ma ciò a cui si punterà sarà la solita italica PIANGINA. Ci sarà chi bacerà le mani a berlusconi per avergli dato casa e chi lo odierà per NON avergliela data. MA DARSELA DA SOLI, NO, EH?! Ma con chi cazzo vogliamo prendercela se noi in primis non muoviamo un cazzo di dito? bah.


è passato un anno.. forse sabato 13 novembre vado all'Aquila con i mattoniPRIMIT™.. ora col SB ne posso portare molti..
il programma comprende:

sabato 13 novembre ore 10: inizio manifestazione - presidio
sabato 13 novembre ore 12: inizio costruzione muro dimostrativo (uno del popolino crea 100 euro e un muratore mette 10 mattoni, IGB in disparte che litiga con i politici)
sabato 13 novembre ore 13: fine costruzione del muro (pranzo)
sabato 13 novembre ore 14: ripresa presidio
sabato 13 novembre ore 21: fine manifestazione

chi vuol venire.. deve essere pronto a "MA VERGOGNATEVI!©"
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
kasiacolagrossi
Messaggi: 2454
Iscritto il: 12 dic 2009, 14:28
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma e provincia
azioni: volantinaggio in proprio, grafica , costruzione e/o progettazione dei supporti, manovalanza di piazza,
Località: Castel Madama (RM)

Re: Ma diciamolo.. - :: CApRIOLA III ::

Messaggioda kasiacolagrossi » 28 ott 2010, 18:33

katarzyna edyta colagrossi

sandropascucci
Messaggi: 12902
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: Ma diciamolo.. - :: CApRIOLA III ::

Messaggioda sandropascucci » 28 ott 2010, 19:19

in txt:


::
"L'AQUILA, RICOSTRUIRE E' IMPOSSIBILE"

Da "LA STAMPA" di giovedì 28 ottobre 2010

LE PROMESSE E LA REALTA U 11 paradosso II dossier presentato a Venezia: serve una legge speciale per ripristinare procedure normali "1jAquffa, ricostruire e impossibile" La denuncia degli urbanisti: tra dieci anni,, quando i lavori saranno finiti, il centro non esisterà più GIUSEPPE SALVAGGIULO INVIATO A VENEZIA «Quando tra dieci anni sarà ricostruita, l`Aquila non esisterà più». A un anno e mezzo dal terremoto, l`Istituto nazionale di urbanistica, massimo ente di ricerca nel settore, ha pubblicato uno studio sulla ricostruzione che, più che un «libro bianco» come recita il titolo, è un libro molto nero.

Si scopre che ancora non si sa chi, come e quando ricostruirà l`Aquila: il decreto legge varato nel pieno dell`emergenza parlava genericamente di un «piano di ricostruzione» rimasto lettera morta. La struttura tecnica che ha ereditato la gestione dalla Protezione civile conta solo cinque dipendenti, di cui un autista e un vigile del fuoco, senza nemmeno un architetto. Comune (guidato dal Pd Massimo Cialente) e commissario straordinario (il governatore Pd] Gianni Chiodi) presentano a distanza di pochi giorni due bandi diversi per progetti sulle stesse aree, generando effetti fantozziani nei cittadini che non sanno a quale partecipa- re. La deregulation urbanistica (il Comune ha detto: costruite dove vi pare) ha prodotto 1500 villette (pietà delle quali abusive) in zone vincolate e persino a rischio idrogeologico.

Il centro storico non solo resta inaccessibile, ma è persino vietato ai proprietari ristrutturare le case a spese proprie, né si sa per quanto tempo ancora. Fuori dalla zona rossa, il vaglio dei progetti non avviene a l`Aquila: è stato affidato a due consorzi universitari (valore dei contratto 12 milioni di euro) che smistano le pratiche a tecnici sparsi in tutta Italia. Sicché i fascicoli fanno giri incredibili prima di tornare in Abruzzo. «A me è capitato di presentare un progetto che poi è stato valutato da un perito di Forlì e da uno di Bagnara Calabra, che non sono mai venuti a l`Aquila», racconta Piero Properzi, docente di urbanistica nel capoluogo abruzzese e curatore del rapporto, a cui il sisma ha distrutto casa e ufficio.

Gli urbanisti dell`Inu - al dossier, presentato ieri a Venezia nell`ambito della rassegna UrbanPromo, hanno lavo- rato 170 studiosi - non sono talebani e anzi riconoscono alla Protezione civile di aver fatto un miracolo nella costruzione delle new town («Case di qualità costruite in cinque mesi, record mondiale»). Però, spiega Properzi, «l`intervento straordínarío funziona benissimo per l`emergenza, malissimo per governare». Tanto da costringere I`Inu a fare una richiesta disperata e paradossale:

«Serve una legge speciale per ripristinare le procedure normali».

A cominciare dall`approccio di fronte alla città distrutta dal quattordicesimo terremoto della sua storia. Marco Romano, docente di estetica della città a Milano, usa una metafora sanitaria: «Quando uno arriva in ospedale spappolato dopo un incidente, la prima cosa che si guarda è il cuore:

se non funziona quello, inutile rimettere a posto il resto. Ecco, il cuore dell`Aquila, il centro storico, finora è stato ignorato. La Protezione civile ha deciso di partire dalle fratture agli arti».

Così nascono le new town, 19 quartieri per 21 mila persone (ora ce ne sono 15 mila) su aree agricole attorno alla città «scelte frettolosamente - spiega Federico Oliva, presidente dell`Inu - e assecondando un calcolo politico, non un disegno strategico».

Il rischio è che quando la ricostruzione sarà finita, il centro storico sarà privo di negozi e residenti, tutti definitivamente emigrati nelle nuove periferie. E le new town, polverizzate sul territorio lungo un asse di 14 chilometri, diventeranno «ghetti per marginalità sociali». Inoltre L`Aquila, così atomizzata, «da città dei parchi si trasformerà nella più motorizzata d`Italia, un luna park di mobilità impazzita, perché per ogni cosa bisogna prendere l`auto». Problemi in parte già esistenti, visto che il Comune fatica a fornire gli scuolabus e alcuni genitori hanno fondato un comitato di protesta.

«Qui tutti si sentono dei piccoli Bertolaso», chiosa Properzi.

Che vede ancora più nero per il futuro: tra archistar e fondi immobiliari scatenati, elezioni comunali alle porte (si eleggerà il sindaco della ricostruzione) e strane imprese campane che si offrono agli aquilani con generosi prestiti, «l`assalto alla diligenza è destinato a continuare».

I punti critici LE ABITAZIONI DEL CENTRO Si RISCHIA LA CORSA ALLA VENDITA LE NUOVE RESIDENZE POTREBBERO DIVENTARE DEI ((GHETTI» LE COSTRUZIONI ABUSIVE EDIFICATE ..__ OLTRE SETTECENTO VILLETTE IRREGOLARI LA RAGNATELA BUROCRATICA ASSENTE UN UFFICIO 1 "M1 CENTRALE PER I PROGETTI EDILIZI LE RISORSE ECONOMICHE MAN(A UN PIANO = FINANZIARIO CHE SPIEGHI DOVE TROVARE IL DENARO [.]
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12902
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: Ma diciamolo.. - :: CApRIOLA III ::

Messaggioda sandropascucci » 28 ott 2010, 19:29

 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12902
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: Ma diciamolo.. - :: CApRIOLA III ::

Messaggioda sandropascucci » 7 gen 2014, 13:19

B
K
P
I Forconi d'Abruzzo si incontrano per discutere sui contenuti della loro lotta
martedì 07 gennaio 2014, 12:32
I Forconi d'Abruzzo si incontrano per discutere sui contenuti della loro lotta
Rivceviamo da Dino Rossi, allevatore di Ofena e referente dei Forconi d'Abruzzo, e pubblichiamo.
''Mercoledì ore 19 presso il ristorante Colletortondo Ofena, lungo la ss153, Il Cospa Abruzzo, in qualità di referente dei Forconi d’Abruzzo, con la presente per convocare una riunione dove ci saranno esperti che parleranno dei seguenti punti:
1. signoraggio bancario e sovranità monetaria. Si parla tanto di questi argomenti nei network, ma nella zona mai nessuno si è impegnato a dare una spiegazione dal vivo. Soprattutto che cosa ha comportato, queste due voci a livello di crisi economica e quali azioni dobbiamo adottare per la tutela delle nostre aziende;

continua su: http://www.abruzzo24ore.tv/news/I-Forco ... 132399.htm
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Luca Mencaroni
Messaggi: 783
Iscritto il: 1 giu 2010, 3:21
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Perugia e dintorni
azioni: manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, su carta stampata, azioni folkloristiche, documentazione burocratica, contatti con altri "entità" (associazioni, enti, strutture..)
Località: Perugia

Re: Ma diciamolo.. - :: CApRIOLA III ::

Messaggioda Luca Mencaroni » 7 gen 2014, 15:40

Ancora a chiedere i "FONDI DI GARANZIA" (come i grillini..) ...i fondi di garanzia.. sì... di garanzia alle banche che prestano!
Luca Mencaroni - Perugia

sandropascucci
Messaggi: 12902
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: Ma diciamolo.. - :: CApRIOLA III ::

Messaggioda sandropascucci » 8 gen 2014, 10:23

già, e colgo l'occasione per una precisazione: dovremmo imparare a dire: "..le banche che prestano denaro creato dal nulla."
questo perché "prestare" non sarebbe un MALE in sé se il prestatore è proprietario (o delegato a..) e se si privasse del bene per il periodo concordato (ti presto il mio zucchero, privandomene. riportamelo presto)
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12902
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: Ma diciamolo.. - :: CApRIOLA III ::

Messaggioda sandropascucci » 13 gen 2014, 12:48

>
>
L'Aquila, il direttore di Confcommercio si barrica in Bankitalia: "Ho con me benzina"
Annuncia sciopero della fame e della sete per dar voce "al grido di dolore dei piccoli commercianti". Sabato scorso le dimissioni del sindaco Cialente per lo scandalo tangenti in Comune

13 gennaio 2014
L'Aquila, il direttore di Confcommercio si barrica in Bankitalia: "Ho con me benzina"
Celso Cioni, direttore Confcommercio L'Aquila
L'AQUILA - Il direttore di Confcommercio L'Aquila, Celso Cioni, si è barricato nella filiale Bankitalia per lanciare "un grido di dolore dei piccoli commercianti di questa martoriata città". Annuncia l'inizio dello sciopero della fame e della sete e minaccia: "Se saranno forzate le porte del bagno dove sono barricato, ho con me benzina e accendino".

Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri. Cioni si è rifiutato di uscire, ha chiesto "almeno un colloquio telefonico" con il prefetto. "Voglio ottenere - ha detto - qualche iniziativa concreta per uscire da questa situazione. Sono consapevole che rischio l'arresto, ma per un motivo giusto non ho timori. Questa è una giusta causa per migliaia di persone".

Intervistato da SkyTg24 Cioni ha spiegato: "Protesto per difendere i commercianti e i piccoli impenditori costretti dal terremoto a lasciare i propri negozi senza ottenere alcun sostegno e facendo debiti. Il governo deve rivedere le condizioni del sistema bancario almeno nei paesi del cratere e della città, che è ancora militarizzata. Qui non possono essere applicate le stesse regole di luoghi dove non è successo nulla. Siamo stati costretti a respingere finanziamenti di 10mila euro per piccoli imprenditori. La città in queste condizioni non può ripartire. Pretendiamo di poter esercitare il diritto al lavoro come prevede la Costituzione".

Un gesto disperato in una città ancora sconvolta dalle dimissioni, sabato scorso, del sindaco Massimo Cialente dopo l'inchiesta per tangenti nella ricostruzione post sisma che ha coinvolto il vice-sindaco.

Sulla vicenda Cioni ha detto a Sky: "Sono molto addolorato per ciò che è accaduto e preoccupato per il futuro. Ma preferisco non parlarne. E' una pagina dello stesso libro".
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

mr.spyder
Messaggi: 2428
Iscritto il: 9 ago 2009, 10:14
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: palermo - messina
azioni: volantinaggio,donazioni,
organizzazione eventi,sbus,
idee,manovalanza,
condivisione beni e servizi
fra PRIMITivi o volenterosi
a consapevolizzarsi sullla
moneta debito
Località: palermo - messina

Re: Ma diciamolo.. - :: CApRIOLA III ::

Messaggioda mr.spyder » 13 gen 2014, 17:36

povera bankitalia,un giorno entra uno pieno di lire fuori corso e una pistola,ora questo con la benzina...mettere un paio di guardie giurate davanti no eh?
(anche solo per far credere che c'è ancora qualcosa da rubare all'interno)
Antonio Prezia, detto spyder... anche se non è importante chi sei,ma cosa vuoi fare per cambiare il mondo.

Lorenzociarcia
Messaggi: 78
Iscritto il: 10 mag 2016, 17:53
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Sicilia
azioni: scrittura articoli manovalanza di piazza, pagamento quota volantinaggio in proprio oratore Fdev costruzione coe interventi su web documentazione burocratica, contatti con altre "entità" terrestri e non,...... tutto me stesso..

Re: Ma diciamolo.. - :: CApRIOLA III ::

Messaggioda Lorenzociarcia » 23 mag 2016, 10:46

beh potrebbero dare ai ladri una chiavetta usd con i file dei bit monetari..:) che ne sai:)
Cambierò il mondo, prima che il mondo cambi me..


Torna a “Ricostruire L'Aquila..”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono liberamente riproducibili purché sia citata e linkata la fonte (sono infatti rilasciati sotto una licenza Creative Commons BY-NC-SA 2.0) Il redattore non e' legalmente responsabile per i pensieri e le affermazioni espresse in questo blog dai visitatori. L'autore non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di errori in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su questo sito avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto. Questo sito non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 Comunque, Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. :: SE&O :: Salvo Errori et Omissioni "come scrivono le banche, in calce agli estratti conto, per evitare eventuali future azioni penali".