IMPERDIBILE: Corso di Economia con Huerta De Soto (II)

sandropascucci
Messaggi: 12931
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

IMPERDIBILE: Corso di Economia con Huerta De Soto (II)

Messaggioda sandropascucci » 15 apr 2010, 16:31

Sono LIBERTARI, poverini, ma TECNICAMENTE LEZIONI IMPERDIBILI.



Lezione 1: http://www.usemlab.com/index.php?option ... i-economia
Libro di testo: Dinero, credito bancario y ciclos economicos dello stesso Huerta de Soto, scritto tra il 1996 e il 1997. Siamo alla quarta edizione in spagna, alla II in inglese e russo. C'è già l'edizione ceca, polacca, e si sta stampando quella in francese. Prossimamente uscirà in Germania. E' prevista per il futuro anche l'edizione in italiano, olandese, finlandese, rumeno, portoghese, giapponese, arabo, cinese.
I primi tre capitoli sono di contenuto giuridico e storico. Il nostro è un approccio multidisciplinare alla scienza economica. Non si può insegnare economia in un vuoto al margine della realtà, utilizzando grafici e matematica. L'economia è una scienza che tratta dell'azione umana e dei processi di interazione umana e va spiegata con una metodologia molto prossima alla realtà che ci interessa. Si può essere buoni economisti solo se si ha una buona conoscenza della storia e del diritto.
La scienza economica come disciplina è relativamente recente. In Spagna è diventanta una scienza a sè stante solo negli anni 40. Prima si insegnava nella facoltà di diritto. La tragedia è che gli insegnamenti sono stati separati totalmente. Qua alla Rey Juan Carlos si mantiene la vecchia integrazione e viene studiata nella facoltà di Scienze giuridiche e sociali.
Primo capitolo. La natura giuridica del contratto di deposito del denaro.
Esistono due contratti radicalmente distinti, quello di prestito e quello di deposito.
Il prestito consiste nel consegnare una cosa a qualcuno perchè la usi, e poi la restituisca. Il prestatore perde la disponibilità dell'oggetto.. -> prosegue



Lezione 2: http://www.usemlab.com/index.php?option ... i-economia


Lezione 3: http://www.usemlab.com/index.php?option ... i-economia
I banchieri, coscienti della funzione di salvaguardia e custodia, cominciano a svolgere la propria attività in maniera corretta con coefficiente di cassa del 100%. Presto o tardi, tuttavia, cadono nella tentazione di appropriarsi di una parte significativa di quanto depositato per svolgere i propri affari personali. Inizialmente l’appropriazione indebita avviene in maniera occulta. Di seguito, invece, il potere pubblico concede loro il privilegio di poter operare in regime di riserva frazionaria. In altre parole si instaura una connivenza tra potere pubblico e banchieri che tende a diventare sistematica e tradizionale. Operando in regime di riserva frazionaria il banchiere agisce al di sopra del diritto. Tale operatività dà origine al fenomeno di espansione artificiale dell'economia. Il credito in eccesso prodotto dalla riserva frazionaria, tuttavia, presto o tardi si converte in crisi finanziaria e recessione economica.

La tentazione per il banchiere è sempre molto forte. La riserva frazionaria permette infatti la creazione dal nulla di mezzi fiduciari, cioè l'emissione ex nihilo di nuovo denaro. E’ la stessa tentazione in cui cade il cassiere disonesto che nel fine settimana si appropria del denaro ozioso dei depositanti. Benché egli lo utilizzi con lo scopo di restituirlo il lunedì, il fatto di sottrarre il denaro dalla cassa per fini personali rappresenta di per sé un'atto criminale. A differenza dell'azione del cassiere, quella del banchiere non consiste solo nell'appropriazione indebita di denaro, ma produce qualcosa di più profondo: in maniera aggregata il sistema bancario crea infatti denaro dal nulla. -> prosegue



Lezione 4: http://www.usemlab.com/index.php?option ... i-economia
Stiamo studiando come sorge la banca con riserva frazionaria. A tal proposito, abbiamo visto come la necessità pratica di aggirare il divieto canonico dell'usura dia origine alla confusione dottrinale e giuridica tra prestito e deposito. Il banchiere ne approfitta utilizzando il denaro dei depositanti per svolgere i propri affari. Abbandona cioè il principio di cassa del 100% sui depositi alla vista per operare in regime di riserva frazionaria.. -> prosegue


Lezione 5: http://www.usemlab.com/index.php?option ... i-economia
Identificazione tra Deposito e Prestito
Come già visto, il ricorso al depositum confessatum causa nel tempo una confusione totale tra deposito e prestito. L'ambiguità è conveniente per il banchiere. E' proprio grazie a tale confusione giuridica infatti che egli si ritrova legittimato ad appropriarsi del denaro dei depositanti.

Con la rivoluzione industriale emergono presto nuovi problemi di insolvenza bancaria e la questione deposito o prestito diventa impellente. Le risposte adottate sono tuttavia differenti nel mondo anglosassone, dove vige la common law, e in quello europeo continentale dove la tradizione giuridica si rifà al diritto romano.

Secondo la tradizione della common law, ciascuna sentenza emessa da un giudice crea un precedente e un riferimento per la risoluzione dei casi analoghi che emergeranno in seguito. Per questo motivo, a volte l’errore di un giudice finisce con il compromettere numerose decisioni successive. E fu proprio a causa dell'errore di un giudice in materia di depositi bancari che nel mondo anglosassone i due contratti continuarono ad essere confusi tra di loro.. -> prosegue



Lezione 6: http://www.usemlab.com/index.php?option ... i-economia
In questa lezione vediamo come si registra contabilmente il fenomeno di moltiplicazione del denaro generato dalla riserva frazionaria. Nella realtà le cose non funzionano in maniera meccanica o robottizzata come nell'esempio che segue. Il processo ovviamente è più complesso, tuttavia la nostra caricatura formalizzata è sufficiente per arrivare a comprendere gli effetti prodotti dalla riserva frazionaria.

Ipotizziamo che il signor X depositi 1000 presso una banca. Le 1000 unità vengono registrate nel passivo della banca. Tuttavia, in regime di riserva frazionaria al 10%, il 90% delle 1000 unità, cioè 900 unità, pur rimanendo a disposizione del signor X, vengono prese dal suo conto e prestate dalla banca al signor Z.

La quantità di denaro adesso è di 1900. Il signor X conserva infatti la disponibilità sui suoi 1000, ma anche il signor Z ha adesso a disposizione 900 unità nuove che prima non esistevano. Magicamente sono stati create 900 nuove unità, che definiamo mezzi fiduciari, cioè la quantità di denaro non coperta dal contante reale effettivamente depositato. In altri termini possiamo anche dire che ci troviamo con un deposito primario pari a 1000 unità, e un deposito secondario o derivato pari invece a 900.

Di fatto, nel sistema occidentale, solo un decimo dell'offerta monetaria totale è rappresentata da denaro contante, o da depositi primari. Il resto è denaro virtuale, depositi derivati, mezzi fiduciari, mere scritture contabili bancarie.. -> prosegue



Lezione 7: http://www.usemlab.com/index.php?option ... i-economia


Lezione 8: http://www.usemlab.com/index.php?option ... i-economia


Lezione 9: http://www.usemlab.com/index.php?option ... i-economia


Lezione 10: http://www.usemlab.com/index.php?option ... i-economia


Lezione 11 1_2: http://www.usemlab.com/index.php?option ... i-economia


Lezione 11 2_2: http://www.usemlab.com/index.php?option ... i-economia
Per farla breve, la soluzione Keynesiana è sempre spesa, spesa, spesa, consumi di ogni tipo, opere pubbliche, scavare buche, l'importante è spendere. Si possono anche abbassare i tassi di interesse, ma si rischia la trappola della liquidità. Per uscire dalla crisi bisogna spendere e consumare. E' una assurdità keynesiana che ovviamente piace da impazzire ai politici.. -> prosegue

 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12931
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: IMPERDIBILE: Corso di Economia con Huerta De Soto (II)

Messaggioda sandropascucci » 15 apr 2010, 16:33

 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA


Torna a “Tecnica - Libri”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono liberamente riproducibili purché sia citata e linkata la fonte (sono infatti rilasciati sotto una licenza Creative Commons BY-NC-SA 2.0) Il redattore non e' legalmente responsabile per i pensieri e le affermazioni espresse in questo blog dai visitatori. L'autore non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di errori in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su questo sito avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto. Questo sito non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 Comunque, Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. :: SE&O :: Salvo Errori et Omissioni "come scrivono le banche, in calce agli estratti conto, per evitare eventuali future azioni penali".