Dossier Grillo(Sgrullo)

..c'entra di brutto. Convinciti.
Avatar utente
Karlrex

Dossier Grillo(Sgrullo)

Messaggioda Karlrex » 27 nov 2009, 11:43

Dopo il video di Daniele scopro che ,sul forum di Sabina(ratto della)Guzza o Sabina Valvallaggio,c'era questo post.
http://files.splinder.com/abb7d6224665a ... 457215.htm
Interessante lettura per chi vuole saperne di più da chi ha capito(forse).Ps:Ci sono un po' tutti, non solo Il maiale sudaticcio con il mocio in testa :mrgreen:

Avatar utente
enricogrosso
Messaggi: 1435
Iscritto il: 9 ago 2009, 8:38
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Abruzzo Marche Italy
azioni: manovalanza di piazza, volantinaggio in proprio, testimonianze videoriprese, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)

Re: Dossier Grillo(Sgrullo)

Messaggioda enricogrosso » 27 nov 2009, 15:17

Karlrex ha scritto:Dopo il video di Daniele scopro che ,sul forum di Sabina(ratto della)Guzza o Sabina Valvallaggio,c'era questo post.
http://files.splinder.com/abb7d6224665a ... 457215.htm
Interessante lettura per chi vuole saperne di più da chi ha capito(forse).Ps:Ci sono un po' tutti, non solo Il maiale sudaticcio con il mocio in testa :mrgreen:


Servantaggio, la battuta di Sabina quando ha volutamente storpiato il nome è stata SERVANTAGGIO! Questo neologismo potrebbe significare SERVI che traggono VANTAGGIO dal SignorAGGIO...
“Il mondo non ricompensa onestà e indipendenza,bensì obbedienza e servilismo”
Enrico Grosso

Avatar utente
Karlrex

Re: Dossier Grillo(Sgrullo)

Messaggioda Karlrex » 27 nov 2009, 18:42

Lei è una delle prime sicuramente e ne trae come gli altri più vantaggio non parlandone e quando deve pronunciarlo, storpiandone ripetutamente il nome.La cosa che m'ha schifato dall'inizio è stata la sua espressione alla risposta alla domanda: per che cosa sei?:You Cazz le doveva dì Daniele.. che forse si posizionava meglio(non solo per la cam) :lol:

Avatar utente
Karlrex

Re: Dossier Grillo(Sgrullo)

Messaggioda Karlrex » 1 apr 2010, 9:43

Un articolo sul Grullo interessante più per conoscere i suoi retrosc(hi)ena che per il dubbio sul da farsi sui rimborsi elettorali: Grullo è sempre stato amico dei banchieri(per me)!

!
Grillo si piglia i soldi

Ha combattuto il finanziamento pubblico, ora gli spettano due milioni. E Beppe si guarda bene dal gridare che li restituirà allo Stato.

Beppe Grillo durante un comizio in piazza Maggiore a Bologna E ora? Che fa? Che fa Beppe Grillo? Se li piglia o no questi maledetti soldi pubblici? E già il comico genovese accederà al finanziamento pubblico ai partiti. Ad essere preciso al bottino dei rimborsi elettorali visto che oggi in Italia, per effetto di uno dei soliti referendum votati e disattesi, i partiti ricevono soldi dallo Stato in virtù dei voti che ottengono. Stando a un conto elaborato da Libero, il movimento di Grillo che si chiama Cinque Stelle dovrebbe ottenere circa 1,7 milioni per la prossima legislatura (circa 340mila euro all'anno). E ora che fa? Riscuote l'assegno o lo restituisce? La domanda è più che lecita visto Grillo non è la prima volta che si contraddice.


Fece una campagna spietata contro gli spot pubblicitari e poi ne fece uno per una nota marca di yogurt. Più recentemente si è battuto contro quelle che chiamava leggi ad personam, ma poi ha aderito al condono fiscale fatto dal passato governo Berlusconi. Sui rimborsi elettorali va detto che è sempre stato piuttosto ambiguo. Beppe, per esempio, ha condotto campagne molto aggressive contro il finanziamento pubblico all'editoria. Battaglia che fu l'asse centrale del V-day seconda versione. Ma proprio sui fondi ai partiti o ai movimenti il leader del movimento anti-casta è sempre stato piuttosto vago. A tratti ambiguo. Non altrettanto i suoi.


Anche i grillini dell'Emilia Romagna, dove hanno ottenuto una clamorosa affermazione, hanno cominciato ad arrampicarsi sugli specchi. «Quello che percepirò - ha detto l'ex candidato governatore Favia - andrà in un rendiconto preciso: i consiglieri regionali avranno uno stipendio dignitoso, ma non quello d'oro previsto dalla Regione. Io sono un co.co.pro del popolo italiano: firmerò una lettera di dimissioni in bianco e ogni sei mesi renderò conto al network che rappresento».


Prima del voto avevano usato parole più nette come quelle pronunciate il 24 marzo, una settimana fa. «I rimborsi elettorali? Sono una truffa verso i cittadini - spiegò il candidato presidente in Lombardia Vito Claudio Crimi -, un calderone spartito come una torta dai partiti». Da qui l'idea di rinunciare a riscuoterli o di distribuirli fra i cittadini perché «devono tornare alla collettività», ha aggiunto alla prima conferenza stampa nazionale con tutti i candidati presidenti: oltre a Crimi il candidato del Veneto David Borrelli, della Campania Roberto Fico e del Piemonte Davide Bono e appunto dell'Emilia Romagna Giovanni Favia. E adesso che fanno?

fonte: http://iltempo.ilsole24ore.com/politica ... refresh_ce

Avatar utente
Karlrex

Re: Dossier Grillo(Sgrullo)

Messaggioda Karlrex » 9 apr 2010, 11:19

Il Giornale quel pseudo-nemico di Grullo (per far fessi tutti) gli pubblica un articolo contro sulle sue ferie a 5 stelle :mrgreen: Aggiungiamo merda alla merda..
!
Le ferie a 5 stelle del no global Grillo
di Paola Setti

Il fustigatore si gode il relax a Malindi. Accusava la Casta: "I politici italiani stanno in spiaggia a champagne e aragoste". La sua presenza segnalata da un portale web ironico

La lista, quella che in nome dei suoi strali s’è presentata alle ultime Regionali meritandosi il «vaffa» del Pd perché «ci ha rovinati», l’ha lasciata a casa. Le cinque stelle invece se l’è portate appresso: destinazione Kenya, luxury resort Blu Key sulla spiaggia di Seversand, Malindi, «un’oasi di tranquillità» descrive il sito web, «venti grandi stanze e otto splendide ville private immerse in un lussureggiante giardino tropicale e affacciate sull’Oceano Indiano».
La notizia la dà il portale italiano in Kenya, non senza ironia sulla «meritata settimana di vacanza» del «fustigatore dei costumi degli italiani». Il quale adesso finalmente «potrà ricredersi: Malindi sa ospitare chiunque, senza preclusioni di “casta”». Sì, perché proprio contro le vacanze della casta a Malindi Grillo si scagliò un paio d’anni fa, scrivendo sul suo blog: «I figli e gli eredi della prima Repubblica si scaldano, come lucertole al sole, nelle spiagge di Malindi. Bobo Craxi e Giovanna Melandri pasteggiano a champagne e aragoste. Forse li salverà la nostra aeronautica militare». Ce l’aveva col fatto che nel frattempo le etnie keniote si stavano «massacrando sotto gli occhi del mondo». Loro, i kenioti, evidentemente non gradirono il surplus di solidarietà, se oggi scrivono che la presenza del Savonarola della seconda Repubblica e del Terzo millennio dimostra che «Malindi si è ripulita da quell’immagine spesso distorta che negli anni passati la mostrava agli occhi di certa critica intellettuale e “contro” come un porto franco di vipparoli di serie B e personaggi poco raccomandabili o dalla dubbia moralità». Welcome in Africa, allora. Ornella Vanoni, Flavio Briatore e lui, Beppe Grillo.

Il problema di attirarsi le «gnere», e cioè le pernacchie per dirla nel dialetto genovese del fu comico oggi politico per interposto candidato, è che Grillo ha fatto della sua immagine di moralizzatore dostoevskjiano la sua forza.

«Predichi bene e razzoli male», lo accusarono un anno fa i blogger. Erano i tempi in cui Grillo prese casa in Svizzera. Quando uscì la notizia, lui precisò imbarazzato: «Sì, ho comprato un appartamento a Lugano perché se mi oscurano il blog sono pronto a ripartire il giorno stesso con beppegrillo.ch o beppegrillo.eu». I grillini lo coprirono di insulti all’urlo di: «Se mi oscurano, la compri anche a me la casa in Svizzera?». Tanto più che lui aveva subito messo le mani avanti: «Speravo che la notizia non si diffondesse. Non vorrei che venisse interpretata come una mossa codarda o che qualcuno cominciasse a dire che ho comprato la villa in Svizzera. Non è una fuga dalle tasse. L’eventuale trasferimento riguarderebbe solo il blog, non me». Excusatio non petita, accusatio manifesta, tuonarono i blogger.

Non gliela fecero passare. Fecero notare che un dominio, che sia eu, com, ch o info, «lo puoi acquistare direttamente dall’Italia, senza bisogno di espatriare». E ci fu chi, potenza dell’allievo che supera il maestro, si prese pure la briga di andare a verificare che il dominio www.beppegrillo.it «non è intestato a Giuseppe Grillo, ma a un certo Emanuele Bottaro», ergo: «Se il discorso del comico avesse una valenza logica, a espatriare doveva essere il dottor Bottaro», come scrisse il blogger Gabriele Mastellarini a Marco Travaglio.
Senza contare che c’era stata, è vero, una proposta bavaglio, l’aveva presentata il Pd che avrebbe voluto imporre ai siti che fanno informazione la registrazione al Roc, il Registro operatori della comunicazione. «È la fine della Rete, traslocherò in uno Stato democratico», aveva tuonato lui. Peccato che proprio nei giorni dell’espatrio, invece, quella riforma fosse stata affossata dal Pdl, il partito del «regime» contro cui Grillo spara un giorno sì e l’altro pure, che invece di aiutarlo a fare i bagagli escluse ogni obbligo per i blog. Niente da fare, «è una legge fottiblogger» decretò senza neppure averla letta. Welcome in Svizzera. Mina, Rita Pavone, Lele Mora e lui, Beppe Grillo. E mica sotto il gasometro di Oberhausen nella Ruhr era andato, no. Già che c’era, Beppe scelse quello che lui stesso definì «un angolino tranquillo e sicuro, un posto carino», con vista sul lago di Lugano.
Dalle bufale all’Emmental. Al «Pilau» keniota, magari degustato sulla spiaggia «di sabbia bianca finissima riservata agli ospiti dell’hotel» con moglie e figli. «Ieri una giornata a base di mare al Paparemo Beach di Watamu, dove, accompagnato dall’amica Tania Missoni, ha goduto della splendida baia di Watamu. Nei prossimi giorni, invece, magari ci scappa anche un safari» si legge su malindikenya.net.
«Cooomodooo eeeh? Fustigare la casta e poi andarci in vacanza» direbbe Piero Ricca il «molestatore» dei potenti. Ma lui con Grillo non vuole più avere a che fare. Tempo fa lo accusò di averlo fatto lavorare da precario e poi licenziato. Grillo smentì, rinfacciandogli di cercare solo visibilità. Da che pulpito.

fonte: http://www.ilgiornale.it/interni/le_fer ... comments=1

Avatar utente
Francesco La Ferla

Re: Dossier Grillo(Sgrullo)

Messaggioda Francesco La Ferla » 9 apr 2010, 11:27

a me non è mai piaciuto, sia lui, che l'amichetto Marco Bavaglio... Casaleggg....g.... :twisted:

Avatar utente
Umiltao

Re: Dossier Grillo(Sgrullo)

Messaggioda Umiltao » 9 apr 2010, 14:12

Francesco La Ferla ha scritto:Marco Bavaglio

Bravo. Questa davvero mi piace.

Però lui, detto seriamente, non sa e non ha capito quasi nulla. Quindi è meglio che si tenga il bavaglio anzichè dire cazzate come quelli che urlano «Signoraggio!!!™» a destra e a manca.

Avatar utente
Francesco La Ferla

Re: Dossier Grillo(Sgrullo)

Messaggioda Francesco La Ferla » 10 apr 2010, 2:02

Umiltao ha scritto:
Francesco La Ferla ha scritto:Marco Bavaglio

Bravo. Questa davvero mi piace.

Però lui, detto seriamente, non sa e non ha capito quasi nulla. Quindi è meglio che si tenga il bavaglio anzichè dire cazzate come quelli che urlano «Signoraggio!!!™» a destra e a manca.



A mio parere, lui sa, ha pure capito, ma non si vuole immischiare. Perchè come dice Daniele nel suo "voi non capirete questo video", se tu spieghi ad un bambino, lui capisce. E siccome Bavaglio non è una persona stupida, preferisce tacere. Poi se hanno comprato il suo silenzio (Casal..ecciù!) o sia stato minacciato (magari da Sgrullo :twisted: ) non saprei...

Avatar utente
marco secchi

Re: Dossier Grillo(Sgrullo)

Messaggioda marco secchi » 11 giu 2010, 10:46

Francesco La Ferla ha scritto:a me non è mai piaciuto, sia lui, che l'amichetto Marco Bavaglio... :



suona bene anche marco guinzaglio.... lo ha davvero molto stretto... ;)


Torna a “beppE grill0”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono liberamente riproducibili purché sia citata e linkata la fonte (sono infatti rilasciati sotto una licenza Creative Commons BY-NC-SA 2.0) Il redattore non e' legalmente responsabile per i pensieri e le affermazioni espresse in questo blog dai visitatori. L'autore non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di errori in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su questo sito avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto. Questo sito non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 Comunque, Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. :: SE&O :: Salvo Errori et Omissioni "come scrivono le banche, in calce agli estratti conto, per evitare eventuali future azioni penali".