beppE grill0: AMICO INTIMO DEI BANCHIERI

..c'entra di brutto. Convinciti.
sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

beppE grill0: AMICO INTIMO DEI BANCHIERI

Messaggioda sandropascucci » 27 ott 2009, 12:42

grill0 non perde occasione per SMERDARE lo SMERDABILE (http://www.beppegrillo.it/2009/10/i_mer ... empio.html). oggi il mondo va al contrario, si applaude l'assassino e si spranga il bambino [con gli occhiali]. costui già mi fa schifo quando SMERDA la canzone del maggio (sic!), quando parla di banche senza parlare di signoraggio, quando censura, quando mi chiama in causa quasi ad ogni spettacolo [1], quando fa un post sui nani da giardino nel giorno della morte di Auriti - che ha SFRUTTATO per farsi bei milioni [2] - e in mille altre occasioni, compreso quando scende dalla monovolume che lo porta agli spettacoli e nel buio si scompiglia i capelli a due mani [che li tenevi in una retina?] prima di iniziare il suo show..

ora smerda anche la [per chi ci crede] storia della cacciata dei mercanti dal tempio da parte di Gesù.
io non ci credo ma se fai un esempio del genere vuol dire che ci credi, altrimenti perché farlo? quale ingegnere aeronautico prenderebbe come esempio per un suo progetto o per una discussione o denuncia il modello dell'asino che vola? grill0 chiama in causa la storia della cacciata del tempio e SORVOLA BELLAMENTE SUL NOMARE LI AMICHETTI SUOI CAMBIAVALUTE (gli odierni BANCHIERI):

Cristo scaccia i mercanti dal tempio
Immagine
Cristo scaccia i mercanti dal tempio
Francesco Rustici detto il Rustichino Siena, 1592 - 1626
Secondo decennio del Seicento Olio su tela, cm 120 x 152 Inv. 138950

L’episodio della cacciata dei mercanti dal Tempio di Gerusalemme viene narrato dall’evangelista Giovanni: indignato nel vedere il Tempio di Gerusalemme trasformato in un mercato ad opera dei cambiavalute, dei mercanti di buoi, pecore e colombe, Cristo - raffigurato al centro della scena - “fatta una sferza di cordicelle, scacciò tutti fuori dal tempio” (Giovanni: 2, 15).

È interessante seguire come al gesto imperioso del Figlio di Dio facciano seguito, nella scena, le diverse reazioni dei singoli personaggi: qualcuno, come il cambiavalute sulla sinistra, raccoglie frettolosamente le monete sparse sul tavolo; altri si chinano al suolo alzando spaventati la mano in gesto di difesa; alcune colombe fuggono da una gabbietta caduta improvvisamente per terra mentre i pastori e i mercanti di buoi radunano timorosi il bestiame guadagnando l’uscita del tempio.

Sullo fondo, illuminato da una luce soffusa e dorata, prosegue indisturbata la vita degli abitanti di Gerusalemme.La veridicità dei gesti e delle espressioni dei personaggi realizzati dal Rustici indicano un contatto diretto del pittore con il naturalismo delle opere del Caravaggio; le stesure morbide e sfumate del colore rivelano tuttavia un accostamento più diretto ai modi e alla sensibilità della pittura veneta, importate a Siena proprio in questi anni dal conterraneo Pietro Sorri.


fonte? Monte dei Paschi di Siena http://www.mps.it/La+Banca/Arte/Opere+d ... rcanti.htm
se non lo sanno loro..

altro, reggetevi:

La cacciata dei mercanti
Gesù entrò nel tempio e scacciò tutti quelli che vendevano e compravano nel primo cortile, rovesciò i banchi dei cambiamonete e i seggi dei venditori di colombe, dicendo loro: “Sta scritto: La casa mia sarà chiamata casa di preghiera; ma voi ne avete fatta una spelonca di ladri” [Matteo 21, 12].

Entrando nel tempio, si mise a cacciare quelli che vendevano e quelli che compravano, rovesciò i banchi dei cambiamonete e le sedie dei venditori di colombe, nè permetteva che si attraversasse il tempio portando dei carichi.
E insegnava dicendo loro: “Non è forse scritto: La casa mia sarà chiamata casa di preghiera da tutte le genti? Voi ne avete fatto una caverna di briganti!” Essendo venuto ciò a conoscenza dei grandi sacerdoti e degli scribi, essi cercavano come farlo morire; ma avevano paura di lui, perchè tutta la folla era ammirata dal suo insegnamento. [Marco 11, 15]


E’ l’unico momento in cui, ci è testimoniato dal Vangelo, il Messia reagisce con estrema violenza. Apro una parentesi: Messia non vuol dire messagero divino o figlio di Dio, ma semplicemente “Unto”, consacrato ad una Missione. I sovrani venivano “unti”. Chiudo la parentesi.
Altro che agnellino, Gesù rovescia i banchi dei cambiavalute, scatena letteralmente la propria ira contro questi empi.
Faccio notare che la violenza di Gesù non si rovescia genericamente sui “mercanti del tempio”, come del resto ci viene tramandato pedantemente dal catechismo cattolico, ma specificamente su cambiamonete e venditori di colombe.

C’è una interpretazione un po’ più ampia del gesto, che va al di là della pedante storiella del catechismo cattolico, che ci parla genericamente di “empi mercanti”.

Che cosa facevano in realtà questi cambiavalute e questi venditori di colombe? Perchè meritavano un’ira così accesa, una reazione così esplosiva?

Gesù non reagì così con i soldati che lo arrestarono nell’Orto dei Gezzemani, e nemmeno davanti al Sinedrio, che quanto a corruzione morale aveva pochi eguali.

In fondo Gesù era un non violento. O no?

E’ arrabbiato coi “mercanti” semplicemennte perchè fanno del commercio in luogo sacro? E’ il commercio di per sè attività così empia?

Ebbene questi cambiavalute speculavano sul denaro, governandone la scarsità o l’abbondanza.
La monetazione circolante all’interno dell’Impero Romano a quei tempi non era uniforme. Circolavano, regolarmente accettati da commercianti ed artigiani, monete romane, greco-ellenistiche, mediorientali, locali giudaiche. Ed era ovviamente ancora usatissimo il baratto. Il fisco imperiale però accettava in pagamento delle tasse (che fra l’altro erano mooolto più basse delle nostre attuali) solo monete romane in argento, con tanto di effige imperiale (“Date a cesare quel che è di Cesare”; o meglio parafrasando “Date a Cesare quello che ha l’effigie di Cesare” ).

Questi cambiavalute, ricchisimi, erano in grado di fare incetta sul mercato delle monete romane circolanti, e ne creavano la scarsità al momento del pagamento delle decime. A quel punto artigiani, commercianti e popolino erano costretti a pagare cifre esorbitanti, in altre valute, beni, proprietà, per poter “acquistare” la moneta che i romani avrebbero accettato in pagamento delle imposte.

In pratica questi speculatori, che controllavano il denaro, erano in grado di manipolare la pressione sanguigna sociale. Si nutrivano immoralmente della linfa vitale della popolazione, depredandola fraudolentemente della propria ricchezza. La povertà conseguente a questi atti di vampirismo può portare alla disperazione, alla pazzia, alla violenza, all’omicidio. In quest’ottica, i cambiavalute, oltre ad essere dei ladri, erano anche dei veri corruttori di uomini.

Per quanto riguarda i venditori di colombe, questi pure erano speculatori. Gli ebrei usavano fare sacrifici di sangue durante le liturgie. Portarsi buoi, capre e colombe da casa, per chi doveva affrontare giorni e giorni di viaggio per raggiungere il Tempio, era faticoso e costoso. Così i fedeli acquistavono le bestie per i sacrifici direttamente presso il tempio ... a prezzi esorbitanti.

E’ inutile dire che i sacerdoti del tempio avevano le loro royalties su questo empio commercio:
i “mercanti”, cambiavalute e “colombari”, pagavano una commissione per svolgere le loro attività speculative.

Un vero sistema a delinquere costituito da speculatori, autorità politiche e autorità religiose a spese della povera gente.
Gesù va contro tutta questa associazione a delinquere. E infatti il pezzo dell’evangelista Marco lascia intendere che è proprio questo gesto di violenta contestazione contro i “mercanti del tempio” che spinge sacerdoti e scribi a condannare Gesù a morte. Gesù ha sfidato il sistema e deve morire. Ma “il re è sempre nudo di fronte ai governati”, e Gesù gode del favore popolare. Sarà necessario ingannare il popolo, distoglierne l’attenzione per potersi sbarazzare del Messia...
In duemila anni le cose non sono cambiate in meglio...

Forse Gesù, se fosse già esistita la parola, avrebbe detto “[...] ma voi ne avete fatto una spelonca di vampiri.”[/i]

da: http://spadelliamo.splinder.com/post/69 ... del+Tempio


grill0 sei una vergogna per il genere umano.






[1] FATTI VEDERE DA UNO PSICOLOGO grill0: SEI MALATO DI DELIRIO DI PERSECUZIONE
[2] derivanti da una tournee sul mondo bancario, spiegato di MERDA e senza mai nominare il SIGNORAGGIO
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
Umiltao

Re: beppE grill0: AMICO INTIMO DEI BANCHIERI

Messaggioda Umiltao » 28 ott 2009, 0:05

PRIMITadm ha scritto:[2] derivanti da una tournee sul mondo bancario, spiegato di MERDA e senza mai nominare il SIGNORAGGIO


A parte che il colore selezionato è quello in esclusiva per "Le estreme merdate di Marco Saba", notare come è stata sottolineata l' escrementizzazione del messaggio e NON del messaggero come al contrario l' amico dei Banki Grassieri Criminali fa già credere ai suoi sostenitori e vorrebbe far credere all' universo mondo.


grill0 in fondo fa parte della fascia alta della piramide monetaria, per cui vale il discorso per cui a maggior ragione non scende e/o non contribuisce a far salire gli altri essendo altospeculativo: se uno massimizza gli utili... massimizza gli utili e basta, non si perde a... perdere. Il rischio sul signoraggio come investimento sul futuro per lui non vale la candela.
grill0 è come quello che guida la Porsche ma con straordineria umiltè nonostante metta una prima con intensitè.
E parlo per una questione di giustizia e non di semplice utilitarismo.

sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: beppE grill0: AMICO INTIMO DEI BANCHIERI

Messaggioda sandropascucci » 12 nov 2009, 13:41

che pena!
Allegati
povcatvoia.png
povcatvoia.png (163.2 KiB) Visto 12547 volte
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
Karlrex

Re: beppE grill0: AMICO INTIMO DEI BANCHIERI

Messaggioda Karlrex » 10 apr 2010, 15:03

sentite cosa gli grida un grulliano seguace nonostante la palese finzione e deviazione all'assemblea nazionale
delle liste civiche! Il bello che risponde con la falsità che lo contraddistingue, dicendo che lo ha dichiarato a
Piazza navona :o :shock: che ignobile essere

Avatar utente
Leandro Martin Larrondo

Re: beppE grill0: AMICO INTIMO DEI BANCHIERI

Messaggioda Leandro Martin Larrondo » 20 apr 2010, 4:21


Avatar utente
LorenzoLenzi

Re: beppE grill0: AMICO INTIMO DEI BANCHIERI

Messaggioda LorenzoLenzi » 20 apr 2010, 9:29

In apocalisse morbida diceva "bisogna tornare agli istinti guardare le faccie"...
Sì Grullo hai ragione la fisognomica mi conferma il tuo ipocrita agire...
Palese è diventata la tua falsità...
Il tuo viso ne è testimonianza.

sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: beppE grill0: AMICO INTIMO DEI BANCHIERI

Messaggioda sandropascucci » 20 apr 2010, 13:47

a me sembra dicesse facce

C’è una vocale prima della C o della G ? Ci vuole la i.

1 camicia 2 camicie (non camice!! 1 camice 2 camici)
1 farmacia 2 farmacie (non farmace)
1 ciliegia 2 ciliegie (ma anche ciliege va bene)

1 arancia 2 arance
1 pancia 2 panze.. emhmm.. no volevo dire 2 pance
1 faccia 2 facce
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: beppE grill0: AMICO INTIMO DEI BANCHIERI

Messaggioda sandropascucci » 8 giu 2013, 20:55

Il debito pubblico va ristrutturato
Non ci sono alternative: o ristrutturiamo il nostro debito pubblico, di cui la parte all'estero è in prevalenza in mano a Germania e Francia, o ci aspetta il fallimento insieme alla distruzione del tessuto produttivo. Il nostro debito pubblico aumenta al ritmo di 120/130 miliardi di euro all'anno. Gli interessi sul debito crescono di conseguenza di 4-5 miliardi all'anno (*) e hanno raggiunto circa 100 miliardi che paghiamo con le tasse, e che sottraggono, inesorabilmente, sempre più soldi destinati alla spesa pubblica, alla Sanità, alla Scuola, alla Ricerca, allo Sviluppo. E' una garrota che lentamente strangola il Paese. Il Pil diminuisce, il gettito fiscale pure. Il rapporto tra Pil e debito sta diventando insostenibile. Una via di uscita temporanea sarebbe svalutare la moneta, ma abbiamo perso la sovranità monetaria, la lira non c'è più. L'unica possibilità è ristrutturare il nostro debito. Si possono estendere i termini di restituzione del capitale impegnato, diluire gli interessi nel tempo, contrattare anche a costo di battere i pugni sul tavolo con la Merkel e pretendere, ad esempio, l'istituzione degli eurobond con il rischio dei singoli Paesi trasferito su base europea.
Un tizio aveva un grosso debito, doveva saldarlo il giorno seguente. Si rivoltava nel letto da ore senza prendere sonno. La moglie dell'indebitato, che nella storia si chiama Giuseppe, sfinita decide di risolvere la situazione. "Giuseppe, tra poco potrai dormire". Apre la finestra e grida al vicino dirimpettaio "Mio marito non ha una lira! Non può pagarti." E rivolta al marito: "Ora è lui ad avere il problema, soffrirà di insonnia!". Quindi si addormentano insieme.
L'Italia sta attuando una strategia suicida. Le banche italiane stanno comprando i nostri titoli dall'estero, il cui valore complessivo all'estero è sceso intorno al 30 dal massimo del 50%. Le banche italiane stanno riempendosi di Bot e Btp, che valgono sempre meno, dalle banche francesi e tedesche invece di finanziare le imprese. Nessuno ha chiesto a suo tempo alla Germania o alla Francia di comprare i nostri titoli. Se lo hanno fatto avranno avuto delle buone ragioni, ad esempio esercitare pressioni per le loro aziende in Italia, come è avvenuto per Veolia e Suez per l'acqua. Perché ricomprarlo? Quando il debito sarà tornato in Italia, saremo lasciati al nostro destino. Oggi disponiamo ancora un potere negoziale, in mano abbiamo una pistola carica. Domani sarà troppo tardi. Dobbiamo ristrutturare il debito!

NB1: Dal 1950 ad oggi 95 Stati hanno ristrutturato il debito almeno una volta (Russia, Serbia, ecc.)
http://www.un.org/esa/ffd/ecosoc/debt/2 ... 12_203.pdf , pagina 30
NB2: In Italia il peso degli interessi sul debito pubblico è insostenibile: sommando quanto è costato dal 2003 al 2011, arriviamo al 55% del Pil, rispetto al 29,8% della Francia e al 31,1% della Germania
(*) Ogni anno sono necessari una nuova tassa come l'IMU o un aumento paragonabile dell'IVA per coprire i maggiori interessi pari a 4/5 miliardi

Postato il 8 Giugno 2013 alle 20:01 in Economia | Scrivi | Ascolta | Stampa
Commenti (55) | Invia il tuo video | Invia ad un amico


QUESTO E' BEPP€ GRILL0. QUESTO E' L'AMICO DEI BANKIERI.
ESSERE GRILLINI VUOL DIRE ESSERE IDIOTI. E NEMICI DEL POPOLO.
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: beppE grill0: AMICO INTIMO DEI BANCHIERI

Messaggioda sandropascucci » 8 giu 2013, 21:00

Grillo ti ostini a dire minkiate sul debito. Falla finita e inzia a dire che il debito è una truffa e parla del signoraggio. Hai paura che ti uccidano? che ti ammazzino come moro o come kennedy? Qui non si tratta più di dire le cose piano piano in modo che tutti capiscano.... hai girato per la secondo volta l'Italia e l'unico cosa che dici sul signoraggio è che dobbiamo fare questo referendum. Ma quale referendum??? gli italiani ignoranti come sono voteranno a favore dell'euro. Hai tutta la visibilità del mondo in questo momento. Se non dirai la verità sulla truffa del debito e dell'euro sarai responsabile più degli altri politici euroinfami eurocorrotti ed euroleccaculo. Io non ti mando a fanculo per le minchiate, io ti mando a fanculo perchè con il potere che hai in mano non stai facendo nulla per far capire alla gente la vera truffa e ti perdi tra le minchiate degli spiccioli. Tra non molto saremo così poveri e così deindustrializzati che non ce la faremo neanche se tornassimo alla lira. Quando non saremo più proprietari di nessuna azienda sarà inutile tornare alla lira. Mettiti una mano sulla coscenza e non ci fare diventare peggio dei cinesi.

Francesco f 08.06.13 20:56|


scusa grillo ma perché della lira noi ne eravamo sovrani?poi conosci il signoraggio bancario e parli di debito pubblico?il debito pubblico va cancellato dal dizionario italiano basta con questa truffa mi girano perché queste cose le sai meglio di me che succede?

giuseppe ., torino 08.06.13 20:40|



##

IL SIGNORAGGIO,

ossia il POTERE di creare moneta dal nulla che la BANCA CENTRALE(*) ha avuto in dono dai CAMERIERI POLITICI.

Senza SOVRANITA' MONETARIA da parte dello STATO è IL GRASSO BANKIERE che gode dell'AGGIO DI CREARE MONETA, indebitando tutta la popolazione.

Il DEBITO PUBBLICO è una delle conseguenze della mancanza di SOVRANITA' MONETARIA.

Studia il SIGNORAGGIO bancario e scopri perché la gente non è felice.

Ne' mai lo sarà, in un Sistema di moneta-debito.


---------------------------------
*e quindi le BANCHE COMMERCIALI, con la "riserva frazionaria"

##

Elisabetta Carota (elisabetta_carota), Pavia 08.06.13 20:07|
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: beppE grill0: AMICO INTIMO DEI BANCHIERI

Messaggioda sandropascucci » 18 set 2013, 17:17

lettaletta.jpg
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: beppE grill0: AMICO INTIMO DEI BANCHIERI

Messaggioda sandropascucci » 18 set 2013, 17:43

CVD:

mhmm.. questo post non è scritto da grill0 direttamente (non ci sono insulti a Napolitano e chiama Letta "Letta"). però compare la parolina "signoraggio" ed è la prima volta in 10 anni. credo che ci sia sotto qualcosa. anche solo il fatto che i grillini potranno dire: "ma se ne parla nel suo blog!?", dimenticando 10 anni di omerta' colposa. vedremo. in effetti, in questo modo, il furbone sdogana che "lui parla di signoraggio [anche in parlamento]" e si attira i voti dei "signoraggisti", utili alle prossime elezioni. resta il particolare, per gli amanti
del vero et del giusto, che un post in cui SPIEGA (e quindi si espone - in ogni senso) cos'è il signoraggio e la sovranita' monetaria non l'ha ancora fatto. CVD.

Elisabetta Carota (elisabetta_carota), Pavia Commentatore certificato 18.09.13 17:21|

ma ne ha parlato per anni! ci sono recenti interviste in cui parla di sovranità monetaria...altre in cui ricorda che i parlamentari ne hannno discusso!
per piacere...non parliamo a vanvera!

Giacomo Gasparrini, Ancona Commentatore certificato 18.09.13 17:33 |

Non ne ha parlato per anni. Ne ha parlato nel 1998, grazie al prof. Auriti che pazientemente gli ha spiegato tutto. Ne è nato un tour: "Apocalisse Morbida", in cui spiegava, male, la faccenda delle banche. Poi ha conosciuto il WEB, Casaleggio... e niente più.

Sono passati 15 anni.

Solo quando messo alle strette ne accenna, malissimo tra l'altro (e facendo fare al prof. Auriti la figura del fesso), ma non ha mai più parlato di signoraggio.

Elisabetta Carota (elisabetta_carota), Pavia Commentatore certificato 18.09.13 17:40 |

Ti sbagli e non hai scusanti.Leggi il libro "il grillo canta sempre al tramonto". Vai verso pagina 150 e poi onestà vuole la correzione del tuo commento.Stefano Antuofermo,Rutigliano.

STEFANO A. Commentatore certificato 18.09.13 17:53

Quindi dovrei comprare un libro? Un altro? Altri soldi per Beppe?! Tu non sai mica rispondere alla semplice domanda: "Perché Grillo non scrive un post sul signoraggio?", vero?

Elisabetta Carota (elisabetta_carota), Pavia Commentatore certificato 18.09.13 17:59 |

«Grillo: Sì, è semplice, più semplice di quanto si possa pensare. La banca stampa dei pezzi di carta e ci scrive sopra 100, ma in realtà il loro valore intrinseco è inferiore, la differenza è ciò che si chiama «aggio». Alla banca quel pezzo di carta costa X, ma lo dà a te in prestito per un valore superiore. Tu sei costretto ad indebitarti per averlo, ma perché devi pagare un sovrapprezzo? Se la moneta è mia, che sono un cittadino italiano, non me la puoi prestare e farmi indebitare, quello che posso fare è pagare il vero valore di quella carta"
pag. 153 (non 150)

Questo è parlare di signoraggio? :O

Elisabetta Carota (elisabetta_carota), Pavia Commentatore certificato 18.09.13 18:13 |
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: beppE grill0: AMICO INTIMO DEI BANCHIERI

Messaggioda sandropascucci » 18 set 2013, 18:06

CVD II

Perché i post di Beppe bruciano il culo a tante persone?
Beppe parla di onestà, di giustizia, di legalità, di rispetto delle istituzioni, si espone in prima persona per difendere i più deboli, per difendere i cittadini che gli chiedono aiuto, si espone in prima persona per denunciare la mafia, i politici mafiosi, si espone per denunciare tutte le ruberie dei politici corrotti. Grazie a lui e ai nostri parlamentari sono stati smascherati i politici che hanno distrutto l'Italia. Soltanto Beppe parla di Signoraggio, come mai? Come si può accanirsi contro Beppe? Chi ha interesse a diffamarlo? Perché sono tutti contro di lui? E' evidente che chi non condivide le lotte di Beppe,sono gli stessi politici corrotti,i mafiosi,i collusi, quelli che hanno paura di dover lasciare la poltrona. Come mai lo accusano di non aver voluto coalizzarsi con il pd quando lo stesso pd ha ammesso di non voler condividere il programma del M5S ma che voleva soltanto il loro appoggio e i loro voti?
Chi paga i media per screditare Beppe?
Perché nessuno parla di signoraggio?
Chi diffama Beppe ha paura di essere smascherato!
Dobbiamo collaborare con Beppe e i nostri parlamentari penta stellati. Informiamo, gli usurai vogliono dare il colpo di grazia all'Italia per appropriarsene.

paoletta a. Commentatore certificato 18.09.13 17:55|


"Il M5S è l'unico in Parlamento a parlare di sovranità monetaria e di signoraggio. I cittadini si stanno informando. Più Europa e meno banche"

FINALMENTE!!! SI PARLA UFFICIALMENTE DI SIGNORAGGIO!

In tutti questi mesi ho difeso strenuamente la scelta del M5S e ora sono completamente convinto che sia stata la cosa giusta.
Grazie, beppe. Avanti così.

Michele Giaculli, Manduria Commentatore certificato 18.09.13 17:53|
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: beppE grill0: AMICO INTIMO DEI BANCHIERI

Messaggioda sandropascucci » 19 set 2013, 10:00

>
>
Grillo Casca sul Signoraggio Bancario – Il Grande Bluff M5S
Post n°902 pubblicato il 19 Gennaio 2013 da antonello.mureddu

Grillo getta la maschera e casca sul Signoraggio Bancario: la radice di tutti i mali
Il Nuovo Messia della democrazia on-line si arrende al Signoraggio Bancario: il Grande Bluff del Movimento 5 Stelle

Roma, Rovereto – Qualche giorno fa a Rovereto si è tenuta una delle tappe del tour di Beppe Grillo in giro per l’Italia. Alla fine del comizio, incalzato dalla domanda di un cittadino, Grillo ha detto la sua sul signoraggio bancario e sul tema della sovranità monetaria, ma ci torneremo tra poco. Sfruttiamo infatti l’occasione, vista la vicinanza delle prossime elezioni politiche, per darvi un quadro complessivo del Grillo-pensiero, e lo facciamo attraverso le sue parole. Il massimo rappresentante del Movimento 5 Stelle è partito proprio ribadendo i punti cardine del suo programma.

Il Programma di Grillo

Al primo posto troviamo la scomparsa “genetica” dei partiti, una scomparsa cui dovrebbe seguire, necessariamente – a suo dire – una piccola indagine fiscale. Nulla da obiettare! Perfettamente daccordo! Subito dopo, al secondo posto, troviamo nel "Grillo pensiero" chi dovrebbe riempire quest’assenza, ovvero i cittadini. ovviamente il riferimento di Grillo è alla composizione delle liste del suo Movimento, fatto di persone – a suo dire - valide ma comuni scelte da lui e dai suoi. Da qui è giunto poi l’imput per discutere delle “competenze del politico”: e nello specifico non possiamo non concordare con lui quando afferma, da buon comico, che “la competenza del politico oggi è avere competenza nei talk show, in televisione, sapersi comportare, avere le parole giuste..la competenza oggi del parlamentare è sedersi al suo posto. Ha due tasti – da detto – si o no, e gli dicono pure quale deve pigiare“. Parole sante,carissimo Grillo! A questo punto, dopo aver lodato il ruolo della rete e le funzioni che quest’ultima potrebbe assolvere (per esempio il Movimento 5 stelle ha tenuto le sue “primarie” online), è giunto il momento del Grillo-contro tutti, nel quale il leader del M5S ha ribadito come i suoi unici alleati, i suoi unici fratelli politici, saranno e sono “i movimenti, le associazioni, i cittadini, i gruppi dell’acqua pubblica, i gruppi della scuola”, e non i partiti. Tutti d'accordo! O quasi!

Grillo, i Partiti e la stretegia del PD

A proposito dei suoi prossimi avversari alle politiche, poi, i suoi commenti sono stati lapidari. Per esempio a proposito del PD ha sostenuto: “non viene eletto più da nessuno”. Grillo ha poi giustificato tale affermazione col seguente ragionamento, tutt’altro che deprecabile: “ il PD prende alcuni che non c’entrano col partito, ottime persone, la gente vota le persone, e il Pd entra dentro attraverso di loro. Per esempio a Milano hanno messo Pisapia, un ottimo avvocato, un’ottima persona, ma non è del Pd; a Genova Doria, che non è del Pd, e adesso lo stesso vale per Ambrosoli. Non hanno avuto il coraggio di mettere lì un loro esponente”. Al contrario – ha continuato Grillo - “noi non facciamo così, noi mettiamo una persona normale (?), una persona che rispetta quello che è il Movimento, non andiamo a prendere la persona famosa”.

Grillo e Monti

Così, tra una battuta e l’altra, è poi arrivato il momento di parlare di Mario Monti, definito da Grillo (giustamente) come il pari di un “curatore fallimentare”. Certo cari lettori, la situazione attuale del nostro Paese la conosciamo un pò tutti, sappiamo di aver avuto per oltre un anno un Premier non eletto, sappiamo che quest’ultimo si è recentemente dimesso dall’incarico, sappiamo dei suoi trascorsi, e sappiamo anche che, sempre lui, rivestirà un ruolo parimenti importante nel prossimo futuro. Ovvero: il solito teatrino all’italiana. Queste le parole del “gran comico” genovese a riguardo: ”ma se Berlusconi, Bersani, Casini e Montezemolo vogliono Monti, se tutti vogliono Monti, perché han fatto la crisi di governo, chi l’ha sfiduciato a lui? Si è sfiduciato da solo, è andato allo specchio e ha detto, "chi cazzo sono io?!”. Da qui inevitabile il suo commento successivo, da noi condiviso: ” ma allora, se sono tutti d’accordo, che senso ha spostare le elezioni a solo due mesi prima?”. Domanda più che giustificata a cui Grillo ha dato una risposta più che scontata dal suo punto di vista, ovvero che le altre coalizioni vogliono liberarsi di lui. Valutate voi.

Profeta di Democrazia o Volgare Imbonitore?

E così, dopo aver parlato, tra le altre cose, di argomenti scontati come debito, interessi sul debito, costi della politica, vitalizi e pensioni – il tutto ovviemente sempre condito da un’abbondante dose di battute e parolacce - ecco arrivare il momento che maggiormente ci interessa, quello in cui Grillo, incalzato dalla domanda di un cittadino, ha esposto il suo pensiero a proposito delsignoraggio e della sovranità monetaria (tema ampiamente trattato da “Qui Europa”, per cui rimandiamo agli articoli presenti in archivio) la grande menzogna "liberalista" – come più volte denunciato dall'Osservatorio "Qui Europa" – che sta alla radice di tutti i mali.

Il Signoraggio Bancario – Qui Casca l'asino… anzi, il Grillo

La curiosità deriva non solo dall’importanza del tema, ma anche dal fatto che negli ultimi mesi Grillo è stato accusato di non parlare più di signoraggio, di essersi nascosto e strategicamente sottratto dal trattar più certi argomenti. E di farlo in quanto colluso al sistema, in quanto da troppo tempo a contatto con Casaleggio e la banca JP Morgan. Per non parlare dei rapporti tutt'altro che chiariti con l'Aspen Institute. Come abbiamo fatto fin qui, procediamo oltre analizzando sempre le sue parole: “Il signoraggio è il problema dei problemi , il più grave problema dei problemi. Il signoraggio è come l’auditel, è finto, sai che è finto, la moneta è finta, sai che è tutto finto, però l’accettiamo tutti, quindi è un sistema che se vai lì smonti tutto il meccanismo mondiale”. Cosa opporre a queste dichiarazioni? Niente! Semmai ci si aspetterebbe che queste fossero seguite dalla proposta di una soluzione. Ma il nulla più assoluto del comico ci getta nello sconcerto. La sua evidente e pratica (quanto surreale) resa.
Grillo: La strana resa al signoraggio e ai banchieri
E invece no, nessuna proposta e a maggior ragione nessuna soluzione. E allora, dopo una divagazione sul sistema bancario islamico, ha continuato così il suo monologo: “il signoraggio è il problema dei problemi, ma farlo capire è il problema maggiore . Quando ci sarà il regionalismo, se ci sarà.. allora lì ti puoi fare anche una piccola moneta alternativa per il 10% del Pil regionale, funziona nel piccolo, e allora eviti le banche, e c’è già il modo, la rete”. Insomma caro Grillo, in un mondo dove non si trova coerenza nemmeno a pagarla oro, posso ammettere di aver sentito questa tua proposta (per il 10% del Pil nazionale) già in occasione di uno dei tuoi spettacoli del 2007, quando di questi temi ancora ne parlavano in pochi, davvero pochi. Ma da allora cosa è cambiato? Nulla! Anzi! Risolvere il problema dei problemi con un buono sconto, il tutto aspettando che avvenga, forse, la regionalizzazione dell’Italia, mi pare francamente molto poco, anzi pochissimo. Drammaticamente poco! Così com’è imbarazzante sostenere che gli Italiani non capirebbero. Io non penso sia così caro Grillo, ed in ogni caso avresti sempre un’altra strada: spiegarcelo tu!

La Grande menzogna e il caso Orban

Dire che è impossibile per noi superare il signoraggio, vuol dire gettare fumo negli occhi degli elettori e di tutti gli Italiani onesti. Come giudicare all'ora l'azione del premier ungherese Victor Orban di qualche mese fa e la sua rifoma costituzionale per porre la Banca Centrale Ungherese sotto il controllo del Parlamento sottraendola alle grinfie della speculazione privata e ella BCE? Perchè di questo il Grillo parlante (in cui noi in un primo momento avevamo pur creduto) non ne parla? Perchè non pone nel suo programma la rinazionalizzazione della Banca d'Italia, privatizzata nel 1992 con il decreto Carli-Amato? Perchè non pretende che venga rispettata la Legge sulla Tutela del Risparmio del 2004, votata dal Parlamento ma mai applicata, che pretendeva la restituzione delle quote azionarie della B.I. da parte dei banchieri pivati di Intesa, Generali, Unicredit e compagnia bella? A voi la risposta, ed alla vostra intelligenza!

Vincenzo Folino (Copyright © 2012 Qui Europa)

da: http://blog.libero.it/ondadurto/11858356.html
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: beppE grill0: AMICO INTIMO DEI BANCHIERI

Messaggioda sandropascucci » 24 set 2013, 10:29

 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: beppE grill0: AMICO INTIMO DEI BANCHIERI

Messaggioda sandropascucci » 27 set 2013, 13:45

 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

ivanopino
Messaggi: 1415
Iscritto il: 10 ago 2009, 13:53
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Sicilia
azioni: contatti con altre "entità" (enti pubblici, associazioni, ecc.), ricerca sedi fisiche, allestimento di mostre, volantinaggio, oratore FdV, documentazione burocratica
Località: RG Sicilia

Re: beppE grill0: AMICO INTIMO DEI BANCHIERI

Messaggioda ivanopino » 9 ott 2013, 15:31

u cumpaisanu grillinu!! :D :D :D
Ivano Pino

sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: beppE grill0: AMICO INTIMO DEI BANCHIERI

Messaggioda sandropascucci » 9 ott 2013, 16:02

pare che sia l'unico a non averla sentita ma:

discutere con un grillino è come giocare a scacchi con un piccione: potresti essere il più grande giocatore di scacchi del mondo, ma il piccione continuerà a rovesciare tutti i pezzi, cagherà sulla scacchiera e camminerà impettito andando in giro con aria trionfante


diomiostomorendo!! :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol:
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: beppE grill0: AMICO INTIMO DEI BANCHIERI

Messaggioda sandropascucci » 18 mag 2016, 11:41

da: http://spazio2310.altervista.org/banca- ... -pubblica/

>
>
Banca d’Italia, il M5S punta alla nazionalizzazione: “Prioritario riportare il controllo in mano pubblica”

Lo prevede la proposta di riforma dei grillini. Che ilfattoquotidiano.it è in grado di anticipare. In base alla quale, tutte le quote detenute dalle banche private saranno acquisite dal ministero dell’Economia. Con parte degli utili destinata al reddito di cittadinanza. E un nuovo sistema di nomina dei vertici. A cominciare dal governatore. Eletto dal Parlamento. Villarosa: “Anomalia da sanare, occorre tornare alla normalità”
di Antonio Pitoni | 18 maggio 2016
COMMENTI (2)

Più informazioni su: Bankitalia, Camera dei deputati, Movimento 5 Stelle
“Indipendente”. Perché di nuovo pubblica. “Autorevole” nell’attività regolatoria. Perché svincolata dai “controllati”. Ed “efficace” nella vigilanza. Perché immune da potenziali conflitti di interessi. Sono le tre parole chiave della riforma della Banca d’Italia messa a punto dai deputati del Movimento 5 Stelle, primo firmatario Alessio Villarosa, che sarà ora sottoposta al vaglio dei cittadini attraverso la piattaforma Rousseau (utilizzata per le consultazioni online della base) prima di essere depositata alla Camera.

MODELLO SVEDESE – Una proposta ispirata da uno studio della Banca centrale svedese (“Governing the governors: A clinical study of Central Banks”, del 2008), nel quale si evidenzia che “il 70% delle banche centrali operanti nel mondo sono per il 100% di proprietà pubblica”. Mentre “solo il 6% delle banche centrali” si caratterizza per “un assetto proprietario nel quale lo Stato detiene meno del 50%”. Insomma, secondo il M5S, la situazione della Banca d’Italia rappresenta “un’anomalia” nel panorama internazionale, vista la rilevante partecipazione azionaria detenuta, quasi completamente, dalle banche private. Al 31 dicembre 2013, gli azionisti di Palazzo Koch erano in tutto 59. E i pacchetti più rilevanti risultavano detenuti da Intesa Sanpaolo (30,34%), Unicredit (22,11), Generali (6,33), Cassa di Risparmio di Bologna (6,2), Inps (5%) e Banca Carige (3,95%). Secondo lo studio della Banca centrale di Svezia, citato nella relazione introduttiva del testo del Movimento 5 Stelle, “questa struttura di partenariato” non creò problemi “finché la proprietà delle banche che possedevano la banca centrale rimase in mano ‘pubblica’ o controllata da fondazioni senza scopo di lucro”. Ma, a partire dagli anni Novanta, “quando il sistema fu totalmente privatizzato e Banca d’Italia ha dovuto iniziare a garantire la concorrenza tra i suoi proprietari”, esplose lo “scandalo Fazio (l’ex governatore costretto alle dimissioni nel 2005, quando il mandato era ancora di fatto a vita) e il governo italiano”, nello stesso anno, approvò una legge che “riportava totalmente in mano pubblica la Banca d’Italia a partire dal 2008”. Peccato, però, fa notare Villarosa, che “quella riforma sia rimasta inattuata”.

Pubblicità
MISSIONE WELFARE – Ma cosa prevede la proposta approntata dai deputati del Movimento 5 Stelle? Il testo, la cui bozza ilfattoquotidiano.it ha potuto visionare, stabilisce innanzitutto che le quote di Bankitalia attualmente detenute dagli istituti di credito privati vengano acquisite dal ministero dell’Economia e finanze (Mef) e restino incedibili a soggetti che non siano pubbliche amministrazioni. Ai soci privati è corrisposta, entro un anno, una cifra pari al valore nominale delle quote del 1936, ossia 156 mila euro, più i circa 900 milioni che le banche hanno versato all’erario in seguito alla rivalutazione (secondo i grillini illegittima) disposta dal controverso decreto Imu-Bankitalia. Un esborso che sarà finanziato attingendo dai circa 24 miliardi di riserve della banca centrale. Il cui bilancio non subirà contraccolpi. Anzi, sostengono i proponenti, sarà al contrario ancora più solido grazie al ristorno della rivalutazione delle quote a 7,5 miliardi di euro (così valutate dallo stesso decreto Imu-Bankitalia). Una quota degli utili netti destinati a riserve, fino al 4% delle riserve stesse (soldi che oggi finiscono nelle casse delle banche private), pari ad un tetto massimo di 960 milioni di euro, andrà ad alimentare il fondo per il reddito di cittadinanza. Un ulteriore 5% degli utili, sempre destinati a riserva, confluirà, invece, nel fondo centrale di garanzia per le piccole e medie imprese. Cambia anche il sistema di designazione dei vertici. Il governatore sarà eletto con la stessa procedura prevista per i giudici costituzionali dal Parlamento in seduta comune a maggioranza dei due terzi nei primi due scrutini e dei tre quinti dal terzo in poi. Resterà in carica per 7 anni (oggi 6 con la possibilità di un solo rinnovo) e non sarà rieleggibile. Il Consiglio superiore di Banca d’Italia rimane composto di 13 membri: 12 eletti dalla nuova commissione parlamentare bicamerale di Vigilanza su Bankitalia (composta da 20 deputati e 20 senatori) sul modello di quella attualmente esistente per vigilare su Cassa depositi e prestiti, che la proposta del M5S prevede di istituire, e uno dalla conferenza Stato-Regioni. Ogni membro durerà in carica 5 anni e sarà rinnovabile per un solo mandato. Per l’eleggibilità è richiesto il possesso dei requisiti di onorabilità, professionalità e competenza. Il mandato dei membri del Direttorio, che continueranno ad essere eletti dal Consiglio superiore nella sua rinnovata composizione, scende da 6 a 5 anni. Anche per loro è prevista la possibilità di rinnovo per un unico ulteriore mandato.

RIVOLUZIONE AL VERTICE – Ma non è tutto. Ogni anno Bankitalia dovrà riferire al Parlamento sulle partecipazioni al proprio capitale. Il governatore sarà tenuto a presentare una relazione semestrale sull’attività del Consiglio superiore. Mentre, a sua volta, il presidente della commissione di Vigilanza dovrà redigere una relazione annuale su effetti, limiti ed eventuali adeguamenti della normativa vigente. La commissione esprime pareri non vincolanti su eventuali aggiornamenti del Testo unico bancario e dello statuto di Bankitalia. Inoltre, per evitare conflitti di interessi, viene stabilito un periodo di cooling-off (pausa obbligata) tra ruoli in Bankitalia e incarichi o consulenze presso soggetti vigilati. Uno stop, insomma, alle porte girevoli per scongiurare la possibilità che i regolatori possano favorire player privati, soprattutto nella parte finale del mandato. Il cooling-off è fissato in sei anni. Il testo Villarosa non consente finanziamenti bancari a imprese in cui gli stessi istituti detengano partecipazioni azionarie. E gli amministratori delle banche private non potranno più sottoscrivere strumenti finanziari, prestiti o fidi personali che provengano dalle banche da loro amministrate. Una misura che, nell’intento dei proponenti, ha l’obiettivo di rendere più agevole ed efficace la vigilanza. Nella stessa direzione va anche la previsione che consente al Consiglio superiore di Bankitalia di istituire per gli amministratori delle banche private una cauzione speciale, pari al 25% degli emolumenti corrisposti in favore degli stessi, che l’istituto centrale detiene e ha facoltà di trattenere per il triennio successivo alla fine del mandato del manager. Un lasso di tempo che consente di verificare se la gestione del dirigente ha generato dissesti finanziari e/o danni reputazionali all’istituto stesso. Infine, vengono vietate le operazioni, da parte dei vertici o del personale della banca centrale, con parti correlate. Per prevenire anche i conflitti di interessi indiretti, come stabilito dal regolamento Consob del 2010, in relazione a parentele, affinità e persone con influenze notevoli.

ANOMALIA ITALIANA – “Lo scopo di questa proposta è semplice: ristabilire anche in Italia la normalità”, ribadisce Villarosa. “D’altra parte, il fatto che solo il 6% delle banche centrali del mondo veda una proprietà pubblica al di sotto del 50%, considerato che in Italia siamo intorno al 5%, rappresenta un’anomalia che va assolutamente corretta”, insiste il deputato del M5S. L’altro punto sul quale i grillini battono molto è, inoltre, quello della vigilanza. “Oggi si sostiene che il problema è risolto perché la vigilanza è stata trasferita in capo alla Banca centrale europea (Bce) – conclude Villarosa –. Ma è altrettanto vero che, in Bce siedono pur sempre le banche centrali nazionali, tra le quali anche Bankitalia. Occorre quindi, come puntiamo a fare con questa riforma, assicurare l’assoluta indipendenza dell’arbitro”.

Twitter: @Antonio_Pitoni

di Antonio Pitoni | 18 maggio 2016


B
K
P
Sandro Pascucci • 9 ore fa
a che pro privatizzare, ora, bankitalia spa? il meccanismo di creazione dal nulla di moneta rimane invariato, sia lato banca centrale che lato banca commerciale. lo male dello monno è il signoraggio, che vuol dire aggio del signore ovvero il potere che ha chi crea moneta (dal nulla) su chi la usa (nel mondo reale). già che si parla di "riserve": girarci intorno come gli indiani a un fortino equivale a fare la stessa fine (degli indiani). questa i grillini non la capiranno.

Babau Nuovo Sandro Pascucci • 6 ore fa
ma basta con sto benedetto signoraggio! ancora lì a pensare che equivalga alla differenza tra valore nominale della banconota e il suo costo di produzione? ma studiate, santo dio!!! basta con 'sta ignoranza!!!

Sandro Pascucci Babau Nuovo • 2 minuti fa
Tieni duro, questo commento deve ancora essere approvato da Il Fatto Quotidiano.
forse sei tu, caro ennesimo anonimo che lavora in banca, che devi studiare. ho parlato chiaramente di moneta, che non è (solo) la banconota. apri la tua mente, così non sara' l'unico pezzo di corpo non simmetrico ad esserti stato aperto.
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA


Torna a “beppE grill0”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono liberamente riproducibili purché sia citata e linkata la fonte (sono infatti rilasciati sotto una licenza Creative Commons BY-NC-SA 2.0) Il redattore non e' legalmente responsabile per i pensieri e le affermazioni espresse in questo blog dai visitatori. L'autore non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di errori in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su questo sito avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto. Questo sito non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 Comunque, Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. :: SE&O :: Salvo Errori et Omissioni "come scrivono le banche, in calce agli estratti conto, per evitare eventuali future azioni penali".