Banca D'Italia

..quello che ti passa per la testa. Ma sempre in ottica "sociale".
Avatar utente
flavio
Messaggi: 29
Iscritto il: 7 gen 2012, 15:53
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: NOZONE
azioni: NOACTION

Banca D'Italia

Messaggioda flavio » 8 gen 2012, 17:27

Buongiorno a tutti,

mi stò interessando da tempo di signoraggio e spesso mi trovo a discuterne spiegando che, la Banca D'Italia essendo privata, ha tutto l'interesse ad intascare quel 12% che gli proviene dal signoraggio, tramite la quota di partecipazione alla BCE.

In un caso un mio interlucutore mi ha obiettato che, anche se privata, nello statuto :
http://www.bancaditalia.it/bancaditalia ... tatuto.pdf

ed in particolare nell'Art.39 viene espressamente dichiarato che "La restante somma è devoluta allo Stato."

Tale somma dovrebbe essere almeno il 50% degli utili dato che il 20% degli utili va in riserva ordinaria.
il 6% in dividendi un altro eventuale 20% in riserve strordinarie ed un'altro 4% come integrazione al dividendo.

Vi risulta che sia vero che la Banca D'Italia dia il 50% dei suoi utili allo stato?

Vi ringrazio.
flavio

sandropascucci
Messaggi: 12902
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: Banca D'Italia

Messaggioda sandropascucci » 8 gen 2012, 17:31

hai fatto una ricerca nel Forum per vedere se l'argomento era già trattato?
oppure hai solo voluto trovare una scorciatoia tipo "chiediamo a quei cazzoni del PRIMIT, così non fatico a studiare" ??
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12902
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: Banca D'Italia

Messaggioda sandropascucci » 8 gen 2012, 17:42

cmq.. in breve: può dargli [allo Stato] anche il 99,9% o pure il 101%..
tanto quello che LEI chiama "utile" non è vero "utile" ma ciò che a loro serve chiamare "utile"..

la domanda è: come si determina un VERO utile?

non con la contabilità che oggi usano le BC, mi par ovvio..
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Francesco Fata
Messaggi: 894
Iscritto il: 10 ago 2009, 16:35
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roseto degli Abruzzi
azioni: scrittura articoli, studio aspetti tecnico-filosofici, studio idee di riforma monetaria, quota associativa, volantinaggio mirato, interventi sul web
Località: Roseto degli Abruzzi

Re: Banca D'Italia

Messaggioda Francesco Fata » 9 gen 2012, 17:16

Flavio, non infognarti in discorsi del genere.
Se la Banca d'Italia fosse al 100% pubblica e l'emissione avvenisse a debito come oggi, pensi che il problema non sussisterebbe più?
Il problema non è tanto la banca centrale quanto le banche commerciali (che sono senz'altro private) che possono emettere denaro con un click e guadagnarci l'interesse.
Con l'interesse rientrato le banche commerciali possono farci due cose:
1) comprarci sul mercato quel che vogliono (immobili, aziende private e soprattutto pubbliche, oro, governi e debiti di interi stati per averne il controllo)
2) riprestarlo, reiterando il giro debiti-rimborsi-debiti ma facendo aumentare la differenza tra denaro da rimborsare e denaro in circolazione. se non l'hai letto, leggiti viewtopic.php?f=9&t=1311
ma anche viewtopic.php?f=9&t=1380

Quindi lascia stare le banche centrali e il piccolo utile che possono avere indietro da questo meccanismo. Pensa piuttosto alle banche commerciali e al meccanismo di creazione della moneta che viene emessa (ingiustamente) tramite un debito contratto dallo stato con banche private che creano il denaro dal nulla pretendendo indietro anche l'interesse. Pensa piuttosto che questo meccanismo oltre a generare un profitto per le banche commerciali ben più alto di quello delle B.C., permette al sistema bancario privato di avere il potere sulla collettività di decidere quello che deve o non deve fare.
Voglio troppo bene al popolo per pensare di votare gente che vuole particolarmente bene a se stessa.
Francesco Fata

----Francesco Fata (ex aggiocampà) ----

Avatar utente
flavio
Messaggi: 29
Iscritto il: 7 gen 2012, 15:53
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: NOZONE
azioni: NOACTION

Re: Banca D'Italia

Messaggioda flavio » 10 gen 2012, 21:29

Francesco Fata ha scritto:Flavio, non infognarti in discorsi del genere.
Se la Banca d'Italia fosse al 100% pubblica e l'emissione avvenisse a debito come oggi, pensi che il problema non sussisterebbe più?
Il problema non è tanto la banca centrale quanto le banche commerciali (che sono senz'altro private) che possono emettere denaro con un click e guadagnarci l'interesse.
Con l'interesse rientrato le banche commerciali possono farci due cose:
1) comprarci sul mercato quel che vogliono (immobili, aziende private e soprattutto pubbliche, oro, governi e debiti di interi stati per averne il controllo)
2) riprestarlo, reiterando il giro debiti-rimborsi-debiti ma facendo aumentare la differenza tra denaro da rimborsare e denaro in circolazione. se non l'hai letto, leggiti viewtopic.php?f=9&t=1311
ma anche viewtopic.php?f=9&t=1380

Quindi lascia stare le banche centrali e il piccolo utile che possono avere indietro da questo meccanismo. Pensa piuttosto alle banche commerciali e al meccanismo di creazione della moneta che viene emessa (ingiustamente) tramite un debito contratto dallo stato con banche private che creano il denaro dal nulla pretendendo indietro anche l'interesse. Pensa piuttosto che questo meccanismo oltre a generare un profitto per le banche commerciali ben più alto di quello delle B.C., permette al sistema bancario privato di avere il potere sulla collettività di decidere quello che deve o non deve fare.


Ti ringrazio! Sei stato illuminante.
Io pensavo davvero che il problema fosse solo la banca centrale!

Avatar utente
flavio
Messaggi: 29
Iscritto il: 7 gen 2012, 15:53
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: NOZONE
azioni: NOACTION

Re: Banca D'Italia

Messaggioda flavio » 10 gen 2012, 21:44

sandropascucci ha scritto:hai fatto una ricerca nel Forum per vedere se l'argomento era già trattato?
oppure hai solo voluto trovare una scorciatoia tipo "chiediamo a quei cazzoni del PRIMIT, così non fatico a studiare" ??


Sandro,
dai il tempo di ingranare anche ai poveri pivelli.
Chissà che un giorno non ti ritorni qualcosa
ciao
flavio

Avatar utente
flavio
Messaggi: 29
Iscritto il: 7 gen 2012, 15:53
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: NOZONE
azioni: NOACTION

Re: Banca D'Italia

Messaggioda flavio » 10 gen 2012, 21:45

sandropascucci ha scritto:cmq.. in breve: può dargli [allo Stato] anche il 99,9% o pure il 101%..
tanto quello che LEI chiama "utile" non è vero "utile" ma ciò che a loro serve chiamare "utile"..

la domanda è: come si determina un VERO utile?

non con la contabilità che oggi usano le BC, mi par ovvio..


chiarissimo!

sandropascucci
Messaggi: 12902
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: Banca D'Italia

Messaggioda sandropascucci » 10 gen 2012, 22:03

flavio ha scritto:
sandropascucci ha scritto:hai fatto una ricerca nel Forum per vedere se l'argomento era già trattato?
oppure hai solo voluto trovare una scorciatoia tipo "chiediamo a quei cazzoni del PRIMIT, così non fatico a studiare" ??


Sandro,
dai il tempo di ingranare anche ai poveri pivelli.
Chissà che un giorno non ti ritorni qualcosa
ciao
flavio


a me?! bah..
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA


Torna a “Libero scambio di opinioni OT”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono liberamente riproducibili purché sia citata e linkata la fonte (sono infatti rilasciati sotto una licenza Creative Commons BY-NC-SA 2.0) Il redattore non e' legalmente responsabile per i pensieri e le affermazioni espresse in questo blog dai visitatori. L'autore non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di errori in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su questo sito avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto. Questo sito non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 Comunque, Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. :: SE&O :: Salvo Errori et Omissioni "come scrivono le banche, in calce agli estratti conto, per evitare eventuali future azioni penali".