Vogliamo parlare di Facebook?

..quello che ti passa per la testa. Ma sempre in ottica "sociale".
ivanopino
Messaggi: 1412
Iscritto il: 10 ago 2009, 13:53
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Sicilia
azioni: contatti con altre "entità" (enti pubblici, associazioni, ecc.), ricerca sedi fisiche, allestimento di mostre, volantinaggio, oratore FdV, documentazione burocratica
Località: RG Sicilia

Vogliamo parlare di Facebook?

Messaggioda ivanopino » 29 set 2009, 0:55

Ivano Pino

Avatar utente
spiritolibero

Re: Vogliamo parlare di Facebook?

Messaggioda spiritolibero » 20 dic 2009, 19:17

seguo l'esempio di Sandro Addio fb !!!

Avatar utente
Valerio Raiola

Re: Vogliamo parlare di Facebook?

Messaggioda Valerio Raiola » 20 dic 2009, 20:30

Sì avevo già aperto una discussione sul vecchio forum: http://signoraggio.forumfree.it/?t=35605046

Avatar utente
Umiltao

Re: Vogliamo parlare di Facebook?

Messaggioda Umiltao » 20 dic 2009, 21:51

Non ci sono dubbi sulle idee politiche di Thiel. Ma qual è la sua filosofia? Sono andato ad ascoltarmi, in un podcast, un discorso di Thiel circa le sue idee sul futuro. La sua filosofia, in breve, è questa: fin dal XVII secolo, alcuni pensatori illuminati hanno strappato il mondo dalla sua antiquata vita legata alla natura - e qui cita la famosa descrizione fatta da Thomas Hobbes della vita come «meschina, brutale e breve» - per portarlo verso un nuovo mondo virtuale nel quale la natura è conquistata. Il valore è ora assegnato alle cose immaginarie. Thiel afferma che PayPal è nato proprio da questa credenza: che si possa trovare valore non in oggetti concreti fatti da mano d'uomo, ma in relazioni fra esseri umani. Paypal è un modo di spostare denaro in giro per il mondo senza limitazioni. Bloomberg Markets la pone così: «Per Thiel, PayPal significa libertà: permetterebbe alla gente di scansare i controlli sulla valuta e spostare denaro in giro per il mondo».

Chiaramente, Facebook è un altro esperimento iper-capitalista: si possono ricavare soldi dall'amicizia? Si possono creare comunità libere dai confini nazionali, e poi vendere loro Coca Cola? Facebook non è per niente creativo. Non produce assolutamente nulla. Tutto quello che fa è mediare relazioni che si sarebbero allacciate in ogni caso.

Il mentore filosofico di Thiel è un certo René Girard dell'università di Stanford, ideatore di una teoria del comportamento umano chiamata "desiderio mimetico". Girard ritiene che le persone siano essenzialmente come pecore e si imitino l'una con l'altra senza pensarci troppo su. La teoria sembra essere provata anche nel caso dei mondi virtuali di Thiel: l'oggetto desiderato è irrilevante; è sufficiente soltanto che gli esseri umani abbiamo la tendenza a muoversi in greggi. Da qui derivano le bolle finanziarie. Da qui deriva l'enorme popolarità di Facebook. Girard è un habitué delle serate intellettuali di Thiel. Tra l'altro, una cosa che non potrete trovare nella filosofia di Thiel sono gli antiquati concetti che appartengono al mondo reale, come Arte, Bellezza, Amore, Piacere e Verità.

Internet è un'immensa attrattiva per i neocon come Thiel, perché promette, in un certo senso, libertà nelle relazioni umane e negli affari, libertà dalle noiose leggi nazionali, dai confini nazionali e da altre cose di questo genere. Internet apre un mondo di espansione per il libero mercato e per il laissez-faire. Thiel sembra approvare anche i paradisi fiscali offshore, e sostiene che il 40 per cento della ricchezza mondiale si trova in posti come Vanuatu, le isole Cayman, Monaco e le Barbados. Penso sia giusto dire che Thiel, come Rupert Murdoch, è contrario alle tasse. Gli piace anche la globalizzazione della cultura digitale, perché rende quasi inattaccabili i padroni delle banche: «I lavoratori non possono fare una rivoluzione per impossessarsi di una banca, se quella banca ha sede a Vanuatu», dice.



Guarda caso senza paradisi fiscali il loro elettroni e le loro teorie neocon vanno a puttane: PayPal Europe infatti circa 2 anni fa è diventata una società estera lussemburghese.
Come sempre accade nei paradisi fiscali, le imprese che pagano tasse minime se non nulle sono di fatto società nel limbo, nè di qua nè di là, ovvero con sede fiscale in quel paradiso e con sede fisica nel Paese di cui si vogliono evadere le tasse.

Quindi dietro a costoro ci sono SOLO convenzioni politico-fiscali e avvocati.


Questo invece è MOLTO IMPORTANTE: Girard ritiene che le persone siano essenzialmente come pecore e si imitino l'una con l'altra senza pensarci troppo su. La teoria sembra essere provata anche nel caso dei mondi virtuali di Thiel: l'oggetto desiderato è irrilevante; è sufficiente soltanto che gli esseri umani abbiamo la tendenza a muoversi in greggi. Da qui derivano le bolle finanziarie. Da qui deriva l'enorme popolarità di Facebook.

Avatar utente
kasiacolagrossi
Messaggi: 2454
Iscritto il: 12 dic 2009, 14:28
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma e provincia
azioni: volantinaggio in proprio, grafica , costruzione e/o progettazione dei supporti, manovalanza di piazza,
Località: Castel Madama (RM)

Re: Vogliamo parlare di Facebook?

Messaggioda kasiacolagrossi » 22 dic 2009, 0:50

hmmm buona sera a tutti....

oggi ho deciso di scrivere qualche cazzata.... tanto per cambiare... :)


ho letto attentamente il messaggio sopra... e non so perché , ma mi sembra una scoperta di acqua calda... aggiungerei anche un altra cosa sulla rete... E' UN SONNIFERO PERFETTO ...

leggendo le notizie di vari gruppi..leggo spesso i commenti. Ci sono delle persone che rispondono certe volte con tale rabbia che mi chiedo... ma è possibile che non cambia ancora nulla ? ma è possibile che la gente non sta ancora in piazza a replicare i suoi diritti? Invece è normale che non lo fa... perché anche se dentro sa e prova rabbia verso ciò che accade in qualche modo lo sfoga qua... diciamo una terapia di gruppo per più agguerriti per tenerli in pugno... si da la possibilità di sfogo... senza scontri in piazza, senza spendere tanto, senza PERSONE

si...lo so... anche questa è una scoperta di acqua calda... :)

mulodetrieste
Messaggi: 143
Iscritto il: 9 ott 2009, 15:46
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Trieste
azioni: manovalanza di piazza, volantinaggio in proprio, pagamento quota
Località: Trieste

Re: Vogliamo parlare di Facebook?

Messaggioda mulodetrieste » 22 dic 2009, 9:49

Non so se avete fatto caso a "avoicomunicare.it" .... un blog che nasce dal basso..... (powered by telecom italia)
prima lo vedo come pubblicità al cinema e adesso me lo trovo come banner su f/b.....
.....quando il cambiamento arriva dal basso....... :( :( :(
Non fa parte delle attribuzioni e delle responsabilità di un giornale
dare le garanzie che tutto ciò che viene pubblicato non serva un
qualche interesse.... Edward L. Bernays


Uroš Tul

sandropascucci
Messaggi: 12931
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: Vogliamo parlare di Facebook?

Messaggioda sandropascucci » 22 dic 2009, 10:23

riscoprire l'acqua calda PER CHI PUZZA è sempre una gran scoperta..
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Luca Mencaroni
Messaggi: 785
Iscritto il: 1 giu 2010, 3:21
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Perugia e dintorni
azioni: manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, su carta stampata, azioni folkloristiche, documentazione burocratica, contatti con altri "entità" (associazioni, enti, strutture..)
Località: Perugia

Re: Vogliamo parlare di Facebook?

Messaggioda Luca Mencaroni » 30 ott 2010, 15:43

Luca Mencaroni - Perugia

sandropascucci
Messaggi: 12931
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: Vogliamo parlare di Facebook?

Messaggioda sandropascucci » 1 nov 2010, 19:32

che mito!
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12931
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: Vogliamo parlare di Facebook?

Messaggioda sandropascucci » 1 nov 2010, 19:57

sempre per averci una speranza
concreta
reale
invece
è tutto surreale
una speranza
"eh, chissà se troverò qualcuno
qualcosa
nella mia vita!"

CHE CAZZO TROVI SU FACEBOOK? I COGLIONI TROVI!

1:55
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
kasiacolagrossi
Messaggi: 2454
Iscritto il: 12 dic 2009, 14:28
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma e provincia
azioni: volantinaggio in proprio, grafica , costruzione e/o progettazione dei supporti, manovalanza di piazza,
Località: Castel Madama (RM)

Re: Vogliamo parlare di Facebook?

Messaggioda kasiacolagrossi » 1 nov 2010, 20:45

katarzyna edyta colagrossi

Luca Mencaroni
Messaggi: 785
Iscritto il: 1 giu 2010, 3:21
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Perugia e dintorni
azioni: manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, su carta stampata, azioni folkloristiche, documentazione burocratica, contatti con altri "entità" (associazioni, enti, strutture..)
Località: Perugia

Re: Vogliamo parlare di Facebook?

Messaggioda Luca Mencaroni » 5 nov 2010, 1:29

sempre lui...

altro che tesserini sanitari dovemu portà in machina per nun pagà i parcheggi...che cavolo li pagammo affà sti parcheggi, io me dumando no!?


http://www.youtube.com/watch?v=y9RtykhbFU4
Luca Mencaroni - Perugia

Avatar utente
kasiacolagrossi
Messaggi: 2454
Iscritto il: 12 dic 2009, 14:28
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma e provincia
azioni: volantinaggio in proprio, grafica , costruzione e/o progettazione dei supporti, manovalanza di piazza,
Località: Castel Madama (RM)

Re: Vogliamo parlare di Facebook?

Messaggioda kasiacolagrossi » 5 nov 2010, 13:46

la cosa simpatica è che stava andando a prendere il figlio dal asilo... :) (almeno così ha scritto :roll: )
katarzyna edyta colagrossi

Avatar utente
LorenzoLenzi

Re: Vogliamo parlare di Facebook?

Messaggioda LorenzoLenzi » 5 nov 2010, 14:54

Guardatevi il canale è sublime :P

mr.spyder
Messaggi: 2429
Iscritto il: 9 ago 2009, 10:14
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: palermo - messina
azioni: volantinaggio,donazioni,
organizzazione eventi,sbus,
idee,manovalanza,
condivisione beni e servizi
fra PRIMITivi o volenterosi
a consapevolizzarsi sullla
moneta debito
Località: palermo - messina

Re: Vogliamo parlare di Facebook?

Messaggioda mr.spyder » 16 nov 2010, 17:38

:twisted: :lol:

!
Una bomba sui cittadini della rete
di Alessandro Gilioli

Il patto tra Facebook e il Viminale è un attentato ai diritti dei cittadini digitali. E la prova che gli utenti non possono essere spettatori passivi in un rapporto diretto tra le corporation di Internet e i governi locali
(28 ottobre 2010)
Nel nostro Paese abbiamo assistito negli ultimi anni a un'escalation di norme e di proposte di legge per rendere l'accesso a Internet sempre più difficile, controllato, burocratizzato.

Proprio in questi giorni, ad esempio, l'Agcom sta valutando come rendere operativa l'odiosa normativa sui video on line scritta da Paolo Romani, con probabile pesante tassazione per chiunque abbia un sito su cui voglia caricare del materiale che «faccia concorrenza alla tv».

Contemporaneamente sui giornali della destra si è scatenata la consueta 'caccia all'internauta' che avviene dopo ogni gesto di violenza politica, in questo caso l'aggressione romana a Daniele Capezzone: nel dicembre scorso era stato il gesto di Massimo Tartaglia a Milano a far delirare i vari Schifani e Carlucci in proposito, ottenendo l'effetto immediato di far prorogare per un altro anno le norme medievali e tutte italiane sul Wi-Fi (a proposito: l'altro giorno Maroni ha promesso di "superare" il decreto Pisanu, e tuttavia il rischio è che si vada verso la sostituzione dell'identificazione cartacea con quella via sms, insomma anni luce lontani dalla navigazione libera).

Ma quello che denuncia Giorgio Florian nel suo articolo è molto più grave, forse il più pesante attentato mai realizzato in Italia contro i diritti dei "netizen", i cittadini della Rete.

Il patto con cui la Polizia Postale italiana si è fatta concedere da Facebook il diritto di entrare arbitrariamente nei profili degli oltre 15 milioni italiani iscritti a Facebook, senza un mandato della magistratura e senza avvertire l'internauta che si sta spiando in casa sua, è di fatto un controllo digitale di tipo cinese che viola i più elementari diritti dei cittadini che dialogano utilizzando il social network: insomma, stiamo parlando di una vera e propria perquisizione, espletata con la violenza digitale del più forte.

Aspettiamo quindi urgenti chiarimenti dalla Polizia Postale e dal ministero degli Interni, da cui dipende. E non basta certamente una smentita rituale, perché le notizie pubblicate nell'articolo di Florian provengono da fonti certe e affidabili.

Da un punto di vista politico, inoltre, la cosa è davvero grottesca: mentre la maggioranza di governo si impegna da mesi per rendere più difficili le intercettazioni telefoniche richieste dai magistrati, contemporaneamente il ministero degli Interni si arroga il diritto di intercettare i nostri contenuti e i nostri dialoghi su Facebook senza alcun mandato della magistratura. Viene il sospetto che questa differenza di trattamento sia dovuta al fatto che i politici, i potenti e i mafiosi non comunicano tra loro sui social network, e quindi il loro diritto alla privacy venga considerato molto più intoccabile rispetto a quello dei normali cittadini che invece abitano la Rete.

Allo stesso modo, aspettiamo chiarimenti urgenti sul secondo socio del 'patto cinese' firmato a Palo Alto: Facebook, che da un po' di tempo ha aperto uffici in Italia con tanto di responsabili e dirigenti.

Per prima cosa, Facebook ha l'obbligo di rendere pubblico l'accordo firmato con il nostro Ministero degli Interni, perché riguarda tutti noi, cittadini italiani e al contempo cittadini di Facebook. A cui quindi i vertici del social network devono non solo immediate scuse, ma garanzie precise che questo patto diventi al più presto carta straccia e che i diritti degli utenti vengano concretamente ripristinati e garantiti.

Il social network fondato da Zuckerberg, si sa, è uno straordinario strumento di socializzazione, di promozione di cause sociali e potenzialmente di crescita e confronto di tutta una società. Ma si va manifestando ultimamente anche come una dittatura in cui le pagine e i gruppi vengono bannati in modo in modo arbitrario e insindacabile: e adesso come un informatore di polizia di cui non ci si può più in alcun modo fidare.

Più in generale, quanto accaduto dimostra che i mondi virtuali di cui oggi siamo cittadini (inclusi YouTube, Google, Second Life etc) devono iniziare a rispondere in modo trasparente ai loro utenti. E gli accordi privati con i governi sono esattamente all'opposto di questa trasparenza.


http://espresso.repubblica.it/dettaglio/una-bomba-sui-cittadini-della-rete/2137275


Il social network fondato da Zuckerberg, si sa, è uno straordinario strumento di socializzazione, di promozione di cause sociali e potenzialmente di crescita e confronto di tutta una società.


mabbàffancùlovà!
Antonio Prezia, detto spyder... anche se non è importante chi sei,ma cosa vuoi fare per cambiare il mondo.

Avatar utente
LorenzoLenzi

Re: Vogliamo parlare di Facebook?

Messaggioda LorenzoLenzi » 16 nov 2010, 21:54

«..sono molti anni che sognano di una macchina capace di leggere i pensieri della gente.. ..infine ci sono riusciti.. l'hanno inventata, creata e testata. funziona e si chiama Internet» [Kasia, 2009]

Avatar utente
kasiacolagrossi
Messaggi: 2454
Iscritto il: 12 dic 2009, 14:28
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma e provincia
azioni: volantinaggio in proprio, grafica , costruzione e/o progettazione dei supporti, manovalanza di piazza,
Località: Castel Madama (RM)

Re: Vogliamo parlare di Facebook?

Messaggioda kasiacolagrossi » 16 nov 2010, 22:15

chi non ha nulla di nascondere non deve temere... :lol:

http://techcrunch.com/2010/11/12/fb-com/

parlano della stessa cosa o sbaglio ? (non ci capisco tanto)
katarzyna edyta colagrossi

Avatar utente
kasiacolagrossi
Messaggi: 2454
Iscritto il: 12 dic 2009, 14:28
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma e provincia
azioni: volantinaggio in proprio, grafica , costruzione e/o progettazione dei supporti, manovalanza di piazza,
Località: Castel Madama (RM)

Re: Vogliamo parlare di Internet?

Messaggioda kasiacolagrossi » 25 nov 2010, 20:04

katarzyna edyta colagrossi

Avatar utente
kasiacolagrossi
Messaggi: 2454
Iscritto il: 12 dic 2009, 14:28
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma e provincia
azioni: volantinaggio in proprio, grafica , costruzione e/o progettazione dei supporti, manovalanza di piazza,
Località: Castel Madama (RM)

Re: Vogliamo parlare di Facebook?

Messaggioda kasiacolagrossi » 7 dic 2010, 10:03

http://www.facebook.com/home.php?sk=gro ... 65865&ap=1

hmm è un gruppo chiuso (i suoi contenuti sono visibili solo ai membri.... e membri sono visibili a tutti. ma perché parlare di sign(o_o)raggio in un gruppo chiuso?) cmq non manca nessuno.
katarzyna edyta colagrossi

Avatar utente
kasiacolagrossi
Messaggi: 2454
Iscritto il: 12 dic 2009, 14:28
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma e provincia
azioni: volantinaggio in proprio, grafica , costruzione e/o progettazione dei supporti, manovalanza di piazza,
Località: Castel Madama (RM)

Re: Vogliamo parlare di Facebook?

Messaggioda kasiacolagrossi » 3 gen 2011, 20:21

nuove impostazioni sulla privacy:

#Suggerisci agli amici le foto in cui ci sono io
Quando assomiglio a una persona nelle foto, suggerisci il mio nome




(O_o)
katarzyna edyta colagrossi

Avatar utente
kasiacolagrossi
Messaggi: 2454
Iscritto il: 12 dic 2009, 14:28
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma e provincia
azioni: volantinaggio in proprio, grafica , costruzione e/o progettazione dei supporti, manovalanza di piazza,
Località: Castel Madama (RM)

Re: Vogliamo parlare di Facebook?

Messaggioda kasiacolagrossi » 16 feb 2011, 22:24

non ci sono più i tasti "mi piace" e "commenta" almeno per oggi... ovvio non è una tragedia... ma mancano solo in alcuni gruppi...

*arrivata già la soluzione :)))))) http://www.facebookcom/pages/Ecco-come- ... 8894897635
che soluzione non è... strano
katarzyna edyta colagrossi

mr.spyder
Messaggi: 2429
Iscritto il: 9 ago 2009, 10:14
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: palermo - messina
azioni: volantinaggio,donazioni,
organizzazione eventi,sbus,
idee,manovalanza,
condivisione beni e servizi
fra PRIMITivi o volenterosi
a consapevolizzarsi sullla
moneta debito
Località: palermo - messina

Re: Vogliamo parlare di Facebook?

Messaggioda mr.spyder » 17 feb 2011, 10:52

il link rimanda a una pagina di telecom (indirizzo non trovato) :?:
Antonio Prezia, detto spyder... anche se non è importante chi sei,ma cosa vuoi fare per cambiare il mondo.

Avatar utente
kasiacolagrossi
Messaggi: 2454
Iscritto il: 12 dic 2009, 14:28
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma e provincia
azioni: volantinaggio in proprio, grafica , costruzione e/o progettazione dei supporti, manovalanza di piazza,
Località: Castel Madama (RM)

Re: Vogliamo parlare di Facebook?

Messaggioda kasiacolagrossi » 17 feb 2011, 11:07

lo so... l'ho modificato (per non cancellare) perché sono entrata già io e non mi piaceva... :lol: ma se vuoi proprio entrare metti il "." tra facebook e com (ho sospettato virus o l'altra cavolata perché non c'era una soluzione ma un gruppo che prometteva soluzione in cambio di mi piace senza avere soluzione : )))) non so se si capisce il meccanismo, loro lo hanno capito - 29 000 mi piace) comunque ieri in alcuni gruppi sono state bloccate sia "mi piace" sia "commenta" delle note, che si possono "sbloccare" soltanto* sulla propria bacheca entrando nelle opzioni sulla privacy e rendendo visibile a tutti la propria bacheca anche se loro l'hanno incartato bene la caramella. Praticamente vuoi commentare una nota devi rendere accessibile la tua bacheca a tutti.

* http://webcache.googleusercontent.com/s ... acebook%2F

è un'altra soluzione quella...

Clinton dice che internet e la "piazza del mondo", facebook tappa la bocca al "popolo"... cose già viste. sono cosi evidenti che quasi quasi non ci credo.
katarzyna edyta colagrossi

mr.spyder
Messaggi: 2429
Iscritto il: 9 ago 2009, 10:14
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: palermo - messina
azioni: volantinaggio,donazioni,
organizzazione eventi,sbus,
idee,manovalanza,
condivisione beni e servizi
fra PRIMITivi o volenterosi
a consapevolizzarsi sullla
moneta debito
Località: palermo - messina

Re: Vogliamo parlare di Facebook?

Messaggioda mr.spyder » 17 feb 2011, 12:23

credo che vivrò bene anche senza verificare di persona....io manco sono iscritto a FB...
Antonio Prezia, detto spyder... anche se non è importante chi sei,ma cosa vuoi fare per cambiare il mondo.

Luca Mencaroni
Messaggi: 785
Iscritto il: 1 giu 2010, 3:21
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Perugia e dintorni
azioni: manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, su carta stampata, azioni folkloristiche, documentazione burocratica, contatti con altri "entità" (associazioni, enti, strutture..)
Località: Perugia

Re: Vogliamo parlare di Facebook?

Messaggioda Luca Mencaroni » 23 mag 2011, 0:11

a sto livello credo che ce ne sono pochi...
http://www.youtube.com/watch?v=J6BntVK1mT8

sono 9:46 da paura!
Luca Mencaroni - Perugia

Avatar utente
kasiacolagrossi
Messaggi: 2454
Iscritto il: 12 dic 2009, 14:28
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma e provincia
azioni: volantinaggio in proprio, grafica , costruzione e/o progettazione dei supporti, manovalanza di piazza,
Località: Castel Madama (RM)

Re: Vogliamo parlare di Facebook?

Messaggioda kasiacolagrossi » 23 mag 2011, 0:48

"è il demonio che mi schiaccia il pulsante" :lol:
katarzyna edyta colagrossi

Avatar utente
kasiacolagrossi
Messaggi: 2454
Iscritto il: 12 dic 2009, 14:28
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma e provincia
azioni: volantinaggio in proprio, grafica , costruzione e/o progettazione dei supporti, manovalanza di piazza,
Località: Castel Madama (RM)

Re: Vogliamo parlare di Facebook?

Messaggioda kasiacolagrossi » 24 ott 2011, 22:17

katarzyna edyta colagrossi

Avatar utente
SisaAnrango
Messaggi: 477
Iscritto il: 8 nov 2009, 16:36
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Ecuador
azioni: manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)
Località: Ecuador
Contatta:

Re: Vogliamo parlare di Facebook?

Messaggioda SisaAnrango » 9 nov 2011, 1:57

pensare che Rafael Correa ha fb e twitter ¬¬
non ho potuto verificarlo ma lo dicono in tv ....

Avatar utente
kasiacolagrossi
Messaggi: 2454
Iscritto il: 12 dic 2009, 14:28
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma e provincia
azioni: volantinaggio in proprio, grafica , costruzione e/o progettazione dei supporti, manovalanza di piazza,
Località: Castel Madama (RM)

Re: Vogliamo parlare di Facebook?

Messaggioda kasiacolagrossi » 12 dic 2011, 11:29

katarzyna edyta colagrossi

Avatar utente
enricogrosso
Messaggi: 1435
Iscritto il: 9 ago 2009, 8:38
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Abruzzo Marche Italy
azioni: manovalanza di piazza, volantinaggio in proprio, testimonianze videoriprese, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)

Re: Vogliamo parlare di Facebook?

Messaggioda enricogrosso » 3 gen 2012, 21:36

Tutta la transazione si compie con una sola tassazione dell’1 per cento. “In questo modo si bypassano le banche, non c’è più nessun usuraio”, ha più volte detto Grillo. “Purtroppo questo non è possibilmente in Italia perché c’è una legge della Banca d’Italia che vieta espressamente la mutualità del credito”. Ma niente paura, da oggi in Italia ci pensa Facebook.
“Il mondo non ricompensa onestà e indipendenza,bensì obbedienza e servilismo”
Enrico Grosso

Huro Chan
Messaggi: 734
Iscritto il: 25 ago 2009, 20:59
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Berlino
azioni: Traduzioni in/da inglese, grafica, audio, video, contatti con altre "entità", pagamento quota, manovalanza di piazza, volantinaggio in proprio, organizzazione eventi/conferenze.
Località: Berlino + Bologna + Potenza
Contatta:

Re: Vogliamo parlare di Facebook?

Messaggioda Huro Chan » 6 gen 2012, 6:08

Per non parlare di PayPal..
Arturo Tobia - Berlino

'Il denaro è un'allucinazione collettiva.'
[F.Battiato]

‘Who controls energy controls whole continents, who controls food controls people, who controls money can control the entire world’. [H. Kissinger]

sandropascucci
Messaggi: 12931
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: Vogliamo parlare di Facebook?

Messaggioda sandropascucci » 6 gen 2012, 10:42

paypal è il più grande furto della storia elettronica!
mi viene da vomitare ogni voltra che DEVO usarla!
è aria fritta al 20000%
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

mr.spyder
Messaggi: 2429
Iscritto il: 9 ago 2009, 10:14
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: palermo - messina
azioni: volantinaggio,donazioni,
organizzazione eventi,sbus,
idee,manovalanza,
condivisione beni e servizi
fra PRIMITivi o volenterosi
a consapevolizzarsi sullla
moneta debito
Località: palermo - messina

Re: Vogliamo parlare di Facebook?

Messaggioda mr.spyder » 2 feb 2012, 15:53

!
Facebook, sbarco in Borsa a maggio. Presentati i documenti, ipo da 5 mld
L'initial public offering maggiore della storia delle società web. L'azienda di Zuckerberg valutata fra i 75 e i 100 miliardi
02 febbraio, 00:08

Facebook, sbarco in Borsa a maggio. Presentati i documenti, ipo da 5 mld

NEW YORK - Facebook presenta alla Sec i documenti per sbarcare in Borsa. L'obiettivo e' quotarsi, sotto il simbolo 'fb', in maggio. Facebook punta a raccogliere 5 miliardi di dollari, una cifra che potrebbe facilmente salire e raggiungere i 10 miliardi di dollari, per una valutazione della societa' di 75-100 miliardi di dollari.

L'initial public offering (ipo) del sito di social network potrebbe essere la maggiore della storia fra le societa' web. La documentazione presentata alla Sec offre per la prima volta una fotografia dei conti di Facebook. Nel 2011 il sito di social network ha realizzato 3,71 miliardi di dollari di ricavi contro gli 1,97 miliardi di dollari dell'anno precedente. L'utile netto e' ammontato a 668 milioni di dollari, il 79,5% in piu' rispetto al 2010. Nella lettera ai potenziali azionisti, il co-fondatore e amministratore delegato di Facebook, Mark Zuckerberg afferma: ''Non produciamo servizi per fare soldi; facciamo soldi per realizzare servizi migliori. In questi tempi ritengo che sempre piu' persone vogliano usare i servizi di societa' che credono in qualcosa che va al di la' del semplice massimizzare i profitti''. Zuckerberg ha il 28,4% di Facebook e nel 2011 ha ricevuto un compenso complessivo di 1,5 milioni di dollari. L'ipo aumentera' la ricchezza di Zuckerberg che, a soli 27 anni, e' secondo Forbes uno dei paperoni d'America: la quotazione potrebbe portargli nel portafoglio 28 milioni di dollari. I dati mostrano che la crescita di Facebook e' piu' lenta di quella delle altre societa' internet che si sono quotate di recente. I ricavi di Groupon sono aumentati del 695% nei nove mesi che si sono chiusi a settembre 2011. Quelli di Zynga sono saliti del 106% nello stesso periodo. Ma al di la' di una crescita lenta, Facebook - a differenza delle altre societa' internet che si sono quotate negli ultimi mesi - e' redditizia, con i giochi online che insieme alla pubblicita' sono il motore dei ricavi: nel 2010 i ricavi dalla pubblicita' rappresentavano il 95% dei ricavi totali di Facebook. Nel 2011 la quota e' scesa all'85%. Facebook conta su 845 milioni di utenti. A curare il collocamento di Facebook e' Morgan Stanley, che ricoprira' il ruolo principale. A collaborare all'operazione saranno anche Barclays Capital, Goldman Sachs, Bank of America Merrill Lynch e JPMorgan.

sottolineature mie,...
minkiapapà,...tanto di cappello a IGB!
prima li isola,li lobotomizza,si fa raccontare TUTTO spontaneamente,e poi fagocita il tutto.
emmòtuttisignoraggistieticamenteirreprensibilicomefarannoaorganizzarsiperla
PRIMAGRANDERIVOLUZIONEDASEDUTIOGNUNOACASASUAsenzaportareacquaalmulinodelPADRONE?

se usi FB le banche fanno profitto,ma senza fb non puoi "combattere"( :lol: )le banche,se non combatti vince la banca,se combatti vince la banca,...
insomma l'unica soluzione è IL SUICIDIO [reale -non virtuale-] in diretta via FB nella speranza che si crei una moda e che [vista la prassi consolidata nel demonizzare il mezzo e non chi l'utilizza]
FB venga contrastato* perché "PERICOLOSO" per la salute umana
inoltre ci sarebbe una sorta di "decrescita felice" (...felice per chi resta che non sentirà la mancanza dei FBiani)

(tralascio lo sfottò del credono in qualcosa che va al di la' del semplice massimizzare i profitti)

*contrasto all'uso del contante
Antonio Prezia, detto spyder... anche se non è importante chi sei,ma cosa vuoi fare per cambiare il mondo.

ivanopino
Messaggi: 1412
Iscritto il: 10 ago 2009, 13:53
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Sicilia
azioni: contatti con altre "entità" (enti pubblici, associazioni, ecc.), ricerca sedi fisiche, allestimento di mostre, volantinaggio, oratore FdV, documentazione burocratica
Località: RG Sicilia

Re: Vogliamo parlare di Facebook?

Messaggioda ivanopino » 2 feb 2012, 16:07

l'avevo sentita ieri via radio in un bar e si è iniziato a discuterne: a quanto pare fb sta diventando un ricettacolo (oltre che per lobotomizzati) per pedofili, mainiaci, satanisti...sfogliano le pagine, selezionano il prodotto e...
Ivano Pino

Luca Mencaroni
Messaggi: 785
Iscritto il: 1 giu 2010, 3:21
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Perugia e dintorni
azioni: manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, su carta stampata, azioni folkloristiche, documentazione burocratica, contatti con altri "entità" (associazioni, enti, strutture..)
Località: Perugia

Re: Vogliamo parlare di Facebook?

Messaggioda Luca Mencaroni » 2 feb 2012, 19:53

Luca Mencaroni - Perugia

sandropascucci
Messaggi: 12931
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: Vogliamo parlare di Facebook?

Messaggioda sandropascucci » 1 lug 2014, 12:40

CVD


>
>
Facebook ha manipolato le nostre emozioni?
di Katy Waldman – Slate @xwaldie
Il flusso di notizie di 700mila utenti è stato modificato e reso più "positivo" o "negativo" per un esperimento scientifico (che ha sollevato qualche dubbio etico)

29 giugno 201488

Facebook sta sperimentando cose su di noi. Un nuovo studio della Proceedings of the Natural Academy of Sciences (PNAS), una rivista scientifica americana, ha rivelato che Facebook ha intenzionalmente manipolato il flusso di notizie di quasi 700mila utenti per studiarne “il contagio emotivo attraverso i social network”.

I ricercatori, che fanno parte rispettivamente di Facebook, della Cornell University e della University of California-San Francisco, hanno compiuto dei test per capire se riducendo il numero di aggiornamenti “positivi” nel flusso le persone che li avessero visti avrebbero ridotto la loro produzione di contenuti positivi. Stessa cosa per quelli negativi: è possibile che nascondendo post che contengono parole tristi o arrabbiate si spingano gli utenti a scrivere aggiornamenti meno pessimisti?
Per ottenere questo risultato gli studiosi hanno modificato l’algoritmo con il quale Facebook seleziona i post in modo che i post con parole positive o negative venissero identificati e classificiati. Ad alcune persone erano forniti aggiornamenti dal neutrale al positivo, mentre ad altre dal neutrale al negativo. Quindi, i successivi post di queste persone venivano studiati per valutarne il significato comportamentale.
Il risultato dell’esperimento? È un “sì” alla domanda di poco sopra: i social network hanno la capacità di diffondere sentimenti negativi e positivi. Un altro risultato: Facebook ha intenzionalmente reso tristi migliaia e migliaia di persone.
La metodologia di Facebook solleva diverse questioni di natura etica. Il gruppo di ricercatori potrebbe aver agito al di là degli standard della ricerca, oltrepassando dei limiti stabiliti dalla legge federale e dai trattati sui diritti umani. James Grimmelmann, un professore di diritto della tecnologia alla University of Maryland, ha detto che «se esponi la gente a una cosa che modifica il loro status psicologico, stai facendo della sperimentazione: è il genere di cose che richiede un consenso informato».
Ah, il consenso informato. Ecco l’unica menzione del “consenso informato” presente nello studio: la ricerca «ha agito nei limiti stabiliti dalla Facebook Data Use Policy, alla quale tutti gli utenti si dichiarano d’accordo prima che venga loro creato un account in Facebook, costituendo di fatto un consenso informato per questa ricerca».
Non è affatto ciò che la maggior parte dei sociologi definirebbe “consenso informato”.
Questa è la sezione in questione della Facebook Data Use Policy: «Ad esempio, oltre ad aiutare le persone a vedere e a trovare le cose che fai e condividi, potremmo usare le informazioni che riceviamo su di te per le operazioni interne, fra cui la risoluzione dei problemi, l’analisi dei dati, i test, la ricerca e il miglioramento del servizio».
Quindi, esiste una vaga menzione di possibili “ricerche” nel breve elenco di cose a cui uno dà il proprio consenso quando si iscrive a Facebook. Come l’esperto di bioetica Arhtur Caplan mi ha detto, comunque, vale la pena chiedersi se questo cavillo da avvocati sia davvero sufficiente per avvisare la gente che «i loro account di Facebook posso essere utilizzati da ogni sociologo sul pianeta».
Ogni ricerca scientifica che riceve del denaro federale deve seguire la “Norma comune sui soggetti umani”, che definisce il consenso informato una cosa che comprende, fra le altre, «una descrizione di rischio prevedibile o di disagi per il soggetto». Come osserva Grimmelmann, nulla nel documento di Facebook lascia pensare che l’azienda si riservi la possibilità di intristirti togliendo tutto ciò che è positivo e allegro dal tuo flusso di notizie. La manipolazione dei sentimenti è una cosa seria, e i vincoli per approvare una sperimentazione di questo tipo sono piuttosto esigenti. (la psicologa di Princeton Susan K. Fiske, che ha curato la storia per PNAS, ha detto all’Atlantic che l’esperimento è stato approvato dalle commissioni di controllo degli istituti dei ricercatori coinvolti. Ma anche lei ha ammesso di avere qualche scrupolo sulla ricerca).
Facebook, probabilmente, non ha ricevuto nessun fondo federale per questa ricerca, che quindi può non ricadere sotto la “Norma comune”. Lasciando perdere il fatto che seguire queste norme è una pratica comune anche per istituti di ricerca privati come Gallup e il Pew, la domanda allora diventa: la Cornell o la University of California-San Francisco hanno finanziato questi studi? In quanto istituzioni pubbliche, entrambe devono sottostare alla legge. Se non l’hanno finanziata ma i loro ricercatori vi hanno partecipato lo stesso, non è chiaro a quali standard debba sottostare la ricerca, dice Caplan. (Ho contattato anche gli autori dello studio, le loro università e Facebook: aggiornerò questo pezzo il prima possibile).
Anche se la ricerca in questione fosse legale, sembra non adeguarsi agli standard richiesti a chi spera di pubblicare su PNAS. Uno dei requisiti per farlo, si legge sul loro sito, è che «gli autori debbano includere nella sezione riservata ai metodi utilizzati una breve dichiarazione in cui indicano “l’istituzione e/o il comitato di controllo che ha approvato l’esperimento” (la ricerca in questione non la contiene). Un altro requisito indica che “tutti gli esperimenti devo essere stati condotti secondo i principi espressi dalla Dichiarazione di Helsinki“. Questa stessa impone che i soggetti umani “siano adeguatamente informati di fini, metodi, fonti di finanziamento e possibili conflitti di interesse e affiliazioni istituzionali del ricercatore, nonché dei benefici e dei rischi potenziali che ogni studio può comportare e dei disagi implicati”.
Nel corso della ricerca, sembra che il social network ci abbia reso più felici o più tristi di quanto saremmo altrimenti stati. Ora, ci ha resi tutti più inclini a non dargli fiducia.
©Slate
___
Aggiornamento: In seguito alle contestazioni causate dalla diffusione della notizia dell’esperimento sociale condotto su Facebook, uno degli autori dello studio – Adam D. I. Kramer – ha esposto proprio attraverso il suo account Facebook alcune informazioni aggiuntive riguardo lo studio, tentando di ridimensionare le preoccupazioni di una parte della comunità. “Il motivo per cui abbiamo fatto questa ricerca”, ha scritto Kramer, “è perché ci interessa l’impatto emotivo di Facebook” e perché “eravamo preoccupati che l’esposizione alla negatività degli amici potesse indurre le persone a non visitare Facebook”. Kramer ha anche riconosciuto che le motivazioni della ricerca non erano chiaramente esposte nello studio, e ha comunque specificato che l’esperimento ha riguardato soltanto una piccola percentuale dei contenuti del newsfeed di poche persone, per poco tempo: lo 0,04% degli utenti, per una settimana, nel 2012. Nessun aggiornamento degli amici è stato tecnicamente “nascosto”: continuava a essere visibile sul loro diario, e poteva in ogni caso comparire nel caso in cui l’utente avesse ricaricato il newsfeed.


CVD


bellissimo il tentativo di ridimensionare la cosa: in pratica ci dicono pure IN CHE DIREZIONE andava la MANIPOLAZIONE!! :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D

come dire: ti abbiamo spaccato il cervello, è vero, ma SOLO perché tu ti ostinavi (potenzialmente) a NON MANDARE GIU' STA MERDA che noi ti dicevamo essere buonissima minestra della nonna..
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

sandropascucci
Messaggi: 12931
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: Vogliamo parlare di Facebook?

Messaggioda sandropascucci » 1 lug 2014, 12:49

da: http://www.lultimaribattuta.it/5356_fac ... mment-1259

>
>
Facebook nella bufera, ha manipolato le nostre emozioni

Carola Parisi on30 giugno 2014

Non è la prima volta che Facebook, il più grande social network mondiale, finisce nell’occhio del ciclone. Stavolta, infatti, il network di Zuckerberg ha rivelato, recentemente, di aver effettuato delle ricerche sugli utenti senza che loro potessero saperlo. Ovvero, il filtraggio e la censura di determinati post rispetto ad altri, ha permesso di controllare le emozioni del “popolo di Facebook”.

Si sono concentrati sul flusso di scambi di messaggi di 700mila persone, usate come cavie del tutto inconsapevoli. Obiettivo della ricerca, condotta per una settimana nel 2012, era verificare quanto il tono dei messaggi potesse influenzare il comportamento virtuale degli iscritti al social network.

Facebook ha, quindi, alterato l’algoritmo usato per postare messaggi agli utenti finali. Ed il gioco, anzi la ricerca, è fatta. Lo studio, condotto da ricercatori del social network, insieme a scienziati della Cornell University e della University of California di San Francisco, è apparso sull’edizione del 17 giugno della rivista Proceedings of the National Academy of Sciences. L’esperimento ha avuto lo scopo di verificare se il numero di termini positivi o negativi nei messaggi riusciva ad influenzare in un senso od in un altro gli aggiornamenti dello status di chi li riceveva.

Al termine della settimana in cui l’esperimento è stato realizzato, la maggior parte degli utenti che era stata sottoposta a commenti più costruttivi ne aveva scritti, prevedibilmente, a loro volta; mentre i contenuti negativi ne hanno ispirati altri.

Il fenomeno ha mostrato le dinamiche di rapido contagio dell’umore sui social network. E malgrado rientri tra le possibilità di Facebook effettuare delle data analysis simili, è giusto farlo? Ingannare migliaia di persone, inconsapevoli, manipolando le loro emozioni? C’è già, infatti, chi oltreoceano si pone parecchie domande sull’eticità dell’esperimento, che, sicuramente, ha creato un precedente pericoloso.

Facebook, al solito, replica affermando che i dati rilevati non vengono processati dagli esseri umani, bensì da appositi algoritmi, e che le informazioni ottenute non vengono sfruttate da terzi. C’è da fidarsi?



Codice: Seleziona tutto

sandropascucci 1 luglio 2014


FACEBOOK VAFFANCULO©



=======================================================================
 questo testo è stato elaborato da un programma sensitivo sperimentale
=======================================================================
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA


Torna a “Libero scambio di opinioni OT”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono liberamente riproducibili purché sia citata e linkata la fonte (sono infatti rilasciati sotto una licenza Creative Commons BY-NC-SA 2.0) Il redattore non e' legalmente responsabile per i pensieri e le affermazioni espresse in questo blog dai visitatori. L'autore non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di errori in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su questo sito avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto. Questo sito non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 Comunque, Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. :: SE&O :: Salvo Errori et Omissioni "come scrivono le banche, in calce agli estratti conto, per evitare eventuali future azioni penali".