realta o illusione...

..quello che ti passa per la testa. Ma sempre in ottica "sociale".
Avatar utente
MauroB
Messaggi: 432
Iscritto il: 12 feb 2011, 13:34
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Pistoia
azioni: volantinaggio in proprio
Località: pistoia

realta o illusione...

Messaggioda MauroB » 22 feb 2011, 23:02

IL TIRRRENO
Artificiale e low-cost, la mano
che si muove col pensiero
Messa a punto da ricercatori di Pisa e Pontedera è pronta a essere venduta a soli 100 dollari

ricerca..+-di Emilio Chiorazzo
zoom .Costerà circa cento dollari, muoverà le dita, stringerà gli oggetti, permetterà addirittura di scrivere e utilizzare le carte di credito. Avrà pure un aspetto "cosmetico", sarà cioè realizzata con materiale gommoso che la renderà molto simile a una mano vera. Nell'idea dei giovani ricercatori del Polo Valdera della Scuola Sant'Anna di Pisa, la mano robotica ora può diventare veramente low-cost e mantenere, più o meno, le stesse funzionalità dell'arto che, da una decina di anni, viene messo a punto nei laboratori di Pontedera.

Il basso costo renderà accessibile la protesi a tutti, anche nei Paesi ancora in via di sviluppo, dove il reddito medio di un cittadino non lo permetterebbe. «Stiamo cercando finanziamenti e finanziatori - spiega Cristian Cipriani, uno dei papà del progetto, ricercatore della Scuola Sant'Anna - L'idea è quella di utilizzare un numero ridotto di motori e un processo produttivo meno costoso».

Dal momento in cui saranno reperite le risorse per far partire la produzione, l'arto robotico dovrebbe essere pronto, per la commercializzazione, nel giro di un anno. La mano sarà connessa con il cervello, i movimenti che potrà fare verranno comandati dalla testa; avrà un peso di circa 350 grammi e richiederà anche poca manutenzione. «Questo - ribadisce Cipriani - perché nelle nostre idee, la mano low cost dovrà essere destinata ai Paesi emergenti o coinvolti in conflitti».
La sfida viene lanciata dai ricercatori dell'istituto di Biorobotica della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa; Maria Chiara Carrozza, direttore della scuola spiega che: «La protesi di mano robotica avrà la capacità di replicare l'ottanta per cento delle funzionalità di una mano naturale. Il prototipo sul quale lavoriamo da almeno 10 anni, collaborando con università di diversi Paesi e grazie a finanziamenti dell'Ue, è dotato di 4 motori al suo interno e permetterà prese che una persona a cui è stata amputata la mano si aspetta di fare: come bere oppure scrivere. O stringere le dita. Il prototipo ha al suo interno 40 microsensori, che permetteranno alla mano e alla persona che la "indossa" di percepire la sua posizione nello spazio».
La protesi robotica - che viene messa a punto da un'azienda spin-off della scuuola Sant'Anna, la Prensilia di Peccioli - sarà collegata al cervello attraverso un'interfaccia in grado di leggere e interpretare segnali elettromiografici, che permettono alla persona amputata di muovere la protesi con il suo pensiero. Nei prossimi giorni i ricercatori della Valdera andranno in Cina, dove - grazie a una collaborazione con un'università locale - saranno messi a punto nuovi esperimenti proprio sulla trasmissione dei movimenti dal cervello alla mano.

22 febbraio 2011
. :o :o :o :o
Come si può concepire e accettare che l'uomo sia coì intelligente da realizzare tutto questo...

Ma quando provi a spiegare la differenza tra valore nominale e valore intrinsico ....:

.... creare una moneta (sia essa di carta, in metallo o virtuale come un c/c) ha dei costi, dovuti alla materia prima, alla manodopera e ai servizi necessari di contorno, come la distribuzione, le tecniche anticontraffazione, etc..

Il costo maggiore è il materiale di cui è composta la moneta, e l’insieme di tutti i vari costi su indicati vanno a determinare il suo VALORE INTRINSECO.

La moneta però riporta sulla facciata un numero che indica un altro valore: il VALORE NOMINALE (o, per l’appunto, DI FACCIATA o anche LEGALE). I due valori (intrinseco e nominale) differiscono tra loro e la loro differenza determina quello che si chiama SIGNORAGGIO, ossia il guadagno che ha chi ha creato quella moneta.

..............sono meno di 100 parole...
Ma quando provi a emettere queste 100 parole..quando li metti di fronte alla realtà
quando li rendi consapevoli che accettando la moneta come facciamo adesso siamo tutti sotto dei grandi usurai... ti guardano sbalorditi..come se vieni da marte o tu fossi un uomo lupo...

Ma mentre vedano una simile tecnologia come la mano bionica da 100 dollari esultano increduli...

perchè la mente umana può concepire simili tecnologie....
e non capire quanto male porta su tutti il sistema monetario e del signoraggio sulla nostra vita..??
Cosa intrappola la mente dell'uomo in questi labirinti autodistruttivi..riducendolo schiavo, autolesionista e totalmente inerme..??..anche di fronte alla realta..??

Avatar utente
kasiacolagrossi
Messaggi: 2454
Iscritto il: 12 dic 2009, 14:28
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma e provincia
azioni: volantinaggio in proprio, grafica , costruzione e/o progettazione dei supporti, manovalanza di piazza,
Località: Castel Madama (RM)

Re: realta o illusione...

Messaggioda kasiacolagrossi » 22 feb 2011, 23:39

katarzyna edyta colagrossi

Avatar utente
MauroB
Messaggi: 432
Iscritto il: 12 feb 2011, 13:34
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Pistoia
azioni: volantinaggio in proprio
Località: pistoia

Re: realta o illusione...

Messaggioda MauroB » 7 lug 2011, 16:49

Una domanda rivolta a tutti i primitivi..
Nei giornali si continuano a trovare articoli tipo questo..

!
Tremonti: la manovra ci porta al pareggio di bilancio, fondamentale per il calo del debito
ansa.
di Nicoletta CottoneCronologia articolo6 luglio 2011Commenti (10)

La manovra appena varata, che sarà definita ai primi di agosto, «ci porta linearmente sul sentiero di arrivo al pareggio di bilancio». Lo ha detto il ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, nel corso della conferenza stampa al ministero per illustrare nel dettaglio la manovra. Il ministro ha sottolineato che «il pareggio è fondamentale perchè se sei al pareggio il debito scende strutturalmente». L'obiettivo deficit/Pil per il 2011 al 3,9% sarà centrato, ha detto il ministro, ricordando che il testo é diviso in due parti: un decreto legge e una delega in materia fiscale e assistenziale. Alla conferenza stampa, prevista già ieri e poi annullata (rinvio «dovuto a un'emergenza carburante» del volo che doveva portarlo a Roma, ha detto Tremonti), hanno partecipato il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Gianni Letta, e i ministri Giulio Tremonti, Renato Brunetta, Roberto Calderoli, Paolo Romani, Saverio Romano e Maurizio Sacconi.....(continua...ecc..ecc..)



La domanda (forse stupida) che mi viene in mente è questa..

Se la mia azienda a 100 di debiti
se riesco a fare tagli per 30 in 3/4 anni..

Come può dopo 3/4 anni con un debito di 70 calare strutturalmente il mio debito..??
Al massimo tra 3/4 anni mi trovero con 70 di debito..
sempre se in questi 3/4 anni per sopravvivere non abbia fatto altri debiti..

Che senso hanno queste affermazioni fatte dal nostro ministro..?
Cosa stanno cercando di proporre..?
Se le parole scritte hanno un senso..che senso ha questa frase..?
Cosa mi sfugge nel capire queste parole..?

!
Il ministro ha sottolineato che «il pareggio è fondamentale perchè se sei al pareggio il debito scende strutturalmente»
.
p.s.
spero di aver espresso la mia domanda correttamente

Avatar utente
domenico.damico

Re: realta o illusione...

Messaggioda domenico.damico » 7 lug 2011, 17:37

Lui vuole dire che se sei (tu, Italia) al pareggio di bilancio, stai facendo grandi avanzi primari che ti permettono di pagare anche gli interessi, senza andare in rosso.

Si dà per scontato che tu stia crescendo con il Pil (conditio sine qua non) e quindi
1) stai anche aumentando il denominatore del rapporto debito pubblico/Pil e quindi diminuendo il peso percentuale del debito pubblico,
2) stai aumentando le entrate fiscali, che diminuiscono il fabbisogno di finanziamento
3) spunti tassi di interesse migliori per il tuo debito a breve/medio termine
etc. etc.

e strutturalmente il debito diminuisce.

Peccato che la struttura è costruita su un castello di sabbia pronto ad essere distrutto alla prima onda anomala.

Avatar utente
MauroB
Messaggi: 432
Iscritto il: 12 feb 2011, 13:34
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Pistoia
azioni: volantinaggio in proprio
Località: pistoia

Re: realta o illusione...

Messaggioda MauroB » 7 lug 2011, 18:52

Si ok ci sono..
ma io non vedo nemmeno il castello di sabbia pronto a cadere alla prima onda anomala..
perche:..

Lui vuole dire che se sei (tu, Italia) al pareggio di bilancio, stai facendo grandi avanzi primari che ti permettono di pagare anche gli interessi, senza andare in rosso.


ammesso che:Pur arrivando al pareggio dei bilanci.. facendo grandi avanzi primari..Quanto tempo occorre per ripagare per l'intero il debito..?

domenico.damico ha scritto:Si dà per scontato che tu stia crescendo con il Pil (conditio sine qua non) e quindi
1) stai anche aumentando il denominatore del rapporto debito pubblico/Pil e quindi diminuendo il peso percentuale del debito pubblico,


= + tasse + tagli ai servizi pubblici..ecc..ecc..
considerando il periodo attuale di RAREFAZIONE MONETARIA...e con la stagflazione vicina come la camicia al c..o...
= meno soldi in circolazione=minori retribuzioni degli operai,minore investimento di aziende, minore quantita di merci prodotte/scambiate..ecc..
come fa a crescere il pil..?

domenico.damico ha scritto:3) spunti tassi di interesse migliori per il tuo debito a breve/medio termineetc. etc.


= una boccata di ossigeno con una cannuccia mentre faccio il bagno in uno stagno di mer..??

Do sta sto castello di sabbia..??
Se lo vedo almeno posso di se e bello o no..
ma non lo vedo..

continuo a non trovare un filo logico in questa affermazione..

!
«il pareggio è fondamentale perchè se sei al pareggio il debito scende strutturalmente»


Dove sto sbagliando..??

Avatar utente
MauroB
Messaggi: 432
Iscritto il: 12 feb 2011, 13:34
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Pistoia
azioni: volantinaggio in proprio
Località: pistoia

Re: realta o illusione...

Messaggioda MauroB » 7 lug 2011, 19:30

!
Bce alza i tassi di un quarto di punto Trichet: 'Bene manovra Italia'

-- Economia --

Ora è all'1,50%. E' la seconda stretta monetaria varata quest'anno dal Consiglio direttivo. Il presidente della banca centrale: 'Rialzo tassi per rischi stabilita' prezzi'

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche ... 13333.html

Dove sta il filo logico in tutto questo..??

Avatar utente
Umiltao

Re: realta o illusione...

Messaggioda Umiltao » 7 lug 2011, 21:47

V, stai mettendo troppe cose in pentola e hai troppa fretta di imparare. E' un bene essere affamati di argomenti e chiarimenti, ma devi avere pazienza, prima di tutto con te stesso.

Te lo dico per esperienza, visto che ci ho messo anni a capire certe cose. Poi magari tu ci metti meno, ma fa' le cose con "ordine". ;)

Sostanzialmente il Sistema-IGB© è un cane che si mangia la coda da ogni punto di vista, sia se consideri il Sistema Bancario isolato dal Resto del Mondo sia se consideri il Sistema complessivo formato da entrambi i soggetti.

Il filo logico se vedi dall' alto il Sistema è logico nel senso di "conveniente" solo dal punto di vista della Banca, ma essendo comunque una convenienza a breve termine per la Banca stessa, si rende necessaria l' attività di lobbying praticata dalla stessa a livello culturale al fine di RIGENERARE questa convenienza: il Re è nudo ogni giorno in ogni istante, ma tramite lo spettacolo culturale proiettato nelle scuole e nei "circoli sociali" il Re appare sempre vestito.

~~~

Nello specifico: se affermo "sono in pareggio di bilancio" significa che ho fatto una fotografia in un dato istante al flusso monetario in entrata straordinario (accensione prestiti) e in uscita straordinario (rimborso del debito) e questa fotografia mi dice che tali flussi si compensano esattamente, portando la loro somma algebrica a ZERO.

accensione prestiti + rimborso del debito = 0

Questo bilancio a somma ZERO in situazione di pareggio di bilancio lo puoi vedere anche se vedi le entrate e le uscite ordinarie e la spesa per interessi sul Debito Pubblico (o servizio del Debito; ho considerato gli interessi sul Debito come spese diverse dalle ordinarie):
domenico.damico ha scritto:Lui vuole dire che se sei (tu, Italia) al pareggio di bilancio, stai facendo grandi avanzi primari che ti permettono di pagare anche gli interessi, senza andare in rosso.
entrate ordinarie (fiscali) + uscite ordinarie (stipendi e forniture) + interessi = 0


Il discorso di Domenico riguardo le P.A. è corretto, poiché, se tu VAI in pareggio di bilancio, i casi sono 2:

a) ci vai partendo da una situazione di avanzo precedente (caso rarissimo e tipico di quelle P.A. che hanno a disposizione le c.d. commodities a go-go© come gli idrocarburi del sottosuolo, da sfruttare vendendole direttamente e/o ricevendo le royalties e/o le tasse sulle imprese estrattive) e quindi sei in una situazione di DECELERAZIONE economico-monetaria;
b) ci vai partendo da una situazione di disavanzo precedente (caso preponderante) e quindi sei in una situazione di ACCELERAZIONE economico-monetaria.

Il caso b) è il nostro caso e l' accelerazione, se rimane tale o se non si annulla di colpo in corrispondenza dell' istante temporale di pareggio, appena varcata la soglia di pareggio consente di avere risorse provenienti dalle entrate (ordinarie e straordinarie) tali per cui si possono pagare le uscite (ordinarie e straordinarie) e AL CONTEMPO ridurre il peso (in valore percentuale e/o in valore assoluto) delle entrate straordinarie.

Per le menti poco semplici©, si ESTINGUE/ELIMINA/RIMBORSA/PAGA una parte del debito pubblico in scadenza SENZA ACCENDERE/APRIRE/FARE nuovo debito pubblico per una parte identica, per cui il debito pubblico si riduce.

Se di colpo scopri un giacimento di coltan™ inseauribile sotto casa, teoricamente in presenza di mercato costantemente affamato di prodotti elettronico-metallurgici e di mega-indebitamenti del settore privato potresti a poco a poco (sempre in base alle scadenze come da contratti) ridurre il debito pubblico fino ad annullarlo.

Per le menti non troppo semplici©, il lago "Debito Pubblico" si sta svuotando perché il fiume emissario (rimborso del debito) porta fuori più acqua del fiume immissario (accensione prestiti).

Per le menti semplici© e per i pigri®: astenersi. :ugeek:

Il tempo di svuotamento del lago coincide col tempo di azzeramento del Debito Pubblico. Per il calcolo dovresti scriverti una formula analitica, ma non credo abbia molto senso per il livello del forum e perché il fenomeno da descrivere ha molte variabili in gioco.

Forse dovresti chiedere alla Dott.ssa Maria Cannata, la responsabile del Debito Pubblico per Ministero dell' Economia e delle Finanze.
I tecnici del Ministero e gli esperti del settore parlano spesso di dati congiunturali che fanno attendere un dato andamento futuro, ma credo che abbiano sviluppato anche dei modelli matematici in merito.

Per l' Italia è praticamente impossibile rimborsare tutto il debito pubblico, lo si potrebbe forse fare se si riuscisse a vendere l' intero patrimonio pubblico o quasi e sperando in aumenti del debito privato, sia interno che estero.

Un calcolo semplice© per il tempo di azzeramento del debito pubblico lo puoi fare se e solo se di colpo da un certo istante elimini le entrate straordinarie (accensione prestiti) e, per esempio, rimborsi TUTTA™ la parte di debito pubblico in scadenza e gli interessi sul debito non in scadenza grazie a inediti proventi da cessione a privati del patrimonio pubblico. In questo caso, se riesci a farlo, ci metteresti circa 30 anni e perciò il tempo di azzeramento è circa 30 anni, visto che il titolo di Stato oggi a vita più lunga è il BTP trentennale.

Al limite, potresti pure metterti d' accordo con i creditori e rimborsare loro tutto™ il Debito Pubblico in blocco, senza rispettare alcuna scadenza. In questo caso dovresti subito avere le risorse per il rimborso e dovresti convincere i creditori a non ricevere interessi e a reinvestire il rimborsato da altre parti.

Rivediti questo post per un discorso generale: http://www.primit.it/forum/phpBB3/viewtopic.php?f=7&t=981&p=29429#p29429

[Il paragone del debito (in genere, vale anche per quello privato) con un lago è stato da poco inserito nelle coltanslaid™]



Quanto appena detto è scritto nell' ottica di rimanere all' interno del Sistema-IGB© e quindi di un assurdo e iper-truffaldino castello di carte.

Tale castello di carte esiste perché tu di norma rimborsi il Debito Pubblico a dei cartari e a degli speculatori. Quindi sei autolesionista due volte, poiché già in partenza TU-PUBBLICO non conosci l' alternativa al contrarre debito (pubblico) verso cartari e speculatori per procurarti la moneta necessaria a creare i servizi pubblici.
Ultima modifica di Umiltao il 7 lug 2011, 22:42, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
MauroB
Messaggi: 432
Iscritto il: 12 feb 2011, 13:34
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Pistoia
azioni: volantinaggio in proprio
Località: pistoia

Re: realta o illusione...

Messaggioda MauroB » 7 lug 2011, 22:40

grazie per la risposta..direi illuminante..
Si sono affamato di argomenti e di chiarimenti; sto cercando di far bollire il pentolone anche se e complesso...e aggrovigliato..
(specialmente per chi come me a preso la 3 media alla capponi..è na fatica immane...)

In linea di massima (anche se so di avere ancora molte cose da capire/studiare) riesco bene a comprendere quello che mi hai scritto...

Quello che mi affama di piu e arrivare a capire quali conseguenze REALI portano queste parole..

!
«il pareggio è fondamentale perchè se sei al pareggio il debito scende strutturalmente»

Quai saranno le conseguenze REALI di queste scelte?
Domani mattina queste parole che influenza avranno sulla mia/tua/nostra vita..?
Quanta carta abrasiva deve passare ancora sulle mie chiappe per capire che peso avranno queste parole su la vita di tutti noi..?

forse chiedo troppo...forse prima o poi ci arrivo..

ma l'ultimo neurone supestite che circola nel mio cervello
Questo mi chiede...
Dove ci porteranno queste parole..?..
-----
Umiltao ha scritto:
Sostanzialmente il Sistema-IGB© è un cane che si mangia la coda


Ma prima o poi sto cane se la finirà sta coda..?
o magari gli viene i reumatismi a sta sempre ripiegato su se stesso..

Avatar utente
Umiltao

Re: realta o illusione...

Messaggioda Umiltao » 7 lug 2011, 23:03

Chiedi troppo, sì©. 8-)

Questo è il mio punto di vista e il risultato di miei studi (fatti anche collaborando con altri), non prenderlo per oro colato, abbisogna di critica/proposizioni da parte di altri, anche perché tale argomento è piuttosto delicato e NON viene affronato bene a partire proprio dall' accademia ufficiale.
Occhio: per quel che so, su internet solo su questo forum (e già sul forum vecchio) si mette l' accento su questi aspetti, quindi a maggior ragione occorre procedere con la dovuta umilté©.
L' accademia sul merito non gioca tanto a nascondino sul fatto che il Debito Pubblico sia truffaldino/illegittimo/autolesionistico, ma piuttosto sul fatto che fa passare il Debito Pubblico come qualcosa di secondario o addirittura ininfluente, dando importanza solo al pagamento degli interessi. Alcuni economisti e pensatori considerano addirittura il Debito Pubblico come una cosa inesigibile, che non si deve mai pagare, o - udite udite - un deposito di ricchezza dei cittadini.

Un processo descrittivo simile accade alla quota di debito privato che viene rimborsato al Sistema Bancario dalle imprese e dalle persone fisiche: da molte disquisizioni accademiche risulta che i soldi avuti in prestito siano gratuiti e che i rimborsi siano indolori.
Un classico è pure in questo campo la confusione tra "partita di giro" e "costo zero".

Avatar utente
MauroB
Messaggi: 432
Iscritto il: 12 feb 2011, 13:34
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Pistoia
azioni: volantinaggio in proprio
Località: pistoia

Re: realta o illusione...

Messaggioda MauroB » 8 lug 2011, 0:38

Umiltao ha scritto: Alcuni economisti e pensatori considerano addirittura il Debito Pubblico come una cosa inesigibile, che non si deve mai pagare, o - udite udite - un deposito di ricchezza dei cittadini.


... questa mi mancava... :lol: :lol:

Be si sono consapevole che tutto questo vada preso e occorre procedere con la dovuta umilté©.

Ma quando ti scontri ogni giorno con la realtà.. :roll: :roll:

Francesco Fata
Messaggi: 894
Iscritto il: 10 ago 2009, 16:35
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roseto degli Abruzzi
azioni: scrittura articoli, studio aspetti tecnico-filosofici, studio idee di riforma monetaria, quota associativa, volantinaggio mirato, interventi sul web
Località: Roseto degli Abruzzi

Re: realta o illusione...

Messaggioda Francesco Fata » 8 lug 2011, 12:22

vitampropatriamexsponimus ha scritto:Quello che mi affama di piu e arrivare a capire quali conseguenze REALI portano queste parole..

!
«il pareggio è fondamentale perchè se sei al pareggio il debito scende strutturalmente»

Quai saranno le conseguenze REALI di queste scelte?
Domani mattina queste parole che influenza avranno sulla mia/tua/nostra vita..?


Essendo il pareggio di bilancio la risultante di tutti i diversi aspetti di cui si parlava sopra e cioè:
(facciamo un esempio):

Tempo T0: DEBITO PUBBLICO 1.000
a) Entrate ordinarie (tasse) 50
b) Entrate Straordinarie (accensione prestiti) 40
meno
c) Uscite ordinarie (spese correnti) 30
d) Uscite ordinarie (interessi) 10
e) Uscite straordinarie (rimborso prestiti) 50
RISULTATO FINALE= AVANZO/DISAVANZO 0
DEBITO PUBBLICO = 990

Va da sè che ogni volta che si vorrà far aumentare la voce e) o diminuire la voce b) occorrerà necessariamente:
aumentare la voce a)
diminuire la voce c)
tutt'e due le cose

Va da sè che saremo sempre più vessati dalle tasse oppure prosciugati nei servizi sociali/pubblici, inoltre in un periodo di rarefazione monetaria e grossa restrizione del credito al privato difficilmente si potrà raggiungere l'obbiettivo di far aumentare la voce a) a meno che non si costringa (come sta avvenendo ora) il privato a pagare le tasse non solo con le proprie entrate ma smobilizzando forzatamente anche quel po' che ha immobilizzato a livello di patrimonio. Sempre più manovre in questo senso stanno avvenendo da parte dello stato tramite ad es. attività mediaticamenteterroristica dell'inculcare la paura del non pagare le tasse, la smasmodica attività di Equitalia nel rastrellare tasse, leggi fiscali sempre più restrittive (l'ultima (dal 1/7/2011) ad es. è quella che prevede la pronta esecutività delle cartelle di pagamento Equitalia dopo i 60 gg. senza più alcuna ulteriore comunicazione).
Molto più facile nel breve diminuire la voce c) anche se con i disagi sociali che ne deriverebbero, ma si sa, il popolo è abituato a qualsiasi palo nel deretano.


]
Voglio troppo bene al popolo per pensare di votare gente che vuole particolarmente bene a se stessa.
Francesco Fata

----Francesco Fata (ex aggiocampà) ----

Avatar utente
MauroB
Messaggi: 432
Iscritto il: 12 feb 2011, 13:34
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Pistoia
azioni: volantinaggio in proprio
Località: pistoia

Re: realta o illusione...

Messaggioda MauroB » 8 lug 2011, 19:33

Francesco Fata ha scritto: Sempre più manovre in questo senso stanno avvenendo da parte dello stato tramite ad es. attività mediaticamenteterroristica dell'inculcare la paura del non pagare le tasse, la smasmodica attività di Equitalia nel rastrellare tasse, leggi fiscali sempre più restrittive (l'ultima (dal 1/7/2011) ad es. è quella che prevede la pronta esecutività delle cartelle di pagamento Equitalia dopo i 60 gg. senza più alcuna ulteriore comunicazione).
Molto più facile nel breve diminuire la voce c) anche se con i disagi sociali che ne deriverebbero, ma si sa, il popolo è abituato a qualsiasi palo nel deretano.

Ma vediamo un po...prendendo oggi degli articoli di economia. a caso...
17:55
08 lug ansa
Industria: Csc, stallo produzione giugno
-0,1% indice congiunturale giugno
17:30
08 lug ansa
Marcegaglia: serve senso responsabilita' :o :lol: :lol: :lol: :lol:
spero situazione politica non abbia impatto su mercati
14:40
08 lug ansa
Istat: Cia, a tavola e' sempre crisi
Tra gennaio e marzo acquisti cibo -3,6%
13:42
08 lug ansa
istat: cala risparmio famiglie
-0,9 punti percentuali rispetto a trimestre precedente
13:36
08 lug ansa
Rc auto: Uil, aggravio 42 nel 2011
Studio Uil
10:59
08 lug ansa
Industria: istat, produzione maggio -0,6
Primo calo dopo tre mesi, su base annua a +1,8%
17:14
07 lug ansa
Manovra: enti locali colpiti per 18 mld
Sacrifici insopportabili per Regioni, Province e Comuni
ecc..eccccc.eccccc...eccc.....

ma.. ma che dici..il popolo mica lo sta a prende nel deretano...
e...e...e... un illusione..... :?

sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: realta o illusione...

Messaggioda sandropascucci » 8 lug 2011, 20:04

si potrebbe farne una maglietta, tipo un elenco di queste notizie e sotto:
ancora ti chiedi se il signoraggio esiste??
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
MauroB
Messaggi: 432
Iscritto il: 12 feb 2011, 13:34
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Pistoia
azioni: volantinaggio in proprio
Località: pistoia

Re: realta o illusione...

Messaggioda MauroB » 8 lug 2011, 21:28

Qusta idea ci piace...
perche no..

Avatar utente
domenico.damico

Re: realta o illusione...

Messaggioda domenico.damico » 10 lug 2011, 22:23

Iil tuo nick è sbagliato.
Correggilo.
Grazie.

sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: realta o illusione...

Messaggioda sandropascucci » 10 lug 2011, 22:35

non è obbligatorio.
c'è un file online (dovrebbe esserci, se quel cazzone del webmaster lo ha aggiornato) in cui c'è il nome vero del nick usato nel Forum..

qui non obblighiamo nessuno a fare alcunché. ad es. non sei obbligato a rispondermi ma..
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

mr.spyder
Messaggi: 2435
Iscritto il: 9 ago 2009, 10:14
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: palermo - messina
azioni: volantinaggio,donazioni,
organizzazione eventi,sbus,
idee,manovalanza,
condivisione beni e servizi
fra PRIMITivi o volenterosi
a consapevolizzarsi sullla
moneta debito
Località: palermo - messina

Re: realta o illusione...

Messaggioda mr.spyder » 10 lug 2011, 22:54

sandropascucci ha scritto:non è obbligatorio.
c'è un file online (dovrebbe esserci, se quel cazzone del webmaster lo ha aggiornato) in cui c'è il nome vero del nick usato nel Forum..

qui non obblighiamo nessuno a fare alcunché. ad es. non sei obbligato a rispondermi ma..


...io.io,....io la so!
posso? (sì,dai.tanto è facoltativo...e a me piacciono un sacco queste "provocazioni")...
quel cazzone membro importante del webmaster non lo ha aggiornato?
... :?:
modificato questo (area pubblica)

cazzone membro importante
Ultima modifica di mr.spyder il 11 lug 2011, 0:22, modificato 2 volte in totale.
Antonio Prezia, detto spyder... anche se non è importante chi sei,ma cosa vuoi fare per cambiare il mondo.

sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: realta o illusione...

Messaggioda sandropascucci » 10 lug 2011, 22:56

..ma qualcuno risponderà. cvd.
cmq si parlava per concetti.. che il file sia aggiornato è secondario..

ps: anche la tua firma è sbagliata ma tu fregatene perché non c'è differenza tra chi firma bene e chi firma male, quindi perché sbattersi?
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

mr.spyder
Messaggi: 2435
Iscritto il: 9 ago 2009, 10:14
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: palermo - messina
azioni: volantinaggio,donazioni,
organizzazione eventi,sbus,
idee,manovalanza,
condivisione beni e servizi
fra PRIMITivi o volenterosi
a consapevolizzarsi sullla
moneta debito
Località: palermo - messina

Re: realta o illusione...

Messaggioda mr.spyder » 11 lug 2011, 0:19

per secoli la "x" andava bene come firma,...cosa è cambiato?
che hai tempi constatavi che"x" fosse la firma di tizio...(e i RIS corcazzo che ti incastravano con l'esame calligrafico! )
mentre ora c'è gente in giro che ti risponde così :
viewtopic.php?p=24879#p24879

ancora rido quando ci penso....
Antonio Prezia, detto spyder... anche se non è importante chi sei,ma cosa vuoi fare per cambiare il mondo.

sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: realta o illusione...

Messaggioda sandropascucci » 11 lug 2011, 0:22

vedi? invece con i campi addizionali non sarebbe successo..
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
MauroB
Messaggi: 432
Iscritto il: 12 feb 2011, 13:34
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Pistoia
azioni: volantinaggio in proprio
Località: pistoia

Re: realta o illusione...

Messaggioda MauroB » 11 lug 2011, 14:16

imagesCADHA48Z.jpg
imagesCADHA48Z.jpg (12.93 KiB) Visto 8756 volte

Avatar utente
MauroB
Messaggi: 432
Iscritto il: 12 feb 2011, 13:34
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Pistoia
azioni: volantinaggio in proprio
Località: pistoia

Re: realta o illusione...

Messaggioda MauroB » 22 lug 2011, 11:56

!
Bonus bebè da restituire per ottomila famiglie

di Valentina MelisCronologia articolo22 luglio 2011
In questo articolo
Media
Argomenti: Fisco | Carlo Giovanardi | Silvio Berlusconi | Radio24 | Maria Stella Anastasi | Agenzia Entrate | Procura della Repubblica | Presisdenza | Lega

Bonus bebè da restituire per ottomila famiglie

Ottomila famiglie sono chiamate dal ministero dell'Economia a restituire il bonus bebè da mille euro ottenuto in seguito alla Finanziaria 2006. Stanno arrivando in questi giorni, infatti, le lettere dell'amministrazione che contestano l'incasso dell'assegno per aver autocertificato in maniera sbagliata il proprio reddito: «Si contesta alla Signoria Vostra - si legge nella missiva - di avere riscosso illecitamente il bonus bebè per avere sottoscritto e utilizzato un'autocertificazione mendace al fine di percepire la suddetta somma (...). Si comunica che di quanto sopra esposto, sarà fatta apposita segnalazione alla Procura della Repubblica».

Il bonus era stato introdotto dalla Finanziaria 2006 (legge 266/2005, articolo 1, commi 331-334) per ogni figlio nato o adottato nel 2005 o per ogni secondo o ulteriore figlio nato o adottato nel 2006. Un bonus annunciato da una lettera del presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, inviata ai nuovi nati del 2005, con l'indicazione dell'ufficio postale presso cui i genitori avrebbero potuto riscuotere la somma.

documenti
Il testo della lettera inviata alle famiglie

La contestazione arriva dopo le verifiche dell'agenzia delle Entrate sul reddito del nucleo familiare indicato al momento della richiesta dell'assegno, cinque anni fa: la norma prevedeva, infatti, che per beneficiare dell'agevolazione, la famiglia del nuovo nato dovesse avere «un reddito complessivo» non superiore a 50mila euro.

Molte famiglie hanno commesso errori nell'autocertificazione dei requisiti (non era prevista alcuna mediazione dei professionisti o dei Caf per compilare il documento): alcuni hanno indicato il reddito "netto"; altri hanno segnalato il reddito da lavoro dipendente senza considerare l'abitazione principale; altri ancora hanno incluso fra i componenti del nucleo anche familiari non a carico, che non rientrano nella composizione del nucleo fiscale (composto da familiari a carico e coniuge – non separato – del dichiarante). Così, l'amministrazione chiede ora la restituzione entro 30 giorni del bonus da mille euro ingiustamente incassato, e, nei casi in cui il giudice penale accerterà che c'è stata falsa autocertificazione, il versamento di 3mila euro (il triplo del beneficio ottenuto) come sanzione amministrativa.
Secondo Carlo Giovanardi, sottosegretario alla Presisdenza del Consiglio con delega alla famiglia, «su 550mila bambini nati nel 2005, le contestazioni sono 8mila». Intervistato da Radio 24, durante il programma «Salvadanaio», Giovanardi ha precisato che «chi ha ricevuto questa lettera con la richiesta di restituzione, ma pensa di aver avuto il diritto all'assegno, può farlo presente all'amministrazione. Se invece le condizioni di legge non ci sono, basterà restituire i mille euro ricevuti cinque anni fa, senza interessi». Quanto alla sanzione amministrativa da 3mila euro, Giovanardi precisa che «se la mancata restituzione e la contestazione sfociano a livello penale in una condanna, allora la sanzione dei 3mila euro può arrivare, ma sono casi limite».

«Dopo cinque anni dall'incasso del bonus bebè – spiega l'avvocato Maria Stella Anastasi della Lega consumatori – gli utenti potrebbero invocare la prescrizione. In ogni caso, sarebbe necessaria una moratoria per avere il tempo di esaminare ogni contestazione, soprattutto nell'imminenza delle vacanze estive».


http://www.ilsole24ore.com/art/norme-e- ... d=AaI98CqD

in itlaia abbiamo otttomila famiglie truffaldine... :?: :?: :?:

sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: realta o illusione...

Messaggioda sandropascucci » 22 lug 2011, 12:15

minimo!
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
MauroB
Messaggi: 432
Iscritto il: 12 feb 2011, 13:34
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Pistoia
azioni: volantinaggio in proprio
Località: pistoia

Re: realta o illusione...

Messaggioda MauroB » 31 ago 2011, 18:55

vitampropatriamexsponimus ha scritto:Quello che mi affama di piu e arrivare a capire quali conseguenze REALI portano queste parole..

!
«il pareggio è fondamentale perchè se sei al pareggio il debito scende strutturalmente»

Quai saranno le conseguenze REALI di queste scelte?
Domani mattina queste parole che influenza avranno sulla mia/tua/nostra vita..?


][/quote]
!
MANOVRA: SI CAMBIA ANCORA GOVERNO NEL CAOS

Intervista a Vittorio Malagutti - 31 Agosto 2011

Stop alle modifiche sulle pensioni. Si torna al contributo di solidarietà e all'aumento dell'Iva. Questo continuo cambiamento è dovuto ai troppi interessi che questo governo deve tutelare

Non è durata neanche una notte la "terza" manovra del Governo. L'esecutivo ha fatto dietrofront sulle pensioni (ed annesse laurea e servizio militare). Mentre si è tornati con forza a parlare del contributo di solidarietà e aumento dell'Iva. Un cambiamento continuo che rischia di far male all'Italia?

"Ovviamente il comportamento del Governo, che è già arrivato alla quarta modifica della manovra finanziaria, contando anche la prima presentata a metà Luglio, non solo indebolisce la posizione finanziaria dell'Italia nel contesto internazionale, ma soprattutto demolisce quel briciolo di credibilità che ancora poteva avere l'esecutivo.
L'impressione è che gli interessi da "proteggere" all'interno della coalizione siano tanti e così diversificati, che sia praticamente impossibile trovare una sintesi che non scontenti qualcuno. Il problema è che veramente a questo punto il tempo sta per scadere, i titoli di Stato italiani continuano ad essere sostenuti dagli acquisti della Banca Centrale Europea, ma questi acquisti non potranno andare avanti ancora a lungo. Il rischio è che la situazione, in assenza di novità e soprattutto di certezze, possa precipitare nell'arco dei prossimi giorni."

Si è tornati a parlare della tanto famigerata 'supertassa' per i ricchi, ma soprattutto dell'aumento dell'Iva. Ecco, un aumento dell'Iva al 21%, ipotizzando che questo sia generalizzato e quindi non solo su alcuni beni, cosa comporterebbe in termini economici per le famiglie italiane?

"Beh, l'aumento dell'Iva di 1 puntoè il classico provvedimento che rischia pesantemente di rallentare i consumi, perché determinerebbe un rialzo dei prezzi. Dunque, - almeno teoricamente - la gente che già in questa fase ha difficoltà a mantenere lo stesso tenore di vita dei mesi e degli anni scorsi, avrà ancora più difficoltà e quindi si asterrà dal fare consumi, e questo ovviamente ha delle ripercussioni importati sulla crescita, quindi sullo sviluppo del PIL. Si tratterà poi di capire meglio non solo se verrà fatto questo ormai famigerato aumento dell'iva, ma su quali aliquote verrà fatto. Al momento le aliquote sull'Iva in Italia sono tre, dal 4 al 10 e al 20%, a seconda di varie categorie merceologiche, quindi bisogna capire se verrà toccata solo l'aliquota del 20% oppure anche le altre due."

A prescindere adesso dalla 'supertassa' o delle pensioni, questi 45 miliardi secondo te sono sufficienti per farci respirare oppure non servono neanche a quello?

"Sarebbero stati sufficienti a farci respirare se ci fossero stati 45 miliardi. Il problema è che, così com'è stata disegnata nella penultima stesura, mancavano come minimo secondo i più pessimisti addirittura 20 miliardi di questi 45, secondo i più ottimisti 5 miliardi. Adesso si tratta di capire con la nuova riscrittura della manovra se si arriverà veramente a 45 miliardi- ma sembra improbabile- oppure no. A questo punto veramente non è più un fatto di numeri, è un fatto di credibilità che va veramente scomparendo da parte del Governo."


http://www.cadoinpiedi.it/2011/08/31/ma ... l#comments

Avatar utente
kasiacolagrossi
Messaggi: 2454
Iscritto il: 12 dic 2009, 14:28
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma e provincia
azioni: volantinaggio in proprio, grafica , costruzione e/o progettazione dei supporti, manovalanza di piazza,
Località: Castel Madama (RM)

Re: realta o illusione...

Messaggioda kasiacolagrossi » 31 ago 2011, 19:43

anche aumento di IVA, bloccato per adesso, si ripresenta tra qualche mese ( hanno detto quelli della FIM ) (l'hanno detto stamattina... è passato già qualche mese? O_o)
katarzyna edyta colagrossi

Avatar utente
MauroB
Messaggi: 432
Iscritto il: 12 feb 2011, 13:34
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Pistoia
azioni: volantinaggio in proprio
Località: pistoia

Re: realta o illusione...

Messaggioda MauroB » 15 set 2011, 20:29

!
Crisi:in 10 anni -10.850 euro a famiglia

Prevista per il 2012 un'altra stangata da 1.500 euro
15 settembre, 15:21

(ANSA) - ROMA, 15 SET - I rincari di prezzi e tariffe, la crisi economica, le tensioni nel settore dei carburanti e le manovre finanziarie varate negli ultimi anni, ''hanno prodotto dal 2001 al 2011 una perdita pari a 10.850 euro a famiglia e per il 2012 e' attesa una ulteriore stangata stimabile in 1.500 euro a nucleo familiare''. E' quanto calcola Casper (Comitato contro le speculazioni e per il risparmio di cui fanno parte Adoc, Codacons, Movimento difesa del cittadino e Unione Nazionale Consumatori).


http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche ... 35909.html

Avatar utente
MauroB
Messaggi: 432
Iscritto il: 12 feb 2011, 13:34
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Pistoia
azioni: volantinaggio in proprio
Località: pistoia

Re: realta o illusione...

Messaggioda MauroB » 19 set 2011, 10:11

!
Benzina: con Iva vola a nuovo record

Aumento di 1,4 centesimi
19 settembre, 10:03

(ANSA) - ROMA, 19 SET - L'aumento dell'Iva dal 20% al 21% ha avuto un effetto immediato sui prezzi dei carburanti con aumenti dei prezzi raccomandati ai gestori per la benzina verde di 1,4 cent al litro, per il diesel di 1,3 e per il Gpl di 0,5 centesimi. E' quanto rileva Quotidiano energia. La verde sfiora cosi' quota 1,7 euro, volando al nuovo record di 1,646 negli impianti Tamoil.

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche ... 08023.html

Avatar utente
MauroB
Messaggi: 432
Iscritto il: 12 feb 2011, 13:34
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Pistoia
azioni: volantinaggio in proprio
Località: pistoia

Re: realta o illusione...

Messaggioda MauroB » 19 set 2011, 13:04

!
Manovra: Moody's, impatto negativo su rating enti locali

Secondo l'agenzia Usa la manovra "appesantisce ulteriormente bilanci" comunali e regionali "già allo stremo"
19 settembre, 10:44
SCHEDA: tutti i prodotti a rischio rincaro

Confindustra: giù stime pil, con manovra fisco record

ROMA - La manovra del governo per arrivare al pareggio di bilancio entro il 2013 potrebbe avere conseguenze negative sul rating delle regioni e dei comuni italiani. E' il monito che lancia Moody's nel suo 'Weekly Credit Outlook'. Secondo l'agenzia Usa la manovra così com'é "appesantisce ulteriormente bilanci" comunali e regionali "già allo stremo" ed introduce "elementi di incertezza per quanto riguarda la distribuzione di poteri e responsabilità a livello locale".

VENTURI, IVA PER 33 MLD A CARICO DELLE FAMIGLIE
''Gli interventi diretti e indiretti contenuti nella manovra graveranno sulle famiglie per 33 miliardi dei 54 complessivi''. Lo afferma il presidente della Confesercenti Marco Venturi aprendo i lavori del decimo meeting della confederazione, a Perugia. ''Se a questo scenario aggiungiamo il dramma di migliaia di chiusure di imprese - aggiunge - il quadro e' preoccupante'', a fronte di una pressione fiscale effettiva, dice Venturi, al 54%. A uno scenario di crescita zero (+0,1% il Pil nel 2012 secondo le stime del Ref), si aggiunge ''il dramma di migliaia di chiusure di imprese commerciali e del turismo: in soli 24 mesi hanno chiuso 30 mila imprese in piu' rispetto ai tre anni che precedono la crisi''. Lo ha detto il presidente della Confesercenti Marco Venturi aprendo il meeting della confederazione a Perugia, giunto alla decima edizione. ''Il saldo negativo tra aperture e chiusure nel triennio 2005-2007 prima della recessione e' stato di 80mila imprese'', ha spiegato Venturi, nel solo biennio di congiuntura 2008-2009 le aziende che hanno chiuso i battenti sono salite a quota 110mila.

CONFESERCENTI, IVA COSTA 140 EURO IN PIU' A FAMIGLIA - Gli effetti dell'aumento dell'Iva varato con la manovra, si faranno sentire sul portafoglio delle famiglie per 140 euro in piu' l'anno. Il calcolo e' della Confesercenti, secondo la quale il maggior gettito che arrivera' alle casse pubbliche dalle famiglie sara' pari a 3,4 miliardi. ''Il 70% del peso della manovra gravera' sulle spalle dei nuclei familiari'' afferma la confederazione delle pmi. Secondo i dati diffusi al meeting della Confesercenti in corso a Perugia, a pagare maggiormente l'incremento Iva al 21%, scattato oggi, saranno le famiglie del Nordovest (166 euro aggiuntivi), di meno quelle delle isole (102). I nuclei familiari composti da imprenditori e professionisti pagheranno 220 euro in piu', impiegati e dirigenti 189 euro. Il contributo aggiuntivo di disoccupati e cassaintegrati si fermera' invece a 95 euro l'anno.

Week-end di shopping con rincaro: da oggi fare la spesa o comunque acquistare un oggetto ma anche, per esempio, andare dal parrucchiere potrebbe costare di piu'. Scattera' infatti l'aumento dell'Iva dal 20 al 21%, il che tradotto vuol dire che molte cose costeranno al lordo lo 0,8% in piu'. E' proprio l'aumento dell'Iva il principale effetto della manovra che entra in vigore oggi, con la pubblicazione ieri sera in Gazzetta Ufficiale. Scatteranno pero' da subito anche le nuove misure di lotta all'evasione; se alcune norme, come il carcere per i grandi evasori, sono state depotenziate, resta la norma che consente all'amministrazione fiscale di controllare i movimenti bancari dei contribuenti senza necessariamente avviare un accertamento. Un'arma in piu' che potra' essere utilizzata con il nuovo 'redditometro'. Restando in materia fiscale, gia' da oggi entrano in vigore le novita' sull'Ipt, l'imposta provinciale di trascrizione, e soprattutto occhio ai trasferimenti all'estero. Parte immediatamente anche il bollo del 2%, con un minimo di 3 euro, per le somme inviate fuori attraverso i 'money transfer'.

Novita' anche per tutti coloro che faranno domanda di pensione. Lo scatto di carriera dell'ultim'ora non incidera' piu' ai fini dell'assegno (l'avanzamento deve essere durato almeno tre anni). E inoltre per gli statali, che a partire da oggi faranno domanda di pensione, slittera' il tfr: di 6 mesi per le pensioni di vecchiaia e di 24 per quelle di anzianita'. Ma non c'e' dubbio che la novita' immediata che tocchera' il maggior numero di persone resta quella dell'Iva. Occhio ai rincari: non tutto potra' essere aumentato. La maggior parte degli alimentari, infatti, e' tassata con l'Iva al 4 o al 10% (che non sono state toccate dalla manovra). E ancora: un punto percentuale di Iva non corrisponde ad 1 punto sul prezzo lordo.

Per intenderci: ogni 100 euro di spesa l'aumento dovrebbe essere al massimo di 83 centesimi. L'incremento dell'aliquota Iva dal 20% al 21% ''avra' certamente l'effetto di ridurre le risorse disponibili del settore privato a favore delle pubbliche amministrazioni ma il principale effetto depressivo riguardera' i consumi'', rileva Confcommercio.

Secondo il Codacons si rischia ''una stangata a regime, su base annua, pari a 290 euro per una famiglia di 3 persone e a 385 per una di 4''. Per i soli carburanti, tra aumenti e rincaro dell'Iva Federconsumatori e Adusbef calcolano un esborso di 471 euro in piu'. Per la Cgia di Mestre ''pesera' mediamente per 92 euro in piu' a famiglia l'aumento di un punto di Iva dal 20 al 21%''. Gli artigiani di Mestre calcolano che oltre un terzo dell'incremento sara' per le spese del settore dei trasporti, cioe' l'aumento dei prezzi di benzina e gasolio per autotrazione e dei biglietti di bus e treni

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche ... 11190.html

:ugeek: ma non era con il pareggio di bilancio che si risolve tutto..?ma..? :ugeek:

Avatar utente
MauroB
Messaggi: 432
Iscritto il: 12 feb 2011, 13:34
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Pistoia
azioni: volantinaggio in proprio
Località: pistoia

Re: realta o illusione...

Messaggioda MauroB » 20 set 2011, 20:07

!
“La banca non fa più credito”, allarme rosso tra le imprese
Lorenzo Dilena
Il 5 settembre vi avevamo raccontato delle lettere con cui gli istituti di credito annunciano alle imprese il rialzo dei tassi di interesse. Oggi, a distanza di 15 giorni, la situazione va aggravandosi. Farsi finanziare costa almeno il 5,5% di interessi e molto imprenditori scelgono, semplicemente, di non ricorrere al credito, evitando poi di investire. Il credit crunch, a questo punto, non è più un’ipotesi.

Economia
20 settembre 2011 - 17:40
Si fa credito solo ai novantenni se accompagnati dai genitori. Molti ricorderanno la targhetta umoristica ben esposta accanto al bancone di molti negozietti. Ma in questi giorni allo sportello non si scherza: la targhetta non c’è, il credito nemmeno. Salvo per chi abbia abbondanti garanzie reali da prestare su capannoni o immobili privati del titolare. Per tutti, come Linkiesta ha rivelato lo scorso 5 settembre, sono partite le lettere che annunciano la revisione al rialzo dei tassi applicati. Gli eventi di queste ultime due settimane, coronati con l’abbassamento del rating dell’Italia deciso ieri da S&P, ha aggravato la situazione.

In molti casi l’aumento dello spread applicato all’Euribor a 3 mesi (oggi a 1,5%) arriva fino a quattro punti percentuali. Un rincaro del costo del denaro tale da spingere molte Pmi a rinunciare al credito, ma anche al business. Con il risultato che la crisi finanziaria scoppiata quest’estate si sta trasmettendo all’economia reale. «Avere spread rispetto all’Euribor di 4 punti percentuali sta diventando la regola», racconta Flavio Pasotti, imprenditore ed ex vicepresidente nazionale della Confapi (la confederazione della piccola e media industria privata), secondo cui «stiamo rischiando una contrazione del credito superiore a quella avuta nel 2008, perché stavolta c’è molta prudenza anche fra le Bcc». Il motivo è presto detto: l’aumento del costo del credito, che ha colpito il Tesoro italiano, si è immediatamente riflesso sulle banche, che a loro volta lo riversano sulla clientela.

Nel primo semestre, solo le grandi banche come Unicredit e Intesa Sanpaolo si erano segnalate per una contrazione, sia pure minima, del credito, a fronte di un aumento molto più incisivo delle sofferenze. Le banche minori, soprattutto Popolari, hanno continuato ad espandere gli impieghi: ma nello stesso tempo hanno registrato un incremento rilevante anche nei crediti dubbi. I mesi estivi segnano hanno però una linea di demarcazione, e ora la stretta del credito riguarda tutti: esplicita o attuata, indirettamente, attraverso l’aumento dello spread, che spinge molte Pmi a rinunciare.

Focus sulla raccolta. «Di fronte ai problemi macro, per di più aggravati dalla perdita di credibilità dell’Italia, c’è una parte rilevante del sistema bancario che ha abbandonato l’impegno sulla crescita sugli impieghi e si preoccupa solamente di generare liquidità. Per quanto ho potuto osservare, anche molte Bcc hanno dato istruzioni di raccogliere depositi, mentre per impiegare c’è tempo. Nel complesso riscontro una minore propensione a concedere finanziamento», afferma Fabio Bolognini. Già vicedirettore generale di Unicredit Banca d’Impresa, poi responsabile delle Pmi per Banca Intesa, Bolognini è ora amministratore delegato della Linker srl, una società da lui fondata per assistere le Pmi nell’accesso al credito bancario e nella ristrutturazione debito. «Il credit crunch è in atto ma riguarda solo una metà delle imprese», precisa.

Le banche stanno cioè operando una selezione drastica fra imprese a cui concedere credito, e altre a cui chiudere i rubinetti. Occhio e croce, della prima categoria fanno parte le Pmi che ricevono un rating interno (attribuito cioè dalla banca) compreso nelle prime 5-6 top class di rating (su un totale di 11-13 classi). Per le altre, se va bene il credito resta immutato, oppure si procede alla revoca. Quello che è più grave, però, è la lentezza con cui vengono gestiti i casi di crisi. E all’imprenditore, trascorso qualche mese di attesa, non resta altro che portare i libri in tribunale, cercando l’accordo con i creditori.

Le statistiche della Banca d’Italia non hanno ancora colto appieno il fenomeno, ma le «Principali voci dei bilanci bancari» rilevate a luglio danno una chiara indicazione sulla direzione presa. La dinamica dei prestiti alle società non finanziarie è rallentata, mentre i tassi su tutte le tipologie di prestiti sono aumentati, sia che si parli di credito al consumo (Taeg medio 9,16%) o di mutui prima casa (3,51%) sia che si tratti di finanziamenti alle imprese non finanziarie (4,64% il tasso medio sui prestiti in c/c).

Nel secondo trimestre 2011, le procedure fallimentari ha invertito a sorpresa la tendenza. I dati dell’Osservatorio Cerved mostrano un boom di fallimenti, mentre le richieste di concordato preventivo sono rimaste stabili. Con 3.400 nuovi casi, i fallimenti sono aumentati del 13,1% rispetto allo stesso periodo 2010. Un tetro segnale premonitore.

.

http://www.linkiesta.it/credit-crunch#ixzz1YW7DEUgp

Avatar utente
MauroB
Messaggi: 432
Iscritto il: 12 feb 2011, 13:34
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Pistoia
azioni: volantinaggio in proprio
Località: pistoia

Re: realta o illusione...

Messaggioda MauroB » 21 set 2011, 13:01

!
Ma nei primi 8 mesi del 2011 è fallita una società al giorno

di Massimiliano Del BarbaCronologia articolo21 settembre 2011

Da una parte nuove iniziative, dall'altra realtà costrette a gettare la spugna. È la «selezione naturale» della crisi. Il problema a Brescia non è tanto l'aumento del numero dei fallimenti registrato nei primi 8 mesi del 2011, ma la loro qualità. Aziende conosciute, economicamente pesanti e importanti dal punto di vista del mantenimento dei livelli occupazionali che finiscono con i bilanci in rosso.

Per la precisione già 219 a fine agosto di quest'anno (erano 205 ad agosto 2010, praticamente una al giorno), a cui si aggiungono 15 società ammesse al concordato preventivo (17 lo scorso anno).
È la cancelleria della sezione commerciale del Tribunale di Brescia a tenere il conto dell'inarrestabile caduta delle imprese della provincia, 221 i fallimenti registrati nel 2009, 266 nel 2010. E l'andamento dei primi otto mesi dell'anno in corso (+7% su agosto 2010) fa intendere che si potrebbe addirittura sfiorare il record negativo di 283 raggiunto nel 2005. «A preoccupare–- spiega Stefano Rosa, presidente della sezione commerciale al quarto piano del Palagiustizia – non è il numero, ma la consistenza. Livelli come questi sono già stati toccati negli anni Ottanta. Il problema oggi è che stiamo parlando di aziende importanti, sia dal punto di vista economico che occupazionale». A trainare il record negativo il settore edile, ma anche la gdo e il caseario, dove su tutti spicca il fallimento della Medeghini, depositato in tribunale lo scorso marzo.

«Siamo di fronte a dati drammatici, sia per la produttività del territorio che per la tenuta dell'occupazione – sottolinea Francesco Saottini, responsabile dell'Ufficio vertenze della Cisl bresciana –. A fallire non sono più i piccoli negozietti, sono interi gruppi, con diversi stabilimenti produttivi. La Medeghini di Mazzano ne è un esempio». Una situazione, per Saottini, solo in parte spiegabile con la caduta dei mercati: «ci troviamo di fronte allo scoppio di una bolla, soprattutto nell'edilizia». Oltre alle aziende che chiudono c'è poi il fatto che l'ondata di fallimenti ha portato con sé un aumento dei beni, mobili e immobili, da mettere all'asta. «I curatori fallimentari sono sovraccarichi di lavoro, non si vende – confida il giudice Rosa –, e sono preoccupanti anche le prospettive nel soddisfacimento dei creditori».

http://www.ilsole24ore.com/art/economia ... d=AaqkGG6D

mr.spyder
Messaggi: 2435
Iscritto il: 9 ago 2009, 10:14
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: palermo - messina
azioni: volantinaggio,donazioni,
organizzazione eventi,sbus,
idee,manovalanza,
condivisione beni e servizi
fra PRIMITivi o volenterosi
a consapevolizzarsi sullla
moneta debito
Località: palermo - messina

Re: realta o illusione...

Messaggioda mr.spyder » 22 set 2011, 9:07

!
Fenomeno Land Grabbing
scandalo risorse scippate

Gli Stati e le multinazionali fanno incetta di pianure fertili, fonti, pascoli, boschi. Li sottraggono ai paesi troppo poveri. La terra resta lì, ma i suoi frutti vanno altrove, nei forzieri dei paesi che hanno fatto cassa con l'inquinamento di ANTONIO CIANCIULLO

Fenomeno Land Grabbing scandalo risorse scippate Una foresta in Amazzonia
PIANURE fertili, fonti, pascoli, boschi: sono questi i beni di cui gli Stati e le multinazionali cominciano a fare incetta nell'era della scarsità di risorse. Le potenze nascenti non conquistano più le terre con gli eserciti, le comprano sottraendole ai disperati troppo poveri per opporsi al potere della finanza. La nuova corsa all'oro si chiama land grabbing e in 10 anni ha virtualmente delocalizzato un territorio grande più di sette volte l'Italia: 227 milioni di ettari hanno cambiato padrone. La terra è sempre lì, ma i suoi frutti vanno altrove, finiscono in buona parte nei forzieri dei paesi che hanno fatto cassa con l'inquinamento e ora si attrezzano per sopravvivere in un pianeta esausto.

I numeri sono contenuti nel rapporto Land and Power curato da Oxfam 2, l'associazione che in questi giorni sta lanciando vuna raccolta di fondi, via sms, per il Corno d'Africa 3. Non tutti i 227 milioni di ettari sono sicuramente classificabili come land grabbing, ma dietro le acquisizioni di terreni, caratterizzate quasi sempre da una scarsa trasparenza, si cela spesso questo fenomeno.

Oxfam ha analizzato circa 1.100 accordi relativi all'acquisizione di 67 milioni di ettari: il 50% delle
compravendite sono avvenute in Africa e coprono un'area quasi pari alla superficie della Germania. La ricerca è stata condotta sul campo, visitando i luoghi e raccogliendo testimonianze e racconti. Racconti come quello di Christine Longoli, una degli oltre 20 mila ugandesi che hanno denunciato di essere stati costretti ad abbandonare le loro case per far posto alle piantagioni estensive: "Ricordo la mia terra, tre acri di caffè, tanti alberi, mangrovie e avogado. Avevo le mucche, le api. Mi avevano dato anche un premio come agricoltore modello. Ora non ho più nulla, sono la più povera tra i poveri".

O come quella di Lokuda Losil, 60 anni e 30 acri, sempre in Uganda: "Gli uomini della New Forest Company sono venuti e hanno cominciato distruggere i raccolti e a demolire le case ordinando di andarcene. Picchiavano la gente che non riusciva a scappare". La New Forests Company, una società britannica che ha ottenuto ampi riconoscimenti da parte del governo ugandese e dichiara di seguire rigorosi codici di comportamento, smentisce le accuse, ma il rapporto riferisce di migliaia di testimonianze sulle violenze subite da parte dei contadini, sull'arresto dei leader delle comunità locali, sulla distruzione di scuole e strutture sociali.

E l'Uganda non è un caso isolato: con quasi 3 miliardi di persone che vivono in aree in cui non c'è acqua a sufficienza, chi può accaparra frammenti di natura. In Honduras, la Bajo Aguan Valley, una delle regioni più fertili, a meta degli anni Settanta era stata affidata a 54 cooperative. Negli ultimi dieci anni un'escalation di violenze mirata a concentrare le proprietà terriere nelle mani di pochi latifondisti è culminata, nell'ottobre del 2010, con l'assassinio di 36 contadini e la militarizzazione dell'area.
In Guatemala, dove il 78 per cento dei terreni è di proprietà dell'8 per cento degli agricoltori, la spinta a moltiplicare la produzione di biocarburanti ha portato a triplicare l'area destinata alla palma da olio espellendo i contadini che lavoravano la terra per coltivare cibo per la propria sopravvivenza. Nel marzo 2011, 800 famiglie sono state costrette ad abbandonare le loro comunità nella Polochic Valley. Si calcola che entro il 2050 la produzione di olio da palma raddoppierà a livello globale portando a un'estensione delle coltivazioni su un territorio grande 6 volte l'Olanda.

Nell'Amazzonia peruviana sono in corso più di 50 megaprogetti energetici. Le concessioni per lo sfruttamento del petrolio e del gas coprono il 70 per cento del territorio amazzonico; più di 10 milioni di ettari sono stati assegnati all'uso minerario; quasi 8 milioni di ettari sono stati dati alle società che trasformano gli alberi in parquet.

Nel Sudan del Sud tra il 2007 e il 2010 società straniere, governi e singoli individui hanno preso il controllo di 2,6 milioni di ettari di terreno da destinare ad agricoltura, biofuel, legname: l'area, grande quanto il Rwanda, rappresenta il 10 per cento del paese.

In Indonesia, nel distretto di Tayan Hulu, la pressione per convincere i contadini a cedere i terreni ha portato nel 2007 a proteste con blocchi stradali e arresti. Il tentativo di espandere ulteriormente la coltivazione della palma da olio sta creando problemi in tutto il paese.

"Il numero senza precedenti delle compravendite e la crescente competizione per la terra sta avvenendo sulla pelle dei più poveri del mondo. In questa nuova corsa all'oro, gli investitori ignorano i diritti delle comunità locali", dichiara Francesco Petrelli, presidente di Oxfam Italia. "Lo scandalo è che l'80% delle terre accaparrate rimane inutilizzato. Questa nuova corsa all'oro si intensificherà nel futuro, a causa della crescente domanda di cibo, dei cambiamenti climatici, della scarsità d'acqua e dell'incremento della produzione di biocarburanti".

(22 settembre 2011)

http://www.repubblica.it/ambiente/2011/ ... ef=HREC1-4
Antonio Prezia, detto spyder... anche se non è importante chi sei,ma cosa vuoi fare per cambiare il mondo.

Avatar utente
MauroB
Messaggi: 432
Iscritto il: 12 feb 2011, 13:34
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Pistoia
azioni: volantinaggio in proprio
Località: pistoia

Re: realta o illusione...

Messaggioda MauroB » 23 set 2011, 13:52

!
Polizia, La Russa contestato davanti a Montecitorio

di Redazione Cadoinpiedi.it - 21 Settembre 2011

Cori di "buffone, buffone..." all'indirizzo del Ministro della Difesa. Le forze di polizia in ginocchio per i tagli
Prima un comunicato stampa pesantissimo, poi la contestazione. E' un momento delicato per le forze di polizia, in Italia. I tagli che negli ultimi anni hanno colpito ferocemente il loro settore, rischiano di paralizzarlo. Caserme senza neanche la carta per la stampante, volanti senza benzina, divise che non arrivano: la situazione rasenta il drammatico.
Così stamattina, davanti a Montecitorio, i sindacati si sono riuniti per manifestare. E all'arrivo del Ministro La Russa sono volate parole pesanti.
All'indirizzo di Ignazio Benito Maria si sono levati cori come "buffone, buffone...".
E questa è solo l'ennesima contestazione ai suoi danni. Poiché negli ultimi mesi La Russa è bersaglio ormai fisso dei contestatori un po' in tutto il Paese.

contestato, La Russa, Montecitorio, Polizia, sindacati

http://www.cadoinpiedi.it/2011/09/21/po ... video.html

http://www.youtube.com/watch?v=SedG0zia6KA&NR=1
http://www.youtube.com/watch?v=J9tBDLtsNfA&NR=1
http://www.youtube.com/watch?v=PSIQT04o ... re=related

Avatar utente
MauroB
Messaggi: 432
Iscritto il: 12 feb 2011, 13:34
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Pistoia
azioni: volantinaggio in proprio
Località: pistoia

Re: realta o illusione...

Messaggioda MauroB » 28 set 2011, 22:22

!
Matteoli contestato all'assemblea dei costruttori. La replica: capisco questo stato d'animo

Cronologia articolo28 settembre 2011Commenti (17)

Argomenti: Pubblica Amministrazione | Cdp | Ance
ministro Altero Matteoli (Ansa)

Dura contestazione contro il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Altero Matteoli, da parte di un gruppo di costruttori dell'Ance. Mentre il ministro stava elencando interventi adottati dal Governo a favore del settore delle infrastrutture, alcuni imprenditori, riuniti in occasione dell'assemblea dell'associazione, hanno cominciato a contestarlo con fischi e urla: «Vergogna, basta, usciamo». E così in molti hanno abbandonato la sala, mentre il ministro ha così replicato: «Mi rendo conto del momento difficile, sono abituato a ben altro».

La replica del ministro: capisco lo stato d'animo
Matteoli è poi tornato sulla contestazione messa in atto dai costruttori. «Il mio intervento è stato contestato perché è una questione di stato d'animo degli imprenditori in un momento di scarsità di risorse e di crisi economica e finanziaria. Quindi c'è tutta la mia comprensione nei confronti di questo stato d'animo». Una contestazione arrivata nel corso di un'assemblea infuocata aperta dalla relazione di Paolo Buzzetti, numero uno dell'Ance, che ha tuonato contro il Governo. «Il tempo è scaduto, il Dl sviluppo è l'ultima chance altrimenti arriverà la nostra protesta».

Buzzetti: infrastrutture a costo zero è una chimera
I numeri, del resto, parlano chiaro, il settore è in profonda difficoltà. Dall'inizio della crisi i posti di lavoro persi nelle costruzioni sono circa 230mila, che raggiungono le 350mila unità se si considerano anche i settori collegati alle costruzioni. Dunque, il Dl Sviluppo rappresenta ora «una grande opportunità» per invertire la rotta e tornare a puntare sull'edilizia «motore fondamentale dell'economia», ma un piano «a costo zero - ha avvertito Buzzetti - o è una chimera o è una presa in giro». «I soldi ci sono, spendiamoli», è l'appello che Buzzetti ha lanciato al governo chiedendo di non concentrare le «poche risorse» solo sulle grandi opere. Matteoli, però, ha subito messo in chiaro: «Soldi non ce ne sono, il finanziamento avviene attraverso la defiscalizzazione».

Il nodo dei ritardati pagamenti. L'Ance pronta ad adire le vie legali
Ad incrinare ancor di più i rapporti già tesi tra costruttori e Governo c'è anche tutta la questione ancora aperta dei ritardi nei pagamenti da parte della pubblica amministrazione. E, su questo fronte, i costruttori non intendono più fare sconti: «Sui ritardati pagamenti della Pa abbiamo sostenuto le soluzioni studiate dalla Cassa depositi e prestiti - ha detto Buzzetti -. Ne sono state bocciate finora tre. La Cdp sta studiando l'ennesima soluzione possibile e se anche questa sarà bocciata inviterò le nostre associazioni ad agire per vie legali. Perché non è tollerabile».

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/ ... d=AaZ3FG8D

Avatar utente
MauroB
Messaggi: 432
Iscritto il: 12 feb 2011, 13:34
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Pistoia
azioni: volantinaggio in proprio
Località: pistoia

Re: realta o illusione...

Messaggioda MauroB » 29 set 2011, 19:26

!
Al Sud 410 mila minori poverissimi

Non hanno i beni essenziali per vivere dignitoramente
29 settembre, 15:57

(ANSA) - ROMA, 29 SET - E' tra i 3.859.000 minori che vivono nel Sud e nelle isole che si concentra il più alto tasso di disagio sociale. Al Sud infatti sono 410 mila i minori che vivono in condizioni di povertà assoluta, cioe' che non hanno neanche i beni essenziali per vivere una vita dignitosa. E su 1.876.000 minori che in Italia vivono in condizioni di povertà relativa, 354.000 sono in Campania. Da questi dati parte "Crescere al Sud", prima Conferenza sull'infanzia nel Mezzogiorno, che si apre domani a Napoli.

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche ... 68559.html

Avatar utente
MauroB
Messaggi: 432
Iscritto il: 12 feb 2011, 13:34
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Pistoia
azioni: volantinaggio in proprio
Località: pistoia

Re: realta o illusione...

Messaggioda MauroB » 29 set 2011, 19:53

!
Crescono gli sfratti forzosi, +8%

Tra il 2009 e il 2010, prevista ulteriore crescita
29 settembre, 19:36salta direttamente al contenuto dell'articolo
salta al contenuto correlato

(ANSA) - TORINO, 29 SET - Sono in crescita continua gli sfratti forzosi per morosita' in Italia: e' quanto emerso oggi, a Torino, dalla riunione della Consulta casa dell'Anci.

Tra il 2009 e il 2010 l'aumento e' stato dell'8,1%: gli sfratti con ufficiale giudiziario sono passati da 27.584 a 29.825. Il dato parziale del 2011 - e' stato reso noto durante la riunione - conferma questo trend e lascia prevedere un'ulteriore crescita.

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche ... 85289.html

Avatar utente
MauroB
Messaggi: 432
Iscritto il: 12 feb 2011, 13:34
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Pistoia
azioni: volantinaggio in proprio
Località: pistoia

Re: realta o illusione...

Messaggioda MauroB » 29 set 2011, 22:11

!
Quote latte, condannati sedici allevatori
Non hanno pagato multe per 100 milioni

Pene fino a 5 anni e mezzo di reclusione per una presunta truffa da circa 100 milioni di euro sugli importi non versati allo Stato a partire dall'aprile 2003 dai produttori legati alle cooperative. Il tribunale ha imposto ad alcuni imputati un risarcimento provvisionale di circa 30 milioni di euro all'Agea

La sentenza dei giudici milanesi nei confronti dei cosiddetti splafonatori, gli allevatori cioè che producono latte in eccesso superando le quote imposte a livello europeo dall’Agea (Agenzia per le erogazioni in agricoltura), è esemplare con quindici agricoltori ritenuti colpevoli di peculato e truffa ai danni dello Stato per cento milioni di euro.

Sì, perché il sistema adoperato fino al 2009 dai “Robin Hood” del latte era quello di non versare i soldi dei contribuenti europei all’Agea, più di cento milioni di euro, ma ridistribuirli tra i produttori, posizione da sempre sostenuta e promossa dalla Lega nord.

Duro il processo, pesante la sentenza. Innanzi tutto le cooperative ‘La Lombarda’ e ‘La Latteria di Milano’ sono state giudicate colpevoli di truffa ai danni dell’erario con una sanzione pecuniaria di 100mila euro a testa, poi quindici i giudicati colpevoli e quattro gli imputati assolti.

La pena più alta è toccata ad Alessio Crippa, il re degli splafonatori, con 5 anni e mezzo di carcere per peculato e truffa. Poco più della metà è toccata al suo braccio destra, Gianluca Paganelli, che sconterà una pena di 2 anni e mezzo di reclusione per truffa.

I restanti quattordici imputati dovranno scontare una pena che va da un anno a un anno e mezzo di reclusione e, per alcuni di loro, è scattato il risarcimento provvisionale all’Agea per una cifra di 30 milioni di euro e beni confiscati per 18 milioni. Cifre esorbitanti che si sommano al risarcimento per le parti civili che verrà stabilito in giudizio separato, comunque con provvisionali fissati a 40.000 per Coldiretti e Confragricoltura Lombardia e tra i 50 ed i 70.000 euro per due cooperative danneggiate da ‘La Lombarda’ e ‘La Latteria di Milano‘.

Al termine di un lungo quanto contestato processo, e di un casus belli tra il ministro Galan e la Lega nord, Confagricoltura esulta definendo la sentenza “epocale e tutta da leggere”. E’ infatti da tempo che l’organizzazione agricola italiana si batte contro gli splafonatori ed è evidente che questa sentenza rappresenti un punto di svolta nella battaglia contro chi elude la normativa europea in materia di produzione di latte.

“Una sentenza- evidenzia una nota di Confagricoltura- dalla quale nessun tribunale e nessun soggetto politico potrà d’ora in poi certamente prescindere nell’affrontare argomenti di gestione politica ed amministrativa del comparto lattiero-caseario italiano. Finalmente viene fatta giustizia delle ragioni, da sempre manifestate dalla stragrande maggioranza dei produttori italiani e da tempo sostenute da Confagricoltura”.

Nonostante una condanna senza precedenti per la categoria, i Cobas si fanno beffe della sentenza e annunciano nuove proteste contro il sistema delle quote latte: “Continuo a ‘sforare’ le quote anche adesso- sostiene Crippa- in Italia viene processato chi va a letto con le donne a casa sua e chi fattura il latte che munge”. L’inchiesta, condotta dal pm Frank Di Maio e poi portata a processo dal collega Maurizio Ascione, aveva portato ai domiciliari Crippa e Paganelli nel febbraio 2009 e al sequestro delle aziende.

di Massimo Paradiso

http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/09 ... ni/160910/

Avatar utente
MauroB
Messaggi: 432
Iscritto il: 12 feb 2011, 13:34
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Pistoia
azioni: volantinaggio in proprio
Località: pistoia

Re: realta o illusione...

Messaggioda MauroB » 30 set 2011, 19:20

!
Da domani +5,5% tariffe gas, luce ferma

Su metano pesa aumento Iva
30 settembre, 18:59

(ANSA) - ROMA, 30 SET - Da domani aumenteranno le tariffe del gas mentre quelle dell'energia elettrica rimarranno stabili.

L'Autorita' per l'energia, nell'aggiornamento trimestrale, comunica che la luce non subira' variazioni e il metano, anche a causa dell'aumento dell'Iva, subira' un rincaro del 5,5%, per un aggravio pari a 61 euro per una famiglia media.

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche ... 37107.html

Avatar utente
MauroB
Messaggi: 432
Iscritto il: 12 feb 2011, 13:34
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Pistoia
azioni: volantinaggio in proprio
Località: pistoia

Re: realta o illusione...

Messaggioda MauroB » 6 ott 2011, 12:29

!
Per Confcommercio la crisi ha fatto perdere a ogni famiglia italiana 10mila euro in quattro anni

Confcommercio rivede al ribasso le stime macro rispetto a quanto previsto a luglio: il Pil crescerà quest'anno dello 0,7%, rispetto allo 0,8% stimato due mesi fa, e dello 0,3 nel 2012, rispetto all'1% previsto in precedenza. Quanto ai consumi, Confcommercio prevede per il 2011 un incremento dello 0,7%, dal +0,8% previsto a luglio, e un incremento dello 0,2% nel 2012, rispetto al +1,1% previsto a luglio.

«L'indebolimento dello scenario economico generale e gli effetti delle misure di finanza pubblica, tra cui l'aumento dell'Iva, spingono al ribasso le previsioni di Pil e consumi sia per il 2011 che per il 2012», spiega Confcommercio. Sui consumi a pesare, in particolare, è l'aumento dell'Iva dal 20 al 21%, che avrà un effetto più pesante soprattutto nel 2012 a causa del «dispiegarsi degli effetti di riduzione del reddito disponibile».

Tra 2008 e 2011 reddito procapite diminuito del 7%. Calerà ancora nel 2012 e 2013
Sempre secondo l'ufficio studi di Confcommercio, in quattro anni una famiglia italiana composta da tre persone ha perso, a causa della crisi, 10mila euro tra redditi e ricchezza finanziaria, cifra che si sottrae a quella spendibile in consumi. Tra il 2008 e il 2011 il reddito procapite è crollato del 7% con una perdita - ha spiegato il direttore dell'ufficio studi, Mariano Bella - di 1.260 euro a testa, mentre la ricchezza finanziaria procapite (conti correnti, buoni del tesoro, fondi pensione) è scesa del 3% con una perdita di quasi 3mila euro a testa (-2.980 euro). «Prevediamo - ha detto Bella - un'ulteriore riduzione dei redditi disponibili anche per il 2012 e il 2013 anche per un aumento delle imposte legato alle ultime manovre».

L'aumento dell'Iva traina l'inflazione
Cresce anche l'inflazione, nel mese di ottobre: l'indice dei prezzi al consumo salirà al 3,2% dal 3,1% di settembre, con un aumento congiunturale dello 0,4%. Sul dato di ottobre, «oltre ai consueti aumenti dovuti a fattori stagionali (istruzione, abbigliamento, gas), dovrebbe influire il pieno esplicarsi degli effetti sui prezzi derivanti dall'innalzamento dell'Iva dal 20% al 21%».

Sangalli: «Evitare in fretta la recessione»
Con il prossimo decreto Sviluppo bisogna dare «una spinta necessaria a far ripartire il Paese. Non c'è tempo da perdere, sono passati i 90' di gioco e siamo in recupero». Questo il commento del presidente di Confcommercio Carlo Sangalli ai dati diffusi dall'organizzazione, che lasciano intravvedere un rischio di recessione, sia pure - sempre detta dell'ufficio studi - «evitabile». Bisogna «evitare di imboccare velocemente la strada della recessione».
http://www.ilsole24ore.com/art/economia/2011-10-06/confcommercio-crisi-fatto-perdere-105642.shtml?uuid=AayiKTAE

Avatar utente
MauroB
Messaggi: 432
Iscritto il: 12 feb 2011, 13:34
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Pistoia
azioni: volantinaggio in proprio
Località: pistoia

Re: realta o illusione...

Messaggioda MauroB » 11 dic 2011, 23:28

!
Pensionato di Piove di Sacco ruba carne al supermercato

Un anziano al supermercato
PADOVA / Si sarebbe scusato dicendo: “Faccio la fame, ho una pensione minima”. Un anziano denunciato dai carabinieri della compagnia di Piove di Sacco dopo essere stato sorpreso a rubare tre confzioni di carne. Secondo la ricostruzione dei fatti è entrato al “Super Simply” del centro commerciale Piazzagrande e dopo aver girato per le corsie ha nascosto nelle tasche della giacca tre confezioni di carne. I vigilanti si sono accorti e hanno chiamato i carabinieri.
I militari quando sono arrivati in negozio hanno trovato un anziano di 78 anni che aveva appena rubato le fettine di carne. Il pensionato residente in paese, non ha nemmeno tentato di giustificarsi, si è limitato a riconsegnare in silenzio i prodotti senza dire una parola. Gli occhi bassi pare non fosse nemmeno al primo tentativo di furto pizzicato dai responsabili della sicurezza. Quella vergogna per un gesto spesso raccontato in breve nei giornali quando a commetterlo sono piccoli predoni con la carta d’identità straniera, ma che fa ora più rumore se chi cerca di infilare furtivamente cibo nelle tasche sono nonni padovani. Solo pochi giorni fa una 63enne è stata sorpresa a rubare vestiti in un negozio del centro commerciale La Corte di Mortise. Gesti dettati spesso dalla paura per la prospettiva di un tenore di vita che cambia all’improvviso dopo anni di sacrifici e la meritata pensione che è più una delusione. La storia di un anziano denunciato perchè probabilmente non aveva i soldi per comprarsi da mangiare.


http://www.cronacalive.it/pensionato-di ... z1gGd1SZv1

Avatar utente
kasiacolagrossi
Messaggi: 2454
Iscritto il: 12 dic 2009, 14:28
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma e provincia
azioni: volantinaggio in proprio, grafica , costruzione e/o progettazione dei supporti, manovalanza di piazza,
Località: Castel Madama (RM)

Re: realta o illusione...

Messaggioda kasiacolagrossi » 12 dic 2011, 10:47

mi ha fatto venire in mente l'anziano che ha rubato il salame al supermercato...
è morto... insufficienza cardiaca dopo essere stato scoperto.
katarzyna edyta colagrossi

Avatar utente
MauroB
Messaggi: 432
Iscritto il: 12 feb 2011, 13:34
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Pistoia
azioni: volantinaggio in proprio
Località: pistoia

Re: realta o illusione...

Messaggioda MauroB » 14 dic 2011, 18:53

!
Monti toglie ai dipendenti pubblici la possibilità di fare causa di lavoro
Stefania Fanni

Un articolo della manovra sospende la causa di servizio a tempo indeterminato. Motivazione? Non ci son soldi. Nemmeno i sindacati se ne sono accorti: lunedì il pubblico impiego sciopera ma tra le motivazioni l’abrogazione di questa norma non c’è. Addio richieste di infermità, anche derivanti da amianto. Per non parlare del mobbing. Esclusi militari, poliziotti e personale del soccorso pubblico.

Il presidente del Consiglio Mario Monti (Afp)

Politica
13 dicembre 2011 - 11:44
Come un cancellino che cassa via i vecchi compiti dalla lavagna, così, proprio così, sono stati archiviati alcuni tra i più importanti diritti dei lavoratori nel settore pubblico. E mentre tutti parlano dei contenuti più direttamente economici della manovra Monti, ecco che all’articolo sei, nella distrazione generale, trova spazio un testo che in sostanza elimina l’istituto della causa di servizio e quindi dell’equo indennizzo.

Ai lavoratori del pubblico impiego rimarrà solo la tutela dell’assicurazione obbligatoria, ma non potranno più presentare richiesta di infermità derivante da causa di servizio, equo indennizzo e pensione privilegiata. E d’altro canto il trattamento assicurativo previsto per i privati di fatto si applica non a tutti i lavoratori pubblici come l’equo indennizzo e la pensione privilegiata, ma solo a quelli che sono applicati a determinati macchinari o a specifiche attività, individuate come pericolose nell’ambito dell’ordinamento dell’Inail.

La norma è un po’ tecnica ma vale la pena leggerla integralmente: «Ferma la tutela derivante dall’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni e le malattie professionali, sono abrogati gli istituti dell’accertamento della dipendenza dell’infermità da causa di servizio, del rimborso delle spese di degenza per causa di servizio, dell’equo indennizzo e della pensione privilegiata. La disposizione di cui al primo periodo del presente comma non si applica nei confronti del personale appartenente al comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico».

In poche parole verrà abolita la causa di servizio (o quanto meno sarà sospesa a tempo indeterminato). Le casse sono vuote, insomma, e quindi si salvi chi può.

E i sindacati? Hanno indetto uno sciopero per i lavoratori del pubblico impiego, lunedì prossimo, ma nei comunicati e nelle motivazioni non v’è traccia di questa norma. Incroceranno le braccia contro la riforma previdenziale, la riduzione del potere d’acquisto degli stipendi, i tagli alle pubbliche amministrazioni, il rinnovo dei contratti, la riorganizzazione degli enti previdenziali. Ma sembra che non si siano accorti di questa novità che, se entrasse in vigore così com’è, sarebbe la pietra tombale, ad esempio, per tutte le cause di lavoro per mobbing, giusto per citare una patologia sempre più diffusa dietro le scrivanie.

Se un lavoratore pubblico dovesse subire un danno fisico e alla propria salute nell’esercizio delle sue funzioni, non potrà rivalersi sul datore di lavoro al pari dell’impiegato nel settore privato.

Gli unici ad accorgersi che qualcosa sta cambiando per sempre sono i sindacalisti dell’Usb (unione sindacale di base) e i lavoratori stessi che infatti stanno riempiendo i blog di commenti. E i toni non sono propriamente benevoli verso il governo.

Chi potrà colpire questa norma? «Chiunque si ammala lavorando. Compresi i malati di amianto, ad esempio, ce ne sono anche nel comparto pubblico – ci dice l’avvocato Ezio Bonanni presidente dell’Osservatorio amianto ed esperto di vertenze che riguardano il mondo del lavoro – ma anche chiunque sia stato colpito da infermità».
Esclusi militari e personale del soccorso pubblico e della pubblica sicurezza

«La nostra Associazione - continua Bonanni - adirà tutte le competenti sedi, non escludendo una pregiudiziale di illegittimità costituzionale, oltre alle iniziative di mobilitazione già in corso in tutta Italia, e all’appello a tutte le autorità istituzionali e forze politiche affinchè non si prestino ad avallare dette modificazioni, contrarie allo stesso principio di uguaglianza, oltre che di equità e di giustizia, rispetto a chi è stato già pesantemente pregiudicato in seguito ad una patologia per causa di servizio».


Leggi il resto: http://www.linkiesta.it/monti-toglie-ai ... z1gX4vgJmL


.

mr.spyder
Messaggi: 2435
Iscritto il: 9 ago 2009, 10:14
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: palermo - messina
azioni: volantinaggio,donazioni,
organizzazione eventi,sbus,
idee,manovalanza,
condivisione beni e servizi
fra PRIMITivi o volenterosi
a consapevolizzarsi sullla
moneta debito
Località: palermo - messina

Re: realta o illusione...

Messaggioda mr.spyder » 14 dic 2011, 19:06

Esclusi militari e personale del soccorso pubblico e della pubblica sicurezza


insomma parano il culo a chi dovrà parargli il culo dal popolo coi forconi...bella mossa!

tra l'altro rischia di più chi sta dietro una scrivania o chi maneggia proiettili all'uranio impoverito??

quindi non è una questione di "soldi" altrimenti la logica vorrebbe che fosse il contrario,ma semplice "paraculismo"....
vabbè ma che ce frega tanto fra poco le "forze dell'ordine" italiane manganelleranno il popolo greco,portoghese,ecc e i loro manganelleranno noi...
così evitiamo rimorsi di coscienza...
Antonio Prezia, detto spyder... anche se non è importante chi sei,ma cosa vuoi fare per cambiare il mondo.

Avatar utente
enricogrosso
Messaggi: 1435
Iscritto il: 9 ago 2009, 8:38
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Abruzzo Marche Italy
azioni: manovalanza di piazza, volantinaggio in proprio, testimonianze videoriprese, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)

Re: realta o illusione...

Messaggioda enricogrosso » 14 dic 2011, 22:07

A proposito di SINDACATI e di scioperi farsa: http://www.youtube.com/watch?v=grkCZQ7v ... ture=share
“Il mondo non ricompensa onestà e indipendenza,bensì obbedienza e servilismo”
Enrico Grosso

Avatar utente
MauroB
Messaggi: 432
Iscritto il: 12 feb 2011, 13:34
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Pistoia
azioni: volantinaggio in proprio
Località: pistoia

Re: realta o illusione...

Messaggioda MauroB » 22 feb 2012, 11:07

>
>
Inflazione: lieve frenata a gennaio, ma carrello spesa +4,2%

Istat, al 3,2%. Dati confermano stime provvisorie. Benzina +17,4% su base annua, gasolio +25,2%
22 febbraio, 10:18
Lieve frenata a gennaio, ma carrello spesa +4,2%

ROMA - Il tasso d'inflazione annuo a gennaio segna un lieve rallentamento, passando al 3,2% dal 3,3% di dicembre. Lo rileva l'Istat nei dati definitivi che confermano le stime provvisorie, indicando un aumento dei prezzi su base mensile dello 0,3%.

A gennaio il rincaro del cosiddetto carrello della spesa, cioé i prezzi dei prodotti acquistati con maggiore frequenza (dal cibo ai carburanti), è del 4,2% su base annua, un rialzo ben superiore al tasso d'inflazione (3,2%). Secondo i dati Istat, che confermano le stime provvisorie, su base mensile la crescita è dello 0,8%, ai massimi da un anno.

A gennaio la benzina aumenta del 17,4% (dal +15,8% di dicembre) su base annua e del 4,9% su base mensile. Lo rileva l'Istat nei dati definitivi sull'inflazione di gennaio, aggiungendo che il prezzo del gasolio per i mezzi di trasporto sale del 25,2% in termini tendenziali (dal 24,3% di dicembre), il rialzo più alto dal luglio del 2008, e del 4,7% sul piano congiunturale.

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche ... 83385.html

Avatar utente
enricogrosso
Messaggi: 1435
Iscritto il: 9 ago 2009, 8:38
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Abruzzo Marche Italy
azioni: manovalanza di piazza, volantinaggio in proprio, testimonianze videoriprese, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)

Re: realta o illusione...

Messaggioda enricogrosso » 22 feb 2012, 15:31

mr.spyder ha scritto:
Esclusi militari e personale del soccorso pubblico e della pubblica sicurezza


insomma parano il culo a chi dovrà parargli il culo dal popolo coi forconi...bella mossa!

tra l'altro rischia di più chi sta dietro una scrivania o chi maneggia proiettili all'uranio impoverito??

quindi non è una questione di "soldi" altrimenti la logica vorrebbe che fosse il contrario,ma semplice "paraculismo"....
vabbè ma che ce frega tanto fra poco le "forze dell'ordine" italiane manganelleranno il popolo greco,portoghese,ecc e i loro manganelleranno noi...
così evitiamo rimorsi di coscienza...


Eurogendfor

http://www.youtube.com/watch?v=g4GCr9JXlsE
“Il mondo non ricompensa onestà e indipendenza,bensì obbedienza e servilismo”
Enrico Grosso

mr.spyder
Messaggi: 2435
Iscritto il: 9 ago 2009, 10:14
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: palermo - messina
azioni: volantinaggio,donazioni,
organizzazione eventi,sbus,
idee,manovalanza,
condivisione beni e servizi
fra PRIMITivi o volenterosi
a consapevolizzarsi sullla
moneta debito
Località: palermo - messina

Re: realta o illusione...

Messaggioda mr.spyder » 8 mar 2012, 10:41

mi riferivo proprio a questo.
...ma tranquilli,niente complottismo,si sa che il mondo ha un grosso problema:IL TRAFFICO! (ecco il perché di eurogendfor:controllo del traffico!)
Antonio Prezia, detto spyder... anche se non è importante chi sei,ma cosa vuoi fare per cambiare il mondo.

Avatar utente
MauroB
Messaggi: 432
Iscritto il: 12 feb 2011, 13:34
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Pistoia
azioni: volantinaggio in proprio
Località: pistoia

Re: realta o illusione...

Messaggioda MauroB » 28 mar 2012, 13:13

>
>
Uomo si da' fuoco a Bologna davanti ad Agenzia Entrate

Ricoverato al centro grandi ustionati di Parma, è gravissimo. Ha lasciato tre lettere, una indirizzata alla commissione tributaria
28 marzo, 13:04
BOLOGNA - Un uomo, un italiano di 58 anni, si è dato fuoco questa mattina alle 8 dentro una vettura parcheggiata davanti alla sede della Agenzia delle Entrate a Bologna. L'uomo è ricoverato al centro grandi ustionati di Parma, ha ustioni su tutto il corpo ed è gravissimo. A causare il gesto estremo sarebbero stati problemi economici. Prima di darsi fuoco, l'uomo aveva lasciato tre lettere, una indirizzata alla commissione tributaria. In una delle missive fa riferimento e pendenze tributarie: pare che si scusi e dica di avere pagato le tasse. E annuncia l'intento di andarsene.

Le fiamme sono divampate attorno alle 8.20. L'uomo è uscito dalla vettura, parcheggiata in via Nanni Costa, e uno straniero ha cercato di salvarlo. Contemporaneamente alcuni passanti hanno chiamato la Polizia municipale, impegnata nei pressi in operazioni di viabilità. Del caso si occupa il pm di turno Massimiliano Rossi. L'auto non é sequestrata ma verrà sottoposta ai rilievi scientifici.


http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche ... 50414.html

sandropascucci
Messaggi: 12962
Iscritto il: 5 ago 2009, 17:22
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Roma-Lazio-Italia
azioni: articoli, manovalanza di piazza, pagamento quota, volantinaggio in proprio, oratore FdEV, costruzione "cose", scrittura articoli, interventi sul WEB, documentazione burocratica, contatti con altre "entità" (associazioni, enti, strutture..)..
Contatta:

Re: realta o illusione...

Messaggioda sandropascucci » 28 mar 2012, 14:42

..e probabilmente lo multeranno per sosta vietata.

i più carognosi sono i dipendenti indiretti di IGB. incapaci di ribellarsi ma solo abili a schierarsi "ma noi lavoriamo solamente!"
 - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - - 8< - - -
sandropascucci : primit.it signoraggio.com
INTERNET AIUTA A RIVOLUZIONARE IL MONDO COME
TRATTENERE IL RESPIRO AIUTA A PESARE MENO SULLA BILANCIA

Avatar utente
Debora Peraldo
Messaggi: 36
Iscritto il: 14 mar 2012, 18:41
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: vercelli
azioni: volantinaggio interventi su internet

Re: realta o illusione...

Messaggioda Debora Peraldo » 28 mar 2012, 17:50

Sembra un film dell'orrore ma è tutto vero e non molto lontano....ecco dove và a sfociare la rabbia che ci portiamo dentro: contro noi stessi!
http://affaritaliani.libero.it/sociale/ ... 80312.html

Avatar utente
MauroB
Messaggi: 432
Iscritto il: 12 feb 2011, 13:34
condivido lo Statuto e il Manifesto:
zona operativa:: Pistoia
azioni: volantinaggio in proprio
Località: pistoia

Re: realta o illusione...

Messaggioda MauroB » 29 mar 2012, 13:18

>
>
Operaio marocchino si da' fuoco a Verona, e' grave

Il 27enne, di origine marocchina, si è cosparso di benzina davanti al municipio di Verona
29 marzo, 13:11

VERONA - Un operaio edile di 27 anni di origine marocchina si è dato fuoco davanti al municipio di Verona perché senza stipendio da quattro mesi.

E' grave, ma non è in pericolo di vita. E' stato ricoverato all'ospedale di Verona con ustioni alla testa e alle gambe.

Proprio la difficile situazione economica sarebbe all'origine del gesto.

L'uomo e' un operaio edile di un consorzio cooperativo di servizi di impresa. Stamattina si i è cosparso di benzina, dandosi fuoco alle gambe e alla testa.

Il tentato suicidio è avvenuto durante un presidio di protesta organizzato davanti a Palazzo Barbieri, sede del municipio, da alcuni genitori per sensibilizzare l'opinione pubblica sull'operato del Tribunale dei minori di Venezia e degli assistenti sociali. Provvidenziale l'intervento dei Carabinieri della Compagnia di Verona che, impegnati nel servizio di ordine pubblico disposto in occasione del presidio, hanno prontamente spento le fiamme utilizzando un drappo dei manifestanti. I militari dell'Arma, dopo aver prestato i primi soccorsi, hanno anche recuperato l'accendino utilizzato e la bottiglietta nella quale il marocchino, residente in Verona, aveva versato la benzina. L'uomo è ricoverato all'ospedale di Borgo Trento.


http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche ... 55638.html


Torna a “Libero scambio di opinioni OT”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono liberamente riproducibili purché sia citata e linkata la fonte (sono infatti rilasciati sotto una licenza Creative Commons BY-NC-SA 2.0) Il redattore non e' legalmente responsabile per i pensieri e le affermazioni espresse in questo blog dai visitatori. L'autore non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di errori in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su questo sito avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto. Questo sito non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 Comunque, Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. :: SE&O :: Salvo Errori et Omissioni "come scrivono le banche, in calce agli estratti conto, per evitare eventuali future azioni penali".